Vous êtes sur la page 1sur 32

Ils tissent leur toile dans les tnbres.

Les thories du grand complot


Publi le 25 dcembre 2006 par Nol Pcout

(Entretien avec P.A. Taguieff, Le Monde) La culture de masse aujourd'hui -Da Vinci Code, thriller sotrique de Dan Brown, la srie tlvise X-Files, de nombreux films fantastiques et des jeux vidoprsenterait, selon vous, des caractres, comme celui du complot international, qui taient l'apanage de l'extrme droite jusque dans les annes 1970. La thorie du complot, juif, mondial ou capitaliste est aujourd'hui de plus en plus populaire. Comment expliquez-vous sa rsurgence?

La formule thorie du complot est trompeuse: le complotisme ou conspirationnisme est l'un des grands mythes politiques modernes. Son message central est que l'histoire universelle s'explique par l'action des socits secrtes, et que la politique mondiale est secrtement dirige par de redoutables manipulateurs. Le mythe du complot mondial ou mgacomplot a t fabriqu la fin du 18me sicle et il s'est enrichi depuis lors. Ce qui caractrise la vague complotiste observable depuis plus de trois dcennies, et qui a rcemment pris une grande ampleur, c'est qu'elle ne touche plus seulement les milieux d'extrme droite, mais s'tend des publics divers qui ne sont pas politiss. En se mlangeant avec des thmes emprunts l'sotrisme, la vision du complot est

devenue un phnomne culturel. Ce dernier peut tre clair par deux hypothses portant sur de grandes transformations du champ des croyances.Tout d'abord, le retrait des grandes religions politiques ou sculires comme le communisme. La croyance au progrs, conu comme un mouvement global du moins bien vers le mieux, n'est plus attractive pour un nombre croissant de nos contemporains, qui se sont laiss convertir au catastrophisme de l'cologie profonde, ou radicale. Nous avons vcu, nous autres Occidentaux, pendant deux sicles et demi sous le ciel de la foi dans le progrs. L'ge de l'avenir radieux est derrire nous. Le deuxime phnomne, bien connu des historiens des religions, est celui de la scularisation, soit la limitation de l'influence des grandes religions monothistes. Cette restriction de la sphre religieuse produit un vide dans lequel vont s'engouffrer des rponses simplistes la demande de sens, dans un contexte marqu par l'incertitude et le dsarroi. Cette demande est en friche. Mais l'offre l'est tout autant. Le march de l'sotrisme et des nouveaux mouvements religieux ou magiques est en expansion. Les rponses apportes vont de la secte totalitaire, sur le modle de l'Ordre du Temple solaire, aux techniques de dveloppement personnel, aux mdecines douces de style New Age, visage sympathique. Dans ce nouvel espace des croyances prolifrantes, o se mlent qute du sens cach et rves d'initiation, l'imaginaire du complot s'est naturellement rinstall. Le got du secret et du dcodage, l'attrait du mystre, l'intrt pour les machinations ou les manipulations, la fascination exerce par l'action des forces invisibles, la peur d'une dictature occulte: autant de composantes de la nouvelle synthse que je qualifie d' sotrocomplotiste. Le sens de la politique mondiale est rvl dans les mauvaises intentions des hommes, ou plutt, de certains groupes d'hommes, manipulateurs ou conspirateurs. Ces derniers une fois dmasqus, les malheurs du monde s'expliquent enfin: ils ont une cause. Y a-t-il un socle commun entre la masse de pamphlets dnonant des complots organiss par des puissances occultes et des artefacts culturels immensment populaires comme les romans de Dan Brown, ou Anges et dmons? On peut rsumer par trois ou quatre propositions la vision du complot: rien n'arrive par accident; tout ce qui arrive est le produit de l'accomplissement d'un programme, donc rsulte d'intentions ou de volonts humaines; rien n'est tel qu'il parat tre; tout est li, mais de faon occulte.

Il faut donc dcoder, ou plutt dcrypter, sans fin. Car derrire le secret, il y a l'ultrasecret, voire l'hyper-secret, jamais inaccessible. Le fait mme de ne pas possder de preuves du complot devient la preuve suprme.

Will Eisner, Spirit Les gens qui croient au complot sont contraints de faire un travail intellectuel complexe et toujours dcevant. Ils sont ports par le dsir de preuve, mais restent persuads qu'on ne pourra jamais rien prouver. L'esprit complotiste est port par le soupon infini. Ce plaisir du dcodage qu'on trouve la lecture du Da Vinci Code et ses drivs (les soi-disant dcodeurs du roman) est au fondement d'une consommation de type esthtique et ludique. Le complot n'est pas seulement mis la sauce politique des hallucins des arrire-loges ou des matres cachs, il est aussi mis en scne par une industrie culturelle qui fabrique des produits avec les socits secrtes et les conspirations. Certes, jouer dnoncer ne revient pas dnoncer. Mais des jeux vido comme Illuminati-Nouvel Ordre mondial (INWO), en divertissant, contribuent inculquer les schmas complotistes. Il y a l un endoctrinement de masse, qui opre en douceur. Quand surgissent historiquement les premires thories du complot?

Il faut remonter la Rvolution franaise. Entre 1789 et 1792, plusieurs pamphlets sont publis sur le thme du complot maonnique ou illuministe derrire la Rvolution franaise. On y trouve dj le schma qui structure toutes les visions du complot, de la simple peur du complot la mythologie complotiste. Le schma est le suivant: les vnements cachent leur cause; pour accder aux causes, il faut savoir dcrypter; pour pntrer les coulisses du thtre historique, il faut bnficier d'une initiation. Le postulat est que des tres malfaisants, dans les tnbres, ont labor un plan de destruction de la civilisation chrtienne et de l'ordre monarchique. La vritable histoire est une histoire secrte. L'histoire officielle ne peut qu'tre mensongre. D'o la proximit du complotisme avec l'sotrisme, lequel implique, dans les formes qu'il a prises au 19me, une vision de l'histoire fonde sur l'accs un sens cach. Quel est le premier ordre secret accus de tous les maux? Cet ordre politique secret est celui des Illuminati, des clairs. La mythologisation s'opre sur une base empirique: les Illumins de Bavire ont exist. Cette socit secrte de type maonnique a bien t fonde, le 1 mai 1776, par le juriste Adam Weishaupt (1748-1830), issu d'une vieille famille allemande chrtienne, et ancien lve des jsuites. Le fait qu'il n'est pas juif va beaucoup gner les auteurs conspirationnistes de la deuxime moiti du 19me sicle. Mais au moment o la lgende se forme, le complot juif n'est pas l'ordre du jour, les regards inquiets ne se braquent que sur le complot maonnique ou illuministe. La diabolisation de l'illuminisne en France, est due principalement Augustin de Barruel, qui, pour rdiger ses Mmoires pour servir l'histoire du jacobinisme (1797-1798), s'est srieusement inform propos des Illumins de Bavire, mais pour les traiter comme un mythe, en exagrant leur importance et en fantasmant leur puissance. Il est difficile d'estimer leur nombre, entre 200 et 2000, pour toute l'Europe. On na pas fait la Rvolution avec quelques centaines d'Illumins bavarois. L'ordre des Illumins est dissous par le gouvernement bavarois en mars 1785. Il n'a plus aucune importance aprs cette date. Mais la lgende a t forme -par l'abb Barruel et par John Robis en Angleterre, en 1797-1798: des conspirateurs partisans d'une rvolution mondiale veulent dtruire la civilisation chrtienne et monarchique.

Quand l'lment juif s'insre-t-il dans la mythologie du complot? Avec Barruel encore, lorsquil devient, partir de 1806, un faussaire, qui va d'ailleurs faire cole. Il rdige une lettre quil prtend avoir reue, de Florence, d'un certain capitaine Jean-Baptiste Simonini. L'information confidentielle que lui transmet Simonini est que toutes les sectes et socits secrtes du monde ont pour tte la judaque -ainsi, les juifs formeraient une secte internationale dont la puissance reposerait sur l'or. Ce faux est d'abord diffus de manire confidentielle. Il est republi en 1878, puis largement diffuse en Europe puis aux Etats-Unis, et utilis comme preuve de ce que la maonnerie serait secrtement dirige par les juifs, leur seul profit.

Ce premier faux antijuif est accompagn d'un second: le Discours du rabbin (diffus en Europe partir de 1872), extrait d'un roman paru en 1868, Berlin, dont un chapitre met en scne un Grand Rabbin exposant devant les reprsentants des douze tribus d'Isral, au cours d'une assemble secrte (et bien sr nocturne) le prtendu programme juif de conqute du monde. L'Eglise dcide de lancer, ce moment, sa grosse machine de propagande contre la maonnerie dnonce comme suppt d'une conspiration internationale (encyclique de Lon XIII: Humanum genus, 1884), en y ajoutant ce que les stratges du Vatican pensent tre un ingrdient attractif, l'ide que la maonnerie, dans ses origines et sa direction, est juive. Lorsqu'en 1886 Edouard Drumont publie son best-seller, La France juive, il reprend la thse selon laquelle la judo-maonnerie aurait organis et men bien la Rvolution franaise. Drumont identifie Weishaupt comme juif, et judase l'ordre des Illumins qui, pourtant, ne comportait que peu de membres d'origine juive. Mais les propagandistes n'ont que faire de la vrit historique.

Album colorier pour enfants, Allemagne, 1938

Les Protocoles des Sages de Sion, autre faux clbre qui va s'imposer sur le march de la conspiration au XXme sicle, sont fabriqus et rdigs en franais, Paris, en 1900-1901, par un faussaire, le Russe Matthieu Golovinski, agent occasionnel de la police secrte tsariste, l'Okhrana. Ce mercenaire textuel travaille rgulirement la Bibliothque nationale et fabrique, avec les moyens du bord, les Protocoles. Ces derniers passent en Russie en novembre 1901, o ils sont d'abord traduits et diffuss de manire artisanale. Ils sont publis Saint-Ptersbourg, dans une dition abrge et en feuilleton, pendant l't 1903, dans le journal Znamia (Le Drapeau), sous le titre Programme juif de conqute mondiale. Cette premire publication est due Krouchevan, antis ite militant d'extrme droite qui avait coorganis le terrible pogrom de Kichinev (ville alors situe en Russie, et aujourd'hui en Moldavie), en avril de la mme anne. C'tait l lgitimer le pogrom et appeler au meurtre contre les juifs. Le 11 septembre 1903, quatre jours aprs la parution de la fin du faux antijuif, avait lieu le pogrom de Gomel (Bilorussie). Comment expliquez-vous que, parmi tous ces textes conspirationnistes publis l'poque, prtendument issus de milieux juifs, les Protocoles l'aient, et de trs loin, emport? Il s'agit d'un faux hautement indtermin, trs peu contextualis, donc minemment recyclable ou recontextualisable. Il met en scne un sage de Sion qui sadresse ses pairs, on ne sait quand ni o. On ne connat ni son identit ni le lieu de la runion. On ne sait pas non plus qui sont les pairs, ni quelle socit secrte ils appartiennent. Aprs tout vnement convulsif, peru comme un incomprhensible dsordre et procurant un dsarroi de masse, o les individus sont en qute d'explications, les Protocoles rpondent la demande de sens: aprs la premire guerre mondiale, l'annonce de la seconde aprs la cration de l'Etat d'Isral en 1948, aprs la guerre de six jours de juin 1967, aprs les attentats antiamricains du 11 septembre 2001. Si les Protocoles ont pu se mondialiser partir de 1920, c'est parce qu'ils ont t branchs sur la rvolution bolchevique, qui sidre l'Europe. Le 8 fvrier 1920, dans l'Illustrated Sunday Herald, Winston Churchill publie un article, Sionisme versus bolchevisme, o il explique que c'est la mme bande internationale de juifs, de Weishaupt (fondateur des Illumins de Bavire) Marx, et de celui-ci Trotski, Bla Kun, Rosa Luxemburg et Emma Goldman (militante amricaine anarchiste et communiste, 1869-1940), qui fomentent les rvolutions pour anantir la civilisation. Un homme de grande intelligence et de haute culture a pu tre victime de la croyance au complot illumino-bolchevique. Au dbut des annes 1920, pendant quelque temps, peu prs toute l'lite intellectuelle europenne a cru que, de la Rvolution franaise la rvolution bolchevique, ON aurait tout organis et programm.

