Vous êtes sur la page 1sur 32

Corso intensivo Situazioni di affido ed adozioni

in collaborazione con Studio Legale Baio Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare

Avv. Marco Baio


Roma, 4 novembre 2011

Affidamento condiviso: dal caso di cronaca alle applicazioni giurisprudenziali e le sue prospettive.
Avv. Marco Baio

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Questo documento distribuito sotto licenza Creative Commons. Niente usi commerciali, nessuna modifica: per il resto si pu condividerlo, pubblicarlo parzialmente, copiarlo, stamparlo e distribuirlo. Questo manuale disponibile gratuitamente all'indirizzo: www.studiolegalebaio.it

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Normativa di riferimento
Normativa sovranazionale - Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 1989 (firmata
e ratificata dall'Italia con legge 176/1991); - Carta di Nizza del 2000; - Regolamento CE n.2201/2003
Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Normativa di riferimento

Normativa domestica
- Costituzione Repubblica Italiana; - Codice Civile (cos come novellato dalla legge 54/2006)
Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 1989

Art. 9: Gli Stati Parti vigilano affinch il fanciullo non sia separato dai suoi genitori contro la loro volont a meno che le autorit competenti non decidano, sotto riserva di revisione giudiziaria e conformemente con le leggi di procedura applicabili, che questa separazione necessaria nell'interesse preminente del fanciullo. Gli Stati Parti rispettano il diritto del fanciullo separato da entrambi i genitori o da uno di essi, di intrattenere regolarmente rapporti personali e contatti diretti con entrambi i suoi genitori, a meno che ci non sia contrario all'interesse preminente del fanciullo.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 1989

Art. 10: Un fanciullo i cui genitori risiedano in Stati diversi deve avere il diritto di mantenere, salvo circostanze eccezionali, relazioni personali e contatti diretti regolari con entrambi i genitori.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 1989

Art. 18: Gli Stati Parti si devono adoperare al massimo per garantire il riconoscimento del principio comune secondo il quale entrambi i genitori hanno una responsabilit comune in ordine all'allevamento ed allo sviluppo del fanciullo.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Carta di Nizza del 2000 (CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UNIONE EUROPEA)

Art. 24 comma n. 3: Ogni bambino ha diritto di intrattenere regolarmente relazioni personali e contatti diretti con i due genitori, salvo qualora ci sia contrario al suo interesse.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Regolamento CE n. 2201/2003

Art. 2: L'affidamento si considera esercitato congiuntamente da entrambi i genitori quando uno dei titolari della responsabilit genitoriale non pu, conformemente ad una decisione o al diritto nazionale, decidere il luogo di residenza del minore senza il consenso dell'altro titolare della responsabilit genitoriale.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Costituzione Repubblica Italiana

Art. 30: E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacit dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternit.
Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Legge 8.2.2006 n.54 (Affido condiviso)

Art. 155 II comma Valuta prioritariamente la possibilit che i figli minori restino affidati a entrambi i genitori (a. condiviso) .... oppure stabilisce a quale di essi i figli sono affidati Art. 155-bis c.c. Il giudice pu disporre laffidamento dei figli ad uno solo dei genitori qualora ritenga con provvedimento motivato che laffidamento allaltro sia contrario allinteresse del minore (a. esclusivo in casi particolari)

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Cosa si sceglie?

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Un po' di numeri ...

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

I numeri del vecchio affidamento congiunto*

Assegnazioni alla madre Assegnazioni al padre


0 10 20 30 40 50 60 70 80 90

* Dati ISTAT 2005


Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Affidamento congiunto
Prima della riforma una modalit alternativa all'affidamento esclusivo al singolo genitore era costituita dal cd. affidamento congiunto, mediante il quale le parti si obbligavano a perseguire il modello educativo individuato di comune accordo dai genitori. L'affidamento congiunto presumeva l'esistenza di uno "spirito collaborativo" ovvero "l'assenza di una elevata conflittualit fra i genitori, nonch una comprovata capacit di dialogo" degli stessi.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Ancora numeri ...

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

COLLOCAZIONE ATTUALE DEI MINORI (a prescindere dalla richiesta paterna) La giurisprudenza ha disgiunto dal concetto di affidamento l'elemento della collacazione
9 8 7 6 5 4 3 2

.
1 0 Madre Padre

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Giorni medi mensili di frequentazione con il minore


In un mese mediamente sono destinati alla figura paterna max 8 giorni.
25 20

15

10

0 Madri Padri

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

PRINCIPIO DI BIGENITORIALITA': definizione.


Il bambino ha sempre e comunque una legittima aspirazione, ovvero una sorta di diritto naturale a mantenere un rapporto stabile con entrambi i genitori anche nel caso questi siano separati o divorziati, ogni qual volta non esistano impedimenti che giustifichino l'allontanamento di un genitore dal proprio figlio. Essere genitori un impegno che si prende nei confronti dei figli e non dell'altro genitore, per cui esso non pu e non deve essere influenzato da un'eventuale separazione e /o divorzio poich quello di essere genitore sia un diritto-dovere (non soggetto al consenso di una terza parte; n passibile di rinuncia).

