Vous êtes sur la page 1sur 403

ANTIQUIT TARDIVE

Antigedad Tardia Late Antiquity


Sptantike Tarda Antichit
Revue internationale dhistoire et darchologie (IVe-VIIIe s.)
publie par lAssociation pour lAntiquit Tardive

Tome 18 2010
LECTURE, LIVRES, BIBLIOTHQUES
DANS LANTIQUIT TARDIVE

PRINCIPALES ABRVIATIONS
AA = Archologischer Anzeiger, Berlin.
AA.SS. = Acta Sanctorum.
AAAd = Antichit altoadriatiche, Udine.
Ap = LAnn pigraphiqe, Paris, CNRS.
AEArq = Archivo espaol de Arqueologa, Madrid.
AJA = American Journal of Archaeology.
AnBoll = Analecta Bollandiana.
ANRW = Aufstieg und Niedergang des Rmischen Welt, d. W. de
Gruyter, Berlin-New York.
AntAfr = Antiquits africaines, Paris, CNRS.
Ath. Mitt. = Mitteilungen des Deutschen Archologischen Instituts,
Athenische Abteilung.
BAR = British Archaeological Reports.
BCH = Bulletin de correspondance hellnique, Paris.
BCTH = Bulletin archologique du Comit des Travaux historiques
et scientifiques, Paris.
BFAR = Bibliothque des coles franaises dAthnes et de
Rome.
BJ = Bonner Jahrbcher.
BM = Bulletin Monumental, Paris.
BMGS = Byzantine and Modern Greek Studies.
BSl. = Byzantinoslavica.
BSNAF = Bulletin de la Socit nationale des antiquaires de
France, Paris.
BSS = Bibliotheca Sanctorum, Roma.
Byz. = Byzantion. Revue internationale des tudes byzantines,
Bruxelles.
ByzZ = Byzantinische Zeitschrift, Mnchen-Kln.
C&M = Classica et Mediaevalia.
CA = Cahiers archologiques, Paris.
CC = Corpus Christianorum, Brepols, Turnhout.
CCSL = Corpus Christianorum. Series latina.
CFR = Collection de lcole Franaise de Rome.
CIAC = Congresso internazionale di Archeologia Cristiana.
CIG = Corpus Inscriptionum graecarum, Berlin.
CIL = Corpus Inscriptionum Latinarum, Berlin.
CJ = Codex Iustinianus.
CMGR = Colloque de la mosaque grecque et romaine.
CorsiRav. = Corsi di cultura sullArte Bizantina e Ravennate,
Ravenna.
CPL = Clavis patrum latinorum.
CRAI = Comptes rendus de lAcadmie des inscriptions et belleslettres, Paris.
CSCO = Corpus scriptorum christianorum orientalium.
CSEL = Corpus scriptorum ecclesiasticorum latinorum.
CTh = Codex Theodosianus.
CUF = Collection des Universits de France, Association Guillaume Bud et Les Belles Lettres, Paris.
DACL = Dictionnaire dArchologie chrtienne et de Liturgie,
Paris.
Dam. Mitt. = Damaszener Mitteilungen des Deutschen Archologischen Instituts.
Dessau = Inscriptiones latinae selectae, d. H. Dessau [1916],
Berlin, 1962.
DHGE = Dictionnaire dhistoire et de gographie ecclsiastiques,
Paris.
Dig. = Digesta, d. Th. Mommsen [1908], Dublin-Zurich, 1973.
DOP = Dumbarton Oaks Papers, Washington.
EAA = Enciclopedia dellArte antica classica e orientale, Roma.
EAM = Enciclopedia dellArte medievale.
EPRO = tudes prliminaires aux Religions orientales.

FIRA = Fontes Iuris Romani Anteiustiniani, G. Barbra d., 3 vol.,


2e d. Florence, 1968.
ICVR = Inscriptiones christianae urbis Romae septimo saeculo
antiquiores, d. G. B. de Rossi, Rome, 1857-1915.
IG = Inscriptiones graecae, Berlin.
IGLS = Inscriptions grecques et latines de Syrie, Paris-Beyrouth.
ILAlg = Inscriptions latines dAlgrie, Paris.
ILCV = Inscriptiones latinae christianae veteres, d. E. Diehl,
Berlin/ Dublin-Zurich, 1925-1967.
JAChr = Jahrbuch fr Antike und Christentum, Mnster.
JDAI = Jahrbuch des Deutschen Archologischen Instituts.
JAI = Jahreshefte des sterreichischen Archologischen Instituts.
JRA = Journal of Roman Archaeology, Boston / Ann ArborPortsmouth.
JRS = Journal of Roman Studies, London.
Kairo Mitt. = Mitteilungen des Deutschen Archologischen Instituts
(Abteilung Kairo).
LIMC = Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae.
MAMA = Monumenta Asiae Minoris Antiqua, Manchester.
MFRA = Mlanges de lcole franaise de Rome. Antiquit,
Rome.
MGH AA = Monumenta Germaniae Historica. Auctores antiquissimi, Berlin, 1894.
Monuments Piot = Monuments et mmoires publis par lAcadmie
des Inscriptions et Belles Lettres (Fondation Piot), Paris.
ND = Notitia Dignitatum.
Nov. Iust. = Novellae Iustiniani.
P. = papyrus (suivi du nom de la collection)*.
PBSR = Papers of the British School in Rome, Londres.
PG = Patrologiae cursus completus, series graeca, d. J.-P. Migne,
Paris.
PL = Patrologiae cursus completus, series latina, d. J.-P. Migne,
Paris.
PLRE = Prosopography of the Later Roman Empire.
PO = Patrologia orientalis.
RA = Revue Archologique, Paris.
RAC = Rivista di archeologia cristiana, Citt del Vaticano.
RAChr = Reallexikon fr Antike und Christentum, Bonn.
RbK = Reallexikon zur byzantinischen Kunst.
RE = Real-Encyclopdie der klassichen Altertumswissenschaft,
Paul Wissowa, Kroll et continuateurs.
RA = Revue des tudes Anciennes, Bordeaux.
RAug = Revue des tudes Augustiniennes, Paris.
RByz. = Revue des tudes Byzantines, Paris.
RG = Revue des tudes Grecques, Paris.
RIC = Roman Imperial Coinage, 10 vol., Londres, 1923-1994.
RIDA = Revue internationale des droits de lantiquit.
Rm. Mitt. = Mitteilungen des Deutschen Archologischen Instituts,
Rmische Abteilung.
RmQ = Rmische Quartalschrift, Campo Santo Teutonico,
Roma.
SB = Sammelbuch Griechischer Urkunden aus gypten.
SC = Sources chrtiennes.
Settimane CISAM = Settimane del Centro italiano di studi sullalto
medioevo, Spoleto.
SHA = Scriptores Historiae Augustae.
T&Mbyz = Travaux et mmoires du Centre de recherches dhistoire
et civilisation de Byzance, Paris, Collge de France.
ZPE = Zeitschrift fr Papyrologie und Epigraphik, Bonn.
ZRG = Zeitschrift fr Rechtsgeschichte.

Pour les titres moins courants, viter les abrviations ou donner la liste des abrviations propres larticle.
* Voir abrviations dans J. F. Oates, R. S. Bagnall, W. H. Willis, K. A. Worp, Cheklist of editions of greek and latin papyri, ostraca and tablets, BASP
Suppl. 7, Atlanta, 4e d., 1992, continue sur : http://scriptorium.lib.duke.edu/papyrus/texts/clist.html.

ANTIQUIT TARDIVE TOME 18


LECTURE, LIVRES, BIBLIOTHQUES DANS LANTIQUIT TARDIVE
ditorial ..........................................................................................................................................................................................

Lecture, livres, bibliothques dans lAntiquit Tardive


Colloque international (Paris, INHA, 16-17 avril 2010)
organis par Guglielmo CAVALLO et Jean-Michel CARRI
publi par Jean-Michel CARRI
Introduction
G. Cavallo, Libri, lettura e biblioteche nella tarda antichit: Un Panorama e qualche riflessione ...........................................................
Books, Reading, and Libraries during Late Antiquity. An Overview with some Considerations

1 Les lieux de la lecture


G. Cantino Wataghin, Le biblioteche nella tarda antichit: lapporto dellarcheologia ..........................................................................
Libraries in late Antiquity: the contribution of archaeology

21

J.-Ph. Carri, Les espaces de lecture dans les villae de lOccident romain tardif ....................................................................................
Study rooms in the western late antique villae
2 Le livre : production, rception transmission
O. Pecere F. Ronconi, Le opere dei padri della chiesa tra produzione e ricezione: la testimonianza di alcuni manoscritti
tardoantichi di Agostino e Girolamo ........................................................................................................................................
The works of the Fathers, from production to reception: The evidence of some late antique manuscripts
of Augustine and Jerome.
V. von Bren, Le Juvnal des Carolingiens la lumire du Ms Cambridge Kings College 52 ............................................................
The Carolingian contribution to Juvenals commentary in the light of Ms Cambridge Kings College 52
3 Pratiques de lecture
Chr. Jacob, Portraits de lecteurs : Athne de Naucratis et Aulu Gelle .....................................................................................................
Portraits of lecturers: Athenaeus and Aulus Gellius

63

75

115

139

M. Caltabiano, Lettura e lettori in Agostino ...............................................................................................................................................


Reading and Readers in Augustine

151

G. Agosti, Saxa loquuntur? Epigrammi epigrafici e diffusione della paideia nellOriente tardoantico ..................................................
Saxa loquuntur? Epigraphic epigrams and the spread of paideia in the late Roman East

163

Conclusion
J.-M. Carri, Le livre comme objet dusage, le livre comme valeur symbolique ....................................................................................
The book as article for use, and as symbolic stock

181

Varia
A.-V. Pont, Septime Svre Byzance. Linvention dun fondateur .........................................................................................................
Septimius Severus and Byzantium: inventing a founder

191

A. de Beynast, Domitius Zenophilus, les Actus Silvestri et la province dAsie .......................................................................................


Domitius Zenophilus, the Actus Silvestri and the province of Asia

199

L. Van Hoof, Greek rhetoric and the later Roman empire. The bubble of the third sophistic ..............................................................
La rhtorique grecque et lEmpire romain tardif. Labus de la Troisime sophistique

211

E. Dovere, Un unicum nel Codice Teodosiano: il venerabilis papa di 16, 5, 62 ......................................................................................


An hapax in the Theodosian Code: The venerabilis papa in XVI, 5, 62

225

F. Millar, Un dossier daccusation dpos auprs du praeses de Syrie Seconde pour faire parvenir une ptition Justin Ier ..............
Proceedings submitted to the praeses of Syria II in order to forward a petition to Justin I

231

I. Sanchez, Las ciudades de la Btica en la Antigedad tarda ...................................................................................................................


The cities of Baetica in Late Antiquity

243

J.-Ph. Carri, Le deversorium dans les villae occidentales tardives : lments pour une identification archologique ......................
The deversorium in the late western villae: elements for an archaeological identification

277

J. H. Lobato, La cfrasis de la catedral de Lyon como hbrido intersistmico. Sidonio Apolinar y el


Gesamtkunstwerk tardoantiguo ................................................................................................................................................
The ekphrasis of Lyons cathedral as an intersystemic hybrid. Sidonius Apollinaris and
the late antique Gesamtkunstwerk

297

Chronique
F. Paschoud, Chronique dhistoriographie tardive ......................................................................................................................................
Problems of Late Antique Historiography

309

Bulletin critique
Histoire et archologie de lAntiquit tardive
P. ATHANASSIADI, Vers la pense unique. La monte de lintolrance dans lAntiquit tardive (S. Destephen) ; S. BSCH GAJANO, Grgoire
le Grand. Aux origines du Moyen ge, et S. BSCH GAJANO, Grgoire le Grand hagiographe. Les Dialogues (D. Moreau) ; M. DULAEY,
Symbole des Evangiles (Ier VIe sicles), Le Christ mdecin et thaumaturge (A.-O. Poilpr) ; K. M. GIRARDET, Kaisertum, Religionspolitik und das Recht von Staat und Kirche in der Sptantike (S. Destephen) ; P. L. GAVRILYUK, Histoire du catchumnat dans lEglise
ancienne (J. Spth-Prudhomme) ; Ph. HENNE, Grgoire le Grand et Ph. HENNE, Lon le Grand (D. Moreau) ; M. KAHLOS, Forbearance
and Compulsion. The Rhetoric of Religious Tolerance and Intolerance in Late Antiquity (S. Destephen) ; J. VAN OORT et O. HESSE (eds),
Christentum und Politik in der Alten Kirchen (S. Destephen) ; P. PELLEGRINI, Militia clericatus monachici ordines. Istituzioni ecclesiastiche e societ in Gregorio Magno (S. Destephen) ; S. A. TAKCS, The Construction of Authority in Ancient Rome and Byzantium. The
Rhetoric of Empire (S. Destephen) ; R. WEBB, Demons and Dancers. Performance in Late Antiquity (L. Lugaresi).................................

321

F. ALPI, La route royale. Svre dAntioche et les glises dOrient (512-518) (S. Destephen) ; R. CRAMP et alii, Wearmouth and
Jarrow Monastic Sites (J.-P. Caillet) ; P. DONABDIAN, Lge dor de larchitecture armnienne. VIIe sicle (A. Arbeiter) ; T. GNOLI, The
Interplay of Roman and Iranian Titles in the Roman East (1st-3rd Century A. D.) (A. Piras) ; R. HACHLILI, Ancient Mosaics Pavements.
Themes, Issues, and Trends. Selected Studies (A. Michel) ; P. POURSHARIATI, Decline and Fall of the Sassanian Empire: The Sassanian
Parthian Confederacy and the Arab Conquest of Iran (M. Omidsalar) ; R. RIZZO, Prosopografia siciliana nellepistolario di Gregorio
Magno (S. Destephen) ; J. SCHIETTECATTE et C. J. ROBIN (eds), LArabie la veille de lislam, Bilan Clinique (V. Christides) ; H. SIVAN,
Palestine in Late Antiquity (Z. T. Fiema) ..........................................................................................................................................................

345

Rgions

Philologie et sources
M. AUBRUN (trad.), Le Livre des papes Liber pontificalis (492-891) (D. Moreau) ; M. G. BAJONI, Les grammairiens lascifs - La
grammaire la fin de lEmpire romain (St. Gioanni) ; CYPRIEN DE CARTHAGE, Lunit de lglise (De ecclesiae catholicae unitate)
(L. Ciccolini) ; CYPRIEN DE CARTHAGE, La jalousie et lenvie (L. Ciccolini) ; S. GIOANNI et B. GRVIN (eds), LAntiquit tardive dans
les collections mdivales. Textes et reprsentations, VIe-XIVe sicle (D. Moreau) ; GRGOIRE LE GRAND, Registre des lettres. II
(St. Gioanni) ; C. PETIT, Galien, tome III. Le Mdecin (S. Destephen) ; S. TOSCANO, Tolle Divitem. Etica, Societ e Potere nel De Divitiis
(M. Casella) ; E. M. TYLER et R. BALZARETTI (eds.), Narrative and History in the Early Medieval West (St. Gioanni) ............................

385

Publications reues en 2010 ..........................................................................................................................................................

407

Comit de rdaction de la revue et Conseil dadministration de lAssociation pour lAntiquit tardive .....................................

2 couv.

Principales abrviations de la revue ..............................................................................................................................................

Recommandations to authors .........................................................................................................................................................

409

Instructions aux auteurs .................................................................................................................................................................

3e couv.

2011 Brepols Publishers n.v., Turnhout, Belgium


All rights reserved. No part of this publication may be reproduced,
stored in a retrieval system, or transmitted, in any form or by any means,
electronic, mechanical, photocopying, recording, or otherwise,
without the prior permission of the publisher.
D/2011/0095/147
ISBN 978-2-503-53640-8
Printed in the E.U. on acid-free paper

AnTard, 18, 2010

DITORIAL

Le prsent ditorial sera le dernier paratre sous ma signature, mme sil ne marquera pas le terme de la merveilleuse
aventure que jai vcue avec Antiquit Tardive : tout au plus celle-ci prendra dsormais une autre forme. Jai jug, en mon
for intrieur, que le moment tait venu de passer le relai de la responsabilit directoriale que mavaient confie, par dcision
collgiale, le Conseil dAdministration de lAssociation pour lAntiquit Tardive et son directeur, mon ami Franois Baratte,
aprs que Nol Duval se soit lui-mme retir. Jai souhait, symboliquement, faire concider mon dpart de la direction de la
revue avec mon dpart en retraite, lui-mme diffr autant que le permettaient les rgles de mon institution dappartenance,
lcole des Hautes tudes en Sciences Sociales. Le pravis que javais donn deux ans lavance a permis dassurer une
transition sans heurt ni imprvu avec mon successeur, lui aussi dsign collgialement : je me rjouis que Jean-Pierre Caillet,
associ la revue ds le projet initial de sa cration alors que javais moi-mme pris le train en marche au deuxime
numro, appel par Nol Duval une fonction de secrtaire de rdaction plus tard commue en celle de sous-directeur
sous des titres divers et responsable depuis longtemps de la Bibliothque de lAntiquit Tardive , titre auquel il fut
bien souvent cosignataire de lditorial, se soit propos pour ajouter cette responsabilit prcdente la lourde tche de
prsident du comit ditorial, titulature dsignant le directeur de la revue. Je lui souhaite de tout cur de trouver un appui
efficace dans la nouvelle structuration du comit, annonce dans lditorial du n 16 (2008), en particulier de la part de
lquipe de conseillers ditoriaux nomms en 2010 et dont je vais maintenant complter les rangs. Cette nouvelle forme
organisationnelle donne au comit assurera une base largie de participation collective aux tches de rdaction, comme
nous avons dj eu le plaisir de le vrifier lors de la mise en place des deux prochains dossiers thmatiques : le premier,
Christianisation et images dans lantiquit tardive , donnera son titre au numro 19/20111 ; le second, Les campagnes
dOrient et dOccident aux derniers sicles de lAntiquit , tant donn lampleur des problmatiques abordes, se dploiera
sur deux livraisons, les numros 20/2012 et 21/2013. Programms suffisamment lavance, ces trois volumes chapperont
au retard pris par la publication du prsent numro : retard dont je ne souhaite pas indiquer la raison principale, mais qui a
quelque peu entach mon dpart de la direction de la revue. limpossible, nul nest tenu, dit-on ; mais on ressent toujours
un peu damertume ne pas raliser limpossible.
qui pourrait stonner (ou samuser) de voir mon patronyme apparatre plus que de coutume dans la table des matires
du prsent numro, je me dois dcarter tout soupon de npotisme en prcisant quaucun rapport de parent nexiste avec
mon homonyme Jean-Philippe Carri, que les hasards de la programmation thmatique ont fait intervenir dans deux sections
diffrentes du mme volume. Je peux tout au plus me rjouir de cette homonymie flatteuse laquelle sajoute lassonance
qui rapproche mon nom de celui de mon successeur : ici encore, pure concidence faut-il le prciser ?
Concernant la Bibliothque de lAntiquit Tardive , les anne 2010-2011 ont tenu les promesses annonces lan
dernier. Sur le versant archologique, la collection sest enrichie de la Carte des routes et des cits de lAfrique romaine
tablie par Pierre Salama et de la monographie de Nina Iamanidz sur Les installations liturgiques sculptes des glises
de Gorgie (VIIe - XIIIe s.). Mais le versant historique na pas t en reste puisque le volume de Stphane Ratti, Antiquus
error . Les ultimes feux de la rsistance paenne , sera bientt rejoint par ltude de Julio Cesar Magalhes de Oliveira,
Potestas populi. Participation populaire et action collective dans les villes de lAfrique romaine tardive (vers 300-430
apr. J.-C.) . Lquilibre nest pas moins heureux entre auteurs franais et auteurs venus dautres horizons gographiques,
dans la continuit de cette vocation internationale aussi bien que pluridisciplinaire qui a t, est et demeurera notre marque
distinctive. Pour la suite, les volumes projets ne manquent pas : nous ne tarderons gure les dvoiler.
Jean-Michel Carri

La revue internationale Antiquit Tardive (sigle : AnTard)

est dite dans les langues scientifiques usuelles par les ditions Brepols
sous le patronage de l Association pour lAntiquit Tardive

Brepols Publishers Begijnhof 67, B-2300 Turnhout

Tl. +32 14 44 80 35 Fax +32 14 42 89 19 e-mail <info@brepols.net>


Site Web : www.brepols.net
Adresse de lAssociation :
Antiquit Tardive, c/o Bibliothque dHistoire des Religions de lUniversit de Paris IV
Maison de la Recherche, 28 rue Serpente, F-75006 Paris tl : 33/1/53 10 58 77 / fax : 33/1/53 10 58 76
Adresse du secrtariat de rdaction de la Revue :
F. Dugast CNRS, UMR 8167 27 rue Paul Bert F-94200 Ivry-s/Seine
e-mail : <AnTard@paris-sorbonne.fr> / <fabienne.dugast@ivry.cnrs.fr>
Envoi des comptes rendus S. Janniard <Sylvain.Janniard@paris-sorbonne.fr>
Envoi des ouvrages pour compte rendu lAssociation.
Site Web en cours de fabrication.
Adresse de diffusion : adresser toute correspondance commerciale (commandes, abonnements
autres que ceux des membres de lAssociation) aux ditions Brepols
Ne pas envoyer manuscrits et livres pour comptes rendus lditeur

COMIT DITORIAL
Prsident : Franois Baratte
Rdacteur en chef : Jean-Michel Carri
Directeur de la Bibliothque de lAntiquit tardive : Jean-Pierre Caillet
Comit de rdaction : Fabienne Dugast, CNRS, UMR 8167, Secrtaire de rdaction ;
Sylvain Janniard, Universit de Paris IV-Sorbonne, Responsable des comptes rendus.
Conseillers scientifiques : Gisella Cantino Wataghin ; Simon Corcoran ; Jutta Dresken-Weiland ;
Denis Feissel ; Herv Inglebert ; Gisela Ripoll ; Jean-Pierre Sodini
Comit de lecture : Latin et grec de lAntiquit tardive : B. Flusin, St. Ratti, I. Velzquez Soriano, V. Zarini ;
Histoire et archologie de lAntiquit tardive : M. Bonifay, P. Chevallier, A. Giardina, G. Greatrex, M. Heijmans,
H. Hellenkemper, Cl. Lepelley, P. Maraval, P. Reynolds, J.-M. Salamito, J. Terrier, P. Van Ossel ;
Histoire et archologie de Byzance : Ch. Rouech, J.-M. Spieser ; Histoire et archologie du Haut Moyen ge :
P. Chevallier, E. De Stefanis, A. S. Esmonde Cleary, P. Prin

CONSEIL DADMINISTRATION DE LASSOCIATION POUR LANTIQUIT TARDIVE (2010)


Prsident : F. Baratte, professeur darchologie de lAntiquit tardive, Universit Paris-Sorbonne.
Vice-prsidente : G. Cantino Wataghin, professoressa di Archeologia Cristiana e Medievale, Universit del Piemonte Orientale, Vercelli.
Secrtaire : Th. Rechniewski, <thierry.rechniewski@wanadoo.fr>
Trsorier : M. Heijmans, ingnieur de recherches au CNRS, Centre Camille Jullian (Aix-en-Provence) <heijmans@wanadoo.fr>.
Membres : J.-P. Caillet, professeur dhistoire de lart du Moyen ge, Universit Paris Ouest-Nanterre ; J.-M. Carri, directeur dtudes,
cole des Hautes tudes en Sciences Sociales, Paris ; J. Dresken-Weiland, Priv. Doz., Universit de Gttingen ; A. S. Esmonde
Cleary, professor, Department of Archaeology, University of Birmingham ; N. Gauthier, professeur mrite dhistoire romaine
lUniversit de Tours ; H. Hellenkemper, Direktor, Rmisch-Germanisches Museum, Kln ; G. Ripoll, profesora titular de
arqueologa, Universitat de Barcelona ; J. Terrier, Archologue cantonal, Genve..
Ladhsion de 25 lAssociation donne droit un Bulletin annuel et une rduction de 20% sur la Revue ainsi que
sur les autres publications de Brepols / paiement possible pour trois annes : 55 ; cotisation familiale (couple, par personne)
ou tudiant : 15 . La cotisation est payable par chque au nom de lAssociation adresser au trsorier.
If you pay directly in France with a foreign cheque or Eurocheque (better to avoid), add 8 for charges.
If you pay in your country, please send the subscription to your national correspondant:
Canada/USA (33 $) : G. Greatrex, Dpartement des tudes anciennes et des sciences religieuses, Universit dOttawa,
70 av. Laurier est, Ottawa, Ont., Canada, K1N 6N5. Deutschland : J. Dresken-Weiland, Regensburg.
Espaa : G. Ripoll Lopez, Barcelona. Italia : G. Cantino Wataghin, Torino.
N.B. : La souscription la Revue nest pas comprise dans la cotisation.
Pour 2011, elle est de 67 pour la Revue papier seule ; de 94 pour ldition couple papier + lectronique:
Ne pas envoyer dargent, le paiement se fait auprs de Brepols rception de la facture.