Passons aux romans de Dan Brown. Ils ne font pas que vous amuser. Ils paraissent vous inquiter. Pourquoi? Dan Brown est un faiseur, qui connat les ficelles. Et il faudrait mentionner de trs nombreux autres noms d'auteurs, moins clbres. Cela dit, il me semble qu' travers des formes littraires, ludiques et cinmatographiques souvent sduisantes, se construit une machine de guerre antidmocratique. Ce qu'on peut craindre, c'est qu'en consommant ces produits culturels, nos contemporains s'habituent percevoir les vnements et les formes de la vie sociale travers les lunettes du complotisme: des vnements n'auraient pas eu lieu (on connat les rumeurs ngatrices portant sur les chambres gaz homicides des camps d'extermination nazis, ou sur les attentats antiamricains du 11 Septembre), des morts accidentelles seraient des meurtres dguiss, des catastrophes naturelles ou des pandmies seraient le rsultat de complots criminels, la dmocratie ne serait pas ce qu'elle parat tre: dans ses coulisses grouilleraient des socits secrtes luttant entre elles pour le pouvoir. Ce qui me parat moralement dtestable dans Da Vinci Code, c'est que Dan Brown prsente, comme rels ou historiques, des faits qui relvent de la fiction.

Il commence son roman par un prtendu nonc des faits historiques, un prologue o il crit sous la rubrique Les Faits: La socit secrte du Prieur de Sion a t fonde en 1099, aprs la premire croisade. On a dcouvert en 1975, la Bibliothque nationale, des parchemins connus sous le nom de Dossiers secrets, o figurent les noms de certains membres du Prieur, parmi lesquels on trouve Sir Isaac Newton,

Botticelli, Victor Hugo et Leonardo Da Vinci. Les millions de gens qui lisent ces lignes se disent que le Prieur de Sion a effectivement t fond, en 1099, par Godefroy de Bouillon. Or cette socit secrte n'a jamais exist. Elle est l'invention d'un certain Pierre Plantard (dit Plantard de Saint-Clair), un ancien ptainiste, qui s'imaginait descendre des Mrovingiens, et plus lointainement, de Jsus et Marie-Madeleine! L'ennui, c'est qu'un prcdent best-seller, l'ouvrage pseudo-historique sign Michael Baigent, Richard Leigh et Henry Lincoln, Holy Grail (1982) (L'Enigme sacre, 1983), avait largement diffus les billeveses de Plantard. Celui-ci tait un mythomane doubl d'un escroc, et avait fond, en juin 1956, une association loi de 1901: le Prieur de Sion. Le Prieur de Sion existe donc bien, mais comme association! Et les Dossiers secrets sont des faux fabriqus par Plantard et l'un de ses acolytes. A partir de l, le roman de Dan Brown prend un tout autre sens. Le romancier cible par ailleurs l'Eglise catholique, et laisse entendre que l'Opus Dei est une socit secrte de type criminel. Dan Brown joue un peu son abb Barruel, mais contre l'Eglise. Il surestime l'importance, il criminalise a et l, il lance son venin, il reprend une lgende lance par un mgalomane et un mystificateur, alors qu'elle avait t dnonce, en 1988, par Grard de Sde, crivain et journaliste franais (1922-1994), qui avait lui-mme contribu lui donner une crdibilit auparavant. Dan Brown avait les moyens d'viter de cautionner ce mensonge au moment o il crivait son roman. Il n'a pas daign se documenter sur la question. Dans Anges et dmons, crit avant Da Vinci Code, c'est le mythe illuministe qu'il reprend sa manire et remet en circulation avec des assassinats, des socits secrtes.. Quel rle joue Internet dans la propagation des mythes complotistes? Internet est une immense agora sans rgle. Il n'est pas question de dplorer la libert d'expression et l'largissement de la communication qu'il rend possibles. Il faut reconnatre que cette libert pose de nombreux et graves problmes. Elle donne une audience la moindre rumeur, elle permet aux dnonciations les plus dlirantes de circuler. C'est sur le Net, o l'on peut lire le Protocoles des Sages de Sion, que le ngationnisme s'est longtemps dvers et pandu, quelles que soient les lgislations nationales qui interdisent la publication de certains livres ou priodiques (). Le premier allum venu, affirmant tout est affaire de socits secrtes, de rseau et de complots criminels, trouve une audience non ngligeable. L'un des pamphlets sotro-complotistes les plus vendus au cours des annes 80, les Socits secrtes et leur pouvoir au XXe sicle (traduction allemande, 1993), traduit en anglais en 1995 et connu en France sous le titre Le livre jaune numro 5, (1997, 2001), a fait le tour du monde sur les multiples sites qui l'ont mis en ligne. L'ouvrage s'inspire expressement des Protocoles (qu'il cite longuement et rsume), des pamphlets

conspirationnistes amricains ou canadiens (William Guy, Allen, etc.), des thmes majeurs de lufologie d'pouvante (les extraterrestres prdateurs) et flirte avec le ngationnisme. () La vision du complot contribue la dlgitimation de la dmocratie en ce qu'elle postule: celle-ci serait une cryptocratie, une oligarchie, une ploutocratie dguise en systme fond sur la souverainet du peuple. La dmocratie se rduirait un dcor masquant le pouvoir de l'argent, dont le pouvoir de la presse ne serait qu'un relais. Le pouvoir visible cacherait la puissance invisible des conspirateurs et des manipulateurs (). Elles supposent que la vrit du politique est toujours ailleurs, dans les coulisses ou dans les souterrains. Prenez la srie X-Files: elle ralise la thse de ce qu'on trouvait dans de multiples pamphlets relevant de l'ufologie conspirationniste: la fusion entre le complot extra-terrestre et le complot gouvernemental amricain. Le rcit a t largement diffus dans la science-fiction d'pouvante: les extra-terrestres sont parmi nous, et ces tres suprieurs mais prdateurs, nous aident technologiquement en change de cobayes humains cachs dans des laboratoires souterrains protgs par la CIA. Et de nombreux auteurs conspirationnistes (tel Holey) l'affirment: le prsident Kennedy a t assassin parce qu'il voulait dvoiler le complot ourdi par le gouvernement amricain et les extraterrestres. Bref, le pouvoir politique ment et manipule. La mythologie du complot fournit une rponse la question du sens, mais en nourrissant l'imaginaire du pire. Elle postule que les malheurs des hommes ne peuvent qu'empirer. La conclusion politique est qu'il n'y a rien faire car les lites sont, par nature ou par fonction, cyniques, manipulatrices, intresses, menteuses.

Avec Lovecraft. Mais o exactement? Le dclin des religions du progrs et des religions institutionnalises ne date pas d'hier. En revanche, la rsurgence des mythologies du complot est plus rcente. Ne croyez-vous pas qu'il y a eu une acclration de ce phnomne depuis le 11 Septembre? Le 11 Septembre a relanc l'imaginaire du grand complot et l'a nourri de nouveaux thmes. Il a favoris en particulier la diffusion de l'ide d'un complot amricanosioniste, pour employer une expression qu'on trouve un peu partout l'extrme droite et l'extrme gauche ainsi que dans les mouvances islamistes, en France et en Italie, en Indonsie, au Pakistan, en Syrie ou en Irak (avant et aprs la chute de Saddam Hussein), en Grande-Bretagne, dans des mouvances d'extrme gauche plus radicales que leurs homologues franaises (notamment par leur alliance avec les islamistes). Avec le 11 Septembre et la deuxime guerre d'Irak, le mythe du complot amricano-sioniste a pris de la vraisemblance pour beaucoup de gens, gens de gauche compris.

Comment expliquez-vous la rapparition des Protocoles des Sages de Sion, dans beaucoup de pays arabes, mais aussi en Occident? Elle s'explique par les besoins de la propagande antisioniste radicale, qui consiste diaboliser Isral et le sionisme. L'exploitation antisioniste du faux est aujourd'hui dominante, ce qui n'a pas toujours t le cas. Il y a aujourd'hui une flambe de rditions des Protocoles des Sages de Sion, comparable celles qui se sont produites en 1920, en 1938-1939 ou en 1967-1968. Dans les pays o les Protocoles ne font pas l'objet d'une interdiction de rdition, comme la Grce, il y a eu, en 2004, au moins cinq ditions du faux antijuif. En France, o la rdition est interdite, le texte est accessible sur le Net. Sur le site de Radio Islam, vous trouvez les Protocoles dans prs d'une dizaine de langues. Radio Islam est mentionne comme lien par l'extrme droite amricaine aussi bien que par les milieux djihadistes. Aux Etats-Unis aussi, on observe une multiplication des ditions des Protocoles, mme si le phnomne est trs difficile quantifier car il s'agit souvent de rditions artisanales ralises par des rseaux militants. Dans beaucoup de pays arabes, les Protocoles vivent un nouvel ge d'or. Au lendemain de la guerre de six jours (juin 1967) furent publis des centaines de milliers d'exemplaires en franais, en anglais, en arabe, le plus souvent Beyrouth. Les Protocoles taient recommands il y a quelques mois sur le site officiel du ministre de l'information de l'Autorit palestinienne, o ils taient accessibles en ligne jusqu'au 18 mai 2005 (section Histoire du sionisme). Le mythe du complot juif mondial a pris un nouveau contenu en intgrant l'ingrdient antiamricain. Le complot sioniste est devenu amricano-sioniste: il s'inscrit ainsi dans le discours de propagande du nouvel anti-imprialisme tiersmondiste, repeint aux couleurs de l'anti-mondialisme. L'antisionisme radical est devenu la fois un code et un passeport, commun tous les extrmismes, pour les appels la haine, voire au meurtre.() Mutation, depuis le dbut des annes 1970, de cette configuration antimaonnique, antijuive et anticapitaliste en une vision antimondialiste. Cette mtamorphose marque le passage au Grand Complot.

La croyance centrale n'a plus pour objet le complot capitaliste, ploutocratique ou maonnique. Il s'est opr une fusion de tous les complots en un mgacomplot: le complot mondialiste. Il y a bien toujours des complots rels et particuliers, mais ils sont saisis par la fabulation. De mme, la mondialisation, qui est un fait, un ensemble de processus, est mythologise. Mais elle est mythologise en rose et en noir. Nous avons affaire un dualisme manichen. Le simplisme est au cur du complotisme, qui annule ou mconnat la complexit croissante du monde.Il y a d'un ct ceux qui ne veulent voir la mondialisation qu'en rose, les simplistes d'esprit optimiste: c'est le camp du noprogressisme libral. Ils pensent qu'tre aujourd'hui dans le camp du progrs, c'est applaudir la mondialisation sans tats d'me. Et de l'autre -c'est la mythologie qui est en train de se crer-, il y a ceux pour qui la mondialisation est la cause de tous les malheurs du monde. Cette version cauchemardesque de la mondialisation traverse les lignes idologiques, rendant obsolte le clivage droite-gauche. La quasi-totalit de l'extrme gauche s'est reconstitue autour de la posture antimondialisation. Il y a encore une dizaine d'annes, elle tait partage face la mondialisation. Elle a aujourd'hui bascul. Les euphmisations cachent mal la radicalit du refus, o se mlent trangement nihilisme (ngation du rel) et moralisme solidariste no-chrtien (reconversion du New Age). Se dire altermondialiste plutt qu'antimondialiste, c'est tenter de sauver magiquement le vieil internationalisme. Une partie de la gauche, qui ne peut plus se dfinir par rapport aux pays du socialisme rel, ou au marxisme, se dfinit par rapport au nogauchisme. Or le nogauchisme n'a rien d'autre offrir que cette posture antimondialisation radicale laquelle une gauche l'identit problmatique est trs sensible, par opportunisme ou par appel du vide. D'o l'audience des sirnes antimondialistes. Quant l'extrme droite, elle reste elle-mme, donc antimondialiste, et fire de l'tre comme jamais jubilant de voir une partie de l'opinion basculer dans ses ides reues et ses

fantasmes. La nouvelle dmagogie transpolitique est la fois conspirationniste et antimondialiste. Elle ne saurait tre une politique (). Antoine Vitkine, Les Nouveaux Imposteurs, d. La Martinire, 2005, 240 p.,12 . Enqute sur les thories du complot de l'aprs-11 Septembre. Jadis monopole de l'extrme droite, ce mythe sduit maintenant, selon l'auteur, une partie de l'extrme gauche, prospre dans le monde arabe et sur internet. Henri Rollin, L'Apocalypse de notre temps, d. Allia, 2005, 742 p., 25 , Rdition de ce classique, publi en 1939, qui dmonte les mcanismes de la propagande antismite.

En retard d'une Rvolution


Les francs-maons soumis le 01/01/2005 par Daniel Ligou dans Spcial n93 la page 44 | Payant

Contrairement la thorie du com plot maonnique dnonc en 1797par l'abb Barruel, les maons font plutt profil bas en 1789. La lgende rvolutionnaire natra un demi-sicle plus tard, l'avnement de la IIe Rpublique. Grce un "profane", Alphonse de Lamartine. A la veille de la Rvolution, le Grand Orient de France, sous la direction nominale du duc de Chartres futur duc d'Orlans puis Philippe Egalit, mais de fait sous celle du duc de MontmorencyLuxembourg, fdre quelque cinq cents loges et probablement une trentaine de milliers de maons. Tout ce qui compte dans la vie sociale Versailles, Paris, en province est ou a t maon. Sous l'gide du Grand Matre travaillent des loges militaires, des loges d'adoption - rserves aux dames de trs haute noblesse, comme la duchesse de Bourbon -, des loges navales, des loges coloniales. Grce [...]

