Vous êtes sur la page 1sur 20

Numero 3 Maggio 2012

Magna Charta

Dossier Sessualit

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Che dire? Mi sembra quasi surreale trovarmi con la gentilezza di questo anticipo destate che scivola dentro dalla nestra della mia camera a scrivere leditoriale per questo numero di Magna Charta. Quasi solo ora, dopo aver riguardato e corretto tutti gli articoli che state per leggere, realizzo che questultimo numero di Magna Charta sar per me lUltimo. Che se non mi fermo un attimo a pensare nemmeno mi accorgo che tra un paio di mesi, qualcosa pi forse, Liceo Nievo sar il posto in cui verr a ritirare il diploma di maturit. surreale, e spaventa un po, avere la piena consapevolezza che arriver la ne, perch la si vede allorizzonte. E vi si corre incontro, chiudendo gli occhi per non pensare. Lultimo editoriale di Stefano Gallinaro per Magna Charta, e CHISSENEFREGA! Esatto, questo non il muro dei ricordi, questo melancolico scrittore potr abbandonarsi ai sentimentalismi sulla propria bacheca di Facebook se proprio non sa darsi un minimo di contegno e vuole piangere come una femminuccia! E cavete pure ragione ragazzi, allora torniamo a questo numero che ho lonore e lonere di presentarvi. Vi ricordate che in un freddo pomeriggio autunnale vi avevo

promesso che i numeri del giornalino sarebbero stati tre...beh, se la matematica non mi inganna (e a pochi mesi dalla seconda prova sarebbe un problema...) ce labbiamo fatta. Ma dato che come avrete capito non un numero a caso ma ci tenevo che fosse un numero particolare abbiamo alzato la posta, non solo un terzo numero ma un terzo numero sul sesso. Non ngete che non vi tocchi minimamente la cosa, ho preso ispirazione dal 90% dei discorsi che sento fare a ricreazione! E poi non dite che non trattiamo di cose interessanti... Ed stato con enorme gioia che Magna Charta ha lavorato alacremente negli ultimi tempi per produrre questo numero. Credo sia giusto informare linsieme dei lettori della fatica che costato realizzare questi articoli...intere seste ore del venerd in aula informatica a vedere proiezioni di lm erotici, la consultazione da parte dei nostri smanettoni di tonnellate di siti porno, inviati speciali nei sexy shop e, naturalmente, la raccolta di una notevole quantit di dati sul campo. Alla ne ne uscito questo, come vedrete nonostante lampiezza e la delicatezza dellargomento non abbiamo tradito il

nostro stile e vi abbiamo proposto un mix equilibrato di articoli di ri essione, di bastonate moralistiche, di inviti al libero amore in stile Hippies-anni 60Oh mio dio e di questo il padre chi ? e di pezzi ironici, sguaiati e divertenti per farvi sorridere, ridere e vergognare delle nostre credenze, abitudini e paure. E se vero che lunica cosa pi bella del sesso parlare di sesso (questa lho sentita in un tele lm mi pare...) allora starei qui a chiacchierare con voi ancora per un altro ben po di righe ma dovrei tornare a studiare e voi invece dovreste leggere il nostro giornale. Che dire? spero che almeno questo mio ultimo editoriale non vi abbia annoiato, almeno lultimo insomma speriamo sia stato decente. Per me stato un onore, scrivere per voi, per chi mi ha letto, per chi non lha fatto e per chi avrebbe anche voluto ma si dimenticato perch i giochi di Valentina lhanno completamente assorbito (se linventa tutti lei...suppongo abbia una qualche forma di autismo...). Spero che questa avventura bellissima, ripartita questanno dopo un periodo di di colt, continui...Spero cresca e migliori tutti i difetti, spero vi siano sempre pi ragazzi vogliosi di far parte

di questa redazione, spero che anche la parte On-line venga sviluppata, spero, spero, spero e sono sicuro che sar cos... In cinque anni, questo lho imparato, il lavoro viene premiato, nulla inutile e persino sapere chi erano Guido Gozzano o Orazio Coclite potr un giorno rendersi piacevolmente indispensabile. Metteteci passione in ogni cosa che fate, in ogni gesto, in ogni istante, in ogni dettaglio. Se proprio vi va male un domani vi accorgerete di aver vissuto mentre agli altri i giorni passavano accanto. Ormai questo spazio si trasformato nella mia bacheca di Facebook e allora mi prendo unultima riga per ringraziare tutti i compagni di redazione, per tutte le ore passate insieme a lavorare ma anche a ridere, ad arrabbiarsi, a dirsi che andava tutto bene quando non andava bene nulla e che si stava facendo schifo quando invece si andava bene, a distribuire i numeri sui banchi e ad esultare quando si mandava in stampa il numero. Grazie, perch per fare un numero come questo che state leggendo non basta una persona sola. Stefano Gallinaro.

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

INDICE
Editoriale di Stefano Gallinaro Ma non siamo certo i primi di Stefano Gallinaro Sex and the Cinema di Eleonora Hopfer Sesso e pubblicit di Sara Lenzi Disney e messaggi subliminali di Marta Galvan In principio era il verbo. No, in principio era il sesso di Francesca Marani Giochi!!! Perle!!!
La Pornogra a non arte!
di Laura Scagnellato

Pagina 2 Pagine 4-5 Pagina 6 Pagina 7 Pagina 7

Pacchetto&sesso all-inclusive di Valentina Ruocco Laura Scagnellato Femminismo perduto di Roberta Carraro e Veronica Bertelli Passare dal sesso...a fare il sesso di Tiziano Segalina Science for dummies di Enrico Sinato Anticoncezionali, ma nonBrugnolo i pensieri per di Dario Sextory & Enrico Sinato di Elena Cavanna Soluzioni giochi

Pagina 13 Pagina 13 Pagine 14-15 Pagina 16

Pagina 17 Pagine 18-19 Pagina 19

Pagine 8-9 Pagina 10 Pagina 11 Pagina 12

MAGNA CHARTA Giornalino del Liceo Ippolito Nievo Periodico anno 11 numero 3, Maggio 2012 REDAZIONE Dario Brugnolo V E Roberta Carraro IV E Elena Cavanna VG Stefano Gallinaro V E Marta Galvan IV D Gregorio Gambato III C Eleonora Hopfer IV F Sara Lenzi IV C Veronica Bertelli IV C Francesca Marani III C Valentina Ruocco III C Laura Scagnellato III D Tiziano Segalina V E Enrico Sinato V E Simone Vassallo IV E Davide Vigiani IV E

IMPAGINAZIONE Simone Vassallo IV E Davide Vigiani IV E RESPONSABILE Giuliana Zucchi REVISIONE ARTICOLI Anna Maria Rizzo CONTATTI giornalino_nievo@yahoo.it http://www.liceonievo.it/ Il blog: http://magnachartanievo.blogspot.com Twitter: Magna Charta Nievo @MCNievo Email: giornalino_nievo@yahoo.it PERSONE FISICHE Aula Informatica, Venerd dalle 13.15 alle 14.15

CREDITI FOTOGRAFICI Le immagini sono tratte dalla Rete Pagina 15 disegno di Gregorio Gambato III C Pagina 11 caricature di Davide Fasolato III G Il numero stato chiuso in redazione il 18/05/2012.

