Vous êtes sur la page 1sur 113

La Guida dell'Utente di L X Y

dal L X Team Y

28 gennaio 2006

Questa guida viene mantenuta aggiornata da

Mike Ressler. Potete inviare com-

menti o segnalare errori inviando una email alla mailing list dedicata alla documen-

tazione di L X, <lyx-docs@lists.lyx.org>. La traduzione in italiano curata da Y , <lacocio@libero.it>. Per commenti o segnalare errori di traduzione

Claudio Coco

scrivete all'indirizzo indicato.

Indice
1 Introduzione
IFI IFP gos9 vc F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F snizire d utilizzre v F F F F F F F F F F F F F F IFPFI iseguire v F F F F F F F F F F F F F F F F F IFPFP v9snterfi di v F F F F F F F F F F F F F IFPFPFI v pinestr riniple F F F F F F F IFPFQ esy3 F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F v9snterfi di v F F F F F F F F F F F F F F F F F IFQFI yperzioni di fse sui pile F F F F F F F F F IFQFP grtteristihe di fse F F F F F F F F F F F F IFQFQ ennull e ifi F F F F F F F F F F F F F F F F IFQFR yperzioni fsilri on il wouse F F F F F F IFQFS yperzioni fsilri on l stier F F F F F tilizzre v on ltri progrmmi F F F F F F F F F IFRFI v9importzione di (le egss F F F F F F F F IFRFP gli e snoll tr v ed ltri rogrmmi sntroduzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F snstllzione fse di v F F F F F F F F F F smpostre l stier sotto F F F F F F F F PFQFI xmodmap e xkeycaps F F F F F F F F F PFQFIFI xmodmap F F F F F F F F F F F PFQFIFP xkeycaps F F F F F F F F F F PFQFP wodi(tori e mio modlit F F F PFQFQ uggerimenti tili e ioli ruhi A v i F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F hvips e qhostsript F F F F F F F F F F F F F PFSFI ilementi indispensili F F F F F F F PFSFP hvips F F F F F F F F F F F F F F F F F PFSFQ qhostsriptD dvi e qhostview F F F v tmpnte F F F F F F F F F F F F F F F F F Q F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F W W W IH IH IH II II IP IQ IQ IR IS IS IT

IFQ

IFR

2 Il Setup di LYX e le Applicazioni di Supporto


PFI PFP PFQ

17

PFR PFS

PFT

IU IU IV IV IW IW IW IW PH PH PH PI PQ PQ

INDICE

3 Nozioni Fondamentali su LYX


QFI

QFP

QFQ

QFR

s ipi di houmento F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFIFI sntroduzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFIFP ve rie glssi di houmento F F F F F F F F F F F F F F F F QFIFPFI sntroduzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFIFPFP elezionre un glsse F F F F F F F F F F F F F F F QFIFPFQ ropriet F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFIFQ enlisi dettglit dei prmetri per le lssi F F F F F F F QFIFR himensione dell pginD orientmento e mrgini F F F F F QFIFS xot smportnteX F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F sndentzione e eprzione di rgr( F F F F F F F F F F F F F F QFPFI sntroduzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFPFP wodlit di indentzione prede(nit F F F F F F F F F F F F QFPFQ egolzione puntule F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFPFR snterline F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F qli emienti rgrfo F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFI sntroduzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFP v9miente tndrd F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFQ s itoli F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFR sntestzioni F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFRFI sntestzioni xumerte F F F F F F F F F F F F F F F QFQFRFP sntestzioni xon xumerte F F F F F F F F F F F F QFQFRFQ gmire l xumerzione F F F F F F F F F F F F QFQFRFR snformzioni peili F F F F F F F F F F F F F F F QFQFRFS grere un9eppendie F F F F F F F F F F F F F F F QFQFS gitzioni e oesi F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFSFI Virgolette e Citazione F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFSFP Verso F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFT ve viste F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFTFI grtteristihe generli F F F F F F F F F F F F F F QFQFTFP Puntualizza F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFTFQ Enumera F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFTFR Descrizione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFTFS v9miente Elenco F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFU vettere F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFUFI Indirizzo e Right AddressX un visione di insieme QFQFUFP tilizzo F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFV rittur edemi F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFVFI Sunto F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFVFP Bibliograa F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFW emienti speili F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFWFI Didascalia F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFWFP Codice LYX F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFQFWFQ gommento F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F ennidmento degli mienti F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFRFI v grnde sommess F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

25

PS PS PS PS PT PU PU PV PW PW PW QH QH QH QI QI QP QP QP QP QQ QR QS QS QS QS QT QU QU QU QV QW RH RP RP RP RQ RQ RQ RR RR RS RT RT RT

INDICE

S QFRFP QFRFQ ennidmenti permessi e proiiti F F F F F F F F F F F F F F ennidmento di ltri elementiX telleD formule mtemE tiheD oggetti )ottntiD etF F F F F F F F F F F F F F F F F F QFRFR tilizzo e rtteristihe generli F F F F F F F F F F F F F F QFRFRFI vimiti dell9nnidmento F F F F F F F F F F F F F F QFRFS eluni isempi F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFRFSFI isempio 5IX ennidmento di sei elementi e wisto QFRFSFP isempio 5PX ireditriet F F F F F F F F F F F F F QFRFSFQ isempio 5QX itihette e livelli on gli mienti Enumera e PuntualizzaF F F F F F F F F F F F F F F QFRFSFR isempio 5RX er frvi impzzire un po9FFF F F F F ponts e stili di testo F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFSFI sntroduzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFSFP ypzioni qloli F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFSFQ smpiego degli stili di rttere F F F F F F F F F F F F F F F F QFSFR gontrollo pi urto on l (nestr Struttura del Carattere tmp e nteprim F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFTFI sntroduzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFTFP enteprim veloe on xdvi F F F F F F F F F F F F F F F F F QFTFQ enteprim dell versione ostript R on ghostview F F QFTFR tmp di un (le F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F ohe prole su lune notzioni tipogr(he F F F F F F F F F F F QFUFI rttini e illzione F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFUFP s unti F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFUFPFI erevizioni e (ne di un frse F F F F F F F F F QFUFPFP irgolette F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFUFQ vegture F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F QFUFR edove e yrfni F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F xote pi di pgin F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F xote wrgine F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F pigure e qr(i smportti F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F RFQFI pigure plottnti F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F RFQFIFI sre le pigure plottnti F F F F F F F F F F F F F RFQFIFP gollozione degli elementi )ottnti F F F F F F F RFQFP XFig e v F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F elle F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F RFRFI v (nestr di dilogo wodi( l ell F F F F F F F F F RFRFP gos possimo inserire dentro un le elle di un tellc RFRFQ gli 8 snoll on le elle F F F F F F F F F F F F F F F RFRFR gelle on righe multiple F F F F F F F F F F F F F F F F F F F RFRFS elle plottnti F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F ommrio ed ltri elenhi F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F RFSFI sl ommrio F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F RFSFP viste delle pigureD delle elle e delle iquzioni F F F F F RU RW SH SH SI SI SP SQ SR SS SS ST ST SU TI TI TP TP TQ TR TR TR TR TS TT TT

QFS

QFT

QFU

4 Tabelle, Figure e Note


RFI RFP RFQ

69
TW UH UH UI UI UR US UT UU UW UW VH VI VI VP VP

RFR

RFS

INDICE

5 Formule Matematiche
SFI

SFP SFQ SFR SFS SFT

SFU

SFV

ilementi se F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F SFIFI xvigre un iquzione F F F F F F F F F F F SFIFP elezione del testo F F F F F F F F F F F F F F SFIFQ isponenti e edii F F F F F F F F F F F F F F SFIFR przioni F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F SFIFS ommtorie ed sntegrli F F F F F F F F F F F SFIFT sl pnnello mtemtio F F F F F F F F F F F F SFIFU lteriori simoli mtemtii F F F F F F F F F SFIFV qestione dell spzitur F F F F F F F F F F SFIFW punzioni mtemtihe F F F F F F F F F F F F SFIFIH eenti F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F A SFIFII v9editor mtemtio per utenti v i F F F rentesi e deorzioni F F F F F F F F F F F F F F F F qruppo di simoli F F F F F F F F F F F F F F F F F F ettori ed equzioni multiline F F F F F F F F F F F xumerzione delle equzioni ed etihette F F F F F F wro de(nite dll9utente in modlit mtemti SFTFI hirettive sull9uso delle mro F F F F F F F F SFTFIFI gome rere le mro F F F F F F F SFTFIFP gome nvigre un mro F F F F F gontrollo dei dettgli F F F F F F F F F F F F F F F F SFUFI ipi di rttere F F F F F F F F F F F F F F F SFUFP wodlit testuleEmtemtio F F F F F F F F SFUFQ himensioni dei font F F F F F F F F F F F F F F A ew v i F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F SFVFI eilitzione del supporto ew F F F F F F F SFVFP imoli ggiuntivi F F F F F F F F F F F F F F SFVFQ ipi di formule ew F F F F F F F F F F F F F iferimenti snroiti F F F F F F F F F F F F F F F F v @niform esoure votorsA F F F F F F F F itoli revi F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F pziturD pginzione e interruzione di line F F TFRFI pzi orizzontli ggiuntivi F F F F F F F F TFRFP pzi vertili ggiuntivi F F F F F F F F F F TFRFQ wodi(re l9llinemento di un prgrfo TFRFR porzre un interruzione di pgin F F F F TFRFS pzio protetto F F F F F F F F F F F F F F F TFRFT snterruzione di line F F F F F F F F F F F F gontrollo ortogr(o F F F F F F F F F F F F F F F F TFSFI ypzioni del orrettore ortogr(o F F F F F TFSFIFI hizionrio F F F F F F F F F F F F TFSFIFP hizionrio personle F F F F F F F TFSFIFQ lteriori opzioni F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F

83
VQ VQ VR VR VS VS VT VT VT VT VU VV VV VW WH WI WP WQ WQ WQ WQ WQ WR WS WT WT WT WT

6 Altre Funzionalit
TFI TFP TFQ TFR

TFS

WU WV WW WW WW IHH IHH IHI IHI IHP IHP IHP IHP IHQ IHQ

97

INDICE

U TFSFP vimitzioni F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F upporto snternzionle F F F F F F F F F F F F F F F F F F TFTFI ypzioni per l lingu F F F F F F F F F F F F F F F F TFTFP gon(gurzione dell mpp di tstier F F F F F F TFTFQ elle dei grtteri F F F F F F F F F F F F F F F F TFTFR upporto internzionle del orrettore ortogr(o F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F F IHR IHR IHR IHS IHS IHU

TFT

7 Ringraziamenti

109

INDICE

Capitolo 1

Introduzione
1.1 Cos' LYX?
v un sistem per l relizzzione di doumentiF isso onsente di produrre ei mnosrittiD liri puliiliD lettere di lvoro e di presentzioneD ed nhe poesieF v di'erenz rispetto molti ltri word proessor onsiste nel fr uso di un linguggio di mrtur qule suo prdigm fondmentle di sritturF gi signi( he qundo inserite l9intestzione di un sezioneD l mrherete ome ezione e non qrssettoD dimensione IU ptD giusti(to sinistrD spzitur di S mm verso il ssoF v si preoup di urre per voi l9spettoD mentre voi potete onentrrvi sui ontenuti e non sul menismo di funzionmentoF uest (loso( spiegt on dovizi di prtiolri nell  Introduzione  F e non l9vete nor lettD fteloF edesso3 v  Introduzione  desrive molte ltre ose in ggiunt ll (loso( sull qule poggi vX l pi importnte quell reltiv il formto di tutti i mE nuliF e non proedete ll su omprensioneD perderete siurmente del tempo nell nvigzione di questo mnuleF otreste rivre dei ene(i leggendo in ltri mnuli diversi d questoF w l  Introduzione  prl di quelloF

1.2 Iniziare ad utilizzare LYX


1.2.1 Eseguire LYX
v viene mndto in eseuzione sempliemente digitndo lyx l prompt dei oE mndiD proprio ome ltri progrmmi vinux @e pi in generle nixAF i possono nhe ggiungere lune opzioniD inlusi diversi nomi di (leF xon spiegheremo qui le opzioni disponiili d line di omndoY per questo si pu fr riferimento ll mnEpge di vD digitndo l prompt man lyxF oglimo ggiungere per un o due osetteX

e digitte pi di un nome di (le nell line di omndoD v li riher


W

IH

CAPITOLO 1.

INTRODUZIONE

tutti nhe se non li mostrer ontempornemente shermoY torneremo prlre di quest rtteristi tr pooF

1.2.2 L'Interfaccia di LYX


1.2.2.1 La Finestra Principale
gome l mggior prte delle pplizioniD v present l fmilire rr dei menu nell prte lt dell (nestr prinipleF el di sotto 9 un menu tendin ed un serie di ottoniF g9D nturlmenteD un rr di sorrimento vertile ed un9re priniple per l9editzione dei doumentiF ell9estremit inferiore presente un piol (nestr he pu ontenere un singol line di testoX quest (nestr si him minibuer @un termine he imo preso in prestito d qx imsAF sl miniu'er non solo mostr delle informzioniD m ett omndi dll9utenteF er edere ll modlit di inserimento dei omndiD su0iente digitre M-xF ysservte he non 9 l rr di sorrimento orizzontleY questo non un ug o un svistD m intenzionleF undo leggete un liro vi spettte he l (ne dell line vd po ll seguenteF sl testo sorre vertilmente nelle pgineD non orizzontlmenteY per questo motivo non vete isogno dell rr di sorrimento orizzontle m solo di quell vertileF gi sono tre si nei quli potreste ver isogno di un rr di sorrimento orizzontleF sl primo si veri( qundo nel testo he stte relizzndo sono preE senti delle (gure molto grndi mostrte in modo sqF uesto omunque dovuto d un pe nell routine he mostr le (gure nell (nestr di vY le (gure dovreero essere orrettmente slte per entrre intermente nell (nestrD proprio ome entrno nelle pgine di un liroF sl seondo ed il terzo so sono quelli delle equzioni o delle telle he sono pi lrghe dell (nestr prinipleF otete servirvi dei tsti ursore per spostrvi orizzontlmente lungo l telleD seene tle indizione non vlg nor per le equzioniF

1.2.3 AIUTO!
rim di tutto le ttive notizieX il sistem di iuto in line di v non os ompleto o prov d9idiot ome quelli di molte pplizioni ommeriliF zienzF gi stimo lvorndo suF fehD or le uone notizieX il sistem di iuto in line onsiste nei mnuli di vF otete leggere tutti i mnuli proprio dll (nestr priniple di vF fst segliere il mnule he vi serve dl menu AiutoF qi he i simoD i pieree fre un piolo ommento sui mnuliX i mnuli di v non sono per imrntiF n voltD uno degli utoriD John WeissD disse proposito dei mnuliX ydio i mnuliF (do hiunque non ver mi vuto he fre on dei mnuli riptii o trdotti d ni os he nturlmente non vle per quello

1.3.

L'INTERFACCIA DI L X Y

II

he stte leggendo E NdT F i nel tempo stnno peggiorndoD soprtE tutto quelli he sempli(no ll9eesso3 er prim os dedino met delle pgine per spiegre ome si us il mouseD os9 un menuD etF (no ll nuseF er fvoreD se quluno non s ome endere il proprio omputer o os9 un9interfi gr(D lo impri prima di mettersi po di un potente progrmm softwreF oi nei mnuli le informzioni sono sritte ome se hi leggesE se fosse un emerito de(ienteF ghe mledett ssurdit3 qli utenti spesso sono met strd fr l9imrnto ed l9intimiditoD m di erto non stupidiF r l9ltroD se quluno vermente impedito nell9pE prendereD h isogno di un iuto he un mnule per un progrmm softwre non pu erto dreF
Nota dell'Editore: Tenendo ben presenti in mente queste parole, ho dato istruzioni agli altri autori della documentazione di evitare di essere paternalistici con voi lettori e di essere pi pedagogici che pedanti. Cos come dico a quelli che sono troppo pigri per leggere e capire i manuali: chi non lavora non mangia. jw

1.3.1 Operazioni di Base sui File


otto il menu File sono disponiili le nove operzioni se per qulunque word proessor in ggiunt d lune operzioni vnzteX

1.3 L'Interfaccia di LYX

Nuovo Nuovo da modello Apri Chiudi Salva Salva come Ripristina Stampa Esci

uesti omndi fnno esttmente le stesse ose he fnno in ltri word proesE sorD on lune piole di'erenzeF sl omndo File Nuovo da modello. . . non soltnto rihiede il nome di un nuovo (leD m rihiede nhe l selt di un modello d utilizzreF v selezione di un modello piuttosto he di un ltro vr

IP

CAPITOLO 1.

INTRODUZIONE

ome e'etto l9impostzione di luni prmetri di impginzione he ltrimenE ti ndreero impostte mnulmenteF li modelli possono essere utili per l ompilzione di erti tipi di doumentoD speilmente quelli per le lettere ommerili si ved in proposito l sezF QFIFPF ysservte he non 9 nessun doumento di defult o enz itoloF pinh non dite v di prire un (le o di rerne uno nuovoD quel grnde spzio grigio rimrr tle e quleF sl omndo Ripristina utile nel so in ui pi persone stino lvorndo d un doumento ontempornemente1 F le omndo riri sempliemente il doumento orrente dl disoF isso pu essere utilizzto nhe per tornre ll versione preedente di un doumento he vete modi(to e del qule non vi soddisfno le modi(heF eltr not rigurdo lle funzioni File Chiudi e File EsciF intrmeD un volt invoteD visulizzno un (nestr di onferm he permette di slvgurE dri dll nostr irruenzF snfttiD qulor erste di hiudere un (le he h suito mimenti o nhe di hiudere vD srete prontmente informti he si trtt di (le non slvtiF

1.3.2 Caratteristiche di Base


gome tutti i moderni word proessorD v in grdo di eseguire operzioni di tgli ed inoll su lohi di testoD permette di spostrsi per rttereD prol o shermte e permette di nellre prole intere o singoli rtteriF ve prossime quttro sezioni spiegno le rtteristihe silri di modi( del testoF snizieremo on le funzioni di tgli e inollF gome potreste spettrviD il menu Modica present i omndi di tgli ed inollD insieme d ltre funzioniF elune di esse sono piuttosto prtiolri e verrnno spiegte in sezioni suessiveF ve funzioni silri sonoX

Taglia Copia Incolla Trova e sostituisci. . .

ve prime tre sono utoesplitiveF n os d osservre he qundo si nelE l un loo di testo he l momento seleziontoD esso viene utomtimente memorizzto nell lipordF s tsti Canc e Backspace hnno lo stesso e'etto del omndo TagliaF pte ttenzione nhe qundo vete del testo seleziontoX se premete un tstoD qunto selezionto verr sostituito on qunto vete pE pen digitto @questo omportmento on(gurileAF er reuperre qunto nelltoD potete riorrere l omndo AnnullaF
1 Se pensate di fare qualcosa del genere,
dovreste leggere qualcosa sulle funzioni di Controllo della Versione nella guida Caratteristiche estese di L X. Y

1.3.

L'INTERFACCIA DI L X Y

IQ

v9elemento di menu Modica Trova e sostituisci. . . pre l orrispondente (nestr di dilogoF snserite il testo he desiderte erre ll9interno del mpo testule TrovaF n volt trovt un prol o un espressioneD v l selezion e permetteD medinte l9pposito ottone SostituisciD di sostituirl on qunto inserito nel mpo Sostituisci conF glindo sul ottone Trova il successivo verr individut l suessiv oorrenz del termine ll9interno del testoF er sostituire in modo utomtio tutte le oorrenze di un prol nel doumentoD shiite Sostituisci tuttoF v9opzione Maiuscolo/minuscolo pu essere utilizzt qulor voglite trovre solo le prole he oinidono esttmente on l9espressione he vete digitto nell sell di rierY se ttivtD l rier di  venerd slter l prol  VenerdF enlogmenteD l9opzione Corrispondi solo parole intere serve trovre solo pE role intere e non loro prtiY in questo modoD l rier di  casa non evidenzier  casaleF

1.3.3 Annulla e Rifai


e ommettete un erroreD potete filmente rimedireF v h un memori dedit ll funzione di ennullGifi piuttosto peF elezionte Modica Annulla per nnullre un erroreF e identlmente vete nnullto troppoD uste Modica Rifai per nnullre qunto preedentemente nnulltoF v funzione ennull limitt IHH pssi per minimizzre l quntit di memori utilizztF d evidenzire il ftto he se nnullte tutti i mimenti (no giunE gere l doumento memorizzto on l9ultimo slvtggioD v omunque non si orger he il doumento non h suito lun modi( rispetto ll su pertur inizileF uesto un onseguenz dirett del limite dei IHH pssi di ui si detto soprF Annulla e Rifai funzionno prtimente su ogni os in v F ueste operE zioni hnno nhe qulhe strnezzX esse non nnullno o ripristinno il testo immesso rttere per rttereD m per lohi di testoF uesto ftto pu riE hiedere un po9 di prtiY dovrete usre Annulla e Rifai per pire qunto esse nnullernno o ripristinernnoD e dopo un po9 di tempoD mgri pprezzerete il loro funzionmentoF

1.3.4 Operazioni Basilari con il Mouse


xon imo intenzione di mostrre qui tutto quello he si pu fre on il mouse in vF sn ltre sezioni di questo mnule si prler di operzioni spei(he he potete eseguire on il mouseD mentre qui mostreremo solo quelle fondmentliF IF postmento

glire ol tasto sinistro del mouse in un punto qulunque dell (nestr prinipleF sl ursore si porter sul testo presente sotto l punttore del mouseF

IR PF elezione di testo

CAPITOLO 1.

INTRODUZIONE

glite on il tasto sinistro e mntenendo l pressione del tsto spostte il mouseF v selezion il testo ompreso tr l nuov e l vehi posizione del mouseF tilizzte il omndo Modica Copia per mntenere in memori un opi di qunto seleziontoF iposizionte il ursore e quindi inollte il testo opito medinte il omndo Modica IncollaF
QF xote pi di pgin ed mrgineD pigure e elle )ottntiD etF on il tsto sinistro pre o hiude uno qulunque di questi oggettiF gonsultte le sezioni pproprite di questo mnule per vere mggiori informzioni rigurdoF
Un click

RF elle
Un click on il tsto destro pre un (nestr di dilogo he permette di mnipolre e modi(re l tellF

1.3.5 Operazioni Basilari con la Tastiera


enhe qui non mostreremo tutte le operzioni he possiile e'etture servenE dosi dell ominzione di tstiF ppite he esistono lmeno due di'erenti mppe primrie di ssoizioni di tstierX ge e imsF i grntiso he 9 d usire pzzi qundo premendo Control-d per nellre un rttereD vi vedete lnire un nteprim hs @o vieversAF eluni tsti ome Pag SuD Pag GiuD SinistraD DestraD SuD e Giu fnno proprio quello he i spettimo he finoF eltri tsti invee si omportno in modo di'erenteX
Tab

xon 9 niente di simile l tultore in vF e questo non vi en hiroD ndte immeditmente leggere le ezioni QFPFI e QFQD e on prtiolre ttenzione l ezione QFQFTF eD dopoD siete nor onfusiD onsultte il TutorialF uesto il tsto ennull ed utilizzto in generle nelle operzioni di nnullmentoF sn ltre prti del mnule questo sr spiegto meglioF e
Fine

Esc

Inizio

uesti tsti muovono il ursore rispettivmente ll9inizio ed ll (ne di un rigD meno he non stite usndo le ssoizioni ims ed in questo so gli stessi tsti muovernno il ursore ll9inizio o ll (ne del doumentoF
Canc

Backspace

e l vostr tstier on(gurt orrettmente sotto D funzion ome l solitoD mentre Canc elimin il rttere sul qule si trov il ursore @se non 9 lun testo seleziontoAF
Backspace

1.4.

UTILIZZARE L X CON ALTRI PROGRAMMI Y

IS

e non vete on(gurto l vostr tstier sotto D o non vete ide di os questo vogli direD ndte leggervi suito l sezione PFQF i risprmierete diversi ml di testF oi i sono i osiddetti modi(toriX
Control-

uesto tsto pu funzionre lmeno in un pio di modiD in relzione l tsto in ominzione ol qule utilizztoX

snsieme Backspace o CancD nell un9inter prol nzih un singolo rttereF snsieme i tsti Sinistra e DestraD spost il ursore di prole intere invee he di singoli rtteriF snsieme d Inizio e FineD spost il ursore ll9inizio oppure ll (ne del doumentoF
Shift-

otete utilizzrlo insieme i tsti ursore per selezionre il testo ompreso tr l vehi e l nuov posizione del ursoreF uesto orrisponde su molte tstiere l tsto AltD meno he l voE str tstier non possied un di'erente tsto wetF fortuntmenE teD tlvolt smi le loro funzionlitD quindiD qulor doveste possedere entrmi i tstiD vrete isogno di e'etture delle prove per veri(re qule di essi svolg il ruolo del tsto MetaF uesto tE sto esegue diverse operzioniD eD tr le ltre oseD ttiv le soritoie lle voi di menuF e premuto insieme lle lettere sottolinete in un menu o in un voe ll9interno dello stessoD lo selezionF er esempioD l sequenz  M-m i inoll del testoF higitndo  M-f  si pre il menu FileF gi sono ltre rtteristihe legte l tsto soprirle sul Manuale di RiferimentoF
Meta-

Meta-

D m dovrete

imo onvinti del ftto he imprerete ltre operzioni e soritoie possiili on l tstier durnte l9utilizzo di vY qundo eseguite un9operzioneD il miE niu'er mostr un serie di informzioni tr ui il tipo di zione e le eventuli ominzioni di tsti he possono relizzrlF v notzione per l desrizione dei tsti molto simile quell ust in questi mnuliD quindi non dovreste ver prolemi nel omprenderlF gomunque riordte he i modi(tori Shiftsono espliitmente menziontiX  M-p S-A vuol dire Meta-p seguito d un A miusolY os  S-C-s vuol dire Shift-Control-sF

1.4 Utilizzare LYX con altri programmi


1.4.1 L'importazione di le ASCII
Importa ragra. . .

possiile importre del testo d un (le egss utilizzndo il omndo File Testo ASCII come linee. . . oppure File Importa Testo ASCII come pa-

IT

CAPITOLO 1.

INTRODUZIONE

File Importa Testo ASCII come linee. . . mette ogni line del (le in un di'eE rente prgrfo di vF gi torn utile qundo si import un un (le di testo he ontiene un semplie listF gomunque ene riordre he se il (le gi orgE nizzto in prgr(D quest opzione potree lterre l struttur dei prgr( preesistenteF File Importa Testo ASCII come paragra. . . onserv gli eventuli prgr( presenti nel (le di testoF pesso in un (le di testo l onsuetudine port non disporre il ontenuto di un intero prgrfo su un sol lineD ens utilizzre il tsto Invio per distriuire lo stesso su pi righeF tilizzndo il omndo come paragraD v in grdo di distinguere quest distriuzione e riunise tutte le righe comprese tra due righe vuote in un unio prgrfoF v9interruzione di prgrfo e l9inizio di uno nuovo vengono identi(ti dll presenz di un line ompletmente inF iordteX se non 9 un linea vuota tr i due prgr( del (le di testoD v li onsiderer ome un unio prgrfoF

1.4.2 Taglia e Incolla tra LYX ed altri Programmi X


ve funzioni di Taglia, Copia e Incolla onsentono di trsferire del testo in e d vF er opire del testo d v in un9ltr (nestr di D selezionte il testo he desiderte opireD quindi ndte ll9interno dell (nestr di destinzione e inollte il testo medinte il tsto entrle del mouseF snollre del testo in v funzion pi o meno llo stesso modo he in F elezionte il testo on il mouse in un (nestr di D quindi ndte ll9interno dell (nestr di v e inollte il testo on il tsto entrle del mouseF

Capitolo 2

Il Setup di LYX e le Applicazioni di Supporto


2.1 Introduzione
e stte utilizzndo v su di un sistem he quluno h gi on(gurtoD potete trnquillmente sltre questo pitoloF ui sono desritte inftti tutte le operzioni he vnno eseguite per vere un distriuzione v perfettmente funzionnteF e stte instllndo v sul vostro sistemD dovete leggere prima il le README che fornito insieme alla distribuzioneD quindi Aiuto Congurazione di LaT XF E uesto pitolo non desrive il proesso di instllzione dell distriuzione sorE gente n l on(gurzione dell distriuzione inri @xon tuttoD insommF F F AF ui sono desritti tutti i prtiolri he vi servono fr lvorre v l meglioF1

2.2 Installazione Base di LYX


gi sono due modi per eseguire vF sl primo di instllre v on i suoi (le di supporto sul vostro sistemY per fr questo sono neessri i privilegi di mministrtoreF sl seondo modo non rihiede i privilegi di mministrtore di sistem poih permette di instllre v prtire dl vostro ountF v utomtimente si rende onto di dove si trov purh le diretory di supporto sino l posto giustoF gi sono diverse rtteristihe di v he possono essere on(gurte diretE tmente dll9interfi gr( del progrmmD senz lun esso diretto i (le di on(gurzioneF snnnzitutto v in grdo di ispezionre il vostro sisteE A m e rendersi onto di quli progrmmiD lssi di doumento e phetti v i
1 Questo
il luogo deputato a documentare un insieme di informazioni per far girare L X correttamente, includendo anche quali altri programmi consentono di rendere L X Y Y maggiormente produttivo.

