Vous êtes sur la page 1sur 528
Minturno, Antonio Sebastiano. L'Arte poetica del signor Antonio Minturno, nella quale si contengono i precetti
Minturno, Antonio Sebastiano. L'Arte poetica del signor Antonio Minturno, nella quale si contengono i precetti

Minturno, Antonio Sebastiano. L'Arte poetica del signor Antonio Minturno, nella quale si contengono i precetti eroici, tragici, comici, satirici, e d'ogni altra poesia

1725.

1/ Les contenus accessibles sur le site Gallica sont pour la plupart des reproductions numériques d'oeuvres tombées dans le domaine public provenant des collections de la BnF.Leur réutilisation s'inscrit dans le cadre de la loi n°78-753 du 17 juillet 1978 :

*La réutilisation non commerciale de ces contenus est libre et gratuite dans le respect de la législation en vigueur et notamment du maintien de la mention de source. *La réutilisation commerciale de ces contenus est payante et fait l'objet d'une licence. Est entendue par réutilisation commerciale la revente de contenus sous forme de produits élaborés ou de fourniture de service.

2/ Les contenus de Gallica sont la propriété de la BnF au sens de l'article L.2112-1 du code général de la propriété des personnes publiques.

3/ Quelques contenus sont soumis à un régime de réutilisation particulier. Il s'agit :

*des reproductions de documents protégés par un droit d'auteur appartenant à un tiers. Ces documents ne peuvent être réutilisés, sauf dans le cadre de la copie privée, sans l'autorisation préalable du titulaire des droits.

*des reproductions de documents conservés dans les bibliothèques ou autres institutions partenaires. Ceux-ci sont signalés par la mention Source gallica.BnF.fr / Bibliothèque

municipale de

(ou autre partenaire). L'utilisateur est invité à s'informer auprès de ces bibliothèques de leurs conditions de réutilisation.

4/ Gallica constitue une base de données, dont la BnF est le producteur, protégée au sens des articles L341-1 et suivants du code de la propriété intellectuelle.

5/ Les présentes conditions d'utilisation des contenus de Gallica sont régies par la loi française. En cas de réutilisation prévue dans un autre pays, il appartient à chaque utilisateur de vérifier la conformité de son projet avec le droit de ce pays.

6/ L'utilisateur s'engage à respecter les présentes conditions d'utilisation ainsi que la législation en vigueur, notamment en matière de propriété intellectuelle. En cas de non respect de ces dispositions, il est notamment passible d'une amende prévue par la loi du 17 juillet 1978.

7/ Pour obtenir un document de Gallica en haute définition, contacter reutilisation@bnf.fr.

TAVOLA DI CAPI, Che si trattano in ciasoun Libro dell'Arte Poetica. DEL PRIMO LIBRO.

DEL SECONDO LIBRO.

DEL TERZO LIBRO.

DEL QUARTO LIBRO.

Delle SENTENZE.

Delle lettere, e sillabe, e come si parli, o scriva ammendatamente.

Delle Parole sole, e propie.

Delle parole Inusitate, Pellegrine, e Nuove.

Delle Traslate.

Dell'Allegoria, Enigma, Metonimia, Sinecdoche, Epiteto, Perifrasi, Abuso, Metalepsi, Ironia, Apostrofe, Emfasi, Iperbole, Diminuzione.

Delle parole-continuate; Composizione delle sillabe; Scontro, e Apritura di lettere; quali Robusse, Aspre, Piacevoli.

Del Concento, che nasce dallo scontro delle medesime lettere, o sillabe nel principio, nel mezzo, nel fine delle voci, con gli esempli del Petrarca.

Della Giacitura delle parole.

Degli Accenti, Acuto, Grave, Circonflesso.

Dell'Ordine delle parole nellagiacitura.

Quai Vizj da fuggire nella composizione.

Delle Giunture, Membri, e Periodo.

Del NUMERO Poetico, ed Armonia.

Del Numero del Verso legato da Consonanze delle Rime.

Del Numero del Verso sciolto posto negli Accenti.

Del Numero posto nelle pose de'sentimenti.

Del Numero ne'Tempi delle sillabe, e suoni delle lettere.

Del Modo di variare i numeri

Del principio della Composizione da voci di una, o di due sillabe, e talvolta da più con gli esempli del Petrarca.

Della maniera d'incatenare i versi.

Del Numero posto nella leggiadria della composizione.

Delle FIGURE nell'artificio dellasentenza.

Delle Figure poste nelle Passioni.

Delle Figure ne'Costumi.

Delle Figure, propj ornamenti delle sentenze.

Degli Accenti, Acuto, Grave, Circonflesso.

Dell'Ordine delle parole nella giacitura.

Delle Figure vicine a quelle delle sentenze.

Delle Figure nella Construzione.

De'LUOGHI degli ornamenti, e del parlar Figurato, e Tropico.

Dell'Artificio delle cose tratte da luoghi Topici.

Dell'Artificio delle parole tratteda'luoghi Topici.

Del DECORO secondo i tre caratteri del dire.

Del Decoro secondo la persona, che parla, e che ascolta, secondo la materia, e gli Affetti, et forme del dire.

Delle FORME GENERALI del parlare.

Della Forma Chiara, e due sue specie, ia Pura, et la Leggiadra.

Della Forma Grande, e sue specie, la Magnifica, l'Aspra, l'Agra, l'Illustre, l'Incitata, e l'Abbondevole.

Dell'Ornata.

Della Volubile.

Della Costumata.

Della Vera.

Della Grave.

Della Mistione delle Forme.

Della Lezione.

Dell'Imitazione.

Dell'Esercizio, e dell'Attenzione.

Dell'Ammendare.

DELLA

Iperbato, Perverso, Parentesi, Apostrofe, Emfasi, Iperbole, Diminuzione.

LA TAVOLA Degli Autori, e Scrittori, allegati, dichiarati, ripresi, o altramente nominati in questa Poetica, <I>I quali leggendo troverete tuttavia in altri luoghi ancora, oltre gli annotati.</I>

A ALCEO Poeta Lirico. ALCMANO Lirico antico. ALESSAMENE scrittore di Dialoghi. ANACREONTE Lirico. ANGELO COSTANZO.
A
ALCEO Poeta Lirico.
ALCMANO Lirico antico.
ALESSAMENE scrittore di Dialoghi.
ANACREONTE Lirico.
ANGELO COSTANZO.
ANTIFANE Comico.
ANTIMACO Elegiaco Greco.
ANTONIO MINTURNO spositore del Petrarca.
Scrittore di Rime Amorose, e di Rime Spirituali. pag.
Scrittore della Poetica Toscana. I
ARATO scrittore di Astrologia in versi.
ARCHILOCO Poeta persecutor di vizi.
ARISTOFANE Comico antico.
Come biasimasse i Tragici.
Come riprendesse gli Ateniesi.
Ripreso nel disconvenevole.
ARISTOTELE.
Contrario a Platone.
B
BEMBO lume di questa lingua.
BERNARDINO ROTA.
BOCCACCIO intorno all' Ameto.
Inventore dell'Ottava Rima.
Intorno a' Sonetti.
Valissimo a' Poeti.
BONAGGIUNTA URBICIANI Lucchese.
BORCHIELLO co' Sonetti Tornellati.
C

CALLIMACO Elegiaco Greco.