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Ma non siamo certo i primi...


1966. I Beatles pubblicano Revolver (quello con Eleanor Rigby e Yellow Submarine per intenderci), Tutti insieme appassionatamente vince lOscar per il miglior lm e lInghillterra di Sir Bobby Charlton conquista la sua unica Coppa del Mondo. Il 14 febbraio nel pi noto liceo milanese il Parini esce il terzo numero del loro giornalino scolastico La Zanzara. La cosa potrebbe non apparire poi cos straordinaria, tralasciando il fatto che noi a met febbraio stavamo nendo il secondo numero e loro pubblicavano il terzo, se non che quelledizione del giornale scolastico si ritrov al centro di quello che fu poi noto come Il caso Zanzara. Il 1 Aprile dello stesso anno tutti coloro che erano coinvolti nel Caso Zanzara vennero assolti. Ma facciamo un po dordine, cosa accadde da richiedere un vero e proprio processo? Il numero incriminato conteneva il seguente articolo: Un dibattito sulla posizione della donna nella nostra societ, cercando di esaminare i problemi del matrimonio, del lavoro femminile e del sesso. In concreto tre studenti avevano fatto una piccola inchiesta tra le compagne di scuola raccogliendo le opinioni di alcune ragazze tra i 16 e 18 anni sugli argomenti sopracitati. Beh, i risultati non furono proprio quelli che la Milano perbenista degli anni sessanta avrebbe desiderato. Diciamo che le ragazze intervistate esprimevano delle posizioni un po troppo moderne riguardo argomenti come la parit tra uomo e donna o il sesso. Specie questultimo fu qualcosa di intollerabile e i primi a reagire furono un gruppo di studenti cattolici del Liceo che scrissero un opuscolo di critica nei confronti della redazione della Zanzara. E n qui tutto lecito e giusto. Otto giorni dopo per, il 22 Febbraio, il Corriere Lombardo esce fuori con il titolo Scandalo al Parini. Una faccenda circoscritta ad una normale scuola superiore ora assumeva il contorno di scandalo nazionale. Chiss cosa avrebbero detto quegli stessi giornalisti quando lanno successivo un gruppetto come gli Stones avrebbe pubblicato Lets spend the night together, che non parla proprio di un pigiama party. I tre ragazzi responsabili dellarticolo vengono quindi chiamati in questura per rispondere di violazione allarticolo 14 della legge sulla stampa, che si riferisce alle pubblicazioni oscene destinate ai fanciulli e agli adolescenti, quando per la sensibilit e impressionabilit ad essi proprie, siano comunque idonee a o endere il loro sentimento morale o a costituire per essi incitamento alla corruzione, al delitto o al suicidio. -Vogliamo che ognuno sia libero di fare ci che vuole, a patto che non leda la libert altrui. Per cui assoluta libert sessuale e modi ca totale della mentalitLaula del tribunale si riempie di sussurri di indignazione mentre vengono lette ad alta voce frasi come questa, contenute tra le pagine dellintervista. -Quando esiste lamore non possono e non devono esistere limiti e freni religiosiSi scatena un putiferio, vengono tirati in ballo Preside e tipogra accusati di non aver censurato le parole di questi impertinenti alunni. Viene scossa lopinione pubblica, specie turbata da quei giornalisti

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

che sostengono che mandare a processo dei ragazzini per aver scritto il loro giornalino sia, in qualche modo, lesivo della libert despressione. In soccorso dei tre poveri adolescenti giungono solo alcuni loro coetanei, i compagni del Liceo Carducci si schierano afanco al Parini sostenendo che la loro Preside abbia bocciato 16 dei loro ultimi 20 articoli. Questa, a cui nemmeno passava nellanticamera del cervello di poter essere messa in discussione, si difende esprimendo candidamente che questi ragazzi, nei loro articoli censurati, tendono ad uscire dai normali binari che dovrebbero guidare un giornale scolastico a di usione puramente interna. Ma di cosa devono parlare dei ragazzi di fronte al sesso? Di cicogne e cavol ori no al Matrimonio? Gi che ci siamo proibiamo che si venda Stendhal, la letteratura francese potrebbe destare curiosit non gradite; grazie a Dio la Bibbia non poi cos letta altrimenti andrebbe censurato tutto lAntico Testamento! Rut, Rutcosa combini sotto la coperta con Booz? Mica lhai sposato! Vi sar poi il processo, ci si spaccher. Chi sosterr i ragazzi, chi partegger per il Pubblico Ministero Lanzi.

- arriveremo al punto che le ragazze andranno in giro con gli anticoncezionali in tasca e il materasso sulle spalleMa poi a prevalere fu il buon senso del giudice che assolse tutti dal punto di vista penale lasciando che fosse la scuola a prendere eventuali provvedimenti. Questa la storia, in breve, dei primi che cercarono di scrivere dellargomento che trattiamo in questo numero. anche grazie a loro se oggi potete leggere queste righe, solo pochi anni fa il sottoscritto sarebbe stato messo dentro anche solo per la copertina. Stefano Gallinaro

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Sex and the Cinema

indiscutibile il fatto che il sesso sia uno dei pensieri dominanti del nostro cervello, questo lo ammettono tutti, dalle persone pi estroverse e spudorate a quelle pi inibite. Tuttavia pare evidente che sempre di pi si cerchi di esplicitare questo istinto nel mondo della musica, della pubblicit e del cinema. Prendiamo come esempio i lm di American Pie, ha avuto un incasso di circa $109,577,352 a livello mondiale Pieni di parolacce, spesso e volentieri offensivi ed estremamente volgari, sembrano tuttavia rispecchiare il comune interesse e divertimento senza nemmeno suscitare troppe polemiche se si confrontano con i giudizi positivi. Non a caso per la decisione dellUnione Europea di promuovere il cinema del Vecchio Continente con uno spot montato con scene di sesso bollente tratte da lm di autori come, Almodovar, Von Trier e Bertolucci ha fatto nascere un vespaio di polemiche.

Sembrerebbe che il cinema sia tutto qui, che non abbia altro da dire al pubblico, scioccato al termine dello spot per le immagini di sesso tra amanti etero e gay. La situazione tuttavia non sempre stata questa, se facciamo un balzo nel passato di circa centanni vediamo come venivano considerate rappresentazioni sessualii cortometraggi di Edison che comprendevano scene di lotte di cuscini tra ragazzine e primi piani di attori ed attrici che si abbracciavano. Ridicolo, no? Eppure una serie di altri lm di questo genere ha portato gli Stati Uniti a imporre una censura alle produzioni cinematogra che con contenuti volgari gi nel 1916. Per quello che riguarda lomosessualit, ne abbiamo le prime rappresentazioni in lm tedeschi degli anni venti quali Anders als die Anderen e Die Busche der Pandora nel breve periodo in cui le leggi sulla censura erano state abolite. solo dopo la rivolu-