INSTRUCTIONS AUX AUTEURS

Langues utilises : franais, allemand, anglais, espagnol, italien


Les textes seront fournis au format PC ou Macintosh, logiciels de traitement de texte Word 98 et suivants, accompagns dune sortie papier ou dun
fichier pdf. Les auteurs conserveront toujours une copie ou un double. s
Tous les manuscrits sont envoyer la Rdaction de la Revue Antiquit Tardive,
Orient et Mditerrane UMR 8167 CNRS 27, rue Paul Bert F-94200 Ivry-sur-Seine
sans indication de nom de correspondant, quel que soit le signataire des lettres reues de la rdaction.
Prvoir un rsum en anglais (en franais pour les articles anglais) ou, dfaut, dans la langue dorigine.
Proposer un titre courant.
la fin de larticle, indiquer votre Universit ou organisme dappartenance.
Manuscrits
Le texte sera saisi (y compris les titres et sous-titres) sans mise en page ni feuille de style et dans le style standard ou normal du logiciel, avec
dfinition pralable de la police (caractre Times) et du corps (12 pour le texte, 10 pour les notes), avec retrait de dbut de paragraphe d1 cm. Limiter
lenrichissement aux mots en italiques et aux signes en exposant. Ne pas effectuer de coupures manuelles. Les notes seront numrotes dune
faon continue automatique (en pied
de page).
Saisir les tableaux partir du traitement de texte plutt que dun tableur (pas de retrait en dbut de ligne et pas plus dune tabulation par colonne).
Les manuscrits seront prsents en double interligne (30 lignes la page), avec marges suffisantes (2 3 cm gauche, 3 cm droite), uniquement au
recto des feuillets, qui devront tre pagins.
typographie
On veillera tout particulirement respecter les espaces aprs les signes de ponctuation. Rappelons, pour les textes en franais : pas de blanc avant
virgule et point, blanc inscable avant les signes doubles (: ; ! ?) ; blanc aprs tous les signes sauf la premire parenthse ou le premier crochet, ou les
guillemets anglais.
Utiliser de prfrence les guillemets franais pour une citation, les guillemets anglais pour un mot ou une expression de sens particulier. Diffrencier le trait dunion - (entre les mots) et le tiret moyen (pour les incises). Veiller diffrencier O (la lettre) et 0 (le chiffre zro). Lier le dans
lo ou dans la, quand ncessaire : , .
crire Ier s. apr. J.-C.-; 1re partie (et non pas 1re ), 2e, et non pas 2me ; 25 000 (et non 25000 ou 25.000) ; 1/50 000 (et non pas 1 : 50000 ou 1/50000e)
; 2 ha (et non 2 ha.) ; 3,90 m (et non pas 3 m. 90) ; CNRS (et non C.N.R.S.), EFR (et non E.F.R.), CIL (et non C.I.L.).
En cas de signes diacritiques, prciser quelle police a t utilise, ou bien ne pas les saisir, mais les indiquer trs lisiblement
sur la sortie papier. Pour le grec, utiliser de prfrence la police IFAOGrec et pour les accents slaves la police TimesPlus (se renseigner auprs de la
rdaction si ncessaire).
Figures
Se dsignent dans les rfrences par fig. 1, 2, ... dans les lgendes par Fig. 1, 2, ....
Saisir part la liste des lgendes. Dans la rdaction des lgendes, distinguer autant que possible les lments principaux, les commentaires (en corps
plus petit), la provenance ou lauteur de lillustration (entre parenthses en italiques).
Photographies : fournir de prfrence lillustration sous forme numrise (format Tiff, 300 dpi) ; dfaut, des tirages noir et blanc ou des diapositives de la dimension voulue (minimum 9 x 12 pour les dtails, 13 x 18 pour les plans gnraux).
Dessins et plans : les plans seront de prfrence numriss ou sur calque ou transparent, dfaut en bonne photocopie, jamais dessins la main,
avec des lgendes en caractres suffisamment grands pour supporter la rduction.
On peut faire la rdaction des propositions de mise en page ou de rduction portes au crayon sur le document ou au dos, en tenant compte de la
disposition des deux colonnes (larges de 8,1 cm, pour une justification de la page de 17,2 x 24 cm). Autant que possible, prvoir des pages compltes
pour les illustrations ; cependant il est possible dintgrer la mise en page en colonnes des photographies ou dessins de petit format.
Les documents seront retourns aux auteurs aprs la publication
indications bibliographiques
Auteurs : dans lordre, prnom abrg (initiale + point + espace inscable ; de mme, espacer entre les initiales multiples), nom de lauteur en
minuscules (en cas de nom double, ne pas oublier le tiret pour les langues o il existe).
Ouvrages : titre en italiques, lieu ddition, date ddition, le tout ponctu de virgules ; ventuellement Srie ou Collection (entre parenthses, en
caractres droits ; suivi dune virgule et du numro dans la collection). Pour les ouvrages collectifs : faire suivre l/les auteur(s) de la mention entre parenthses (d.) ou (dir.). Pour la tomaison, limiter les chiffres romains aux volumes des Dictionnaires et des manuels. Utiliser de prfrence les chiffres
arabes pour les vol. de revues et de corpus documentaires (sauf si lusage est diffrent : collections papyrologiques, Corpus juridique, par ex.). Pour les
colloques, la date et le lieu de la rencontre font partie du titre et scrivent en italiques. En cas dditions multiples, viter les chiffres en exposant et
prfrer nouv. d., d. augm., 3e d. rev. et augm., etc.
Articles : titre en italiques + virgule, nom de la revue en italiques prcd de in (en caractres droits) et suivi dune virgule, numro (en chiffres
arabes) + virgule, anne + virgule, pages prcdes toujours de p. (+ espace inscable) ou col. ou de labrviation correspondante dans une autre
langue. Mme mode de prsentation pour les communications des colloques.
Abrviations : utiliser uniquement les abrviations de la revue (p. 2) ; dfaut dune abrviation de la revue, donner le titre intgral non abrg.
Rfrences un passage ou un lment : en franais, crire p. pour page, mme sil y en a plusieurs ; de mme, pour s. (page suivante), fig.
(figure), n. (note), mme sil y en a plusieurs. Dans les autres langues, conserver le redoublement sil est dusage.
Enfin, ne pas oublier
denvoyer les documents sous enve loppe cartonne ou fourre assurant une protection suffisante.

Livres, lecture, bibliothques dans lAntiquit tardive


Colloque international organis par la revue Antiquit tardive,
lEHESS (Centre ANHIMA), lUniversit de Paris Sorbonne-Paris IV
Paris 16-17 avril 2010
INHA, Salle Vasari
2, rue Vivienne, 75002 paris
PRSENTATION

La richesse de la production littraire antique, qui ne nous


a t quen partie conserve, et le degr de dveloppement de
lenseignement ses divers niveaux, quelque rserv quil
ait t des milieux limits, mais actifs, de la socit antique, font aisment comprendre lintrt depuis longtemps
port la diffusion, la circulation et la conservation de
lcrit. Publique ou prive, la bibliothque a trs tt pris rang
comme institution culturelle politiquement et socialement
valorise, cependant quen termes conomiques lactivit
libraire, bien que sous des formes radicalement diffrentes
de lindustrie libraire laquelle nous sommes habitus
depuis lpoque moderne, prenait une place non insignifiante
au sein des activits de production de biens symboliques.
Nous avons donc voulu aborder dans une mme runion les
aspects concrets, dont la connaissance relve de larchologie, les aspects ditoriaux, domaine des codicologues et
des philologues, et le vcu de cette premire forme de
civilisation du livre que lAntiquit a dveloppe et quelle
a transmise aux premiers sicles du Moyen ge : ce dernier
aspect se situant la rencontre des intrts du philologue et
de ceux de lhistorien.
En 1985, le colloque de Paris sur le codex1 avait marqu
une tape importante en dressant le bilan des recherches
qui, plusieurs dcennies durant, avaient progressivement
tabli la chronologie, les modalits, les implications et les
consquences du phnomne dsormais reconnu comme
lune des rvolutions introduites par lAntiquit tardive: la
substitution du codex au volumen ingalement accompagne
de la substitution du parchemin au papyrus. Nous avons dlibrment choisi de ne pas revenir sur ce fait bien connu, ni
sur le rle que selon un consensus gnral, a jou dans cette
transformation le processus de christianisation2.

Sur les bibliothques, la bibliographie est surabondante


comme on sen convaincra en visitant le site bibliographique
Ancient Libraries3, pourtant loin dtre complet, en particulier pour ce qui est des publications rcentes. Mais il en
est de mme pour le livre et pour la lecture. Nous navons
pas eu lintention de rivaliser en extension avec l Ancient
Libraries Conference qui, peu avant (septembre 2008),
stait tenue Saint Andrews, organise par Jason Knig,
Katerina Oikonomopoulou et Greg Woolf, une rencontre
brassant large et dont, ma connaissance, ldition est
encore en cours. Le choix du thme simposait, aux dires
des organisateurs, par les importants progrs accomplis en
ce domaine tout la fois par la recherche archologique et
par ltude des textes littraires anciens, quil sagissait de
mettre profit. cet gard, notre motivation na pas t
diffrente : tout au plus a-t-elle t diffremment oriente. La
runion de Saint Andrews se proposait des objectifs axs sur
les pratiques savantes et les rseaux sociaux et intellectuels
qui se sont dvelopps partir de lancienne bibliothque
envisage comme un espace intellectuel et symbolique
en liaison, tout particulirement, avec la production et la
diffusion de lcriture scientifique, technique, et encyclopdique. Notre propre choix a consist plutt creuser sous
ses multiples formes le rapport spcifiquement entretenu par
la civilisation antique de lcrit entre les trois ples autour
desquels tournait la communication par lcrit : la lecture,
les lecteurs et les bibliothques. Dcisif, dans la poursuite
et la ralisation de cet objectif, a t lapport de Guglielmo
Cavallo, qui a fait Antiquit Tardive lhonneur et lamiti
de simpliquer activement dans la conception intellectuelle
et la programmation de ce projet qui, sans lui, aurait perdu
beaucoup de son sens. Cest pour moi, au nom de lquipe,

1. A. Blanchard (ed.), Les dbuts du codex. Actes de la journe


dtude organise Paris les 3 et 4 juillet 1985, (Bibliologia,
9), Turnhout, 1989. On rappellera galement louvrage pionnier
dE.G.Turner, The Typology of the early codex, Philadelphie,
1977
2. Rle signal en son temps par H.-I. Marrou, Dcadence romaine
ou Antiquit tardive?, Paris, 1977. Louvrage de H.Y. Gamble,

Books and Readers in the Early Church. A History of Early Christian Texts, New Haven London, 1995, est entirement consacr
ce thme; voir galement A.GraftonM.Williams, Christianity
and the transformation of the Book. Origen, Eusebius, and the
Library of Caesarea, Cambridge MA-London, 2006.
3. classics.uc.edu/.../libraries/library_biblio.html.

AnTard, 18, 2010

tout la fois un devoir et un plaisir que de signaler tout


ce que lui doit cette rencontre. Ni lui ni moi ne sommes,
par contre, responsables du dsistement de certain(e)s
participant(e)s qui staient initialement dclars intresss
par le projet, ni de labsence dans ces Actes des textes de
plusieurs interventions prsentes lors de notre runion. De
mme navons-nous pas t en mesure de garder la trace
des interventions orales et du riche dbat par lequel stait
termine la seconde journe : du moins le programme que
nous reproduisons ci-contre sous sa forme originale conserve-t-il le souvenir de lidentit des discutants.
Pour un certain nombre de participants notre colloque, de mme que pour ses organisateurs, lruption du
volcan islandais Eyjafjll a caus pas mal dinquitudes,

de dsagrments, de contretemps, de proccupations ou


de graves problmes. quelques heures prs, la fermeture
des aroports europens transforma en Odysse la poursuite
jusqu Paris du voyage dau moins lun des orateurs, et tous
les collgues qui avaient pu arriver temps par la voie des
airs durent repartir en train, soumis au bon vouloir ou aux
alas de plthoriques listes dattente.
Le colloque a bnfici de financements de la part du
Centre ANHIMA rsultant de la fusion alors toute rcente
des Centres Gernet, Glotz et Phacie) et de lUniversit de
Paris Sorbonne. La salle Vasari de lINHA, rue Vivienne, a
offert un cadre agrable et convivial notre rencontre.
Jean-Michel Carri

PROGRAMME

Samedi 17 Avril 2010


Matin

Vendredi 16 Avril 2010


Matin
9h00

Accueil
Guglielmo CAVALLO, Introduction au colloque

3. Pratiques de lecture
Prsidence : Guglielmo Cavallo
9h30

1. Les lieux de la lecture


Prsidence : Franois Baratte
10h30
11h15

12h00

Gisela CANTINO WATAGHIN


Les donnes archologiques sur les bibliothques
Jean-Philippe CARRI
Les espaces de lecture dans les villae de lOccident
romain tardif
Grzegorz MAJCHEREK
The Late Roman lecture halls of Alexandriai

10h30

11h15
11h45

Aprs-midi

Aprs-midi
Modrateur : Christian Jacob

2. Les bibliothques et leurs livres, les livres et leurs lecteurs


Prsidence : Oronzo Pecere
14h30
15h15
16h
16h30
17h15

18h00

Madeleine SCOPELLO
Les collections gnostiques dEgypte
Matilde CALTABIANO
Lettura e lettori in Agostino
Pause
Veronika VON BREN
Le Juvnal des Carolingiens
Daniele BIANCONI
Paolo FIORETTI
Vicende di testi e lettori tra Giustiniano e lavvento dei
Macedoni
Discussion

Oronzo PECERE
Filippo RONCONI
Lettura e revisione di autori cristiani nella tarda antichit
latina: la testimonianza delle sottoscrizioni
Gianfranco AGOSTI
La voix des pigrammes pigraphiques. Diffusion et
rception de la paideia dans lOrient romain tardif
Pause
Christian JACOB
Le maniement des livres : Plutarque, Aulu-Gelle, Athne

14h30

Jean-Michel CARRI
Le livre comme objet dusage, le livre comme symbole

4. LAntiquit tardive : continuits et ruptures dans le livre


et ses usages : table ronde
15h15

Franois BARATTE
Jean-Luc FOURNET
Pierre PETITMENGIN
Emmanuelle VALETTE-CAGNAC
et les relateurs

AnTard, 18, 2010, p. 9-19

INTRODUCTION

LIBRI, LETTURA E BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT.


UN PANORAMA E QUALCHE RIFLESSIONE
GUGLIELMO CAVALLO

Books, Reading, and Libraries during Late Antiquity.


An Overview with Some Considerations
Does Late Antiquity whether considered under the perspective, even if partial, of books, reading,
libraries show an autonomy or at least a specificity, or rather is it only a period of transformations,
during which Antiquity knows its twilight while Middle Age is beginning? It is difficult to answer to
this question. Anyway, on the ground of the evidences here considered, it is possible to say that Late
Antiquity is deeply different from the previous period. Ancient models disappear or resist for some
time only if adapted to the new socio-cultural contexts, and at the same time new models of books,
writing, reading, libraries have a bigger preponderance, finally turning in a system of written culture
completely different from the past one. For what concerns the parallel with the following period, the
Middle Ages, it would be crucial to assess if books, reading, and libraries of that period have their
roots in Late Antiquity, and, if so, to what extent; or, on the contrary, if they gained their own, specific
morphology. But similar considerations are beyond the topic of this paper. [Author]

Il tardoantico da considerare unepoca nuova, autonoma


e diversa sia dalla precedente sia dalla seguente, o unepoca
di transizione? Dato per acquisito che il carattere peculiare
del tardoantico lassemblaggio di antico e di nuovo che
in esso si riscontra, il punto essenziale lincidenza e la
funzione da attribuire ai caratteri non antichi della tarda
antichit, s da osservare se questi caratteri si compongano
in un sistema unitario connotando il periodo come unepoca
nuova, o se rappresentino soltanto la destrutturazione della
societ antica e i primordi di quella medioevale, obbligando
a ritenersi il tardo antico come una societ di transizione1.
Il punto di osservazione qui programmato la cultura scritta
nel suo triplice aspetto di libri, pratiche di lettura, biblioteche, e quanto allarco cronologico, qui lo si vuole stabilire
guardando alla percezione sia di quanto si estingue sia degli
elementi di novit e del loro radicarsi piuttosto che facendo
ricorso alle opinioni pi o meno prevalenti che pongono
linizio del tardoantico nellet di Commodo e dei Severi,
quando non addirittura gi al tempo di Marco Aurelio, e la
1. A. Giardina, Esplosione di tardoantico, in Studi storici, 40, 1999,
pp. 157-180, parole citate, pp. 170-171.

sua fine allo spirare del VI secolo, ma talora anche oltre, fino
a mordere e persino ad includere lalto medioevo.
Il libro innanzitutto. Si pi volte ripetuto che il passaggio dal libro in forma di rotolo al libro in forma di codice,
avvenuto allincirca tra i secoli II-IV, fu un fatto rivoluzionario, altrettanto quanto molto pi tardi il passaggio dal
libro manoscritto al libro a stampa. Ma bisogna intendersi
sul carattere e i limiti di questa rivoluzione. In realt un
insieme di tavolette legate non solo in dittici o trittici ma
anche in polittici pi o meno consistenti esisteva a Roma
fin dallet arcaica, adoperate certamente per atti giuridici,
testi documentari diversi, scritture quotidiane o brogliacci
dautore ma anche come supporto librario nella specie di
codice ligneo, a quanto lascia intendere almeno la testimonianza di Catone il Censore2. Ai tempi di Marziale, verso la
2. P. Cugusi M. T. Sblendorio Cugusi, Opere di Marco Porcio
Catone Censore, I, Torino, 2001, pp. 374-376. In generale per
luso di tavolette a Roma e nel mondo romano soprattutto nella
documentazione giuridica si veda ultimamente E. A. Meyer,
Legitimacy and Law in the Roman World. Tabulae in Roman
Belief and Practice, Cambridge, 2004.