CATULLO intorno all'Epitalamio.

CECILIO Comico Latino.

CHEREMONE Poeta.

CHIONIDE Comico Attico.

CICERONE.

Quanto utile a' Poeti. CINNA Poeta scrittore della Smirna. CINO Lirico Toscano. CLAUDIO TOLOMEI. CLEOFONTE
Quanto utile a' Poeti.
CINNA Poeta scrittore della Smirna.
CINO Lirico Toscano.
CLAUDIO TOLOMEI.
CLEOFONTE Poeta Epico.
CRATINO Comico.
D
DAVID Profeta, Lirico Poeta.
DANTE ALACHIERI scrittor della Poetica.
Poeta Epico.
Qual soggetto descrivesse.
Quali persone imitasse.
DANTE DA MAJANO Lirico.
DEMOSTENE utile a' Poeti.
DIONE Crisostomo.
E
EGEMONE TASIO scrittor di Paredie.
EMPEDOCLE Fisico Poeta.
ENNIO Poeta.
ENZO Re, Lirico.
EPICARMO Comico Siciliano.
EPIGENE SICIONIO Tragico.
ERMESIANATTA Elegiaco Greco.
ESCHILO inventore della Maschera.
ESCHINE biasimato da Demostene nel recitare.
ESIONO quale Poeta sia.
EUPOLI Comico.
EURIPIDE Tragico.
Ripreso nella Medea.
Ripreso nel Decoro.
Difeso contra Aristarchi.
F
FEDERICO II. Imperadore, Lirico.
FILETA Elegiaco Greco.
FILOSSENO Lirico.
FORMO Comico Siracusano.
FRANCESCHINO DEGLI ALBIZZI.
FRANCO SACCHETTI.
G
GIORGIO TRISSINO scrittore di Poetica.
Ripreso dal Polito.
GIOTTO MANTOVANO Lirico.
GIOVENALE Satirico.
GUIDO CAVALCANTI Lirico.
GUIDO DELLE COLONNE Messinese.
GUIDO GUINIZZELLI Bolognese.
GUIDO NOVELLI.
GUITTON D'AREZZO Lirico.
I
JACOMO SANNAZARO.
JACOMO DA LENTINO.
ISOCRATE.
L
LORENZO DE MEDICI Lirico.
LUCANO quale Poeta sia.
LUCILIO Satirico.
LUCREZIO Fisico Poeta.
LUDOVICO ARIOSTO scrittore di Romanzi.
Ripresa nel soggetto.
Iscusato.
Come potesse imitare Omero.
Lodato nella Satira.
LUDOVICO DOLCE.
LUIGI ALEMANNI.
M
MARIA sorella di Mosè Lirica.
MARIA BOJARDO.
MAGNETTE Comico Ateniese.
MANILIO scrittore di Astrologia.
MENANDRO Comico Greco.
MOSCO scrittore di Pastorali Epigrammi.
N
NICOCARE Poeta.
NICANDRO Medico Poeta.
O

OMERO antichissimo Poeta.

Scrittore d'Inni.

Esemplo di Tragedia, e Commedia.

Quali persone imitasse.

Come scegliesse il soggetto.

Qual soggetto dell' Iliada, e dell' Odissea.

Come comprenda molte cose nell' Iliada.

Biasimato da Cratino.

Difeso da Crisostomo.

ONESTO Bolognese.

ORAZIO scrittore di Poetica.

Qual soggetto nelle Ode.

Come imitasse i Greci.

Come trattasse la Satira. Quale artificio ne' Sermoni. Quale artificio nelle Pistole. Contrario ad Aristotele.
Come trattasse la Satira.
Quale artificio ne' Sermoni.
Quale artificio nelle Pistole.
Contrario ad Aristotele.
ORFEO scrittore d'Inni.
OVIDIO quale Poeta.
P
PANTALEONE da Rossano.
PETRARCA capo de' Lirici Toscani.
Che parti usasse nel Canzoniero.
Giudicioso nella scelta delle parole.
Meraviglioso nelle traslazioni.
Quante Monosillabe continuasse.
Quanto soavi temperamenti usasse.
Come usasse i detti comuni.
Da quali voci cominciasse. fin
Di quai concenti si diletasse,
Quale soggetto ne' Trionfi.
Quale soggetto nel Canzoniero.
Considerato.
PIERO DELLE VIGNE.
PINDARO Principe de' Lirici.
Qual soggetto descrisse.
Che forma di Canzoni.
Quale artificio nella prima Oda.
PLATONE Filosofo, scrittore di Dialoghi Poetici.
Quanto sia utile a' Poeti.
PLATONE Comico.
PLAUTO Comico Latino.
Ripreso nella Disonestà.
Ripreso ne' Motti.
PONTANO Astrologo Poeta.
PROPERZIO Elegiaco.
Q
QUINTILIANO dichiarato.
QUINTO CALABRO quale Poeta.
R
RUGGIERI Lirico.
S
SENARCO scrittore di Mimi.
SENECA Tragico.
SERAFINO ingegnoso, ma indegno d'imitazione.
SILIO ITALICO quale Poeta sia.
SOFOCLE Tragico eccellentissimo.
Inventore della Scena.
SOFRONE scrittore di Mimi.
STEFANO Comico.
T
TEOCLE Nassio.
TEOCRITO scrittore di cose pastorali.
TEOGNIDE Megarese Elegiaco.
TERENZIO Comico.
Come traducesse Greche favole.
Come imitasse i Greci.
Difeso nell' incostanza di Demea.
Considerato in varj luoghi.
TIBULLO Elegiaco Latino.
TIMOTEO Lirico.
TIRTEO Poeta antichissimo.
V
VIRGILIO come scrivesse pochiversi al d
.
Che Virgilio imit
i Greci.
Quali persone descrivesse.

Qual modo di narrare.

Quale giudicio nel soggetto.

Quanto più Tragico di Omero.

Quale soggetto dell' Eneida.

LA TAVOLA DELLE COSE MEMORABILI, <I>Contenute ne' quattro Libri della Poetica Toscana.</I>

A

VOCALE risonante.

Abbondevole forma di dire.

Abbondanza di Congiunzioni, figura.

Abbuso, figura di parole.

Abito, circonstanza di persona.

Abito, luogo di Affetti.

Abito de'Comici.

Abito de'Satirici.

Abito de'Tragici, quale si convenga ad ogni qualità di persone.

Accademia di Siena inventrice di nuovo altabeto.

Accento che cosa sia, e di quante maniere.

In quali parole si noti il Grave, in quali l'Acuto, in quali il Circonstesso.

Quale Accento si noti nelle voci Accorciate, e qual nelle Contratte.

Quale Accento si noti nelle particelle de'varj significati.

Accento Grave, ed Acuto, ricevono il più, e'l meno.

Accento determinato, cagione di Armonia.

Quanti Accenti riceva il verso.

Accento in qual parte sia in ogni specie di Versi.

Accento nell'antepenultima sa crescere il verso di una sillaba.

Accento nell' ultima sillaba della estrema voce fa mancare il verso di una sillaba.

Accenti con le pose rendono i versi veloci, o tardi.

Accidente notabile nell'Uscita.