zione sessuale tra la ne degli anni sessanta e i primi anni settanta che si manifesta una maggiore libert nei contenuti dei lm. Vediamo infatti uscire lm come Facciamo lamore con Marylin Monroe o Colazione da Ti any in cui la protagonista una giovanissima ragazza di grande fascino che, per vivere, fa la prostituta dalto bordo. Da l la situazione sempre andata in crescendo di rappresentazioni sessuali, escono i primi lm erotici come Barbarella che vede lesordio dellattrice Jane Fonda e Trio Infernal, la cui visione vi sconsiglio vivamente! Negli anni 80, troviamo la produzione di uno dei lm-esordio di Richard Gere American gigol, A Midsummer Nights Sex Comedy di Woody Allen e in ne il trasgressivo Monty Pythonse Meaning of LifeConsiderati provocatori secondo i criteri e le valutazioni dei diversi periodi passati. Negli anni 90 vediamo emergere una maggiore

somiglianza ai lm attuali, mi riferisco a Kim Basinger e il suo 9 settimane e . che fa un culto della canzone di Joe Cocker You Can Leave Your Hat One Basic Instinct in cui collabora con Michael Douglas. Cos nel giro di un secolo siamo passati dalle oltraggiose cuscinate alla serie dei lm di American Pie Cosa successo?? Siamo improvvisamente diventati dei rozzi primitivi o in fondo realizziamo solo dei lm a scopo di lucro perch sappiamo che le scene di sesso, la violenza e le battute volgari sono le cose pi apprezzate dagli spettatori? Chi lo sa! Sta di fatto che la libert che oggigiorno ci viene concessa molto ampia e non ci lasciamo mai sfuggire loccasione di sfruttarla.
Eleonora Hopfer

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Sesso e pubblicit

Alcuni dicono che arte, altri che un mero modo per incrementare le vendite, altri ancora negano il fenomeno. Accendete la tv, sfogliate un giornale, guardate i cartelloni davanti a casa vostra: il soggetto sempre l, immobile, vi osserva, vi tenta Il sesso ormai penetrato in tutti i campi, anche in quello della pubblicit. Profumi, gioielli, automobili, vestiti, per no il cibo, tutto sponsorizzato con immagini ambigue, provocanti che inducono inevitabilmente a pensare al sesso. Corpi di uomini e donne, non ci sono distinzioni. Doppi sensi, immagini piccanti, tutto pur di assecondare il mondo del consumo sfrenato. Non sar un po troppo? Nella societ odierna ormai il sesso non pi

un tab, anzi, volont comune togliere ogni pregiudizio per renderlo una cosa di cui si pu parlare tranquillamente, e sicuramente il lavoro dei pubblicitari aiuta: queste continue allusioni richiamano lattenzione di ognuno di noi e in un certo senso ci inducono a non vederlo pi come un atto peccaminoso e proibito, ma come unazione naturale, in cui non c nulla di male. Sicuramente, per, il sesso negli spot richiama ancora molto lattenzione del consumatore, molto pi di una normale e semplice pubblicit. Come ogni cosa naturalmente ha i suoi pro e i suoi contro: se da un lato aiuta lemancipazione della societ, dallaltro stato testato che anche solo unallusione non troppo esplicita ci attira talmente

tanto da ricordarci s della pubblicit in s, ma non del marchio del prodotto sponsorizzato. Le pubblicit a sfondo sessuale quindi funzionano? S, riescono a penetrare le nostre menti, a rimanere impresse nella nostra memoria, e soprattutto a farci discutere se sia legittimo o no mostrare corpi nudi o semi-nudi, approcci n troppo espliciti, slogan con doppi sensi molto evidenti. Ma per capire cosa scatta nella nostra testa bisogna fare le opportune distinzioni; ebbene s, anche in questo campo c una netta di erenza fra i due sessi: studi condotti dal Journal of Consumer Research testimoniano che mentre gli uomini sono attratti direttamente dallimmagine allusiva e provocatoria, le donne in generale

la disprezzano, perch la pubblicit abbia e etto anche su di loro devono entrare in gioco fattori emotivi e psicologici. Siamo pi complicate anche in questo? Forse un po s. La verit che noi donne, per essere sedotte e conquistate, non abbiamo bisogno solo di un corpo mozza ato o di richiami espliciti al sesso, ma anche di romanticismo, di intesa, di identi carci in ci che vediamo, mentre per ammaliare la razza maschile bastano un paio di gambe chilometriche o curve esagerate. Solita storia? Sara Lenzi

DISNEY E MESSAGGI SUBLIMINALI.

Noi tutti siamo cresciuti guardando i cartoni animati Disney, ma non tutti sanno che oltre allapparente innocenza si svelano numerosi riferimenti sessuali, i cosiddetti messaggi subliminali. Il messaggio subliminale un informazione che giunge al cervello inconsciamente, attraverso suoni, immagini o scritte, e che viene memorizzata dal nostro subconscio mutando i quotidiani comportamenti e stati danimo e portando numerosi turbamenti. Ovviamente tutti ricorderete il famoso Re Leone, cartone amato da moltissimi bambini e visto e rivisto svariate volte, ecco proprio quello contiene un messaggio subliminale esplicito: la parola Sex nel corso del cartone appare ben cinque volte. La scena pi famosa quella in cui la scritta compare nel cielo composta da

stelle e che, nonostante duri solamente una frazione di secondo, locchio, senza rendersene conto, registra e memorizza. Oppure, come la maggior parte delle persone, non vi sarete di sicuro accorti della presenza di una donna completamente nuda visibile dalla nestra di uno dei palazzi che fanno da sfondo alla scena del volo dellalbatro in Bianca e Bernie e la terra dei canguri. Ebbene quest immagine ha avuto delle ripercussioni in molti bambini che, dopo aver visto il cartone, hanno iniziato ad assumere un atteggiamento pi aggressivo e violento e ci ha portato la Walt Disney a pagare la bellezza di ben 74 milioni di dollari e ritirare 3.500.000 pellicole a nch si evitasse un processo pubblico e l informazione non si di ondesse. Altra presenza anomala, ma assai di cile

da notare, si trova nella prima versione della copertina de La Sirenetta dove tra le guglie doro che formano il castello ve n una a forma di pene; in ne, un altro scandalo ha investito questo cartone animato, poich nella scena del matrimonio tra Ursula ed Eric ad un certo punto si vede il prete che sta avendo un erezione. Ma lasciando da parte La Sirenetta vi un altra scena con chiari riferimenti sessuali, questa volta pi espliciti e impossibili da non notare, nel celebre lm misto a cartone animato del 1988 , vincitore di ben 4 premi Oscar, Chi ha incastrato Roger Rabbit nel quale alla protagonista Jessica, dopo essere balzata fuori da un taxi, per pochi secondi appare senza mutande quando si alza il bel vestito rosso. In ne, cartone molto visto di sicuro Alice nel paese delle meraviglie e come

tutti gli altri anche qui si cela la scritta Sex dietro piccoli dettagli come nella scena del Cappellaio Matto. Ma questi sono solo alcuni esempi dei moltissimi segnali che ci vengono inviati e che noi, senza accorgercene, cogliamo e memorizziamo nel nostro cervello e che possono avere dei riscontri negativi nella vita quotidiana, a maggior ragione se si viene a contatto con essi n dalla tenera et. Proprio per questo la legge in Italia aveva tentato di vietarli gi dagli anni 70 ma, come ci chiaro, nessuno lha applicata, basti pensare alla TV e alla pubblicit che ne sono immensamente piene tuttoggi! Marta Galvan