10

GUGLIELMO CAVALLO

AnTard, 18, 2010

fine del I secolo d.C., questo codice risulta di pergamena e


in esso vi compaiono trascritte opere di grandi autori della
letteratura greca e latina fino a quel momento tramandatesi su
pi rotoli (Omero, Virgilio, Cicerone, Livio, Ovidio)3. Di pi
spiccato interesse la circostanza che compaiano su codice
gli Epigrammi dello stesso Marziale altrimenti pubblicati
anche su rotolo4: la prova che allincirca tra I e II secolo
certi testi potevano diffondersi in vesti editoriali diverse e
parallele, vale a dire nel contempo su rotolo e su codice. A
questepoca comunque la forma libraria del codice rappresenta almeno a Roma, dove da collocarne lorigine e la
prima diffusione5 , piuttosto che una rivoluzione, solo una
novit commerciale per testi letterari e di una considerevole
estensione, in unepoca in cui bybliopolae e tabernae librarie
fioriscono soprattutto nellUrbe ma si dimostrano sparse
anche nelle province6. La vera rivoluzione, ed questo lo
specifico della tarda antichit, fu ladozione generalizzata
del codice per le conseguenze dirompenti che essa determin
sul piano sia socioculturale sia delle pratiche di lettura e
di studio. Questa transizione dalluna allaltra morfologia
libraria si dipan tra gli ultimi anni di Marco Aurelio e lo
spirare del IV secolo. Anzi a Roma probabile che gi nel
III non si siano pi prodotti rotoli, n un caso che gli ultimi
rotoli in scrittura latina, luno assegnato al III-IV e laltro
allinizio IV7, siano da ritenere scritti in Egitto forse per
influsso della coeva produzione libraria greco-egizia ancora
largamente su rotolo. Si tratta in ogni caso di un fenomeno
residuale. Il codice pi antico in scrittura latina da vedere
nel frammento membranaceo del cosiddetto De bellis Macedonicis8 di incerta cronologia ma da ritenere non posteriore al
I-II secolo. Limmenso naufragio dei libri latini antichi non
permette di seguire tutte le fasi del diffondersi del codice.
Ma nel mondo greco, ove gli abbondanti materiali restituiti
dagli scavi nella chora egiziana permettono una visione altrimenti ampia e articolata del fenomeno, fu intorno a quello
stesso arco di tempo che il codice prima timidamente e poi
sempre pi venne a sostituire il rotolo, pur se questultimo
oppose una maggiore resistenza alla diffusione di una forma
libraria romana piuttosto che di tradizione greca, tanto che
rotoli greco-egizi risultano attestati sia nel secolo IV sia pi
tardi, pur se sempre pi raramente.
Quali le ragioni del successo del codice? Certamente
pi duna. Qui se ne possono discutere solo alcune. Va

sottolineata, innanzitutto, limportanza del fattore economico. Il codice permetteva di disporre il testo su ambo
le facciate della materia scrittoria, a differenza del rotolo
scritto normalmente su una sola facciata: a parit di materiale di supporto, dunque, il codice recepiva una quantit
di testo assai pi ampia9. La sua diffusione inoltre veniva
ad incrociarsi con quella coeva della pergamena, materia
scrittoria ricavata, si sa, soprattutto da ovini e bovini, che
poteva essere prodotta dovunque, diversamente dal papiro,
coltivato sostanzialmente solo in Egitto: non si pu dire
tuttavia se nella scelta delluna o dellaltra materia scrittoria
abbia influito anche una qualche convenienza economica.
La questione va comunque discussa. Studi recenti condotti
sul rapporto sia di prezzo sia di qualit libraria tra le due
materie rispettivamente da Roger Bagnall e da Edoardo
Crisci ma fondati in sostanza sui soli testimoni largamente
disponibili, quelli greco-egizi, mostrano, comera da aspettarsi, che nella regione del Nilo, ove era abbondantemente
prodotto, il papiro era pi a buon mercato della pergamena,
e che questultima risulta adoperata soprattutto per libri di
buona o discreta qualit10. Non molto si sa per lOccidente.
Qui certo, nei primi secoli dellImpero a quanto risulta
dalla testimonianza degli autori dellepoca la membrana
era adoperata per brogliacci e lettere11, segno forse che essa
era meno costosa del papiro, materiale di importazione.
Ma in et sia antica, almeno dai tempi di Marziale, sia
tardoantica per libri di buona qualit, anche in Occidente la
pergamena era preferita al papiro. Quanto risulta dalle fonti
che questultimo nella produzione libraria occidentale
continuava a essere adoperato anche dal IV secolo in poi:
se ne trovano attestazioni in Simmaco, in autori della sua
cerchia, in Ausonio, in Cassiodoro12 e in autori cristiani13, ma
luso dichiarato o sottinteso da queste testimonianze risulta
limitato al libro di seconda qualit, magari provvisorio. Ed
quanto lasciano intravedere a parte poche eccezioni
riferibili per altro allinizio del medioevo anche le scarse
testimonianze occidentali direttamente conservatesi.
Nonostante i fiumi di scritti spesi sulla questione, non
si pu non far cenno alle motivazioni che indussero i Cristiani a preferire e a diffondere il libro in forma di codice,
la cui adozione almeno per le Sacre Scritture fu immediata

3. Mart., 14, 184, 186, 188, 190, 192.


4. Mart., 1, 2; 1, 113; 1, 117, 13-17; 13, 3, 1-4.
5. J. van Haelst, Les dbuts du codex, in A. Blanchard (ed.), Les
dbuts du codex. Actes de la journe dtude organise Paris
les 3 et 4 juillet 1985, Turnhout, 1989, pp. 13-35.
6. Basti il rinvio al recente contributo di P. White, Bookshops in the
Literary Culture of Rome, in W. A. Johnson H. N. Parker (ed.),
Ancient Literacies. The Culture of Reading in Greece and Rome,
Oxford, 2009, pp. 268-287 (con bibliografia precedente).
7. Sono rispettivamente P. Oxy. IV 668 + PSI XII 1291 (epitome
di Livio) e P. Oxy. XI 1379 (Livio).
8. P. Oxy. I 30.

9. T. C. Skeat, The Lenght of the Standard Papyrus Roll and the


Cost-Advantage of the Codex, in ZPE, 45, 1982, pp. 169-176.
10. R. Bagnall, Livres chrtiens antiques dEgypte, Genve, 2009,
pp. 51-79, ma gi E. Crisci, Papiro e pergamena nella produzione
libraria dOriente fra IV e VIII secolo d. C. Materiali e riflessioni,
in Segno e testo, 1, 2003, pp. 79-127.
11. Le testimonianze sono citate e discusse da O. Pecere, Roma
antica e il testo. Scritture dautore e composizione letteraria,
Roma-Bari, 2010, p. 89.
12. Symm., Epist., 2, 8, 2; Aus., Epist., 4,39-40; 12, 67-68; 13,
47-52; Cassiod., Inst., 1, 8, 1.
13. Si veda, ad esempio, Hier., Epist., 71, 5.

AnTard, 18, 2010

LIBRI, LETTURA E BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT. UN PANORAMA E QUALCHE RIFLESSIONE

e sostanzialmente esclusiva14. Va fatta una premessa: come


stato a ragione scritto, i libri cristiani, pur costituendo
una categoria a s, tanto in relazione ai contenuti quanto
agli ambiti di produzione e circolazione, non sembrano
rappresentare tuttavia nulla di sostanzialmente innovativo,
n dal punto di vista materiale n dal punto di vista grafico.
Tutte le opzioni strutturali e formali presenti nellorizzonte
grafico-librario del cristianesimo primitivo (e tutte le scelte
conseguentemente adottate) trovano infatti riscontro nel
contesto pi generale della produzione libraria del tempo15.
Ma da chiedersi comunque il perch dellopzione cristiana
in favore del codice, forma che risulta sempre adottata pur
nella diversificazione delle tipologie dovuta alle diverse
funzioni cui il libro era chiamato: copie vergate talora in
scritture documentarie e informali destinate a letture private, copie magari pi accurate per le ufficiature liturgiche,
copie di lusso per determinate cerimonie o per ostentazione
di opulenza16.
possibile che il fattore economico, cui si gi accennato
il risparmio di materia scrittoria che il codice consentiva
rispetto al rotolo , abbia avuto un suo peso. Ma daltro
canto, il Cristianesimo si rivolgeva nella sua prima fase
soprattutto ad individui ai quali ove non si trattasse di
analfabeti la cultura scritta era pi vicina e familiare nella
specie di tabulae legali e documentarie, di note-books di uso
quotidiano, di pugillaria, i quali sono allorigine stessa del
libro in forma di codice, sicch in questultimo i cristiani
seppero individuare, prima e pi rapidamente di altri gruppi
sociali maggiormente vincolati dalla tradizione, il tipo di
supporto pi adatto alle esigenze di diffusione del loro messaggio, al punto da renderne quasi naturale la promozione
a modello pressoch unico di libro17. N va dimenticato
che, si detto, lo stesso codice era di origine e ascendenza
romana, circostanza che pu aver favorito la scelta cristiana
orientandola verso quella che era la morfologia libraria del
dominio di Roma come stato recentemente suggerito da

14. Una discussione dei diversi punti di vista sulla questione si deve
ultimamente a L. W. Hurtado, The Earliest Christian Artifacts.
Manuscripts and Christian Origins, Grand Rapids Cambridge,
2006, pp. 43-93.
15. E. Crisci, Riflessioni paleografiche (e non solo) sui pi antichi
manoscritti greci del Nuovo Testamento, in D. Bianconi e L. Del
Corso (edd.), Oltre la scrittura. Variazioni sul tema per Guglielmo
Cavallo, Paris, 2008, pp. 53-93, parole citate, p. 55.
16. K. Haines-Eitzen, Textual Communities in Late Antique
Christianity, in Ph. Rousseau J. Raithel (edd.), A Companion
to Late Antiquity, Oxford, 2009, pp. 246-257, spec. pp. 253-255.
In particolare sulle scritture dei pi antichi codici cristiani si veda
Crisci, Riflessioni, cit. (n. 15), pp. 64-93; sulleducazione grafica
dei copisti e sul loro approccio al lavoro di trascrizione riesce
utile K. Haines-Eitzen, Guardians of Letters. Literary, Power,
and the Transmitters of Early Christian Literature, Oxford, 2000,
spec. pp. 53-75.
17. Crisci, Riflessioni, cit. (n. 15), p. 57.

11

Roger Bagnall18. Sono meno convinto, invece, che al successo del codice abbia contribuito in maniera determinante
la sua capacit di contenere in un volume unico il corpus
dei quattro vangeli19 o quello delle epistole di san Paolo20.
Quanto, piuttosto, allestrema rapidit con cui il codice si
diffuse tra i cristiani a partire da II-III secolo (almeno secondo la documentazione greco-egizia) va detto che la stessa
espansione del Cristianesimo non fu un processo graduale,
ma dilag nel III secolo in maniera impressionante, sicch la Chiesa cristiana divenne una forza imprescindibile
in tutte le citt del Mediterraneo21. Altrettanto rapidamente
perci, in quanto tipo di libro adottato dal Cristianesimo, il
codice venne ad espandersi soprattutto dal momento in cui
linsegnamento della Chiesa, in origine fondato largamente
sulla predicazione orale, fece dello scritto e dellautorit dei
testi scritti il fondamento della sua dottrina. quasi superfluo aggiungere che a partire dal III-IV secolo si assiste ad
un continuo incremento della produzione di libri cristiani
(Scritture, Padri) e ad una progressiva diminuzione di libri
contenenti testi pagani.
Si deve introdurre unulteriore riflessione che attiene pi
latamente alla storia delle religioni e della cultura. Il codice si
distingueva sia dal rotolo della Legge ebraica, sia dal rotolo
della grande tradizione letteraria greco-romana; in particolare questultimo, per il suo assetto formale si presentava,
nelle sue manifestazioni di migliore qualit, caratterizzato
da scritture e da colonne di scrittura strutturate in maniere
esteticamente pi o meno elevate giacch esso costituiva il
libro delle lites, il segno di una cultura reale o pretesa
che cementava individui e gruppi sociali di posizione alta
o comunque abbienti22. Certamente il rotolo allepoca in
cui fu la forma di libro prevalente si dimostra il veicolo
anche di una letteratura di consumo di livello medio o mediobasso, ma nella rappresentazione del sociale esso rimaneva
strumento di lettura, di intrattenimento o di erudizione delle
lites. Il codice era percepito e individuato, di contro, come
un libro nuovo e diverso. E fu dunque attraverso il codice che
vennero a diffondersi i testi scritti non solo del Cristianesimo
ma anche di letterature religiose nazionali quali la copta
o la siriaca23, dunque anche in lingue diverse dalla greca e
18. Bagnall, Livres chrtiens, cit. (n. 10), pp. 90-93.
19. T. C. Skeat, The Oldest Manuscript of the Four Gospels, in
New Testament Studies, 43, 1997, pp. 1-34.
20. la tesi sostenuta da H. Y. Gamble, Books and Readers in the
Early Church. A History of Early Christians Texts, New Haven
London, 1995, pp. 49-66 (con ampia disscussione delle ipotesi
formulate anteriormente).
21. P. Brown, The World of Late Antiquity. From Marcus Aurelius
to Muhammad, London, 1971, p. 65.
22. W. A. Johnson, Toward a Sociology of Reading in Classical
Antiquity, in American Journal of Philology, 121, 2000, pp. 607627, spec. 620-624.
23. Per la diffusione in Egitto della letteratura copta esclusivamente attraverso libri in forma di codice si veda S. Emmel, The
Christian Book in Egypt. Innovation and the Coptic Tradition,

12

GUGLIELMO CAVALLO

dalla latina. Ma sia il Cristianesimo nelle sue interpretazioni o deviazioni, sia le culture nazionali anche queste
fondate saldamente sulla religione pur se talora su testi non
canonici del messaggio cristiano si contrapponevano a
quella che Santo Mazzarino ha indicato come lessenza
aristocratica della cultura classica determinandone la crisi24.
In ultima analisi questa crisi che provoca sia la progressiva
scomparsa del rotolo, che era il libro legato a quella cultura
come strumento di produzione e diffusione dello scritto, sia il
successo del codice, il libro delle nuove culture. Non a caso
anche la cosiddetta biblioteca tebana di Magia, un corpus
di testi magici ritrovati nellalto Egitto, consiste soprattutto
di codici25. Il fenomeno nel suo complesso rientra in quella
che lo stesso Mazzarino ha indicato come la democratizzazione della cultura nel basso impero.
Altre ragioni possono essere intervenute nel determinare il trionfo definitivo del codice per ogni specie di testo
autori classici compresi e per tutti gli usi. Il fattore
funzionale pu aver giocato un suo ruolo: il codice poteva
recepire una quantit di testo altrimenti ampia rispetto a
quella del rotolo, fino a racchiudere in un unico contenitore
unopera gi in pi libri-rotoli o lopera intera di uno stesso
autore. Si trattava, inoltre, di un tipo di libro adatto, assai
pi del rotolo, anche a testi tecnici scritti di medicina,
raccolte di leggi i quali richiedevano facilit di reperimento e di confronto: non a caso codice per antonomasia
divenne il libro di contenuto giurisprudenziale, e quanto ai
testi medici, basti citare un episodio narrato da Agostino.
Durante la persecuzione dei cristiani voluta da Diocleziano
nel 303, si procedette tra laltro alla confisca sistematica dei
libri della nuova religione, sicch quanti ne possedevano
talora ricorrevano a sotterfugi per non consegnarli. Donato,
vescovo di Calama in Africa, ingann gli agenti di Diocleziano dando loro codices medicinales invece di codici con
gli scritti cristiani26. Ed ancora, la tarda antichit vide nella
capienza anche massiccia cui il codice poteva giungere la
possibilit di farne un libro di dimensioni talora imponenti
per taglia e per mole, atto a contenere tutta la Bibbia cos
come grosse raccolte di leggi o ancora parti consistenti di
unopera molto estesa o molti o magari tutti gli scritti di un
autore pagano o cristiano.
Infine, non sfuggir il significato pi profondo della definitiva affermazione del codice ove si pensi che si trattava,
si detto, di una morfologia libraria di ascendenza romana,
e dunque la tarda antichit segnava, a livello della cultura
del libro, un capovolgimento di quanto era avvenuto tra
let arcaica e let imperiale, quando al codice di tradizione
in J. L. Sharpe K. van Kampen (edd.), The Bible as Book. The
Manuscript Tradition, London, 1998, pp. 35-43, spec. 39-43.
24. S. Mazzarino, La democratizzazione della cultura nel basso
impero, in S. Mazzarino, Antico, tardoantico ed era costantiniana, I, Bari, 1974, pp. 74-98, parole citate, p. 83.
25. Bagnall, Livres chrtiens, cit. (n. 10), pp. 87-90.
26. Aug., C. Cresc., 3, 27, 30.

AnTard, 18, 2010

romana si era venuto a sostituire il rotolo di tradizione greca,


in piena coerenza con la constatazione oraziana Graecia
capta ferum victorem cepit27: un fenomeno questultimo
ormai in liquidazione.
Dal libro alla lettura. Nella tarda antichit continua la
consuetudine delle letture pubbliche, effettuate entro cerchie
di scuola, theatra, auditoria gi tanto diffuse nei primi
secoli dellimpero. Ma lantichit conosceva anche una
pratica di lettura intensiva, indicata da Dionisio Trace come
ajnavgnwsi ejntribhv e da Dionisio di Alicarnasso come
ejpimelh; ajnavgnwsi28: una lettura praticata di continuo,
pi e pi volte, e accompagnata da un esame profondo del
testo. Si tratta, come si intuisce dai nomi qui evocati, della
lettura erudita, propria dei grammatici, che ripercorre, seziona e dettaglia ogni frase o parola di solito convogliandola
in un commento29. Ma nella tarda antichit questa lettura
intensiva trova nel codice e nel Cristianesimo anche una
nuova maniera e un nuovo significato: non gi lettura erudita
n ripetitiva perch mirata allapprofondimento lessicale
o stilistico di parole o frasi, ma lettura come meditazione
continua della parola sacra, talora iterata fino alla memorizzazione, fortemente concentrata sulla singola pagina e resa
ancor pi intensiva con ritorni su passi gi letti, facilmente
reperibili grazie alla strutturazione a pagine del codice (ed
invece difficili da ritrovare in una successione di colonne anche assai lunga come quella del rotolo). questa la maniera
di leggere di Melania la Giovane, la quale nella sua cella
si dedicava alla lettura con una concentrazione tale da non
farsi sfuggire n una parola n un concetto. Leggeva omelie,
opere dei Padri e scritti di edificazione ma soprattutto e pi
volte lanno il Vecchio e il Nuovo Testamento, acquistando
o prendendo in prestito i libri di cui aveva bisogno, o anche
sovente trascrivendone lei stessa in buona grafia e senza
errori non solo per s ma pure per distribuirne copia agli
altri30. Questa pratica di trascrizione per Melania era altres
una maniera di appropriazione pi profonda del testo.
Melania che nel contempo legge e trascrive certi libri
porta il discorso sul rapporto tra scrittura e lettura, il quale
nella tarda antichit assume un carattere del tutto diverso da
quello dellepoca precedente. Nel mondo greco e romano
antico si tratta di pratiche normalmente del tutto separate:
la trascrizione dei libri opus servile, affidata a schiavi, o
lavoro artigianale eseguito da scribi di professione o da tabernae librarie, con la sola eccezione di alcuni libri trascritti
dagli stessi lettori-consumatori, mentre la lettura praticata
dagli individui colti o almeno istruiti che la effettuano di27. Hor., Epist., 2, 1, 156.
28. Dionisio Trace, 1; Dionisio di Alicarnasso, De imit., 9, 5, 7.
29. L. Del Corso, La lettura nel mondo ellenistico, Roma Bari,
2005, pp. 21-30.
30. Vita Melan. Jun., 23 e 26, ed. D. Gorce, Paris, 1962 (SC,
90), pp. 178 e 180. Si veda A. Giardina, Melania, la santa, in
A. Fraschetti (ed.), Roma al femminile, Roma Bari, 1994, pp.
259-285, spec. 277-283.

AnTard, 18, 2010

LIBRI, LETTURA E BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT. UN PANORAMA E QUALCHE RIFLESSIONE

rettamente o la ascoltano da una voce lettrice in contesti


pubblici o privati. Nella tarda antichit le tabernae librarie
man mano scompaiono, tanto che minimo il ruolo che esse
giocano nella diffusione delle letture cristiane; ed invece la
produzione di libri o resta affidata ma sempre meno a
copisti di mestiere che lavorano a prezzo per committenze
private, o si configura, soprattutto nella vita cenobitica o
nelle cerchie vescovili, come impegno comunitario per
ricavarne sostentamento, pi volte coniugato con latto di
lettura, comprensione e appropriazione del testo che si trascrive, soprattutto quando si tratti delle Scritture e delle opere
dei Padri. Molte le testimonianze per lOriente31, ma non
ne mancano per lOccidente. Scribantur libri, raccomanda
Girolamo ai monaci, ut et manus operetur cibos et anima
lectione saturetur, e gli fa eco Cassiodoro affermando che i
monaci che si dedicano al lavoro di copia mentem suam relegendo Scripturas divinas salutariter instruunt32. Un autore
bizantino del secolo XII, Michele Glica, riferisce che un
monaco chiese a Teodosio II quale ritenesse la sua pi grande
virt, ed egli rispose che, quando sedeva nellippodromo al
posto che gli competeva, non guardava lo spettacolo, ma
trascriveva libri, anche per guadagnarsi da vivere con le
proprie mani33. Quale che fosse la fonte, diretta o mediata,
di Michele Glica e qualsiasi ne fosse il grado di attendibilit, essa rifletteva la trasformazione, determinatasi in et
tardoantica, nello statuto stesso dello scrivere, che da una
parte, coincidendo con latto di lettura, da lavoro puramente
manuale diventa attivit intellettuale, e dallaltra, assumendo
la dignit di mezzo di sussistenza delluomo libero, si riscatta
dallindole servile dei secoli precedenti.
Sotto laspetto grafico e in funzione di una pi agevole
lettura da osservare nel libro tardoantico, sia greco sia
latino, il prevalere di scritture ad un alto o buon quoziente di
leggibilit e perci normative o almeno improntate ad uno
spiccato gusto per lelaborazione formale34. Si incontrano
in ambito greco le maiuscole biblica, alessandrina, ogivale
diritta e inclinata con le loro distinzioni cronologiche o
tipologiche o anche altre maiuscole meno caratterizzate ma
calligrafiche, e in ambito latino lonciale, la semionciale
o manifestazioni imitative della capitale sia rustica sia
31. C. Rapp, Christians and their Manuscripts in the Greek East in
the Fourth Century, in G. Cavallo G. De Gregorio M. Maniaci
(edd.), Scritture, libri e testi nelle aree provinciali di Bisanzio.
Atti del Seminario di Erice (18-25 settembre 1988), Spoleto,
1991, pp. 127-148; C. Kotsifou, Books and Book Production in
the Monastic Communities of Byzantine Egypt, in W. E. Klingshirn L. Safran (edd.), The Early Christian Book, Washington
D. C., 2007, pp. 48-66.
32. Hier., Epist., 125, 11; Cassiod., Inst., 1, 30, 1.
33. Glyc., Ann., 4, 262, ed. I. Bekker, Bonn, 1836 (CSHB),
p. 485.
34. Crisci, Riflessioni, cit. (n. 15), p. 60, con riferimento in particolare alle scritture adoperate nei libri cristiani, ma laffermazione
pu valere pi in generale ed ancor pi vera a partire dal IV
secolo.