Rvolution franaise, rsultante d'un complot maonnique?


Parmi les historiens ayant contribu enrichir cette grille de lecture en plus de Louis Blanc (.'.), on peut citer: Jules Michelet. Quelqu'un aurait-il son livre Histoire de la Rvolution franaise pour le citer et le sourcer? --85.4.119.215 (d) 10 mai 2009 21:44 (CEST) Je n'ai pas ce livre en revanche dans le Marie-Antoinette et le complot maonnique. d'Andr Baron on trouve ceci en p.175 et suivantes: "Ainsi les francs-maons prirent-ils une PART ACTIVE au grand et salutaire mouvement qui se produisit dans le pays. Leur influence fut prpondrante dans les Assembles primaires et secondaires du Tiers-Etat (...) Ainsi pntrent-ils en grand nombre dans la reprsentation nationale et pour marquer la place qu'ils y prirent ds l'abord,il suffit de nommer trois d'entre eux: Gilbert du Motier de La Fayette, Honor Gabriel Riqueti de Mirabeau et Emmanuel-Joseph Sieys." Discours. prononc le 16 juillet 1889 en scance du Congrs maonnique international par le Frre Louis Aimable , Membre du Gr. Collection des Rite pp38-39 On y trouve les mentions suivantes: l'historien maon Ernest Nys affirme: "Il est exact de dire que la maonnerie contribua prparer le mouvement formidable de 1789" Le Franais Gaston Martin, 31 degr du Rite cossais est encore plus clair: "Elle (La rvolution) a t, (...) la vraie cratrice, non des principes, mais de la pratique rvolutionnaire". L'historien maon prcise:" "Si nous examinons les vnements de l'histoire de la Rvolution (nous pouvons rencontrer l'influence toujours de plus en plus marque de l'Illuminisme bavarois". Du rle de la F. M. au XVIII me sicle; tenue Pleinire des RR. . LL. ..., Nantes, 23 avril 1883 ,pp. 8,9 " Ce fut de 1772 1789 que la Franc-maonnerie labora la Grande rvolution qui devait changer la face du Monde. C'est alors que les F.M. vulgarisrent les ides qu'ils avaient puises dans leurs Loges... Aprs 1789 ...les F.M. se dispersrent dans les clubs ,dans la vie politique,dans la reprsentation nationale et dans l'arme; nous voyons les Loges se transformer en clubs sans mme changer de nom, entres autres la loge "Le Cercle Social "qui devient un des clubs les plus influents. Le temps des discussions et de l'tude tait pass ,il fallait agir ;mais ce sont les grandes ides maoniques qui vont recevoir leur application au fur et mesure que les vnements vont marcher..." En ce qui concerne Marie-Antoinette elle dsigne le rle mortifre de la franc-maonnerie; voici ce qu'elle crivit son frre : "J'embrasse ma belle-soeur et vos enfants ;prenez bien garde toute association de francsmaons ; c'est par cette voie que tous les monstres d'ici comptent d'arriver dans tous les pays au mme but." (Marie-Antoinette ,Joseph II und Leopold,. Ikr Briefwechsel... (Leur correspondance publie par le Chevlier ) Alfred von Armeth. et encore: (Du rle de la F. M. au XVIII me sicle; tenue Pleinire des RR. . LL. ..., Nantes, 23 avril 1883 ,pp. 8,9) " Ce fut de 1772 1789 que la Franc-maonnerie labora la Grande rvolution qui devait changer la face du Monde. et encore plus: Fin juin 1789, le Frre Adrien Duport , devant le comit de propagande de La Loge , "Les Amis Runis" crit : "Ce n'est que par les MOYENS DE LA TERREUR qu'on parvient se mettre la tte d'une rvolution et la gouverner" (Antoine Franois Bertrand de Molleville , "Histoire de la Rvolution franiase,t. IV ,p. 181, Paris ,an IX)

Sinon une anecdote rapporte qu' la veille de la rvolution, Louis XVI, prvenus de la rvolte imminente aurait t pris d'un soudain affect de paranoa. A peine sortit de son carrosse qui l'emmena au chteau des tuileries, alors qui tait en train de gravir les quelques marches, sa garde apparement FM, sortie l'pe simultanment pour lui tracer une haie d'honneur. La haie d'honneur avec pes est une vote d'acier. Louis XVI pris de panique et par peur s'croula sur les marches. C'est cet instant prcis que les historiens maons fixent le dbut de la monarchie constitutionnelle. Je vous laisse en tirer de savoureuses conclusions... Sinon la veille du 14 juillet donc le 13, un Cagliostro est libr de la Bastille sous les applaudissement et les hourras du peuple. Cagliostro n'est d'autre que le fondateur et le grand matre de la loge gyptienne. Le responsable de la Bastille tait Franc Maon. Voil quelques bases de travail pour complter la partie Rvolution franaise. --Zarb (d) 11 mai 2009 19:15 (CEST) Une autre base de travail intressante serait de lire un peu aussi les universitaires contemporains qui expliquent comment et pourquoi cette lgende du complot maonnique rvolutionnaire s'est construite la fin du XVIIIe sicle, pourquoi tout le monde y compris les francs-maons y a cru jusqu' la fin du XIXe sicle, et comment on dmontre aujourd'hui qu'elle n'tait qu'une lgende. --Christophe Dioux (d) 12 mai 2009 00:17 (CEST) Citer Baron pour ce qu'il dit, fort bien. Mais citer ces citations cel l'est moins, mieux vaudrait donner la source directe aprs vrification c'est plus srieux. Le complotisme est dj satur de pseudo-sources. Nanmoins j'ai dj repr quelques sources cites par lui, dans l'ouvrage que vous exposez, sur le net par exemple chez Gallica. Histoire de la Rvolution de France, par Antoine Franois Bertrand de Molleville. Donc mille merci pour cet apport. Quand ce cher Dioux et ces "universitaires contemporains" (j'avoue j'ai bien ri en lisant votre prose) et bien l'encyclopdie tant participative j'aimerais vous dire " vos claviers", car sans vouloir tre mchant, vous contribuez tellement plus la maintenance de wikipedia qu' votre portail franc-maonnerie que cel en devient suspect... faudrait-il viter que le profane n'en sache trop? :-) Bon, vous allez nous citer Taguieff et la messe est dite, conspiration=paranoa alors qu'un Soljenitsyne nous a dmontr que la psychiatrisation de la dissidence est une caractristique des tats totalitaires.... C'est fou comme la paranoa peut tre contagieuse, dire que cette pauvre Marie-Antoinette, selon Andr Baron (voir cidessus), l'tait elle aussi... elle s'est un peu monte la tte quand mme, elle aurait du lire Taguieff, n'en point douter, cel l'aurait empcher de la perdre, sans doute, la tte, qui sait... pour rester dans le complot mais albionesque et non plus maonnique il y a le livre d'Olivier Blanc, Les Hommes de Londres (1989), qui jette un regard abassourdissant sur la rvolution, complot britannique, selon lui. A mon avis, prtendre que le complot maonnique rvolutionnaire est un lgende, c'est un propos orient, en revanche dire que, comme pour la guerre d'indpendance amricaine, la franc-maonnerie a jou un rle dans le processus rvolutionnaire, d'une part grce l'action individuelle de ses membres et d'autre part grce aux principes qu'elle affirmait au sein de ses loges et qu'elle diffusait dans la socit de son poque, c'est un propos que je qualifierais de mesur. Vous pourriez alors rajouter que son action en tant qu'institution ne fut pas homogne, des maons s'tant ranges du ct du pouvoir royal mais y eut-il des loges en tant qu'ensemble du ct du roi? Rien n'est moins sr... --92.105.9.121 (d) 18 mai 2009 13:11 (CEST) Chre Fantmette2 (d c b) , La Concorde de Dijon en est un bon exemple: Elle se saborde ds aot 1789. Je maintiens que vous gagneriez beaucoup lire au moins un peu les universitaires contemporains. --Christophe Dioux (d) 18 mai 2009 21:08 (CEST)

Et bien Dioux, on a fait sienne la volont du pape Lon XIII en l'inversant? Arracher l'antimaonnisme sont masque? je vais me renseigner sur cette loge, mais connaissant la phrasologie de vos milieux, j'imagine que c'est l'exception qui confirme la rgle et que, bien entendu on se dpche de mettre en avant en pareil cas... J'ai lu les universitaires contemporains comme Taguieff et Olivier Blanc, pour le reste, et bien si vous compltez l'article, j'aurais quelques rfrences emprunter ou consulter en bibliothque... Apportez donc la lumire au profane, Dioux, surtout que je m'claire encore la chandelle... -92.104.159.105 (d) 1 juin 2009 11:03 (CEST)

La Civilt Cattolica
anno trigesimoterzo Vol. XII della serie undecima, Firenze (Manuelli) 1882 pag. 219-228 CRONACA CONTEMPORANEA Firenze, 12 ottobre 1882.

ROMA (Nostra corrispondenza) Documento inedito sopra l'influenza degli ebrei in tutte le stte massoniche, liberali ed anticlericali, cio anticristiane. Si conferma come nella razza ebrea sia la naturale sede dell'Alta Massoneria.
Pubblicheremo ora qui, secondo la promessa fattane nella corrispondenza precedente, un curioso documento finora, per quanto sappiamo, non mai divulgato; il quale diffonder, per avventura, un po' pi di vera luce sopra le origini giudaiche di quella che volgarmente chiamasi l'alta Massoneria e sopra quella principalissima autorit, ascendente e, come ora dicesi, influenza che pel suo indirizzo anticristiano, ossia anticlericale, sempre ebbero e continuano ad avere gli ebrei perpetui, naturali, accaniti e capitali nemici del nome cristiano. Dal quale documento anche si potr vedere che, lungi dall'essere nuova, e perci solo non irragionevolmente sospetta, o fondata al pi sopra pi o meno erudite ed ingegnose congetture, risale invece al secolo scorso e posa sopra esplicite confessioni degli stessi ebrei, l'opinione che pone nel giudaismo la propria origine e sede come dell'odio anticristiana cos di tutte le sue varie massoniche e settarie manifestazioni: potendosi dire che nell'ebraismo appunto s'impostino e s'incardinino quelle port, ossia potenze, inferi, ossia sotterranee, clandestine, settarie e pressoch invisibili che mai non prevarranno ma sempre varranno fino alla consumazione dei secoli contro la Chiesa di Ges Cristo. N, a vero dire, l'invidia diaboli poteva trovare pi naturale e meglio adatto strumento ad esercitare le sue ire contro Cristo ed i cristiani che il giudaismo come lui spodestato perch come lui ribelle, e come lui potente perch come lui non privato dei suoi doni naturali. Destinato, in fatti, il popolo ebreo al regno, purch fosse stato fedele; secondo la promessa (Deut. XXVIII 1):si audieris vocem Dominii Dei tui, faciet te Dominus Deus tuus excelsiorem cunctis gentibus qu versantur in terra: fu anche fornito di tutte quelle naturali doti di corpo e di mente che la divina provvidenza gli aveva assegnate come fondo naturale sopra cui sopraedificare le soprannaturali. E qual fantasia pu figurarsi la felicit cui