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

In principio era il verbo. No, in principio era il sesso


Come noto a tutti dai tempi di Platone il tema dellamore sempre stato, ed tuttora, argomento ampiamente trattato, che a ascina e allo stesso tempo inquieta per le sue pi varie nature, non di meno lo stato il rapporto sessuale, lamplesso, l amore carnale, il sesso. Nel corso della storia ci furono grandi personaggi, con brillanti menti, che espressero pareri totalmente diversi a riguardo. Volendo citare Anatole France, premio Nobel per la letteratura nel 1921, Di tutte le perversioni sessuali, la castit la pi strana; oppure il grande poeta, Gabriele DAnnunzio, il quale dichiara Ci sono certi sguardi di donna che luomo amante non scambierebbe con lintero possesso del corpo di lei; o ancora il cinico Woody Allen, che acutamente dice Lamore la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso pu suggerire delle ottime domande; e in ne Roberto Gervaso che, con unammirabile precisione, mira alla ri essione sostenendo che Il sesso non tutto, ma senza il sesso tutto niente. Possono apparire pensieri completamente discordanti fra loro, ma forse proprio questo che d lidea di quanto luniversalit della sfera sessuale sia complessa e di cile da comprendere. Ognuno, com giusto che sia, d una propria interpretazione e vive il sesso come la propria persona e la propria coscienza suggerisce di fare. Queste citazioni per presuppongono gi che il sesso sia in qualche modo inevitabilmente legato allamore. In realt il rapporto sessuale un fatto quasi magico in se perch lunico mezzo che luomo possiede per far procedere la specie. Spesso forse viene dimenticato, ma oltre a tutto il piacere di cui pu essere intriso, il sesso permette ad un bambino di venire il mondo. Nessun bambino sotto il cavolo e nessuna cicogna, bens uno spermatozoo che raggiunge lovulo e lo feconda. Penso che al contrario di quello che a erma la biologia, chi un tempo si prese la briga di creare lessere umano abbia fatto in modo che un uomo e una donna potessero accoppiarsi per la continuazione della specie. Volendo parlare di sesso in assoluto, credo sia buona cosa riportare alla mente questo aspetto, che spesso forse viene sottovalutato o dimenticato. Certo poi, il fatto che ambedue i sessi traggano piacere dal rapporto un espediente utilizzato da chi un tempo cre lessere umano per indurre questo allaccoppiamento. Circa lo stesso motivo per cui era necessario creare il senso di appetito per far s che non morissimo tutti di fame. Certamente mentirei a me stessa pensando che oggi come oggi il sesso non visto solo in questa ottica. Il piacere ha dato un tocco diverso. Il voler fare sesso solo per soddisfare un proprio prurito, per provare un preciso godimento. Nascono cos i contraccettivi e la moda di avere rapporti con pi partener. assodato che il rapporto sessuale pi o meno sempre stato legato, almeno in parte, allamore. C chi dice che sia il culmine dellamore, e che fare sesso sia un modo per fare lamore. Ma forse fare davvero lamore ai nostri tempi sta diventando sempre pi raro. Molto pi frequente invece la generale incontinenza, la merci cazione di questo atto cos denso di realt. Non sar di certo io a giudicare quale comportamento sia da biasimare e quale da lodare. Ho parlato di coscienza. Credo che ciascuno possa fare della sua vita e, in questo caso del proprio corpo, ci che vuole e pi ritiene giusto. Limportante che sia in pace

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

con se stesso. Se c una cosa per che mi preme ricordare di non sottovalutare quello che il sesso. una realt indispensabile alluomo e, come tale, parte di ognuno di noi. giusto e non peccato se c un sentimento fare lamore; pu essere lecito, entro certi limiti che impone il raziocinio di ciascuno, sfruttare il rapporto come fonte di piacere. E non biasimo nemmeno le donne che, coscientemente e di propria iniziativa, ne fanno un mestiere, tra laltro il pi antico del mondo. Personalmente credo che alla ne ognuno debba rendere conto solo e soltanto a se stesso. Ma proprio perch essere sinceri e in pace con noi stessi una delle realt pi importanti per vivere, credo bisognerebbe che si lasciassero da parte luoghi comuni, vilt e paura, convenienza e egoismo, e ci si rendesse conto quanto avere un rapporto sessuale con una persona, sia una cosa seria e come tale pretenda una certa maturit. Quando si legge sul giornale

che tre quattordicenni hanno violentato una tredicenne, quando in televisione compaiono svariati glutei e seni senza alcun ritegno, stimolando continuamente listinto sessuale, quando si vede al telegiornale che ogni due giorni una donna viene stuprata, quando viene sfruttata la prostituzione: in questi momenti si comprende che qualcosa sta degenerando. Listinto sessuale forse listinto pi animale che luomo possieda. Ma pu e deve essere controllato. Bisogna essere coscienti delle proprie azioni, ed avere la maturit di prendersi le responsabilit che ne derivano. Il sesso, no a prova contraria, si fa in due. Per quanto ognuno ha il diritto di sfruttare la propria libert, non bisogna dimenticare che in qualunque caso la nostra libert nisce dove inizia quella degli altri. Francesca Marani

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Giochi!!!
Rebus

T RA CI
Sudoku

DE
Rebus (9,3,5) Rebus (7,7)

10
1. Ripetizione di parole con uguale radice e diversa desinenza 2. Organulo cellulare che produce energia 3. Noto a Petrarca quello di San Sepolcro 4. Rapporto feudale 5. Con e etti eccitanti 6. Scrisse il Capitale 7. Scienza dellessere 1 2 3 4 5 6 7

De nizioni

Ghigliottina
3 SCACCHI ASINELLI PRINCIPESSA PARIGI 4 PUGLIA SPILLO COLPO PUNTA

1 OCCHI SPESA EUROPEE FIRMATE

2 CAMPIONI REGGISENO CARTE CHAMPAGNE

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Perle!!!
Carrieri: luomo sapeva contare dallantichit, contava le pecore...Ah le pecore no perch se no si addormentava; contava i gli: 1,2,3,4,5... e 6, no tu no, pussa via; contava le mogli: 1,2,3...e 4 ma s dai viani anche tu! Fontana: no, qui non so proprio come tradurre! Carrieri: che guraccia! Fontana: eh, non mi do delle note come fossero il Vangelo Carrieri: Giusto! C anche il Corano, la Bibbia Cespa: What is the theme of the poem? Ghilardi: Eh! Its a mistery! Ghilardi: in quel periodo lo zar di Russia era Nicola II... Duso: e come faceva di cognome Nicola II? Ghilardi: (ci pensa un attimo)Secondo! Dalla Favera Marcellan: I bambini sono innocenti...no i bambini sono degli i..... fa......! con la scusa che non sanno, possono dire e fare ci che vogliono. Contarini

Carrieri: La matematica per iniziati, per apprendisti stregoni, per gente che non si vuole far capire. Quindi per me.

Carrieri: Quando con la Brunetto stavate per sempli care prendeva una stecca di acciaio e: mostra le mani!, amputava le falangette... Si, la Brunetto, perch io uso il trapano!

Cespa: Manca Ghilardi che non ha voto da nessuna parte... Ghilardi: No prof, non pu!Sto studiando astronomia! Non mi costringa a mettermi a studiare inglese!