Accidenti altrui c'insegnano a suggite, o a sopportare il male.

Acclamazione, figura passione vole.

Accrescimento, parte della Commedia.

Accrescimento, figura di più modi.

Accrescimento con la Comparazione.

Accrescimento nel secondo dire, crescono le sentenze.

Accrescimento nelle membra, giunture, o parole.

Achille quale si descriva.

Achilleida Poema.

Adirarsi, figura passionevole.

Aere voce se abbia Dittongo, o n

.
.

Affetto, materia d'imitazione.

Affetto, parte effenziale di Epico.

Affetto, circonstanza di narrare.

Affetto è genere di Costumi, e Passioni.

Modi da suscitare gli Affetti.

Affetti del padre, madre, figliuolo, mogliere, amante, amico, forella, fratello.

Quali Affetti turbino.

Con quali offervazioni si descrivano.

Affetti Tragici.

Affetti Comici.

Affetti Melici.

Affetti del Jambico.

Affetti considerati nelle figure.

Affetti considerati nel Decoro,

Astogamento del Coro che sia.

Africani Maliziosi.

Agamennone con qual' abito s'introduca.

Agognare, figura.

Aggiunzione, figura.

Aggiunto specie d'ornamento, di quante maniere, e come si congiungano.

Aggiunti quali da fuggire.

Aggiunti accompagnati con altri ornamenti.

Agginnte fuori della favola che fiano.

Agra forma di dire.

Agricoltura scritta in versi.

Al, particella or di una, or di due sillabe.

Alfabeto antico, e moderno.

Allegoria di piu modi.

Allegoria nel motteggiare.

Allegrezza, modo costumato.

Allegrezza non con vieue al fine Tragico.

Alludere, figura.

Ambiguita nella composizione.

Ambiguita nel motteggiare.

Ameto, poema del Boccaccio.

Amicizia, luogo di passioni.

Ammendare del Poema.

Ammendare, figura.

Ammonire, nel motteggiare.

Ammonite, figura costumata.

Amore passione.

Ampliamento, figura di più modi.

Ampliare negli Affetti.

Anapesto piede come si formi.

Anapestici versi non usati dal Coro, quando si fermava.

Andria Commedia di Terenzio per esemplo di riconoscimento artificioso.

Quante faccende comprenda.

Di qual soggetto sia, e favola, ed Episodi.

Distinta in atti altramente, che da' Gramatici.

Annoverate, figura.

Anticipare, figura.

Antifrasi, figura.

Antigone Tragedia di Sofocle.

Di che soggetto sia.

Distinta in atti.

Antipofora, figura.

Antivedere, modo di Consolazione.

Antonomasia, figura.

Che cosa sia.

Modo di motteggiarre.

Apollo preposto con le Muse a celebrar'Iddio.

Apollo inventore della Lira.

Apollo celebrato da fanciulli.

Apostrofe, figura.

Apostrofe, nel motteggiare.

Apparecchiamento, parte propia della Scenica.

Apparecchiamento Tragico.

Apparecchiamento Comico.

Apparecchiamento Melico.

Apposizione, figura.

Apritura di Vocali qual sia.

Come renda grave il suono.

Come renda la pronunzia tarda.

Arcadia del Sannazaro quale poema fia.

Argivi audaci.

Aristarchi nuovi ripresi.

Armonia, strumento di Poesia.

Che cosa sia Armonia, ne' corpi, movimenti, canti, e suoni.

Che cosa sia Armonia nel dire.

Come propiamente s'attenda nell' Acuto, e Grave.

Come consista nelle giunture, membri, e periodi.

Quattro cagioni di Armonia.

Arte non cangia forma per accidental varietà.

Arte presta materia alla poesia.

Quanto l'Arte aggiunga alla Natura.

Quale materia sia artificiale.

Arte Poetica è sempre una.

Arte Poetica di Orazio non è poesia.

Artificio di ritrovar le cose.

Da Somiglianti.

Da Congiunti.

Da Antecedenti.

Artificio di ritrovar le parole.

Da Annoverar le parti.

Da Antecedenti.

Da Conseguenti.

Da Cagioni.

Da Congiunti.

Da Congiugati.

Da Contrarj.

Da Diffinizione.

Da Differenza, e Dissimile.

Da Effetti.

Da Genere.

Da Maggiori, Minori, Pari.

Da Notamento di parola.

Da Similitudine.

Da Ripugnanti.

Artificio di Euripide nell'Ecuba.

E nel Ciclope.

Artificio di Giovenale nella Satira.

Artificio del Minturno nel celebrar la vittoria, che Carlo V. riporto da Tunisi.

Nella Canzone, Padre del ciel.

Nella Canzone della morte del Pescara.

Artificio del Petrarca nella Canz. Mai non v

del Pescara. Artificio del Petrarca nella Canz. Mai non v più cantar. Nella Canz. Verdi panni.

più cantar.

Nella Canz. Verdi panni.

Artificio di Pindaro nella prima Oda, dove celebra la vittoria de' giuochi Olimpici.

Artificio di Sofocle nell' Antigone.

Aspra forma di dire.

Assiri maliziosi.

Astrologia scritta in versi.

Ateniesi primi autori della Scenica.

Attenzione onde s'acquisti.

Come s'accenda con l'indugiarsi il fine.

Attenzione del pensiero richiesta al Poeta.

Atto, circonstanza di narrazione.

Atto Scenico che cola sia.

Atti Scenici sono cinque.

Perchè non più, ne meno.

Come si conosca il principio, e'l fine di ciascun'Atto.

Come Atto sia differente da Scena.

Quanto grandi siano.

Esemplo dell' Antigone, e dell' Ecuba distinte in Atti.

Se finito l'Atto, niuno rimane in Scena.

Attributi di persone, e faccende.

Au Dittongo.

B

BACCO preposto alle feste secondo Platone.

Con quale abito s'introduca.

Con qual coro si onoraffe.

Qual coro gli ordinasse Platone.

Balia, quale s'introduca.

Ballata, che cola fia.

Perche cosi chiamata.

Che materia abbia.

Quante parti con loro concenti.

Maniere di Ballate, Semplici, Composte, e Vestite.

Varj nomi di Ballate.

Ballata libera.

Ballatrice specie d'imitazione.

Ballo, come renda soave il dire.

Ornamento della Melica.

Parti del Ballo, Volta, Rivolta, Stanza, ad imitazione del movimento celeste.

Da qual parte cominci.

Maniera Tirbasea di ballare.

Barcelletta, e sue maniere.

Batracomiomachia di Omero.

Be' per Belli.

Benivolenza come s'acquisti

Omero. Be' per Belli. Benivolenza come s'acquisti Acquistar di Benivolenza modo costumato. Bestemmia, figura

Acquistar di Benivolenza modo costumato.

Bestemmia, figura passionevole.

Biasimo di molti e vizio nel motteggiare.

Bisguezzo ne'concenti.

Bisguezzo nel mottegiare.

Bonta richiesta ne'coltumi.

Brevità, virtu delinarrare.

Bruttezza non dee farsi vedere in icena; ma udire, o narrarsi.

Bruttezza soggetto di motti.

Bucolica poesia, specie di Epica.

C

CCONSONANTE qua le suono abbia.