IU

IV CAPITOLO

2.

IL SETUP DI L X E LE APPLICAZIONI DI SUPPORTO Y

sono disponiiliF sn questo modo vengono rgionevolmente impostti in modo prede(nito i vlori di molte vriili di configurazioneF xonostnte tle opeE rzione si gi stt ftt durnte l9instllzioneD possiile he ite luni phetti instllti lolmente e he non sono visiili vF er ggiornre l on(gurzione di v st llor sempliemente eseguire il omndo Modica RiconguraF er ertrvi he tutte le modi(he sino stte e'ettivmente reE epiteD dovrete poi rivvire vF er qunto rigurd le lssi di doumenti ed A i phetti v i instlltiD su0iente leggere il (le ui si ede d Aiuto Congurazione LaT X per verne un rpportoF E sl seondo gruppo di opzioni disponiili rigurd le impostzioni dei douE menti he si possono mire ttrverso l (nestr di dilogo Documento. . . nel menu Struttura. er fr questoD prite un doumentoD segliete le impostzioni he pi vi ggrdno e quindi slvtele on l9pposito ottone presente nell (neE str di dilogoF uesto generer un modello prede(nito himto default.lyx he viene rito utomtimente ll rezione di un nuovo doumento privo di modello seondo le impostzioni he vrete preseltoF gi sono poi un serie di impostzioni ddizionli e de(niili dll9utente he possiile (ssre in vF ell9vvioD v er di leggere un (le per le opzioni gloli himto lyxrc.defaultsF uindi tenter di leggere un (le himto ~/.lyx/preferences ll9interno dell vostr home diretoryF snvondo d meE nu il omndo Edit PreferencesD pprir un (nestr di personlizzzione he vi onsentir di deidere molti dei omportmenti di v gendo direttmente sul (le delle preferenzeY il mnule ersonlizzzione di v ontiene mggiori informzioni proposito dell (nestr dedit lle preferenze e di questi (le di on(gurzioneF

2.3 Impostare la Tastiera sotto X


er utilizzre v orrettmenteD necessario impostre orrettmente l9mE iente F uesto prtiolrmente importnte nel so in ui stite usndo le rtteristihe di supporto internzionle e voglite utilizzre mppture di tstier diverse d quell ingleseF fortuntmenteD qusi nessuno se ne preE oupD speilmente quegli utenti he hnno instllto vinux sul proprio gF enhe gli mministrtori di rete dei grndi sistemi possono per non prestre tropp ttenzione questo tipo di on(gurzioneD per ui non sentitevi l siuro se siete utenti di grndi sistemiF qrzie l ielo ogni utente pu impostre per utilizzre l meglio l propri tstierF

2.3.1 xmodmap e xkeycaps


er prim os leggete le pgine di mnule di questi due progrmmiF ono i nostri migliori lleti per riusire d impostre l mpptur dell tstierX se non li veteD prourteveli ed instllteliF

2.3.

IMPOSTARE LA TASTIERA SOTTO X

IW

2.3.1.1

xmodmap

uesto doumento non ontiene informzioni sull9utilizzo del progrmm xmodmapF xel mnule di Personalizzazione riportto un (le .Xmodmap di esempioF er rire utomtimente l nuov mpptur dell tstierD st ggiungeE re il omndo xmodmap .Xmodmap in uno degli sript di vvio del sistem @per esempio i (le .cshrcD .profileD .loginD oppure .xinitrcAF

2.3.1.2

xkeycaps

uesto progrmm prtimente un sogno vverto3 wostr in form gr( l struttur dell tstier e permette di modi(rlY inoltre onsente di esportre le modi(he in un formto omprensiile d xmodmapF molto utile qundo si vuol rere un nuovo (le .XmodmapD seene sr neessrio e'etture un po9 di opi ed inollF

2.3.2 Modicatori e cambio modalit


v support tre tipi di modi(toriX hift S-D gontrol C-D e wet M-F snoltreD se uno dei tsti dell vostr tstier on(gurto ome tsto ComposeD llor potete usrlo per digitre dei rtteri non presenti sull tstierF uesto tsto Compose pu funzionre si ome modi(tore @ome Shift o ControlA he ome tsto pre(ssoF io luni esempi di impiegoX

Compose+e+'


1 2
R

Compose+O+R Compose+1+2

Compose+<+<

uest modlit di inserimento prtiolrmente utile qundo si digit un erto rttere solo di rdoF punzion utomtimente per i rtteri ltinI m pu essere progrmmto per omportrsi diversmente ttrverso l orrett impostzione delle vriili d9miente loleF

2.3.3 Suggerimenti Utili e Piccoli Trucchi


er prim osD prite due terminli sotto F tilizzte il primo per rere un nuovo (le .Xmodmap e il seondo per mndre in eseuzione xkeycapsF wedinE te xkeycapsD rimppte l tstier seondo i vostri desideriF remete dunque il ottone he permette l9output dell nuov mppY xkeycaps mnder l9outE put l terminle d ui stto himto per ui ster eseguire un semplie operzione di tgli ed inoll tr i due terminli per ottenere il (le .Xmodmap desiderto2 F
2 Potete
anche risparmiare del tempo mandando in esecuzione

xkeycaps > .Xmodmap.

Questi generer un le di mappatura utilizzabile.

PH CAPITOLO

2.

IL SETUP DI L X E LE APPLICAZIONI DI SUPPORTO Y

gi sono degli ltri modi he possono drvi un mno d orientrviF rovte d eseguire il omndo xmodmap -v -pmF uesti vi mostrer tutti i modi(E tori ttivi in quel momentoF rovte nhe il omndo xmodmap -v -pke | more per onosere le orrispondenze tr odii tstier ed i rtteri on nomi simoliiF i sr utile nhe per frvi un ide dell sintssi del (le .XmodmapF g9 un9ultim os d ontrollreX veri(te he Canc e BackSpace non sino de(niti d on lo stesso simolo3 ysservte he dre questi tsti lo stesso simolo non lter neessrimente il normle funzionmento di molti progrmE miF imsD d esempioD li trtt llo stesso modoD per ui non vi orgereste dell di'erenzF eltri progrmmiD inveeD li utilizzno per operzioni di'erenti e v uno di questiF e i due tsti sono individuti d on lo stesso odieD potreste vere dei prolemi nell9uso di vF

A 2.4 L TEX
e volete fre qulos di pi on v he generre (le .texD llor vrete A isogno del v iF A xel so in ui non lo spesteD v i un linguggio di mrtur verso iY quest9ultimo su volt un sistem di omposizione tipogr( inventto nel IWVR d honld unuthF3 i ett (le in ingresso di tipo egss ontenenti testo e metomndi e gener ome risultto (le in un formto indipendente dl dispositivoD denominto hs @xFdFF hs l9ronimo di heie sndeE pendentAF n volt genertoD un (le hs pu essere direttmente mndto A in stmpF sl i ompletmente progrmmile ed il v i non ltro he A un ollezione @tr l9ltroD enormeA di mrofunzioni iF sn genere il v i f prte delle distriuzioni iD per ui l9uni os di ui vete isogno un distriuzione iF A u luni vehi g potreste risontrre l9instllzione del solo v i PFHW e A A non il pi reente e di'uso v i P F v non pu essere utilizzto on v i PFHWF A e utilizzte vinuxD v i P dovree essere presente nell vostr distriuE A zioneF er ltri sistemiD potreste ver isogno di instllre v i seprtmenteF A otete srire un distriuzione v i @e qulunque ltr os he i he A fre on i e v iA d un qulunque sito repli del sito gex @gompreE hensive i erhive xetworkAF n eleno ompleto dei siti repli pu essere trovto l seguente indirizzo http://www.ctan.orgF

2.5 Dvips e Ghostscript


2.5.1 Elementi indispensabili
er stmpre i doumenti generti on v vete isogno di e'etture dppriE m lune operzioni prelimiriF sn primo luogo l vostr stmpnte deve essere
3 Una precisazione relativamente alla pronuncia: T X nasce dalle lettere greche, E A E fanno rima con blec. Questo il modo corretto di pronunciare  T X e  L T X. E

che

2.5.

DVIPS E GHOSTSCRIPT

PI

on(gurt orrettmente fte riferimento ll sezione he segueD quindi dovreE te instllreD qulor non sino gi presenti sul sistemD i seguenti progrmmi @o eventulmente progrmmi omptiili on quelli di seguito riporttiAX

dvips ghostscript xdvi ghostview


qli ultimi due servono visulizzre le nteprime di stmp nei formti hs e ostript R 4 F e non spete os9 il formto hsD proilmente non vete A mi lvorto on v i e dovreste leggere il Tutorial di v prim di ontinure on questo mnuleF dvips onverte i (le hs in formto ostript R D he D l giorno d9oggiD il formto utilizzto dll mggior prte delle stmpnti sul mertoF uelli he possiedono un stmpnte d ghi o getto d9inhiostroD sono omunque in grdo di stmpre ttrverso il progrmm ghostscriptD he produe un output dtto moltissimi tipi di stmpntiD prtire di (le in formto ostript R F v prossim sezioneD dedit ll9impostzione dell stmpnteD desrive ome e'etture questi pssggi in modo utomtio ogni qul volt he si stmpF er or onentreremo l nostr ttenzione su dvipsF

2.5.2 Dvips
i he utilizzite v s oppure su un sistem diprtimentleD dovreste preE ouprvi di on(gurre dvipsF dvipsD in se ll su on(gurzioneD permette si di stmpre su (le he di invire direttmente un doumento in stmpF e on(gurto per stmpre su (le e non si spei( nessun etihettD dvips generer un (le pippo.ps prtire dl (le pippo.dviF xell mggior prte dei siD dvips on(gurto in mnier prede(nit per mndre il (le he gener ll stmpnteY on v vete l possiilit di fre entrme le oseF e non ve l sentite di on(gurre dvips per l vostr stmpnteD potete trnquillmente sltre quest sezioneF iete omunque vvisti he il risultto su rt potree non soddisfre le vostre spetttive in termini di qulitF gomunque qulos verr fuoriF e utilizzte tei @un distriuzione i prtiolrmente di'us nel monE do vinuxAD dovreste eseguire il progrmm texconfigF er fr rionosere dvips un nuov stmpnteD dovreste selezionre l voe Dvips dl menuD quinE di ggiungere l nuov stmpnteF snserite i prmetri rihiesti eD prim di usire dl progrmmD riordtevi di eseguire Rehash per ttivre le modi(heF edimo desso ome si possiile on(gurre mnulmente dvipsX per fr si he un (le .dvi veng utomtimente onvertito in un (le .ps dtto ll stmpnte printer1D vete isogno di un (le di on(gurzione  config.printer1D
4 PostScript R
un marchio registrato di Adobe Systems Incorporated, ed il principale linguaggio di descrizione pagina del mondo UNIX.

PP CAPITOLO

2.

IL SETUP DI L X E LE APPLICAZIONI DI SUPPORTO Y

presente in un qulhe diretoryF hi solitoD nell mggior prte delle diE striuzioni iD i (le di on(gurzione di dvips si trovno nell diretory /usr/lib/texmf/dvipsF sl vostro sistem pprir siurmente di'erenteD moE tivo per il qule vi suggerimo di erre l sottodiretory  dvipsF ll9interno dell diretory priniple di iF qenerlmenteD dovreste trovre presente lmeno il (le di on(gurzione config.psF uesto il (le di on(gurzione stndrd e viene letto sempre d dvips5 F hte un9ohit questo (le per rendervi onto di quli sino le opzioni d mire per l vostr stmpnteY quindi srivete il (le config.printer1 he ontiene solo le righe rilevntiF g9 poi lmeno un9ltr os d fre l (le di on(gurzioneF otree esisteE re un line del tipo  o | lpr @senz le virgolette nturlmenteF F F AY mitel in  o | lpr -Pprinter1D in modo he l9output si mndto utomtimente ll stmpnte printer1F snoltre dovreste gurdre nhe le righe ontrsseE gnte d  M e  DD he de(nisono rispettivmente l modlit wetfont e l risoluzione dell stmpnteF e non spete os si l modlit wetfontD potete immginrl ome un driver per stmpnteX dtt l form dei font i per ssiurre il miglior risultto possiile per l stmpnteF pte ttenzione per l ftto he de(nire diverse modlit wetfont fr si he dvips generi diverse opie degli stessi font su disoD on onseguente oupzione di spzio sul disoF undo vete impostto orrettmente il funzionmento dell stmpnte dovete dire v di utilizzre quest on(gurzioneF er fr questoD invoE te il omndo Modica Preferenze. . . e ll9interno dell (nestr Preferenze. . . impostte orrettmente le voi Adatta l'uscita e Comando di spoolF otete usre tnti (le di on(gurzione qunte sono le vostre stmpntiY quell di defult pu essere spei(t ll9interno dell (nestr Preferenze. . . o medinte l vriile d9miente PRINTERF nhe possiile segliere qule stmpnte utilizzre direttmente d vD ome sr desritto pi vntiF n volt he vete ftto tutto questoD siete pronti stmpre on v su un stmpnte ostript R o su di un (leF e l vostr stmpnte non omptiile ostript R D sr neessrio utiE lizzre ghostscript ome (ltro per l od di stmpF ve operzioni neessrie sono desritte in diversi ryy e mnuliF xell doumentzione di v 9 un sezione he enn ll on(gurzione di ghostscriptF ed luni non pie utilizzre l9oppit dvips pi ghostscriptF sn lE terntivD potete riorrere un qulunque progrmm he onvert il (le hs in un formto direttmente omprensiile ll vostr stmpnteY nhe questi progrmmi possono essere spei(ti ll9interno dell (nestr Preferenze. . . g9 per un grosso svntggio nell9utilizzre questo metodoX non possiile inluE dere (le ostript R @d esempio un immgineA nei vostri doumenti poih il progrmm di onversione non lo interpretereeY onsiderto il ftto he le immgini sono in formto ostript R D il tem di v onsigli tutti l9uso dell oppi dvipsGghostscript per l stmp dei doumentiF
5 Questo
le non strettamente connesso all'esistenza di un le denominato

ps.

2.6.

LA STAMPANTE

PQ

2.5.3 Ghostscript, Xdvi e Ghostview


Xdvi e ghostview sono dei visulizztoriF sl primo gestise i (le .dviD mentre il seondo si interfi on ghostscript per visulizzre i (le ostript R F n reve not su questi due progrmmiX entrmi si ggiornno utomE timente se il (le he stnno visulizzndo6 miF otete omunque forzre l9ggiornmentoY per questo motivoD nel momento in ui lnite uno dei due viE sulizztoriD non poi neessrio he lo hiuditeF snoltre entrmi i progrmmi fornisono le stesse prestzioni ed hnno le stesse funzioniF sl tem di v romnd l9uso di xdvi nel so di 0nmento dei dettgliD deismente pi veloe in qunto viene eseguito un psso di elorzione in menoF io un esempioX
IF tilizzte xdvi per visulizzre l9nteprim di stmp di un doumento vY lsitelo in eseuzione e tornte vF PF wodi(te il doumento on vF QF snvote Vista Aggiorna DVI per visulizzre i mimentiF undo A v i h (nito di ompilre il doumentoD lite sull (nestr di xdviD eD ome per mgiD xdvi si ggiorner utomtimenteF yrD questo non vuol dire he ghostview non serve nullF ghostview pi dtto nei si in ui vi serve visulizzre proprio l versione ostript R del doumentoF er visulizzre pioli mimenti he non sino dipendenti d ostript R meglio utilizzre xdviF isiste un9lterntiv ghostview on un9interfi deismente miglioreX gvF v lo utilizzer utomtimente l posto di ghostsript qulor si disponiileF

2.6 La Stampante
utti quelli he utilizzno un omputer ll9interno di un rete di grndi dimenE sioni non dovreero ver prolemi on le stmpntiF sl vostro mministrtore di rete @o voi stessi se siete l9mministrtore di reteA dovree gi ver onE (gurto le stmpntiF utto i he vi rest d fre spere il nome dell stmpnte he intendete utilizzre e on(gurre l vostr instllzione ome desritto nell9ultim sezioneF uelli di voi he usno vinux dovrnno tuttvi fre un po9 di lvoro in piF wolti oggi instllno un distriuzione vinuxD quli ed rt o lkE wreD direttmente d gEywF gostoroD seguendo le istruzioniD riesono ompletre l9instllzione e d vere vinux funzionnteD senz per interessrsi dell on(gurzione dell stmpnteF e volete stmpreD questo un psso oligtoF eimo sritto qulos in proposito per venirvi in iutoD fte rifeE rimento l pitolo Guida alla Stampante  presente ll9intenro del mnule di
Personalizzazione.

6 Il

cambiamento interessa cio i le

.dvi

.ps

e non i le generatori.

PR CAPITOLO

2.

IL SETUP DI L X E LE APPLICAZIONI DI SUPPORTO Y

Capitolo 3

Nozioni Fondamentali su LYX


3.1 I Tipi di Documento
3.1.1 Introduzione
xel momento in ui vi mettete srivereD prim di fre qulunque osD dovete spere he tipo di doumento volete omporreF hi'erenti tipi di doumento sono rtterizzti inftti d di'erente impginzioneD titolzioniD stili di rttereD etF snoltreD tipi di doumento distinti dispongono di diversi mienti prgrfoD generndo un formto di'erente per il titoloF n classe di documento desrive un insieme di rtteristihe omuni d un prtiolre tipo di doumentoF egliendo un di queste lssiD si impostno un serie di prmetri di stile e di impginzioneD filitndo os il proesso di stesurF e non segliete un lsse di doumentoD v ne seglie un di defultY os st voi spei(rne unF hi seguito troverete un desrizione delle lssi di doumento disponiili in v e di ome modi(rne in dettglio luni prmetriF

3.1.2 Le Varie Classi di Documento


3.1.2.1 Introduzione
sn v esistono inque lssi stndrd di doumentoX

Article per semplii rtioli Report per srivere relzioni Book dtto ll stesur di liri Letter per lettere in stile nglosssone Slides si us per relizzre luidi
PS

PT

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

A gi sono nhe lssi non stndrdD he v utilizz solo se v i on(gurto per supportrleX

Aapaper er rtioli venti il formto dell rivist estronomy 8 estrophysis Amsart er rtioli seondo le onvenzioni tipogr(he dell ew @emerin
wthemtil oietyAF gi sono tre diverse strutture di doumento msrtF uell stndrd utilizz uno shem di numerzione tipio per teoremiD etcF he prepone il numero di sezione l numero dell9enunitoF utti i lohi di tipo enunito @proposizioniD orollri e os viA sono numerti in sequenzD m le de(nizioniD gli esempi e tutto il mterile di questo tipo possiedono un numerzione propriF v numerzione sequenzile non prepone il numero di sezione isun enunito m numer gli oggetti lungo tutto l9rtiolo seondo un9uni sequenzF ygni tipo di risultto h quindi l su numerzione indipendenteF sn(ne disponiile nhe un struttur he non numer 'tto i risulttiF di numerzione stndrdD vendo ssunto he non voglite numerre i risultti onseutivmente lungo tutto il liro e he ite isogno di numerre i risulttiF

Amsbook er i liri seondo le onvenzioni ewF fornito solo lo shem

Dinbrief fr friefe nh deutsher ert Foils si utilizz per i luidi m migliore di slides Linuxdoc sto insieme l phetto qwvEtools @noto in preedenz ome
vinuxhoAD onsente v di produrre output in formto qwvF v9qwv un linguggio mrtori ed il predeessore dell9rwvF sl phetto qwvEtools onsente di onvertire un doumento qwv in rwv ed in molti ltri formtiD tr ui quello utilizzto d vinux per le pgine dei mnuli di manF uzioniA

A Paper per l9utilizzo dell lsse v i paper @non presente in tutte le distriE

Revtex utilizzto per srivere rtioli per le pulizioni dell oiet dei

pisii emerini @eAD dell9sstituto emerino di pisi @esAD e dell oiet emerin di ytti @yeAF uest lsse omunque non del tutto omptiile on le funzionlit di vF

xon entreremo nei dettgli sull9uso di isun di queste lssiF roverete tutti i prtiolri sulle lssi non stndrd nel mnule Caratteristiche estese di LYXF ui prleremo di lune rtteristihe omuni tutte le lssi di doumentoF

3.1.2.2

Selezionare una Classe

otete selezionre un lsse ttrverso l (nestr di dilogo Struttura del documentoD essiile selezionndo Documento. . . dl menu StrutturaF uindi utilizzte il menu tendin Classe del documento per segliere quell di vostro interesse e ontrollre nel dettglio isun delle opzioni disponiiliF

3.1.

I TIPI DI DOCUMENTO

PU

3.1.2.3

Propriet

ygni lsse rtterizzt d un erto insieme prede(nito di opzioniF v tell he segue ne d un veloe pnormiX
Stile delle Pagina Lati Uno Uno Due Uno Uno Due Uno Uno Uno Colonne Una Una Una Una Una Due Una Una Una Mass. livello di sezionamento Sezione Capitolo Capitolo nessuno Sezione Sezione Sezione nessuno Sezione

rtile report ook letter linuxdo pper msrt dinrief pper

Plain Plain Headings Plain Plain Plain Headings Plain Headings

xon 9 lun vlore preimpostto nel mpo Opzioni per nessun di queste lssiF i strete proilmente hiedendo os vogli dire wssimo livello di seE zionmentoF gi sono diversi mienti prgrfo utilizzti per ostruire le inE testzioni di sezioneF hiverse lssi di doumento permettono diversi tipi di intestzione di sezioneF olo due lssi utilizzno l9intestzione CapitoloY le ltre invee prtono dll SezioneF eltre lssi inveeD ome d esempio le tre dispoE niili per le lettereD non utilizzno lun intestzione di sezioneF iordte he oltre lle intestzioni Capitolo e SezioneD sono presenti nhe quelle di SottosezioneD Sotto sottosezione e os vi in ordine gerrhioF ve desriveremo tutte in dettglio nell sezione QFQFRF

3.1.3 Analisi dettagliata dei parametri per le classi


gome gi ntiipto dl titoloD quest sottosezione nlizz le propriet reltive ll9insieme dei prmetri prede(niti ssoiti isun lsseF
Stile della pagina

u essere selto fr inque possiili impostzioni e de(nise lo stile delle intestzioni e dei numeri di pgin per un dt lsse1 X
Default

tilizz lo stile di pgin prede(nito per l lsE se orrenteF xessun numero di pgin od intestzioneF olo numeri di pginF

Empty Plain

1 Di

A E questo se ne occupa L T X.

PV

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

Headings

Fancy

engono stmpti i numeri di pgin insieme lE l9intestzione di pitolo o sezione orrenteY he si l9uno o l9ltro dipende dl mssimo livello di sezionmento ssegntoF uest opzione permette di rere delle inteE stzioni personlizzte nel so in ui ite instllto il phetto fancyhdrF ettulmente il supporto in v tle phetto si limit quest opzioneF er utilizzrne ppieno le rtteristiheD neessrio inserire del odie su misur ll9interno del premolo del douE mentoY per mggiori informzioni fte riferimenE to ll doumentzione orredo del phetto fancyhdrF

Lati

xoD purtroppo v non fr stmpre l vostr stmpnte su due fite3 sn ogni so potr produrre doumenti on un forE mto di'erente per le pgine pri e dispriY os qulor ite un stmpnte he si in grdo di stmpre in fronteEretroD i numeri di pgin si trovernno sempre verso l9esterno ed il testo sr spostto per fr spzio ll rilegturF gi sono due ottoni di selt quiX Uno per doumenti singol fitD Due per quelli doppi fitF

Colonne

gon quest opzione potete segliere il numero di olonne presenti sull pginD ttrverso l9pposito tstoF ve possiili selte sono Uno e Due. ysservte he v in ogni so non mostrer shermo pi di un olonnF wostrre due olonne video non sree prE tioD il risultto qusi sempre illeggiile e omunque estrneo ll (loso( swF ve due olonne srnno nturlmente visiili nel doumento (nle prodottoF

Opzioni

A sl omndo v i \documentclass permette di spei(re diE verse opzioniY v ne (ss lune utomtimente e quest sell onsente di spei(rne ltreF i su0iente digitre le opzioni un dietro l9ltr seprndole on un virgolF hte A un9ohit d un qulunque uon liro su v i per soprire quli opzioni possno essere spei(teF

Separazione

uesto h un sezione deditF pte riferimento ll sezione QFPFI per un su desrizioneF

3.1.4 Dimensione della pagina, orientamento e margini


gi sono molte ltre rtteristihe he possono essere spei(te ll9interno dell (nestr Struttura del documentoF ur vendo rttere gloleD hnno sopi

3.2.

INDENTAZIONE E SEPARAZIONE DI PARAGRAFI

PW

prtiolri e in)uenzno solo determinte funzionlitF rovvederemo dunque d nlizzre tli rtteristihe nelle sezioni nelle quli le medesime funzionlit verrnno trttteF ui i so'ermimo invee prlre di due propriet he gisono sull9inter struttur del doumento e he sono ontenute ll9interno dell (nestr di dilogo Carta sotto il menu StrutturaX
Orientamento Verticale Formato

gonsente di segliere se stmpre i doumenti on orientmento o OrizzontaleF

ve dimensioni dell pginY le selte possiili sonoX

Predenito A3, A4, A5 B3, B4, B5 Lettera US Legale US Executive US Personalizzato

eluni di questi formti rihiedono he ite instllto il phetto geometryF vo stesso phetto permette nhe di spei(re i mrgini nell (nestr MarginiF

3.1.5 Nota Importante:


e mite lsse di doumentoD v provvede d dttre tutto il ontenuE to del doumento ll nuov lsseF gompresi gli mienti prgrfoF eluni mienti prgrfo sono stndrdD ovvero sono omuni tutte le lssiY ltri sono spei(i di solo lune di esseF xel so in ui stte lvorndo proprio on un di queste lssi e deidete di mire per un diversD v trsformer gli mienti prgrfo mnnti in Standard e inserir un segnlzione di errore ll9inizio del prgrfoF i ster lire sul messggio di errore per sperne di pi sull onversione e sull us dell9erroreF

3.2 Indentazione e Separazione di Paragra


3.2.1 Introduzione
rim di desrivere tutti i vri mienti prgrfoD vorremmo spendere un prol o due rigurdo ll9indentzione dei prgr(F e qunto preD isuno h un propri onvenzione per seprre i prgr( gli uni dgli ltriF v mggior prte degli emerini indentno l prim rig di un prgrfoF eltri non indentno m inserisono un rig vuot tr due prgr( onseutiviF qli utilizztori di v seguono l medesim onvenzione dottt di tipogr(F sl primo prgrfo di un sezioneD o dopo un (gurD

QH

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

un equzioneD un tellD un listD etF non indenttoF iene indentto solo un prgrfo he segue immeditmente un ltro prgrfoF ed lune persone quest onvenzione non pieD m se volete utilizzre l9indentzione dei prgr( dovrete imprre onviveri2 F utte le propriet di spzitur qule lo spzio tr i prgr( o l spzitur di line sono gi pre(sste in vF gome vi imo gi detto in preedenzD non preouptevi di qunto spzio inserire tr i vri elementiD se ne oup vF r l9ltro gli elementi di spzitur vertile non sono (ssti m sono progrmmti ome intervlliF sn questo modo v in grdo di dttre gli spzi in modo heD d esempioD un (gur entri perfettmente in un pgin insieme l testoD un titolo di sezione non si trovi ll (ne di un pgin e os viF3 gomunque pre(ssti non signi( he essi sino non modi(iliF v vi permette inftti di modi(re tutte le rtteristihe di spzitur per l9intero doumentoF hi questo prleremo in seguitoF

3.2.2 Modalit di indentazione predenita


er impostre l modlit di indentzione prede(nitD selezionte l voe Documento. . . dl menu Struttura per prire l (nestr di dilogo Struttura del documentoF el suo interno vi ster segliere l voe Identa o Salta per indentre rispettivmente i prgr( oppure umentre l spzitur tr i prgr(F

3.2.3 Regolazione puntuale


possiile nhe mire il metodo di indentzione di un singolo prgrfoF sn questo so su0iente segliere Paragrafo. . . dl menu Struttura per prire l (nestr di dilogo Struttura del paragrafoF glite sul tsto Non identare per modi(re lo stto del prgrfo orrenteF e il prgrfo indentto seondo l modlit prede(nitD il tsto sr inizilmente disttivtoF e i prgr( non hnno indentzione e sono piuttosto seprti medinte righe di spzitur ggiuntiveD il tsto sr ompletmente disttivto @non sr dunque ppliile i singoli prgr(AF hovreste ver isogno di indentre livello del singolo prgrfo solo nel so di un ontrollo puntule del doumentoF sn lterntivD selezionte Identa o Salta per l9intero doumento e ontinute srivereF

3.2.4 Interlinea
possiile segliere l9interline dll (nestr di dilogo Struttura del documento A nel so in ui ite instllto il phetto v i setspaceF
A E un package L T X ed un apposito comando nel preambolo. [Nota dell'editore: Inserir questa
informazione non appena avr tempo. - jw ]

2 C' in realt un modo per dire a L T X di indentare tutti i paragra. L X non mostrer A E Y A E a schermo tale indentazione, ma L T X stamper come desiderato. Per far questo necessario 3 Ovviamente L T X A E

si occupa di questo solo all'atto della generazione di un le destinato

alla stampa.