13

epigrafica, mentre le scritture informali risultano relegate


a certi materiali scolastici o a libri di origine eccentrica,
talora coincidenti. Questo deciso prevalere di scritture
normative o comunque formali si deve ritenere verosimilmente determinato sia dalla coincidenza tra scrittura e
lettura che richiedeva luso di grafie perspicue (Melania
scrive in buona grafia) sia anche dallabbassarsi del livello
di alfabetizzazione, il quale imponeva soprattutto scritture
librarie chiare e leggibili affinch insieme a dispositivi
di scansione del testo che proprio nella tarda antichit si
accrescono meglio consentissero al lettore di comprendere
il senso dello scritto.
La maniera di lettura che vuole penetrare in ogni dettaglio
del testo, magari leggendolo pi di una volta o trascrivendolo
per cercare di comprenderlo fino in fondo, nella tarda antichit praticata da tutte le correnti spirituali, e si ritrova, sul
versante filosofico pagano, in Plotino e negli ultimi elleni
che ne seguono la dottrina, i neoplatonici, i quali attraverso
una lettura talora accompagnata dalla trascrizione del testo si
ripromettono di giungere ad una ajkribestevra katanovhsi,
una cognizione dello scritto pi esatta e profonda s da
appropriarsi del pensiero dellautore35. La concentrazione
nel leggere, trascrivere e capire richiede silenzio, e dunque
la tarda antichit anche lepoca del diffondersi della lettura silenziosa36. Si trattava di una modalit di lettura non
sconosciuta allantichit fin dalla Grecia classica e con una
sua continuit in epoca ellenistica e romana, ma essa rispetto alla lettura ad alta voce assai pi diffusa nel mondo
antico era solitamente praticata in relazione a certi oggetti
(soprattutto lettere, documenti) o in determinate situazioni
(magiche o segrete), ed invece nella tarda antichit essa
risulta pi largamente attestata: si incontra s detto nei
neoplatonici, viene fatta propria dai Padri (Ambrogio, Agostino37) e diventa abituale nel monachesimo, dove si inquadra
in quella antropologia della taciturnitas che trova la sua
sistemazione pi compiuta nella Regula Magistri38.
Questa lettura intensiva e attenta ad ogni dettaglio pu
portare a due esigenze: da una parte avere contestualmente
a disposizione un commento al testo che si legge, dallaltra
scrivere nei margini annotazioni varie suggerite da una pi
profonda comprensione o appropriazione dello scritto. Si
tratta di due operazioni rese possibili proprio dal codice, il
quale mediante una ripartizione della pagina tra margini
e specchio scrittorio o, come suol dirsi, tra bianco e nero
35. Plut., Enn., 1, 4, 10; Simpl., In Arist. Cat., ed. C. Kalbfleisch,
Berlin, 2007 (CAG, 8), p. 3.
36. G. Cavallo, Laltra lettura. Tra nuovi libri e nuovi testi, in
AnTard, 9, 2001, pp. 131-138.
37. Aug., Conf., 6, 3, 3; 8, 6, 14; 8, 12, 29.
38. Regula Magistri, 8-9, ed. A. de Vog, Paris, 1964 (SC, 105),
pp. 399-417. La taciturnitas si trova prescritta anche nella Regula
di s. Benedetto, a quanto risulta da passi che ne ha commentato
A. de Vog, Lectiones sanctas audire: Silence, Reading, and
Prayer in St. Benedict, in Word and Spirit, 7, 1985, pp. 87-107.

14

GUGLIELMO CAVALLO

permetteva sia di trasferire in forma di scolii intorno al


testo commentari pi antichi contenuti in rotoli a parte, sia
di colonizzare i margini con nuovi commenti o magari con
nuovi testi composti per ispirazione di quanto si leggeva,
sia di scrivervi annotazioni di ogni genere percorrendo con
la penna in mano il testo stesso. Queste scritture in margine
i cosiddetti marginalia rivestono unimportanza particolare. Una ricerca sistematica sulle caratteristiche grafiche
e linguistiche, sulla tipologia dei contenuti, sulla relazione
con i testi, sulla funzione di questi marginalia restituirebbe
un capitolo importante delle competenze culturali, degli
interessi e dei contesti sociali entro cui si iscriveva la lettura
tardoantica. Di recente si iniziato ad indagare leterogenea
pluralit delle scritture in margine, le quali costituiscono
un archivio, per cos dire, delle variet grafiche in uso tra i
secoli IV-VII39. I marginalia, insomma, riflettono non solo
le diverse maniere di leggere ma anche la pi parte delle
diverse maniere di scrivere di quellepoca.
Si deve pure far cenno a quei libri che si possono indicare
come libri emendati, vale a dire libri che sono stati non
semplicemente letti, ma rivisti, corretti, interpunti, talora su
collazione con lantigrafo, e nei quali perci resta traccia di
queste operazioni nelle cosiddette subscriptiones40. Per gli
autori pagani queste ultime si recuperano a parte poche
eccezioni da copie medievali, ma per gli autori cristiani
molte sono quelle che si conservano in originale, e in ogni
caso le une e le altre mostrano che le maniere e il concetto
stesso di emendatio nella tarda antichit si differenziano secondo che si tratti di testi classici o del passato recuperati,
trascritti e revisionati o di testi contemporanei, in particolare
patristici, nei quali lemendatio talvolta pu introdurre o
riflettere interventi dellautore stesso o della sua cerchia41.
39. E. Condello, Scritture in margine. Riflessioni paleografiche
sulle glosse del codice latino tardoantico, in L. Pani (ed.), In
uno volumine. Studi in onore di Cesare Scalon, Udine, 2009,
pp. 111-132.
40. Sulle subscriptiones tardoantiche mi limito a rinviare a E. G.
Zetzel, Latin Textual Criticism in Antiquity, New York, 1981, pp.
211-231, e a O. Pecere, Esemplari con subscriptiones e tradizione
dei testi latini. LApuleio Laur. 68, 2, in C. Questa R. Raffaelli
(edd.), Il libro e il testo. Atti del Convegno internazionale (Urbino
20-23 settembre 1982), Urbino, 1984, pp. 111-137 (rist. in O. Pecere A. Stramaglia, Studi apuleiani, Cassino, 2003, pp. 5-35)
e La tradizione dei testi latini tra IV e V secolo attraverso i libri
sottoscritti, in A. Giardina (ed.), Societ romana e impero tardoantico, IV, Tradizione dei classici, trasformazioni della cultura,
Roma Bari, 1986, pp. 19-81.
41. Sullemendatio cristiana si vedano oltre a Pecere, La tradizione, cit. (n. 40), pp. 24-29 G. Cavallo, I fondamenti materiali
della trasmissione dei testi patrisitici nella tarda antichit: libri,
scritture, contesti, in E. Colombi (ed.), La trasmissione dei testi
patrisitici latini: problemi e prospettive. Atti del colloquio internazionale (Roma 26-28 ottobre 2009), Turnhout, 2011, i. c. s.,
e il contributo O. Pecere F. Ronconi in questo stesso volume
di AnTard.

AnTard, 18, 2010

Il tipo di codice finora considerato talvolta fornito


di margini ampi proprio per accogliere, e che tante volte
accoglie, commentari e annotazioni era il libro da lettura
o da lavoro intellettuale pi o meno qualificato, destinato
comera agli scritti letterari degli autori antichi, al diritto,
alle Sacre Scritture, ai testi dottrinali dei Padri. In particolare per quanto concerne il tipo di codice fornito di margini
ampi da riempire di scritti accessori pi o meno estesi resta
da indagare meglio in quale contesto storico-culturale (ed
eventualmente geografico) da collocarne la genesi: nelle
pratiche didattiche di grammatica, retorica o filosofia per
scrivere o trascrivere scholia e commenti intorno ai testi?
Nello studio e nella prassi del diritto, dove lindole stessa
dei contenuti sollecitava interpretazioni e risposte nella
specie di glosse? Nellinsegnamento dottrinale cristiano che,
mirato ad una pi profonda comprensione delle Scritture,
ne corredava il testo di catene esegetiche? O si tratt, pi
probabilmente, di unesigenza comune a pi contesti, pur se
per letture mirate a fini diversi, la quale stimol la diffusione
o imitazione del fenomeno?
Ma insieme a questo tipo di codice nasce nella tarda
antichit unaltra specie di libro, il cosiddetto codice-biblioteca, intendendo evidentemente il termine biblioteca
non come il luogo fisico della conservazione dei libri ma
come lo spazio aperto alla coesistenza di autori/testi tra loro
anche molto diversi42. Si tratta, insomma, del libro miscellaneo, strumento destinato per lo pi a letture di scuola,
allistruzione soprattutto grammaticale e linguistica, e
talora sia nel greco sia nel latino di comunit periferiche,
nelle quali pochi libri di vario contenuto sacro e profano,
talora racchiuso in un solo volume, costituivano le basi di
un sapere non organizzato e limitato, ma che consentiva a
quanti lo acquisivano di essere considerati e di agire nella
societ come individui istruiti. In libri miscellanei come
P. Bodmer 27+45+46 del secolo IV, contenente stralci del
Vecchio Testamento e scritto da una mano successiva
linizio del libro VI di Tucidide, o come P. Bodmer 29+32,
il cosiddetto codice delle Visioni del IV-V, o ancora come
il codice Chester Beatty AC 1499 della stessa epoca43, scritto
solo in parte evidentemente perch destinato ad accogliere
progressivamente dei testi e contenente norme di grammatica greca, un lessico greco-latino delle epistole di s. Paolo
e un alfabeto latino, si pu individuare il tipo di libro di
scuola di queste comunit cristiane periferiche (scuola laica

42. E. Crisci, I pi antichi codici miscellanei greci. Materiali per


una riflessione, in Segno e testo, 2, 2004, (= E. Crisci O. Pecere
[edd.], Il codice miscellaneo. Tipologie e funzioni. Atti del convegno internazionale. Cassino 14-17 maggio 2003), pp. 109-144,
parole citate, p. 110.
43. A. Wouters, The Chester Beatty Codex AC 1499. A GraecoLatin Lexicon on the Pauline Epistles and a Greek Grammar,
Leuven Paris, 1988, spec. pp. 1-25.

AnTard, 18, 2010

LIBRI, LETTURA E BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT. UN PANORAMA E QUALCHE RIFLESSIONE

o privata? scuola ecclesiastica o monastica?44): un libro che


trovava posto comunque in una collezione costituita da pochi
testi profani vi spiccano alcune commedie di Menandro,
P. Bodmer 25 e da molti testi cristiani, come testimoniano
gli stessi papiri Bodmer e Chester Beatty. Nella stessa prospettiva si pensi anche ad un libro come P. Monts. Roca I del
IV secolo45, un codice di papiro di rozza manifattura giacch
scritto da mano informale e costituito da un unico grosso
fascicolo fatto di fogli di dimensioni piuttosto irregolari,
contenente letteratura latina profana (le Catilinarie I e II
di Cicerone e una composizione in esametri sul mito di
Alcesti), testi cristiani liturgici greci e latini, altri materiali
tra cui un disegno di carattere mitologico, una narrazione
sullimperatore Adriano e, di pi spiccato interesse, una
consistente lista di parole greche tratte dal commentario ad
un manuale di stenografia, riprese e adoperate per esercizi
di scuola. P. Monts. Roca I si dimostra, in sostanza, un libro
traguardato ad una istruzione bilingue, greca e latina che
si aggiungeva talora alla conoscenza delle lingue locali
quale sovente si richiedeva a quellepoca per accedere ad un
qualche rango civile, ecclesiastico o monastico, o anche solo
come mezzo di comunicazione sociale e spirituale in quei
milieux dellOriente cristiano (si pensi gi solo allEgitto),
in cui confluivano individui di varia provenienza, anche
dallOccidente, per praticarvi una vita ascetica convivendo
con le etnie locali46. Questo tipo di manoscritto miscellaneo,
in ambienti eccentrici particolarmente privi di libri, poteva
fungere, pi ancora che da codice-biblioteca, da biblioteca
senza biblioteca47.
Vi unaltra funzione che il codice tardoantico pu assumere, diversa ed anzi opposta a quella che ne fa a un qualche
livello uno strumento di lettura e di studio. Al pari di altri
prodotti di lusso di squisita fattura, quali scrigni, piatti e vasi
dargento o tavolette eburnee, anche il libro pu diventare
oggetto splendido, sontuosamente scritto e illustrato, e simbolo di condizione sociale e di condiviso amore del bello
delle nuove classi dirigenti48. Codici mirabili per qualit e
44. Ad una scuola cristiana privata di Panopoli sono attribuite
le collezioni Bodmer e Chester Beatty da A. Blanchard, Sur le
milieu dorigine du papyrus Bodmer de Menandre. Lapport
du P. Chester Beatty scolaire et du P. Bouriant 1, in Chronique
dgypte, 66, 1991, pp. 211-220, e da J.-L. Fournet, Une thope
de Can dans le Codex des Visions de la Fondation Bodmer, in
ZPE, 92, 1992, pp. 253-266.
45. Si veda ultimamente S. Torallas Tovar K. A. Worp, To the
Origins of Greek Stenography (P. Monts. Roca I), Barcelona,
2006, spec. pp. 15-24.
46. Su questi argomenti riescono assai utili soprattutto su istruzione e bilinguismo in Egitto le dense pagine di A. Martin,
Athanase dAlexandrie et lglise dgypte an IVe sicle (328373), Rome, 1996, pp. 662-680.
47. A. Petrucci, Dal libro unitario al libro miscellaneo, in A. Giardina (ed.), in Societ romana, cit. (n. 40), pp. 173-187, parole
citate, p. 179.
48. Brown, The World, cit. (n. 21), p. 30.

15

opulenza, contenenti ora letteratura classica come il Virgilio


Vaticano o il Virgilio Romano, ora le sacre Scritture, come
la Quedlinburg Itala o il Pentateuco Ashburnham49, o certi
evangeliari purpurei restituiscono, gli uni insieme agli altri,
quel misto di aspirazione ad una continuit con le tradizioni
colte del passato, di adesione al nuovo credo cristiano e di
ostentata ascesa ai vertici della societ che sono caratteri
connotanti del tardoantico.
Libri, lettura, biblioteche. Le trasformazioni che investono queste ultime a partire allincirca dal tardo secolo III
sono profonde, sia per il progressivo restringersi di alfabetismo e pratiche di lettura, sia per il mutare del concetto
stesso di conservazione del sapere, sia per lirrompere del
Cristianesimo e dei suoi scritti. A partire dal tardo secolo I
a. C. e nei primi secoli dellImpero a Roma e nel mondo
greco-romano si assiste alla fondazione di numerose biblioteche pubbliche talora ad opera degli stessi imperatori, o
anche per iniziativa di privati: si tratta di atti di evergetismo
in unepoca di diffusione di alfabetismo e lettura50. E dunque,
anche se forse non erano molti quanti frequentavano queste
biblioteche, nella rappresentazione del sociale esse erano
intese come aperte ad un gran numero di potenziali lettori:
erano, insomma, unopportunit di acculturazione e di intrattenimento offerta ad una vita urbana intellettualmente vivace
pur se a livelli diversi di competenze culturali. Oltre che alla
conservazione erano biblioteche destinate, negli intenti di chi
le fondava, alla fruizione nel senso che in esse si potevano
non solo leggere e consultare ma anche trascrivere determinate opere soprattutto se altrimenti irreperibili. Le pratiche
di lettura negli ultimi tempi dellantichit si dimostrano
invece sempre pi limitate a gruppi sociali circoscritti pi
volte tra loro confinanti o sconfinanti: lites aristocratiche,
grammatici, retori e scolari avanzati, cerchie professionali,
ranghi amministrativi, ambienti ecclesiastici o monastici. In
un contesto tanto mutato la funzione delle biblioteche pubbliche si dimostra fortemente sminuita, tanto che nelle citt
dellOccidente sempre meno ne resistono o se ne fondano a
partire dal III-IV secolo. Nella stessa Roma esse in numero
di circa 28 fino al tardo secolo IV51 dopo questepoca
risultano ormai chiuse, mentre sono testimoniate, daltro
canto, ecclesiarum bibliothecae52, ed documentata la fondazione da parte di papa Ilaro (461-468) di due bibliothecae
verosimilmente una greca e una latina, secondo il modello
49. Rispettivamente Citt del Vaticano, Biblioteca Apostolica
Vaticana, Vat. lat. 3225 e Vat. lat. 3867; Berlino, Deutsche Staatsbibliothek, Theol. lat. fol. 485; Parigi, Bibliothque nationale
de France, Paris. nouv. acq. lat. 2334.
50. Sulle biblioteche a Roma e nel mondo greco-romano tra tarda
repubblica e primi secoli dellimpero mi limito a rinviare ai
diversi contributi reperibili in Y. Perrin M. de Souza (edd.),
Bibliothques, livres et culture crite dans lempire romain de
Csar Hadrien, Bruxelles, 2010 (Neronia, 8).
51. Libellus de regionibus urbis Romae, 97, 9, ed. A. Nordh,
Lund, 1949.
52. Hier., Epist., 48, 3.

16

GUGLIELMO CAVALLO

gi antico di biblioteca romana ubicate nel complesso


monumentale del Laterano. E quando Costanzo II nel 357
fonda la prima biblioteca pubblica a Costantinopoli, lintento
che egli si propone, a detta di Temistio, soprattutto quello
di salvaguardare autori maggiori e minori della tradizione
letteraria greca, anche se non manca un cenno, rimasto
verosimilmente lettera morta, al fiore degli elleni che dei
libri della biblioteca avrebbero potuto fruire53.
Il discorso passa cos alle biblioteche private o comunque funzionali alle esigenze di quei gruppi sociali cui nella
tarda antichit libri e lettura, praticati con intenzioni o fini
diversi, erano comunque accessibili. Nel mondo antico, sia
greco sia romano, molte sono le biblioteche private di cui
si ha notizia: esse erano segno di cultura, di ben vivere, di
urbanit, talora anche solo di esibizione di ricchezza e status
symbol. Nella tarda antichit il modello della biblioteca privata come attributo dellindividuo facoltoso e colto resiste
ancora, ma si restringe sempre pi. Va ricordato a questo
proposito un passo nel quale Ammiano Marcellino dice che
le biblioteche private sono ormai chiuse per sempre come
se fossero tombe, mentre per le case un tempo illustri per il
culto degli studi si fabbricano ormai organi idraulici, lire,
flauti e strumenti destinati ad accompagnare il gesticolare
degli istrioni54. Si pu credere che in Ammiano vi sia una
certa aspra polemica dellindividuo di provincia verso la
societ della capitale, ma indubbio che tra IV e VI secolo
le biblioteche private che fossero milieux di pratiche intellettuali come nel passato si devono credere ormai assai poche.
Certo, da Roma e dalla sua biblioteca Simmaco invia doni di
libri ad Ausonio e ad altri55; a Ravenna la colta biblioteca di
Boezio, splendidamente ornata di vetri e di avori, si mostra
assai fornita di volumi e suscita ammirazione56, e sempre
a Ravenna la ricca biblioteca di Fausto Nigro esibisce testi
cristiani accanto al tradizionale repertorio, greco e latino,
di opere retoriche e letterarie, di scritti filosofici, di scienze
naturali, di storiografia57; ed ancora, nella Gallia tardoromana spiccano le biblioteche di Sidonio Apollinare o di
Ferreolo straripanti di libri di letteratura classica e cristiana58.
Queste biblioteche rappresentano ancora la proiezione del
modello antico di biblioteca privata: un segno di continuit
con il passato, pur se alcune di queste collezioni accolgono
ormai, e largamente, anche scritti cristiani.
Con lirrompere del Cristianesimo, infatti, i modelli tradizionali di biblioteca vengono adattati ad un nuovo sapere
e a nuove esigenze. In biblioteche come quelle di Origene-

53. Them., Or., 4, 59d-60c.


54. Amm., 14, 6, 18.
55. Symm., Epist., 1, 24 e 4, 18, 5.
56. Boeth., Cons., 1, 4, 3; 1, 5, 6.
57. Ennod., Carm., 2, 3, 11-17.
58. Sidon., Epist., 2, 9, 4.

AnTard, 18, 2010

Panfilo-Eusebio a Cesarea59 o di Cassiodoro a Vivarium60


si scrivono, si leggono e si conservano soprattutto libri cristiani, ma non mancano testi di cultura profana, soprattutto
quando questa come nel caso di strumenti grammaticali
e linguistici o letture di scuola possa servire ad una migliore comprensione delle Scritture o dei Padri. I libri non
sono intesi come patrimonio semplicemente da accumulare
e conservare ma come strumenti intellettuali destinati alla
consultazione e allo studio. Le copie che si producono
risultano controllate, talora collazionate con lantigrafo e
corrette soprattutto al fine ove si tratti di testi e del pensiero
cristiani di salvaguardarne lautenticit.
Le biblioteche dei Padri della Chiesa, per quel che si possono ricostruire dai loro scritti o da fonti diverse, costituiscono un modello piuttosto indefinito. Certamente i Padri
si circondavano di libri e ne leggevano, ma difficile dire
quanti ne possedessero privatamente, quanti ne ricevessero
in lettura o in prestito mediante la fitta rete di rapporti che
intrattenevano, quanti ne trovassero o ne consultassero nelle
istituzioni ecclesiastiche o monastiche in cui operavano, e
quanti essi stessi ne facessero scrivere allinterno e ad uso
di queste istituzioni. Nonostante seri tentativi di ricostruire
alcune di queste biblioteche come quelle di Eusebio, Girolamo, Agostino61 restano dubbi sulla loro formazione,
consistenza, funzione.
Ma rispetto a questi modelli di biblioteca cristiana che
trovano un qualche aggancio in morfologie di epoca precedente, nella tarda antichit sorgono modelli del tutto nuovi
i quali rappresentano una drastica frattura con il passato.
Sorgono, innanzitutto, le biblioteche ecclesiastiche delle
comunit cristiane62. Queste comprendono solo i pochi libri
strettamente necessari alla vita quotidiana della chiesa locale
suddivisi secondo le diverse tipologie testuali: Scritture, libri
liturgici, opere catechetiche, letture di edificazione. Queste
collezioni si mostrano fuse con materiali darchivio quali
registri, libri di conti, inventari di beni, ordines ecclesiastici
59. Si veda ultimamente la monografia di A. Grafton M. Williams,
Christianity and Trasformation of the Book. Origen, Eusebius,
and Library of Caesarea, Cambridge (Mass.) London, 2010;
ma si vedano anche G. Cavallo, Scuola, scriptorium, biblioteca
a Cesarea, in G. Cavallo (ed.), Le biblioteche nel mondo antico
e medievale, Roma Bari, 1988, pp. 67-78, e E. Crisci, Note
sulla pi antica produzione di libri cristiani nellOriente greco,
in Segno e testo, 3, 2005, pp. 93-147, spec. 132-136.
60. Immensa la bibliografia su Vivarium e i libri che vi erano prodotti o che vi si trovavano. Mi limito a rinviare ultimamente alla
sintesi di F. Troncarelli, Vivarium. I libri, il destino, Turnhout,
1998 (con ampia bibliografia precedente).
61. Si vedano, rispettivamente, A. Carriker, The Library of Eusebius
of Caesarea, Leiden Berlin, 2003, spec. pp. 299-315; M. H.
Williams, The Monk and the Book. Jerome and the Making of
Christian Scholarship, Chicago, 2006, pp. 133-166, spec. 147166; J. Scheele, Buch und Bibliothek bei Augustinus, in Bibliothek
und Wissenschaft, 12, 1978, pp. 14-114.
62. Gamble, Books, cit. (n. 20), pp. 144-154.