C perche sia tolto di Sancto, Pecto,

qua le suono abbia. C perche sia tolto di Sancto, Pecto, simili. Cacciatore con quale abito.

simili.

Cacciatore con quale abito.

Cagione, circonstanza di Narrazione.

Cagione considerata nel muovere gli Affetti.

Calzari di Recitanti.

Cangiar' il nome, fingendo la persona.

Cantare premiato col capro.

Cantare di varj modi, templici, e milti.

Canto rende soave il dire.

Canto neila soavita Scenica.

Canto parte propia della Scenica.

Canto nella Tragedia.

Canto neila Commedia.

Canto nel Melico.

Qual canto convenga a' Recitanti, quale al Coro.

Canto appo Dante è lo stesio, che Capitolo appo il Petrarca.

Canto, parte di Poema di ottava rima.

Quali principj convengano al canto.

Canto

quali fussero detti.

principj convengano al canto. Canto quali fussero detti. Canzone Lirica, perchè cosi chiamata. Che cosa sia.

Canzone Lirica, perchè cosi chiamata.

Che cosa sia.

Come sia differente dall' altre composizioni Meliche.

Perchè tenga il primo luogo tra Melici.

Canzone Toscana quali parti abbia, e quant' arte ricerchi.

Canzone Proodica, Mesodica, Epodica.

Canzone di quante stanze sia.

Canzone Pindarica composta

Canzone di quante stanze sia. Canzone Pindarica composta di tre parti conformi al ballo. Quale materia

di tre parti conformi al ballo.

Quale materia abbia.

Canzone di antica maniera, diversa dalla Pindarica.

Canzone Scenica del Coro Comico.

Canzone del Coro Tragico.

Canzone Scenica Proodica, Mesodica, Epodica, Periodica, e Paredia.

Modo di Canzone Scenica, preposto, tramezzato, soggiunto.

Canzone libera, e sciolta.

Canzonetta.

Canzoni Monostrofiche, Epodiche, e miste, come si facciano.

Come tutta la materia si stringa in una Canzone, e rade volte in piu.

Canzoni di stanze continue di due maniere.

Canzoniere del Petrarca.

Case Tragiche, Comiche, Satiriche.

Casi infelici, inopinati, avvenuti da parenti, ed amici, sono Tragici.

Casi meravigliosi, o ragionevoli per congiunzione, o fortunati, o per voler Divino.

Casi meravigliosissimi, e di pietà degnissimi, quando uno stesso fa, e patisce.

Casi terribili per la crudeltà, compassionevoli per la cagione.

Caso circonstanza.

Catena di Verso, come si faccia con le pose de'sentimenti.

Di quante sillabe siano le voci, che 'l seguente verso legano con l'antecedente, con gli esempli d'ogni maniera.

Catena di Voci d'una, o più sillabe nelle pose degli Accenti.

Quanto vaglia la Catena de'Versi.

Ove la Catena de' Versi sia più richiesta.

Cavaliere nella Commedia quale s'introduca.

Cedere, figura.

Cerere onorata da Coro di femmine.

Chiara forma di dire con sue specie.

Chiarezza, virtù del narrare.

Chieder perdono, figura.

Chieder pregando, figura.

Ciclope di Euripide, esemplo di Satira Tragica.

Qual soggetto contenga.

Come si distingua in Atti.

Quale artificio a muovere spavento, e riso.

Cipriane, poema biasimato.

Circoserivere, figura.

Circoizione nel motteggiare.

Colchi crudeli.

Coma, voce Dorica, che dinota Villa.

Comandamento, figura passionevole.

Comico venuto da Jambico.

Comico come diletti, insegni, e muova.

Comici nuovi hanno più largo campo da serivere, che gli antichi.

Comico come usi le sentenze.

Commedia, specie di Scenica.

Commedia ebbe principio da Fallici.

Commedia che cosa sia.

Che fine abbia.

Maniere di Commedia, Antica, Mezzana, e Nuova.

Che materia tratti la Commedia.

Quali contese ammetta.

Quali Episodi, e quanti.

Quali Aggiunte riceva.

Quali persone introduca.

Come usi li veri nomi, o finti.

Come induca a meraviglia.

Quante, e quali parti abbia.

Come le parti della Commedia siano conformi a quelle della Tragedia.

Commedia Doppia quale sia.

Commedia quale stile ricerchi.

Commedia che apparecchio abbia.

Quale coro comico.

Commedia come sia dal Poeta divisain Atti, e Scene a Riguardanti, e poi distinta da' Gramatici a Lettori.

Perchè la Commedia rappresenti più i cattivi, che i buoni costumi.

Commedie Terenziane quali.

Commendare, figura costumata.

Commiato ultima stanza della Canzone, perchè cosi nominata.

Che soggetto abbia.

Come rivolga il parlar'alla Canzone.

Come si tessa, e qual varietà di Rime riceva.

Commo parte di Tragedia.

Comparazione, figura.

Comparazione nel narrare.

Comparazione nel muover'Affetti.

Comparazione nel motteggiare.

Compartimento, figura.

Compassione come mossa da Euripide nell'Ecuba.

Compassione del male, che si pate, e sa altrui.

Compassione Tragica per l'udita, non per la vista.

Composizione or segue la ragione, or la consuetudine, secondo che più atta riesce.

Da quali voci cominci.

Composizioni d'ogni maniera si riducono ad una delle principali.

Comprendere, figura di costruzione.

Comunicare, figura.

Concento delle voci come nasca da lettere, e sillabe.

Concento delle prime sillabe.

Concento delle ultime sillabe.

Concento del mezzo delle voci.

Concento del fine antecedente col principio seguente.

Concento del mezzo d'una voce col fine, o principio dell' altre.

Concento dell' ultima sillaba della voce con la prima dell' antecedente.

Concento delle medesime lettere in una stessa voce.

Concento delle medesime lettere, e in una stessa voce, e in diverse.

Concento delle medesime lettere in diverse voci con picciolo intervallo.

Concento di una lettera, che variamente a se stessa risponde.

Concento di più lettere tra loro in varj modi accordate.

Concento di voci composte, e ripetite.

Concento di Bisquezzi.

Concento di sillabe tra il seguente verso, e l'antecedente.

Che tali concenti vengono e studiosamente, ed a caso.

Estetto di tali concenti.

Concento di voci d'un simil fine giunte insieme, se sono molte, o spesso usate, diviene vizioso.

Concento di consonanze di Rime men lontano, più diletta.

Che tal concento prende qualità dalle voci, onde è composto.

Concento d'intelletti.

Concessione, figura costumata.

Concedere con Ironia di molti modi.

Conchiusione che forme riceva.

Confermazione che forme riceva.

Confidanza, passione.

Consorto, figura passionevole.

Congiunzione, figura di construzione.

Congiunger cose diverse, figura.

Consiglio nel narrare.

Consolazione per tre modi.

Consonanti lettere quante siano, e quante ne manchino.

Quali abbiano suono grande, o lieve.

Consonanti come si scontrino in una, e diverse voci.

Quali Robuste, Aspre, Piacevoli.

Consonante come aggiunga mezzo tempo alla Vocale; e se più sono, più l'accrescono; ed anche più seguendo, che antecedendo.