sarebbe giunta la terrena Gerusalemme, figura della celeste, se il popolo ebreo seguendo Cristo avesse cooperato ai disegni divini sopra Lui e la sua Chiesa? Che se tanto pot sempre e pu anche ora contro di lei, grazie alle sue [220] doti naturali, bench s avvilito sempre ed anche sovente perseguitato ed oppresso, s che or qua or l in altri tempi ed ora quasi dappertutto pare che signoreggi, come non avrebbe incontestabilmente dominato cunctis gentibus qu versantur in terra; se, invece di combattere Cristo e la sua Chiesa, contro cui mai difatto non prevarr, si fosse loro unito coll'obbedienza e colla fede? Ma poich come gi il diavolo cos gli ebrei (Jud non servaverunt suum principatum sed deseruerunt suum domicilium, ed a similitudine del diavolo ostinatamente continuano a servirsi, nella misura loro da Dio permessa, dei doni naturali loro lasciati (secondo che anche leggesi in Giobbe 41, 24:Non est super terram potestas qu comparetur ei qui factus est ut nullum timeret) ben naturale che, quanto ci avremmo tutti guadagnato colla conversione e cooperazione degli ebrei, tanto debba la Chiesa soffrire della loro perversione e persecuzione, che essa si porta quasi come saetta nel fianco, fino a che raccolte le reliquie d'Israele non sar che un solo ovile ed un solo pastore. Or per venire al documento che dar qualche luce sopra quel modo settario e propriamente massonico onde sempre gli ebrei perseguitarono la Chiesa di Ges Cristo, anzi tutto da ricordare come, avendo fin dal 1797 in Londra, dove si era rifugiato, il gi religioso della Compagnia di Ges Agostino Barruel pubblicato per la prima volta la sua insigne storia del giacobinismo e della setta massonica, che poi ebbe tante edizioni in tutte le lingue di Europa ed ancor presentemente considerata come opera classica nel suo genere; moltissimi in tutta Europa presero a corrispondere con quell'eruditissimo uomo, quali per chiedergli e quali anche per dargli analoghe informazioni. Tra i quali fu un certo Giovanni Battista Simonini piemontese di nascita, ma residente in Firenze, il quale il 10 agosto del 1806 gli scrisse una lettera sopra la parte principale, non toccata dal Barruel, che gli ebrei sempre ottennero nella massoneria. La quale informazione parve al Barruel s importante che, dopo comunicatala non senza frutto ai ministri della polizia allora napoleonica, che se ne giov specialmente sia per frenare i numerosi ebrei dell'Alsazia, sia per dare il giusto peso alle bugiarde assicurazioni di lealt del famoso Sinedrio ebraico parigino, ne mand l'originale allo stesso Sommo Pontefice Pio VII. Il quale, fatte prendere informazioni in Firenze sopra lo scrittore Simonini, le trov ottime sotto ogni rispetto; secondo che fu anche fatto sapere al Barruel, come si vedr. Crediamo che nell'Archivio vaticano si possa forse ancora trovare quel documento. Ma avendone il Barruel ritenuta copia autentica ed annotata di suo pugno, la quale si conserva nell'archivio di Friburgo in Isvizzera, e di col avendone noi avuta comunicazione parimente autentica, con licenza di pubblicarla, noi pubblicheremo qui per la prima volta ogni cosa: la lettera cio del Simonini e le note del Barruel; non senza qualche maraviglia [221] che, solo ora, dopo tanti anni, debba vedere la prima luce un documento di natura sua s meritevole di essere da tutti conosciuto. Lettera e note sono in francese. Ma noi, per comodit di tutt'i nostri lettori, le pubblichiamo qui voltate letteralmente in italiano. Copia di una lettera che io Agostino Barruel Canonico onorario di Ntre Dame ho ricevuta a Parigi il 20 agosto 1806. Nota Bene: Io copio anche gli errori di grammatica (francese). I + M (Iesus Maria) Firenze 1 agosto 1806. Signore. Sono pochi mesi da che, a caso, ebbi la fortuna di conoscere la vostra eccellente opera intitolata: Memorie dei Giacobini. La lessi o piuttosto la divorai con un piacere indicibile: e ne cavai il pi gran frutto ed i pi grandi lumi per la mia propria condotta. Tanto pi che vi trovai esattamente dipinta un'infinit di cose delle quali fui nel corso della mia vita testimonio oculare, senza poterle ci non ostante intendere bene. Ricevete dunque, Signore, da un ignorante militare quale io sono, i pi sinceri rallegramenti sopra la vostra opera, che si pu meritamente chiamare l'opera per eccellenza di questo secolo. Oh! come voi avete bene smascherate quelle stte infernali

che preparano le vie dell'Anticristo e sono i nemici implacabili non sol tanto della religione cristiana ma di tutti i culti, di tutte le societ e di qualsiasi ordine. Ve ne tuttavia una di queste stte che voi non avete toccata che leggermente. E forse voi l'avete fatto apposta perch essa la pi conosciuta e, per conseguenza la meno a temere. Ma, secondo me essa oggi la potenza pi formidabile se si considerano le sue grandi ricchezze e la protezione di cui gode in pressoch tutti gli Stati di Europa. Voi intendete bene, Signore, che io parlo della setta giudaica. Ella sembra al tutto separata e nemica delle altre, ma realmente essa non tale in effetto. Basta che una di esse si renda nemica del nome cristiano perch essa la favorisca, la incoraggisca e la protegga. E non l'abbiamo noi vista e non la vediamo noi ancora prodigare il suo oro e il suo argento per sostenere e dirigere i moderni sofisti, i frammassoni, i giacobini, gli illuminati? Gli ebrei dunque, insieme con tutte le altre stte, non formano che una sola fazione per annientare, se fosse possibile, il nome cristiano. E non crediate, Signore, che tutto ci sia una mia esagerazione. Io non fo che ripetere ci che mi fu detto dagli stessi ebrei. Ed ecco come. Mentre il Piemonte mia patria era in rivoluzione (alla fine del secolo precedente) ebbi occasione di frequentarli e di trattare confidenzialmente con loro. Essi furono per i primi a cercarmi. E siccome allora io non era scrupoloso, finsi di legare con loro una stretta amicizia e giunsi a dir loro, pregandoli del pi rigoroso segreto, che io era nato a Livorno di famiglia ebrea: ma che fin da bambino era stato educato [222] da non so chi; e che io neanche sapeva se era stato battezzato: ma che, quantunque all'esterno vivessi e facessi come i cattolici, nel mio interno io pensava come quelli della mia nazione, per la quale io aveva sempre conservato un tenero e segreto affetto. Allora mi fecero le pi grandi offerte e mi diedero tutta la loro confidenza. Essi mi promisero di farmi diventare generale se io voleva entrare nella setta dei Frammassoni e mi mostrarono somme d'oro e d'argento che essi distribuivano, come mi dissero, a coloro che abbracciavano il loro partito, e vollero assolutamente regalarmi tre armi decorate coi segni della Massoneria, che io accettai per non disgustarli e per incoraggiarli sempre pi a manifestarmi tutti i loro segreti. Or ecco quello che i principali e pi ricchi ebrei mi comunicarono in diverse circostanze. 1 Che Manete e l'infame vecchio della Montagna erano della loro nazione. 2 Che i Framassoni e gli Illuminati erano stati fondati da due ebrei, dei quali mi dissero il nome: che, disgraziatamente, ho dimenticato. 3 Che in somma da loro avevano avuta origine tutte le stte anticristiane; che sono ora s numerose nel mondo da arrivare a pi milioni di persone di ogni sesso, paese e condizione. 4 Che nella sola Italia essi avevano per partigiani pi di ottocento ecclesiastici s secolari come regolari (senza dubbio giansenisti e rigoristi) tra i quali molti Parochi, professori pubblici, prelati, qualche Vescovo e qualche Cardinale: e che da qualche tempo non disperavano pi di avere anche un Papa del loro partito. E supponendo il caso di un papa scismatico (cio antipapa) la cosa diventa possibile. Dove noter da s il savio lettore che il Simonini qui non fa che riferire il dettogli da alcuni ebrei; i quali, specialmente quanto al numero, grado e qualit dei loro adepti potevano facilmente non solo esagerare ma anche mentire. Del resto chi conosce anche solo leggermente i fasti della rivoluzione del secolo scorso e del presente, ben sa quanti, nella sola Francia, non solo ecclesiastici ma anche Vescovi come il Taillerand il Grgoire e tanti altri, abbiano osteggiata la Chiesa quanto e pi di qualsiasi settario. Si sa poi da tutti che il Grgoire fu il massimo campione degli ebrei e della loro emanceppazione: cos che test gli Ebrei gli eressero anche una statua in segno di gratitudine in quella Francia stessa dove contemporaneamente si atterrano le croci.

5 Che parimente in Ispagna essi avevano un gran numero di partigiani anche nel clero; bench in quel regno fosse ancora in vigore la maledetta inquisizione. Maledetta, s'intende, dagli ebrei e dai loro partigiani, anche talvolta ecclesiastici. 6 Che, la casa dei Borboni era la pi grande loro nemica; ma che tra pochi anni speravano di annientarla. [223] 7 Che per meglio ingannare i cristiani fingevano essi medesimi di essere cristiani viaggiando e passando dall'un paese all'altro con falsi certificati di battesimo, che essi comperavano da curati avari e corrotti. 8 Che essi speravano, a forza di cabale e di denaro, di ottenere da tutti i governi uno stato civile (cio l'emanceppazione, cittadinanza ed uguaglianza di diritti) come gi era loro accaduto in diversi paesi. 9 Che possedendo i diritti civili come gli altri, essi avrebbero comprato case e terre pi che avrebbero potuto: e che col mezzo dell'usura sarebbero ben presto arrivati a spogliare i cristiani di ogni loro bene stabile e delle loro ricchezze. Il che comincia a verificarsi in Toscana; dove gli ebrei esercitano impunemente l'usura pi esorbitante e fanno immensi e continui acquisti cos in citt come in campagna. 10 Che, per conseguenza, essi si promettevano in meno di un secolo (e pare, pur troppo, che profetarono giusto) di essere i padroni del mondo, d'abolire tutte le altre stte per far regnare la propria, di far tante sinagoghe delle chiese dei cristiani e di ridurre i cristiani restanti in una vera schiavit. Ma non previdero i moti antisemitici, n seppero mai intendere che le loro port inferi non prvalebunt. Ecco, o Signore, i perfidi progetti della nazione ebrea che io udii colle mie proprie orecchie. senza dubbio impossibile che essi possano effettuarli tutti, perch sono contrarii alle promesse infallibili di Ges Cristo alla sua Chiesa ed alle profezie che annunziano chiaramento che questo popolo ingrato ed ostinato dee restare errante e vagabondo nel disprezzo e nella schiavit fino a che conosca il vero Messia che egli ha crocefisso, e sia in quest'ultimo tempo la consolazione della Chiesa abbracciando la fede. Tuttavia essi possono fare molto male (e quanto ne fecero!) se i governi continuano a favorirli, come fecero da molti anni. Sarebbe dunque molto desiderabile che una penna energica e superiore come la vostra facesse aprire gli occhi ai detti governi e li istruisse a far tornare questo popolo nell'abbiezione che gli si dee, nella quale i nostri padri, pi politici e pi giudiziosi di noi, ebbero sempre cura di tenerli (Si , infatti, sempre veduto che gli ebrei sono come i fanciulli e le donne: che, o si reggono con leggi eccezionali; ed allora stanno buoni e vivono e lasciano vivere; o si d loro la libert comune, ed allora n sanno vivere n lasciano vivere). A questo io vi invito, pregandovi di perdonare ad un italiano e ad un militare gli errori (di lingua francese) di ogni specie che voi troverete in questa lettera. Io vi desidero da Dio la pi ampia ricompensa per tutti gli scritti luminosi di cui voi avete arricchita la sua [224] Chiesa: i quali chi legge ha per voi la pi alta stima ed il pi profondo rispetto; col quale ho l'onore di essere: Signore, il vostro umilissimo ed obbedientissimo servo Giovanni Battista Simonini. Poscritto. Se in questo paese posso servirvi in qualche cosa, e se voi avete bisogno di nuove dilucidazioni sopra il contenuto di questa lettera, fatemelo sapere: voi sarete obbedito.