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

QI

3.3 Gli Ambienti Paragrafo


3.3.1 Introduzione
qli mienti prgrfo orrispondono lle vrie sequenze di omndi del tipo A \begin{environment } ... \end{environment } di un tipio (le v iF e non A onosete v iD oppure se il onetto di miente prgrfo vi ompletmente sonosiutoD meglio he leggite suito il TutorialF sl Tutorial ontiene inoltre molti pi esempi di qunti riportti in questo mnuleF n miente prgrfo D sempliementeD un ontenitore per un prgrfo e d esso ttriuise lune proprietF ueste possono omprendere un determiE nto tipo di rttereD mrgini di'erentiD uno shem di numerzioneD etihette e os viF snoltre potete nidi(re gli mienti gli uni dentro gli ltriD onsentenE do d un miente di ereditre le propriet di un ltroF s vri mienti prgrfo eliminno l neessit di utilizzre tsti di tulzioneD orrezioni dei mrgini estempornee ed ltre menit ereditte dlle mhine d srivereF isistono diversi tipi di mienti prgrfo spei(i per prtiolri tipi di doumentoF sn quest sede desriveremo i pi omuniF er segliere un nuovo miente prgrfoD fte riorso l menu tendin presente ll estremit sinistr dell rr degli strumentiF v mier l9mE iente dell9intero prgrfo in ui si trov il ursoreF otete nhe mire il tipo di miente per un gruppo di prgr(D selezionndo quelli di interesse prim di segliere il nuovo mienteF ysservte he l pressione del tsto Return gener di solito un nuovo pE rgrfo di tipo StandardF eimo enftizzto di solito in qunto non un regolF4 xormlmente l9inizio di un nuovo prgrfo reimpost l9miente pE rgrfo e l profondit di nidi(zione ne prleremo di'usmente nell sezione QFRF e volte omunque v mntiene il vehio mienteY d oggi i dipende dl ontestoD per ui in generle potete spettrvi il omportmento usuleF e desiderte he un prgrfo mnteng l9miente prgrfo e l profondit di nidi(zioneD fte riorso ll ominzione M-Invio l posto di InvioF
4 Se
siete in uno di questi ambienti:

Virgolette Citazione Verso Puntualizza Enumera Descrizione Elenco

L X manterr il precedente ambiente paragrafo anche premendo , piuttosto che Y impostare l'ambiente . Verr in ogni caso azzererato il livello di nidicazione.

Standard

Invio

QP

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

3.3.2 L'ambiente Standard


v9miente prgrfo prede(nito quello Standard per l mggior prte delle lssi di doumento e rtterizz un prgrfo semplieF quello he v deide di impostre ogni qul volt deve resettre l9miente prgrfoF enhe quello he stte leggendo desso e di ftto l mggior prte dei prgr( presenti in questo mnule sono sritti in miente StandardF il tipo di miente prede(nitoD io quello ui si ritorn premendo il tsto InvioF hi fttoD il prgrfo he stte leggendo or @os ome l mggior prte di quelli del liroA di tipo StandardF h ultimoD potete nidi(re miente Standard prtimente in ogni ltro miente m non mi possiile l9operzione inversF

3.3.3 I Titoli
A n pgin dei titoli v i ompost d tre prtiX il titolo stessoD il nome o i nomi degli utori ed un9eventule not pi di pgin per ringrzimenti ed A informzioni per essere onttttiF er luni tipi di doumentoD v i prevede l9inserimento di questi elementi in un pgin prteD insieme ll dt orrenteF er ltri tipi di doumentoD l pgin titolo si trov in im dell prim pgin A del doumentoF v fornise un9interfi i omndi v i per l rezione dei titoli ttrverso gli mienti prgrfo TitoloD Autore e DatF io ome utilizzrliX

ste l9miente

Titolo

per il titolo del doumentoF


AutoreF

snserire il nome o i nomi degli utori nell9miente

e volete he l dt ppi in un erto modoD si pre(sst o se intendete sostituirl on un testo di vostro grdimentoD utilizzte l9miente DataF A uest9ultimo miente omunque folttivoF e non lo utilizzteD v i utomtimente inserir l suo posto l dt orrenteF
essiurtevi di inserire questi elementi ll9inizio del doumento e riordte he potete utilizzre le note pi di pgin per inserire eventuli ringrzimenti o le modlit per essere onttttiF

3.3.4 Intestazioni
gi sono en nove mienti prgrfo dtti produrre intestzioni di sezioneY dell loro numerzione se ne oup vF oi dovete solo deidere ome si himer l sezione Q del pitolo WF

3.3.4.1
IF

Intestazioni Numerate

isistono sei tipi di intestzioni di sezione numerteF i sonoX


Capitolo

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

QQ

PF QF RF SF TF

Sezione Sottosezione Sotto sottosezione Paragrafo Sottoparagrafo

v etihett tutte le intestzioni seprte le une dll ltre d periodi on un serie di numeriF s numeri desrivono l posizione nel doumentoF utte le intestzioni dividono il doumento in porzioni di testo distinteF er esempioD supponimo he stite srivendo un liroF xormlmente dividereste il liro in pitoliF v e'ettu l suddivisione del testo in mnier simileX

Capitolo

Sezione

individuno il mssimo livello gerrhioF


SezioniF

gisun ve ve ve s
Nota:

Capitolo

suddiviso in

Sezioni

sono divise in

SottosezioniF Sotto sottosezioniF ParagraF

Sottosezioni

sono divise in

Sotto sottosezioni

sono divise in

Paragra

sono divisi in

SottoparagraF

non tutti i tipi di doumento hnno Capitolo ome mssimo livello di divisioneY in questi si il mssimo livello di seprzione SezioneF hunqueD se uste l9miente Sotto sottosezione per un nuov sottoEsottosezioneD v le ssegner un numeroD oltre i numeri di sottosezioneD sezione ed eventulE mente pitoloD he l ontengonoF ed esempioD l quint sezione del seondo pitolo di questo mnule vr l9etihett PFSF

3.3.4.2

Intestazioni Non Numerate

isistono tre tipi di sezioni non numerteD rispettivmenteX IF PF QF


Sezione* Sottosezione* Sotto sottosezione*

sl simolo B dopo ogni nome di sezione indi he queste intestzioni non sono numerteY esse funzionno llo stesso modo delle orrispondenti numerteF

QR

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

3.3.4.3

Cambiare la Numerazione

e lo desiderteD potete segliere quli livelli di sezione srnno numerti e quli pprirnno nel sommrioF ve modi(he he presentimo non eliminno lun livello di sezioneY queste rtteristihe sono proprie delle lssi di doumenE toF elune lssi presentno un insieme di livelli he vnno dl Capitolo (no l SottoparagrafoD mentre ltre prtono dll SezioneF imilmenteD non tutE te le lssi di doumento numerno ogni livello di sezioneF v mggior prte non numer Paragrafo e SottoparagrafoF i dunque possiile ride(nire questo omportmentoF eprite l (nestr di dilogo Struttura Documento. . . medinte l voe Documento. . . presente nel menu Struttura e segliete l pgin NumerazioneF el suo interno dovreste vedere un onttore denominto SezioneF uesto onttore stilise qule il livello di sezione mssimo l ui intestzione v provvede numerreF urtroppo i numeri he segliete on i tsti di inremento e deremento sono piuttosto riptiiD segue dunque un tell he f ssoi l9e'etto orrispondente isun vloreX
Num. Profondit Sez.

vloreX EP EI EH e H I P Q R S

v numer queste intestzioni di sezioneX nessun numerzione eggiungi eggiungi eggiungi eggiungi eggiungi
Parte Capitolo Sezione

Sottosezione

Sotto sottosezione Paragrafo

eggiungi eggiungi

Sottoparagrafo

s numeri resenti sono umultiviX un vlore H numerer prti e pitoliD mentre P numerer prtiD pitoliD sezioni e sottosezioniF xturlmenteD se impiegte un lsse di doumento he non utilizz le intestzioni per le prti o i pitoli @ad esempio l lsse prede(nit rtileAD ne segue he l numerzione omini on le intestzioni livello di Section e nhe il odie H orrisponde nessun numerzioneF xell stess (nestr di dilogo 9 un ltro onttoreD himto Indice generaleF isso funzion llo stesso modo di SezioneD m si ppli lle voi di sommrio e (ss il mssimo livello di sezione l ui intestzione v provvede inserire nel sommrioF uesto di grnde utilitX supponete di voler numeE rre tutte le intestzioni di sezione m desiderte he il sommrio riporti solo CapitoloD Sezione e SottosezioneF sn questo soD vi sr su0iente impostre l voe Sezione l vlore S e l voe Indice generale l vlore PF semplieD noc

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

QS

3.3.4.4

Informazioni Speciali

ve seguenti informzioni si pplino gli mienti CapitoloD SezioneD SottosezioneD Sotto sottosezioneD ParagrafoD Sottoparagrafo os ome Sezione*D Sottosezione* e Sotto sottosezione*X

xon potete inserire note mrgine in nessuno di questi mientiF i onsentito introdurre espressioni mtemtihe in lineF xon potete nidi(re usndo questi mientiFF i possono utilizzre etihette e riferimenti inroiti he rimndno lle numerzioni delle loro intestzioniF
e erre esempi reltivi questi mienti prgrfoD gurdtevi ttorno3 vi stimo usndo lungo tutto il mnule he vete sotto mnoF

3.3.4.5

Creare un'Appendice

er rere un ppendieD ggiungete un nuov intestzione di pitolo o sezioE neD quindi spostte il ursore ll9inizio dell9intestzione e selezionte Struttura Inizia qui l'appendiceF n rettngolo di olore rossoGmrrone ontorner l reE stnte prte del doumento per indire he ess individu qulos di prE tiolre e i riferimenti numerii pitoli e sezioni srnno mutti in un letterF

3.3.5 Citazioni e Poesia


v implement tre di'erenti mienti prgrfo per inserire itzioni o testo poetioF uesti sono VirgoletteD Citazione e VersoF himentite i giorni pssti mire spziture e d impzzire on i mrginiX questi mienti prgrfo impostno questi vlori in mnier prede(nitF utti e tre umentno il mrgine sinistro e ggiungono dello spzio sopr e sotto il testo he ontengonoF snoltre questi mienti sono nidi(iliD quindi vi possiileD d esempioD inserire un Verso in un CitazioneD os ome ll9interno di ltri mienti prgrfoF eltr rtteristi omune questi mienti he essi non ritornno utoE mtimente ll9miente Standard qundo inizite un nuovo prgrfoY potete dunque srivere pi strofe senz preouprvi dell9mienteF er tornre lE l9miente StandardD vi sr su0iente selezionrlo mnulmente qundo vrete terminto di srivere in versiF

3.3.5.1

Virgolette e Citazione

hopo he imo desritto le rtteristihe omuni dei tre mientiD spieE ghimo quli sono le di'erenzeF Virgolette e Citazione sono identii eetto per un spettoX Virgolette utilizz un interline mggiore per seprre i prgr( e non indent mi l prim rigF Citazione indent sempre l prim rig di un prgrfo e us sempre il medesimo interlineF

QT

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

io un esempio dell9miente

VirgoletteX

uesto l9miente VirgoletteF osso ontinure srivereD llunE gndo il testo dell rig nell qule mi trovo (no frlo ndre poF edetec xon 9 indentzioneF uesto un seondo prgrfo di itzioneF enhe qui non 9 indentazione Y 9 per uno spzio supplementre tr un prgrfo e l9ltroF pinimo qui il primo esempio e mostrimo l di'erenz di omportmento dell9miente CitazioneX uesto l9miente CitazioneF e ontinuo srivereD vedrete l9indentzioneF e nel vostro pese le regole di stile vogliono he i prgr( sino seprti dll9indentzioneD llor Citazione quello he f per voi3 fehD sempre nel so he ite isogno di srivere delle itzioniF io un ltro prgrfoF otrei ontinure per oreD ome un politio in periodo elettorleD m proilmente voi vi nnoiereste prestoF eimo (nito on gli esempiF er ripitolreX Virgolette dtto per oloro he preferisono seprre i prgr( on dello spzio supplementreD mentre Citazione preferiile per hi preferise utilizzre in lterntiv l9indentzioneF

3.3.5.2
Verso

Verso

l9miente prgrfo per l poesiD le rimeD i versi e os viF io un esempioX ueste righe sono in versi w io e veoprdi simo diversi3 otev nhe ndr peggioF uest line potree essere lungD molto lungD m dvvero lungY os lung he potremmo ndre poF utto semr normle sullo shermoD m su rt le righe suessive sono leggermente indentteF ykD or stimo srivendo in pros e non in poesiFFF mi perdonereteF e un rig vuoi spezzre e le ose elle fr semrreD llor C-Invio devi shiire3 gome potete osservreD Verso non indent entrmi i mrginiF ygni strof dei versi o dell poesi si trov in un prgrfo seprtoF er interrompere isun line di un strof si utilizz l funzione break-line medinte l ominzione C-InvioF

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

QU

3.3.6 Le Liste
v possiede quttro mienti prgrfo per l rezione di di'erenti tipi di listeF xegli mienti Puntualizza e EnumeraD v ontrssegn gli elementi dell list rispettivmente on indii e numeriF xegli mienti Descrizione e ElencoD v vi permette di personlizzre le etihette he desiderte utilizzreF reE senteremo suessivmente i dettgli reltivi isun tipo di list dopo ver desritto lune rtteristihe omuni tutteF

3.3.6.1

Caratteristiche generali

s quttro mienti prgrfo per le liste si di'erenzino dgli ltri mienti per diversi motiviF sn primo luogoD v trtt ogni prgrfo ome se fosse un elemento dell listF remendo Invio l9miente non verr riportto Standard m verr mntenuto l9miente orrente e reto un nuovo elemento nell listF gomunqueD l profondit di nnidmento viene solitmente l livello preE de(nito e se desiderte mntenere si l9miente prgrfo he l profondit di nnidmento presenteD dovrete interrompere i prgr( medinte il omndo M-InvioF possiile nnidre liste di qulunque tipo un dentro l9ltrF snftti v modi( le etihette degli elementi di un ert list in funzione del tipo di nnidmentoF e intendete usre uno qulunque degli mienti prgrfo listD vi suggerimo vivmente di leggere l9inter sezione QFRF

3.3.6.2
tualizzaF

Puntualizza
Pun-

sl primo tipo di list he desriveremo in dettglio l9miente prgrfo isso possiede le seguenti rtteristiheX

gisun elemento etihettto on un prtiolre indie o simoloF

 v utilizz lo stesso simolo per tutti gli elementi he si trovno d


un determinto livello di nnidmentoF

 sl simolo ompre ll9inizio dell prim rigF


qli elementi possono vere lunghezz qulsisiF v (ss utomtiE mente l9indentzione rispetto l mrgine sinistro di isun elementoF sl vlore dell9indentzione rispetto l mrgine sempre reltivo ll9miente ll9interno del qule post l list PuntualizzaF e nnidte un miente Puntualizza ll9interno di un ltro miente PuntualizzaD ll9etihett sr ssoito un simolo di'erenteF

 isistono quttro simoli diversi he permettono di ottenere (no d


un mssimo di quttro nnidmentiF

 v mostr sempre lo stesso simolo sullo shermoD un sterisoF

QV

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

 er un esustiv trttzione sull9nnidmentoD fte riferimento ll


sezione QFRF xturlmente qunto ppen spiegto rppresent un esempio prtio sull9uso dell list PuntualizzaF v9miente Puntualizza d preferirsi per tutte quelle liste dove non si interessti ll9ordineF eimo detto he livelli di'erenti sono ssoiti simoli diversi quli etihetteF egue un esempio di tutti e quttro i possiili simoliF pte ttenzione l ftto he hi di voi st leggendo questo mnule in line non noter nessun di'erenzF

v9etihett per il primo livello

Puntualizza

un grnde punto neroF

 v9etihett per il seondo livello un trttinoF


v9etihett per il terzo un sterisoF v9etihett per il qurto un punto entrtoF sndietro l terzo livelloF

 sndietro l seondo livelloF


sndietro (no l livello pi esternoF
ueste sono le etihette prede(nite per l list PuntualizzaF otete personlizE zre le etihette servendovi dell sezione Elenchi puntati ll9interno dell (nestr di dilogo Struttura Documento. ysservte ome lo spzio he sepr gli elementi diminuis l resere dell profonditF enlizzeremo l9nnidmento e tutti i truhi ui potete riorrere l vrire dell profondit nell sezione QFRF xon dimentitevi di leggerl3

3.3.6.3

Enumera

v9miente Enumera onsente di rere liste e ommenti fuori line numertiF qode delle seguenti proprietX IF ygni elemento h un enumerzione qule su etihettF @A sl tipo di enumerzione dipende dll profondit di nnidmentoF PF v onteggi utomtimente gli elementi l posto vostro e ggiorn le etihette in mnier ppropritF QF ygni nuovo miente
Enumera

resett il onttore IF l9miente


EnumeraX

RF imilmente ll9miente

PuntualizzaD

@A sndent gli elementi rispetto l mrgine sinistroF qli elementi possono vere lunghezz qulsisiF

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

QW

@A idue lo spzio tr gli elementi l resere dell profondit di nniE dmentoF @A p uso di etihette di'erenti in funzione dell profondit di nnidE mentoF @dA ermette (no quttro nnidmentiF gontrrimente ll9miente PuntualizzaD Enumera visualizza le etihette di'eE renti per isun elementoF ui di seguito viene mostrto ome v etihett i quttro possiili livelli reltivi d un list EnumeraX IF sl primo livello di un list Enumera utilizz l numerzione er seguit d un periodoF @A sl seondo livello impieg lettere minusole poste tr prentesiF iF sl terzo livello us l numerzione omn minusol seguit d un periodoF eF sl qurto livello rtterizzto d lettere miusole seguite d un periodoF fF enorD fte ttenzione ll diminuzione dello spzio he inE terorre tr gli elementi l resere dell profondit dell9nE nidmentoF iiF sndietro l terzo livelloF @A sndietro l seondo livelloF PF sndietro l livello pi esternoF enhe in questo so potete personlizzre il tipo di numerzione usto nelE l9miente EnumeraF gi rihiede omunque l9ggiunt di luni omndi l A premolo v i @onsultte il mnule Caratteristiche estese AF gome nel so preedenteD tle personlizzzione viene mostrt soltnto nel doumento (nle e non ll9interno di vF g9 molto ltro reltivmente ll9nnidmento degli mienti Enumera riE spetto qunto riportto (nor e dovreste davvero leggere l sezione QFR per sperne di pi rigurdoF

3.3.6.4

Descrizione

gontrrimente i due mienti preedentiD l list Descrizione non h etihette pre(ssteF sn questo soD v utilizz l prim prol dell prim rig qule etihettF io un esempioX

Esempio: uesto un esempio dell9miente DescrizioneF


v rppresent l9etihett in grssetto e inserise dei rtteri di spzitur tr ess ed il resto dell lineF

RH

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

sn questo momento vi strete hiedendo os intendimo on utilizz l prim 9prol9 F sl tsto Spazio non ggiunge rtteri di spzitureD m sepr le prole le une dlle ltreF ell9interno di un miente DescrizioneD il tsto Spazio indi v heD qulor i trovimo ll9inizio dell prim rig di un elementoD l9etihett termintF i se veste isogno o voleste he l9etihett di un miente Descrizione fosse ostituit d pi di un prolc emplieX riorrete d uno Spazio ProtettoF snE seritelo medinte C-Spazio oppure Carattere Speciale Spazio protetto dl menu InserisciF er mggiori informzioni onsultte l sezF TFRFIF iovi un esempioX

Secondo Esempio: uest9ultimo mostr ome impiegre uno


tore

Spazio Unica-

nell etihett di un elemento di un list

DescrizioneF

Utilizzo: hovreste riorrere ll9miente Descrizione in osione di de(nizioni

e teoremiF ptene uso qundo vete isogno di evidenzire un prol rispetto l testo he l desriveF v9miente Descrizione non dtto per desrivere il signi(to di intere espressioniF sn questo so sono d preferirsi gli mienti Puntualizza o EnumeraD nnidndo diversi prgr( Standard l loro internoF dentro l9ltroD nnidrli ll9interno di ltri tipi di liste e os viF

Annidamento: possiile nturlmente nnidre gli mienti Descrizione uno


ysservte ome v indenti le righe suessive ll primD rientrndole rispetto quest9ultimF

3.3.6.5

L'ambiente Elenco

A v9miente Elenco un estensione di v l v iF e siete giunti (no questo punto sltndo le sezioni QFQFTFPEQFQFTFRD vete ommesso un erroreF v9miente Elenco non origin liste numerteF uesto qunto viene svolto dll9Enumera ed doumentto nell sezione QFQFTFQF gome il Descrizione l9miente Elenco rtterizzto dll9vere etihette de(nite dll9utente per isun elemento dell listF isistono lune di'erenze sostnzili tr questo miente di list e gli ltri treX

etihette per gli elementi v utilizz l prim prol di isun rig ome etihett dell9elementoF sl primo Spazio dopo l9inizio dell priE m rig di un elemento delimit l (ne dell9etihettF e vete isogno di pi di un prol nell9etihettD inserite fr loro uno Spazio ProtettoF mrgini gome potete osservreD v utilizz mrgini di'erenti per l9etiE hett dell9elemento ed il orpo del testo dell9elemento orrisponE denteF sl orpo dell9elemento h un mrgine sinistro pi lrgoD pri ll lrghezz prede(nit dell9etihett pi un piolo spzio ggiuntivoF

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

RI

lrghezz dell9etihett v (ss l lrghezz dell etihett pri l vlore mgE giore tr l rele lrghezz e l lrghezz prede(nitF e l lrghezE z rele pi estesD llor l9etihett prosegue ll9interno dell prim rigF sn ltre proleD il testo dell prim rig non llineto ol mrgine sinistro delle righe suessive del testo dell9elementoF lrghezz prede(nit otete segliere l lrghezz prede(nit in modo semplie ed indoloreD ssiurndovi he i testi di isun elemento in un miente Elenco possiedno tutti lo stesso mrgine sinistroF impiego hovreste usre l9miente Elenco llo stesso modo dell list DescrizioneD ovvero qundo vete isogno he un prol rislti riE spetto l testo he l desriveF v9miente Elenco grntise l possiilit di rggiungere questo oiettivo in modo lterntivoD medinte un di'erente strutturF

nnidmento possiile nnidre gli mienti Elenco gli uni dentro gli ltriD nnidrli ll9interno di ltri tipi di list e os viF punzionE no llo stesso modo degli ltri mienti di list desritti (norF gonsultte l sezione QFR per sperne di pi sull9nnidmentoF uello desritto dunque un miente prgrfo dotto di lune funzionlit3 er modi(re l lrghezz prede(nit dell9etihettD selezionte le etihetE te ll9interno dell listF otete nhe limitrvi spostre il ursore su di un elemento Elenco qulor desiderste modi(re soltnto l lrghezz dell su etihettF uindi prite l (nestr Struttura del paragrafo segliete Paragrafo... nel menu Struttura ed individute il mpo di testo Larghezza dell'etichettaF v lunghezz del testo ontenuto nel mpo Larghezza dell'etichetta (ss l lrghezE z prede(nit dell9etihettF e dvvero lo desiderteD potete inserirvi il testo dell vostr etihett pi estesD m non ne vete isognoF i romndimo di servirvi pi volte dell letter wF il rttere pi mpio e rtterizz un A unit di lrghezz prede(nit in v iF v9estensione dell9etihett prede(nit nell9esempio Elenco pri T wF ervendovi dell w ome unit di lrghezE z nel mpo Larghezza dell'etichetta godrete di un ltro vntggioX non vete isogno di ouprvi di modi(re il ontenuto di Larghezza dell'etichetta ogni qul volt lterte un etihett in un miente Elenco. isiste un9ltr funzionlit dell9miente Elenco he ene onositeF gome potete osservre dgli esempiD v in mnier prede(nit giusti( sinistr le etihette di isun elementoF sn reltD ll (ne dell etihett vi inserito un Riempimento OrizzontaleF rtteremo suessivmente i Riempimenti Orizzontali nell sezione TFRFIF eguono luni esempiX inistr sl modo prede(nito per le etihette degli elementi
ElencoF

hestr n Riempimento Orizzontale ll9inizio dell etihett omport un giusti(zione destrF gentro n Riempimento Orizzontale ll9inizio ed un ll (ne dell etihett f s he quest veng entrtF

RP

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

xon vi preoupte se non vete nor ide di os sino i Riempimenti OrizzontaliF iordte per he potete servirvene per personlizzre l9spetto delE l9miente ElencoF uesto qunto per i he rigurd i quttro mienti prgrfo per l generzione di listeF e proposito E vi imo gi riordto heD per usre l meglio questi mienti di listD dovreste onsultre l sezione QFR per sperne di pi sull9nnidmento dei prgr(c

3.3.7 Lettere
3.3.7.1

Indirizzo e Right Address: una visione di insieme

eene v possied delle lssi di doumento per le lettereD imo nhe provveduto rere due mienti prgrfo himti rispettivmente Indirizzo e Right AddressF er utilizzre l lsse letterD dovete riorrere spei(i mE A ienti prgrfo in un prtiolre ordineD in so ontrrio v i mutileree il doumentoF snvee potete utilizzre ovunque senz lun prolem gli mienE ti prgrfo Indirizzo e Right AddressD eventulmente nnidndoli dentro ltri mientiD seene non si vero il vieversF xturlmente non siete vinolti ll9impiego di Indirizzo e Right Address solE tnto ll9interno delle lettereF Right AddressD in prtiolreD utile per rere titoli di rtiolo simili quelli utilizzti nei doumenti demii iuropeiF