Caravello Alunno: Ma questa regola da cosa data? Carrieri: Non importa, data, il primo giorno Dio cre la luce, il secondo gli esponenziali. Boscardin: laboratorio cubista non come lo immagina Sereni con saldatori, presse, macchinari e cubiste che ballano sui macchinari!

Formaggio

Cespa: Dai Marco interrogo anche te... Ghilardi: No prof, non pu! Devo suggerire a lui! Cespa: Ma puoi suggerirgli lo stesso... Dai puoi scegliere il quarto interrogato! Ghilardi: Scelgo PIKACHU!!

Carrieri: (riferito a Jennifer Lopez) quando penso ai punti di massimo, minimo e di esso penso a lei! Boscardin: Giada, ho come limpressione che ti attivi solo quando dico parole che iniziano per C...

Ventrone: Scaricate quel lm da Emule Alunno: Prof ma un sito illegale! Ventrone: Non me ne frega niente sono immorale per natura!

Grossato

Carrieri: Quando roma era grande e campava perch gli arrivavano donne e champagne, cosa faceva? Feste!Vino!Droga! Marcellan: Il fanciullino di Pascoli un dilettante a confronto col bambino di Nietzsche!

Ventura

11
Rabacchin Rizzo

Loscalzo: Perch ragazzi, treni prima andavano a vapore, poi a carbone con lavvento del carbone coke.

Carrieri: Coppo si fatto male! Gli hanno fatto male! Penso che laltro sia morto! Carrieri(sempre riferito a Coppo): lo hanno investito con lo slittino! Doveva essere un carroarmato! Marcellan: Ma quando comprate lastuccio andate dal ferramenta?

MAGNA CHARTA N.3 5/2012


La Pornogra a non arte

12

Dovrei parlare di arte ma, visto il tema di questo numero, ci tenevo a chiarire un concetto che dal mio punto di vista fondamentale ma non probabilmente universalmente riconosciuto. LA PORNOGRAFIA NON E ARTE. Una delle ragioni per cui a ermo ci forse legata al femminismo ma da ammettere che in un ambiente del genere il corpo femminile che viene violentato per la sua bellezza prodigiosa. Per questo viene venduto e sfruttato per il piacere di uomini che apprezzano la volgarit della trasformazione di qualcosa di intimo e sublime in qualcosa di pubblico e apassionale. Un esempio celebre e abbastanza vergognoso quello di Belen Rodriguez, col suo famoso video mirabolante!, straordinario!. Ma stupisce la freddezza e limpersonalit con cui ogni gesto viene compiuto. Viene svilito in modo quasi totale la dimensione personale delleros. Sparisce quel pathos senza il quale leros ha ben poco senso. Cosa che invece

larte capace di fare, che artisti a dir poco geniali hanno saputo modellare, dipingere, rendere insomma emozione e carnalit. La nudit dipinta da Matisse unione, comunicazione, i corpi in movimento sono bellezza, tensione crescente; la danza quasi una ritualit tribale, freneticamente selvaggia. Le gure sospese tra una Terra molle e un cielo blu in nito, gure isolate nel loro movimento sinuoso verso una sorta di ascesa platonica. Quello che rende grandiosa la resa di Matisse, piuttosto che quella di Toulouse- Lautrec (vedi copertina) lallusione, lo spazio che viene lasciato allimmaginazione personale, che molto pi vasta della virtualit. Non sono quei buoni sentimenti condannati da qualcuno, un semplice tentativo di valorizzare non la volgarit ma listinto carnale tipicamente umano perch unico nel suo genere. Istinto carnale ispirato da una sensualit che si distanzia dallidea oggettiva di bel-

lezza. Infatti lideale di bellezza come perfezione cambia nelle epoche. Prendiamo la Venere di Milo, una ballerina di Degas o la Marylin di Warhol, per non parlare del Discobolo e amici o tutti i Cristi che hanno fatto la Storia: sono tutti ideali universali di perfezione sica, che si va evolvendo con la societ. Ma la sensualit e lerotismo non possono cambiare secondo le evoluzioni della societ perch dipendono da risvolti della complessit umana interiori, personali e soggettivi. Belen bella ma da una telecamera fredda cosa pu fare, sebbene sia pi viva di un quadro? Almeno quello ha i colori, le espressioni, la possibilit di sfuggire al tempo e allo spazio, di entrare in una dimensione dove non vengono chiamate in causa questioni etiche o economiche. Solo lintensit di colori, di linee, di movimento e di forme. Laura Scagnellato

MAGNA CHARTA N.3 5/2012


Pacchetto sesso all-inclusive

Hanno fatto perdere la testa a uomini politici, re e imperatori. Oggi si chiamano escort, ma il mestiere pi vecchio del mondo. Le escort, dal verbo inglese escort accompagnare, devono avere, oltre a bellezza e sensualit, le doti adatte ad una donna socialmente apprezzabile: capacit di dialogo, eleganza, discrezione, charme. Al contrario di una comune prostituta lescort deve o rire lillusione di essere una vera e propria amante delluomo che la paga, la sua prestazione sessuale confezionata in una bella scatola, in modo tale che il cliente abbia limpressione di vivere una esperienza erotica naturale e intima. Limplicazione psicologica, spontanea in una coppia, viene regolata da un accordo economico che ne scandisce le regole e limita lappagamento nei con ni del sico. Il sesso a pagamento sempre esistito, le prime testimonianze letterarie risalgono al poema epico Gilgamesh

( VIII sec. ca. a.C.), e ha sempre avuto un ruolo sociale ben de nito: valvola di sfogo, ammortizzatore sociale, mezzo di a ermazione dellidentit maschile, rito di passaggio dalladolescenza allet adulta, esercizio del sesso ne a se stesso. La carriera secolare del sesso ha inizio nelle civilt mesopotamiche dei Sumeri e dei Babilonesi, dove la prostituzione appare legata al culto della dea Ishtar, per poi passare in Grecia dove, sotto il legislatore ateniese Solone, viene consentita la fondazione di bordelli statali. Durante il primo secolo, nella Roma antica, la professione di meretrix ammessa legalmente me considerata degradante, mentre durante limpero di Carlo Magno vengono eseguite pene severe contro la prostituzione. In italia durante il XVI secolo le cortigiane di lusso vivono in magioni principesche e pagano tasse ordinarie e straordinarie come quelle di basso rango, nellet moderna invece si di onde la si lide, considerata un castigo divino, e con la Riforma protestante e la Controriforma cattolica i postriboli vengono chiusi e le

prostitute condannate. Al giorno doggi c pi ipocrisia e pochi uomini confesserebbero o dichiarerebbero in pubblico di aver pagato per fare sesso. Tuttavia, lo fanno. Perch ? Viviamo in una societ in cui le donne hanno gradualmente conquistato un ruolo sempre pi eminente: sono forti, esigenti, autonome... Con una prostituta, un uomo si sottrae al coinvolgimento a ettivo e allimpegno psicologico che la relazione con una donna impone; con una prostituta, il rapporto pi semplice e immediato, pi palese e senza tante complicazioni. Daltronde il possesso del corpo di una prostituta d ad alcuni uomini lapparente sensazione di avere quel potere che in realt hanno perso di fronte alle donne doggi. Solo vane illusioni. Valentina Ruocco & Laura Scagnellato

Femminismo perduto...