Seguono ora le note del Barruel apposte di sua mano alla lettera del Simonini: le quali sono come segue. Nota Bene. 1 Riflettendo; l'oggetto di questa lettera sembrerebbe incredibile. (Non erano, in fatti, allora gli ebrei ancor arrivati alla potenza presente quasi profetata dal Simonini; ed appena prendevano a rialzarsi alquanto in Francia dalla passata abbiezione). Ed almeno, secondo la sana critica, quante prove non esigerebbe! Prove impossibili ad ottenere! (Ma ora sono ottenute col fatto a tutti cospicuo della potenza prepotente degli ebrei nel mondo politico, letterario, giornalistico e finanziario). Mi sono ben guardato dal pubblicare nulla di somigliante. Tuttavia credetti dover comunicare la lettera al Cardinale Fesch perch egli ne facesse presso l'Imperatore Napoleone quell'uso che credesse a proposito. Feci lo stesso col signore Desmarest perch ne parlasse al capo della polizia, se lo credeva utile. Credo aver fatto meglio a non pubblicare nulla di somigliante. Partecipando questa lettera alle dette persone il mio scopo era di impedire l'effetto che poteva avere il Sinedrio convocato dall'Imperatore a Parigi. Essa fece tanto pi impressione sopra il signor Desmarest, quanto che egli era allora occupato di ricerche sopra la condotta degli ebrei. E mi disse che questi erano in Alsazia anche peggiori che in Toscana. Egli avrebbe voluto conservare l'originale. Ma io glie lo rifiutai, riservandomi di mandarlo al Papa: siccome feci; pregandolo di fare prendere sopra il signor Simonini le informazioni convenienti per sapere il grado di fiducia che la sua lettera meritava. Alcuni mesi dopo Sua Santit mi fece scrivere dall'abate Tetta suo segretario che tutto faceva credere alla veracit e probit di colui che mi aveva rivelato tutto quello di cui diceva essere stato testimonio. Nel seguito, le circostanze non permettendomi di comunicare col signor Simonini, credetti dover conservare sopra l'oggetto della sua lettera un profondo silenzio: ben sicuro che, se mi si prestava fede, io poteva essere occasione di un macello di ebrei; e, se non mi si prestava fede, tanto e meglio valeva il non avere detto niente. Erano, infatti, allora gli ebrei, specialmente in Francia, appena usciti dallo stato di secolare abbiezione; s che a mala pena cominciavano ad essere tollerati nel civile consorzio. N poteva perci il Barruel sospettare la prepotenza cui in Francia stessa essi sarebbero tra breve venuti, grazie alla sola tolleranza del Governo verso di loro. Si risentivano inoltre allora [225] i costumi ancor molto di una certa brutale fierezza ora ignota o molto temperata, tranne appunto fra i settarii mancipii degli ebrei. Dove poi scoppiarono ferocemente i moti antisemitici si sa che ci non accaduto per troppa lettura di libri, di giornali e di documenti inediti; ma parte per mossa, appunto settaria, parte e specialmente per l'abuso stesso della prepotenza ed insolenza ebrea, che il documento principale della verit di quanto scrisse e rivel il buon Simonini. La cui lettera, quanto al fatto del predominio ebreo sopra la societ cristiana, non ci rivela pi ora nulla di nuovo, e soltanto ci d qualche luce per iscoprire le origini settarie dell'anticristianesimo ed anticlericalismo. Se dunque ai tempi del Barruel poteva avere qualche valore quel suo dilemma, ora, mutate le circostanze, non ne ha pi nessuno, sia perch le menti sono ora pi disposte a credere ci che gi molti in gran parte vedono coi loro occhi, sia perch, per converso, se si ha da temere qualche danno, pi probabile, e Dio volesse che non anche pi consueto, quello dei cristiani per parte dei settarii e degli ebrei, che non quello dei settarii e degli ebrei per parte dei cristiani. La quale mutazione ed anzi conversione di cose e di animi deesi anche in parte a quella ignoranza del vero essere e delle vere tendenze delle sette e del giudaismo in cui fummo lasciati pressoch tutti, in generale, per tanto tempo. Or segue il Barruel notando: Nota Bene 2: All'arrivo del Re (Luigi XVIII) io gli feci pervenire copia della lettera. (Donde si vede che il Barruel ne faceva gran conto; avendola gi otto anni prima comunicata al Governo napoleonico ed al pontificio). Per intendere questo odio degli ebrei contro i Re di Francia bisogna risalire fino a Filippo il Bello, che nel 1306 aveva cacciati di Francia gli ebrei e si era impadronito di tutti i loro beni. Quinci poi la causa comune coi Templarii; origine del grado di kadosch. Le quali spiegazioni del Barruel, a vero dire, non ci soddisfanno molto.

Giacch non dai soli Re di Francia, ma da tutti quelli di Europa furono spesso cacciati e molestati gli ebrei ed i Massoni anche peggio che dai Borboni. E cosi parimente ora riconosciuta da tutti come una favola quella del Massonismo dei Templarii, combattuta da tutti i documenti recentemente pubblicati e non appoggiata che sopra i rituali massonici tutti pieni di simili false e ciarlatanesche origini della massoneria. Bens potrebbesi forse con pi probabilit congetturare che, nascondendosi in Francia il massonismo sotto il nome dei Riformati ed Ugonotti e poi dei Giansenisti (come in Inghilterra sotto quello dei Puritani, Indipendenti, Teste rotonde, Presbiteriani e simili) ed essendo stati gli Ugonotti e poi i Giansenisti sempre combattuti dai Borboni, i quali regnavano anche allora sopra tanti Stati con un reggimento cattolico e strettamente monarchico e talvolta anche dispotico, era ben naturale che in quella casa e nelle sue tradizioni vedessero allora gli ebrei ed i settarii il loro pi potente nemico. N [226] valse ai Borboni, per entrare nelle grazie settarie, l'avere obbedito alle influenze massoniche colla cacciata dei Gesuiti e con altre male opere contro Roma e la Chiesa: colle quali anzi si disarmarono sempre pi dinanzi all'audacia settaria che non si teneva sicura del trionfo, finch al regno dei Borboni e delle altre case cattoliche non avesse sostituito il proprio. Inoltre da notare che quest'odio speciale della Massoneria alla casa Borbone doveva anche essere come una speciale propriet e, come a dire, privativa della massoneria francese, che aveva le sue diramazioni ed i suoi riti dominanti nel contiguo Piemonte, dove il Simonini aveva imparati quei segretumi. Nella massoneria tedesca, invece, per esempio, l'Illuminismo ossia il Massonismo pi illuminato non aveva nei suoi riti quest'odio particolare alla casa dei Borboni, ma odio generale ed universale a tutti i Re, Imperatori e governi del mondo. Secondo che poi mostr parimente col fatto la massoneria francese appena che, avendo trionfato in Francia, diffuse il suo regno e le sue dottrine per tutto il mondo, abbattendo non solo n specialmente i Borboni, ma ogni casa regnante ed ogni forma di governo cattolico e legittimo dovunque pot. Finisce il Barruel col: Nota Bene 3: Io seppi da un Framassone iniziato ai grandi misteri della setta che vi erano molti ebrei specialmente negli alti gradi. E termina lo scritto con queste parole: Estratto da una copia autentica che si conserva in Friburgo di Svizzera. Ma quella che chiamasi copia autentica anche in parte originale e pi preziosa che non l'originale stesso, perchcontiene ancora le note autografe del Barruel e la storia di essa lettera: il che tutto dee mancare nell'originale del Simonini che crediamo si conservi negli Archivii Vaticani. Vedesi dunque dal citato documento come, sin da quando cominci a manifestarsi in Francia e in tutta l'Europa continentale la forza massonica, cominci parimente a riconoscersi in essa il zampino ebraico. Ma curioso che anche in Inghilterra, quando la Massoneria, ancor coperta come tale sotto le forme accademiche, manifestavasi per mezzo dei puritani e del Cromwel (che alcuni anche sognano fondatore della Massoneria) l'ebraismo vi si sia parimente fatto apertamente scorgere come non minimo fattore di quella rivoluzione s accanitamente anticattolica. Ed in primo luogo narra il Cant nella sua Storia universale (Biografie N. XXVI) che la maggior prova che diede (il Cromwel) di tolleranza, strana al suo secolo ed al suo fanatismo, fu verso gli ebrei s gran tempo oppressi da pregiudizi pi forti in Inghilterra che altrove. Fin allora, infatti, da molti secoli, gli ebrei non erano stati tollerati in Inghilterra. Ma subito vi comparvero coll'anticattolica rivoluzione di Cromwel. Il che narra pi a lungo il Basnagio nel Libro IX Capo 22 della sua Storia dei Giudei, informandoci che dal XIII secolo essi erano sempre stati banditi dall'Inghilterra, dove non ottennero libert che [227] (secondo il solito) quando essa fu tolta pi fieramente ai cattolici sotto Cramwel. E narra l'anglicano Burnet nel Tomo 1 delle sue Rivoluzioni d'Inghilterra (pag. 75 dell'edizione di La Haie 1725) che Cromwel vide subito che egli poteva avere molto utili avvisi dagli ebrei. Per questo, pi che per tolleranza, fece venire in Inghilterra una folla di ebrei e loro permise di fabbricarsi una Sinagoga. Essi lo servirono sempre da spioni fedeli, principalmente in Ispagna ed in Portogallo. Sempre, infatti, furono e sono i primi gli ebrei in Inghilterra, in Germania, in Francia, in Roma e dappertutto ad aiutare ed incoraggiare gli anticristiani. Ed il Macaulay, nella sua Storia

dell'Inghilterra (vol. I, cap. I, pag. 82. Le Monnier 1859), parlando in generale dei puritani pi rigidi, cio dei pi ipocriti e pi anticattolici, dice che: i pi rigidi puritani cominciarono a sentire pel vecchio testamento una predilezione, che essi forse non confessavano chiaramente, ma che traluceva in tutti i pensieri e costumi loro. Tributavano al linguaggio ebraico quel rispetto che ricusavano alla lingua nella quale sono a noi pervenuti i discorsi di Cristo e le epistole di Paolo. Battezzando i loro figliuoli adoperavano non i nomi dei santi cristiani ma quelli dei patriarchi e dei guerrieri ebrei. Sfidando le espresse e ripetute dichiarazioni di Lutero e di Calvino trasmutarono in un Sabato giudaico il giorno festivo settimanale. Nella legge mosaica cercavano i principii della giurisprudenza... La morale ed i costumi furono sottoposti ad un codice che somigliava quello della sinagoga quando essa era nelle sue peggiori condizioni. Il vestire, il contegno, il linguaggio, gli studii, i sollazzi di quella rigida setta furono regolati secondo i principii simili a quelli dei farisei. Erano insomma pi ebrei che cristiani; perch o ebrei in gran parte travestiti da puritani, secondo l'uso ebreo manifestatoci dal Simonini; od almeno perch invasati dallo spirito ebreo. Ed perci cosa naturale che anche i rituali massonici allora appunto scritti e formati in Inghilterra, non siano che roba rabbinica, talmudica e cabalistica da capo a fondo; come se ne persuade facilmente ognuno che dia loro anche una semplice occhiata, Le quali tracce cabalistiche, rabbiniche, talmudiche ed insomma giudaiche si scorgono parimente nelle dottrine delle stte precedenti e posteriori alla massonica, dalle gnostiche antiche alle recentissime degli Illuminati, Panteisti e Spiritisti che, sotto diversi nomi, non sono in sostanza che la stessa cosa: la guerra cio che fa il diavolo a Cristo ed alla sua Chiesa specialmente col mezzo potentissimo della razza ebrea. In guisa che, volendo qui accennare in succinto ci, che ci pare pi certo sopra la s discussa questione dell'essenza ed origine della cos detta Settaanticristiana, crediamo potersi fondatamente affermare che, quanto assurda la supposizione di chi fa questa setta anteriore a Cristo ed al Cristianesimo (in quanto setta suppone una societ segreta), altrettanto probabile l'opinione di chi ne pone la sede [228] naturale nella razza ebrea. Non altro infatti essendo n potendo essere la Setta anticristiana che una unione d'uomini settariamente concertati a guerra segreta contro il cristianesimo per disfarsene a scopo di qualche loro profitto particolare, questa unione trovossi, trovasi e troverassi sempre bella ed organizzata nella razza ebrea dopo la sua ribellione a Cristo e la sua dispersione fra le genti. Giacch non altrimenti che colla guerra al cristianesimo e colla sua ruina possono gli ebrei, nella loro cecit presente, sperare di ripigliare il loro regno trasferito per sempre da Gerusalemme a Roma. Laonde, per questa loro folle speranza di restituire il loro regno d'Israele e per l'odio invidioso che portano a Chi ne li ha privati, gli ebrei si sono trovati essere naturalmente la Setta anticristiana, e perci anche satanica, pronta sempre e disposta a cooperare col diavolo contro Cristo ed i Cristiani: cio quella che test dicevamo unione d'uomini settariamente concertati a guerra segreta contro il cristianesimo, per disfarsene a scopo di un loro profitto particolare. Perci, fin dal principio della loro riprovazione e per tutti i secoli della persecuzione cristiana, e poi nel Medio Evo e nel moderno, fino ad ora, sempre gli ebrei, da s soli od alleati, combatterono Cristo ed i Cristiani settariamente. E diciamosettariamente, perch Setta non significa altro che ci che appunto sono essenzialmente gli ebrei tra i cristiani; cio uno stato nello stato, nemico clandestino dello stato in cui vive. Ed curioso che l'arte liberalesca, cio ebraica, sia riuscita a scambiare a tanti le carte in mano facendo apparire come Stato nello Stato la Chiesa cattolica, mentre invece, questo Stato nello Stato non in verit altro che l'ebraismo. N, per quanto si cerchi nelle antiche o nelle moderne istorie, si trover nessuna setta che possa paragonarsi alla razza ebrea nel lavoro settario e clandestino perpetuo, continuato, ragionevole a modo suo, potentissimo, arrabbiatissimo ed influentissimo contro tutti gli altri popoli in generale, ma specialmente contro i cristiani. La razza ebrea nel mondo come il fortissimo nucleo, il focolare ardentissimo e la sede naturalissima dell'odio acerbissimo antiumanitario ed anticristiano, perch nell'umanit in generale e nel cristianesimo in particolare essa vede chi la priva del dominio universale ed esclusivo cui crede avere naturali e soprannaturali diritti. Perci da sola, quanto pu, sempre, ed alleata con altri chichessiasi, quando pu, sempre lavora contro chi non ebreo e specialmente contro chi cristiano, valendo sempre e mai nonprevalendo secondo la promessa di Ges Cristo. Or vedano, di

grazia, i nostri massoncini e i loro circoli anticlericali ed i liberali in generale ed anche i cattolici liberali cui bono ed a cui profitto esclusivo vadano cotanto affaticandosi cotidianamente. A profitto degli ebrei! Ben diceva Dante:
Uomini siate e non pecore matte: S che il giudeo tra voi di voi non rida.