AnTard, 18, 2010

LIBRI, LETTURA E BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT. UN PANORAMA E QUALCHE RIFLESSIONE

e altro. Talora questi libri si trovano anche nelle mani e


nelle case dei membri della chiesa locale, in particolare dei
cosiddetti lettori. Si trattava dunque di modeste raccolte
di libri per altro non sempre riunite in una biblioteca in
qualche modo organizzata, ma variamente sparsi tra quanti
ne facevano uso allinterno della comunit ecclesiale. Si ha
notizia da Eusebio che a partire dalla grande persecuzione
dei cristiani sotto Diocleziano, iniziata nel 303, una serie di
editti prevedeva che i loro libri, depositati negli edifici di
culto o in possesso di fedeli o di gerarchie ecclesiastiche,
fossero dati alle fiamme63. Ma proprio perch si trattava di
raccolte di qualche decina di libri al massimo, i cristiani per
salvarli dal sequestro degli agenti di Diocleziano, li sostituivano facilmente ora si visto con codices medicinales,
come fece Donato vescovo di Calama, ora con scritti eretici,
come Mensurio vescovo di Cartagine64.
Questi libri di conservazione e lettura ecclesiastica del
primo Cristianesimo costituiscono dunque qualcosa di nuovo
e di diverso da un vero e proprio concetto di biblioteca. Il che
vale anche per le raccolte di libri del primo monachesimo,
il quale in Oriente e soprattutto nel deserto, fondato sulle
opere di carit e sullinsegnamento orale, sui detti pi che
sullo scritto. Tuttavia testimonianze e regole di vita cenobitica di solito fanno riferimento a libri e lettura. Nei Praecepta
di Pacomio, il padre del monachesimo egiziano, si parla di
libri che appartengono al monastero nel suo complesso e
vengono distribuiti su richiesta alluna o allaltra domus,
ed essi, dopo la lettura, vengono riposti in fenestra, id est
in risco parietis in greco quvri, qurivdion vale a dire
in un qualche incavo della parete o nicchia dove risultano
conservati anche oggetti diversi di uso domestico65. E si
prescrive che i monaci analfabeti vengano istruiti fino alla
capacit di leggere almeno i Salmi e il Nuovo Testamento66.
Proprio lEgitto cristiano tra i secoli IV-VIII ca. documenta
grazie a inventari di libri o in generale di beni, tra cui anche
libri, e ad altri materiali conservati dai papiri consistenza e
contenuti delle pi antiche biblioteche ecclesiastiche o monastiche, facendo intravedere sullo sfondo anche i modi della
loro formazione67. Si tratta di biblioteche nelle quali accanto
a libri greci vi erano libri in copto o bilingui greco-copti
o greco-latini e che contenevano libri del Vecchio e del
Nuovo Testamento, il Pastore dErma, ufficiature liturgiche,
scritti patristici e agiografici, talvolta qualche testo profano
ad uso scolastico. Il repertorio di solito ripetitivo giacch
63. Eus., Hist. Eccl., 8, 2, 4; Vita Const., 3, 1, 4.
64. Aug., Coll. c. Don., 3, 13, 25.
65. A. Boon (ed.), Pachomiana latina, Louvain, 1932, pp. 19
(n.ri 24-25), 37 (n.ro 82), 41 (n.ro 101).
66. Ibid., pp. 49-50 (n.ri 139-140).
67. Si vedano R. Otranto, Antiche liste di libri su papiro, Roma,
2000, pp. 123-144, A. Maravela-Solbakk, Monastic Book Production in Christian Egypt, in H. Froschauer und C. E. Rmer
(edd.), Sptantike Bibliotheken. Leben und Lesen in den frhen
Klstern gyptens, Wien, 2008, pp. 25-37, H. Maehler, Bcher
in den frhen Klstern gyptens, ibid., pp. 39-47.

17

la lettura, intensiva, era limitata a pochi scritti, sempre gli


stessi, ma accanto a modeste raccolte librarie si incontrano
biblioteche piuttosto consistenti, pur se soprattutto in epoca
pi tarda e costituite tante volte da pi copie di un medesimo testo. In particolare nei monasteri i libri piuttosto
che acquisiti dallesterno erano prodotti al loro interno,
giacch si ha una documentazione relativa a committenze
o retribuzioni in cui risultano coinvolti monaci e comunit
monastiche: dei libri trascritti parte era destinata allesterno
per ricavarne un guadagno, e parte serviva per le esigenze
di lettura e di edificazione della comunit costituendone nel
contempo uno dei beni patrimoniali, non sempre distinto da
stoviglie, vasi, cuscini, vestiario, attrezzi o altro68.
A proposito di queste biblioteche si deve proporre ancora
una riflessione per rilevarne tutta la novit rispetto a quelle
antiche. Nei primi secoli dellimpero le biblioteche, a Roma
o nelle province, pubbliche o private, erano comunque
inserite nel tessuto di una cultura urbana, e di esse fruiva
(o poteva fruirne) un pubblico per lo pi dlite, comunque
istruito o che almeno tale pretendeva di apparire come nel
caso di certi ricchi parvenus; nella tarda antichit raccolte di
libri si formano s detto anche in localit estremamente
periferiche, con libri sia greci sia latini sia in lingue delle
nuove culture come il copto: raccolte di libri destinate ad
una istruzione modesta o poco pi. Si di fronte, insomma,
ancora una volta ad una forma di democratizzazione della
cultura.
Veicolato da un fitto reticolo di relazioni, questo il modello cui si ispirano istituzioni e regole della prima vita
monastica in Occidente, dove frequentemente si ritrovano,
si sa, tracce, suggestioni, caratteri culturali del monachesimo
orientale. La Regula Magistri menziona unarcam cum diversis codicibus, membranis et chartis monasterii, in pratica
una cassetta o piccolo armadio in cui si trovavano, insieme
ai libri, anche i fogli di pergamena non ancora utilizzata e
documenti, ma questa arca era a sua volta conservata in uno
stanzino insieme ai ferramenta monasterii, ad attrezzi vari,
e ad altre arcae ciascuna contenente determinati oggetti69.
In altre Regulae si parla di libri destinati ai monaci per le ore
da dedicare alla lettura, ma non si fa cenno a spazi specifici
destinati alla loro conservazione. In conclusione, a parte
certe biblioteche private di individui colti e facoltosi o rare
biblioteche particolari come quella origeniana di PanfiloEusebio a Cesarea o laltra di Cassiodoro a Vivarium, la
tarda antichit dissolve il concetto stesso di biblioteca quale
era stato nel passato riducendolo ad un modesto repertorio
di letture quelle strettamente necessarie alle esigenze ecclesiastiche o monastiche in libri conservati in contenitori
rudimentali o in qualche spazio avventizio.
68. Si vedano E. Wipszycka, tudes sur le christianisme dans
lEgypte de lantiquit tardive, Roma, 1996, pp. 337-362, spec.
pp. 343-344 e 347, e Martin, Athanase, cit. (n. 46), p. 677.
69. Regula Magistri, 17, 1 e 13, ed. de Vog, cit. (n. 38), pp. 84
e 86.

18

GUGLIELMO CAVALLO

il momento di chiedersi, pi in generale, quale sia stato


nella tarda antichit il ruolo dello scritto, in cui libri, lettura,
biblioteche rientrano. Immensa la quantit di scritti, greci
e latini, prodotti da autori pagani e soprattutto cristiani;
molti, moltissimi anzi, i testi del passato ripresi, trascritti e
ricompattati in corpora; notevolissimo il numero di opere
grammaticali, commenti agli autori antichi, scritti esegetici
cristiani; sempre pi numerosi i testi di edificazione spirituale. La Bibbia e il diritto, pilastri della tarda antichit,
richiedono una diffusione amplissima delle leggi divine o
di Stato, fissate e imposte per iscritto e proprio per questo
autorevoli e inderogabili. Enorme la documentazione, dagli
editti imperiali ai documenti pubblici emanati da una fitta
rete di uffici centrali e periferici, civili e militari, fino ai
documenti privati e a registri, inventari, carte varie di chiese
e monasteri. Infine le iscrizioni, incise dipinte musive, fisse
mobili temporanee. Ma la tarda antichit non conosce solo
iscrizioni esposte in spazi aperti. Si assiste almeno a due
fenomeni nuovi: da una parte le iscrizioni si rinchiudono
sempre pi in spazi circoscritti, in sostanza negli spazi chiusi
della nuova religione cristiana (catacombe, edifici di culto),
da unaltra tendono a distribuirsi su una serie di oggetti profani e sacri: nelluno e nellaltro caso comunque risultano
sottratte a una fruizione libera, immediata ed estesa a molti
individui. Forte e significativa, comunque, la presenza dello
scritto nella societ tardoantica. Lo scritto continuamente
richiamato, proposto, riverito, temuto. Circonfuso di autorit
e solennit, lo scritto al pi alto livello quello dei qei`oi
novmoi e dei basilika; gravmmata per richiamare Giovanni
Crisostomo deve essere letto e ascoltato facendo cessare
ogni qovrubo o tarachv, e dunque nel pi assoluto silenzio,
meta; fovbou kai; trovmou, con timore e tremore, con le
orecchie tese a recepire ta; legovmena70.
Ma si deve riflettere su, da una parte, la notevole consistenza di prodotti scritti, librari, documentari, epigrafici, e
daltro canto il grado di diffusione dellalfabetismo e le
maniere di lettura. La questione dellalfabetismo complessa e implica gli aspetti sia quantitativo sia qualitativo
sia sociale. Per lepoca del basso impero la situazione risulta
indagata anche a motivo di una pi larga documentazione
superstite in particolare per lEgitto, il quale comunque
si ritiene possa riflettere, almeno per lOriente, una realt
territorialmente molto pi vasta71. Si potuto rilevare, cos,
che le famiglie pi agiate non lasciavano i loro figli senza
almeno uneducazione elementare, ma pi volte avviandoli
pure a un curriculum di studi superiori; che, a tal riguardo,
vi erano scuole, anche in localit eccentriche, dove si poteva
acquisire per lo pi una certa preparazione linguistica e
sacro-profana (come documentano i codici della collezione
Bodmer e Chester Beatty), ma talvolta anche un qualche

70. Io. Chrys., Hom. in Gen., 14, 2, in PG 53, col. 112.


71. Wipszycka, tudes, cit. (n. 68), pp. 107-135.

AnTard, 18, 2010

livello di istruzione retorica72; che nei monasteri si leggevano


(o si imparavano a leggere) almeno i testi scritturistici pi
semplici; che negli stessi monasteri le pareti sovente erano
decorate con iscrizioni dipinte, o vi operavano copisti; che
nelle chiese, tra il clero e soprattutto a cura dei vescovi
circolava una documentazione abbastanza consistente. Tutto questo implica una buona diffusione dellalfabetismo,
ma non di un alfabetismo a livelli sociali indifferenziati,
ma piuttosto di alfabetismi di livello diverso allinterno
di determinati milieux. La produzione scritta, dunque, pur
abbondante, restava quasi del tutto racchiusa allinterno
di ambiti circoscritti e individuabili: i ceti facoltosi che
gestivano grandi patrimoni laici o ecclesiastici, le scuole
di grammatici retori filosofi, le comunit monastiche, le
cerchie vescovili e il reticolo cristiano anche laico gravitante intorno ai Padri, gli ambiti notarili, le cancellerie e gli
uffici dellamministrazione civile e militare. Al di fuori di
questi ambienti o categorie sociali mancava ormai perch
dissoltasi a motivo di una diminuzione di individui capaci
di scrivere e leggere meno marcata nellOriente greco, ma
drastica nellOccidente latino una media plebs istruita a
livelli diversi, quale testimoniata nei primi secoli dellImpero, in cui lo scritto potesse ampiamente circolare. La stessa
affissione pubblica delle leggi in forma epigrafica, secondo
lantica tradizione, risulta, gi allepoca di Giustiniano,
pi simbolica che reale giacch era diminuito il numero di
quanti potevano accederne alla lettura; ed essa scompare nel
secolo VII73. Lautorit vincolante impressa allo scritto in
et tardoantica veniva a sostituire, cos, la possibilit di un
accesso diretto e analitico: anche lindividuo analfabeta o
semialfabeta, cui testi scritti erano proposti in forma orale
o mediata, sapeva che quellautorit vincolante era fondata
sul fatto stesso che erano scritti. Quanto alle maniere di lettura, quel che emerge al di l delle capacit e competenze
individuali, necessariamente collegate al livello di istruzione
il prevalere sempre pi deciso di una maniera di leggere
intensiva, iterata su determinati testi, su quella estensiva di
molti testi. A una selezione sempre pi ristretta di autori
classici (si pensi alla quadriga di Arusiano Messio) corrispondeva una straripante quantit di libri di Sacre Scritture
e di opere dei Padri, ma nelluno e nellaltro caso si trattava
comunque di testi che erano sempre gli stessi e che venivano
talora letti pi volte e memorizzati.
A conclusione di questo discorso mi sembra di dover
ritornare alla questione posta allinizio: considerato alla
luce, certo assai parziale, della cultura scritta, in particolare
di libri, lettura, biblioteche, il tardoantico dimostra una sua
72. R. Cribiore P. Davoli D. M. Ratzan, A Teachers Dipinto
from Trimithis (Dakhleh Oasis), in JRA, 21, 2008, pp. 171-191.
73. Mi limito a rinviare a D. Feissel, pigraphie et constitutions
impriales: aspects de la publication du droit Byzance, in
G. Cavallo C. Mango (edd.), Epigrafia medievale greca e latina.
Ideologia e funzione. Atti del seminario di Erice (12-18 settembre
1991), Spoleto, 1995, pp. 67-98.

AnTard, 18, 2010

LIBRI, LETTURA E BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT. UN PANORAMA E QUALCHE RIFLESSIONE

autonomia o specificit o rappresenta soltanto la destrutturazione dellantico e i primordi del Medioevo? possibile,
vale a dire, un approccio morfologico anche su problematiche storico-culturali come queste? Si tratta, si sa, di una
questione che intriga gli storici e cui tanto pi difficile
rispondere sul fondamento di un campione particolare come
quello qui considerato. Si pu affermare, tuttavia, che il
tardoantico, sotto laspetto di libro, lettura e raccolte librarie
si dimostra profondamente diverso dallepoca precedente.
I modelli antichi scompaiono o resistono ancora per qualche tempo solo se riadattati a mutati contesti economici e
socioculturali, mentre nuovi modelli di libro, di scrittura,
di lettura, di biblioteca hanno una preponderanza sempre
maggiore sfociando in un sistema nel quale si compongono
alfabetismo diffuso in categorie sociali ben individuabili,
forte autorit dello scritto, uso del libro-codice ripartito

19

in pagine e perci agevole per il reperimento e la rilettura


di sezioni o passi (soprattutto testi di riferimento quali
Scritture, leggi, partizioni grammaticali), scritture formali
scandite da dispositivi atti ad orientare il senso, lettura
concentrata o con la penna in mano, scelta di testi sovente
ristretta e ripetitiva, con una sempre pi larga prevalenza
di testi cristiani, biblioteche limitate per lo pi a pochi libri
necessari o a miscellanee disorganiche di saperi profani e
cristiani: un sistema del tutto nuovo da quello del passato.
Quanto allepoca seguente, il confronto deve misurarsi con
il medioevo sia latino sia greco per osservare quanto libri,
lettura, biblioteche in Occidente e in Oriente trovino i loro
primordi o le loro radici nel tardoantico o abbiano assunto
una morfologia propria. Ma il discorso sul tardoantico deve
fermarsi qui74.
Unione Accademica Nazionale, Roma

74. Ringrazio Andrea Giardina e Oronzo Pecere per la rilettura


critica di questo testo.

AnTard, 18, 2010, p. 21-62

1. LES LIEUX DE LECTURE

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA


GISELLA CANTINO WATAGHIN

Libraries in late Antiquity: the contribution of archaeology


In the earlier studies devoted to the architecture and fitting out of ancient libraries, little attention
was paid to their late antique phases. As often with Greek and Roman monuments, they were studied
mainly from the architectural point of view, therefore only the original structure of the buildings and
possibly their major transformations (as in the case of the library of Hadrian in Athens) were investigated, without taking into account their becoming in the course of time. Based on a misinterpretation
of a passage in Ammianus Marcellinus, and the premise of a widespread cultural decay, it is generally
taken for granted that libraries were abandoned by the middle of the fourth century. The aim of this
paper is to verify the correctness of this picture, reconsidering both the archaeological and the textual
evidence. The basic data on the main public and private Roman libraries are presented, with reference
to the excavations reports; they show that public libraries follow either a standardized, elaborate architectural scheme (the rectangular room, with rows of niches in the walls) or simpler solutions, where
free wooden shelves are used to store the books. This seems to be the case also with most of the private
libraries; on the other hand the wide use of niches made by the residential architecture starting from
the 1th c. A.D. makes it difficult to identify with certainty any specific function.
As far as late antiquity is concerned, recent archaeological investigations show that the picture is
far from homogeneous; there is no evidence of an early neglect, and in the case that the library buildings are damaged by external causes at the end of the 4th c. (Ephesus, Sagalassos), they were taken
care of as civic monuments. The written sources confirm that the cultural life remained active up to
the 5th-6th centuries, manifestly in Athens, but also in Rome, where one of its settings was the area of
the Trajans Forum and of its libraries. They also attest the major role of libraries in the aristocratic
style of life; however, as in previous centuries, the architectural setting of private libraries, as well
as their possible distinctive features, remain hardly perceptible. Equally, very little is known from the
archaeological point of view of the ecclesiastic libraries, the only possible cases being the scanty rests
of the scrinium Lateranense; the identification as libraries of the two side chambers of Saint John the
Evangelist in Ravenna, although suggestive, should be cautiously received, while the attribution to the
bibliotheca Agapeti of a late antique hall on the Celio in Rome has been finally discarded, since it has
been proved that the large apsis still standing is the reception hall of a domus. [Author]

1. PREMESSA

monumentali della prima e media et imperiale1. In esse la

A fronte della ricca bibliografia sulla formazione, sulla


funzione, sul funzionamento delle biblioteche antiche, sulle
loro caratteristiche in quanto modelli ideologici, le ricerche
sulla loro struttura materiale sono meno numerose, pur
se in sensibile incremento negli anni recenti, focalizzate,
daltro canto, sulle non molte, ma ben note testimonianze

1. Senza pretesa di esaustivit, ricordiamo alcuni titoli significativi:


H. Leclerq, in DACL, II, 1925, s.v. Bibliothques, coll. 842-904 ;
B. Gtze, Antike Bibliotheken, in Jahrbuch des deutschen archologischen Instituts, 52 (1937), pp. 225-247; G. De Gregori,
Biblioteche dellantichit, in Accademie e biblioteche dItalia, XI
(1937), pp. 9-24; G. Callmer, Antike Bibliotheken, in Opuscula
Archaeologica, 3, 1944, 145-193; C. Wendel, in JAChr, II, 1954,

22

GISELLA CANTINO WATAGHIN

tarda antichit non ha praticamente parte, se non sotto il


profilo delle biblioteche cristiane o meglio ecclesiastiche,
per le quali, peraltro, il riscontro strutturale alle non poche
menzioni delle fonti , come si vedr, assai elusivo.
La tendenza generale una voce discordante di oltre
ventanni orsono non ha avuto seguito2 di accettare alla
lettera il passo ben noto di Ammiano Marcellino, che evoca
le biblioteche chiuse come sepolcri3 e di dedurne la precoce scomparsa delle biblioteche pubbliche, legata, peraltro,
alla decadenza di Roma e dellOccidente4. Una conferma
verrebbe, pressoch contestualmente5, dalla Historia Auguss.v. Bibliothek, pp. 231-274; H. Khler, in EAA, II, 1959, s.v.
Biblioteca, pp. 92-99; E. Makowiecka, The Origin and Evolution of Architectural Form of Roman Library, Warsaw, 1978; V.
Strocka, Rmische Bibliotheken, in Gymnasium, 88 (1981), pp.
298-329; Id., in EAA, Secondo supplemento 1971-1994, I, 1994,
s.v. Biblioteca, pp. 686-693; L. Franchi, Le biblioteche romane,
in Civilt dei Romani, a cura di S. Settis, Un linguaggio comune,
Milano, 1993, pp. 179-189; R. Hanoune, Larchitecture de la bibliothque romaine, in Lire lcrit. Textes, archives, bibliothques
dans lantiquit, a cura di B. Gratien R. Hanoune, Lille, 1997
(Ateliers 12), pp. 109-117; L. Casson, Libraries in the Ancient
World, Yale University Press, 2001 (ed. it. Biblioteche del mondo
antico, Milano, 2003); K. Vssing, in Der neue Pauly, 2, 1997,
s.v. Bibliothek, coll. 634-647; cenni agli edifici, bench ripetitivi
e non sempre adeguatamente vagliati, si trovano anche nella maggioranza dei contributi dedicati piuttosto al patrimonio librario
e alla sua gestione: cos da ultimo H. Blanck, Il libro nel mondo
antico, Bari, 2008 (ma ed. or. Mnich, 1992), p. 245 ss.
2. G. W. Houston, A Revisionary Note on Amm. 14, 6, 18, in Library
Quarterly, 58, 1988, pp. 258-264.
3. Amm. 14, vi, 18 (Histoire, Livres XIV-XVI, ed. E. Galletier, Paris,
1978 [I ed. 1968], p. 77).
4. P. Fedeli, Biblioteche private e pubbliche a Roma e nel mondo
romano, in Le biblioteche nel mondo antico e medievale, a cura
di G. Cavallo, Roma-Bari 2008, pp. 29-64, in particolare 58.
5. Gli ultimi libri delle Storie di Ammiano vennero pubblicati
intorno al 395; alcuni dei libri precedenti sono conosciuti dalla
Historia Augusta, che peraltro usa anche fonti del 395/399 se non
anche pi recenti (A. Chastagnol, Histoire Auguste, Paris, 1994,
Introduction, passim; da ultimo B. Pottier, LHistoire Auguste,
le consul Aurelianus et la rception de la Notitia Dignitatum en
Occident, in AnTard, 14, 2006, pp. 225-234); la sua datazione
precisa rimane discussa (ammettendo comunque la possibilit
di rimaneggiamenti del testo originario), pur collocandosi in
ogni caso tra gli ultimi anni del IV secolo (392-394 nellipotesi
di S. Ratti, che ne propone lattribuzione a Nicomaco Flaviano
Seniore: St. Ratti, Nicomaque Flavien senior auteur de lHistoire
Auguste, in Historiae Augustae Colloquium Bambergense, Atti
dei Convegni sulla Historia Augusta, X, a cura di G. Bonamente
H. Brandt, Bari 2007, pp. 305-317, ora in Id., Antiquus error .
Les ultimes feux de la rsistance paenne, Scripta varia augments
de cinq tudes indites, Turnhout, 2010, p. 217-223 : si veda, in
genere, lintera V. Parte di Antiquus error , pp. 185-276; Id.,
394: fin de la rdaction de lHistoire Auguste ? in AnTard, 16,
2008, pp. 335-348; Id., crire lhistoire Rome, Paris, 2009, chap.
VII, LHistoire Auguste) e i primi del V (Chastagnol, Histoire
Auguste, cit., p. XXXIII; da ultimo il commento di F. Paschoud