Sempre pi limmagine della donna diventa stereotipata: alta, magra e bella. Sempre meno le donne italiane riescono a identi carsi con essa. La televisione soddisfa un pubblico troppo super ciale e banale perch possa accettare la presenza di una donna non compressa in un bikini striminzito o con le gambe (magari fossero solo quelle!) scoperte. Ma il pubblico femminile soddisfatto nel vedersi paragonato a delle vallette che gareggiano per chi riesce a denudarsi di pi davanti alla telecamera? Improbabile. Appare impossibile apprezzare la donna per la sua intelligenza, o per le doti

per cui si stima un uomo; viene invece continuamente vista solo come un oggetto sessuale nato esclusivamente per appagare gli istinti maschili. Purtroppo questo preconcetto crea nelle adolescenti un sentimento di inadeguatezza e disagio che, come una malattia, si di onde e cambia repentinamente le loro prerogative: curare laspetto sico, invece che un piacere, si trasforma in unossessione. Vestirsi alla moda, truccarsi come dei panda e non avere pi spessore di una tavola da surf sembrano gli unici requisiti necessari per attirare l attenzione di un qualsiasi ragazzo. Lentamente si trasformano

13
come quelle insulse show girl a cui si erano ripromesse di non assomigliare mai, con lunica di erenza che non lo fanno neanche per soldi. Strappare centinaia di mi piace su squallide foto postate su Facebook, diventa lunica ragione per cui valga la pena vivere, come scrivere stati di poeti famosi per autoconvincersi che sotto quello strato cos spesso di supercialit esiste anche un po di sostanza celebrale. Ma gli e etti del pi grande media di comunicazione non si limitano solo a questo: i complessi di inferiorit tra le adolescenti continuamente accrescono i casi di bulimia e anoressia,

alimentati dalle vallette italiane la cui taglia non supera la 38. Una ragazza con un lo di pancia ormai unobesa senza possibilit di guarigione, per non parlare di quelle con qualche chilo in pi (casi senza speranza). Finch ci saranno donne disposte ad adeguarsi a questa immagine che instancabilmente la televisione ci propina, non c possibilit di cambiamento, per cui compito di tutto il genere femminile ribellarsi a questa continua ridicolizzazzione. Roberta Carraro e Veronica Bertelli

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Passare dal sesso... A fare il sesso


Sono passate cento e cento band dalle parti dItalia, forse altre cento nei nostri iPod, migliaia alla radio, su MTV, incise, magari, su di un qualche cd. Non che ne restino molte, le pi passano. Fanno qualche solco a terra, giusto perch qualcuno non troppo distratto le noti, passando di l. Poi ne viene uno, uno ogni mille, prende il badile e scava. Cos che, camminando, qualcuno nella fossa ci nisce per forza. Una di queste band quella dei Negrita, non serve neanche avere i gusti giusti per farseli piacere, basta solo quel lo di curiosit, per scaricarsi una canzone, per ascoltarli su YouTube. Era il 1997 quando si sono messi a scavare. Un enorme pozzo di sesso. Dallalbum XXX salta infatti fuori Sex. Questa canzone possiede la dote di essere una bella canzone sul sesso. Non una canzone sul sesso. una bella canzone sul sesso. Si apre con il ri , che, quasi strattonandola per una corda, si porta dietro la batteria. Poi la voce. Solo allora la chitarra ammutolisce, lascia parlare Pau. Vedete, quando una canzone riesce a riassumere lEros in cos poche parole, in cos semplici suoni, smette di essere canzone e si fa inno. Sex linno, non al sesso, ma del sesso. Del sesso, perch ne nasconde le due nature: lungo la canzone Eros e Afrodite si intrecciano come li, senza che uno prevalga realmente sullaltro. Animale e uomo convivono nei due amanti protagonisti, e il risultato nale quello di un movimento ora lento, ora accelerato, tra una carezza e uno schia o. Vi riporto di seguito la prima strofa, giusto per rendere lidea. Fare sesso nascosti in un cesso fumarsi una Marlboro dopo lamplesso oppure farlo in macchina di anco alla strada buscarsi un ra reddore male che vada sentirsi un po animali, un po primitivi sentire che respiri, sentire che vivi

14

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

E convincere i tuoi ad andare in vacanza spedirli un giorno al mare e farlo in ogni stanza provare le ricette, collaudare la cucina usare la Nutella, usare la farina guardare il suo corpo, scoprirne la forma sentire dei passi... qualcuno che torna... Fare sesso, succhiarne la polpa e via la vergogna e i sensi di colpa sdraiarsi sulla sabbia, rotolarsi nel fango carezzarle le gambe, improvvisarsi in un tango annusarle la pelle, scoprirne lodore La sensazione quella di un lento crescere dellamore e, se mi permettete limmagine, di due boccioli di rosa i cui steli, a spirale, verso dopo verso, salgono, si intrecciano e si s orano, in un gioco di amore, provocazione, passioni, grida e silenzi colmi di parole taciute. Io li vedo spostarsi dal letto alla cucina, lasciando cadere qualche petalo qua e l, poi giocare, scherzare, innamorarsi, sbocciare. Tutto esplode nel verso che pi di ogni altro assume su di s il peso dellintera canzone:

Gregorio Gambato

15
Finisce per passare inosservato. Dimenticato. Dovrebbe riassumere la sacralit del gesto e invece ce lo si dimentica, tutto si perde nelazione sica, nelle ricette, nella Marlboro, nel tango, scordandosi che gesto e ritualit sono un tuttuno. Il

Passare dal sesso a fare lamore

sesso, privato della sua sacralit solo sesso, un insieme di movimenti, istinti animali, e dellamore non resta nulla. Non colpa di Pau, ve lo giuro. E so anche dimostrarvelo. Basti guardare la posizione del verso. Sta proprio l, prima del ritornello, prima del ri , che dopo un minuto di silenzio, ritorna a padroneggiare. Non una posizione casuale! Alla ne di strofa, in climax! Eppure si perde nella miriade di immagini, nei sogni erotici dei sedicenni arrapati che non sanno andare oltre un barattolo di Nutella, oltre una macchina parcheggiata di anco alla strada. Ascoltati Sex! Parla di sesso! E Cristo! S, parla di sesso! I miei complimenti per la perspicacia! Credo semplicemente fossero altri anni. 1997. Quindici anni sono tanti. Abbastanza perch un rito sacro si trasformi in una pratica meccanica, funzionale alla ermazione di s, nella cerchia di amici. Cos il sesso perde il suo signi cato di rito di iniziazione, di entrata nella sfera delluomo che ciascuno deve diventare, e invece si accascia, schiacciato, per met dalla societ perbenista, per laltra met dal desiderio del sedicenne, che non ambisce pi ad essere s stesso e uomo, ma come gli altri e... come gli altri e basta. Coperta la buca, nessuno pi ci cade dentro. Resta solo qualche appena accennato segno nel terreno, per chi ancora lo sa notare.
Tiziano Segalina