LA CIVILTA' CATTOLICA Serie XVI, vol. VI, fasc. 1100. 8 aprile 1896. (Pag. 160176)
LE LOGGE ISRAELITICHE SECRETE PIENAMENTE ILLUSTRATE
I.Origini delle logge israelitiche.

Fu scritto per alcuni indagatori delle origini della massoneria, che la famosa setta fosse un arcano lavoro dei giudei, insieme congiurati contro la Chiesa cattolica. Cos ne pens Leo Taxil, tra i pi recenti scrittori di cose massoniche, e cos parecchi altri. Il vero si che la prima fonte di veleno satannico derivato alla massoneria la dottrina occulta di Fausto Socino sanese, la quale ispir la fratellanza satanista dei Rosacroce, coi suoi gradi settarii secretissimi. Questa poi contamin le confraternite di Liberi Muratori in Inghilterra, e le tramut in logge frammassone. Il che viene dimostrato con documenti nuovi e irrefragabili da Miss Diana Vaughan nelle sue Mmoires, la quale su questo particolare ha un trattato che farebbe onore a qualsiasi storico pi erudito. Il numero 11 stimato gradito e sacro al diavolo; per 11 erano i gradi della setta dei Rosacroce, 14 o un multiplo, 22, 33, ecc. sempre il numero legale dei socii nelle assemblee palladiche e sataniste. Certo i giudei furono dei primi a salutare, come l'aurora di un bel giorno, l'apparizione della massoneria, nel 1717, quando essa per la prima volta cominci a tenere le sue conventicole e ad ammettervi degli adepti : non era possibile che il popolo deicida non odorasse subito l'odio accanito che vi regnava contro Ges Cristo. pure vero che il Rito, detto Scozzese antico ed accettato, un intruglio di gradi vecchi, compicciato dai giudei in America sul fine del secolo scorso. Ne daremo un cenno pi avanti. Di l venne, ossia ritorn in Europa, e sul principio di questo secolo e vi si diffuse un po' per tutto, segnatamente in Italia; senza arrivare tuttavia mai alla floridezza del Rito dell'Arca o Arco reale, che, radicatosi nell'Inghilterra fin dal 1771, invase la razza anglosassone nei due emisferi, ed il pi numeroso ancora ai nostri giorni. I giudei videro con infinita soddisfazione prendere piede cotali associazioni, le favorirono e ne furono favoriti, a poco a poco vi parteciparono in gran numero e non tardarono a dominarle. Di che non ancora paghi, fondarono societ e riti massonici loro proprii; e, dispersi come sono, per tutta la terra si strinsero in tale comunella d'interessi colla massoneria, che al presente ben si pu dire che le logge israelitiche e le massoniche d'altri riti formino un solo esercito di cospiratori contro la religione di Ges Cristo. Ecco ci che dimostreremo con fatti e documenti. Come altre volte notammo, geloso oltremodo il secreto giudaico, e de' fatti, della loro massoneria appena mai che apparisca un cenno nella stampa.. E se s'incontra, non per lo pi opera di giudei.

Anche nelle pi intime corrispondenze massoniche le loro logge sono classificate tra le logge secrete, che non ammettono visitatori, tranne alcuni pochi e scelti satanisti di alto affare a ci destinati. Con tutto ci noi ci rinfidiamo di dare sufficiente contezza delle logge, dello spirito e dell'opere loro. Gi ci precorsero studiosi investigatori agitando la face. Abbiamo in questo stesso periodico pubblicati preclari studii su questo argomento del nostro compianto collega, P. Giuseppe Oreglia. Piena di luce l'opera di monsignor Leone Meurin, il quale nelle ime viscere della massoneria trova la Cabala giudaica, come informante la setta massonica, e fondamento e ragione delle sue pratiche e de' suoi riti[1]. Eduardo Drumont stese in due grossi volumi una requisitoria tremenda contro le male opere d'Israele moderno. Chi non ha letto con raccapriccio la sua France juive e la France juive devant l'opinion? Il valoroso antisemita non tralascia di osservare il pieno accordo, anzi la congiura perpetua della massoneria col giudaismo a danno dei cristiani [2]. Cos avesse egli ultimato il promesso lavoro sulla Europe juive! Certo , per noi, che la Italia, la Germania, la Russia, l'Ungheria, la Polonia non sono dalla massoneria giudaica meno devastate che la Francia. Nominiamo poi con rispetto e riconoscenza il recente libro del De la Rive, Le Juif dans la Franc-Maonnerie [3], tutto un tessuto di documenti di ottima lega, e che dimostrano l'azione malefica della razza giudaica confusa colle nazioni cristiane, e non mai fusa con esse, anzi nemica ed eccitatrice della persecuzione contro la Chiesa cattolica [4]. Con questi ed altri copiosi presidii storici entriamo ne' segretumi massonici e giudaici, voluti a noi contendere dalle logge israelitiche.
II.Primi saggi di alleanza giudaico-massonica.

Sebbene i giudei non diedero i primi fondatori della massoneria comunemente conosciuta per tale, furono dei primi ad amicarsela e a guadagnarne le grazie. L'empio F..Tolland patrocin la naturalizzazione dei dispregiati figli di Abramo, come cittadini inglesi. Ci nel 1715. Ma invano per allora: solo una passeggera emancipazione si concesse loro molti anni dopo. Intorno a quel tempo (1754), non paghi i giudei di affigliarsi alle logge dei Rosacroce, e poi alla gi sorta massoneria, vollero raffazzonare questa societ a modo loro: ed ecco il F..Martinez Paschalis, ebreo portoghese, fondare in Francia un rito speciale massonico, gli Eletti Cohen ossia eletti sacerdoti. In questa congrega trasfuse la corruzione gnostica e la rabbia della Cabala satannica: e i Cohen si perpetuarono sino ai giorni nostri, satanisti e gnostici come nella loro origine. . Altra impresa giudaico-massonica e durevole fu il riordinamento del cos detto rito Scozzese antico ed accettato. Sul fine del secolo scorso il rito massonico pi comune era stato trasportato nell'America inglese. Vani giudei, tra i quali il dotto ed accanito cabalista F..Mos Holbrook (che tra poco ci torner innanzi) misero mano ad ebraizzarlo. Ne accrebbero il numero dei gradi sino a 33, o tre volte 11, che il numero reputato pi caro a Satana. Altri storici pretesero che i giudei non fecero altro che accrescere il numero dei gradi del rito di Herodom; altri che la proposta venisse da Federigo il Grande, re di Prussia. Il certo che i figli d'Israele rimpolpettarono a loro talento i trentatr gradi che vennero poi comunemente accolti, sotto il nome di rito Scozzese antico ed accettato; e che gli ebrei in America ne vendettero a grande guadagno le patenti a chi volle pagarle. Egli certo pure che nelle iniziazioni a questi gradi e nelle rimanenti pratiche del rito un'orgia di giudaismo sfacciato. Tutto vi sente l'odio a Ges Cristo e alla sua Chiesa, le storie drammatiche, che formano l'insegnamento ai candidati, sono bibliche, ma travisate perfidamente da mitologie talmudiche e cabalistiche; le parole di passo, e quasi sacramentali, sono egualmente ebraiche. Questo ghetto versato nella massoneria, vige e trionfa sino al presente, ove pi ove meno, nelle logge di tutti quanti i riti delle massonerie dei due emisferi. Vi ha certamente molta parte, ora espressa ora dissimulata, la venerazione di oggetti osceni e innominabili tra le persone oneste; ma ci sempre come parte del culto di Satana, che la gradisce, e in odio al Cristo di Dio che la divieta col suo: Non fornicare.

Cos nacque massone e giudaico il primitivo Grand'Oriente del rito pi diffuso se non pi numeroso. Ebbe culla a Charleston nella Carolina del Sud, e ne fu di fatto primo Gr..Maestro il giudeo F..Isacco Long, il 31 maggio 1801. Il generale F..Alberto Pike, succeduto poi a suo tempo, afferm che le principali massonerie del mondo odierno erano figlie di questo primo Grande Oriente, e ne diede la figliazione o albero genealogico in una Istruzione del Supr..Cons..di Charleston ai 23 SupeCons..Confederati , del Rito Scozzese; afferm che tutti i Gr..Orienti e le Madrilogge degli altri riti mantenevano con Charleston relazioni di amist fraterna; per le quali ragioni esso non si perit di assumere il titolo di Sommo Pontefice della Massoneria universale [5]: titolo che fu accolto e riconosciuto da tutte le massonerie; ma forse, pi che per la principalit del seggio di Charleston, per la immensa influenza da lui acquistata col satanismo palladico. Imperciocch la principale opera del Pike fu la fondazione di un novello ordine massonico, cui egli chiam dei Re Teurgisti Ottimati, e che va sotto il nome di Palladismo. In questo volle pi che nelle altre massonerie, esplicito e solenne il culto di Satanasso: e vi adun il fior fiore dei massoni e delle massone di ogni rito, bramosi di convolgersi nel fango del satanismo pi empio e pi laido [6]. Gli diede l'ultima mano il 20 settembre 1870, quando la massoneria entrava trionfante in Roma. Al presente si pu calcolare a circa un milione il numero dei satanisti palladici sparsi per tutto il mondo, e passati, dopo l'effimero pontificato del Mackey, sotto la verga pastorale del Papa Adriano Lemmi. Ognun vede la irresistibile preponderanza nel governo massonico e l'immensa influenza che pot esercitare il Pike, con s numeroso esercito di adepti facienti parte di tutte le corporazioni settarie. Ma anche in questa fondazione del Pike ebbero la parte pi importante gli ebrei massoni; e il palladismo giudaico nell'ime sue viscere. I riti fondamentali il Pike gli ebbe dal vecchio giudeo F..Holbrook, cabalista consummato e satanista accanito; i cantici infami pei triangoli ossia logge palladiche il Pike li scrisse in ebraico talmudico, come l'intero corredo della nomenclatura e delle parole rituali. Non deve dar maraviglia, se le logge israelitiche militano sotto l'alta dipendenza e protezione del Papa luciferino, e sono reputate logge sorelle, nella stessa maniera che le logge dei satanisti FF..Odd Fellows, come diremo a suo luogo. Mentre la mano giudaica rimaneggiava liberamente i riti e i gradi massonici in America, in Europa le si opponeva l'insuperabile dispregio che i popoli provavano per la loro stirpe. Nel convento, ossia assemblea internazionale, tenutosi a Wilhelmsbad nel 1781, da massoni d'ogni pessima risma, Illuminati del Weisshaupt, Martinisti, Rosacroci ed anche parecchi giudei, fu preso il partito di escludere dalle logge i circoncisi. Ma l'effetto fu parziale ad alcune logge tedesche. Gi gl'israeliti erano riuniti in una loro massoneria tedesca, detta Lessingbund, viva anche oggid, carne ed ugna coi palladisti luciferini. Questa societ ebbe istitutore un giudeo, G. Efraimo Lessing, celebre letterato, preteso filosofo, empio certamente e accanito massone. In Francia e un po' per tutto, il giudeo trov protettori e difensori massoni, e fraterna accoglienza. Il suo odio a G. Cristo, e i suoi danari lo rendevano simpatico alla massoneria, come viceversa la massoneria per lo stesso motivo riusciva simpatica ai giudei. Erano fatti per intendersi e accomunarsi: s'intesero e accomunarono. Nell'immane cataclisma della rivoluzione francese, che tutto desol con atroci devastazioni e delitti esecrandi, dinastia, Chiesa, Stato, famiglia, nobilt, finanze, studii, istituzioni oneste; solo Israele, puntellato dai peggiori framassoni e pi feroci demagoghi, compri dall'oro giudaico, non solo non perdette nulla, ma ne usci rassicurato, emancipato, pareggiato nei diritti cittadini ai francesi, di cui fingeva di accettare la nazionalit, che di fatto non ha mai accettato, fuorch negli utili. Il decreto dell'Assemblea nazionale fu firmato da Luigi XVI il 13 novembre 1791: Napoleone I lo conferm nel 1808. Questa dolorosa istoria bene compendiata dal De la Rive, nello Juif, pp. 35-138, e pi ampiamente nel Drumont, La France juive, e prima del Drumont, fu dottamente discussa e commentata dalla Civilt Cattolica, negli studii sulla massoneria giudaica, sopra citati. Napoleone I fu dai giudei e dai loro delegati solennemente gabbato: e forse volle esserlo. Ne' tempi, di ribellioni e di catastrofi politiche, il giudeo che spesso vi spese il suo danaro, ad intento di pescare nel

torbido, il giudeo sempre vi sfrutta la comune miseria, e dalle sciagure cittadine esce incolume, anzi n'esce favorito e ricco. Nella rivoluzione del 48, chi scrive queste righe ud co'suoi orecchi il panurgo Camillo Cavour, proclamare nelle Camere al palazzo Carignano in Torino, con voce tra di scherno ai cattolici e di trionfo massonico: Israele contento. E bene Israele aveva di che giubilare. Mentre la Chiesa cattolica nel Parlamento italiano veniva derisa e svillaneggiata, mentre era con violenze turchesche depredata, depauperata, spogliata, schernita, il Ghetto trionfava, infrangendo i legami secolari che limitavano le sue usure e il saccheggia della pubblica fortuna; Israele, in merito delle sue eterne concussioni, conquistava, non la galera meritata, ma il piena possesso dei diritti civili; prendeva l'abbrivo ad invadere i beni stabili, fondi sterminati nelle citt e nelle campagne, cattedre nelle universit, il giornalismo cotidiano, impieghi gelosi in tutti i dicasteri, e con questo l'oro del popolo e il predominio nella finanza e nella politica. I circoncisi in Italia sono un pugno di non ben cinquantamila, non ben quindicimila toltine le donne e i fanciulli; e voi li trovate per tutto spadroneggianti la ricchezza pubblica, i contratti di forniture` di Stato, le imprese lucrative, le banche, i ministeri. Ma vero che non sono soli all'opera, hanno seco a proteggerli e favorirli quanti fiatano massoni in Italia; perch non vi forse un solo israelita in Italia, adulto e libero di s, che non frequenti le logge massoniche riconosciute, o quelle esclusivamente israelitiche, o, il pi spesso, le une e le altre a un tempo medesimo. Non senza grande previdenza, Adriano Lemmi agognando ai primi onori massonici, credette utile barattare il battesimo colla circoncisione. Al presente i suoi principali agenti di governo secreto della massoneria italiana e del palladismo universale sono precipuamente scelti in seno agli amici figli d'Israele.
III. I FF. Bnai Berith massoni occulti.