AnTard, 18, 2010

ta, in particolare dalla vita di Aureliano; i frequenti rimandi


di Flavio Vopisco a documenti conservati nella biblioteca
Ulpia, quali fonti di fatti di dubbia autenticit, sarebbero
la prova della ormai avvenuta dismissione della biblioteca
stessa, che sola li giustificherebbe, impedendo al lettore ogni
verifica6. Largomentazione non pare tuttavia cos rigorosa,
dal momento che si scontra con la verosimiglianza che il richiamo alla pi famosa biblioteca di Roma doveva pur avere
per i lettori e ancor prima per gli ascoltatori, se dobbiamo
supporre per la Historia Augusta la consueta recitatio in
circoli colti dellaristocrazia7; come ha osservato Salvatore
Settis, la sigillata autenticit del documento saccompagna
al nome della Biblioteca Ulpia con tale naturalezza, che non
possiamo non crederci8.
Come rilevato a suo tempo dallHouston9, la testimonianza di Ammiano sembra essere stata fraintesa; a giudicare dal contesto, oggetto del suo commento sono infatti le
biblioteche private pi che non quelle pubbliche :
Le poche case inizia infatti il paragrafo in questione
che in passato erano famose per il culto severo degli
studi, ora traboccano dello scherno provocato dal torpore
dellindolenza invece del filosofo si invita il cantante
e al posto delloratore il maestro di ballo e, chiuse per
sempre come tombe le biblioteche, si fabbricano organi
idraulici e lire grandi come carri, flauti e strumenti non
leggeri destinati ad accompagnare il gesticolare degli
istrioni 10.
al contributo di Ratti al convegno di Bamberg, con ulteriore bibliografia: Chronique dhistoriographie tardive, in AnTard, 15,
2007, pp. 349-364, in particolare 360 ss.). Nel presente contesto
il problema non tuttavia rilevante.
6. L. D. Bruce, A Reappraisal of Roman Libraries in the Scriptores
Historiae Augustae, in The Journal of Library History (19741987), 16, 4, 1981, pp. 551-573.
7. H.-J. Martin, Pour une histoire de la lecture, in Revue franaise
dhistoire du livre, n.s. 46, 1977, pp. 583-609; A. Pennacini, Larte della parola, in Lo spazio letterario di Roma antica, a cura di
G. Cavallo P. Fedeli A. Giardina, 2, La circolazione del testo,
Roma 1989, pp. 215-267, in particolare 254 ss.; G. Cavallo, Testo,
libro, lettura, ibid., pp. 307-341, in particolare 338 ss.
8. S. Settis, La colonna, in La colonna traiana, a cura di S. Settis,
Torino, 1988, pp. 45-255, in particolare 63.
9. Houston, A revisionary Note, cit. (n. 2).
10. Amm., XIV, vi, 18: Quod cum ita sit, paucae domus studiorum
seriis cultibus antea celebratae nunc ludibriis ignaviae torpentis
exundant, vocali sonu, perflabili tinnitu fidium resultantes. Denique pro philosopho cantor et in locum oratoris doctor artium
ludicrarum accitur, et, bibliothecis sepulcrorum ritu in perpetuum clausis, organa fabricantur hydraulica, et lyrae ad speciem
carpentorum ingentes tibiaeque et histrionici gestus instrumenta
non levia (d. Galletier, cit. [n. 3]); nel riferimento agli organi
idraulici sembra di cogliere anche il disdegno verso la cultura
tecnica contrapposta a quella umanistica, evocata poco prima
come modello unico a proposito del pur competente prefetto
Orfito, splendore liberialium doctrinarum minus quam nobilem
decuerat institutus: XIV, vi, 1 (d. Galletier, p. 72).

AnTard, 18, 2010

le biblioteche nella tarda antichit: lapporto dellarcheologia

Daltro canto, il passo parte di una lunga invettiva contro


i senatus populique vitia, suscitata verosimilmente dalle
difficolt di Ammiano ad inserirsi nellambiente romano,
intesa non di meno a richiamare, per contrasto, la grandezza
di Roma victura dum erunt homines11. Non pu sfuggire
la componente retorica, che non a caso evoca polemiche
ben precedenti contro il cattivo uso delle biblioteche, di
cui esemplare, pi di tre secoli prima, lattacco di Seneca
alla funzione puramente esornativa attribuita da molti alle
raccolte librarie:
A che scopo innumerevoli libri e biblioteche, il cui
proprietario in tutta la vita a stento arriva a leggere
per intero i cataloghi? [... la biblioteca di Alessandria]
non fu un fatto di stile o di buona amministrazione, ma
unesibizione di lusso per gli studi, anzi non per gli studi,
dal momento che lavevano apprestata non per lo studio
ma per lapparenza, cos come per molti ignari anche
di sillabari per linfanzia i libri non rappresentano strumenti di studio ma ornamento delle sale da pranzo []
Che motivo hai di giustificare un uomo che si procura
librerie fatte di legno di cedro e di avorio, che va in cerca
di raccolte [] e tra tante migliaia di libri sbadiglia, a
cui dei suoi volumi piacciono soprattutto i frontespizi
e i titoli? [] a casa dei pi pigri vedrai [] scaffali
che arrivano fino al soffitto [] E lo potrei giustificare,
certo, se si sbagliasse per troppa passione per gli studi:
ora codeste opere di sacri ingegni ricercate e suddivise
con i loro ritratti vengono procurate per abbellire e decorate le pareti. 12.
11. Amm., XIV, vi, 1-25 (d. Galletier, pp. 72-79); cfr. J.Fontaine,
Valeurs de vie et formes esthtiques dans lHistoire dAmmien
Marcellin, in Le trasformazioni della cultura nella tarda Antichit, Atti del Colloquio di Catania, settembre 1982, Roma, 1985,
pp. 781-808, quindi Valori di vita e forme estetiche nelle Storie
di Ammiano Marcellino, in Id., Letteratura tardoantica. Figure
e percorsi, Brescia, 1998, pp. 127-152, in particolare 135, n. 27.
Sul soggiorno di Ammiano a Roma cfr. Al. Cameron, The Roman
Friends of Ammianus, in JRS, 54, 1964, pp. 15-28.
12. Sen., De tranq. an., IX, 4: Quo innumerabiles libros et bibliothecas, quarum dominus vix tota vita indices perlegit? []. 5.
Non fuit elegantia illud aut cura, sed studiosa luxuria, immo ne
studiosa quidem, quoniam non in studium, sed in spectaculum
comparaverant, sicut plerisque ignaris etiam puerilium litterarum
libri non studiorum instrumenta, sed cenationum ornamenta
sunt. []. 6. Quid habes cur ignoscas homini armaria e citro
atque ebore captanti, corpora conquirenti [] et inter tot milia
librorum oscitanti, cui voluminum suorum frontes maxime placent titulique? []. 7. Apud desidiosissimos ergo videbis []
tecto tenus exstructa loculamenta: []. Ignoscerem plane, si
studiorum nimia cupidine erraretur: nunc ista conquisita, cum
imaginibus suis discripta, sacrorum opera ingeniorum in speciem
et cultum parietum comparantur (Snque, Dialogues, IV, a cura
di R.Waltz, Paris, 1959 [CUF], p. 90). La citazione italiana
tratta da Seneca. Opere morali, introd. di P.Ramondetti, Milano,
2007, p. 678 (trad. di C.Lazzarini). Largomento oggetto anche
dello scritto Adversos indoctos di Luciano, che stigmatizza luso

23

Di segno contrario sono le testimonianze di Sidonio Apollinare, che in una lettera e in un carme ricorda la statua eretta
in suo onore nel 456 nella Ulpia porticus13, inter auctores
utriusque bibliothecae14. Ancora qualche decennio dopo
Cassiodoro parla del fervere degli studi profani, lamentando
la carenza di quelli sulle Scritture15: pur senza un riferimento
formale alle biblioteche, questo sembra implicito nella menzione dei libri necessari allattivit dei maestri. Daltronde lo
stesso Ammiano sembra parlare al passato della biblioteca
del Serapeo di Alessandria16 ma il riferimento forse non
tanto alla struttura / istituzione, quanto alle raccolte di settecentomila volumi che la tradizione voleva andati distrutti
nellincendio di et cesariana che daltro canto non molto
dopo Orosio afferma invece di avere visto, bench con dei
vuoti negli scaffali a memento del disastro17, e che sembra
dei libri come segno di ricchezza o di conformismo interessato;
allo loro sistemazione allude con la menzione delle
in cui sono conservati (Lucian, ed. A.M. Harmon, III, LondonCambridge, MA, 1960, pp.174-211, in particolare 180). Entrambi
gli autori rappresentano la degenerazione di quella esigenza di
una biblioteca nelle domus ampliores, prospettata da Vitruvio,
VI, 7, 3 (Vitruvius On Architecture, ed. F.Granger, Cambridge,
MA-London, 1985, p.46 ss.).
13. Carmen VIII, Ad Priscum Valerianum virum praefectorium:
[] Nil totum prodest adiectum laudibus illud, / Ulpia quod
rutilat porticus aere meo (Sidoine Apollinaire, 1. Pomes, d.
A.Loyen [CUF], p. 78).
14. Ep. IX, 16 : cum meis poni statuam perennem / Nerva Traianus titulis videret, / inter auctores utriusque fixam/ bibliothecae
(Sidoine Apollinaire, 3. Lettres, d. A.Loyen [CUF], p.180). La
statua il pi significativo di una serie di onori tributati a Sidonio
in relazione al panegirico da lui pronunciato a Roma nel 456 in
onore dellimperatore Avito, per il quale cfr. da ultimo N.Brocca,
Memoria poetica e attualit politica nel panegirico per Avito di
Sidonio Apollinare, in Polymnia. Studi di Filologia Classica,
5, 2006, pp. 279-295 (Incontri triestini di filologia classica, 3,
2003-2004); da notare, in relazione alla collocazione della statua,
che il richiamo al modello traianeo ha un ruolo essenziale nella
celebrazione del nuovo imperatore da parte di Sidonio.
15. Cassiod., Institutiones, I (d. R.A.B. Mynors, Cassiodoris
Senatoris Institutiones, Oxford, 1937 [1967].
16. Amm. XXII, xvi, 13: Serapeum [] in quo duo bibliothecae
fuerunt inaestimabiles; nello stesso capitolo Ammiano ricorda
la distruzione di parte della citt ad opera di Aureliano: sed Alexandria [] ad ultimum multis post annis, Aureliano imperium
agente, civilibus iurgiis ad certamina interneciva prolapsis dirutisque moenibus, amisit regionis maximam partem, quae Bruchion
appellabatur, diuturnum praestantium hominum domicilium:
cfr Histoire, Livres XX-XXII, a cura di J.Fontaine, Paris 1996,
p.144. tuttavia arbitrario dedurne che vi sia stata coinvolta la
biblioteca, che sarebbe stata rasa al suolo: cos da ultimo Casson,
Biblioteche, cit. (n. 1), p.52.
17. Oros., Hist., VI, 15. 31: In ipso proelio regia classis forte
subducta iubetur incendi. ea flamma cum parte quoque urbis
inuasisset, quadringenta milia librorum proximis forte aedibus
condita exussit, singulare profecto monumentum studii curaeque
maiorum, qui tot tantaque inlustrium ingeniorum opera conges-

24

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 1 Pergamo, pianta della


biblioteca (da Altertmer von
Pergamon 1885).

in uso fino al VI secolo18. Immagini contradditorie, come


per molti versi contradditoria la tarda antichit19, alle quali
larcheologia propone un confronto anche pi problematico,
costretto nei limiti di un ridotto numero di scavi, di interpretazioni spesso non univoche e di unattenzione assai scarsa,
e comunque solo recente, ai livelli post-classici.

serant. 32. Unde quamlibet hodieque in templis extent, quae et


nos uidimus, armaria librorum, quibus direptis exinanitas ea a
nostris hominibus nostris temporibus memorent quod quidem
uerum est , tamen honestius creditur alios libros fuisse quaesitos,
qui pristinas studiorum curas aemularentur, quam aliam ullam
tunc fuisse bibliothecam quae extra quadringenta milia librorum
fuisse ac, per hoc, euasisse credatur: (ed. M.-P. Arnaud-Lindet,
2. Livres IV-VI, Paris, 1991 [CUF], p. 211). noto che le fonti
relative allincendio della biblioteca di Alessandria sono contradditorie: cfr. L. Canfora, La vritable histoire de la bibliothque
dAlexandrie, Paris, 1988, p. 95 s. e 151 ss. (ed. it. La biblioteca
scomparsa, Palermo, 1988).
18. F. Altheim, R. Stiehl, Die Araber in der Alten Welt, 2, Bis zur
Reichstrennung, Berlin, 1965, p. 23 ss.: cfr. Strocka, Biblioteca,
cit. (n. 1), p. 687; questo dato evidentemente in rapporto con
la vita culturale di Alessandria nel VI secolo, quale appare dai
recenti risultati degli scavi del Centre for Mediterranean Archaeology of the University of Warsaw, per i quali cfr. lintervento
di G. Majcherek in questo stesso dossier.
19. A questo proposito ci permettiamo di rinviare alle considerazioni esposte in G. Cantino Wataghin, Immagini della citt
tardoantica: riflessioni, in La naissance de la ville chrtienne.
Mlanges en hommage Nancy Gauthier, a cura di B. Beaujard,
Tours, 2002, pp. 155-167.

2. LE

BIBLIOTECHE ANTICHE

Per quanto levidenza archeologica sia largamente inadeguata rispetto alla reale consistenza delle biblioteche nel
periodo classico, dalle numerose fondazioni in et ellenistica alla loro diffusione capillare nelle citt romane, essa
consente di delineare tanto le caratteristiche essenziali delle
loro formulazioni monumentali, quanto alcune variabili di
minor impegno architettonico, in risposta a committenze
differenziate. La testimonianza pi antica, peraltro la sola
conosciuta di periodo ellenistico, costituita dalla biblioteca
di Pergamo (fig. 1), fondata da Attalo I, messa in luce sullo
scorcio del XIX secolo sul lato settentrionale del colonnato
che circondava il tempio di Atena sullAcropoli, nellassetto
ricevuto qualche tempo dopo sotto Eumene II20. composta
da quattro locali adiacenti e largamente comunicanti, accessibili dal livello superiore del colonnato, che si suppone
fungesse da spazio di lettura; i tre vani occidentali dovevano
essere destinati a deposito, mentre quello orientale, di dimensioni maggiori, aveva verosimilmente anche la funzione di
sala di riunioni e conferenze; lungo i suoi lati, che conservano i fori per lancoraggio degli scaffali che ospitavano i
volumina, si sviluppava una sorta di piedistallo, allargato in
un podio al centro della parete di fondo, sul quale si ritiene
fossero presentati i busti di autori celebri, di cui sussistono
alcune basi iscritte, e la statua colossale di Atena ritrovata
20. R. Bohn, Das Heiligtum der Athena Polias Nikephoros, in
Altertmer von Pergamon, II, 1885, p. 56 ss.; Callmer, Antike
Bibliotheken, cit. (n. 1), p. 148 ss.; pi recentemente H. Mielsch,
Die Bibliothek und die Kunstsammlung der Knige von Pergamon, in Archaeologische Anzeiger, 1995, pp. 765-769; W. Radt,
Pergamon: Geschichte und Bauten einer antiken Metropole,
Darmstadt, 1999, p. 165 ss.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

nellarea antistante21. Le diverse componenti delledificio


corrispondono a grandi linee a quelle indicate da Strabone
per la biblioteca del palazzo reale di Alessandria, quando
evoca, peraltro in termini assai sommari, un porticato,
unesedra con sedili e un vasto ambiente, luogo di incontro
degli eruditi affiliati al Museo22; sono elementi, daltronde,
di cui evidente da un lato la funzionalit, dallaltro il nesso
con il lessico usuale dellarchitettura contemporanea.
Oltre due secoli e mezzo separano la biblioteca di Pergamo dalla prima biblioteca pubblica romana di cui sia
ricostruibile la struttura, quella che fu fondata da Augusto
sul Palatino nei pressi del tempio di Apollo, e che, coinvolta
nellincendio neroniano, fu ricostruita sotto Domiziano23
(fig. 2, 3); sono in effetti di et flavia i pochi resti murari
ritrovati nella prima met del secolo scorso, che si integrano
pienamente nello schema planimetrico documentato dalla
Forma Urbis severiana24: due sale rettangolari affiancate,
con il lato breve opposto allingresso incurvato in unampia
esedra, segnata al centro da una profonda nicchia; le pareti
sono articolate da nicchie, dove dovevano trovare posto
gli scaffali per i libri, inquadrate da colonne; non risulta
che alle due sale fossero annessi vani di servizio, destinati
a magazzino; doveva dunque trattarsi di una biblioteca a
scaffale aperto, dove gli spazi di lettura coincidevano con
quelli della conservazione del patrimonio librario. Come
duso negli ambienti di prestigio, e come le fonti attestano
specificamente per le biblioteche, anche private, le sale
dovevano essere arricchite da statue, le principali collocate
nella nicchia sullasse25. Scavi recentissimi e il recupero e
21. Per la ricostruzione della disposizione degli scaffali lungo le
pareti cfr. Gtze, Antike Bibliotheken, cit. (n. 1), fig. 16 a p. 237 e
Beil. 2; per la statua cfr. F. Winter, Die Skulpturen, in Altertmer
von Pergamon, VII.1, Berlin, 1908, pp. 33-46, n. 24.
22. XVII, I, 8, C 793 ss.: Geography of Strabo, VIII, ed. H. L.
Jones, Cambridge, MA-London, 1959, p. 34.
23. Sintesi delle fonti e dello stato delle conoscenze fino allinizio
degli anni 90 del secolo scorso in Lexicon Topographicum Urbis
Romae, I, 1993, s.v. Apollo Palatinus (P. Gros), pp. 54-57, in particolare 55 s. Per quanto riguarda levidenza archeologica, nulla
noto della biblioteca fondata da C. Asinio Pollione nel 39 a.C.
nellAtrium Libertatis (Lexicon Topographicum Urbis Romae, I,
1993, s.v. Atrium Libertatis (F. Coarelli), p. 133-135.
24. il frammento, perduto, conservato nel Cod.Vat. Lat. 3439, f.
14r, FUR 20b (G. Carettoni A. M. Colini L. Cozza G. Gatti,
La pianta marmorea di Roma antica. Forma Urbis Romae, Roma,
1960, p. 77 s., tav. 3; E. Rodrguez Almeida, Forma Urbis marmorea. Aggiornamento generale, I-II, Roma, 1981, tav. 14, p. 99 s.),
che presenta due sale adiacenti terminanti in esedre e ornate da
un ordine interno di colonne, prospicienti il lato orientale del
portico delle Danaidi. Per le prime identificazioni cfr. G. Lugli,
Monumenti antichi di Roma e suburbio, Roma, 1939, p. 282; De
Gregori, Biblioteche dellantichit, cit. (n. 1), p. 13 s.
25. M. Corbier, De la maison dHortensius la curia sur le Palatin,
in MEFRA, 104, 1992, pp. 861-916, in particolare 911 ss.; per
altri casi cfr. ad esempio Marziale, IX proemio: Epigramma,
quod extra ordinem paginarum est, ad Stertinium clarissimum

25

riesame di dati darchivio relativi agli scavi del terzo quarto


del secolo scorso (1956-1982), hanno chiarito che questa
organizzazione corrisponde solo in parte alla originaria
fondazione augustea. La biliotheca ad Apollinis era costituita
da una sola sala, corrispondente a quella settentrionale del
complesso flavio, che ne riprende le fondazioni, in cui gi
presente la grande nicchia al centro dellesedra, dove poteva
trovare posto la statua di Augusto con gli attributi di Apollo
(habitu ac statu Apollinis) ricordata dalle fonti26, mentre
lo stato di conservazione delle murature non permette di
verificare leventuale presenza di nicchie lungo le pareti27.
Contrariamente a quanto si riteneva in genere, le due componenti, latina e greca, ricordate da Svetonio, corrispondevano
evidentemente soltanto ad una organizzazione interna del
patrimonio librario, che poteva essere custodito in armaria,
collocati al sommo dei gradoni perimetrali ancora attestati28;
virum scripsimus, qui imaginem meam ponere in bibliotheca sua
voluit (Martial, pigrammes, II, 1. Livres VIII-IX, ed. M.-J. Isaac
[CUF], 1961, p. 34; cfr. anche Plinio, Nat. Hist., XXXV, 9 s.:
Pline lAncien, Histoire Naturelle, Livre XXXV, ed. J.-M. Croisille
[CUF], 1985, p. 39 s.
26. G. Lugli, Fontes ad topographiam veteris urbis Romae pertinentes, VIII, Foro romano e il Palatino, Roma, 1947, p. 109,
n. 345-347; cfr. Corbier, De la maison dHortensius la curia,
p. 906 ss.
27. I. Iacopi G. Tedone, Biblioteca e Porticus ad Apollinis, in
Rm. Mitt., 112, 2005-2006, pp. 351-378, in particolare, per quanto riguarda lassenza di resti di strutture di elevato, p. 354; una
diversa ipotesi era stata avanzata da Castagnoli, a seguito degli
scavi condotti tra il 1956 e il 1982, per i quali cfr. F. Castagnoli,
Sulla biblioteca del tempio di Apollo Palatino, in Rendiconti
dellAccademia Nazionale dei Lincei, 4, 1949, 379 ss.; Id., in
Atti della Pontificia Accademia di Archeologia. Rendiconti, 39,
1966/1967, pp. 55-57; Id., in Notizie degli Scavi di Antichit,
1967, pp. 287-319; Id., in Rm. Mitt., 90, 1983, 91-108: cfr. anche Iacopi Tedone, p. 351, n 2 e p. 352 ss. Per il rapporto della
biblioteca con il complesso del tempio di Apollo e pi in generale
con la ristrutturazione augustea dellarea cfr. anche D. Bruno, Una
basilica sul Portico delle Danaidi, in Workshop di archeologia
classica, 6, 2009, pp. 137-156; A. Carandini, Le case del potere
nellantica Roma, Roma-Bari, 2010, p. 214 s.
28. Solo la suggestione della planimetria della fase flavia giustifica
la persuasione diffusa che si trattasse di sezioni, ospitate in ambienti distinti; come rilevato gi in precedenza da D. L. Thomson,
(The Meetings of the Roman Senate on the Palatine, in AJA, 85,
1981, pp. 335-339) il passo svetoniano allude abbastanza esplicitamente ad uno spazio unitario: addidit porticus cum bibliotheca
Latina Graecaque, quo loco iam senior saepe etiam senatum habuit decuriasque iudicum recognovit: vi aggiunse dei portici con
una biblioteca latina e greca, e l, quandera gi vecchio, spesso
tenne anche le sedute del senato e pass in rassegna le decurie dei
giudici (Suet. Aug., 29,3: Svetonio, Le vite dei Cesari, a cura di
P. Ramondetti, traduzione di I. Lana, Torino, 2008, I, p. 415); per
lidentificazione del locus con la biblioteca palatina, proposta gi
da Castagnoli, Sulla biblioteca, cit., cfr. Corbier, De la maison
dHortensius la curia cit. (n. 25), p. 893 ss.; linterpretazione
del riferimento di un papiro di Ossirinco alla

26

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 2 Roma, larea Apollinis, frammenti della Forma Urbis severiana


(da Rodriguez Almeida 1981).