Consonanza è qualità del Verso, dagli altri vizio, da Toscani virtù riputata.

Consonanze aspre, o piacevoli, conformi alla materia.

Quali consonanze più dilettino.

Come s'accresca il diletto delle consonanze.

Consonanza nasce dal medesimo suono, non dalla medesima scrittura, come di Cuore, ed Errore.

Consonanze usate dagli antichi di Pecto, con Metto; Ancide con Fede; Vertude con Prode; e simili.

Consonanze nel motteggiare.

Consuetudine servata nel parlare.

Contadino nella Commedia quale.

Continuazione di casi, figura.

Continuar pastando, figura.

Contraponimento di Sentenze, figura.

Contraponimento di cose contrarie.

Contraposti nel motteggiare.

Contraposti numerosi per se stesii.

Contrario, luogo Topico.

Contrario per muover gli Affetti.

Contrario per motteggiare.

Contristarsi, figura passionevole.

Convenevolezza ne' costumi.

Conviro come s'introduca in Scena.

Coppia di Versi nelle Canzoni come s'accordi.

Coppia con concento nel principio, e fine della Sirima, non nel fine della Froute.

Coppia delle Ballate nella Riprela.

Coppia Duplicata, e Triplicata nella Mutazione.

Coppia nella Volta.

Coppia del Madrigale.

Coppia dell'Ottava rima.

Corago, chi susse.

Cornamusa usata nel suono del Coro.

Coro, parte Scenica.

Coro Tragico che sia, e che uficio faccia.

Di quali si faccia il Coro.

Con qual'ordine entri nel Teatro.

Quanti Cori siano nelle Tragedie.

Come entri, stia, si lamenti.

Come dirizzi il volto, e quando parli.

Come laudi, biasimi, ammonisca, consigli, conforti, difeuda, con gli elempli.

Che'l Coro si sa udire sempre dopo ogni Atto.

Quando il Coro interrompa il parlar de' Recitanti, e si faccia udire fra le Scene.

Quando faccia uficio di Recitante.

Quali voci usi il Coro nel fermarsi

Che'l Coro canta, eccetto nell'estremo del quinto Atto.

Quali Canzoni usi.

Coro Tragico quali versi richieggia.

Qual suono convenga al Coro.

Che'l Coro pon fine alla favola.

Coro Comico antico dato da Uficiali, di quali, e quante persone.

Talvolta diviso in due Parti.

Come entri, e si fermi.

Come trascorra con varie maniere di Canzoni.

Come preposto, tramezzato, soggiunto.

Come si parta.

Coro Melico ordinato da legislatori, per onorar le feste.

Cori ordinati da Platone.

Coro di fanciulli, e vergini, di donne, di madri di famiglia.

Coro nelle feste di Bacco.

Corregger se medesimo, figura.

Cortina nel mutar de gli Atti.

Costumata forma di dire.

Costumato poema per le Sentenze.

Costume materia d'imitazione.

Costume che cosa sia.

Come sia differente dagli Affetti.

Quali costumi secondo l'Età de' giovani, vecchi, e virile.

Quali costumi secondo la Fortuna di Nobili, ricchi, potenti, fortunati.

Costumi secondo la Nazione, e Natura.

Costumi secondo l'arte, professione, parentado, ed amicizia.

Costumi di Donne.

Quattro cose richieste ne'costumi.

Costume parte essenziale dell'Epica.

Costumi nella Commedia, con gli esempli.

Quali costumi lodati, o biasimati.

Costumi nella Tragedia con gli esempli.

Costumi nella Satira.

Costumi nella Melica Poesia.

D

DATTILO piede come si formi.

De particella che accento, o segno riceva.

Dea or di una, or di due sillabe.

Decoro nel dire che cosa sia.

Decoro, secondo le figure.

Decoro, secondo la persona, che parla.

Decoro, secondo l'Uditore.

Decoro, secondo la Materia.

Decoro, secondo gli Affetti.

Decoro, secondo le parti del dire.

Decoro, secondo le forme del dire,

Decoro ne'Costumi quante cose ricerchi.

A che riguardi il Decoro.

Decoro nella Tragedia.

Decoro nella Commedia.

Deliada Poema.

Deliberativo genere che forme riceva.

Descriver di vita, e costumi.

Detti brevi, ed accorti.

Detti oscuri.

Dialogi tra Poesia Epica.

Diana celebrata da'vergini.

Dichiarazione del parere, figura,

Difender l'errore, figura.

Difetri da schernire.

Differenza tra le Poesie, negli strumenti. 3. nella materia. 5. nel Modo.

Differenza tra l'Epico, egli altri negli Episodj.

Differenza tra Romanzi, e la Poesia, che Aristote le c'insegna.

Differenza tra il Romanzo, e l'Epico.

Differenza tra narrazione Storica, ed Epica.

Differenza tra Stotico, e Poeta nel narrare.

Differenza tra Sdegno, e Invidia.

Differenza tra Atto, e Scena.

Differenza tra Seneca, ed Euripide nella disposizione dell'Ecuba.

Differenza tra l'antica, e nuova Commedia.

Differenza tra Commedia, e Tragedia, nelle persone, e nelle faccen de.

Differenza tra Episodj, ed Aggiunte.

Differenza tra Canzone, ed altre Meliche composizioni.

Differenza tra il Sonetto, e l'Epigramma.

Differenza tra la Canzone, e'l Sonetto.

Differenza tra Satirico, e Jambico.

Differenza tra il parlar Latino de' plebei, e de dotti nell'eleganza, benche l'un l'altro intendesse.

Differenza vana di Gramatici tra parole di Verso, e di Prosa.

Differenza tra voci Contratte, ed Accorciate.

Differenza tra il Fisico, e l'Eroico poeta in trattar le cose.

Differenza tra Storico, e Lirico in trattar le laudi d'una donna.

Differenza tra forma Illustre, e Chiara.

Differenza, luogo da trovar parole.

Differenza, luogo da muover' Affetti.

Diffinizione nelle figure.

Diffinizione nel muover gli Affetti.

Diffinizione dell'Atto, e Scena.

Diffinizione della Ballata.

Diffinizione della Canzone.

Diffinizione della Commedia.

Diffinizione dell'Elegia.

Diffinizione dell'Epica.

Diffinizione dell'Epigramma.

Diffinizione del Madrigale.

Diffinizione della Narrazione.

Diffinizione del Principio.

Diffinizione della Poesia.

Diffinizione della Satira Epica.

Diffinizione della Satira Tragica.

Diffinizione della Scenica.

Diffinizione della Sentenza.

Diffinizione della Tragedia.

Dignita considerata nel Decoro.

Digressione, figura.

Digressione perche si faccia.

Digressione del Melico e come l'Episodio dell'Eroico.

Digressioni richieste nelle Canzoni Pindariche.

Digressioni del Satirico.

Digressioni del Jambico.

Dimanda con preghiera.

Dimandar, figura di molti modi.

Dimmuimento di molti modi.

Diminuendo significar piu, che non si dice, figura.

Diminuzion del nome in motteggiare.

Diminuzione della vostra facolta, figura.

Dimoranza, figura.

Dimostrazione, figura.

Dimostrare di temer peggio, figura.

Dimostrativo genere che forme riceva.

