Vous êtes sur la page 1sur 2

Philip Jeffrey Mazzola 10013834

Concorrenza e Monopolio
Concorrenza e Monopolio sono due strutture di mercato che si collocano all'estremo. Nel caso della concorrenza perfetta ciascuna impresa produce un prodotto omogeneo e non esistono restrizioni allingresso ed alluscita dal mercato; il numero di imprese varia finch gli extra-profitti sono diversi da zero,se tuttoci non avviene viene detto concorrenza imperfetta. Unimpresa considerata monopolista se: lunica che vende un certo prodotto,il prodotto non ha dei buoni sostituti e non esiste possibilit di entrata nel mercato per altre imprese. La conseguenza che il monopolista ha potere di mercato sul prezzo del prodotto. Quindi non price-taker, ma price-maker. Spesso le imprese hanno un certo potere sul prezzo perch i prodotti sono differenziati, ma i veri monopoli sono rari perch raro che vi siano prodotti davvero unici. Quindi anche il monopolio puro in un certo senso un caso ideale come la concorrenza perfetta.La causa fondamentale del monopolio la presenza di barriere allentrata di imprese concorrenti sul mercato. Le barriere possono essere di tre tipi:barriere di tipo oggettivo, cio indotte dalla propriet esclusiva di uno o pi input essenziali che non possono essere sostituiti o riprodotti solo chi possiede quel determinato input pu produrre un certo bene o servizio.barriere di tipo legale: brevetti, marchi, copyright, diritti esclusivi di vendita lo Stato che sancisce il monopolio.barriere di tipo economico (barriere di costo), cio indotte dalla presenza di forti economia di scala.Unindustria un monopolio naturale quando una singola impresa pu fornire un certo bene o servizio allintero mercato ad un costo inferiore di quanto potrebbero fare due o pi imprese. Solo lespansione del mercato (cio laumento della domanda) pu eliminare il monopolio naturale. La concorrenza monopolistica simile alla concorrenza perfetta in quanto esiste un elevato numero di consumatori e offerenti, e c' libert d'ingresso e di uscita dal mercato nel lungo periodo. Caratteristiche della concorrenza monopolistics: Molti venditori: ci sono molte imprese che competono per accaparrarsi gli stessi clienti. Differenziazione del prodotto: ciascuna impresa produce un prodotto che differisce almeno in parte da quello delle altre imprese; pertanto ciascuna impresa fronteggia una curva di domanda specifica per quella variet di prodotto ed inclinata negativamente. Oligopolio: mercato in cui esistono solo poche imprese, ciascuna delle quali offre un prodotto identico o simile. La caratteristica fondamentale delloligopolio, ovvero ci che lo definisce come forma di mercato a s stante, linterdipendenza.

Con il termine interdipendenza si intende il fatto che, data lesistenza di poche imprese, le azioni di ciascuna hanno un effetto rilevante sullesito del mercato per tutte le altre. Quindi ciascuna impresa deve tenere conto sia delleffetto delle proprie azioni sulle rivali che delle azioni (ed eventuali reazioni) di queste ultime. In questo caso, quindi, la concorrenza davvero tale, ovvero cercare di battere le imprese rivali in un confronto di azioni e reazioni. La collusione tra oligopolisti socialmente desiderabile per gli oligopolisti, ma non per la societ nel suo complesso dato che determina un esito identico a quello di monopolio. Dal punto di vista del benessere sociale ovviamente meglio che gli oligopolisti competano tra loro. In tutto il mondo, le norme antitrust vietano espressamente qualsiasi accordo tra imprese volto a spartirsi il mercato e/o a raggiungere un esito di monopolio. Non detto per che dietro un comportamento oggettivamente collusivo vi sia un vero accordo e non la mera applicazione da parte di ciascuna impresa della razionalit economica. Si pu dimostrare infatti che, sotto determinate condizioni , cooperare pu essere lesito individualmente razionale anche senza un accordo esplicito e vincolante. Una teoria economica secondo Adam Smith che lo Stato deve contenere il proprio intervento nellattivit economica di un paese per evitare di ostacolarne lo svolgimento e per lasciare spazio ai singoli operatori economici. Ci non significa che lo Stato debba disinteressarsi del tutto delleconomia interna bens che debba attuare solo ci che indispensabile per garantire che lattivit economica possa svolgersi in modo ordinato e proficuo. Il fallimento del mercato quella situazione in cui i mercati non sarebbero in grado di organizzare la produzione in maniera efficiente, o non saprebbero allocare efficientemente beni e servizi ai consumatori.Vi sono 4 casi di fallimento del mercato: Esternalit quando l'attivit di produzione o di consumo di un soggetto influenza, negativamente o positivamente (es. inquinamento) Imperfetta informazione una condizione in cui un'informazione non condivisa integralmente fra gli individui facenti parte del processo economico (es. Free Rider,Moral Hazard) Bene pubblico un bene che difficile, o impossibile, produrre per trarne un profitto privato e dovr essere non escludibile e non rivale Monopolio naturale una configurazione industriale in cui il numero ottimale di imprese presenti sul mercato uno.(I principali esempi di monopoli naturali sono legati alla realizzazione di infrastrutture: rete ferroviaria, rete stradale ed autostradale)