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Science for dummies


Sin dalle origini la scienza si posta come obiettivo fondamentale quello di migliorare la vita quotidiana delluomo, renderla pi semplice, meno laboriosa, pi leggera e talvolta anche pi felice. La felicit viene ricercata nel divertimento sin dalluomo primitivo e quale divertimento pi naturale del sesso? Certo, un divertimento no ad un certo punto per il povero primitivo, che dopo una dozzina di divertimenti si ritrovava ad inseguire mammuth sempre pi grossi per sfamare la numerosa prole. Dobbiamo aspettare no al 1300 a.C. perch ad un brillante antico egizio venga lidea di utilizzare vesciche ed intestini animali come guaina protettiva durante i rapporti sessuali (secondo fonti assolutamente non attendibili il nome di questo genio egizio sarebbe Tutankondom, ma Magna Charta vi consiglia di di dare). Nacque cos lantenato del preservativo, nonch la prima forma di contraccezione della storia! La storia del preservativo dagli egizi ai giorni nostri molto lunga; i cinesi ben presto copiarono la trovata, utilizzando fogli di carta oleati. I vicini giapponesi invece utilizzavano cilindri di cuoio ricoperti da scaglie di tartaruga mi sento di dire, povere Geishe! In Europa abbiamo testimonianze di un predecessore del condom tra i soldati romani, che lo utilizzavano per fare amicizia con le donne durante i lunghi periodi di guerra senza incorrere nel rischio di malattie. Nel Rinascimento il pro lattico, ormai di uso nel modello in comodo lino, prese piede anche tra le classi meno agiate. Lo stesso Falloppio ne consigliava luso per prevenire la di usione della si lide, importata in Europa a seguito della scoperta del Nuovo Continente. Tra elogi e critiche della societ e di illustri personaggi quali Shakespeare, Casanova e Victor Hugo il preservativo si trasformato no a giungere ai giorni nostri cos come lo conosciamo. Di questo dobbiamo ringraziare il signor Goodyear, che tra la vulcanizzazione della gomma e la produzione di pneumatici ha dato inizio alla produzione in serie del pro lattico in lattice. Linnovazione scienti ca perci si legata al sesso sin dagli albori Ma non sempre cos, a volte essi partono da lontano per poi incrociarsi quasi per caso. Mi riferisco ad una ricerca condotta a Sandwich (no, non ora di pranzo) in Inghilterra. Alcuni ricercatori scoprirono che linibizione dellenzima PDE5 presente nella muscolatura liscia dei vasi sanguigni diminuisce la resistenza vascolare e riduce laggregabilit delle piastrine prevenendo la parziale o totale occlusione delle vene (lo so che sono paroloni, ma suvvia fate uno sforzo, siete ad un liceo scienti co!). La ricerca potenzialmente poteva risolvere i problemi di chiusura delle arterie coronarie, causa dellinfarto del miocardio. Questo no alla sperimentazione del farmaco: i risultati furono davvero scadenti, ma tra alcuni uomini coinvolti nella ricerca si riscontr un piacevole imprevisto, laumento della tendenza allerezione. Nacque cos la famosa pillola blu, il Viagra, che da farmaco cardiaco divenne farmaco contro le disfunzioni erettili. Bacone ci aveva visto lungo quando aveva a ermato: SCIENTIA EST POTENTIA non so se mi spiego!
Enrico Sinato

16

MAGNA CHARTA N.3 5/2012


ANTICONCEZIONALI, MA NON PER I PENSIERI

Nellambito della sicurezza, impressionante vedere quanti miti e quanta disinformazione infestano ancora i discorsi degli adolescenti del ventunesimo secolo. La conoscenza dei metodi contraccettivi e delle malattie sessualmente trasmissibili spesso assolutamente superciale e nozionistica, vaghi ricordi dellora di educazione sessuale si mescolano senza organicit con frammenti di racconti di amici e genitori, generando un cocktail letale che nel peggiore dei casi produce uninformazione non solo insu ciente ma anche errata e pericolosa. In un ambito delicato come quello della sessualit, a darsi ad aneddoti raccontati dallamico pi grande, e ad informazioni ra azzonate qua e l, tra leggende popolari e sentito dire NON UNA BUONA IDEA. Per evitare di fare del male a voi e agli altri vi invito ad informarvi con umilt e senza vergogna presso fonti attendibili e sicure, e s, mi riferisco anche ai veterani di quinta, da cui ho sentito dire castronerie tali che voi umani non potete neanche immaginare. Il dialogo con i genitori molto importante e pu

essere sicuramente un primo punto di appoggio per uninformazione discretamente corretta, mi rendo conto daltra parte che non sempre si ha la possibilit di un confronto totale su questi argomenti e che non sempre linformazione ricevuta precisa e dettagliata, vi rimando quindi assolutamente a cercare le vostre risposte da specialisti del settore. Non abbiate paura di parlare dei vostri dubbi e dei vostri problemi, e credo che questo possa valere in molte altre occasioni nella vita, parlatene con il vostro medico di base, parlatene con la ginecologa, parlatene con landrologo, oppure rivolgetevi ad un consultorio, per esempio quello o erto dal Contatto giovani in zona Portello che mette a disposizione non solo ginecologhe ma anche psicologi, assistenti sanitari e sociali che forse potranno portarvi anche verso una migliore educazione alla ettivit, a cui ormai sempre pi spesso si anestetizzati da questa societ gelida e utilitarista. Forse a volte non ci rendiamo conto (e non del tutto colpa nostra) che abbandonarsi passivamente ai modelli

comportamentali ed agli ideali estetici che ci sono stati martellati nel cranio dalla macchina mediatica e politica di oggi estremamente comodo, e che scivolare nel sonno della ragione e delegare al branco le proprie scelte estremamente facile. Fare quello che fanno tutti i vostri coetanei o i vostri modelli di riferimento non sempre la scelta giusta e soprattutto spesso non quello che veramente vorreste fare, pensare con la propria testa e assumersi le proprie responsabilit non semplice, per niente, ma un atto di coraggio che ogni giovane uomo e giovane donna prima o poi dovr compiere nella ricerca di una sua identit e di un suo posto nel mondo. Restate informati, Restate liberi.

Vale!