3.3.7.2

Utilizzo

v9miente Indirizzo formtt il testo nello stile tipio di un indirizzoD l qule si riorre nhe in lune nzioni per l9pertur e per l (rm di hiusurF imilmenteD l9miente Right Address formtt il testo nello stile di un indirizzo gusti(to destrD utilizzto in lune nzioni per l9indirizzo del mittente e per l dtF egue un esempio di isuno di essiX ight eddress ghi sono hove ito ghe giorno oggic uest9ultimo er il Right AddressF xotte ome le righe ino tutte lo stesso mrgine sinistroD (ssto d v in modo tle d disporre l pi estes porzione di testo su di un sol rigF iovi un esempio dell9miente IndirizzoX ghi sono hove devo spedire quest letter sl vostro u0io postle e nzione gome potete osservreD si Indirizzo he Right Address introduono dello spE zio ggiuntivo tr loro ed il prgrfo suessivoF e rigurdoD se shiite Invio in uno di questi mientiD v resett l profondit di nnidmento e

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

RQ

torn ll9miente StandardF gi h per senso in qunto Invio h l funzioE ne di interruzione di paragrafo e le singole righe di un indirizzo non sono prgr(F uindiD dovreste riorrere ll interruzione di linea C-Invio o Carattere speciale Interruzione di linea dl menu Inserisci per inizire un nuov rig ll9interno di un miente Indirizzo o Right AddressF

3.3.8 Scrittura Accademica


v mggior prte dei doumenti demii inizino on un sunto e terminno on un iliogr( o un eleno di riferimentiF v prevede degli mienti prgrfo per entrmi gli elementi soprittiF

3.3.8.1

Sunto

v9miente Sunto utlizzto per il sommrio di un rtioloF enimente potreste impiegre questo miente dppertuttoD m relistimente dovreste riorrervi soltnto ll9inizio del doumentoD dopo il titoloF snoltre non perdete tempo nel erre di nnidre Sunto in qulos9ltro o vieversD in qunto non funzionerF v9miente Sunto utile soltnto nelle lssi di doumento rtile e report ed nhe msrtD he non ltro he un versione speilizzt di rtileF v lsse di doumento ook ignor ompletmente l9AbstractD mentre triste riorrere l Sunto on l lsse di doumento letterF v9miente Sunto svolge per voi lune operzioniF sn primo luogoD posizion l entro l9etihett ommrio sopr il testoF v9etihett ed il testo del somE mrio sono seprti d lune righe vuoteF sn seondo luogoD impost un font pi pioloD os ome vi spetteresteF sn ultimo inserise qulhe rig vuot tr il sommrio ed il testo suessivoF sn relt questo il modo in ui verr rppreE sentto sullo shermo di vF e il vostro doumento nell lsse reportD il sommrio l momento viene riporttoD nell versione di stmp del (leD su un pgin seprt F v9inizio di un nuovo prgrfo medinte il tsto Invio non resett l9miente prgrfoF sl nuovo prgrfo sr nor nell9miente Sunto e quindi dovreE te essere voi provvedere l mio di miente nel momento in ui vrete terminto di inserire il sommrio del vostro doumentoF gi pieree fornirvi un esempio dell9miente SuntoD m non possimo in qunto questo doumento nell lsse ookF e non vete mi sentito prlre di un sunto (no questo momentoD ignorte trnquillmente questo mienteF

3.3.8.2

Bibliograa

v9miente Bibliograa solitmente utilizzto per elenre i riferimentiF eniE mente potreste invore quest9miente dppertuttoD m relistimente dovreste impiegrlo soltnto ll (ne di un doumentoF snoltre non erte di innestre Bibliograa in qulhe ltro miente o vieversD vi ntiipimo he non funzionerF

RR

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

undo prite per l prim volt un miente BibliograaD v inserise un spzitur vertile piuttosto estesD seguit dll intestzione filiogrE ( o iferimenti in dipendenz dell lsse di doumentoF v9intestzione res medinte un rttere grnde in grssettoF ygni prgrfo dell9miente Bibliograa un elemento dell iliogr(F sn questo modoD l pressione del tsto Invio non resett l9miente prgrfoF ello inizio dell prima riga di isun prgrfo osserverete un rettngolo di olore grigio ontenente un numeroF e lite su di essoD omprir un (nestr nell qule potete segliere un chiave ed un etichettaF v hive il nome simolio medinte il qule frete riferimento questo prtiolre elemento dell iliogr(F er esempioD supponimo he il primo elemento nell iliogr( A fosse un testo sul v i e per esso potremmo segliere l hive ltexguideF e ssegnimo nhe l9etihettD ess verr riportt ll9interno del rettngolo grigioF sl mpo chiave non privo di utilitF snftti potete riferirvi gli elementi dell vostr iliogr( medinte il omndo Inserisci Riferimento della citazioneF i st segliere l hive ll9interno dell9eleno Disponibile ed ggiungerl ll9eleno Selezionato utilizzndo il ottone ontrssegnto on l frei rivolt sinistrF possiile vere riferimenti multipli segliendo pi di un hiveF n esempio di Bibliograa riportto ll (ne di questo doumento e gonsulE tte R o QD gpitolo Q un esempio di ome itre due degli elementi in ess ontenutiF xell seond itzione i simo serviti del mpo Testo dopo presente nell (nestr itzione per ggiungere il testo gpitolo QF ve sritte ltexguide e ltexompnion he osservte sullo shermo srnno sostituite in fse di stmp dl numero o dll9etihett reltiv l orrispondente elemento dell iliogr(F v support inoltre fiiD il phetto pi vnzto per l gestione A di iliogr(e v iF er vere hirimenti inerenti il suo utilizzoD leggete il doumento Caratteristiche estese di LYXF

3.3.9 Ambienti speciali


gi sono tre mienti prgrfo prede(niti he non rientrno in nessun tegori in qunto sono speilistii per prtiolri pplizioniF hesriveremo desso le loro rtteristihe e modlit d9usoF

3.3.9.1

Didascalia

v9miente Didascalia l9miente prgrfo prede(nito per le Figure Flottanti e le Tabelle FlottantiF ell9interno di vD vedrete si l9etihett pigure 5X o le 5XD in dipendenz del tipo di Flottante preso in onsiderzioneF xel doE umento (nle l9etihett generi visulizzt in v sr sostituit dl numero e'ettivo ssoito ll dt (gur o tellF xon potete ovvimente nnidre null dentro un miente Didascalia o vie versF sn ggiuntD l pressione del tsto Invio resett l9miente prgrfo StandardD un Didascalia oup dunque un solo prgrfoF

3.3.

GLI AMBIENTI PARAGRAFO

RS

v9miente Didascalia non utilizzile l di fuori di un Figura Flottante o di un Tabella FlottanteF gonsultte le sezioni RFQ e RFR per ulteriori informzioni sulle Figure Flottanti e le Tabelle FlottantiF

3.3.9.2

Codice LYX

v9miente Codice LYX un9ltr estensione di vF isso impost un font tipio per l srittur mhin ed inoltre onsider il tsto Spazio ome un rttere vuoto di dimensione (ssY5 questo l9unio so in v nel qule previst l digitzione di pi spzi onseutiviF e vete isogno di inserire righe vuoteD dovrete nor riorrere C-Invio l funzione interruzione di lineaF Invio interrompe i prgr(F gomunque fte ttenzione l ftto he Invio non resett l9miente prgrfoF uindiD qundo terminte di utilizzre l9miente Codice L XD dovrete modi(re d voi l9miente prgrfoF snoltre vi possibile Y nnidre l9miente Codice LYX ll9interno degli ltriF isistono lune limitzioni rigurdnti tle mienteX

xon potete usre C-Invio ll9inizio di un nuovo prgrfo d esempio non potete fr seguire un Invio d un C-InvioF xon potete inserire un
SpazioF C-Invio

seguito d uno
InvioD

SpazioF

 snizite un nuovo prgrfo on

quindi potete fr uso dello

 y in lterntiv riorrete C-SpazioF


xon possiile vere un prgrfo vuoto o un rig vuotF hovete inserire lmeno uno Spazio in isun rig he volete si vuotF sn so ontrrio A v i generer degli erroriF xon potete ottenere i doppi pii tipii dell srittur mhin digiE tndo " poih tle zione porter ll9inserzione di doppi pii realiF sn tl so dovrete usre C-" @o C-q se utilizzte le ssoizioni d tstier similEimsAF
iovi un esempioX

#include <stdio.h> int main(void) { printf("Ciao Mondo\n"); return 0; }


zontale
5 Nell'ambiente
piuttosto che come un marcatore di ne parola.

Codice LYX,

il tasto

Spazio

trattato alla stregua di un

Riempimento oriz-

RT

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

uesto il tipio odie per ottenere sullo shermo l not frse gio wondo3F Codice L X h un solo oiettivoX formttre del odieD d esempio i sorgenti Y delle pplizioniD (les di sript per le shellD rE(les e os viF iorretevi soltnto in quei si molto speili nei quli dovete generre del testo ome se veste ftto riorso d un mhin per srivereF

3.3.9.3

Commento

v9miente prgrfo Commento serve inserire ommenti reltivi l vostro doumento he non dovrnno pprire nel risultto (nleF er fr s he i si evidenteD v rppresenter l9miente ommento in un olore di'erente rispetto l resto del testoF

3.4 Annidamento degli ambienti


3.4.1 La grande scommessa
xelle sezioni preedenti vi imo onstntemente trtssti on l frse nE dte leggere l ezione QFRF edesso vi strete hiedendo qule si l grnde rivelzione he vi spettD eeneD ess onsiste nel ftto he v di'erise netE tmente dl trdizionle onetto progrmm di videosrittur in sostituzione dell glori(t mhin d srivereF gon un mhin d srivereD il testo sempliemente inhiostro sull pginF v mggior prte dei progrmmi di videosrittur non sono poi tnto miglioriD trttndo il testo ome pixels sullo shermo e ome ytes in memoriF hi ontroD v onsider il testo ome un unio loo ll9interno di un prtiolre ontesto e on propriet en de(niteF h9ltrondeD os oorreree fre se voleste he un loo ereditsse lune propriet di un ltro looc iportimo un esempio pi spei(oX gli elementi evidenzitiF upponimo doite mettere in evidenz tre punti fondmentliD on il punto 5P ontenente ltri due sottopuntiF sn ltre proleD vete un list dentro un9ltr listD on l list pi intern ttt ll9elemento 5PX IF uno PF due @A sottolist E elemento 5I @A sottolist E elemento 5P QF tre gome fte d inserire un list dentro un listc h9or in poi l rispost semplieX nnidndo un list dentro l9ltrF ennidre un miente semplieF er modi(re l profondit di nniE dmento del prgrfo orrente selezionte Aumenta il rientro del contesto o Diminuisci il rientro del contesto dl menu Struttura @l rr di stto indiher

3.4.

ANNIDAMENTO DEGLI AMBIENTI

RU

l profondit di nnidmentoAF sn lterntivD il medesimo risultto si ottiene medinte le ominzioni d tstier S-M-Sinistra e S-M-Destra6 . v modi( dell9nnidmento verr e'ettut sull9eventule porzione di testo selezionto @permettendovi di modi(re l9nnidmento di pi prgr( on un9uni zioneA o sul prgrfo in usoF v modi(her l profondit di nnidmento solo se onsentitoF e l9zione risult non vlidD non dr nullF snoltreD l vrizione dell profondit di nnidmento di un prgrfo gir nhe sull profondit di eventuli prgr( ulteriormente nnidti l suo internoF oih di0ile desrivere esttmente ome v si omport in situzioni similiD vi onsiglimo di e'etture delle prove e veri(re il risultto (nleF v9nnidmento non limitto lle listeF sn v potete nnidre prtimente ogni os dentro qulunque ltr e i rppresent l ver forz dell9nnidmento degli mienti prgrfoF

3.4.2 Annidamenti permessi e proibiti


rim di sommergervi on un eleno di mienti prgrfoD doimo dirvi qulos di pi rigurdo le modlit di funzionmento dell9nnidmentoF v9nnidmento un 're pi omplesso di un semplie s o noD di un si pu o non si puF g9 nhe l questione del ome si ppliF otete nnidre questo miente dentro qulunque ltroc id un ltro miente nel primoc ispondere s ll prim domnd non grntise il s ll seondF qli mienti prgrfo in v possono omportrsi in tre modi diversi qunE do si prl di nnidmentoF rimoD un miente pu essere ompletmente non nnidileF eondoD i sono mienti he sono sempre nnidili e quindi poteE te nnidrle ll9interno di ltri elementi o vieversF v9ultimo tipo di miente pu essere nnidto dentro ltri mientiD m non invee permess l9operzione inversF iportimo qui di seguito un list dei tre possiili omportmenti di nniE dmento e degli mienti prgrfo i quli si riferisonoX7

Non annidabili xon potete nnidrli e nnidre l loro internoF



Parte Capitolo Sezione Sottosezione Sotto sottosezione

sia Y L X consente anche di annidare , e, e in altri ambienti. Vi Y A E raccomandiamo di non farlo. L T X potrebbe avere strani comportamenti se provaste. Non lo che

6 Alternative all'alternativa sono le combinazioni M-p Sinistra e M-p Destra 7 Per qualche strana ragione, L X vi permette di annidare in modo completo

Sunto.

Titolo Autor

Data

Bibliograa

sappiamo per certo. Comunque, non ha senso, contestualmente a questi ambienti, far risocorso all'annidamento, quindi perch mai dovreste volerlo?

RV

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

Paragrafo Sotto sottoparagrafo Parte* Capitolo* Sezione* Sottosezione* Sotto sottosezione* Bibliograa Sunto Titolo Autore Data

Completamente annidabili otete nnidrli e nnidre l loro internoF



Verso Virgolette Citazione Puntualizza Enumera Descrizione Elenco Codice L X Y

Annidabili internamente otete nnidrli ll9interno di ltri elementiD m


non vieversF

Standard Right Address Indirizzo

v9miente Didascalia non rientr in nessun tegori in qunto si utilizz solo nelle Tabelle ottanti e nelle Figure FlottantiF

3.4.

ANNIDAMENTO DEGLI AMBIENTI

RW

3.4.3 Annidamento di altri elementi: tabelle, formule matematiche, oggetti ottanti, etc.
isistono ltri elementi he non sono mienti prgrfoD m he sono omunque soggetti d nnidmentoF issi sono rispettivmenteX

equzioni telle (gure


xotX se inserite un (gur o un tell ll9interno di un Oggetto Flottanqunto ppen 'ermto non risult pi veroF er ulteriori informzioni proseguite nell lettur dell guid o onsultte le sezioni RFQ o RFRF v in grdo di trttre i tre oggetti itti si ome un singol prol he ome un prgrfoF xon potete inserire un tell in lineD m potete frlo on le formule e le (gureF e un (gur o un equzione in lineD ess si posizioner l dove ndree il prgrfoF sn ltre proleD se vete un equzioneD (gur o tell ll9interno di un pE rgrfo dedito solo loroD esso si omport ll stess stregu di un miente prgrfo nnidileF i onsentito nnidrlo dentro qulunque mienteD m non nnidre ovvimente qulos l suo internoF iovi un esempio on un tellX
teD

IF rimo ilemento @A uesto @A ed nnidtoF d @A uesto @AF v tell l momento nnidt dentro @AF PF sndietro di un livelloF e non vessimo nnidto 'tto l tellD l list sree pprs nel seguenteX IF rimo ilemento @A uesto @A ed nnidtoF

SH

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

IF uesto @AF v tell per nienteF PF sndietro di un livelloF

non

nnidt dentro @AD nzi non nnidt

xotte ome l9elemento @A non solo non si pi nnidtoD m si diventto ddirittur il primo elemento di un nuov list3 g9 un ltr trppol nell qule potreste dereX nnidre l tellD m non ndre su0ientemente in profonditF v onverte tutto i he segue l tell in un nuov sottolistF IF rimo ilemento @A uesto @A ed nnidtoF

@A uesto @AF v tell nnidt dentro rimo ilementoD m dentro @AF PF sndietro di un livelloF

non

gome potete osservreD l9elemento @A stto onvertito nel primo elemento di un nuov listD m ret internamente ll9elemento IF v stess os sree dut d un (gur o d un equzioneF uindiD se nnidte telleD (gure o equzioniD ssiurtevi di ver (ssto il orretto livello di profonditF sn ultimo onsiderimo i osidetti Oggetti FlottantiF n Oggetto Flottante un porzione di testo ssoito on un qulhe tipo di etihettD m he non possiede un ollozione (sst univomenteF isso pu inftti )ottre vnti o indietro di un o due pgineD l dove meglio si dttF ve Note a pi di pagina e le Note a margine sono elementi )ottntiD os ome le Tabelle Flottanti e le Figure Flottanti. undo srivete un doumento on v D un Oggetto Flottante hiuso viene visulizzto ome un ottone grigio ontenente un etihett di oloro rosso disposto ll9interno del prgrfo nel qule si trovF h9ltrondeD poih un Oggetto Flottante non h un posizione pre(sst nel testo (nleD l9nnidmento non h e'etto sul suo ollomento dopo he il vostro doumento A si stto 0dto l v iF

3.4.4 Utilizzo e caratteristiche generali


3.4.4.1 Limiti dell'annidamento
iferendoi i livelliD v in grdo di relizzre (no T nnidmentiD in ltre prole il livello 5T quello pi profondoF iovi un esempio per hirirvi le ideeX

3.4.

ANNIDAMENTO DEGLI AMBIENTI

SI

IF livello 5I E il pi esterno @A livello 5P iF livello 5Q eF livello 5R livello 5S  livello 5T vo ripetimoD v h un mssimo di T livelliD indi'erentemente dgli spei(i mienti prgrfo d voi utilizztiF8 otete dunque nnidre (no sei liste Descrizione o mienti VersoD e os viF i nhe possiile mesolre gli mientiD ome vedremo in seguitoF isistono due eezioni l limite di sei nnidmenti e sono mostrte entrmE e negli esempiF gontrrimente gli ltri mienti ompletmente nnidiliD potete ottenere solo (no quttro nnidmenti on gli mienti Enumera e PuntualizzaF er esempioD se provimo d nnidre un9ltr list Enumera dentro l9elemento eFD otterremo un erroreF9

3.4.5 Alcuni Esempi


sl modo migliore per illustrre qunto potete fre on gli nnidmenti siurE mente il loro impiego direttoF eimo diversi esempi di nnidmentoD nei quli spieghimo ome l9esempio stto ottenutoD di modo he possite eventulmente riprodurliF

3.4.5.1
5IE

Esempio #1: Annidamento di sei elementi e Misto


ElencoF M-Invio

uesto il livello pi esternoF un miente 5PE

uesto il livello 5PF stto ottenuto usndo d M-p DestraF 5QE

seguito

uesto il livello 5QF uest volt stto su0iente premere InvioD quindi M-p Destra due volte in un stess rigF evremmo potuto ottenere lo stesso risultto ome nel livello preedenteD shiindo M-Invio seguito d Mp DestraF uesto un miente StandardD nnidto dentro 5QEF uindi un livello 5RF vo imo reto medinte MInvio, quindi M-p DestraD ed in ultimo mindo l9mE iente di prgrfo StandardF uesto di grnde utilit per relizzre liste venti pi di un prgrfo E v ene nhe per gli mienti DescrizioneD Enumera e PuntualizzaF

8 Sfortunatamente, L X non provvede a superare questo limite. Se ci provate, L T X vi A E Y restituir degli errori nel momento in cui tenterete di compilare il documento nale. 9 Ancora una volta L X non consente di superare questo limite. Se ci provate, L T X vi A E Y restituir degli errori nel momento in cui tenterete di compilare il documento nale.

SP

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

io un ltro prgrfo ottenuto on un M-InvioF 5RE

StandardD

nor livello 5RD

uesto il livello 5RF eimo premuto M-Invio e mito l9miente prgrfo ElencoF iE ordte E non possimo nnidre null dentro un miente StandardD i spieg perh simo nE or livello 5RF gomunqueD possiamo inserire nnidmenti dentro 5QEF 5SE uesto il livello 5SF F F 5TE F F F e questo il livello 5TF edesso dovreste spere ome li imo ostruitiF

5SE 5RE 5QE 5PE 5IE

sndietro l livello 5SF fst shiire M-Invio seguito d un M-p SinistraF


M-p SinistraD

hopo un ltro M-Invio seguito d un simo tornti indietro l livello 5RF

sndietro l livello 5QF yvvioD noc

sndietro l livello 5PF

ell (neD indietro l livello pi esternoD 5IF hopo quest frseD premereE mo Invio e mieremo l9miente di prgrfo Standard per terminre l listF

gi simo3 xturlmenteD l posto dell9miente ElencoD vremmo potuto nE he riorrere gli mienti DescrizioneD VirgoletteD Citazione o VersoF v9esempio vree funzionto ll stess mnierF

3.4.5.2

Esempio #2: Ereditariet

Questo l'ambiente Codia livello #1, il pi esterno. Adesso schiacceremo Invio, quindi Mp Destra, successivamente passeremo all'ambiente
ce L X, Y

Enumera.

1. Questo l'ambiente

Enumera,

a livello #2.

2. Notate come l'Enumera annidato eredita dall'ambiente padre [Codice LYX] non solo i margini, ma anche il carattere e la spaziatura!
eimo terminto l9esempio premendo InvioF uindi imo vuto isogno di riportre l9miente di prgrfo Standard e resettre nor un volt l profondit di nnidmento on M-p SinistraF

3.4.

ANNIDAMENTO DEGLI AMBIENTI

SQ

3.4.5.3

Esempio #3: Etichette e livelli con gli ambienti Enumera e Puntualizza.


EnumeraF

IF uesto il livello 5ID in un miente di prgrfo nnidrne un el po9F

timo per

@A uesto il livello 5PF eimo ftto riorso M-Invio seguito d M-p DestraF gos suede desso se provimo d nnidre qui un miente Puntualizzac r un livello 5QD m on qule etihettc n sterisoc

xo3 il mrtore di list pllinoF il primo livello dell9mE iente PuntualizzaD seene si trovi livello 5QD quindi l su etihett un punto di grndi dimensioniF xotX simo rriE vti qui medinte M-InvioD quindi M-p DestraD in(ne mindo l9miente PuntualizzaF

 imo livello 5RD ottenuto usndo


vo fremo norF F F

M-Invio

M-p DestraF

iF F F F per rrivre livello 5SF tvolt simo tornti ll9mE iente prgrfo EnumeraF ysservte il tipo di numerzioE ne3 Romano minuscoloD in qunto i trovimo nel terzo miente Enumera per intenderiD simo in un Enumera dentro un Enumera dentro un EnumeraF iiF ghe suede se non mimo l9miente di prgrfoD m diminuimo l profondit di nnidmentoc ghe tipo di numerzione utilizzer vc iiiF ulor non l9ite pitoD stimo utilizzndo M-Invio per mntenere l9miente e l profondit ttule rendo per un nuovo elementoF ivF ste M-p Sinistra per diminuire l profondit dopo il prosE simo M-InvioF iF uesto il livello 5RF ysservte qule tipo di etihett st doperndo v3 iF uesto il livello 5QF eene imo mito livelloD v riE orre nor ll numerzione omn minusol per l9etihettF erhc3 iiF erhD nonostnte l profondit di nnidmento si stt modiE (tD il prgrfo ancora un miente Enumera di terzo livelE loF pte ttenzione l ftto heD omunqueD v ha provveduto resettre il onttore reltivo ll9etihettF @A n9ltr sequenz di M-Invio M-p Sinistra e i trovimo nuovmente livello 5PF tvolt non solo imo modi(to l profondit di nnidmentoD m i simo nhe spostti ll9miente Enumera di seondo livelloF

SR

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

PF v stess os si veri( se pplihimo nor tornndo livello 5ID il pi esternoF

M-Invio M-p SinistraD

riE

sn ultimoD riportimo l9miente StandardF gome potete vedereD il numero di livello non oinide ol tipo di etihett dottt d v per gli mienti Enumera e PuntualizzaF sl numero di altri ambienti Enumera he si trovno ttorno determin qule etihett us v per un elemento EnumeraF v medesim regol vle per l9miente PuntualizzaF

3.4.5.4

Esempio #4: Per farvi impazzire un po'...

IF edesso ndremo ruot lierF xon nnideremo os in profondit ome ftto negli ltri esempiD n senderemo nel medesimo grdo di dettglio per le spiegzioniF livello 5IX Enumera Invio, M-p Sinistra, StandardX livello 5P lvolt forniremo tr prentesi qudre un sinteti desrizione del modo in ui l9esempio stto retoF er esempioD le due ssoizioni d tstier indino ome si provveduto modi(re l profonditF v9miente D ovvimenteD quello orrenteF i prim he dopo di questoD provvederemo d inserire il livelloF PF Invio,
EnumeraX

livello 5I uesto il prossimo elemento dell listF

edesso ggiungeremo dei versiF r molto peggioF Invio, M-p Sinistra, VersoX livello 5P rllllero trllllF v ttut hi l fc M-Invio io un tell tutt per voiX pippoEuno pippoErosso M-Invio, stra
Tabella, M-p Destra

pippoEdue pippoElu
M-Invio, Verso, M-p Sini-

Q volteD

QF Invio, EnumeraX livello 5I uesto un ltro elementoF oih selezioE nndo un TabellaD l profondit di nnidmento viene riportt livello 5ID imo provveduto d inrementre l profondit Q volte in modo d porre l tell dentro l9miente VersoF edesso stimo per terminre l list Enumera mindo su Cigi trovimo nor livello 5IF hesiderimo mostrrvi luni degli e'etti he possiile ottenere mesolndo gli mientiF s prossimi prgr( individuno un letter virgoletttF ennideE remo entrmi gli mienti Indirizzo e Right Address ll9interno di un
tazioneF

3.5.

FONTS E STILI DI TESTO

SS

e ne nnideremo un ltro per il orpo dell letterF seE remo M-Invio per mntenere l profonditF xon sordte he vete isogno di C-Invio per inserire pi righe negli mienti Address e Right AddressF io he rrivX i erdi IPQ
Citazione

PHIHH wilno WETEWT gro ignor ossiX imo spienti di informrl he non i possiile soddisfre l su rihiest per SH vitri di ltte lio(lizzto przilmente sremto us di irostnze he sfuggono l nostro ontrolloF fortuntmenteD molte delle nostre muhe sono misteriosmente esploseD rendo un notevoE le imrzzo nell popolzione irostnteF snseriremo il suo nome ll9interno dell list d9ttes e erheremo di evderlo il prim possiileF xel frttempoD l ringrzimo per l su pzienzF edesso imo omunque un prezzo speile sull rneF e di suo interesseD pregto di sottopori il suo ordineD unitmente l pgmentoF qrzie nor per l su pzienzF inermenteD qiovnni hl orto i os si onlude l9esempio3 gome vete potuto osservreD in v l9nnidmento degli mienti uno struE mento molto potente del qule servirsi servendosi di pohi tstiF eimo poE tuto nnidre filmente un list Puntualizza dentro un Citazione o VirgoletteD o inserire un Virgolette ll9interno di un list PuntualizzaF evete disposizione un enorme vriet di opzioniF

3.5 Fonts e stili di testo


3.5.1 Introduzione
wolti linguggi di srittur e di mrtur prediligono l selt dello stile del testo piuttosto he di un prtiolre fontF er esempioD invee di mire il font orrente in itlio per enftizzre il testoD riorrerete d uno stile enftizztoF uesto onetto si dtt ll perfezione vF sn vD voi gite in se l ontesto trlsindo i dettgli di formttzioneF

ST

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

v vi onsente di spei(re un font prede(nito on l possiilit di disporre degli stili di rttere Enfatizzato e NominativoF vo stile Enfatizzato orrisponde d un font itlioF vo stile Nominativo orrisponde d un font in miusolettoD he lune lingue e stili di srittur utilizzno per srivere i nomi propriF sl v em si ugur he verr il giorno in ui i sr un insieme ompleto di stili di rttereD on l possiilit per l9utente di personlizzre l9ssoizione tr font e stileF el momento dovreste essere omunque gi soddisftti di qunto imo fttoF

3.5.2 Opzioni Globali


otete segliere il font prede(nito nell (nestr Struttura del documentoD rihiE mile invondo Documento... dl menu StrutturaF isistono l suo interno due opzioni interessntiD Carattere e DimensioneF ve possiili selte in Carattere inludono  default e un list dei font disponiili sul vostro sistemF v selt  default orrisponde l font stndrd iD noto ome omputer modern @mA o iuropen modern @eAF v mggior prte dei sistemi tipimente possiedono lune versioni dei font imes ed relvetiD on ltre vrintiF uesto lo dovrete veri(re d voiF er l9opzione DimensioneD esistono tre possiili vloriX 10D 11D nd 12F iE ordte he quest l dimensione base del fontF v l momento rpport d esso tutte le ltre possiili dimensioni dei font @ome nhe quelli usti nelle note pi di pgin e l mrgineD esponenti e pediiAF e vi neessrioD vete sempre l possiilit di ontrollre on mggiore preisione l dimensione del font ll9interno del doumentoF h9ltronde piuttosto sonveniente usre un rttere prede(nito di dimensione pri Vpt o PRptD in qunto il doumento generto sree qusi siurmente illeggiileF ysservte he un volt he vete selto un nuovo vlore per Carattere o DimensioneD v non e'ettuer lun modi( sullo shermoD m soltnto sul doumento (nleD seondo il onetto dell (loso( swF hopotuttoD se siete stnz svegli d sper doperre un omputerD riorderete he un testo in omno ll9interno dell (nestr di v orrisponde l rttere prede(nitoF

3.5.3 Impiego degli stili di carattere


gome imo gi vistoD v mi utomtimente lo stile di rttere per determinti mienti prgrfoF eimo nhe menzionto due ltri stili di rttereD Enfatizzato e NominativoD he potete ttivre si medinte ssoizioni di tstiD d menuD nonh ttrverso l rr degli strumentiF er ttivre lo stile NominativoD su0iente ompiere un delle seguenti operzioniX

segliere

Stile nominativo

dl menu

Struttura

lire sul tsto dell rr degli strumenti ontrssegnto on un ion r0gurnte un uomo

3.5.