Dipendenza di diverse forme da un verbo.

Dir soave nella Commedia.

Dir soave nella Tragedia.

Dire che parti abbia.

Dire come debba crescere, o andar perdendo, secondo il crescimento, o diminuimento delle sentenze.

Disciolto, figura; cioè, parlare senza congiunzioni.

Discorso del Coro.

Disgiunzione, figura.

Disio, figura passionevole.

Disonesta nel motteggiare.

Disperse parole, figura.

Disposizione di favola, seguendo l'ordine naturale.

Disposizione di poema, cominciando dal mezzo, o dal fine.

Disposizione degli Episodj Tragici.

Disposizione Comica.

Disposizione degli Episodj Comici.

Disposizione del Romanzo ripresa.

Disposizione, luogo nelle passioni.

Dispregio, passione,

Dispregio nel motteggiare,

Dissimile nel motteggiare.

Dissimulare nel motteggiare.

Dissimulare nelle persone, figura.

Dissimulare nelle cole, figura.

Diffinzione viziosa di Gramatici negli atti di alcune Commedie Terenziane.

Distinzione del parlare, con giunture, membri, e periodi.

Ditirambici, specie di Melici.

Ditirambo, canto in laude di Bacco.

Dittongi, quali, e quanti siano.

Dittongi come si sciolgano.

Diverbi Scenici.

Divino ajuto nell'uscita.

Divisione, figura.

Docilita onde s'acquisti.

Dolore passione con gli esempli Tragici.

Donne le debbano introdursi armigere, o n

esempli Tragici. Donne le debbano introdursi armigere, o n Doppia favola nella Commedia, Doppia favola nella

Doppia favola nella Commedia,

Doppia favola nella Tragedia.

Doppia favola come si conosca.

Drama voce Dorica.

Drama e detta la favola Scenica.

Dubbiosa materia qual sia.

Dubbitare figura.

Dubbitare nel motteggiare.

E

EVOCALE di suono mezzano.

E Vocale or di suono aperto, or chiuso.

Eparticella, Congiunzione, Pronome, Verbo, che accenti riceva.

Ea or di una, or di due sillabe.

Eavtontimorumeno di Terenzio altramente distinto in Atti, che da Gramatici.

Ebraica Poesia.

Ecuba Tragedia di Euripide distinta in atti.

Edipo di Sofocle, esemplo di Peripezia, e di Riconoscenza artificiosa.

Egloga specie di Epica.

Egualita richiesta ne'costumi.

Egualità di Giunture, e Membri.

Ei or d'una, or di due sillabe.

Elegia specie di Epica.

Elegia che cosa sia, e donde cosi detta.

Qual propietà, inventore, oficio di Elegia.

Qual verso convenga all'Elegia.

Modo elegiaco, grandezza, parti, membri, ed ornamenti di Elegia.

Quali Elegiaci da imitare.

Elezione di parole riposta nell'arbitrio moderato da'precetti.

Elezione di parole con lettere, sillabe, e scontri convenienti alla materia.

Elezione di parole quale debba essere in ciascuna maniera.

Elezione di parole con quai regole si faccia.

Elezione di persona giudiciosa, per ammendar'i poemi.

Eloquenza consiste in cose, parole, ed artificio.

Emfasi che cosa sia.

Emulazione, passione.

Eneida come contenga un soggetto.

Quali Episodj.

Qual faccenda principale.

Qual legamento, e scioglimento.

Come finisca Tiagicamente.

Enigma.

Entrata del Coro.

Epica poesia che cosasia.

Quasi specie contenga, e quasi strumenti adoperi.

Quanto l'Epica sia piu perfetta dell'altre poesie.

Di qual grandezza sia.

Quanto tempo abbracci narrando.

Quante parti abbia di qualità essenziale.

Quali membri abbia.

Come differente dall'altre negli Episodj.

Che l'Epica comprenda eziandio alcune composizioni con rime.

Epico appo il vulgo che scrive in versi.

Qual sia vero Epico, quale impropio.

Epico donde prende il nome.

Qual sia il modo Epico di narrate.

Epico usando veri nomi riguarda all'universale.

Epico usa veri nomi nella favola, finti negli Episodj.

Come gli Epici divennero Tragici.

Epigramma specie di Epica.

Epigramma onde avesse origine.

Che cosa sia Epigramma.

Quale materia, ed oficio di Epigramma.

Che l'arguzia con brevità è l'anima dell'Epigramma.

Quale varieta di stile riceva.

Quali parole, e qual verso convengano ail'Epigramma.

Come l'Epigramma sia differente dal Sonetto.

Epigramm di Omero fatti Toscani.

Episodio è voce ambigua, or significa parte distinta dalla favola, or dal Colo.

Episodj parte accidentale distinta dalla favola.

Come gli Episodj accrescano il poema.

Ove gli Episodj abbiano luogo.

Come gli Episodj possano discernersi dalla favola.

Episodj sono spessi, e lunghi nell'Epica; rari, e brevi nella Scenica.

Epitodj Tragici con gli Esempli.

Episodj Comici di quante maniere.

Quanto spessi Episodj nella nuova Commedia, e spessissimi nell'antica.

Episodj distinti dalla favola con gli esempli del l'iuto.

Episodj han luogo prima, che si cominci a mutar la fortuna.

Episodj sono tal volta pi

, che la favola.

mutar la fortuna. Episodj sono tal volta pi , che la favola. Episodj come sien differenti

Episodj come sien differenti dall'Aggiunti.

Episodj della Iliada, ed Odissea.

Episodj della Eneida.

Episodj de'Trionfi del Petratca.

Episodj dell'Ecuba.

Episodj Scemci, cioè, Ragionamenti di recitanti dopo l'entrata del Coro.

Episodj Scenici, quali versi ricerchino.

Epiteto, overo Aggiunto di quante maniere sia.

Come s'accompagnino pi

Epiteti.

di quante maniere sia. Come s'accompagnino pi Epiteti. Come Epiteti si congiungano con altri ornamenti. Epiteti

Come Epiteti si congiungano con altri ornamenti.

Epiteti consideratinel motteggiare.

Equivocare, modo di motteggiare.

Erigone pianta nelle laudi di Baccho.

Errore descrittori delle cose Cipriane, e della piccola Iliada.

Errore degli scrittori de'Romanzi.

Errore degli scrittori dell'Eracleida, Teseida, ed Achilleida.

Errore di Aristofane nel Disconvenevole.

Errore di Plauto.

Errore de'Gramatici nel distinguer le Commedie di Terenzio.

Errore di Euripide nello scioglimento della Medea.

Errore di Nel finger Menelao malvaggio.

Errore di Nel far'Ifigenia piangevole, poi virile.

Eschine biasimato da Demostene in recitare.

Esemplo, modo di motteggiare.

Elercizio richietto al Poeta.

Maniere di esercizio.

Modi di esercitarsi traducendo.

Spiegando una cosa stessa in molti modi.

Età per muover'Affetti.

Eta considerata nel Decoro.

Etimologia della Canzone.

Etimologia del Commiato.

Etimologia di Epico.

Etimologia di Madrigale.

Etimologia di Nomico.

Etimologia di Romanzo.

Etimologia di Satira.

Etimologia di Sestina.