Probabilmente per lultima volta vostro Dario Brugnolo-Valentini

17

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

SEXTORY!
Se non siete dei Papa boys sapete benissimo che luomo si sviluppato secondo un lunghissimo processo di evoluzione e che deriva nientemeno che dalle scimmie. Dunque, nella preistoria, il sesso seguiva listinto animale e scimmiesco. La donna non era sempre feconda, aveva, come tutti gli animali, dei periodi di calore, durante i quali gli uomini si azzu avano per avere la possibilit di sfogare la loro bestialit ed ottenere lambito premio (bramato poi in tutte le epoche). Finito il periodo di calore il vincitore era considerato suo compagno, e veniva riconosciuto tramite la secrezione apposite ghiandole che emettevano un certo odore (per fortuna oggi non pi cos). Dalle grotte alle poleis, la sessualit ha subito unincredibile evoluzione. Tra i simpatici greci il sesso era considerato una manifestazione della grazia di Eros e Afrodite, e perci cosa buona e giusta. La donna greca era una Sex machine atta a soddisfare il suo uomo in qualsiasi momento. Esse perci frequentavano apposite scuole, i tiasi di Sa o dove molto spesso facevano pratica tra di loro, e questo era ben tollerato in quanto si riteneva fosse propedeutico allamore eterosessuale. Quanti tra voi maschietti in questo momento star pensando: vorrei fare il professore tiasico ma non si pu. I rapporti tra uomini, invece, erano considerati come simbolo di una grande amicizia, simbolo di virilit, e quindi rispettati. Vogliamo poi parlare dei riti dionisiaci?? Bel popolo i greci Poi giunse la Sacra Chiesa Cattolica e Apostolica, e la sessualit venne repressa totalmente. Che periodo noioso il Medioevo. Latto sessuale era concesso unicamente a scopo riproduttivo. Non si poteva assolutamente dare libero sfogo alla lussuria: le donne in particolare dovevano essere totalmente passive. Qualunque forma di deviazione sessuale veniva considerata stregoneria. Lomosessualit era ovviamente uno dei peccati pi gravi, e le persone coinvolte in questo tipo di rapporti venivano arse vive Lera del Gay Pride era ancora lontana. La svolta arriv nel Secolo dei Lumi. In unepoca in cui il matrimonio per amore, e non combinato, era un evento pi unico che raro, il sesso tra coniugi avveniva esclusivamente a ni procreativi. Perci tra lalta borghesia e laristocrazia non mancavano continue scappatelle. Il motto dellilluminismo era libertinaggio, egalit e fraternit. Infatti, grazie alle nuove idee losoche e alla grande aria di libert che si andava respirando, nel 700 troviamo numerose gure di letterati, aristocratici, loso , ma anche vescovi e cardinali, che avevano deciso di dedicare la loro esistenza al tempio di Venere: alcuni di loro, come Casanova e il Marchese de Sade, sono entrati nel mito. Questi uomini non ebbero grandi meriti, non fecero n pi n meno che incarnare lo spirito del secolo in cui vissero: le pratiche sessuali da loro adottate, non erano particolarmente strane o degenerate, anzi, allepoca erano anche abbastanza di use.. Ma in cosa consistevano queste pratiche? Il sesso anale riscuoteva un gran successo: essendo le relazioni adulterine cos di use, per non incorrere in eventuali spiacevoli e gravidanze, lespediente del sesso anale era quello pi amato. Inoltre, in quellepoca ci che stuzzicava di pi la fantasia dei libertini, ma anche di tanti uomini comuni, era quella di avere rapporti sessuali con ragazzine che non avessero pi di 14-15 anni: leggenda vuole che il Re di Francia Luigi XV, nel parco di Versailles, disponesse di una piccola casina di caccia in cui vivevano numerose ragazzine tra i 13 ed i 16 anni, che si trovavano l esclusivamente per soddisfare i piaceri del re. Unaltra pratica molto di usa fu quella dei rapporti omosessuali, sia per gli uomini che per le donne: ovviamente non si trattava sempre di veri e propri orientamenti sessuali come potrebbe sembrare, ma spesso era dovuto pi che altro alla grande promiscuit derivante dalla pratica del libertinaggio che cera a quellepoca. Ovviamente esistevano anche gli omosessuali a tutti gli e etti, tenuti in gran considerazione nellambiente aristocratico in quanto sempre aggiornati sulle ultime tendenze di moda e sul gossip. Anche tra le donne la pratiche omosessuali erano abbastanza di use: ovviamente venivano tenute nascoste eventuali relazioni amorose tra donne, perch anche in questo secolo apparentemente cos libero da ogni pregiudizio e formalit, le donne occupavano una posizione marginale nella societ. LOttocento un secolo di grandi di erenze a seconda dei paesi. E il secolo di unItalia rivoluzionaria e decisa allUnit, dove la donna era considerata meno di zero. Un paese in cui la Chiesa era ancora fortemente presente nella vita dei cittadini e dunque il sesso era ancora molto moderato. C una Francia in preda alla Belle epoque, dove nei Moulin donne si esibivano in balli provocatori e dove cerano salotti in cui appartarsi in privato. E cera unInghilterra nel pieno regno della regina Vittoria in cui lipocrisia dilagava nelle classi sociali pi alte. Donne mal viste se avevano gli illegittimi, uomini che trasmettevano la si lide (una delle malattie pi di use allepoca, di cui ancora non cera la cura) alle proprie mogli poich questi andavano spesso con prostitute malate. Ma di facciata loro erano uomini fedelissimi con una famiglia perfetta. Che secolo strano.

18

MAGNA CHARTA N.3 5/2012

Freud e la sua teoria della sessualit poi rivoluzion tutto di nuovo: con il concetto di libido, che indica lenergia che corrisponde alla pulsione sessuale. Le pulsioni sono spinte che hanno origine in uno stato di tensione allinterno dellorganismo conseguente alla rottura dellequilibrio delle energie psichiche. Tale spinta tende a sopprimere la tensione impossessandosi delloggetto verso cui la pulsione diretta. Freud dunque trova lorigine psicologica della sessualit. Ma non siamo qui per fare loso a. La rivoluzione nel vero senso della parola si ebbe per negli anni sessanta, in America. Ma cosa port questa ribalt della sessualit negli anni 60? Come si passati da No sex before marriage! a If it feels good do it? La risposta semplice. Hippies. Il movimento Hippie ebbe una profonda in uenza sulla libert sessuale negli States. Questa rivoluzione divenne pi di una semplice ribellione al puritanesi-

mo degli anni 50. I giovani impararono che il sesso solo unaltra parte della nostra vita, unazione normale come mangiare o dormire. E una libera espressione di s stessi e dei propri sentimenti. Impararono a superare le proprie paure e a condividere il proprio corpo, cos facilmente come si poteva condividere il cibo o un pensiero. Il concetto del Libero Amore rappresentava semplicemente la libert di amare chiunque, dovunque, in ogni momento. Questo incoraggi una serie di attivit sessuali spontanee e di sperimentazione. Sesso di gruppo, sesso in pubblico, omosessualit. Tutti i tab vennero infranti. Le relazioni aperte divennero una realt quotidiana nel mondo hippie. Questo signi cava che un hippie poteva avere una relazione importante con qualcuno; semplicemente se subentrava una particolare attrazione per unaltra persona, si era liberi di sperimentarla senza alcun rancore o gelosia. Per gli hippie, il sesso era un atto di assoluta spontaneit. Poteva succedere in unauto, in un parco, durante un

festival. Gli hippie non davano peso al giudizio degli altri, lamore in pubblico non li imbarazzava. E il futuro? Come sar il nostro amico sesso nel futuro? La tecnologia si sviluppa sempre di pi, la pornogra a dilaga, webcam e video chat erotiche sono sempre di pi. Sar dunque solo autoerotismo cibernetico tra un secolo? Nei prossimi anni, sostiene un sessuologo tedesco, si a ermer una tendenza che sta crescendo in questo periodo, de nitopoliamore: la possibilit di amare pi persone nello stesso tempo, una nuova s da. Il sessuologo fa lesempio di una coppia che si allarga ad unaltra partner, per poi comprendere anche un secondo uomo. Non si sa dunque come vivremo la sessualit tra cinquanta o cento anni, ma una cosa quasi sicura: sar sempre un nostro chiodo sso. Elena Cavanna & Enrico Sinato

Soluzioni giochi

19

Ghigliottina: 1Borse 2Coppa 3 Torre 4 Tacco De nizioni: 1 poliptoto 5afrodisiaco 2 mitocondrio 6 Marx 3 Dionigi 7 ontologia 4 vassallaggio Rebus 1: rubinetto che perde

Rebus 2: ragazza civetta