FONTS E STILI DI TESTO

SU
M-c c

riorrere ll9ssoizione d tstier

uesti omndi sono tutti interruttoriF uindiD se lo stile Nominativo gi ttivoD essi provvedernno disttivrloF no degli utilizzi pi tipii dello stile Nominativo per i nomi propriF er esempioX  Matthias Ettrich l9utore originle di vF vo stile Enfatizzato uno stile di rttere di pi lrgo impiegoF otete ttiE vrlo o disttivrlo E nh9esso un interruttore ompiendo un delle seguenti operzioniX

segliere

Enfatizza lo stile

dl menu

Struttura

lire sul tsto dell rr degli strumenti ontrssegnto dl rttere 3 riorrere ll9ssoizione d tstier
M-c e

el momentoD lo stile Enfatizzato equivlente ll9itlioF eimo pini(E to di rendere in futuro tle ssoizione mggiormente on(gurile d prte dell9utenteF eimo utilizzto lo stile Enfatizzato dppertutto ll9interno di questo doE umentoF ione un ltro esempioX
Non esagerate con gli stili di carattere!

v9esempio nhe un vvertimentoF sl modo di srivere di ognuno di noi doE vree ssomiglire d un normle onverszioneF gos ome in genere non stimo sempre gridre gli uni verso gli ltriD nlogmente dovremmo evitre l ttiv itudine di usre degli stili di rttereF yh " un9ultim notX otete sempre tornre l font prede(nito medinte l9ssoizione M-c SpazioF

3.5.4 Controllo pi accurato con la nestra Struttura del

Carattere

i veri(hernno sempre delle osioni nelle quli vrete isogno di un ontrollo pi urtoD tl (ne v vi d l possiilit di rere uno stile di rttere personlizztoF er esempioD un rivist demi o un ziend potreero vere un foglio di stile nel qule in determinte situzioni potree essere neesE srio usre un font snsEserifF10 enorD gli srittori tlvolt impiegno un font diverso per evidenzire i pensieri di un personggio dl normle dilogoF rim di istruirvi sulle modlit per personlizzre lo stile di rttereD desiE derimo vvertirvi nor un voltX xon uste degli stili di rttereF wolti moderni progrmmi di videosrittur possiedono un vst gmm di font diE sponiiliD fornendovi tutti le potenzilit in dotzione d un tipogr(F forE tuntmenteD 9 l tendenz d usre di questi strumentiF iene in mente l
10 Nota
di

John Weiss:

Esiste, infatti, un foglio di stile dedicato per la Documentazione di

L X, per garantire ai manuali un certo grado di consistenza. Y

SV

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

frseD tilizzre un rrrmto per uidere un mosF iD ome sturise di vehi dettiD i doumenti he fnno troppo uso di font diversi e on dimensioni di'erenti somiglino quluno he stto riempito di grossi uhiF u0ientemente hiroF er ottenere dei font personlizztiD prite l (nestr Struttura del Carattere medinte Carattere... dl menu StrutturaF sn quest (nestr sono disposti sette ottoniD isuno dei quli orrisponde d un di'erente propriet del fontF er ognun delle sette propriet potete segliere un opzione oD in lterntivD Nessuna modicaD he mntiene lo stto ttule dell proprietF v voe Reimposta provveder resettre l propriet l vlore prede(nito per l9miente prgrfo in nlisiF otete riorrervi per resettre in un sol volt gli ttriuti di un moltitudine di diversi mienti prgrfoF ve sette propriet per i font e le loro opzioni in ggiunt Nessuna modica e Reimposta sonoX
Famiglia

v9spetto omplessivo del fontF ve possiili opzioni sonoX


Romano

uest l fmigli di font omno ed nhe l fmigli prede(nitF ssoizione d tstiera M-c r
Questa la famiglia di font Sans Serif.

Sans Serif

ssoizione d tstiera
Typewriter

M-c s

Questa la famiglia di font Typewriter. ssoizione d tstier a M-c p

Serie

uesto identi( il peso di stmpF ve opzioni sonoX


Medio

uest l serie del font wedi ed l serie prede(E nitF

Grassetto

Questa la serie del font Grassetto.


otete ttivre o disttivre quest serie servendovi dell voe Bold Style presente nel menu Struttura o medinte l9ssoizione d tstier M-c bF

Forma

sl nome si spieg d soloF ve opzioni sonoX


Dritto

uest l form del font xormleF iss nhe l form prede(nitF


Questa la forma del font Italico.

Italico Sghembo

@seene non si evidente sullo shermoD ess di'erente dll9itlioAF


Questa la forma del font Sghembo

Maiuscoletto Questo la forma del font maiuscoletto.

3.5.

FONTS E STILI DI TESTO

SW

Dimensione

wodi( l dimensione del fontF xon troverete nessun vlore nuE merioD in qunto tutte le possiili dimensioni sono proporzionli ll dimensione del font prede(nitoF enor un voltD non impoE nete v i dettgliD m un desrizione generle di i he volete ottenereF ve opzioni e le loro ssoizioni d tstier sonoX
Minuscolo
Qeusta la dimensione Minuscolo.

ssoizione a
Piccolissimo

M-s t

M-s 1

Questa la dimensione Piccolissimo.

ssoizione a ssoizione a
Piccolo

M-s

P o o
M-s

Molto piccolo Questa la dimensione Molto piccolo. M-s S

Q R

Questa la dimensione Piccolo.

Normale

associazione

M-s s

M-s

uest l dimensione xormleF nhe l dimensione prede(nitF ssoizione a M-s n o M-s S


Questo la dimensione Grande.

Grande

ssoizione a
Molto grande

M-s l

M-s

T U

Questa la dimensione Molto grande.

ssoizione a
Grandissimo

M-s S-L

M-s

Questa la dimensione Grandissimo.


ssoizione a
M-s

Enorme

Questa la dimensione Enorme.


ssoizione a
M-s h

M-s

Gigante

Questa la dimensione Gigante.


ssoizione a
M-s H

M-s

i vvertimo nuovamente X non esgerte on quest rtteristiF xell mggior prte dei si non dovreste ver isogno di mire

TH

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

l dimensione del fontF v ridimension utomtimente i font in funzione del prtiolre miente prgrfo utilizzto E piuttoE sto uste quelloF uest propriet serve solo per un ontrollo pi urto3
Varie

h qui potete mire qulhe ltr rtteristi legt i rtE teriF ve opzioni sonoX
Enfatizza

Questo il testo con l'opzione di enfatizzazione attivaF

otree semrre identio ll9ItalicoD m l momenE to un po9 diversoF e uste l9opzione inftizzto su di un testo in stlioD quest9ultimo verr rddrizzE toF xelle future versioni di v i ugurimo di onE sentirvi l9estt personlizzzione di quest propriet logicaF
Sottolineato

uesto il testo on ottolineto ttivoF d tstier a M-c u


questo il testo con Maiuscoletto attivo.

Sostantivo

gome EnfatizzatoD questo un ttriuto logioF el moE mentoD equivlente l MaiuscolettoD m in progetto di modi(rlo un giorno o l9ltroF e poteteD erte di evitre il sottolinetoF un eredit del tempo in ui si usvno le mhine per srivere e non er possiile mE ire i rtteriF xon imo pi isogno di enftizzre il testo rilndolo on un rttere sottolinetoF presente in v solo A perh lo in v i e nhe perh quluno potrebbe verne isoE gno per onformit i fogli di stile nel sottoporre rtioli lle riviste @d9ltronde noi vi riorrimo per indire le ssoizioni d tstier lle voi del menuAF
Colore

ettrverso quest voeD potete gire sull selt del olore del testoF xturlmenteD per doperrloD vete isogno di un stmpnte A olori e di ver instllto il phetto v i colorF ppite he xdvi non in grdo di visulizzre questi oloriF yltre Nessun coloreD he rppresent il olore prede(nitoD potete segliere tr Nero, Bianco, Rosso, Verde, Blu, Ciano, Magenta e GialloF v propriet Lingua permette di ssoire porzioni di testo un lingu di'erente d quell prede(nit del doumentoF sl testo in questione sr sottolineto in lu l (ne di visulizzre l vrizioneF

Lingua

hisponete dunque di un enorme vriet di ominzioni tr le quli segliereF n volt he vete selto un nuovo stile di rttere medinte l (nestr Struttura del CarattereD potete ttivrlo usndo il tsto nell rr degli struE menti ontrssegnto on pont o on i normli ottoni OK e ApplicaF sl tsto

3.6.

STAMPA E ANTEPRIMA

TI

nell rr degli strumenti vi permette di gire sullo stto del vostro stile di rttere personlizzto nhe qundo l (nestr Struttura del Carattere non visiileF gome imo 'ermto in preedenzD per resettre ompletmente lo stiE le di rttere quello prede(nitoD utilizzte M-c SpazioF e volete ttivE re solo quelle propriet he vete ppen mito @supponimo he iE te ppen selto sghemo per l form e l serie grssettoAD selezionte Attiva/Disattiva tutto e quindi shiite ApplicaF gonludimo on lo stesso vvertimento di sempreX xon eedete nell9imE piego dei rtteriF issi sonoD nell mggior prte dei siD nient9ltro he un penoso e orriile sostituto del uon srivereF sl vostro srivere dovree prlre d solo " e lo frF

3.6 Stampa e anteprima


3.6.1 Introduzione
yr he imo nlizzto lune delle rtteristihe di se per l prepE rzione di doumenti medinte vD proilmente desiderte spere in he modo stmpre il vostro srittoF rim di hirirvi qunto dettoD desiderimo drvi un reve spiegzione di quello he de dietroEleEquinteF v9rgomento mggiormente dettglito ll9interno del mnule Caratterisitche esteseF A v utilizz un progrmm himto v i qule elemento di seF @etE A tulmente v i solo un phetto di mro per il sistem di omposizione tipogr( iD m per evitre onfusioneD i riferiremo ll9intero sistem on A v iFA enstelo in questo modoX v i he uste per srivereF uindiD A v invo v i per onvertire i he vete sritto in un formto stmpileF sl tutto de in un pio di pssggiX IF sn primo luogoD v onverte il vostro doumento in un insieme di omndi A di testo per v iD generndo un (le on estensioneD  .texF
A PF uessivmenteD v i utilizz i omndi presenti nel (le .tex per proE A durre un doumento stmpileF uttvi v i non s null dell vostr stmpnteD ens gener quello he noto ome un (le indipendente-dal11 dispositivoD o revemente hsF sl risultto (nle un (le on estensioneD  .dviF s (le hs sono ompletmente portili e possono quindi esseE re trsportti d un mhin d un9ltr senz ver isogno di lun form di onversioneF A NOTA: sl (le hs ontiene i he er ll9interno dello stesso (le v iF

e vete inserito immgini ostript R nel doumentoD esister solo un ollegmento questi (leF hunque non sordte di spostre le immgini qulor voleste portre il (le .dvi su un ltro omputerF

11 N.d.T

DVI dall'inglese DeVice-Independent.

TP

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

QF gonsiderte il (le .dvi qule risultto (nleF n volt he lo veE te prodottoD potrete visulizzrloD stmprlo o onvertirlo in un ltro formtoF @A otete visulizzre i (le .dvi medinte il progrmm himto xdviF @A elune stmpnti e sistemi nix pisono il formto hs e sono in grdo di stmpre i vostri (le .dvi direttmenteF @A yggi l mggior prte delle stmpnti omprendono il formto ostript R F v onverte utomtimente il (le .dvi in un (le ostript R qundo intendete stmpre il vostro doumentoF v vi permette nhe di visulizzre un9nteprim di un versione ostript R del doumento usndo il progrmm ghostviewF n vntggio derivnte dll9uso del ostript R he il onvertitoE re himto dvips inserise qulunque immgine ostript R he ite inluso nel doumento ll9interno dell versione ostript R (nle del doumento stessoF snlude inoltre qulunque rttere speE ile del qule vete ftto usoF hi ftto i rende l versione nel formto ostript R moltoD m molto pi portile he quell nel formto hsF v esegue per voi tutti questi pssi in utomtioF gome vete potuto vedereD prim he possite stmpre od ottenere un nteprim del doumento suedono un muho di oseF hi onseguenzD non preouptevi se stmpre rihiede un po9 pi di tempo rispetto gli ltri proE grmmi di videosritturF sl risultto (nle vle l vostr ttesF v qulit h sempre il suo piolo prezzo d sontreF

3.6.2 Anteprima veloce con xdvi


er dre un ohit ll versione (nle del doumentoD on tutte le interruzioni di line l loro postoD le note pi di pgin numerte orrettmente e os viD selezionte DVI dl menu VistaF uindi spettte un ttimoF undo tutto i he de dietro le quinte sr giunto l termineD v invoher il progrmm xdviF edesso osservte il risulttoF e volete sperne di pi su xdviD onsultte le pgine man reltiveF

Trucchetto: wntenete pert l (nestr xdviD mgri spostndol in un ltro


Aggiorna

desktopF uindiD dopo ver e'ettuto delle modi(he l doumentoD uste DVI dl menu VistaF edesso lite sull (nestr xdviF sl progrmm xdvi utomtimente rilegger il (le .dvi e ggiorner l visulizzzioneF

3.6.3 Anteprima della versione PostScript R con ghostview


sn generleD il modo pi semplie e veloe per e'etture l9nteprim del vostro doumento medinte l9uso di xdviF gi sono per dei si nei quli potreste

3.6.

STAMPA E ANTEPRIMA

TQ

voler vedere l versione ostript R F no dei motivi potreeD d esempioD A essere rppresentt di rtteriF12 ell9interno di un doumento v i potete usre rtteri ostript R D m xdvi non ve li mostrerF sn tle osione vrete isogno di riorrere ghostview o qulhe ltro visulizztore di (le ostript R per veri(re il risultto (nleF er vedere l versione ostript R del doumentoD selezionte PostScript dl menu VistaF undo tutte le omputzioni dietro le quinte srnno stte eseguiteD v invoher ghostview e voi potrete (nlmente vedere i he vi interessF igurdo ll9e0i del omndo Aggiorna PostScript presente nel menu VistaD per ggiornre l visulizzzione riordtevi di lire sull (nestr di ghostview dopo ver invoto il omndoF

3.6.4 Stampa di un le


er stmpre un (leD selezionte Stampa... dl menu FileD o riorrete l tsto presente nell rr degli strumenti ontrssegnto d un stmpnteF gi porter ll9pertur dell (nestr StampaF possiile stmpre solo le pgine on numerzione pri o dispri E quest modlit prtiolrmente utile per stmpre su entrmi i lti di un foglio nhe se disponete di un stmpnte foglio singoloF i st inftti prim stmpre le pgine dispriD quindi invertite i fogli e stmpte solo le pgine priF elune stmpnti restituisono le pgine ordinndole dll9inizioD ltre dll (neF egliendo un erto ordineD potrete prelevre tutt l pil di fogli senz ver isogno di doverle riordinreF s prmetri reltivi ll stmp possono essere spei(ti ll9interno dell sezione Destinazione della stampa os ome qui di seguito inditoX
Stampante

uesto il nome dell stmpnte sull qule invire i doumentiF13 v stmpnte dovree pire i (le ostript R F

File

sl nome del (le sul qule stmpreF sl risultto (nle sr nel forE mto ostript R F sl (le verr generlmente slvto nell diretory orrenteD meno he non veng spei(to l9intero perorsoF

A v stmp potree rihiedere un po9 di tempoD in qunto v iD dvips eD se non disponete di un stmpnte ostriptD nhe ghostscriptD vrnno isogno di proessre il vostro doumentoF

12 Nota

di

PostScript R prima di mandarlo in stampa, in questo modo so esattamente cosa sto inviando alla stampante. . .

John Weiss:

Un altro motivo la paranoia. Mi piace dare una occhiata al le

13 Osservate

signica che

dvips

che questo nome di stampante non per il comando

lpr

ma per

dvips.

Ci

deve essere congurato per questo nome di stampante.

sezione 2.5.2 o la documentazione di pu essere scelta anche in

lyxrc.

dvips

Consultate la

per ulteriori dettagli. La stampante predenita

TR

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

3.7 Poche parole su alcune notazioni tipograche


3.7.1 Trattini e Sillabazione
sn vD il rttere  - esiste in tre diverse lunghezzeD spesso himte rispetE tivmente trattino breve, medio e lungo X IF trttino reve PF trttino medio QF trttino lungo RF segno meno E ! " ottenuto on  - ottenuto on  -- ottenuto on  --- un  - in modlit mtemti

er inserirli vi st usre il rttere  - pi volte in un rigF v utomtiE mente li onvertir in trtteggi dell giust lunghezz ll9interno del doumento (nleF s tre tipi di trtteggio sono di'erenti dl segno menoD he ompre in modE lit mtemti ed h un spei( lunghezzF ui di seguito riportimo luni esempi di utilizzo del rttere  -X IF interruzioniEdiElineEeEdiEpgin PF hll e! QF yh " 9 un trtteggioF RF x2 y 2 = z 2 @trattino @trattino @trattino @segno
breve A medio A lungo A meno A

uelli di voi he stnno leggendo d v non vedrnno nessun di'erenzD seene si presente nell versione stmptF n9ultim not sull sillzione " v utomtimente spezz le prole e A inserise il trttino reve nei testi in sngleseF @el momento v i he si oup di questo ed in grdo di sillre prole nhe in alcune ltre lingueFA ve prole non srnno sillte (n qundo non genererete il doumento (nleF A eD per qulhe rgioneD v i non riusisse spezzre un prol orrettE menteD potete inserire mnulmente i punti di sillzioneD servendovi dell voe Punto d'unione sotto Carattere speciale ll9interno del menu InserisiF ysservte A he questi punti di sillzione ggiuntivi sono solo romndzioni l v iF A e l divisione in sille non fosse neessriD v i li ignorer ompletmenteF

3.7.2 I Punti
3.7.2.1 Abbreviazioni e ne di una frase
A undo v invo v i per generre l versione (nle del vostro doumenE A A toD v i utomtimente distingue tr proleD frsi e revizioniF v i ggiunge quindi l giust quntit di spzioX le frsi presentno un po9 pi di

3.7.

POCHE PAROLE SU ALCUNE NOTAZIONI TIPOGRAFICHE

TS

spzio tr il periodo e l prol suessivF ve revizioni inserisono dopo il periodo lo stesso spzio he si inserise tr un prol e l9ltr di un frseF fortuntmente l9lgoritmo utilizzto per distinguere un revizione dll (ne di un frse dvvero troppo elementreF e un  . preeduto d un letter minusolD il termine di un frseY se invee preeduto d un letter miusolD llor un revizioneF io luni esempi di revizioni e (ne di frsi interprette correttamente X

wF futter)y xon preoupteviF ite feliiF


F F F e qui un esempio di errto funzionmento dell9lgoritmoX

pF eF qui 9 troppo spzio3 uest un sF eneF


xon vedrete null he non vd ene (no qundo non onsulterete l versione (nle del vostro doumentoF er risolvere il prolemD riorrete uno dei seguenti espedientiX IF ste uno Spazio sezione TFRFSAF
protetto

dopo le revizioni minusole @onsultte l

PF ste un Fine della frase he troverete sotto Inserisci Carattere Speciale per forzre l9utilizzo di uno spzio tr periodiF possiile edere quest funzionlit nhe medinte C-puntoF gon le orrezioniD i preedenti esempi ppiono nel seguenteX

pF eF qui 9 troppo spzio3 uest un sF eneF


elune lingue non utilizzno spzi ggiuntivi tr i periodiF e l vostr lingu tr questeD non dovete preouprviF er oloro he hnno isogno di siurezzD 9 un iuto he permetter loro di ovvire questi stupidi erroriX servitevi dell funzione Modica Controlla TEX desritt in Caratteristiche esteseF

3.7.2.2

Virgolette

v impost orrettmente le virgoletteF sn prtiolreD inserir le virgolette d9pertur ll9inizio di un itzione e le virgolette di hiusur ll (neF er esempioD pertur hiusurF sl rttere dell tstierD "D lo gener utomtiE menteF otete mire il omportmento del tsto " medinte l (nestr VirgoletteF egliete Virgolette... dl menu Struttura Documento LinguaF elezionndo il tsto Doppio onsente di produrre l sequenz  per mezzo del tsto "F sl tsto SingoloD in ontrstoD f s he il tsto " generiX 9F otete nhe segliere virgolette per diversi linguggi medinte l9opzione TipoF isistono sei possiili selteX

TT
Testo

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

tilizz virgolette ome quest doppi o singol9 tilizz virgolette ome queste o 9queste9 tilizz virgolette ome queste o queste tilizz virgolette ome queste o queste9 tilizz virgolette ome queste o queste tilizz virgolette ome queste o queste

 Testo
Testo Testo Testo Testo

enorD i in)uise sul rttere he il tsto " generF h9ltrondeD se volete generre un rttere di virgolette di (duiD digitte C-" ottenendoX "F

3.7.3 Legature
n prti omune in mito tipogr(o quell di rggruppre lune lettere insieme stmpndole ome un unio rttereF uesti gruppi di lettere sono A onosiuti ome legatureF oih v i omprende le legtureD nhe i vostri doumenti v li potrnno ontenereF iovi lune possiili legtureX

' ( ) 0 1
lvolt potree dere he non voglite un legtur ll9interno di un prolF ed esempioD mentre un legtur potree ndr ene in un proE l qule gr0ti ppriree lqunto strn in prole omposteD quli ufE )ink o l tedes hor'estF er spezzre un legturD utilizzte Inserisci Carattere speciale Interruzione di collegamento. gi modi( u1inks in ufE f#links e hor'est in horf#festF

3.7.4 Vedove e Orfani


ell9epo dell nsit dei progrmmi di videosritturD le interruzioni di pgin (nivno lddove pitv he l pgin (nisseF xon 9er lun ur su ome il testo si disponesseF hovreste riordre ome un voltD dopo ver stmpto un doumentoD potev pitre di trovre l9intestzione di un nuov sezione ll (ne di un pginD l prim rig di un nuovo prgrfo tutto solo ll (ne dell pgin o l9ultim line di un prgrfo in im d un nuov pginF uesti spezzoni di testo divennero noti ome vedove e orfaniF

3.7.

POCHE PAROLE SU ALCUNE NOTAZIONI TIPOGRAFICHE

TU

ghirmenteD v pu evitre di interrompere le pgine dopo l9intestzione di un sezioneF uesto uno dei vntggi degli mienti prgrfoF w os si pu fre per vedove e orfni del tipoD l pgin si interrompe lsindo un line di un prgrfo d sol in im o in fondo d un pginc isistono delle A regole interne v i per l gestione delle interruzioni di pginD e lune di quelle sono dedite prevenire l generzione di vedove e orfniF uesto uno A dei vntggi he h v nell9usre v i ome elemento di seF xon esiste lun modo nel qule possimo intervenire sulle regole di interruE A zioni di pgin deise d i e v iD o su ome lterre quel omportmentoF A eluni liri su v i elenti nell iliogr( quli Q o R potreero drvi pi informzioniF gomunqueD voi non dovrete preouprvi qusi mi di questo genere di oseF

TV

CAPITOLO 3.

NOZIONI FONDAMENTALI SU L X Y

Capitolo 4

Oggetti ottanti: tabelle, gure, note a pi di pagina e al margine


4.1 Note a pi di pagina
gontrrimente d ltri progrmmi di formttzioneD v utilizz oggetti )otE tnti ripiegili piuttosto he riportre le sue note pi di pgin in fondo llo shermo o in un qulunque ltro punto del testoF undo inserite un not pi di pgin medinte Inserisci Nota a pi di paginaD vedrete pprireD ll9interE no del vostro doumentoD un rettngolo grigioD ll9interno del qule immettere il testo di interesseD ontrssegnto dll9etihett ross piedeY tle rettngolo identi( proprio l rppresentzioneD in vD dell not pi di pginF e provte lire in orrispondenz dell9etihett  piedeD il rettngolo si hiuE derF glindo su  piede un seond voltD l not pi di pgin si prir e onsentir di visulizzre il testo ontenuto l suo internoF1 wentre ontinute digitreD non vedrete omprire lun numeroD d ogni modo non vete null di ui preouprviD v proeder ll numerzione delle note pi di pgin l posto vostroD disponendo le stesse in fondo lle pgine orrispondentiD ll9tto del proessmento del vostro (leF e desiderte onvertire un testo gi preesiE stente in un not pi di pginD vi sr su0iente selezionrlo e premere il tsto reltivo ll not pi di pgin sull rr degli strumenti @rtterizzto dll9immgine di un frei he punt d un testoD posizionto in un mrgine posto in fondo ll pginAF v non nor in grdo di soddisfre esigenze prtiolri quli il poter resettre nuovmente d I il vlore inizile dell numerzione delle note pi di pginD l termine di isun sezioneD nell9mito dell lsse di doumento  article oppure vrire lo stile del onttoreF sn tl so dovrete riorrere
1 Per
chiudere questa nota a pi di pagina, cliccate sul rettangolo rosso presente a sinistra.

TW

UH

CAPITOLO 4.

TABELLE, FIGURE E NOTE

A ll9inserzione di omndi v i quli quelli desritti nell sezione Trucchi per le Note a pi di pagina e a Margine del mnule grtteristihe estese di v F A NOTA: sn v i ed in v un oggetto )ottnte non un semplie prgrfoD

os ome invee inteso nei omuni progrmmi di videosritturF isso piuttosto un omplesso ostrutto testule in grdo di ontenere qulunque elementoD omprese (gure e telleD eetto per ulteriori oggetti )ottntiF otreste verne rrmente isognoD m ll9oorrenz un funzionlit dvvero utileF

4.2 Note a Margine


sn v le note l mrgine sono molto similiD si nell9spetto he nel omportE mentoD lle note pi di pginF undo inserite un not mrgine medinte Inserisci Nota a margine oppure l pressione del tsto presente sull rr degli strumenti @il qule ontiene l9immgine di un frei he punt d un testoD posizionto nel mrgine lterleAD vedrete omprireD nel punto ove er posto uest un not mrgineF il ursoreD un rettngolo grigioD ontrssegnto dll9etihett ross mrgineF uesto rettngoloD in grdo di ospitre il testo dell notD non ltro he l rppresentzione gr( dell not mrgineF e provte lire l9etihetE t mrgineD il rettngolo si hiuderF otrete omunque prire l not per edere l testo in esso ontenutoD lindo nuovmente sull prol margine F v ssume un lrghezz prede(nit dei mrgini pri IDW m @HFUS polliiA per grntire lo spzio neessrio per le note mrgineF uesto vlore potree non orrispondere lle vostre spetttiveD mD ome nel so delle note pi di A pginD v non nor in grdo di fre tutto i he f v iF sn tl so A provte onsultre un mnule su v i per omndi ggiuntiviF

4.3 Figure e Graci Importati


xessun sistem di preprzione di doumenti pu ritenersi ompleto se non in grdo di importre oggetti gr(i generti d ltri progrmmiF sn vD tli oggetti sono inditi ome (gure si se si trtti di (gure nel senso trdizionle del termine o sempliemente un qulhe genere di immgine importtF v present un ottim gestione delle (gure ostript R snpsulteD fendo esso uso di ghostview per rppresentre un immgine sullo shermo ll9interno A dell (nestr di lvoro e del omndo v i \includegraphics per inserire l (gur nel doumento (nleF ysservte he le (gure lle quli i si riferise in quest sede sono prive di didslie e verrnno inserite esttmente l dove le vete posizionteF e vete isogno di un delle rtteristihe desritteD leggete sezF RFQFIFI sottostnteF er inserire un (gurD lite sul seondo ottone d destr presente sull rr degli strumenti o selezionte Inserisci Graci. . . dl menuF

4.3.