Notabile e caratteristico il perpetuo maneggio de' giudei nell'affratellarsi, fondersi e immedesimarsi il pi possibile cogli adepti della massoneria; ma nel tempo stesso non subirne la legge, s bene governare a piacimento loro le logge e i Grand' Orienti. A questo scopo hanno fondate logge separate, che riserbano alla loro nazione, mentre poi essi individualmente invadono le logge comuni, e spesso vi tengono il mazzuolo di venerabili, e reggono a bacchetta i protestanti e i cattivi cattolici. Oltre il Lessingbund, numerosa massoneria in Alemagna, e altre societ minori in Francia, la razza giudaica :mostr il suo maggior potere nella famosa associazione dei Beni Berith o Bnai Berith (Figli dell'Alleanza), la quale si sparse per tutto il mondo, accogliendo sotto la sua bandiera i dispersi figli di Giuda. La prima loggia di Bnai Berith si aperse a New York nel 1843. In breve gli Stati Uniti si popolarono di logge giudaiche, l'Inghilterra e la Germania ne videro pullulare per tutto con la facilit onde si propagano i funghi malefici. Cos il De la Rive (p. 253), da cui togliamo molte notizie giudaico-massoniche. In Francia sotto Luigi Filippo e sotto Napoleone III, i favori della corte si profondevano sopra Israele, che se ne giovava per fondare seminarii giudaici, ospizii, rifugi, scuole di rabbini, patronati per la giovent studiosa, opere di beneficenza, s'intende, sempre pei soli connazionali. Tutte le vie dei guadagni e degli onori erano aperte ai giudei: essi, impercettibile frazione del popolo francese, tenevano le banche pi ricche, prendevano d'assalto gl'impieghi pi lucrosi, penetravano nel parlamento, sedevano nel senato, scalavano i seggi dei ministeri di Stato. Non a dire se essi trovassero accesso nelle logge dei varii riti vigenti in Francia: nel rito di Misraim erano ricevuti a gala; anzi, questo rito erasi per loro speciale servigio o ristorato o fondato: nel rito francese e nello scozzese affine, loro non si teneva portiera. A mantenerli nel vero spirito di massoni giudaici, la Gran Loggia dei Bnai Berith di Nova York spediva loro regolarmente fratelli di alto grado, i quali sovente visitavano ciascuna loggia israelitica e vi tenevano conferenze.

Sembra tuttavia che il puro deismo panteistico, in voga allora nelle universit tedesche e francesi, si facesse strada trai massoni Bnai Berith, osserva il De la Rive (p. 264), e che questa apostasia contribuisse non poco a meglio fonderli colla massoneria francese, la quale visibilmente pencolava verso il deismo naturale, o panteismo degli adoratori della Natura. Noi crediamo che ci sia vero, ma siamo d'avviso che i Bnai Berith massoni giudei vincessero in acume i massoni francesi, e che, come avveniva nel giudaico Lessingbund, scorgessero benissimo che sotto il dio Natura si celava il dio loro simpatico, il dio Lucifero. Il che ai talmudisti e cabalisti non poteva dispiacere: era il dio della cabala, era il dio degli occultisti, in altre parole, il Dio buono Lucifero. Diremo tra poco le ragioni della nostra opinione. Altro indizio della fede luciferiana dei massoni Bnai Berith in questo, che essi, al pari dei massoni giudei del Lessingbund e di altri Ordini massonici certamente luciferiani, decretarono di formare stretta alleanza col Palladismo, devoto a Lucifero. L'alleanza della massoneria Bnai Berith col Pontefice della massoneria luciferiana ebbe luogo solennemente nel 1874. Per quanto i FF..massoni di vani paesi allargassero le braccia ad accogliere nelle loro file i massoni Bnai Berith, come ogni altro circonciso, rimaneva pure qua e col una certa avversione contro il giudeo, quasi fosse uomo notoriamente vile e vivente di turpe guadagneria; alcune madrilogge di Allemagna non si erano mai degnate di far buon viso ai giudei, come neppure si degnano al presente, quando la guerra antisemitica venuta ad esasperare il secolare odio contro la razza eminentemente usuraia e sfruttatrice dei battezzati. Ora premeva ad Israele di torre di mezzo questo increscioso inciampo al suo libero patullarsi nelle logge di ogni rito e colore, cos a Berlino, come per tutto altrove. A tale intento si pens di ottenere un'autorevole bolla di riconoscimento massonico e di affigliazione legittima al pi celebre seggio della massoneria, che era incontrastabilmente il Grande Oriente di Charleston, dove le antiche ingerenze giudaiche non erano mai cessate, e che trovavasi preseduto dal Sommo Pontefice Alberto Pike, riguardato come capo ortodosso dalle massonerie di tutti i riti, gran cabalista e nel cuore suo pi giudeo che i giudei. Si concertarono tra loro le grandi logge Bnai Berith d'America, d'Inghilterra, di Germania, e d'accordo col loro Grande Oriente, sedente nel Tempio di Melchisedecco ad Amburgo, delegarono il massone Armando Lvy a trattare col Pike. Fu infatti segnato tra le due potenze un concordato, che riconosce ampiamente le logge dei Bnai Berith per ortodosse in massoneria, legittime, indipendenti, privilegiate. Questo fatto viene narrato dal De la Rive, che modestamente cita il Margiotta nel suo Adriano Lemmi. E noi sappiamo positivamente che quest'ultimo scrisse sopra documenti intimi e preziosi, communicatigli da mano sicura, che non vogliamo nominare. Il concordato sottoscritto dal F..Limmud Ensoph (Alberto Pike) che prende titolo di Gran Maestro Conservatore del Palladio sacro, Sommo Pontefice della massoneria universale, agente come Capo supremo dell'Ordine, ma dopo raccolto l'assenso unanime del Serenissimo Gran Collegio dei Massoni emeriti. Armando Lvy si nomina F..Nathaniel YelupAbiachaz, 33..Luogotenente, Grand'Assistente e sovrano delegato del Gran Direttorio centrale (palladico) di Napoli, Membro d'onore ad vitam del Sublime Concistoro Federale dei Bnai Berith d'Allemagna, agente come mandatario generale di questo Concistoro e di quelli di America e d'Inghilterra, le diverse federazioni dei Bnai Berith avendogli conferiti pieni poteri, riconosciuti regolari. L'accordo definitivo, in nome dell'Alta Massoneria della Perfetta iniziazione (palladismo satannico), dopo invocato il Santo Nome del Nostro Divin Maestro (Lucifero).
IV.Societ pubbliche del massonismo giudaico.

I massoni giudei non potevano augurarsi, n ottenere pi piena ed assoluta conferma della loro massoneria, sebbene questa loro costasse un duro tributo annuale di presso che due milioni di lire. Con tutto ci non valsero a forzare le porte di certe logge tedesche, barricate dalla cocciutaggine dell'antisemitismo politico, sordo ad ogni rimostranza francese. Per tutto altrove sono i ben venuti

nelle massonerie d'ogni rito. Moltiplicarono i loro istituti di credito, le imprese commerciali, in Francia; con che si rinfrancano dell'imposta annuale. E come la Francia, cos fu da loro sfruttato ogni altro popolo, governato coi principii massonici. Divenivano ogni di pi audaci e temerariamente prepotenti e aggressori della fede cristiana e del popolo che la professa. Bisogna vedere i loro continuati trionfi nello Juif del De la Rive, e pi ampiamente nellaFrance Juive del Drumont, e nelle opere antisemitiche pubblicate in Russia ed in Germania. Qui impossibile dare pure un breve cenno, dell'invasione costante del giudaismo in tutti i paesi retti da governi massonici loro amici e schiavi. Quanto all'Italia, dominata, dal 1848 in qua, dalla massoneria, affermiamo perch lo sappiamo, che, se un qualche Drumont italiano scrivesse con buoni documenti l'Italia giudaica, farebbe impallidire la France juive del Drumont francese. Nel 1860 pi loro non bastava la possente massoneria dei Bnai Berith, forse perch accentrata nel Patriarcato di Amburgo, terra tedesca, e sopra tutto perch le sue logge dovevano per loro costituzione fondamentale, e riconosciuta dal Pontefice Alberto Pike, restare al tutto secrete. Fondarono in Francia l'Alleanza universale israelita, con intento pari a quella dei Bnai Berith, ma da procacciare liberamente, alla luce del sole, quello di distruggere ilfanatismo. Cos l'annunziava un giornale, l'Univers isralite, portavoce del giudaismo. 1 figli d'Israele zelavanol'anantissement du fanatisme, glorificandosi della libert ottenuta ai giudei nel Marocco, in Persia, in Siria, in Grecia, nelle province Danubiane, in Isvezia. Lo cita il De la Rive, p. 248. Del resto si sapeva da tutti a quale scopo mirino le logge, e che cosa intendono i massoni, tanto giudei, quanto mali cristiani, sotto il nome di fanatismo. In questa Alleanza cosmopolita calarono i massoni giudei d'ogni nazione, i pi ricchi, i pi intraprendenti, i pi facinorosi, e ne fu primo Gran Maestro il famoso F..Adolfo Isacco Crmieux, famoso per la traditoresca sua condotta contro Luigi Filippo; giacch nel 1848, egli fu, forse, il principale strumento a rovesciare dal trono quell'infelice monarca, ingenuo protettore della razza giudaica. Le imprese dei massoni dell'Alleanza israelita, non possono aver qui luogo. Ma non da tacere della prepotenza del loro Gr..M..Adolfo Crmieux nel 1870, allorch, salito al potere coll'altro mezzo giudeo, Leone Gambetta, tra le ruine fumanti della patria, colse il destro di regalare a' suoi correligionarii dell'Algeria il titolo e i diritti di cittadini francesi. Fu l'atto pi ingiusto, pi antipolitico, pi odioso che potesse compiere il pretesoGoverno della difesa nazionale. Si trattava di circa trentamila giudei, covanti nel lezzo delle usure e dei mercimonii pi disonorati, uomini che nulla avevano operato per la patria francese, uomini vilipesi dai mussulmani, col nomignolo divenuto appellativo popolare di carogna, di cane, di figlio di cane. Or siffatti arnesi, maledetti anche nel Corano, malgrado il loro dispregio universale, venivano di punto in bianco esaltati e preferiti alla popolazione turca ed araba, pel solo arbitrio brutale d'un frammassone giudeo. Quali disastri e quali vergogne della Francia ne seguissero, vegga chi vuole nelle storie del tempo. Ma i massoni giudei, compreso il Crmieux, ne uscirono, come sempre dalle nazionali sciagure, pi lisci e pi fortunati che mai, a invadere impieghi, onori, ogni appartenenza del Governo francese e l'Alta Banca, specie di societ fondata dai Rotschild, allo scopo che tutti indovinano facilmente. Nella massoneria poi possono oggid quello che vogliono: logge e Grandi Orienti, e Gran Consigli di 33..sono a loro devozione. Il Gran Patriarcato giudaico di Amburgo, che da prima chiese umilmente la sua conferma al Sommo Pontefice di Charleston, invertite le parti, si pu dire che signoreggia il debole e impoverito Sommo Pontefice presente, Adriano Lemmi, che sua creatura. Niuno ignora che questo gi Gran Maestro della Massoneria italiana, e gi Sovrano Direttore esecutivo, sotto il Pontefice Pike, della Massoneria universale luciferiana, era caduto in grande dispregio de' suoi colleghi e soggetti, tanto italiani, quanto palladisti della massoneria mondiale. Egli sar candido come un armellino, ma non si mai giustificato, nettamente al cospetto del mondo dalle imprese ladresche e dalle ignominie impostegli pubblicamente a voce e a stampa.. Quindi le accuse violente che giravano per le logge, e ben anco sui giornali profani. Con tutto ci