Etimologia di Sonetto.

Eu Dittongo.

Eunuco di Terenzio quante faccende contenga.

F

FALLO, immagine della maschil parte.

Fallici versi a Bacco.

Fama da servate ne'costumi.

Farze Cavajole.

Fascio di molte cose, figura.

Fasti di Ovidio qual poema sieno.

Fatto di persona, materia d'imitazione. 2. Soggetto di Narrazione.

Circonstanza di persona.

Favella Toscana, Vedi Lingua.

Favola come sia di un Contesto.

Quante faccende la Favola possa comprendere.

Che la Favola è parte essenziale, e principale del poema.

Come la Favola debba a se stesta convenire.

Membri di Favola.

Favola di un modo, Mista, e Doppia.

Favola Doppia non per vendetta del ni nico, ma per riconciliarsi.

Favola Semplice, o Composta.

Favola Composta da quali Riconoscenze, ed Avvenimenti si faccia.

Come si conosca la favola, se sia Semplice, o Composta, di una maniera, o Doppia.

Favola Patetica, o Morata.

Favola Tumultuosa, o Pacifica.

Favola Epica come si tratti.

Favola Epica come debba esser meravigliosa.

Favola Scenica detta Drama.

Favola Scenica è un'Atto diviso poi in cinque.

Favola Tragica accettata difficilmente si muta.

Qual mutazione riceva la favola

Tragica, e come se ne faccia di nuove.

Favole Tragiche, Semplici, e Composte con gli esempli.

Favola Tragica mista per le cose, o per le persone.

Favola Comica.

Maniere di favole Comiche.

Quali sieno le migliori.

Favola Melica come sia una, e breve.

Fermezza del Coro, toccando l'infelicita.

Feste di Bacco.

Figliuolo quale s'introduca.

Figura che cola fia.

Figura di sentenze nell'artificio de'concetti.

Figura nelle Passioni.

Figura ne Costumi.

Figura negl Ornamenti.

Figura di Parole.

Figura nella Mutazione delle parole.

Figure vicine a quelle delle sentenze.

Figure nella Voce.

Figure nella Costruzione.

Figure del dire considerate nel Decoro.

Filotteta con quale abito.

Fine di Commedia ammendare i costumi.

Fine di Epigramma, e di Sonetto.

Come sempre sia lieto.

Fine di Melico.

Fine di Tragedia purgar l'animo dalle passioni.

Come debba esser'infelice.

Come il fivire in allegrezza non è

Tragico, benchè piu diletti.

Fine di Satira.

Fine meraviglioso qual sia.

Fingere quel, che non è, figura.

Forme generali del dire quante, e quali sieno.

Che parti abbiano.

Come tutte le forme del parlare si riducono ad una delle generali.

Quale sia la mistione delle forme.

Quali forme debbano piu usarsi.

Forme del dire di varie mamere.

Agra, e forte, specie della Forma Grande.

Aspra, e molesta, specie della Grande.

Acuta, e sottile, specie della Costumata.

Chiara, forma generale.

Costumata, forma generale.

Gagliarda, e incitata, specie della Grande.

Grave, forma generale. Umile, specie della Costumata. Leggiadra, specie della Chiara. Magnifica, e maestevole, specie
Grave, forma generale.
Umile, specie della Costumata.
Leggiadra, specie della Chiara.
Magnifica, e maestevole, specie della Grande.
Modesta, e dimessa, specie di Costumata.
Ornata, forma generale.
Oscura, forma contraria.
Pura, specie della Chiara.
Splendida, e illustre, specie della Grande.
Tarbata, forma contraria.
Vera, forma generale.
Volubile, e presta, forma generale.
Fronte nelle Canzoni è parte distanza, con varie sue maniere, ed abitudini.
Come sia maggiore, o minore della Sirima.
Fronte Doppia, e composta, qual sia.
Se è lecito triplicare la Fronte.
Regole della Composta Fronte.
Quali versi ricerchi nel principio, e fine.
Quali numeri possa ripetere.
Fronte Semplice qual sia.
Come si faccia di Quartetto.
Come fi faccia di Quinario.
Quali parti abbia.
Fronte ne Sonetti.
Frottola senza legge.
Qual soggetto abbia la Frottola.
Quali maniere di Frottola.
Quale stile di Frottola.
Fu, patticella accorciata da Fui, e contratta da Fue, quale accento riceva.
G
G, CONSONANTE, quanti suoni abbia.
Gagliarda forma di dire.
Gelosia passione.
Gentiluomo nella Commedia quale.
Georgica di Esiodo, e di Virgilio.
Gesualdo opera del Minturno sopra il Petrarca.
Giacitura delle parole, col modo di allogar le voci di una, o piu sillabe.
Giovane come laudato, o biasimato nella Commedia.
Giovani Comici di quai Costumi.
Elempli di Giovani Comici.
A'Giovani qual parlare convengasi.
Giudice di Poemi quale esser debba.
Giudiciale genere che forme riceva.
Giudicio degli antichi si dee preferir'a quello de'Moderni.
Giudicio intorno a sei particelle pertinenti a versi.
Giunone celebrata da Coro di madri di famiglia.
Giunture di parlare quali sieno.
Maniere di Giunture nelle voci, e nelle sentenze.
Giuramento, figura.
Grande forma di dire con le sue specie.
Grandezza giusta del Poema qual sia.
Grandezza propia dell'Epico.
Grandezza sproporzionata biasimata.
Grandezza della Scenica materia quale.
Gratitudine, figura costumata.
Grave accento che sia, e dove si noti.
Cheil Grave ha il propio luogo in tutte le altre sillabe, eccetto in quell'una, dove è l'acuto, el'inchinato.
Grave forma di dire:
Greci autori come si debbano imitare da Toscani.
Gridare, figura passionevole.
Molte maniere del Gridare.
Guerriero introdotto nella Commedia.
H
H, SBANDITA dell' Alfabeto da alcuni Moderni.
Quando si debba usare l'Aspitazione.
Come si sa rima di voce aspirata, convoce senza Aspirazione.
I
I'
VOCALE di suono dimesso:
I,
Lettera liquida.
I,
Consonante senza propia figura.

Ja Dittongo.

Jambica poesia, e sua origine.

Jambico, quale oficio, materia, parti essenziali.

Digressioni, costumi, e modo del Jambico.

Qual verso conveniente al Jambico.

Jambico verso atto al dir male.

Jambici poeti quali sieno.

Come li Jambici divennero Comici.

Jambo piede come si formi.

Icaro pianto nelle laudi di Bacco.

Iddio come sia ringraziato da Celesti, ed Vomini.

Iddii de' Gentili quando, dove, e perchès introducano nella Scenica.

Je Dittongo di suono, or'aperto, ora chiuso.

Ii or d'una, or di due sillabe.

Iliada d'Omero quali persone esprima.

Come l'Iliada sia forma di Tragedia.

Che soggetto contenga l'Iliada.

Come l'Iliada sotto una faccenda abbracci molte cose.

Perchè l'Iliada abbia il titolo dal luogo.

Come sia favola di una maniera.

Iliada non è favola doppia, ma di vu modo.

Iliada finita con Episodi aggiunti alla favola, dopo la morte d'Ettore.