FIGURE E GRAFICI IMPORTATI

UI

e seguito di i sr introdotto un elemento gr(o ll9interno del doumento e omprir un (nestr di dilogo ttrverso l qule segliere il (le d rire e modi(re i prmetri he vi interessnoF

uest (nestr ontiene numerosi prmetriD l mggior prte dei quli doE vreero essere utoesplitiviF sl pnnello File vi onsente di segliere il vostro (le immgine @sono supportti utomtimente svriti formtiAF v9opzione Sottogura utile nel so di (gure )ottnti @onsultte l ezione RFQFIFIAF v (gur pu essere modi(t pplindo un rotzione di un erto ngoloD un ornie oppure un mio di dimensioneF er luni formti d9immgine possiile inserire utomtimente un ornie @fte riferimento l pnnello Bounding BoxAF wolto utile nel so di (gure venti grndi dimensioni l funE zionlit he onsente di ontrollre seprtmente l dimensione dell (gur in v e l dimensione nel doumento (nleF sl pnnello Opzioni aggiuntive A permette di spei(re ulteriori omndi v i ggiuntiviF

4.3.1 Figure Flottanti


4.3.1.1 Usare le Figure Flottanti
v9inserzione dirett di immgini nel testo spesso rende l9impginzione del doE umento estremmente di0oltosF xell9otti di derire ll (loso( di utoE mtizzzione di si'tti proessi d prte di vD potreste preferire l9uso dell A Figura FlottanteD he v @in reltD v A liero di spostre lungo il doumenE i to nell9otti di grntire un migliore disposizione gr(F gome risulttoD v gener l9eleno di queste (gure e vi d l possiilit di inserirvi un didsliD medinte l9miente DidascaliaD nlizzto nell ezione QFQFWFIF er inserire un Figura ottante invote sempliemente d menu Inserisci Oggetti mobili FiguraF ytterrete un oggetto )ottnte privo di ontenutiD nel qule immettere l9immgine medinte il tstoD presente sull rr degli struE mentiD desritto in preedenzF

UP

CAPITOLO 4.

TABELLE, FIGURE E NOTE

pigur RFIX wFgF isher sotto idoF

u semrre semplieD m i vuole stuzi nel posizionre l didsliF e preferite he l didsli sti sotto l (gurD llor premete Invio qundo il urE sore si trov proprio ll9inizio dell didsli ed inserite l (gur in un nuovo prgrfo reto sopr l didsliF sn lterntiD nellte l didsli e riretelD segliendo l9miente DidascaliaD dopo ver inserito l9immgineF ueE sto qunto imo ftto per l (gur RFPF e il ursore si trov invee ll (ne dell didsli ll9tto dell9invozione del omndo GraciD l9inserzione vverE r dopo l didsli stessD ome nel so dell RFIF preferiile fr uso di un singol Figura per ogni Oggetto FlottanteD in quntoD in tle ondizioneD v o A pi relistimente v i grntise un migliore disposizione delle stesseF glindo on il tsto destro sull9identi(tore dell9oggetto )ottnteD verr visulizzt un (nestr di dilogo nell qule potrete modi(re le modliE A t utilizzte d v i per il posizionmento dell9oggetto @fte riferimento ll sezione RFQFIFPAF Dividi le colonne utile solo in presenz di doumenti su due olonneX se selezionte l9opzioneD l9oggetto )ottnte verr d oupre entrme le olonne dell pgin invee di essere on(nt su un delle dueF hll9osservzione dell (gurD evidente nhe l possiilit di de(nireD per essD un etihett d utilizzre nell generzione di riferimenti inroitiY oE s ome vi spetteresteD dopo l lettur dell sezione TFID potete inserire un Etichetta nell didsli e riferirvi normlmente d ess medinte il omndo Riferimento incrociatoF D nell fttispeieD dvvero importnte fr uso dei riferiE menti inroiti on le (gure )ottntiD piuttosto he riorrere vghi riferimenti A del tipo l (gur soprD in qunto v i disporrD nel doumento (nleD gli oggetti )ottnti nel modo pi opportuno e i omport he ess potree non

4.3.

FIGURE E GRAFICI IMPORTATI

UQ

pigur RFPX n ornitorino fortemente distorto ome (gur )ottnteF

UR

CAPITOLO 4.

TABELLE, FIGURE E NOTE

trovrsi neessrimente soprF ulor non si possiile fr oesistereD in rmoni nell medesim pginD oggetti )ottnti e testo ontenente riferimenE ti questi ultimiD le immgini verrnno poste d sole in un pgin seprtF olitmente il risultto omplessivo dvvero soddisfenteF ppite he l9immgine viene utomtimente inlus in un Lista delle figure @ome desritto nell sezF RFSFPA he potreste deidere di voler inserire nel vostro doumentoF

4.3.1.2

Collocazione degli elementi ottanti

edessoD l9ide he st dietro un Figura Flottante os ome un Tabella FlottanteD dell qule disuteremo pi vnti quell di fr s he v posizioni l (gur o l tell nell pgin in modo oerente e rzionleF ve regole dottte A d v i in tl senso sono piuttosto rneY per i dettgli onsultte l douE A mentzione di v iF otete utilizzre le opzioni selezionili nell (nestr di dilogo dell9identi(tore dell9oggetto )ottnte per seglierne il posizionmentoF sn mnier prede(nitD un oggetto )ottnte utilizz le regole di posizionmento previste dl doumentoF ueste possono essere modi(te medinte l (nestr di dilogo rggiungiile invonndo Struttura Documento e segliendo l voe Struttura . sl mpo Posizione degli oggetti mobili ett spei(he di posizionE A mento in stile v iF xel mpo Posizione degli oggetti mobili potete riportre un qulunque ominzione di quttro lettere D in qulunque ordineX

h t b p

per per per per

here top

@quiA

@in imA @in fondoA

bottom page

@pgin isoltA

ve lettere orrispondono i seguenti omportmentiX

Qui: v er di e'etture l9inserimento del


testo indito dl ursoreF

Flottante

nello stesso punto del

e non 9 su0iente spzioD v prov on uno dei restnti tre tipi di lozioneF

In cima: v er di e'etture l9inserimento del Flottante nell sommit dell


pgin ttule e qulor non si ordi d essD viene spostt sull pgin suessivF

In fondo: v er di e'etture l9inserimento del Pagina isolata: v er di disporre il


tanti

Flottante in fondo ll pE gin ttule e qulor non si ordi d essD viene spostt sull pgin suessivF Flottante

in un pgin s stnteF

o un erto numero di

Flot-

4.3.

FIGURE E GRAFICI IMPORTATI

US

egue qulhe indizione su ome v e'ettut l seltF v9ordine indi qule ollozione v tenter per primF e quest fllisseD tenter on l suessiv e os vi (no ll (neD seene  h i sempre l preedenz qulor ompi nell sequenzF v sequenz prede(nit  tbpX prov dpprim in im ll pgin di testoD quindi in fondo ll stessD in ultimo in un pgin sF e volete he v tenti di posizionreD in mnier molto energiD l9immgine l dove gli vete impostoD fte preedere l sequenz d un punto eslmtivoY per esempio  !htbpF eguono lune possiili sequenze e l9zione d esse ssoitX IF
hbp

rov dpprim l ollozione dell (gurGtell nel punto ove si trov il ursore nel testoF e non dovesse ndr eneD prov in fondo ll pgin e nel so di un ulteriore fllimento l dispone in un pgin sF PF
!hbp

ent in modo energio di porre l (gurGtell nell su posizione ttuleD quindi in fondoD suessivmente in un pgin seprtF QF
tp

hispone l (gurGtell in im isun pginF e dovesse essere troppo estesD le dedi un pgin seprtF RF
p

snserise sempre le (gure in un pgin s stnteF

4.3.2 XFig e LYX


e questo punto vi strete hiedendo on qule strumento dovrei relizzre le mie (gurec portuntmenteD l rispost gi ontenut in molte distriuzioni vinux A eGo v i ed rppresentt d XFigD un progrmm di disegno potente @nhe se un po9 sgrzitoAF e desiderte inserire (gure rete on XFigD esistono diversi modi per frloF h prte nostrD vi onsiglimo i seguentiX IF isportte le (gure ome ostript R snpsultoD il ui inserimento in v dovree risultre piuttosto semplie in se qunto esposto nelle sezioni preedentiF sl grnde vntggio derivnte d i onsiste nel poter disporre pienmente dell potenz del ostript R D on l possiilit di ottenere urve di fezierD oloriD linee di qulunque spessore ed ltro norF v9inserimento di testo in un doumento (g non ostituise un prolem in qunto esso verr riportto on font ostript R F snoltre l (gur pu essere mnipoltD seondo qunto desritto soprD ll stregu di qulunque ltr (gur iF v9unio neo l9impossiilit di rere formule nell form di testo ostript R se non mnoF ulor ite isogno he nell vostr (gur ompE ino formule o nhe sempliemente indii o esponentiD preferiile he pssite ll lettur del psso suessivoF

UT

CAPITOLO 4.

TABELLE, FIGURE E NOTE

A PF isportte l (gur in formto v iF gi vi permetter di importrl in v filmenteD on il vntggio di poter utilizzreD lvorndo sul testo in A (gD tutti i omndi v iF ed ogni modoD per neessrio he settite in (g l special ag per il testo oppure invohite il progrmm on xfig -specialtextF otto quest ondizioneD provte segliere un font A v i e srivere sempliemente 6rP6Y se esportte quest (gur in A v i e l importte in v on Inserisci Includi le @onsultre il mnule Caratteristiche estese di L X AD questo testo pprir ome H2 F Y

vo svntggio reltivo questo modo di proedere onsiste essenzilmente A nell minore potenzilit gr( di v i rispetto l ostript R F xon potrete trire linee di qulunque spessore eD os nor pi fstidiosD on inlinzione qulsisiF er questo motivoD nel so di (gure omplesseD preferiile he seguite l terz modlit desrittF
A QF isportte le (gure in un formto misto v iGostript R F sn tl soD XFig in veritD transfigD generer due (le distintiX

@A l prte ostript R foo.ps_texD he onterr tutti i disegniF


A @A l prte v i foo.ps_tex_tD he onterr il testo ed un ollegmenE to ll prte ostript R F A i sr poi su0iente importre l prte v i ome desritto in preedenzD in qunto utomtimente verr inserit nhe l prte ostript R F2 v terE z modlit vi permette di sfruttre unitmente l potenz di ostript R e A v iD meno dell possiilit di ridimensionre l (gurD dopo verl relizE ztF ulor desiderite immgini sliliD il formto ostript R rimne l vostr uni seltF n ulteriore piolo vntggio derivnte dl lsire A v i l omposizione del rttere quell per ui lo stesso font omprir nelle (gure e nel testoD dndo un e'etto un po9 pi grdevoleF

4.4 Tabelle
A v h un ottimo supporto delle telleD seene v i gestis le telle in mnier siurmente pi omplet di qunto v si in grdo di fre dessoY A vi onsiglimo quindi di onsultre un uon mnule su v i qulor trovite he le funzionlitD reltive lle telleD o'erte d v risultino indegute lle vostre esigenzeF

2 Se

si dovesse vericare un errore del tipo unknown graphics extension ps_tex dovrete

dichiarare queste estensioni grache. Penso si tratti di un baco di

A E L T X 2 . Aggiungete semplicemente una riga del tipo

transfig che
Quindi

si verica con

\@namedef{Gin@rule@ps_tex}#1{{eps}{ps_tex}{#1}} nel le /usr/lib/texmf/tex/latex/graphics/dvips.def.

inserite

ps_tex

all'estensione:

\def\Gin@extensions{eps, ps, ps_tex, eps.gz, ps.gz, eps=2EZ}


Questa procedura dovrebbe mettere le cose a posto. Quale alternativa, sebbene piuttosto

A E parte L T X

fastidiosa, potreste esportare la parte postscript come

foo.ps_tex_t.

foo.eps

e modicare manualmente la

4.4.

TABELLE

UU

er inserire un tell vi su0iente lire sull9pposito tsto presente sull rr degli strumenti oppure invore Inserisci TabelleF e seguito di tle zione omprir un (nestrD nell qule vi verr hiesto di inserire il numero di righe e di olonneF v tell prede(nit rtterizzt d linee presenti nell prte superiore e sinistr di ogni ellD un line ll destr dell olonn pi destr e un line nell prte ss dell rig terminleD tte rhiudere l tell in un rettngoloF snoltreD l prim rig present un line in ssoD l qule semr sepri l stess rig dl resto dell tellF ui ne imo un esempioX IP RS WV e f g multi

4.4.1 La nestra di dialogo Modica la Tabella


glindo sull tell on il tsto destro del mouseD pprir sullo shermo un (nestr delle opzioni D fr le quli trovimoX

eggiungereGrimuovere i ordi d un rig o un olonnF ulor rimuoE vite l line in lto d un delle righeD in v vedrete un rig trttegE gitD seene quest non verr poi riportt nel doumento (nleF e selezionte l line in sso di un rig e quell in lto dell rig sottoD le righe srnno seprte d un piolo spzioD ome potete osservre nell rig superiore dell9esempio riportto soprF ertilmente si pu proedeE re ll stess mnierD selezionndo stvolt l line destr di un olonn e quell sinistr dell olonn ll su destrF ellinemento del testo in un olonn eppendere righe e olonne gnellre righeD olonne o l9inter tell wultiolonn pissre l lrghezz di un olonn ypzioni per telle lunghe E sono di grnde utilit qulor l tell pi lt del foglioF sn questo so l tell sr interrott l termine di un pgin per ontinure nell pgin suessivD invee he estendersi (no l mrgine inferiore dell pginF uotre l9inter tell o un singol ell lterlmente di WH grdi

UV

CAPITOLO 4.

TABELLE, FIGURE E NOTE

otrete edere lle opzioni nhe d menuD invondo Modica Tabelle on il ursore posto ll9interno di un tellF v mggior prte di queste opzioni gisono nhe su singole prti selezionE teY onseguentementeD qulor selezionite pi elleD olonne o righe l9operzione interesser l9inter selezioneF pte ttenzione l fttohe esiste un di'erenz tr selezionre il contenuto dell ell piuttosto he l ell stessF e visulizzte un ordo rosso dentro l ellD l selezione rigurd il ontenutoF tilizzndo Escape o lindo fuori dl rettngoloD llor l selezione interesser l ell @questo nel so in ui usite il mouse o i tsti ursoreAF undo ppendete un rigD ess verr ggiunt sotto l rig ontenente il ursoreF enlogmenteD le olonne srnno ppese ll destra del ursoreF gi rende di0ile ggiungere olonne ll estrem sinistr dell tell se non riorrendo ripetutmente l gli ed snollF v nellzione interess sempre l rig o l olonn ontenente il ursoreF sl multiolonn fonde due o pi elle dienti su un rig ssegntF er esempioD nell tell vist soprD l rig f stt interesst dl multioE lonn pplito lle olonne ontrssegnte on RS e WVF er doperrloD dovete prim selezionre le elleD quindi segliere Multi colonna d menuF le funzionlit non gise in vertile E onsultte il doumento isempi di elle per pire ome freF sl Multicolonna risult di grnde utilit se vete isogno di ontrollre spei(E tmente un singol ell di un tellD on riferimento lle linee ostituenti il ordo superiore ed inferioreD nonh l9llinemento del testoF egue un esempio dell gestione speile di un ellX

* punto punto punto punto a&b b&a abc abcd

x
IHQ IHHW WT

y
W SP II

SWW QRH

ysservte ome le elle di test sono llinete l entroD mentre l olonn di sinistr llinet sinistr e le restnti destrY sono stte nhe rimosse l line inferiore e quell superiore di due elle dell tellF ulor desiderite he le olonne presentino un lrghezz prestilitD inE serite l dimensione desidert nel mpo Larghezza nell (nestr TabellaF gi vi onsentir di vere pi prgr( ll9interno dell ellF u dere he l tell diveng troppo lrg per essere ontenut dll struttur di doumento vertile @portritAD in tl so ttivte l9opzione Ruo ta di 90 D e l tell verr ruott @i signi( un disposizione orizzontle in un orientmento di pgin vertileAF le propriet ppliile nhe lle singole elle dell tell on lo sopo di vere disposizione pi spzio orizzontlmenteF sl seguente esempio vi dimostrer l9utilit di quest funzioneF

4.4.

TABELLE

UW

v9opzione Ruota di 90 non vr un orrispondenz visiv sullo sherE moD m il suo e'etto sr ttivo solo sul doumento ostript R D onsultile invondo il omndo Vista Postscript @Vista DVI invee non funzionerAF
Nota:

plg I

plg Q

plg U

plg V

hesription hesF I hesF P hesF Q hesF R otl

plg W

plg IH B B B

plg P

plg R

plg S

plg T

otl U W V T QH

B B B B B

B B B B

B B B B B

B B B B B B

B B B B

B B B

4.4.2 Cosa possiamo inserire dentro una le celle di una tabella?


gisun ell di un tell in grdo di ospitre ontempornemente un grn numero di oggetti di'erentiD quli l singol line di testoD un inserto mtemtio @m non un equzione multiline o entrtAD o un (gurF v dimensione e l form del font possono essere modi(te e onseguentemente l tell si dtter per rppresentrli orrettmenteF xon vi per onsentito inserireD ll9interno dell ell n un miente speile @qule Sezione*D etFAD n opzioni di spzitur per il prgrfo ontenuto l suo intenroF

4.4.3 Taglia & Incolla con le Tabelle


sl tgli ed inoll tr le telle funzion stnz eneF otete tglire ed inollre nhe pi righe ontempornementeD selezionndole o on il mouse o on il tsto Shift insieme i tsti funzioneF s vlori nell seond tell riportt sotto sono stti tgliti ed inollti dll primD medinte il mouseF I P Q R S T U V W I P Q R S T U

otete nhe opire ed inollre l tell intermente in un9uni soluzione e'ettundo l su selezione d un punto esterno ll tell stessF

VH

CAPITOLO 4.

TABELLE, FIGURE E NOTE

4.4.4 Celle con righe multiple


possiile ottenere pi righe ll9interno delle telleD m non medinte modlit ompletmente swF he(ninendo un olonn di lrghezz prestilit nell (nestr TabellaF e seguito di iD qundo l lunghezz del testo super l lunghezz (sstD esE so verr utomtimente riprtito su pi righe on l ell he si estender vertilmenteF egue un tell d9esempioX I R P Q

uesto un eleE S mento multiline di un tellF edesso pi lungoF U uesto un eleE W mento multiline di un tellF edesso pi lungoF

T V

sl testo inserito ll9interno di un ell non si dispone in mnier tle d dttrsi ll pginD di onseguenzD se un line di testoD in un tellD troppo estesD l tell si estender oltre il mrgine destro dell pginF enlogmenteD l9inserto dell tellD un volt giunto ll (ne dell pginD non proseguir nell pgin suessiv e potree estendersi l di sotto del mrgine inferioreF isistono diverse possiili lterntive per risolvere il prolemX IF uddividere l tell in due telle distinteF PF remere il tsto Tabella lunga nell (nestr TabellaF le opzione riprE tir utomtimente l tell su pi pgineD qulor ess dovesse esE sere troppo estesD e ttiver i ottoni presenti nell9eleno Tabella lungaD permettendovi desso di de(nireX @A
Prima intestazioneX

v rig orrente e tutte quelle sopr d essD per le quli non si spei(t lun opzione speileD srnno uste ome linee di test dell prim pgin dell tell multipginF
IntestazioneX v rig orrente e tutte quelle sopr d essD per le quli non si spei(t lun opzione speileD srnno uste ome linee di test di tutte le pgine dell tell multipginD eetto per l prim pgin qulor fosse stto de(nito Prima intestestazioneF CodaX

@A

@A

v rig orrente e tutte quelle sopr d essD per le quli non si spei(t lun opzione speileD srnno uste ome linee di od di tutte le pgine dell tell multipginD eetto per l9ultim pgin qulor fosse stto de(nito Ultima codaF

4.5.

SOMMARIO ED ALTRI ELENCHI

VI

@dA

Ultima codaX

v rig orrente e tutte quelle sopr d essD per le quli non si spei(t lun opzione speileD srnno uste ome linee di od dell9ultim pgin dell tell multipginF

ulor seglieste pi opzioni per un stess rigD riordte he soltnto l prim verr utilizzt per le righe de(nite nell tellD mentre le ltre verE rnno de(nite ome vuoteF sn quest9mito l prim d intendersi sull se del seguente ordinmentoX Coda, Ultima coda, Intestestazione, Prima intestazioneF hte un9ohit l (le di esempio TableExamples.lyx per meglio omprendere tle menismo. v9opzione Interruzione di pagina su riga corrente v ust per introdurre nhe l9interruzione di pgin d un dt rigF QF gome desritto nel seguitoD un tell potr nhe essere post dentro un elemento )ottnteD he i disporr ll9interno dell pgin nel miglior modo possiileF

4.4.5 Tabelle Flottanti


el di fuori di un )ottnteD l tell sr posiziont esttmente nel punto in ui viene posiziont nel doumentoF ervendovi invee delle voi Tabella otA tante dl menu Inserisci Oggetti mobiliD onsentirete v di posizionre l i tell l dove meglio si ordiD piuttosto he nel punto in ui vete e'ettuE to l9inserimentoF v ollozione del )ottnte per le telle )ottnti simile quell per le immgini )ottnti RFQFIFID ed desritt nell sezione RFQFIFPF v9uso delle didslie del tutto nlogo quello delle (gure )ottntiD on riferimento ll sezione RFQFIFIF v tell RFI un esempio di tell )ottnteF ell RFIX n tell )ottnteF I toe P wry Q ed

x2 dx

a b c d

1+1=2

4.5 Sommario ed altri elenchi


A n delle rtteristihe pi utili di v i siurmente rppresentt dll filit on ui permette di rere diversi tipi di ilenhiD ome d esempio un sommrioF er fr i dovrete sempliemente utilizzreD nel vostro doumentoD determinti mienti ed inserire un riferimento nel punto in ui desiderte he l9eleno ppiF

VP

CAPITOLO 4.

TABELLE, FIGURE E NOTE

4.5.1 Il Sommario
er rere un ommrioD dovete ompiere quttro operzioniX IF pre uso di un lsse di doumento he supporti il ommrio @tutte trnne letterAF PF iorrere stili he sino supportti dll funzione ommrioX CapitoloD (Sotto...) SezioneD (Sotto...) ParagrafoF ysservte he gli stili ontrsseE gnti d un *D ome Sezione*D non pprirnno nel ommrioF QF essegnre i vlori ppropriti i mpi Sezione e Indice generale presenti ll9interno dell (nestr Struttura del documento ll voe NumerazioneD os ome desritto nell sezione QFQFRFQF RF snvote il omndo reltivo l sommrio dove pi vi ggrdD medinte il perorso del menu Inserisci Liste & Indici SommarioF otete nhe navigare lungo il doumento medinte l (nestr di dilogo rgE giungiile medinte Vista Indice generaleF

4.5.2 Liste delle Figure, delle Tabelle e delle Equazioni


ve viste delle pigure @vdpAD viste delle elle @vdA e le viste delle iquzioni @vdiA somiglino molto i ommriF otete inserirle di sottomenu Inserisci Elenchi e TOC. e desiderte he le vostre (gureD telle o formule mtemtiE he sino riportte nell orrispondente listD dovete inserirle ll9interno di un )ottnte di un erto tipo e ggiungere un didsliF

Capitolo 5

Formule Matematiche
5.1 Elementi base
possiile inserire un formul mtemti lindo sul tsto ontrssegnto dll sritt a+b presente nell rr degli strumentiF e seguito di iD v c visulizzer un piolo qudrto luD ontornto d mrtori di olore viol negli ngoliF sl qudrto lu identi( l formulD mentre i mrtori viol inE dino l profondit di nnidmento ll9inteno dell formulF otete inserire un tipo prtiolre di formul mtemti medinte Inserisci Matematica oppure d tstier on le ominzioni M-c mD M-m m o C-m @solo geAF e vete solo isogno di srivere un letter qreD d esempio D esiste un soritoiD vi st digitre M-m g a per ottenere D M-m g b per ottenere D
etc.

otete ostruire l vostr formul nhe dll (nestr di dilogo rggiunE giile on Inserisci Matematica Pannello matematico o Modica MatematicaF sl Pannello matematico risult inrediilmente utileD e quindiD un volt pertoD potreste volerlo lsire in qulhe punto dello shermoF v selt di un quE lunque elemento dl Pannello matematico gener in utomtio l9inserimento di un formulD se gi non vi trovste l suo internoF

5.1.1 Navigare una Equazione


sl miglior ontrollo sul posizionmento del ursore ll9interno di un equzione si ottiene medinte i tsti ursoreF oih l modlit mtemti rihiede un disposizione dei simoli molto pi ompless rispetto ll semplie disposizione linereD in ess si usno pioli qudrti per indire dove pu essere e'ettut l9inserzione di un qulhe elementoF s tsti ursore onsentono di nvigre ttrE verso le vrie prti di un formulF v pressione dello Spazio us l9ndono di un frzione o di ltr struttur mtemti @un rdie qudrt 2D o le 1 2 prentesi (f )D o un mtrie AF sl tsto Escape gener l9usit dll 3 4 VQ

VR

CAPITOLO 5.

FORMULE MATEMATICHE

formulD posizionndo il ursore ll destr del rettngolo ontenente l formul stessF sl tsto Tab onsente di muoversi orizzontlemente tr gli elemnti dell formulD d esempio lungo le elle di un mtrie o le vrie posizioni in un equzione multilineF vo Spazio semr non produrre lun e'etto nell9mito dell modlit mE temtiD poihD di fttoD non ggiunge spzi tr i rtteriD ens onsente di usire d un struttur nidi(tF er questo motivo neessrio fE he ite ttenzione nell9uso dello SpazioF er esempioD se volete ottenere 2x + 1D digitte \sqrt seguito d SpazioD quindi 2x+1D e non invee \sqrt Spazio 2x Spazio + Spazio 1D in quntoD nel seondo so solo il termine 2x si trover sotto l rdie qudrtD 2x + 1F er oloro he hnno imprto d usre lo spzio in questo modoD sr neessrio disimprre qulosF sn genere potete lsire molte strutture wthedD ome quest mtrieD riempite solo in prteX 1 FF . F n ulor lsiste un frzione przilmente riempitD oppure un pedie privo di ontenutiD l9esito non prediiileD seene per molti oggetti non i lun importnzF

5.1.2 Selezione del testo


v selezione del testo in modlit mtemti pu e'ettursi in due modi diE stintiF osizionte il ursore d un estremit dell string di testo preseltD quindi selezionte il testo medinte Shift e i tsi ursoreF e seguito di tle opeE rzioneD esso verr evidenzito ll stess stregu dell normle operzione di selezione del testoF sn lterntivD potete servirvi del mouse per e'etture l medesim operzioneF sl testo os catturato pu essere quindi opito o tglito ed inollto ll9interno di un qulunque inserto mtemtio @non per possiile e'etture tle operzione in un re di testo regolre l suo internoAF

5.1.3 Esponenti e Pedici


eene possite servirvi del menu Matematica per inserire esponenti @Esponente nel menuA o pedii @invoti on PediceAD l vi pi semplie per e'etture tle operzione rppresentt dl metodo i stndrdF er ottenere x2 D digitte @in wthedA x^2 quindi premete SpazioF vo Spazio (nle riposizion il ursore sull line se dell espressioneD piuttosto he sull9esponenteF e digitte x^2yD vrete x2y D mentre per ottenere x2 y D dovete digitre x^2 quindi lo Spazio seguito d yF s pedii sono del tutto similiD d esempio l9espressione a1 filmente relizzile digitndoD in wthedD a_1 quindi SpazioF ysservte heD in modo prede(nitoD gli esponenti e i pedii si riferisono l singolo rttere ll loro sinistrD il qule suise un vrizione di spzitur e llinementoY fte riferimento ll sezione SFQ se vete isogno di modi(re tle omportmentoF

5.1.