Fig. 3 Roma, larea Apollinis, settore della biblioteca, planimetria della


fase augustea (da Carandini 2010).

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

27

Fig. 4 Roma, Foro di Traiano,


settore delle biblioteche.

Fig. 5 Roma, Foro di Traiano, pianta della


biblioteca occidentale (da Amici 1982).

la duplicazione del vano messa in atto successivamente, in


ragione forse dellincremento del patrimonio stesso.
Bench ne siano stati indicati i precedenti in Egitto29 e
non manchino confronti nellarchitettura tardoellenistica
e dellet augustea30, la struttura delle pareti articolata da
nicchie ha un riscontro puntuale in soluzioni tipiche dellarchitettura flavia31; potrebbe dunque essere la ricostruzione
come luogo nel quale Augusto avrebbe accolto nel 12/13 unambasciata degli Alessandrini (P.Oxy. 25. 2435v) come testimonianza dellesistenza di una distinta biblioteca greca (Corbier, p. 898
ss.) ovviamente superata dai risultati delle ultime indagini: cfr.
Iacopi Tedone, cit. (n. 27), p. 352. Per gli armaria (sui quali
Plinio, Ep., II, 17, 8: armarium parieti in bibliothecae speciem
insertum) e pi in generale i contenitori dei libri cfr. G. Wendel,
Der antike Bcherschrank, in Nachrichten von der Akademie der
Wissenschaften in Gttingen, 7, 1943, pp. 267-299; M. Sve, Sur
la taille des rayonnages, in Revue de philologie, de littrature et
dhistoire anciennes , 64, 1990, pp. 173-179.
29. Wendel, Bibliothek, cit. (n. 1), col. 262 s.
30. U. W. Gans, Der Quellbezirk von Nmes. Zur Datierung und
zum Stil seiner Bautern, in Rm. Mitt., 97, 1990, pp. 93-125, in
particolare 100 ss.
31. J. B. Ward Perkins, in A. Bothius J. B. Ward Perkins, Etruscan and Roman Architecture, London, 1970, p. 245 ss.; G. Gullini,
Larchitettura e lurbanistica, in G. Pugliese Caratelli (a cura

domizianea allorigine di una soluzione che, anche in ragione


della sua funzionalit, appare come canonica nei decenni
successivi. Questi sono segnati dalle formulazioni traianee
e adrianee. La biblioteca del Foro Traiano, realizzata fra
il 107 e il 113, ripropone larticolazione in due vaste sale
rettangolari, scandite da nicchie disposte su due livelli,
quello superiore accessibile da una scala situata sul retro
delledificio, dominata, luna, dalla grande statua di Minerva
che occupava la profonda nicchia al centro della parete
di fondo32 (fig. 4-6); i due corpi di fabbrica sono disposti
affrontati sui due lati del cortile alle spalle della basilica,
a inquadrare la colonna coclide che ne occupa il centro,
aprendosi su di esso con il loro colonnato frontale: al di l
della separazione fisica delle sezioni greca e latina, sulla
quale si insiste forse anche eccessivamente, la duplicazione
degli spazi utilizzata ai fini della costruzione di un nesso
di), Princeps Urbium. Cultura e vita sociale dellItalia romana,
Milano, 1991, pp. 419-735, in particolare 589 ss.
32. Per la ricostruzione cfr. C. M. Amici, Foro di Traiano. Basilica
Ulpia e Biblioteche, Roma, 1982; J. E. Parker, The Forum of
Trajan in Rome. A Study of the Monuments, Santa Cruz, 1997
(California Studies in the History of Art, 31); A. La Regina, Le
guerre daciche, Roma e il foro, in La colonna traiana, a cura di
S. Settis, Torino, 1988, pp. 5-44, in particolare 43 s.

28

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 7 Civitavecchia, planimetria generale


delle Terme Taurine (da Torelli 1993).

stata correttamente rivendicata la funzione di centro curativo


termale35(fig. 7). Si tratta di un vasto ambiente rettangolare
(m 14,4 x 9,15), accessibile dal lato lungo attraverso un ampio varco articolato da due colonne; le pareti sono articolate
da nicchie inquadrate da colonne, destinate ad accogliere gli
armadi per i volumi, accessibili da un podio che corre lungo
Fig. 6 Roma, Foro di Traiano, restituzione dellalzato
della biblioteca occidentale (da Amici 1982).

coerente di alto valore simbolico, anche pi stringente se


si considera la ricostruzione, proposta recentemente, di un
monumentale propileo, che nella fase traianea avrebbe dato
accesso al cortile delle biblioteche da nord33. di et adrianea la biblioteca del grandioso complesso noto come Terme
Taurine, presso Civitavecchia, da molti studiosi identificato
con la villa imperiale che Plinio, riferendo di soggiorni di
Traiano, celebra come villa pulcherrima34, di cui invece
33. Il discorso ideologico, per il quale cfr. P. Zanker, Das Trajansforum als Monument imperiales Selbstdarstellung, in Archologische Anzeiger, 1970, pp. 499-544 , quindi Settis, La colonna,
cit. (n. 8) p. 46 ss., risulta rafforzato da questa ricostruzione:
R. Meneghini, Larchitettura del Foro di Traiano attraverso i
ritrovamenti archeologici recenti, in Rm. Mitt., 105, 1998, pp.
128-148, in particolare 139.
34. Ep. VI, 31: Pline le Jeune, Lettres, II, Livres IV-VI, a cura di
A.-M. Guillemin, Paris, 1955, pp. 138-142, in particolare 141
s.; per lidentificazione con una villa imperiale traianea cfr.

M. Torelli, in EAA, Supplemento 1970, 1973, s.v. Civitavecchia,


p. 234; Id., Etruria (Guide Archeologiche Laterza), Bari, 1993,
p. 234; S. Nardi, Da Centumcellae a Leopoli. Citt e campagna
nellentroterra di Civitavecchia dal II al IX sec. d.C., in MEFRMA, 105, 1993, pp. 481-553, in particolare 494 s. e n. 33; W. L.
MacDonald J. A. Pinto, Hadrians Villa and Its Legacy, New
Haven & London, 1995, passim.
35. W. Heinz, Die Terme Taurine von Civitavecchia, ein rmisches
Heilbad, in Antike Welt, 17, 1986, pp. 22-43; H. Manderscheid,
in EAA, II, Suppl. 2 (1971-1994), V, 1997, pp. 667-673, in particolare 668 s.; J. Khler, Die Terme Taurine bei Civitavecchia.
Publikationsstand Chronologie Bibliothek, in Rm. Mitt., 106,
1999, p. 365; la cronologia assicurata dai bolli laterizi: ibid., p.
371; al Khler si deve la ripresa degli scavi nel 1997, per i quali
cfr. anche Id., Zur Wasserbewirtschaftung der Terme Taurine bei
Civitavecchia, in Cura aquarum in Sicilia, Proc. of the Intern.
Congr. on Water Management and Hydraulic Engineering in the
Mediterranean Region (Syracuse May 1998), a cura di G.C.M.
Jansen, Leuven, 2000 (Bulletin Antieke Beschaving, Suppl. 6),
pp. 185-194; Id. A. Rapone, Die Terme Taurine bei Civitavecchia. Untersuchungen zur Chronologie und Funktion der Zentralen Thermalbadesle, in Boreas, 25, 2002, pp. 125-157.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

29

Fig. 8 Civitavecchia, pianta della biblioteca


delle Terme Taurine (da Bastianelli 1942).

Fig. 9 Tivoli, Villa Adriana, pianta della


biblitoeca (da Lugli 1927).

le pareti stesse36 (fig. 8). Lo schema del tutto analogo a


quello della biblioteca della Villa Adriana di Tivoli (fig. 9),
situata sul lato settentrionale del peristilio del quartiere
residenziale, in senso proprio una biblioteca privata, ma

36. S. Bastianelli, Nuove esplorazioni eseguite nelle Terme Taurine,


in Notizie degli Scavi, 1942, pp. 235-252; Torelli, Civitavecchia,
cit. (n. 34); MacDonald Pinto, Hadrians Villa, cit. (n. 34).

certo inserita nel contesto monumentale delle biblioteche


pubbliche imperiali37.
37. Khler, Die Terme Taurine, cit. (n. 35), p. 375, dove peraltro
la biblioteca attribuita alla fase repubblicana della villa, per
quale, e per il suo rapporto con la fase adrianea, cfr. G. Lugli,
Studi topografici intorno alle antiche ville suburbane VI. Villa
Adriana, in Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma, 55, 1927, pp. 139-204, in particolare p. 149 ss. e
201; pi recentemente L. L. Johnson, The Hellenistic and Roman

30

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 10 Roma, Terme di Traiano, esedra


della biblioteca occidentale (da Casson 2001).

Fig. 11 Roma, Terme di Traiano, particolare


della planimetria (da Lexicon Topographicum
Urbis Romae 1999).

La scansione a nicchie delle pareti spesso il solo


argomento addotto a favore dellidentificazione di una
biblioteca; in assenza di altri indicatori, esso in realt
assai fragile, come ha rilevato Filippo Coarelli a proposito
Library, Studies Pertaining to Their Architectural Form, Thesis
PhD, Brown University, Ann Arbor Michigan, University Microforms, 1984, p. 197 s.; MacDonald Pinto, Hadrians Villa, cit.
(n. 34), p. 35 e 62. Altri ambienti della villa sono stati interpretati
nel tempo come biblioteche: cfr. infra, n. 43.

delle biblioteche delle terme di Traiano38, identificate nei


due ampi emicicli uno dei quali, quello di sud-ovest, ancora conservato per una parte non trascurabile dellelevato
(fig. 10) situati in prossimit degli angoli sud-ovest e sudest del recinto del complesso (fig. 11), non contigui dunque,

38. F. Coarelli, Guida archeologica di Roma, Milano, 1974, p.


204 s.; pi in generale T. K. Dix G. W. Houston, Libraries in
Roman Baths?, in Balnearia, 4, 1996, p. 2 ss.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

ma collocati simmetricamente e affrontati39. In realt, tra I e


II secolo lo schema a nicchie, accompagnato oppure no da
un inquadramento con colonne, trova ampia applicazione, in
risposta ad un gusto architettonico attento allarticolazione
delle pareti e alla moltiplicazione degli elementi di arredo
scultoreo, che nelle nicchie trovano la loro collocazione
privilegiata40. Cos, lidentificazione con la Biblioteca
della Domus Aurea di un vano ad esedra al centro del lato
occidentale del cortile trapezoidale41, o con una biblioteca
di un edificio di Bulla Regia42, manca di reali argomenti;
altrettanto gratuita lidentificazione come biblioteca del
settore absidale di un ambiente basilicale prossimo al Teatro
Marittimo di Villa Adriana, con nicchie nelle pareti, rivestite peraltro di opus sectile, difficilmente quindi destinate
ad ospitare scansie per i libri, o di due ambienti compresi
nel Teatro Marittimo stesso43; ugualmente, che la basilica
Neptuni a Roma, la grande aula di et adrianea retrostante
39. K. De Fine Licht, Untersuchungen an der Trajansthermen
zu Rom, Copenhagen, 1974; sintesi in Lexikon Topographicum
Urbis Romae, V, 1999 (G. Caruso R. Volpe), pp. 67-69, con
bibliografia a p. 69.
40. Cfr. supra, n. 31. Da rilevare il riscontro che queste soluzioni
hanno nellarchitettura funeraria, con evidenze di particolare
interesse, quale il mausoleo H dei Valerii della necropoli sotto
la basilica di S. Pietro, caratterizzato da una specifica insistenza
sui segni della cultura , che rende forse non casuale lassonanza
con le strutture delle biblioteche: P. Liverani G. Spinola, Le
necropoli vaticane. La citt dei morti di Roma, Milano, 2010,
p. 92 ss. (citazione a p. 98).
41. G. Lugli, I monumenti antichi di Roma e suburbio, Roma 1930,
p. 211 ss.; De Gregori, Biblioteche, cit. (n. 1), p. 22 ss., fig. 14,
ripreso da Khler, Biblioteca, cit. (n. 1), p. 96; L. Bruce, Palace
and Villa Libraries from Augustus to Hadrian, in The Journal of
Library History, 21, 1986, p. 510-552, in particolare 522 ss.; il
vano n. 89 nella pianta a p. 18 di E. Segala I. Sciortino, Domus
Aurea, Milano, 2005 (I ed. 1999), dove si rileva correttamente
la gratuit dellipotesi, in assenza di tracce di scaffalature entro
le nicchie (p. 80: I. Sciortino).
42. E. M. Ruprechtsberger, Bulla Regia, in Antike Welt, 16, 1985,
pp. 13-34, in particolare 23, quindi M. Leglay, Une nouvelle
bibliothque municipale Bulla Regia en Afrique proconsulaire,
in Mlanges de la Bibliothque de la Sorbonne offerts A. Tuilier, Paris, 1988, pp. 52-60: cfr. K. Vssing, Die ffentlichen
Bibliotheken in Africa, in LAfrica romana, Atti del X convegno
di studio (Oristano, 11-13 dicembre 1992), a cura di A. Mastino P. Ruggeri, Sassari, 1994, pp. 169-183, in particolare 180
s.; contro questa identificazione anche Hanoune, Larchitecture
des bibliothques, cit. (n. 1), p. 111.
43. Cos Bruce, Palace and Villa Libraries, cit. (n. 41), p. 529 ss.;
H. Khler, Hadrian und seine Villa bei Tivoli, Berlin, 1950, p. 23;
S. Aurigemma, Villa Adriana, Roma, 1961, p. 64 ss.; cfr. anche,
per riserve espresse a titolo diverso, Makowiecka, Origin and
Evolution, cit. (n. 1), p. 74 s.; C. F. Giuliani, La villa Adriana, in
Adriano. Architettura e progetto, Catalogo della mostra, Tivoli,
Villa Adriana, 13 aprile 2000 7 gennaio 2001, Milano, 2000, pp.
45-56, in particolare 50; cfr. anche MacDonald Pinto, Hadrians
Villa, cit. (n. 34), p. 35 e passim.

31

il Pantheon44, corrisponda alla bibliotheca Panthei citata in


un papiro del III secolo45, suggerito soltanto da una generica assonanza planimetrica con la biblioteca della villa di
Civitavecchia da un lato, dallaltro con quelle delle terme di
Caracalla, che tuttavia, a parte lassenza di altri indicatori,
non tiene conto delle dimensioni delle nicchie nelledificio
del Campo Marzio, dellalternanza fra nicchie rettangolari e
semicircolari e del ruolo completamente diverso che le stesse
hanno nei confronti della struttura della parete46. Per quanto
riguarda le terme di Traiano, va peraltro rilevato senza che
possa costituire un argomento dirimente che la pianta ad
emiciclo sicuramente attestata dalla biblioteca di Timgad,
identificata grazie alliscrizione dedicatoria e datata genericamente al III secolo47 (fig. 12); lemiciclo, un semicerchio
44. Lexikon Topographicum Urbis Romae, I, 1993, s.v. Basilica
Neptuni (L. Cordischi), p. 182 s., dove si ipotizza che la sala
abbia avuto la funzione di luogo per incontri, per la trattazione
di affari, oppure anche che, al suo interno, possa essersi svolta
una qualche attivit commerciale (forse di beni di lusso).
45. Lexikon Topographicum Urbis Romae, I, 1993, s.v. Bibliotheca
Panthei (F. Coarelli), p. 197.
46. Sono riferite allambito privato, ma si basano su questi criteri o
altri ugualmente semplicistici, molte delle identificazioni proposte
in Bruce, Palace and Villa Libraries, cit. (n. 41). Una posizione
pi possibilista espressa da R. Hanoune, Larchitecture de la
bibliothque, cit. (n. 1), p. 110: Ce sont ces caractristiques matrielles, surtout les niches, qui permettent ventuellement, sans
sret mais sans scandale, de revendiquer comme bibliothques
des constructions insignes o lon avait vu des temples ; fra
gli esempi citati un edificio del foro di Cartagine (J. Deneauve,
Le centre monumental de Carthage. Un ensemble cultuel sur la
colline de Byrsa, in Carthage et son territoire dansw lantiquit,
IVe Colloque dHistoire et archologie de lAfrique du Nord (Strasbourg 1988), Paris, 1990, 1, pp. 143-145); il cosiddetto tempio
di Diana di Nmes, cfr. Callmer, Antike Bibliotheken, cit (n. 1), p.
177 s., su cui cfr. Gans, Der Quellbezirk von Nmes, cit. (n. 30),
per una pi corretta interpretazione come sala destinata al culto
imperiale nel quadro del santuario legato alla sorgente; e il tempio dei Lari pubblici del foro di Pompei, secondo unipotesi che
risale a A. Ballu, Les ruines de Timgad, antique Thamugadi. Sept
annes de dcouvertes (1903-1910), Paris, 1911, p. 10, ripresa da
L. Richardson jr., Pompeii. An Architectural History, Baltimore London, 1988 (II ed. 1997): proprio questultimo caso, con la sua
complessa planimetria (sintesi dei dati in A. e M. De Vos, Pompei,
Ercolano, Stabia, Bari, 1982 [Guide Archeologiche Laterza, 11],
p. 43) d la misura dellazzardo di queste ipotesi.
47. Ex liberalitate M. Iuli(i) Quintiani Flavi Rogatiani /
c(larissimae) m(emoriae) v(iri) quam testamento suo reipublicae
/ Coloniae Thamugadensium patriae suae le / gavit opus bibliothecae ex HS CCCC mil(ibus) num(mum) / curante republica
perfectum est: A. Ballu, Rapport sur les travaux de fouilles oprs
en 1904 par le Service des Monuments historiques, in BCTH,
1905, pp. 95-96 ; AEp 1908, 12; ILS 9362; da ultimo M. Leglay,
Snateurs de Numidie et des Maurtanies, in Atti del Colloquio
internazionale AIEGL su epigrafia e ordine senatorio (Roma, 1420 maggio 1981), Roma, 1982, pp. 755-781, in particolare 773.
Gli scavi, condotti nei primi anni del XX secolo, sono pubblicati
in P. Boeswillwald A. Ballu R. Cagnat, Timgad, une cit

32

GISELLA CANTINO WATAGHIN

Fig. 12 Timgad, pianta della biblioteca (da Khler 1959).

approfondito, segnato sullasse da una nicchia inquadrata


da due colonne aggettanti sul colonnato perimetrale48, si
apre sul fondo di un atrio, porticato su tre lati, affacciato sul
cardo della citt, sul quale era situato laccesso. Una serie di
vani laterali allemiciclo e alle spalle del portico dellatrio
potevano fornire spazi complementari per il deposito dei
libri o per lo studio; un elemento certo significativo della
funzione dellemiciclo dato dal podio che corre lungo
il suo perimetro, inteso a facilitare laccesso agli scaffali.
Proprio il podio stato indicato recentemente come uno
degli elementi caratterizzanti una biblioteca, insieme con
lo schema planimetrico, comprensivo della nicchia in asse
con lingresso, e lisolamento del vano49.
africaine sous lEmpire romain, Paris, 1905, che precede il ritrovamento del frammento di epigrafe che assicura lidentificazione
delledificio, cfr. anche R. Cagnat, Carthage, Timgad, Tbessa et
les villes antiques de lAfrique du Nord, Paris, 1909, p. 103 ss.;
H. F. Pfeiffer, The Roman Library at Timgad, in Memoirs of the
American Academy in Rome, 9, 1931, pp. 157-165; Makowiecka,
cit. (n. 1), p. 86 ss.; Strocka, Rmische Bibliotheken, cit. (n. 1),
p. 316 s.; Vssing, Die ffentlichen Bibliotheken, cit. (n. 42),
pp. 169-183, in particolare 173 ss.
48. La nicchia destinata evidentemente ad accogliere una statua,
verosimilmente di una divinit; mancano elementi per precisare
la localizzazione sempre che fosse nellambito della biblioteca
della statua eretta dalla respublica in onore del donatore (ob
munificentiam), la cui base venne ritrovata nel 1941 reimpiegata
nelle murature del forte bizantino: ne danno notizia Vssing (p.
173, n. 24) e prima di lui M. Leglay, La vie intellectuelle dune
cit africaine des confins de lAurs, in Hommages L. Hermann,
Bruxelles, 1960, pp. 485-491, in particolare 488.
49. M. Piranomonte A. Capodiferro, Terme di Caracalla. Lo scavo
della biblioteca sud-ovest, in La ciutat en el mn rom, Actes
14. Congrs internacional dArqueologia Clssica (Tarragona,
5-11/9/1993), Tarragona, 1994, II, pp. 333-335, in particolare 334.