nel Convento internazionale palladico, tenutosi in Roma nel 1893, per creare un nuovo papa luciferiano, tanto egli seppe maneggiarsi, dicono, con oro e raggiri, e colla massoneria giudaica dominante dal Tempio di Melchisedecco in Amburgo, che parve vincere la prova su tutti i punti capitali, per conquistare la tiara pontificale. Aveva ottenuto che il debole Pontefice Mackey, succeduto immediatamente al primo Papa Pike, rinunciasse al trono a cui era salito col beneplacito de' cardinali americani, intendi i Serenissimi Maghi eletti del Gran Consiglio di Charleston; ottenne, in secondo luogo, che il Sanctum Regnum, ossia il Seggio centrale della massoneria luciferiana, si trasportasse a Roma;. ottenne da ultimo, contemporaneamente, di essere egli stesso eletto Pontefice. Ma ci non fu senza asprissima lotta di molti elettori che protestarono non lo riconoscerebbero mai, ed empierono le logge e il mondo profano di oltraggiose accuse contro la lealt del nuovo pontefice. Andavano fino ad accagionarlo di avvelenamenti di pi elettori contrarii, di frodi inescusabili, di falsit ignominiose, di eresie dottrinali, capi tutti che infermavano la sua elezione. La burrasca impervers s minacciosa, che il povero Lemmi, se non era pilotato dai sempre fedeli massoni giudei, correva rischio di totale naufragio. Infine, secondo il beneplacito dei piloti, si salv con gettito parziale del carico: si content di godere solo una misurata e fissa pensione, invece di mestare liberamente nella cassa del Sanctum Regnum, bagattella di molti milioni di dollari annovali; ammise che l'amministrazione di questa rimanesse a Charleston, e indipendente, e fece altre concessioni, che in parte abbonirono gli avversarii. Restarono altri pi accaniti ribelli, tra cui militava, l'ora mite donzella cristiana, Miss Giovanna Maria Raffaella Vaughan, e allora fierissima e potente Maestra Templaria Sovrana. Il Lemmi confida tuttavia di pacificarli col benefizio del tempo, colle amnistie, e forse con altri argomenti. Intanto egli rimane sempre un povero Papa, diminuito nel temporale, scaduto di riputazione, s che gli fu forza recentemente di smettere la Gran Maestranza della Massoneria italiana. Egli sente che la stessa tiara papale della Massoneria luciferiana in sul capo gli vacilla. Povero Lemmi! Noi nol crediamo n migliore n peggiore de' pretendenti che sono in voce di dovergli succedere, il Bovio, il Carducci, il Nathan; e siamo perfettamente indifferenti per la sua caduta o pel suo trionfo. Solo i massoni, e specialmente i massoni giudei vi sono interessati.

V. Che si fa nelle logge israelitiche secrete.

Ma ci tarda di porre termine a questo saggio sulla massoneria giudaica, squarciando da ultimo il velo che copre le pratiche ordinarie delle loro logge secrete, e in verit impenetrabili per lo pi ai profani e perfino alla plebe delle altre massonerie. Queste hanno per costume costante di non le nominare nelle loro relazioni e nei giornali, nella guisa stessa che per pudicizia mai non fanno menzione delle logge femminili, tranne che per certe tenute bianche ossia per le feste massoniche miste di impudenti o di sciocche signore profane. E innanzi tutto i massoni giudei professano qualche religione nelle loro occulte adunanze? Certo non si attengono alla legge mosaica. Il Talmud e la peggior Cabala sono i codici in onore presso i giudei, che non sono anche passati all'indifferentismo, o al razionalismo, esercitando operosamente un culto solo, quello del vitello d'oro. Naturale frutto della Cabala la tendenza all'occultismo. E si sapeva da gran tempo che il Dio della Cabala Lucifero; e chi noi sapesse pu vederlo dottamente dimostrato dal Meurin nell'insigne opera da noi sopra citata. La parola occultismo una voce accademica per non rinfacciare rozzamente ai suoi seguaci la goetia, o magia nera, o stregoneccio, o culto di Satanasso. Si sa egualmente che alla stregoneria fornirono sempre, e forniscono anche oggid numerosi adepti i traviati figli di Abramo. Mirabile a dirsi! Ci avviene in sul finire del secolo dei lumi, in seno alle pi culte nazioni di Europa e fuori. Pi massonerie onorano del nome

di Maghi i loro graduati; abbiamo sulla scrivania un grosso volume impresso quest'anno a Parigi, pieno di stregonerie empie ed oscene, in voga a Parigi e nella Francia: e non vi sono tutte! Ieri, passando per Firenze, un nostro amico, colto fiorentino, ci accertava constare a lui come in una certa via (e ce la nomin) negozianti ebrei facessero commercio di oggetti di malefizio. In fatto di superstizioni i giudei furono sempre, da Mos a noi, facili e corrivi. N ci fa maraviglia che gravi autori, come il Gougenot des Mousseaux e il De la Rive che lo cita, accusino le logge israelitiche di pratiche occultiste o, diciamo noi, di stregonerie. Ma possediamo indizii vie pi certi e dimostrativi. In esse fiorisce il culto di Satanasso, e se non tutti i fratelli Bnai Berith lo professano apertamente, vi almeno in grande onore, e i loro capocci l'accettano a man baciata. Se questo non fosse, perch mai le logge israelitiche secrete avrebbero chiesto il battesimo d'ortodossia legale al Sommo Pontefice del Luciferismo, mentre potevano riceverlo egualmente legale da qualsiasi Grand'Oriente nazionale di America, di Germania, d'Inghilterra? Vi era indubitatamente un secondo fine latente: si voleva una consacrazione solenne al dio della Cabala, e un legame luciferino, che santificasse Israele massonico e il rendesse sacro al cospetto dell'Alta Massoneria, tutta, ove pi ove meno, dedicata al culto di Satana. E affinch questo secondo fine apparisse agli adepti giudei, nel concordato stesso, ove noi riferimmo le proprie parole, vi una adorazione ed invocazione esplicita di Lucifero, al quale si d il titolo di Nostro divin Maestro. L'inviato dei Bnai Berith sottoscrisse questa formola satanica a nome dei mandanti, non meno che il Pontefice del luciferismo, Alberto Pike: atto gravissimo, e impossibile ad avvenire, se non esisteva una comunanza d'idee dommatiche tra le societ contraenti, e una comunanza pubblica e dai socii incontrastata. Abbiamo adunque un documento autentico e perentorio che ci rivela la fede delle logge israelitiche secrete. Si aggiugne che l'interiore governo di queste logge viene a confermare e illustrare la gi evidente nostra deduzione. La magna charta, che le costituisce ed organizza, il decreto del Gr..Or..di Charleston, sollecitato dalle logge stesse, e stipulato solennemente come Concordato definitivo. Lo riferisce il Margiotta, sui documenti sopradetti; ed la pi compiuta descrizione che noi abbiamo dell'ordinamento delle logge israelitiche. [7] Vi si riconosce per legittima la confederazione giudaica dei Bnai Berith, le si accorda piena indipendenza pei fratelli e le sorelle sotto il regime supremo del G.. Oriente, che siede nel tempio di Melchidesecco ad Amburgo; avranno rituali loro proprii, nessuna graduazione di adepti, tutti eguali di un solo grado; nessun nome alla loggia, un semplice numero d'ordine, e basti; la esistenza stessa della confederazione giudaica deve avvolgersi nel pi impenetrabile secreto; nei cataloghi delle altre massonerie mai non se ne far menzione. Le logge israelitiche sono dispensate dal ricevere volontarii visitatori di qualsiasi grado di altre massonerie, eccetto due volte l'anno alcuni Maghi eletti dal palladismo, e qualche altro d'alta sfera, sempre palladico e satanista. In ricambio di tanti privilegi l'erario di Charleston imponeva una contribuzione ai massoni ebrei del 10 per cento delle loro contribuzioni personali (come notammo, quasi due milioni di lire); quanto al venire essi stessi ricevuti nei triangoli palladici, era la cosa pi agevole: bastava che chiedessero la iniziazione al palladismo: ci che avveniva di continuo, essendo ben pochi i massoni giudei, che non tenessero un piede nella loggia ebraica nazionale, e un altro in qualche triangolo palladico. Ci posto, superfluo ricercare che cosa si faccia nelle logge israelitiche secrete. Vi si fa presso a poco ci che si fa nelle consimili logge sataniste affigliate al palladismo, come sono quelle degli Odd Fellows. Vi si pratica lo spiritismo, il satanismo, e in generale l'occultismo e vi si trattano gl'interessi della razza giudaica. Sono le logge dei Bnai Berith quelle che hanno portato Adriano Lemmi al soglio pontificio, son esse che lo salvarono, quando pericolava, e che tuttavia lo puntellano nelle adunanze degli ebrei, in quelle dei palladisti e dei mali cristiani frammassoni.

>Ma il maggior lavoro di loggia il proprio d'ogni giudeo: far danaro. Vediamo spesso gli sformati guadagni di questa o di quella banca israelitica, di questo o di quell'impresario d opere o di forniture pubbliche, e per contrario sciagure impensate di potenti e doviziose famiglie, o di imprese che promettevano bene: sono cose predisposte e prevedute dalla massoneria giudaica, la quale eredita le spoglie agognate. Fiorisce tra gli ebrei una istituzione loro propria, detta il Kahal. Consiste nel distribuire che si fa in distinte porzioni i quartieri della citt, compresovi persone e cose; le porzioni si mettono come all'incanto, e il giudeo che ne acquista per danaro una, ottiene il diritto esclusivo di sfruttarla colle proprie arti, gli altri debbono astenersene e aiutare il proprietario di quel fondo. Ecco che cosa il Kahal. Si dice che il pagamento della porzione, o lotto, si fa al Concistoro. Ma noi crediamo che nelle logge, impenetrabili ai cristiani, il Kahal fiorisca rigoglioso. E questo spiega in gran parte l'odio antisemitico dei popoli che, tosto o tardi si accorgono di essere vittime sacrificate al Kahal del Concistoro giudaico e della loggia secreta. [1]MEURIN, La Franc-Maonnerie, Synagogue de Satan; Parigi, 1893, 8 di p. 556. anche tr. in ital. Siena, 1895. Libro profondo, destinato a chi ha conoscenza della storia antica, e brama studiare da dotto. [2]DRUMONT, La France juive, Parigi (1885), 2-16; La France juive devant l'opinion, ivi, 1886, 16 di p. 430. [3]DE LA RIVE, Le Juif dans la Franc-Maonnerie, Parigi, Pierret, 1895, 16 di p. 430 Eccellente lavoro, che vorremmo vedere in tutte le biblioteche del popolo, delle famiglie, e delle persone colte. per lo studio della Massoneria una raccolta di documenti di un valore grandissimo, avendo l'Autore fatto tesoro specialmente delle pubblicazioni giudaiche e massoniche. In questo articolo noi ce ne approfittiamo largamente; e serva esso quasi di una rassegna letteraria per far conoscere al pubblico italiano il bel libro del nostro amico. [4]Ai quali scrittori si potrebbero aggiungere otto o dieci altri, illustranti le dottrine ed i riti della sinagoga, attentatorii alla vita e alla roba dei cristiani: PRANAITIS, Christianus, in Talmude judaeorum, Pietroburgo, 1892, 8 di p. 132; NEOFITO, ex Rabbino,Il sangue cristiano ne' riti ebraici, Prato, 1893, 8 di p. 100, con splendide note del P. Giuseppe Oreglia, S. J.; LAURENT,Rlation historique des affaires de Syrie, 1840-1842, ecc. Parigi, 1846; e simili, che l'industria dei kakam giudei fa scomparire dal commercio. [5]Vedi Ricoux, L'existence des loges de femmes. Parigi, Tqui, (1891), 16 [6]Ivi, si legga, a pag. 64 e segg., il testo di questa famosa Istruzione o Bolla storica e dommatica del Papa luciferiano. Non vi si pu pi sfacciatamente proclamare la bont e divinit del diavolo, e il culto di fornicazione con cui si deve onorare. E ci nell' anno 000889 della Vera Luce! [7]MARGIOTTA, Adriano Lemmi, chef suprme, etc. sopra cit., pag. 225 e sgg.