ELEMENTI BASE

VS

5.1.4 Frazioni
er rere un frzione potete servirvi del omndo \frac @in wthedA o delE l9ion orrispondente he ompre nel Pannello matematico o nor dell voe Frazione nel menu MatematicaF edrete omprire un frzione priv di onteE nutoD on due mienti wthed l numertore e denomintore destinti ll9inseE rimento dei dtiF intrndo nell strutturD il ursore si posizion l numertoreD potete quindi pssre l denomintore on l semplie pressione del tsto GiD e suessivmente riposizionrvi l numertore on il tsto SuF n frzione in grdo di ospitre l suo interno qulunque struttur mtemtiD ome ppre hiro dl seguente esempioX

1 2 4 3 5

5.1.5 Sommatorie ed Integrali


s segni di sommtori @ A ed integrle @ A sono spesso ompgnti d uno o pi indiiF sn v tli indii possono essere inseriti ll stess stregu di pedii ed esponentiD direttmente dopo il simolo di sommtoriD ed in utoE mtio essi verrnno disposti sopr e sotto il simolo di sommtori nel so di equzione entrtD lterlmente qundo l9equzione in lineD ome d esempio 1 n=0 n! = eD ontro xn 1 = ln . n 1x n=1 sl segno di integrleD tuttviD non posizion i limiti sopr e sotto il simolo ome regol prestilit nelle equzioni entrteD ome dimostrno le espressioni x f (t)dt := F (x)D e a dx = . 2 1 + x intrmi i simoli sono utomtimente ridimensionti qundo vengono inseE riti in modlit entrtF snoltreD sempre in modlit entrtD l posizione dei limiti @rispettivmente sopr e sotto oppure ll destr del segnoA modi(ile disponendo il ursore dvnti l segno e premendo M-m lF s mimenti he si veri(no dipendono dl tipo di segno onsidertoF enhe ltre espressioni mtemtihe godono di quest proprietD ome d esempio
x

lim f (x),

he disporr x sotto lim in modlit entrtD m non nell modlit in liE neD limx f (x)F ysservte he lim stto inserito ome un funzione E in v potete ottenerlo digitndo \lim nell modlit mtemti o segliendo l voe orrispondente dl menu funzioni presente ll9interno del Pannello matematico; fte riferimento ll sezione SFIFWF

VT

CAPITOLO 5.

FORMULE MATEMATICHE

5.1.6 Il pannello matematico


sl @essiile d menu medinte Insert Pannello matemaontenente un insieme piuttosto esteso di simoli e struttureD pu essere mntenuto perto durnte l srittur di formule mtemtiheD sempli(ndo le modlit di inserzione dei diversi elementi previsti nell modalit matematicaF v9utilizzo del pnnello dovree risultre stnz ovvioY desriveremo luE ne rtteristihe nelle sezioni suessiveF ysservte he lindo sull formul on il tsto destro si ottiene l9pertur del pnnello mtemtioF
Pannello matematico ticoAD

5.1.7 Ulteriori simboli matematici


v mggior prte dei simoli mtemtii si trovno nell (nestr omprs Pannello matematico sotto un delle diverse tegorieD Greco D operatori D relazioni D frecce D operatori estesi D e l spventos miscellanea. = isistono inoltre dei simoli ggiuntivi forniti dll ew @emerin wthemE A til oietyAF e onosete l mro v i stndrd per un prtiolre simolo he desiderte usreD non vete isogno di riorrere lle (nestre omprsD m esse vi srnno siurmente di iuto per quei simoli di ui non spete il nome A in v iF ppite he v non visulizz i simoli ew meno di non vere instllte le fmiglie di rtteri ppropriteD os ome indito nel mnule deditoF possiile ottenere un simolo di rdie nEsimF xell line di omndo in ssoD digitte math-insert rootF e vedrete omprire un simolo di rdie on sopr un mpo ggiuntivoD editile medinte i tsti ursore Su e Gi. otete riorrere nhe ll ominzione d tstier M-m-rF

5.1.8 Gestione della spaziatura


otreste voler inserire degli spzi vuoti he di'erisno dll spzitur predeE A (nit di v iF xon vi stimo suggerendo di riorrere d esso ome se fosse un os nturleD in qunto l9ide he st ll se dell (loso( sw quell di rivolgere l9ttenzione l ontenuto del testo piuttosto he ll formttE zioneF isistono omunque lune situzioni nelle quli vorreste ggiungere degli spziD in tl so un prim os d fre premere C-SpazioF uest oppi di tsti gener uno spzio di piole dimensioniD visulizzto in v on un piolo elemento sottolinetoX a bF sl truo suessivo onsiste nel modi(re l9estensioE ne dello spzioF Prima he muovite il ursoreD m dopo ver digitto C-SpazioD qulor premite nuovmente SpazioD modi(herete l dimensione dello spzioD seondo un erto numero di tglie di'erentiF v9ultim fr queste di olore rosso e rtterizz uno spzio negtivoF er esempioX a bD o abF v9inserimento di questi spzi pu essere e'ettuto nhe dl pnnello mtemtioF

5.1.9 Funzioni matematiche


sl pnnello mtemtio @rggiungiile d Matematica Pannello matematico...) ontiene un erto numero di funzioniD quli sinD limD etcF @queste possono essere

5.1.

ELEMENTI BASE

VU

ottenute digitndo \ seguito dl nome dell funzione ll9interno di un inserto mtemtioAF onsuetudine he le funzioni individute d nomiD qule d esempio sinD non sino riportte in itlioF oih digitndo sin nell9miente mtemtioD esso sr trsritto in itlioD si pensto dunque di riorrere queste speili mro per risolvere il prolemF sn reltD l loro zione sul doumento (nle non si limit ll sol vrizione dell form dei rtteriF er esempioD l9espressione sin t verr riportt on un piolo spzio ggiuntivo tr l n e l tF er prole he individuno oggetti mtemtii pi omplessiD d esempio limD l mro modi( l posizione del pedieD in funzione del ftto he l9inserto mtemtio si in line o entrtoX limx0 f (x) = L in opposizione
x0

lim f (x) = L.

ueste due espressioni sono stte digitte ll stess mnierD m fendo uso dell mro \lim @o dell selt d menuA si lter l su rppresentzione @l momento l versione in line d essere stt modi(t l (ne di migliorre l spzitur tr le righeAF

5.1.10 Accenti
v9inserimento dei rtteri entti nelle formule vviene ll stess mnier he in modlit testo ed esso potree dipendere dll vostr tstier o dl (le di ssoizione impiegtoF otete nhe servirvi di mro equivlenti quelle previste in iF sn questo modo vi sr possiile inserire sullo shermo a ed ottenerne lo stesso e'etto nel doumento (nle nhe se l vostr tstier non dovesse supportre gli entiF uest9ultimo D d esempioD otteniile digitndo  \hat a in modlit mtemtiF ono di seguito riportte le equivlenze tr i nomi in modlit testo e quelli delle mro per i diversi entiX testo grve uto dieresi tilde puntto reve ron lungo "
zioni della cornice

mtemti grve ute @utoA ddot @doppio punttoA tilde dot @punttoA reve hek @spunttoA r @rrtoA ve @vettoreA

esempio

iron)esso ht @ppelloA

a a ` a a a a a a a a

er inserire l9ento desidertoD seglietelo dll list di simoli Decoranel pnnello mtemtioD dopo ver selezionto il testo di interesse ll9interno di un formulF

VV

CAPITOLO 5.

FORMULE MATEMATICHE

A 5.1.11 L'editor matematico per utenti L TEX


ve formule mtemtihe in v possono essere inserite in due modiF er hi lo pprezzD v permette di editre le formule in modlit swF qli A estimtori di v i possono invee preferire fr uso dell tstier per srivere ose del tipo $\alpha$ @omndo heD nel i ordinrioD restituise un nel doumento (nleAD ritenendolo un modo pi veloe he non perdersi fr i menu ll rier di un simoloF ui di seguito riportt l testimoninz di uno di loroD David Johnson: wi ero ll (ne onvinto he l modlit mtemti @ltrimenti not ome wthedA fosse un strd d perorrere seD on pohe modi(heD vessi potuto usrlo nello stesso modo ui ero ituto srivendo in iF ed esempioD ho ottenuto quest digitndo i seE guenti tstiX dpprim M-c m per ttivre l modalit matematicaD quindi \alpha D seguito d Spazio ed EscF xon ppen ho digitto SpazioD l orrettmente omprs sullo shermoF v sequenz M-c m e'ettu l9inserimento di un formul @potete usre nhe C-m o M-m mAD \alpha nturlmente il odie prede(nito per l letter i gre lf D mentre Esc gener l9usit dll formulF eluni dei vntggi di questo pproio sonoX

evete un rispondenz visule immedit ttrverso l qule veri(re l orrettezz del odie i he vete inserito ullo shermo riportt l orrente espressione mtemtiD on l qule potete veri(re l orrettezz delle formule @lmeno d un punto di vist formleA
A v gestione di tutti gli mienti speili di v i 0dt vD non voi

xon vrete pi isogno di vgre ttrverso il odie ll rier di un 6 in meno o di un { in pi


A e non riordte il nome v i di un prtiolre simoloD qule D niente purD lo potete trovre nelle (nestre omprs del pnnello mtemtio

5.2 Parentesi e decorazioni


v dispone di di'erenti tipi di prentesiF er l mggior prte degli sopi doE vree essere su0iente riorrere i tsti [{]}()|\<>D m un risultto migliore otteniile medinte l (nestr Delimitatori dl pnnello mtemtio fte riferiE mento ll sezF SFIFTD soprttutto nei si in ui desiderte inserire tr prentesi un struttur di grndi dimensioniD qule un mtrie o un frzione o nor

5.3.

GRUPPO DI SIMBOLI

VW

un elemento on pi livelli di prentesiF er esempioD questo il modo in ui vorreste pprissero le prentesi ontenenti un mtrie stndrd del tipoX

1 3

2 4

e per rendere pi semplie l rppresentzione dei livelli di prentesi presenti nel seguente ominioX 1

1+
o nheX

1 1 1+( 1+x )

f (g (h (k (l (x))))) .
utte le prentesi presenti nel menu srnno ridimensionte per dttrsi lle A dimensioni dell struttur he devono ontenere @sn v i i vviene medinte \left( blah \right) AF gostruire le prentesi he si desider utilizzre dvvero semplieF glite sull prentesi he volete si trovi sinistr on il ottone sinistro del mouseD quell he volete destr on il tsto destro ed in(ne inseritele nel doumento shiindo il tstoF e desiderte non vere nessun prentesi su uno dei due ltiD servitevi del tsto vuotoF sn v esso pprir ome un line trtteggitD m null verr riportto nel doumento (nleF e doveste deidere suessivmente di inserire delle prentesi @o un9ltr struttur mtemtiD ome un rdie qudrtD o un9ltr deorzioneA ttorE no qulhe struttur mtemtiD i relizzile evidenzindo @selezionnE doA l prte he si vuole si post tr prentesi @per evidenzireD tenete premuto il tsto Shift e muovetevi on i tsti ursore oppure fte uso del mouseAF uesE sivmente segliete le prentesi pproprite per l sinistr e l destrD shiite Applica e vedrete inserire le prentesi ttorno l struttur seleziontF A e inserite il simolo v i { per e'etture un rggruppmentoD onsultte l sezione SFQF

5.3 Gruppo di simboli


A sn v i possiile rggruppre un erto insieme di simoliF ed esempioD l visulizzzione di {x^y}^z di'erente d x^{y^z}X

xy z diverso daxy

sn vD perD se erte di digitte il simolo di prentesi }D otterrete estE tmente un simolo di prentesi hiusF er rere il rggruppmentoD dovete riorrere ll sequenz di rtteri \{ seguiti d spzioF sn questo modo visuE lizzerete un oppi di prentesi di olore rosso he identi( un gruppoD os ome indito dll9esempio riportto soprF

WH

CAPITOLO 5.

FORMULE MATEMATICHE

5.4 Vettori ed equazioni multilinea


s vettoriD os ome le mtriiD sono in v filmente inseriiliF xel Pannello matematico inftti presente un9ion ontrssegnt d un mtrieD he pre un (nestr di dilogo nell qule (ssre il numero di righeGolonneF ui di seguito riportto un esempioX 1 2 3 4 5 6 .

ve prentesi non sono inserite utomtimenteD m possono essere ggiunte filmente dl pnnello dei delimitatori @ion ontrssegnt d un oppi di prentesiD ll9interno del pnnello mtemtioA dopo ver selezionto l mtrie ll9interno dell9miente mtemtio @osizionte il mouse su un lto dell mE trieD tenete premuto il tsto ShiftD e uste i tsti ursore per spostrvi lungo l mtrieAF ell9tto dell ostruzione dell mtrie vete inoltre l possiilit di deidere se tutte le olonne @o solo lune di esseA dovrnno essere giusti(te sinistrD destr o l entroF v9ssegnzione prede(nit cccF ygni letter identi( un orrispondente olonnF er esempioD lcr st d indire he l prim olonn sr giusti(t sinistrD l seond l entro e l terz destrF iss pprir nel seguenteX

questa questa colonna questa colonna colonna allineata . allineata a sinistra allineata al centro a destra
otete ggiungere delle righe in un mtrie preesistente usndo C-Invio lE l9interno dell stessD nonh ggiungere o eliminre olonneD dl menu Modica
Matematica.
A isistono un grn numero di ulteriori vettori usti d v i in modlit A mtemtiD in prtiolre on i phetti inlusi nell9ewEv iD ome \cases ed i digrmmi ommuttiviF hi questiD non tutti sono nor supportti in vF gomunqueD possiile introdurre queste strutture medinte un mtrieF v onsente inoltre di relizzre in modo semplie equzioni multilineF e vi trovte in modlit equzione entrtD premendo C-Enter, l9espressione A verr utomtimente onvertit nel formto eqnarray @il formto v i per l gestione di equzione entrt multilineAF ulor deideste di utilizzre un equzione entrt multilineD il modo migliore per ottenerl sree quello di inserire suito un nuov line @on C-EnterAF gisun line ostituit dunque d tre mpiD sinistroD entrle e destroD ttrverso i quli potete muovervi medinte i tsti ursoreD il mouse o il tsto TabF riportto di seguito un esempioX

3 = 1+2 4 + 5 = 9.

5.5.

NUMERAZIONE DELLE EQUAZIONI ED ETICHETTE

WI

n equzione entrt preesistente sempre onvertiile in un equzione mulE tiline medinte i tsti C-Enter nell9ipotesi he il ursore si trovi in un punto qulunque dell formul originriF v omunque non erher di stilire in quli punti spezzre l formul per ottenere tre prti distinteD m si limiter posizionrl per intero nel mpo di sinistrF er e'etture d voi tle operzioE neD posizionte il ursore l dove volete inizi l prte entrle e premete C-Tab. e seguito di i vedrete he tutti gli elementi he si trovvno ll destr del ursore srnno stti spostti nel mpo entrle @per il quleD d ogni modoD A v i non sett l dimensione del rttere llo stesso modo di un equzione entrtD quindi dovreste evitre di introdurvi espressioni estese quliD d esemE pioD le frzioniAF ello stess mnierD spostte il ursore nel punto in ui volete inizi l prte destr e premete nor C-TabF edrete quindi sprire i punti di inserimento extr presenti nell lineF

5.5 Numerazione delle equazioni ed etichette


xumerre un equzione in v un9operzione dvvero molto semplie e onsiste sempliemente nel modi(re un equzione entrt omeX

1+2=3
nell equzione numert X @SFIA

1+2=3

servendosi dell voe Etichetta... presente nel menu InserisciF iss pre un (nestr nell qule dovrete immettere un qulhe testo he verr pplito ome etihettF xon vi per lun isogno he inserite lun numeroD in qunto sr A v i d ouprsi dell rinumerzione dell equzioneF gi omport dunque he le etihette introdotte non pprirnno ome tli nel doumento (nleD m l loro posto srnno presenti i numeri ppropriti per isun equzioneF ve etihette sono utilizzte internmente per e'etture i riferimenti inroitiF er ttivre l numerzione senz un etihett spei(D su0iente segliere d menu Modica Matematica Attiva/Disattiva la numerazione mentre il ursore ll9interno dell equzioneD os ome qui di seguito mostrtoX

1 + 1 = 2.

@SFPA

wedinte questo omndoD dunque possiile ttivre o disttivre piimento tle modlitF otete fr riferimento d un equzione etihettt @non su0E iente he si numertAD @fF @SFIAA medinte l (nestr Riferimento incrociato ll qule si ede medinte l selt d menu Inserisci Riferimento incrociato... F er equzioni multiline numerte o etihettteD di norm ogni rig numeE rt seprtmenteF undo inserite un etihett per numerre un equzioneD tutte le righe suessive sr ssoit un simolo 5F xturlmente quest ssoizione pu essere modi(t on un etihett di'erente medinte l qule

WP

CAPITOLO 5.

FORMULE MATEMATICHE

e'etture un riferimentoD ome @SFSA sottoF

1 = 32 2 = 42 4 7.

@SFQA @SFRA @SFSA

er disttivre l numerzione di un dt rigD selezionte d menu Modica Matematica Attiva/Disattiva la numerazione di linea mentre il ursore si troE v sull line interesst dell equzione numert multilineF enhe quest modlit pu essere ttivt o disttivt piemento medinte il medesimo omndo d menuF egue un esempioX

1 2 1 16

= 43 = 75 = e2i 2 (mod 7)

@SFTA @SFUA @SFVA

ysservte he nell9insieme riportto sopr l prim equzione @SFTA etihetttD l suessiv numertD m priv di etihettD l terz non numertD mentre l9ultim nh9ess etihettt @SFVAF

5.6 Macro denite dall'utente in modalit matematica


v permette ll9utente di de(nire delle mro d utilizzre in modlit mE temtiF sl ontenitore per l de(nizione di un mro visulizzto sullo shermo ome un mpo rettngolre delineto in viol e ontenente il nome dell mro in luF sl mpo ontiene due elle inizilmente vuote e ontrsE segnte d rettngoli di olore lu he potete riempire ome se vi trovste in modlit mtemtiF rovte suitoX sl ontenuto dell prim ell sr utiE A lizzto qundo l de(nizione dell mro esportt in v iF sl ontenuto dell seond ell verr invee utilizzt per l rppresentzione dell mro sullo shermoF xormlmente lddove l9esportzione e l rppresentzione oinE idonoD l seond ell pu essere lsit vuot e v utilizzer il ontenuto dell prim per entrme le (nlitF er usre l stess mro in ltre strutture mtemtihe su0iente he digitite il suo nome in modlit i D nel so spei(o \macroD ed ess sr utomtimente espnsX c = a + bF otete veri(re di person he il ursore non pu entrre dentro l mroD in qunto ess equivlente d un unio rttereD ed il odie di quest espressione generto dl i c = \macro. ed ogni modo il ursore pu essere spostto ll9interno di quelle mro he prevedono degli argomentiF xell de(nizione di un mroD un rgomento rppresentto dl simolo # seguito dl numero dell9rgomentoX

5.7.

CONTROLLO DEI DETTAGLI

WQ

n volt espnsD quest mro inserise l9usule rettngolo vuoto nel qule potete inserire i he desiderteX \macrowarg = 2 + F ixmpleX b = 2 + x 2F A undo un mro esportt in v iD l su de(nizione introdurr il omndo \newcommand{\macrowarg}[1]{2+\sqrt{#1}}.

5.6.1 Direttive sull'uso delle macro


5.6.1.1 Come creare le macro
er ostruire il rettngolo he identi( un mro uste quest sintssi nel miniu'erX math-macro <nome della macro> [numero degli argomenti] er esempio \macro stt ret on  math-macro macroD mentre \macrowarg medinte  math-macro macrowarg 1F er inserire il simolo inerente un rgomento @ovvimente solo ll9interno del rettngolo di de(nizioneA digitte sempliemente #<number> oppure utilizzte math-macro-arg <numero> sl simolo dell9rgomento nell mro \macrowarg stto inserito on  math-macro-arg 1F xon potete inserire pi di W rgomentiD numerti d I WF n rgomento ripetiile dentro il rettngolo di de(nizioneD m nturlmente pu essere editto solo un voltF

5.6.1.2

Come navigare una macro

Con i tasti cursore: eprendo il rettngolo di de(nizione di un mro d

sinistr troverete il ursore posto sul primo rgomentoD per muovervi sul seondo uste il tsto efF iordte he premendo l rr pzitrie il ursore verr spostto sul lto destro dell mro e l di fuori di essF

Con il mouse: gome l solitoD lite sul mpo dell9rgomento desidertoF

e il mpo vuoto o troppo piolo pu dere he quest operzione non riesF

el momento ll9utente onsentit l de(nizione di mro per omndiD m non per mientiF

5.7 Controllo dei dettagli


5.7.1 Tipi di carattere
xell ostruzione di un formulD potete utilizzre diverse fmiglie di rtteriF sl font tipimente utilizzto per il testo l9itlioD testoD mentre per i numeri il font stndrd il omnoF er utilizzre un font in un formulD seglietelo dl A pnnello mtemtio o inserite direttmente il orrispondente omndo v i ssoitoD qui di seguito elentiX

WR

CAPITOLO 5.

FORMULE MATEMATICHE

pont

A gomndo v i

Romano Grassetto Italico Typewriter BLACKBOARD Fraktur CALLIGRAFICO

\mathrm \mathbf \mathit \mathtt \mathbb \mathfrak \mathcal

A v modlit mtemti v i non support tutti i rtteri in tutti i fontD e solo le lettere sono utilizzili on questi stiliY per il font lligr(o solo le lettere miusoleF er isuno di questi fontD dovete fre ttenzione ome inserite il testoF e esiste del testo ll destr del punto di inserzioneD il font ritorner quello stile dopo un rttereF e0nh possite essere in grdo di digitre un string on un prtiolre fontD dovrete ssiurrvi he i si uno spzio protetto ll destr del ursoreF snoltre l9inserimento di uno spzio protetto riporter il testo d esso A susseguente l font prede(nitoF ve fmiglie di fontD os ome in v iD sono nnidiliF gi pu generre un po9 di onfusioneD in qunto l selt di un font di'erente su un selezione non generer l modi( ttesD qunto l9inserimento di un nuovo livello nnidto rtterizzto dll fmigli di font individutoF A possiile @in ew v iA rendere in grssetto @non itlioA numeri e simE oli speili ll9interno dell modlit mtemtiF ello stto ttuleD v non support nor quest funzionlit in mnier swD seene l stmp vverr orrettmenteF er ottenere simoli in grssettoD per esempio un D inserite \boldsymbol{\alpha} trovndovi in modlit mtemtiF v prenE tesi gr' di hiusur pprir @in rossoA utomtimente nel momento in ui digiterete l prentesi gr' di perturF uest proedur funzion si per i simoli he per i numeriF eltre opzioni sono disponiili dll voe di menu Inserisci Matematica Cambio di carattereF

5.7.2 Modalit testuale-matematico


s tipi di rttere illustrti sono utili per l9inserimento di nomi di vriili seE ondo un en spei(o fontD m non possono essere utilizzti per ltri sopi e si rivelno non dtti ll9inserzione di testiF er digitre frsi pi lunghe isogn riorrere l modo testuleEmtemtioD ttivile medinte i tsti M-m m nell9iE potesi he vi trovite gi in modlit mtemtiF @vo stesso omndo provvede disttivre l modlit ittFA v modlit testuleEmtemtio ppre sullo shermo in nero piuttosto he in luF xon vi permesso inoltre inserire segni

5.7.

CONTROLLO DEI DETTAGLI

WS

di punteggitur o e'etture modi(he di font 1 F ui riportto un esempioX

f (x) =

x in un so x in tutti gli ltri

5.7.3 Dimensioni dei font


isistono quttro dimensioni @reltiveA per i font @o stiliA utilizzti in modlit mtemtiD dimensioni he sono (sste utomtimente nell mggior prte delle situzioniF isse sono denominte rispettivmente textstyle @stiletestoA, displystyle @stileentrtoA, sriptstyle e sriptsriptstyleF er molti rtteriD stiletesto e stileentrto hnno l momento l stess dimensioneD m le frzioniD gli esponentiD i pediiD nonh qulhe ltro elemento rtteristioD sonoD nello stileentrtoD pi grndi o posizionti di'erentementeF ietto per luni operE toriD he si ridimensionno utonommente per dttrsi di'erenti situzioniD A v i provveder d ssegnre tutto il testo un delle dimensioni presentte in mnier ppropritF possiile presindere d tli selte (ssndo il vlore 1 math-size nel miniu'erF er esempioD potete ottenere 2 normlmente @stileE testoAD o renderl pi grnde @on un mimento dell spziturA medinE te stileentrtoD ottenuto immettendo math-size displaystyle nel miniu'er 1 mentre il ursore si trov nell rig priniple dell9inserto mtemtioD F pte 2 omunque ttenzione l ftto he se il ursore posto nel denomintore dell frzioneD solo il numertore sr reso pi grndeD d esempio 1 3 gi ri)ette un 2 A rtteristi non previst 2 di v i e non dipende dunque d vF ueste vrizioni delle dimensioni dei font non sono molto pi evidenti nel doumento (nle he in vF eguono dei testi nei di'erenti stiliX displaystyleD textstyleD scriptstyleD scriptscriptstyleF ve dimensioni dei font in modlit mtemti sono reltive nel senso he se l9intero inserto mtemtio ed il testo d esso rhiuso hnno un ert grndezzD tutte le dimensioni nlizzte srnno rpportte ll primF imilE menteD se l grndezz del font di prtenz in un doumento viene modi(tD tutti i font srnno modi(ti di onseguenzF

Questo un paragrafo nel font pi grande, con i simboli:

ello stesso modo i viene pplito i font mtemtii presenti nei itoliD etF
1 Inoltre,
sebbene la modalit testuale-matematico traduce il suo contenuto dentro un (o un

\mbox

\text

A E in AMS L T X) avrebbe potuto essere una scelta migliore.

\textrm{},

cio un baco.

WT

CAPITOLO 5.

FORMULE MATEMATICHE

A 5.8 AMS L TEX


A v9ew @emerin wthemtil oietyA h elorto un phetto v i utilizzto di'usmenteD he v support przilmenteF

5.8.1 Abilitazione del supporto AMS


xell (nestr di dilogo Struttura DocumentoD segliendo l voe PacchettiD presente l9opzione Utilizza matematica AMSF e seleziontD il phetto ew sr inluso nel doumentoD grntendone l possiilit di utilizzrloF

5.8.2 Simboli aggiuntivi


A s phetti v i ew ggiungono il supporto per luni simoli mtemtii he A non sono normlmente otteniili d v i @o vAD m he sono frequentemenE te utilizzti nelle notzioni mtemtiheD quli d esempio il font oldEqermn prktur ed i font stilizzti lkord old usti normlmente per indire i numeri reli o omplessi oppure gli interiF n volt ttivtD srnno disponiiE A li tutti i simoli e gli mienti ew v iF ulor inludeste tli funzionlit nel premoloD inorrereste in degli errori in qunto v de(nise prte lune delle mro d esse utilizzteF ve strutture ew rihimno utomtimente tli phettiF

5.8.3 Tipi di formule AMS


ew grntise l possiilit di inserire diversi tipi di formuleF v vi onsente di segliere tr alignD alignatD flalignD gatherD nd multlineF gonsultte l doumentzione ew per pire le di'erenze tr questi tipi di formuleF

Capitolo 6

Altre Funzionalit
6.1 Riferimenti Incrociati
uelli he tr di voi stnno leggendo questo mnule in line potrnno osservE re l presenzD proprio prim dell9inizio di quest frseD di un rettngolo grigio on un testo l suo internoF le rettngolo identi( un EtichettaD l qule rppresent proprimente l met di un riferimento inroitoF v9ltr met ostituit proprio dl Riferimento he (gur nel seguente modoX TFIF enorD hi di voi st leggendo il mnule in line vedr un rettngolo grigio onteE nente un testoD mentre hi st onsultndo l versione stmpt osserver un numero " in questo so il numero di quest sezioneF isistono nhe ltre vriet di riferimento inroitoX d esempio WUF uesto il numero di pgin dove posiziont l9etihettF io svelt l funzione di un riferimento inE roitoX permettervi di fre riferimento d ltre prti del vostro doumentoF xturlmente non vete isogno di riordre qule fosse il numero di sezione o qunt9ltro " v eseguir per voi tle operzione3 oi dovrete limitrvi mrre on un Etichetta un sezioneD un (gurD un tellD un formulD etFD e quindi riferirvi d ess medinte un RiferimentoF er inserire un etihettD uste l voe Inserisci EtichettaF epprir un (nestr nell qule spei(re l9etihett he desiderte inserireF otrete evenE tulmente mire suessivmente il nome dell9etihett sempliemente liE ndo su di ess e riprendo l (nestr reltiv ll9etihettF er inserire un riferimento vi ster selezionre d menu Inserisci Riferimento incrociatoF ullo shermo pprir l (nestr omprs Inserisci un riferimento ontenente un eleno di etihetteF egliendo uno degli elementi dell list e onE fermndo on OKD verr inserito un riferimento nel testoY per inserire il numero di pgin o qulhe ltro tipo di riferimentoD gite sul mpo FormatoF ysservte he se tgliste e inollste del testo prelevto d un ltro douE mento ontenente un Etichetta o un RiferimentoD o se nellste un etihett A dl vostro testoD v i repliher nel seguenteX

LaTeX Warning:

Reference `X' on page Y undefined on input


WU

WV

CAPITOLO 6.