Che Aggiunti abbia fuori della favola.

Illustre forma di dire, e come sia differente dalla Chiara.

Imitazione richiesta al Poeta.

Quali debbano imitarsi

Come si faccia l'imitazione ne' luoghi dell'invenzione, con gli esempli.

Superstizione di alcuni si astretti nell imitazione, che non usino altre parole, che del Boccaccio, e del Petrarca.

Imitazione, modo di motteggiare.

Imitazione di antichi Greci, e Latini lodata.

Imitazione quante cose richieda.

Imitare propiamente è introdurro alcuno, impropiamente è narrare.

Imitazione è cosa naturale.

Immagine nella narrazione.

Immagine nel muover'astetti.

Immagine nel motteggiare.

Immoderato vizio del motteggiate.

Incitata forma di dire.

Incolpazione, figura.

Incostanza biasunata nel Decoro.

Incredibile fuori della favola.

Infelicità di buoni ci contrista, di nostri pari ci spaventa, di cattivi non par degna di pieta.

Infortuni intelici, inopinati, avvenuti da parenti, ed amici, sono Tragici.

Ingegni di due maniere, che peccano nello scrivere.

Ingiuria quale si convenga nella Commedia.

Ingiuriose parole nel motteggiare.

Inno, specie di Epica poesia.

Inni d'Orfeo, e d'Omero.

Inni da quali persone si cominciassero a serivere.

Inni latini fatti da' Sacerdoti con maniere Toscane.

Innocenza come ci consoli.

Inopinati casi sono meravigliosi

Innocenza come ci consoli. Inopinati casi sono meravigliosi Come sieno Tragici. Come sieno lieti, odolorosi.

Come sieno Tragici.

Come sieno lieti, odolorosi.

Insinuazione quanto convenga alla Satira.

Insipido vizio nel mottoggiare.

Interpretazione di quelle parole di Aristotele, che pertengono alla rappresentazione del caso Tragico.

Intero contesto di favola qual sia.

Interposizione, ornamento.

Interrompere, figura.

Inventore di Elegia.

Inventore della Jambica:

Inventore della Lira.

Inventore della Maschera.

Inventore dell' Ornamento della Scena.

Inventore dell' Ottava rima.

Inventore della Satira Latina.

Inventore della Scenica poesia.

Invenzione di nuove maniere di versi.

Invenzione dell'Accademia Senese, usurpata dal Trissino, vendicata dal Polito.

Invidia, passione.

Invocazione, modo di acquistar benivolenza.

Invocazione del Satirico.

modo di acquistar benivolenza. Invocazione del Satirico. Inutili parole sono pi da fuggire, che le dure.

Inutili parole sono pi

da fuggire, che le dure.

Io Dittongo or di suono aperto, or chiuso.

Ione vagabonda.

Iperbato di pi

di suono aperto, or chiuso. Ione vagabonda. Iperbato di pi modi. Iperbole, ornamento. Iperbole, modo di

modi.

Iperbole, ornamento.

Iperbole, modo di mottegiare.

Ippocentauro, poema.

Ira, passione.

Ironia che cosa sia.

Ironia, modo di motteggiare.

Isabella Reina di Spagna esemplo di donna valorosa.

Iscusa, figura costumata.

L

Issloue disleale.

Italiani superbi.

L' CONSONANTE di suono piacevole.

Laido voce se abbia Dittongo, o n

di suono piacevole. Laido voce se abbia Dittongo, o n Lamento, passione. Lamento, figura passionevole. Lamento

Lamento, passione.

Lamento, figura passionevole.

Lamento del Coro.

Lasciare il verbo, figura.

Latini come debbano imitarsi.

Legamento di favola che sia.

Legge di Ateniesi contra gl'ingiuriosi.

Legge, che una maniera di canto per l'altra non si usasse.

Leggi composte in versi da Apollo.

Leggiadra forma di dire.

Lettere sono il fondamento del suono delle sillabe, e

delle parole.dire. Lettere sono il fondamento del suono delle sillabe, e Quali lettere manchino, o sieno sove.

Quali lettere manchino, o sieno sove. chie nell'Alfabeto.

Come si usi una stesla lettera con vari suoni di pronunzia.

Divisione di lettere.

Qual sia il suono, e forza di ciascuna lettera.

Qual sia lo scontro, ed apritura delle lettere.

Lezione richiesta al Poeta.

Libero parlare, figura passionevole.

Licenza poetica non trapassi li termini.

Licenza data a Poeti di biasimare i malfattori.

Lingua Vulgare, e favella nostra Italiana, come si dilunghi dalla Latina.

Come dalla Latina dipenda.

Onde sia nata.

Come sia Vulgare della Latina.

Lingua Latine come sia guasta per la confusione delle lingue straniere.

Lirica Poesia quanto antica.

Come fu prima semplice, poi con varieta diverse.

Quale premio de'Lirici.

Lirica Toscana che specie abbia.

Quale materia.

Qual modo di trattare.

Lodar se stesto è vizioso, se non in due casi.

Lode di una donna come si trattarebbe da uno Storico.

Lode di una donna come si tratti dal Lirico, con l'esemplo del Petrarca.

Lui, voce or di una, or di due sillabe.

Luopo circonstanza di narrazione.

Luogo per muover gli affetti.

Luoghi di Narrazione con gli Esempli.

Luoghi di Affetti.

Luoghi degli ornamenti, e del parlar figurato.

Luoghi comuni come debbano usarsi.

Luoghi Topici come servano a trovar le coso.

Luoghi Topici come servano a trovar le parole.

Lusinghe, figura costumata.

M

M' CONSONANTE di che suono sia.

Macaria Eroina, figlinola di Ercole.

Madre quale s'introduca.

Madre di samiglia quale.

Madrigale che cosa sia, e perché cos

uetto.di samiglia quale. Madrigale che cosa sia, e perché cos Che materia tratti. Di quali versi

Che materia tratti.

Di quali versi si tessa.

Maniere di Madrigali di otto, nove, dieci, undici versi, con li modi delle consonanze loro.

Madrigale libetamente vestito.

Madrigali del Boccaccio.

Madrigali di Franco Sacchetti.

Magnifica forma di dire.

Magnificenza vietata a'Pocci.

Malvagità vizio nel Decoro.

Mansuetudine Affetto.

Marcelli Plautini traslati dal Costanzo.

Margita, Poema d'Omero.

Come il Margita di Omero fusse esemplo di Commedia.

Maria Reina sorella di Carlo V. esemplo di donna valorosa.

Maritate pudiche introdotte nell

esemplo di donna valorosa. Maritate pudiche introdotte nell Commedia, ma impudiche nella Tragedia. Mascheta trovata da

Commedia, ma impudiche nella Tragedia.

Mascheta trovata da Eschilo.

Maschera di recitanti Comici.

Materia di Pocha quale sia.

Da quali cagtoni venga la materia poetica.

Materia di Narrazione.

Materia Epica, una, e di un'auno.

Materia Tragica qual sia.

Materia di Canzoni Pindariche.

Materia di Sestina.

Materia di Sonetto.

Materia di Elegia.

Materia di Ballata.

Materia del Madrigale.

Materia di Ottava Rima.

Materia di Satita.

Materia di Iambico.

Materia di Epigramma.