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Diritto vivente (giurisprudenza): Il principio di bigenitorialit secondo la Suprema Corte

La solidariet familiare ed il legame con la prole sopravvive alle vicende della coppia all'esito della separazione e/o divorzio.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Cassazione

alla regola dell'affido condiviso pu derogarsi solo ove la sua applicazione risulti pregiudizievole per linteresse del minore, con la duplice conseguenza che leventuale pronuncia di affidamento esclusivo dovr essere sorretta da una motivazione non solo pi in positivo sulla idoneit del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla inidoneit educativa ovvero manifesta carenza dellaltro genitore (Cass. n. 24526 del 2/12/2010).
Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Quindi secondo la Suprema Corte .....


- L'applicazione dell'affidamento condiviso la regola; - a suddetta regola pu derogarsi solo in considerazione del superiore interesse del minore

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

La pretestuosa richiesta di affidamento esclusivo del minore pu comportare la condanna per lite temeraria (responsabilit aggravata).

Lo strumento offerto dall'art. 96, c. 3, c.p.c. adatto a sanzionare comportamenti di uso pretestuoso e disfunzionale del processo in danno delle parti in causa e di ogni altro cittadino che abbia chiesto la tutela delle proprie posizioni giuridiche all'Autorit Giudiziaria

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

The best interest of the Child Riconoscimento a livello internazionale:


La preminenza del criterio del best interest of the child riconosciuta, in particolare, dall'art. 3 della Convenzione ONU sui Diritti del Fanciullo, in cui si afferma che "in tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorit amministrative o degli organi legislativi, l'interesse superiore del Fanciullo deve essere una considerazione preminente".

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

BIGENITORIALITA'
Affido condiviso: bigenitorialit minore. diritto alla in capo al Affido condiviso: dovere della bigenitorialit in capo ai genitori. Condivisione da parte dei genitori di un progetto genitoriale comune, voluto da entrambi, di responsabilit, scelta ed impegno a confrontarsi su ci che bene per il figlio, riconoscendosi reciprocamente una qualche stima come genitore.

La nuova legge attribuisce al minore una situazione giuridica soggettiva, sottolineando il suo diritto ad un continuo rapporto con entrambi i genitori, da cui ha diritto di ricevere cura, assistenza, mantenimento ed educazione.

Roma, 4novembre 2011 Avv. Marco Baio

Affido condiviso
Ipotesi ritenute quali motivi non sufficienti per una pronuncia di affido esclusivo: 1) la distanza tra i genitori; 2) la conflittualit, anche elevata, tra i coniugi; 3) gli orientamenti sessuali e religiosi, il tipo di educazione impartita; 4) il tipo di attivit lavorativa svolta dal genitore;

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Affido esclusivo
(casi eccezionali)
Ipotesi ritenute quali motivi per una pronuncia di affido esclusivo: I) assenza di rapporti genitore-figlio o insanabile contrasto con il minore; II) illegittimit del comportamento del genitore verso il figlio: maltrattamenti fisici o psicologici, abusi, gravi violazioni del dovere di mantenimento; III) genitore che abusa di sostanze alcoliche o tossicodipendente; IV) grave patologia psichiatrica; V) figlio che rifiuta categoricamente ogni rapporto con uno dei genitori; VI) inidoneit educativa ovvero manifesta carenza del genitore.
Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Pacta sunt servanda ma...


Secondo il nuovo art. 709 ter c.p.c., in caso di gravi inadempienze o di atti che comunque arrechino pregiudizio al minore oppure ostacolino il corretto svolgimento delle modalit dellaffidamento, il giudice pu modificare i provvedimenti in vigore e pu, anche congiuntamente: 1) ammonire il genitore inadempiente; 2) disporre il risarcimento dei danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti del minore; 3) disporre il risarcimento dei danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti dellaltro; 4) condannare il genitore inadempiente al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria, da un minimo di euro 75,00 a un massimo di euro 5.000,00 a favore della Cassa delle ammende.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Proposte di legge.... migliorative o peggiorative?


Il DDL 957/2010 Modifiche al codice civile e al codice di procedura civile in materia di affidamento condiviso: rivede le norme sullaffidamento dei figli introdotte dalla legge 54/2006, oggi in vigore, con una nuova rilettura del codice civile e di procedura civile.

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

DDL 957/2010
Il c.d. condiviso bis, prevede nello specifico: l'abolizione del collocamento del figlio presso un genitore, in quanto il figlio avr domicilio presso entrambi i genitori, e il tempo della sua presenza presso ciascun genitore sar "paritetico"; la legittimazione attiva dei nonni a proporre nel giudizio di separazione la domanda relativa al loro autonomo diritto di visita; il mantenimento dei figli in forma diretta e per capitoli di spesa; in via residuale, la determinazione di un assegno perequativo posto a carico di un genitore o di entrambi, da versare su un conto corrente comune intestato al figlio, anche se minore; il versamento diretto dell'assegno al figlio maggiorenne, che con questo assegno deve contribuire alle spese familiari; la perdita di efficacia ope legis dell'assegnazione della casa familiare, in caso di convivenza more uxorio del genitore con cui vive abitualmente il minore.
Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio

Legenda
Deroga = eccezione alla regola Ope legis = per effetto diretto della legge Pacta sunt servanda = gli accordi vanno rispettati More uxorio = stato di convivenza come se ci fosse regolare matrimonio

Roma, 4 novembre 2011 Avv. Marco Baio