ALTRE FUNZIONALIT

line Z. LaTeX Warning:

There were undefined references.

snoltre l posto del riferimento vedreste due punti interrogtiviF i qulhe ltr onsiderzione d fre rigurdo le EtichetteF isse riporE tno sempre il numero reltivo ll intestzione dell sezione loro pi viiE nF uindi " se desiderte inserire un etihett su un CapitoloD m questi immeditmente seguito d un intestzione SezioneD vete isogno di porre l Etichetta al'interno dell9miente CapitoloF xon import doveD e omunque semrer strno sullo shermoF ed ogni modoD questo l9uni mnier per fr s he si poss etihettre un Capitolo seprtmente d un SezioneF vo stesso disorso vle per tutte le ltre intestzioni di sezioneF snoltreD un Etichetta h signi(to soltanto in intestzioni di sezioneD telle e (gure )ottnti numerateF ve (gure e le telle semplii non sono numerteD di onseguenzD similmente lle intestzioni di sezione non numerteD non vi onsentito usre Etichette su di esseF1 gonsultte rispettivmente le sezioni RFQFIFID RFRFSD e SFS per ulteriori informzioni sull9uso di Etichette on (gureD telle ed equzioniF

6.2 URL (Uniform Resource Locators)


i h spesso l neessit di inludere in un doumento lunghe sequenze di E rtteri quli le v dei siti internetD indirizzi eEmilD etFY tipimente tli seE quenze non ontengono spzi l loro interno e l loro orrett rppresentzione in genere piuttosto di0oltosF u inftti dere he un si'tto elemento si presenti ll (ne di un rigo e non essendo prtizionileD f s he vi sino righe on un numero eessivo o troppo ridotto di rtteri seond delle irE ostnzeF sn questo so uste l voe Inserisci URL. . . per inserire un v estes e se neessrio sr riprtit elegntemente entro limiti utomtimente determintiF xel punto ove desiderte inserire l9v @o qulunque ltr entit simile d un indirizzoA segliete sempliemente Inserisci URL ed pprir un (nestr nell qule potrete inserire l9v ompleto @nel mpo URLAF uesto qunto dovete fre seondo l modlit di utilizzo pi semplieF glite sul seguente rettngolo grigio per vedere ome sree introdotto l9indirizzo dell homepge di vX http://www.lyx.orgF ulor desiderste ssoire ll9v un qulhe frse spei(D servitevi del mpo Nome presente nell stess (nestrY ess sr riportt ome semplie testo immeditmente prim dell vF er esempioD potrei dirvi he tutto il
1 Ebbene,
in realt potete, ma solo se usate il riferimento al

Numero di pagina.

Il

Riferimento

classico  quello che fa riferimento ad un numero di sezione/tabella/gura  non funzioner, in quanto non c' nulla di numerato a cui riferirsi! Potreste anche usare Ancora una volta, il classico numerata. marcatori di pagina, quindi far loro riferimento mediante il riferimento al

Riferimento

Etichette spoglie come Numero di pagina.

non funzioner molto bene. Esso si riferir a qual-

cosa, ma quel qualcosa sar tipicamente il numero della intestazione della precedente sezione

6.3.

TITOLI BREVI

WW

A mterile rigurdnte v i diponiile l sito gex http://ctan.tug.orgF xel doumento (nleD l9ultim frse termin on tutto il mterile rigurdnte A v i diponiile l sito gex http://ctan.tug.orgF

6.3 Creazione di titoli brevi mediante parametri opzionali


s titoli delle sezioni o dei pitoli possonoD ome in questo soD essere piuttosto lunghi e generre un supermento dei mrgini in relzione ll limittezz dello spzio disponiile orizzontlmenteF ed esempioD se l9intestzione dell pgin on(gurt per mostrre il titolo dell sezione orrenteD un titolo molto lungo user il supermento dei mrginiD ottenenendo un visulizzzione piuttosto sdenteF A v i vi onsente di spei(re un prmetro opzionle tr i omndi di sezione disponiili in grdo di restituire un versione pi reve del titolo onsiE dertoF2 uest form di revizione utilizzt nell9intestzione e nell9sndieD evitndo il prolem disusso in preedenzF sl prmetro opzionle inseriile in v medinte Inserisci Titolo breveF e seguito di iD sr visulizzto sullo shermo un ontenitore @ontrssegnto d optD he st ppunto per optzioE nleA d riempire on il testo lungo di interesseF le indizione ugulmente vlid nhe per etihette ll9interno di )ottntiF n esempio di qunto desritto ostituito dl titolo di quest sezioneF

6.4 Spaziatura, paginazione e interruzione di linea


6.4.1 Spazi orizzontali aggiuntivi
sl Riempimento orizzontale un funzionlit di v medinte l qule ggiunE gere pi spzi in mnier uniformeF isso onsiste ttulmente in un elemento di spzitur vente un lunghezz vriile pri llo spzio residuo he sepr i mrgini sinistro e destroF ulor vi si pi di un Riempimento orizzontale su un stess rigD questi si dividernno lo spzio disponibile equmente fr di loroF xotX se un Riempimento orizzontale ll9inizio di un rig he non l prim in un prgrfoD v ignorer il rttere di riempimento l (ne di evitre he questo poss essere identlmente spostto su un nuov rigF sl Riempimento orizzontale otteniile d menu ttrverso l voe Inserisci Carattere speciale Riempimento orizzontaleF iportimo desso luni esempi he illustrno il suo impiegoX gi trovimo sul lto sinistro
\command[optionalargument]{contenuto}
2 Per
coloro che non conoscono

ui simo sul lto destro


A E L T X,
i comandi sono nella forma:

IHH inistro inistro

CAPITOLO 6.

ALTRE FUNZIONALIT

gentro IGQ sinistr

hestro hestro

sl preedente er un esempio nell9miente VirgoletteF uestoX X invee ll9interno di un prgrfo prede(nitoF xel testo stmpto potree o meno essere evidenteD m il riempimento posto tr i due XF iordte he imo detto in preedenz he un Riempimento orizzontale riempie sempre lo spzio esistente tr i mrginic u un rig potree esistere pi di un insieme di mrginiF egue un esempio on l9miente ElencoF uno due Xtre quttro inque sei

sl X ontrssegn l9inizio di un elementoF @el momento esiste un Riempinsosto dentro l9etihett dell9miente ElencoD posto qusi per mgi ll (ne dell9etihett stessFA sl Riempimento orizzontale oper nello stesso modo in ltre situzioni multiEmrgineD ome l modlit due olonneF
mento orizzontale

6.4.2 Spazi verticali aggiuntivi


er inserire pi righe vuote sopr o sotto un prgrfoD utilizzte l voe Struttura medinte l qule prire l (nestr Struttura del paragrafoF ui non stimo fornendovi un esempio di Riempimento verticale in qunto si trtteree di uno sperpero di rtF v9zione svolt simile quell ssoit d un qulunque ltro elemento di riempimentoD inluso nhe il Riempimento orizzontale in qunto provvede riempire lo spzio vertile rimsto in un pgin on dello spzio vuotoF e in un stess pgin dovessero esistere pi Riempimenti verticaliD questi si riprtireero equmente lo spzio vertile disposizioneF u quindi tornrvi utile per entrre un testo in un pgin o posizionrlo PGQ o d IGR e os viF ppite he per i prgr( he si trovno in im o in fondo ll pginD lo spzio ddizionle inserito solo se vete selezionto nhe l9opzione Struttura Paragrafo Spaziatura Tieni lo spazioF
Paragrafo

6.4.3 Modicare l'allineamento di un paragrafo


wedinte l (nestr Struttura del paragrafo vi nhe onsentito mire l9llinemento di un prgrfoF isistono quttro possiilitX

Giusticato Sinistra Destra Centrato

6.4.

SPAZIATURA, PAGINAZIONE E INTERRUZIONE DI LINEA

IHI

v9llinemento prede(nito nell mggior prte dei si quello giusti(toD per il qule l spzitur tr un prol ed un9ltr vriile ed ogni rig di un prgrfo riempie l9inter zon ompres tr i mrgini sinistro e destroF qli ltri tre tipi di llinemento dovreero essere stnz espliitiD e ppiono nell seguente mnierX uesto prgrfo llineto destrD questo l entroD quest9ultimo sinistrF sn luni mienti l9llinemento prede(nito di'erente dl giusti(toF

6.4.4 Forzare una interruzione di pagina


A e non vi pie il modo in ui v i e'ettu le interruzioni di pgin ll9interno del vostro doumentoD potete forzre d voi l9inserzione di un interruzione nei A punti desidertiF sn generle i non si rende neessrio in qunto v i piuttosto e0iente in meritoD ome d9ltronde er stto ennto nell sezione QFUFRF xon dunque neessrio usre l funzionlit desritt nel seguito e vi rE omndimo di non riorrervi (no qundo non ite terminto di sriE vere e non ite veri(to nell nteprim dell reale neessit di interveE nire sulle interruzioni di pginF er forzre un interruzione sopr o sotE to un prgrfo selezionte le opzioni orrispondenti nell (nestr di dilogo Struttura del paragrafoF otreste voler usre un interruzione di pgin per fr s he un (gur o un tell sino posizionte in im ll pginF xturlmente questo un modo sglito per rggiungere tle (nlit in qunto v vi d l possiilit di grntire he utomtimente le vostre (gure o telle ppino in im d un pgin o in fondo oppure nell pgin in ui le stesse risiedono senz dovervi preoupre rigurdo i he preede o segue l (gur o l tellF er sperne di pi onsultte le sezioni RFQ e RFR e leggete le prti he trttno degli Oggetti ottantiF

6.4.5 Spazio protetto


A vo spzio protetto usto per omunire v @e v iA di non interrompere l rig in un dto puntoF otree risultre neessrio per evitre interruzioni di line poo feliiD ome inX

n uon doumentzione dovree pesre non pi di I kgF yvvimente sree omodo inserire uno spzio uni(tore tr I e kgF er fr i segliete d menu Inserisci Carattere speciale Spazio protetto o d tstier on C-Space.

IHP

CAPITOLO 6.

ALTRE FUNZIONALIT

6.4.6 Interruzione di linea


er forzre un interruzione di line dentro un prgrfo segliete Inserisci Interruzione di linea o d tstier C-Return. xon dovreste A tuttvi verne isogno in qunto v i ssolve molto bene quest mnsione F F F @onsultte l sezione TFRFRAF isistono omunque lune situzioni nelle quli neessrio he vi servite ttivmente dell interruzione di lineD d esempio in un poesi o per un sndirizzo @leggete le sezioni QFQFSFID QFQFSFP e QFQFUFPAF
Carattere speciale

6.5 Controllo ortograco


v non possiede un orrettore ortogr(o integrtoD m sfrutt ome kend l9pplitivo esterno ispell o il pi reente ed in generle migliore aspellF v9ssunzione di fondo he ite gi uno di questi pplitivi instllti e orrettmente funzionntiF vnite il orrettore ortogr(o medinte Modica Correttore... d menuF v veri( vr inizio prtire dll posizione orrente del ursoreF e seguito di i omprir sullo shermo un (nestr ontenente due righeD sull prim delle quli sr riportt qulunque prol errt @o sonosiutA inontrtD prol he vi sr possiile modi(re e sostiture servendovi dell seond rigF undo un prol sonosiut viene individutD quest viene evidenzit e l (nestr di testo ggiornt in modo d rendere visiile l prolF xell (nestr di dilogo Correttore presente inoltre un9re dove sono visulizzte eventuli suggerimenti per e'etture l orrezioneF glindo su uno di essiD il termine preselto sr opito nel mpo Cambia @doppio lik per tture l sostituzioneAF

6.5.1 Opzioni del correttore ortograco


xell (nestr Modica nei prgr( suessiviF
Preferenze

possono essere impostte le opzioni desritte

6.5.1.1

Dizionario

gome omportmento prede(nito il (le di dizionrio d utilizzre selto per mezzo dell lingu del doumento he stte veri(ndoD lingu he pu esseE re selt nell pposit (nestr di dilogo rihimile medinte Struttura DocumentoF e non possedeste un dizionrio per l lingu del doumentoD il orrettore ortogr(o non funzionerF sn questo soD possiile spei(re un ltro (le di dizionrio ssoindo un lingu lterntivF e utilizzte ispell potreste ver isogno di inserire un link he olleghiD d esempioD il (le deutsch.(aff|hash) l (le german.(aff|hash) o qulunque ltro he vd ene per l vostr linguF gi si spieg ol ftto he i (le di dizionrio di ispell sono omunemente inditi ol nome ntivo dell lingu

6.5.

CONTROLLO ORTOGRAFICO

IHQ

@deutshA mentre ispellD qundo viene lnito d vD er l versione A snglese del nome usto on il phetto v i el @germnAF otreste vere prolemi nhe nel so in ui l odi( dei rtteri non fosse pproprit per quel dizionrioF e segliete un lingu on odi( latin1 e settte l9opzione Codica nell (nestr Struttura del documento latin1 @o qulunque ltr di'erente d defaultAD quest stess opzione dovr essere previst dl dizionrio dell vostr linguD in so ontrrio sul stderr vi sr omunito il seguente messggio d9erroreX ispell: unrecognized formatter type 'latin1' sl orrettore ortogr(o vi restituise un errore on il qule vi inform di non ver potuto lnire il proesso ispell us di qulhe prolem legto l (le ontenente il dizionrioF isistono quttro soluzioni tle inonvenienteF v pi semplie quell di ttivre l9opzione Usa codica d'ingresso nell (nestr reltiv l orrettoreF e i non dovesse vere e'ettoD provte settre Codica default nel momento in ui invote il orrettoreF v terz possiilit onsiste nell9ggiungere l9opE zione latin1 l (le di dizionrio < lingua > .aff di ui fte uso e riompilre il dizionrio @non detto he quest operzione si semplie in qunto proile he ite instllto il phetto medinte un qulhe distriuzione e non possedite l diretory dell lingu ontenente i sorgenti di ispellAF sn tl so fte riferimento ll doumentzione di ispell3 v qurt soluzione quell di invire un messggio l mnutentore del phetto o nor meglio l mnuE tentore del (le di dizionrio preso in onsiderzioneD hiedendogli di risolvere il prolemF

6.5.1.2

Dizionario personale

xel so in ui desiderste fre riferimento d un (le di'erente d quello preE de(nito dl orrettore qule vostro dizionrio personleD potrete e'etture tle selt nell (nestr di dilogo orrispondenteF pei(ndo il nome di un (le inesistenteD si otterr ome risultto un messggio di errore sul stderr he poE tete nhe ignorre @ispell reer il (le l termine dell sessione di ontrollo ortogr(o ttivtAF

6.5.1.3

Ulteriori opzioni

v (nestr Opzioni del correttore ontiene lune opzioni ddizionli il ui signiE (to stnz evidenteX

Accetta parole composte

ivit he il orrettore individui le prole omposte ome d orreggere @d esempio sottopostoAF

Caratteri di fuga

i permette di ggiungere dei rtteri non omuni ll9insieme he il orrettore identi( ome proleD ome d esempio le dieresi tipihe del edesoF xon un9opzione ll qule riorrere normlmenteF

IHR

CAPITOLO 6.

ALTRE FUNZIONALIT

6.5.2 Limitazioni
eluni utenti hnno espresso il desiderio di poter essere in grdo di mire glolmente l9ortogr( di un singol prol piuttosto he e'etture l medeE sim operzione seprtmente per isun oorrenz dell prol ll9interno del testoF ree nhe utile l9eleno di prole del doumentoF xessun di queste funzionlit sono ttulmente presenti in questo momentoF v non in grdo di e'etture il ontrollo su doumenti he ontengoE no lingue di'erentiD meno he non utilizzite il orrettore pspell e ite indenti(to orrettmente le vrie lingueF

6.6 Supporto Internazionale


ust sezione si propone di desrivere ome utilizzre v on qulunque linE gu desideriteF v utilizz un on(gurzione prede(nit he support l lingu snglese su un tstier FFEstyleD on un dimensione del foglio stndrd FF ed il orrettore ortogr(o impostto su snglese FF otete modi(re qulunque di queste impostzioni vostro piimentoD pplindo le modi(he limittmente ll sessione di lvoro orrente oppure utilizzndole nell9mito di un nuov on(gurzione prede(nitF e possedete un tstier ordt l linguggio he stte impiegndo @per esempioD un tstier edes per srivere in edesoA ed il vostro miente stto on(gurto orrettmenteD in v dovrete limitrvi spei(re l vostr linguD il tipo di odi( dei rtteri e l dimensione di pgin desidertF pte riferimento TFTFI per ulteriori informzioniF ulor ite un tstier FFEstyle e volete srivere in un lingu he non si l9sngleseD potete utilizzre un di'erente mpp di tstierF er esempioD nel so ite un tstier FFEstyle m desiderte srivere in stlinoD potete on(gurre v 0nh utilizzi un mpp di tstier stlinF er i dettgli onsultte TFTFPF sn ultimoD potreste voler mire l mpptur di luni tsti o ddirittur rerne un totlmente nuovF ed esempioD normlmente vorreste srivere in stlino su un tstier FF m on l possiilit di inludere osionlmente itzioni in edesoF sn tl soD vi onsentito (ssre l vostr personle mpp di tstier oppure modi(rne un esistente per dttrl quelle he sono le vostre esigenzeF s prtiolri inerenti le modlit di personlizzzione linguisti di v esuE lno dgli oiettivi di questo mnuleD sppite per he possiile non solo modi(re l struttur dell tstierD m nhe mire le intestzioni dei menuD etFD 0nh v comunichi nell vostr linguF er sperne di pi rigurdoD siete invitti leggere il mnule PersonalizzazioneF

6.6.1 Opzioni per la lingua


DocumentoD

v (nestr

Struttura del documentoD

rihimile d menu medinte Struttura vi permette di segliere l lingu e l odi( di rttere he vi

6.6.

SUPPORTO INTERNAZIONALE

IHS

sono ongeniliF er l selt dell lingu lite sull frei presente nell list omprs ontenut nell (nestr Struttura del documento @il vlore prede(nito snglese FFA e sorrete le vrie selte (no qundo non trovte quell he vi interessF3
Lingua

sl mpo Codica vi permette di segliere l mpp di odi( dei rtteri he intendete utilizzreF uell prede(nit l odi( Latin1D he omprende i rtteri impiegti nelle diverse lingue dell9iurop yidentleF er modi(re l dimensione del doumentoD selezionte d menu Struttura quindi segliete l voe pi pproprit dll list Formato dell rE tF sl vlore prede(nito vetter FF
DocumentoD

6.6.2 Congurazione della mappa di tastiera


v (nestr delle preferenze vi onsente di spei(re (no due mppe di tstierF i os possiile segliere l mpp dei tsti d utilizzre per l vostr tstier FFEstyleD indindo l lingu primri e seondri desiderte e qule delle due intendete impiegreF

6.6.3 Tabelle dei Caratteri


ui di seguito riportt un tell ontenente tutti i rtteri previsti dlE l9insieme Latin1F hovreste essere in grdo di generre tutti i rtteri riproE dotti direttmente d tstier senz servirvi di troppi tsti modi(tori @questo nturlmente nell9ipotesi he l vostr tstier si settt orrettmenteAF

3 Nel mondo L T X, selezionare una lingua diversa da quella predenita signica utilizzaA E re il supporto di Babel. Se non avete Babel installato, procuratevelo riferendovi ad altre A E distribuzioni di L T X.

IHT
00 00 01 02 03 04 05 06 07 08 09 0A 0B 0C 0D 0E 0F 10 20 30 40 50

CAPITOLO 6.

ALTRE FUNZIONALIT

60

70

80

90

A0

B0

C0

D0

E0

F0

H 3  5 6 7 8 @ A B C D E F G I P Q R S T U V W X Y ` b c

d e f g h i p q r s t u v x y

9 d e f g h i j k l m n o

p q r s t u v w x y z { | } ~
a

2 3



1
o

!
R

a w

1 4 1 2 3 4

gi sono lune ose he ene sppite su quest tellF uesto mnule relizzto " mnulmenteD riordtelo " per stmpre tutti i rtteri riE portti soprF gi non nenhe lontnmente il omportmento prede(nitoF iovi luni prtiolri he dovete tenere mente qundo utilizzte i rtteri dell9insieme Latin1X

s rtteri venti oordinte ePD eRD eSD eT e eh ! il entD lo yenD il simolo di vlut generiD l line vertile spezzt e l line reve ! sono sempliemente somprsi nelle odi(he prede(niteF xon sppimo dove si trovinoD n il motivo di iF enhe se vete selezionto latin1 nell (nestr Struttura del documentoD A tutti oloro he per v i possiedono solo i font OT1 o hi h i font T1 m non ne f uso perdernno nor luni rtteriX hHD pHD hiD piD ef e ff ! i rtteri eth e thorn miusoli e minusoli e le virgolette frnesi ! non srnno mostrtiF qli utenti he utilizzno i font OT1 possonoD tuttviD ottenere le virgolette frnesi rtteri ef e ff inludendo ll9interno dei loro doumenti o il phetto umlaute.sty o il phetto german.styF4
4 Questo
stratagemma funziona soltanto quando volete inserire queste virgolette da voi. La funzione di citazione, descritta nella Sezione 3.7.2.2, generer automaticamente il codice

A E L T X compatibile con i font ed i pacchetti disponibili.

6.6.

SUPPORTO INTERNAZIONALE

IHU

egue desso un eleno di tutti i rtteri entti he v in grdo di rppresentre in mnier direttF le eleno inlude non solo i rtteri enE tti presenti nell tell preedenteD m nhe quelli inerenti le odi(he d ISO8859--2 (no 4F

h ISO8859--1X
~  dieresi iron)esso grve uto tilde edill mron5

h ISO8859--2 (no 4X & s rthgqg


% s u vqgxunk    rl     e s % ieyou

iron)esso uto tilde edill6 mron dieresi ungherese

utti i rtteri di ui sopr sono supportti di font iF sn ggiunt i permette di gestire gli enti su qusi tutti i rtteriF essiurtevi inoltre di fre uso dell odi( per i font T1 e di vere instllto il phetto umlaute.sty on il (le di de(nizione iso.defF

6.6.4 Supporto internazionale del correttore ortograco


v impieg ispell qule orrettore ortogr(oF e non l9vete gi ftto doE vreste provvedere ll su on(gurzione 0nh funzioni sul vostro sistemF er ottenere il dizionrio per l lingu desidertD onsultte il (le Where he ompgn il phetto ispellF pte ttenzione l ftto he luni dizionri non supportno l odi( Latin1 ed in questi si il orrettore ortogr(o poE tree per luni non funzionreF er ulteriori informzioni rigurdo il ontrollo ortogr(o internzionle fte riferimento ll sezione TFSF

5 Il

macron morto in genere non necessario, in quanto per esso farete uso di un tasto

nonmorto. Per esempio, S-M-minus, o se

A E decisamente apprezzabile una volta lanciato L T X e eettuata la stampa.

6 Questi

.Xmodmap

corretto, S-M-macron.

caratteri potranno non apparire molto graziosi sullo schermo, ma il risultato

IHV

CAPITOLO 6.

ALTRE FUNZIONALIT

Capitolo 7

Ringraziamenti
v doumentzione rppresent uno sforzo ollettivo di ollorzione tr numeE rose persone @e intendimo inorggire hiunque dre il proprio ontriuto3A rim di tuttoD doimo dre i giusti meriti tutti oloro he i hnno preedutoF issi hnno gettto le fondment sulle quli sono stti ostruiti i nuovi mnuli ed luni ontinuno nel fornire ulteriori ontriutiX

Matthias Ettrich

h sritto l doumentzione originleD dll qule nto questo mnule os ome l9introduzione llo stesso o il wnifesto di vD ome luni di noi lo himnoF

   

Lars Gullik Bjnnes h sritto molti minidoumentiD inlus prE te delle informzioni rigurdnti il supporto internzionle in vF Ivan Schreter

h sritto nh9egli un minidoumento reltivo l supporto internzionleD in prtiolre i he rigurd le mppe di tstier e l personlizzzione internzionleF h doumentto in origine l9interfi vinuxho

Pascal Andr

qwvF

Alejandro Aguilar Sierra

h desritto in origine l modlit mtemti ed h fornito le desrizioni reltive lle funzioni mteE mtihe nel (le Reference.lyx

 ingrzimenti speili vnno l v em I per l9iuto e le risposte


i quesitiF yr tempo di dre i rediti l qruppo per l houmentzione di v ovvero tutti oloro he hnno fornito un iuto nel proesso di risrittur dell vehi doumentzione nell form he h ssunto dopo l versione HFIHX

David JohnsonX

 gontriutore ll pe e l vehio  HowDoI-.lyx or defuntoF  ssistenz nell fse di digitzioneF


IHW

IIH

CAPITOLO 7.

RINGRAZIAMENTI

 houmentzione suX
modlit mtemti telle ontrollo ortogr(o
Rich FieldsX

 gontriutore priniple per Reference.lyx  houmentzione dell interfi se di v in UserGuide.lyx

Paul EvansX

 eondo mnutentore dell pe e del vehio  HowDoI-.lyx or


defuntoF

 houmentzione reltiv vinuxho in UserGuide.lyx

Paul Russel:

 houmentzione reltiv lle immgini ed ll9importzione di gr(i


in UserGuide.lyx

John RaithelX

 houmentzione per le funzionlit di internzionlizzzione in UserGuide.lyx

Robin Socha:

 houmentzione sulleX

note pi di pgin note mrgine sommrio riferimenti inroiti

F F F in UserGuide.lyx

Amir Karger

 gontriutore priniple per Tutorial.lyx

Matthias Zenker:

 houmentzione su
ontrollo mnule dei dettgli A uso di v i d v
John WeissX

III

 yrgnizzzione generle e formto dei doumentiF  houmentzione suX


instllzione di v mienti prgrfoD struttur del doumentoD nnidmentiD note tipogr(heD rtteri

 esponsile nhe dell sntroduzione in Tutorial.lyx  iditor dei doumentiF dl TGWTEinizio IWWU
e prtire dll9inizio del IWWUD il v em si inrito dell omplet mnuE tenzione dell doumentzioneF

IIP

CAPITOLO 7.

RINGRAZIAMENTI

Bibliograa
I he v soure treeF pileX gihsF

A P veslie vmportF L TEX: seond edizioneD IWWR

A Document Preparation System.

eddisonEesleyD
The L T X E

Q wihel qoossensD prnk wittelh e elexnder mrinX Companion. eddisonEesleyD IWWR


A R e quide to v i P D uopk hlyF

S honld iF unuthF

The T Xbook E

IIQ