AnTard, 18, 2010

Al di l delle singole varianti, lo schema della biblioteca


delle Terme Taurine si ritrova come nucleo di base nelle
altre biblioteche pubbliche monumentali contemporanee e
successive di cui sono noti resti strutturali, dalla biblioteca di
Celso ad Efeso a quella fondata da Titus Flavius Severianus
Neon a Sagalassos, da quella di Adriano ad Atene, fino alle
due biblioteche gemelle delle terme di Caracalla.
La biblioteca di Efeso, forse la pi nota, in quanto edificio, di quelle dellantichit, fondata allestremit inferiore
della via dei Cureti nel 113/114 e completata intorno al 135,
secondo quanto indicano le iscrizioni50, grazie ai restauri
(1970-1978) che sulla base dei materiali di scavo ne hanno
ripristinato una parte importante dellelevato51, ancora
oggi percepibile nella monumentalit della sua facciata
che proietta allesterno il gioco di nicchie e colonne su
tre livelli che articola le pareti interne (fig. 13, 14); una
intercapedine che corre lungo i tre lati del vano garantiva
al tempo stesso laccesso ai livelli superiori e una sorta
di climatizzazione dello spazio interno. Al centro della
parete di fondo una profonda esedra era, come di consueto,
destinata ad una statua di divinit; sotto di essa, ad un livello
inferiore, si apriva una camera funeraria, dove trovava posto
il sarcofago del fondatore52 (fig. 15). Al di l del precedente,
50. Per Tiberio Giulio Celso Polemeano, console, proconsole
dAsia, Tiberio Giulio Aquila Polemeano, console, suo figlio, fece
costruire la biblioteca di Celso con denaro proprio, provvedendo
anche alle decorazioni, alle statue, ai libri Per il mantenimento
della biblioteca e per lacquisto di libri lasci 25.000 denari.
Gli eredi di Aquila hanno completato lopera : R. Meri R.
Merkelbach J. Noll S. ahin, Die Inschriften von Ephesos,
VII, 2, Bonn, 1981, nn. 5001-5113; cfr. anche W. Wilberg, Die
Fassade der Bibliothek in Ephesus, in JAI, 11, 1908, pp. 118135 e per la pubblicazione conclusiva W. Wilberg M. Theuer F.
Tickler J. Keil, Die Bibliothek, Forschungen in Ephesos V, 1,
Wien, 1953, p. 75, n. 28; da ultimo P. Barresi, Province dellAsia
Minore. Costo dei marmi, architettura pubblica e committenza,
Roma, 2003, p. 378 s. Pur rimanendo sempre nellambito della
prima met del II secolo, la datazione discussa: cfr. V. M.
Strocka, Zur Datierung der Celsusbibliothek, in Proceedings of
the Xth International Congress of Classical Archaeology (AnkaraIzmir 1973), Ankara, 1978, pp. 893-900.
51. F. Hueber V. M. Strocka, Die Bibliotheken des Celsus. Eine
Prachtfassade in Ephesos und das Problem ihrer Wiederaufrichtung, in Antike Welt, 6, 1975, pp. 3-14; B. Fehr, Archologen,
Techniker, Industrielle. Betrachtung zur Wiederaufstellung der
Bibliothek des Celsus in Ephesos, in Hefaistos, 3, 1981, pp.
107-125.
52. Oltre che nei contributi specifici sulle biblioteche (fra gli altri
citati alla n. 1 Callmer, Bibliotheken, p. 167 ss.; Gtze, Antike
Bibliotheken, p. 232 ss.; Macowiecka, Origin and Evolution,
p. 62 ss.; Casson, Biblioteche, p. 114 ss.), ledificio presente
nei principali testi che trattano larchitettura romana di et
imperiale; ci limitiamo a ricordare Bothius Ward Perkins,
Etruscan and Roman Architecture, cit. (n. 31), p. 397; W. MacDonald, The Architecture of the Roman Empire. An Introductory Study, Revised Edition, Yale, 1982 (I ed. 1965); ; P. Gros,
Larchitettura romana, dagli inizi del III secolo A.C. alla fine

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

33

Fig. 13 Efeso, pianta della biblioteca di Celso (da Wilberg 1908).

Fig. 14 Efeso, biblioteca di Celso,


restituzione del prospetto (da Wilberg
1908).

34

GISELLA CANTINO WATAGHIN

Fig. 15 Efeso, sezione ricostruttiva della biblioteca


di Celso (da Wilberg 1953).

illustre, del sepolcro di Traiano nellambito del complesso


delle biblioteche, questa associazione trova un confronto
nella fondazione di Dione di Prusa ricordata da Plinio53,
che non ne riduce il carattere eccezionale, ma sottolinea la
complessit di valenze come e pi di quelle strettamente
dellalto impero. I monumenti pubblici, Milano, 2001 (ed. or.
Paris, 1996), p. 411 s.; Barresi, Province, cit. (n. 50), passim,
dove il rilevante impegno della fondazione messo in luce dalla
specifica attenzione per i materiali impiegati; alcune sculture
pertinenti alla decorazione esterna e interna sono conservate al
Kunsthistorisches Museum di Vienna; una rapida presentazione
in K. Gschwantler A. Bernard-Walcher A. Bammer, Funde
aus Ephesos und Samothrake, Katalog der Antikensammlung, II,
Wien, 1978, Kat. N. 159-162, p. 114 s.; per il sarcofago, il pi
antico noto della serie microasiatica a ghirlande, cfr. D. Monna
P. Pensabene, I marmi dellAsia Minore, Roma, 1977, p. 140 e
da ultimo Barresi, Province, p. 92 e n. 311.
53. Ep. X, LXXXI: la lettera concerne il problema del trasferimento alla citt delledificio eretto a proprie spese da Dione;
nelledificio, indicato semplicemente come opus, si trovavano una
statua dellimperatore e le sepolture della moglie e del figlio di
Dione (Adiecit etiam esse in eodem opere positam tuam statuam
et corpora sepultorum, uxoris Dionis, et filii); solo nella chiusa
della lettera viene precisato che Ipse in re presenti fui et vidi tuam
quoque statuam in bibliotheca positam, id autem, in quo dicuntur
sepulti filius et uxor Dionis, in area collocatum, quae porticibus
includitur: Plin., Letters, W.M.L. Hutchinson (d.), LondonCambridge, 1947, II, pp. 384-386; la formulazione della frase da
parte di Plinio suscita qualche interrogativo, in ragione di quel
dicuntur, che sembra suggerire una riserva da parte dellAutore
sulla effettiva presenza delle sepolture; cfr. P. Desideri, Dione
di Prusa. Un intellettuale greco nellimpero romano, MessinaFirenze, 1978, p. 387 ss.; Settis, La colonna, cit. (n. 8), p. 70 s.;
Barresi, Province, cit. (n. 50), p. 75.

AnTard, 18, 2010

funzionali di cui la biblioteca portatrice54. Fra queste,


va sottolineata quella urbanistica, che ne fa un fondale scenografico nel punto del raccordo fra la via dei Cureti e la
via dei marmi, a lato dellaccesso sud-orientale allagor
tetragona, monumentalizzato allinizio del I sec. ad opera
dei due liberti di Agrippa Mazeus e Mitridates55 (fig. 16).
Uno schema molto simile, dallarticolazione coloristica della
facciata su pi ordini mediante edicole aggettanti alternate a
nicchie, a quella delle pareti interne predisposte per lalloggiamento delle scansie, alla grande nicchia al centro della
parete di fondo, tanto che stato ipotizzato un collegamento
tra le due fondazioni, proposto circa negli stessi anni, poco
dopo il 120, dalla biblioteca fondata a Sagalassos (fig. 17),
la maggiore e pi ricca citt della Pisidia, da T. Flavius
Severianus Neon, esponente di una prestigiosa famiglia di
cavalieri, nota dallet vespasianea grazie a una cospicua
serie di iscrizioni celebrative56
Nella biblioteca di Adriano ad Atene (fig. 18, 19) la grande
sala, con le pareti articolate da nicchie, scandite da colonne
su due o tre livelli, che nei casi precedenti riassume in s tutte
le funzioni della biblioteca, inserita in un pi vasto, grandioso complesso, messo in luce sullo scorcio del XIX secolo
a breve distanza dallagor romana, a nord di questultima,
e identificato con quello celebrato da Pausania57; costituito
54. Per il nesso biblioteca / sepolcro e le sue implicazioni ideologiche cfr. Settis, La colonna, p. 60 ss.
55. P. Gros, in M. Torelli P. Gros, Storia dellurbanistica. Il
mondo romano, Roma-Bari 1988, p. 198 ss.; cfr. anche F. Hueber,
Der Embolos, ein urban Zentrum von Ephesos, in Antike Welt,
15, 1984, pp. 2-23.
56. M. Waelkens et al., The Sagalassos Neon Library. Mosaics
and its Conservation, in Sagalassos, V, M. Waelkens L. Loots (d.), Leuven, 2000, pp. 419-450, cui si rimanda anche per
limportante restauro di cui ledificio, riportato in luce negli
anni 1990-1992, fu oggetto tra il 1992 e il 1997; per le iscrizioni
cfr. M. Devijer, The Inscriptions of the Neon-Library of Roman
Sagalassos, in M. Waelkens J. Poblome (d), Sagalassos, II.
Report on the Third Excavation Campaign of 1992, Leuven,
1993 (Acta Archaeologica Lovaniensia, Monographiae, 6), pp.
107-123; Id., in Anne pigraphique, 1993, pp. 1555-1561; M.
Devijver M. Waelkens, Roman Inscriptions from the fifth
Campaign at Sagalassos, in M. Waelkens J. Poblome (d.),
Sagalassos IV: Report on the Survey and Excavation campaigns
of 1994 e 1995, Leuven, 1997 (Acta Archaeologica Lovaniensia,
Monographiae, 9), pp. 293-314; una sintesi in Barresi, Province,
cit. (n. 50), passim.
57. I, 18, 9: Adriano costru altri edifici in Atene: un tempio a
Era e a Zeus Panellenio e un santuario a tutti gli dei, ma le pi
mirabili sono le cento colonne di marmo frigio; anche le pareti di
questi portici sono del medesimo marmo; vi sono ambienti, dove
vengono conservati i libri, con i soffitti sono doro e di alabastro
e decorati con quadri e statue [] ; per il testo greco cfr. Pausanias Description of Greece, I, ed. W.H.S. Jones, London-Cambridge, MA, 1959, pp. 90 e 92. Lidentificazione del complesso
ateniese con una biblioteca stata messa in discussione da Daria
De Bernardi Ferrero, che ritiene che esso debba identificarsi con
il Pantheon menzionato da Pausania, cui sarebbero pertinenti

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

Fig. 16 Efeso, la via dei Cureti (da Oberleitner 1978).

35

36

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 17 Sagalassos, pianta della biblioteca (da Waelkens 2000).

Fig. 18 Atene, pianta della biblioteca


di Adriano (da Travlos 1971).

Fig. 19 Atene, sezioni ricostruttive degli ambienti del lato orientale della biblioteca di Adriano (da Sisson 1929).

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

da un cortile porticato di grandi dimensioni (m 82 x 60), con


il perimetro articolato da esedre rettangolari e semicircolari,
accessibile attraverso un protiro monumentale; sul lato opposto si trovava una serie di vani, disposti simmetricamente
sui due lati della sala in oggetto, che occupandone il centro
si qualifica come fulcro dellorganizzazione spaziale58. La
sala doveva essere destinata alle funzioni vere e proprie di
biblioteca alla conservazione dunque dei libri e alla lettura,
integrata in questo dai vani laterali e a riunioni, conferenze,
dibattiti, funzioni di rappresentanza connesse alla possibile
localizzazione nel complesso della sede del proconsole di
Acaia59, in una pluralit di destinazioni duso che propria
delle biblioteche romane fin dagli esempi pi antichi:
noto che la biblioteca presso il tempio di Apollo assume
occasionalmente anche le funzioni di curia, nel momento
in cui Augusto, con il pretesto dellet avanzata, vi radun
sovente il Senato60. Anche sotto questo aspetto la fondazione
adrianea riprenderebbe puntualmente le caratteristiche del
templum Pacis vespasianeo di Roma, concordemente riconosciuto come il suo modello architettonico, se corretta
lipotesi che vi avesse sede la praefectura urbis e che nel
grande vano absidato al centro del lato sud-orientale, laedes
Pacis, trovasse posto la biblioteca ricordata da Aulo Gellio e
dalla Historia Augusta61; in questo caso tuttavia, a differenza
le cento colonne: D. De Bernardi Ferrero, Ledificio nellinterno
della cosidetta Biblioteca di Adriano ad Atene, in Corsi di cultura sullarte ravennate e bizantina, 22, 1975, pp. 171-188; cos
anche W. Martini, Zur Benennung der sog. Hadriansbibliothek
in Athen, in Lebendige Altertumswissenschaft, Festgabe zur
Vollendung des 70. Lebensjahres von H. Vetters, Wien, 1985,
pp. 188-191 e A. Karivieri, The So-Called Library of Hadrian
and the Tetraconch Church in Athens, in Post-Herulian Athens,
a cura di P. Castrn, Helsinki, 1994, pp. 89-113, che interpreta
il cortile porticato come foro imperiale; in realt, il testo di
Pausania, se esplicito sul nesso portico/biblioteca, non sembra
necessariamente implicare il suo collegamento con il santuario
menzionato subito prima.
58. M. A. Sisson, The Stoa of Hadrian of Athens, in PBSR, 11,
1929, pp. 50-72; una sintesi della vasta bibliografia pi recente
in J. Travlos, Pictorial Dictionary of Ancient Athens, London,
1971, s.v. Library of Hadrian, p. 244 e ulteriore aggiornamento
in P. Castrn, General Aspects of Life in Post-Erulian Athens, in
Post- Erulian Athens, a cura di P. Castrn, Vammala, 1994, pp.
3-14, in particolare 4 ss.; per gli aspetti urbanistici cfr. P. Gros, in
Torelli Gros, Storia dellurbanistica, cit. (n. 54), p. 389.
59. Lipotesi risale a Sisson, p. 64 ss.; cfr. quindi F. Coarelli, Le
plan de via Anicia. Un nouveau fragment de la Forma Marmorea de Rome, in Rome. Lespace urbain et ses reprsentations,
a cura di F. Hinard M. Royo, Paris-Tours, 1991, pp. 65-81, in
particolare 79 s.
60. Cfr. supra, n. 28.
61. Noct. Att., V, 21, 9-10; XVI, 8, 2-3 (Aulo Gellio, Le notti
attiche, a cura di G. Bernardi-Perini, Torino, 1992, I, p. 584; II,
p. 1166); Hist. Aug. trig. Tyr. 31.10 (The Scriptores Historiae
Augustae, ed. D. Magie, III, Cambridge, MA-London, 1982 [I
ed. 1932], p. 144).

37

da quanto avviene ad Atene, gli scarsi resti individuati non


conservano traccia di apprestamenti specifici, n del resto,
i termini usati dalle fonti (templum, aedes:forum compare
solo nelle fonti tardoantiche) permettono dubbi sulle funzioni cultuali62.
Come nel foro e nelle terme di Traiano, anche nelle terme
di Caracalla (fig. 20, 21) e ancora allinizio del IV secolo
nelle terme di Diocleziano sembrano essere destinati a
biblioteca due spazi distinti, che nelle terme sono disposti
simmetricamente nel recinto che circonda il corpo termale
vero e proprio. Nel primo caso stata individuata quella
sud-occidentale (la seconda ricostruita allaltra estremit
del lato meridionale sulla base di disegni del XVII secolo63),
oggetto di indagini di scavo recenti (1983-1988), che hanno
precisato le caratteristiche dellambiente, confermandone
lidentificazione con una biblioteca64: un vano rettangolare
assai ampio (m 38,70 x 22,10), disposto trasversalmente sul
portico, con laccesso segnato da una sequenza di colonne
e le pareti scandite da due livelli di nicchie, inquadrate da
due ordini di colonne; il lato di fondo presenta al centro la
consueta nicchia semicircolare, piuttosto ampia in questo
caso, destinata dunque ad una statua colossale di divinit,
forse di Atena65; si aggiungono come elementi qualificanti
62. Una sintesi delle fonti in Lexicon Topographicum Urbis Romae,
IV, 1999, s.v. Pax, templum (F. Coarelli), pp. 67-70. Sul complesso
cfr. A. M. Colini, Forum Pacis, in Bullettino della Commissione
Archeologica Comunale di Roma, 65, 1937, pp. 7-40; L. Crema,
Larchitettura romana, Torino, 1959, p. 367 (che localizza le
biblioteche nei vani ai lati di quello centrale, il tempio vero e
proprio); G. Carettoni A. M. Colini L. Cozza G. Gatti, La
pianta marmorea di Roma antica, Roma 1960, ffr. 15a-c e 16,
tav. XX, p. 73 e pi recentemente P. Gros, Larchitettura romana,
cit. (n. 52), p. 238 s.; per la localizzazione della biblioteca cfr.
Makowiecka, Origin and Evolution, cit. (n. 1), p. 48 s. e 64 s.;
cos anche Coarelli, cit.; Gros, Larchitettura romana, p. 407;
sulla biblioteca cfr. anche infra, p. xx.
63. D. Kinney, Spolia from the Baths of Caracalla in Sta. Maria
in Trastevere, in The Art Bulletin, 68, 1986, pp. 379-386, fig.
17-19.
64. Piranomonte Capodiferro, Terme di Caracalla. cit. (n. 49),
pp. 333-335; Lexicon Topographicum Urbis Romae, V, 1999,
s.v. Thermae Antoninianae (M. Piranomonte), pp. 42-48, cui si
rimanda per la ricca bibliografia sul monumento. Lidentificazione
della biblioteca, che risale al Ghislanzoni, intervenuto nel 1912
sul monumento, oggetto di un primo scavo nel 1844 (E. Ghislanzoni, Scavi nelle Terme Antoniniane, in Notizie degli Scavi
di Antichit, 1912, pp. 311-312, stata messa in dubbio, senza
argomenti convincenti, da J. Tnsberg, Offentlige bibliotheker
i Romerriget det 2. rhundrede e. Chr., Copenhagen 1976: cfr.
Piranomonte Capodiferro, p. 335. La costruzione, iniziata nel
212, doveva essere completata nel 216, al momento dellinaugurazione del complesso: Piranomonte in Lexicon Topographicum
Urbis Romae, p. 42; cfr. anche Id., Le terme di Caracalla, in
Architettura di Roma antica, II, Milano, 1993, pp. 30-45, in
particolare 33.
65.Per lidentificazione cfr. Ghislanzoni, cit. (n. 64), p. 311;
M. Marvin, Freestanding Sculptures from the Baths of Caracalla,

38

GISELLA CANTINO WATAGHIN

Fig. 20 Roma, pianta delle Terme di Caracalla (da Lexicon Topographicum Urbis Romae 1999).

Fig. 21 Roma, Terme di Caracalla, pianta della biblioteca sud-occidentale (da De Gregori 1937).

AnTard, 18, 2010

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

39

il podio che corre lungo le pareti, per consentire un pi


agevole accesso agli armaria / scrinia, e lisolamento
climatico assicurato dai vani retrostanti. In analogia, nelle
terme di Diocleziano gli spazi della biblioteca, di cui certa
la presenza allinterno del complesso e la costituzione con
materiale librario della biblioteca Ulpia66, sono individuati
tradizionalmente in due ambienti rettangolari situati nel lato
sud-orientale del recinto, ai lati della grande esedra, i cui resti
tuttavia sono insufficienti per comprovare lipotesi67.
Queste biblioteche pubbliche a carattere monumentale e
le altre che la ricerca archeologica ha messo in luce quella
di Nysa68, quella dellAsklepieion di Pergamo, fondata da
Flavia Melitine69 (fig. 22) non sono che una frazione modestissima di quante dovettero esistere nel mondo romano;
nella loro occasionalit, le attestazioni disponibili, fornite da
testi letterari e epigrafici, ne provano la diffusione capillare
in tutti i centri urbani di una qualche importanza, in ambiente
greco di frequente associate ai ginnasi70, spesso quale esito
della munificenza di singoli cittadini71. Della loro possibile
struttura materiale, e della prevalenza, su implicazioni di
in AJA, 87, 1983, p. 374.
66. Hist. Aug. 2.1: cfr. infra, n. 91.
67. R. Paribeni, Le terme di Diocleziano e il Museo Nazionale
Romano, Roma, 1932 (II ed.), p. 26 s.; G. Lugli, I monumenti
antichi di Roma e suburbio, 3, Roma, 1938, p. 363; M. Santangelo, Il Quirinale nellantichit classica, in MemPontAcc, 4, 1941,
pp. 77-215, in particolare 196 e ancora E. W. Merten, Bder und
Badegepflogenheiten in der Darstellung der Historia Augusta
(Antiquitas. Reihe 4, Beitrge zur Historia-Augusta-Forschung),
Bonn, 1983, p. 29 ss.; Lexicon Topographicum Urbis Romae, V,
1999, s. v. Thermae Diocletiani (D. Candilio), pp. 53-58.
68. G. Hiesel V. M. Strocka, Die Bibliothek von Nysa am Meander: Vorlufiger Bericht ber di Kampagnen 2002-2006, in
AA, 2006, pp. 81-97.
69. O. Ziegerhaus G. De Luca, Das Asklepieion, in Altertmer
von Pergamon, XI, 2, Berlin, 1968; per altri esempi di biblioteche
nei santuari di Asklepio cfr. M. Melfi, I santuari di Asklepio in
Grecia, Roma, 2007, p. 124 s.; sintesi in Gros, Larchitettura
romana, cit. (n. 52), p. 412 s.
70. R. Nicolai, Le biblioteche dei ginnasi, in Nuovi annali della
Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari, 1, 1987, pp. 1748; Vssing, Die ffentlichen Bibliotheken, cit. (n. 42), p. 169
ss. e n. 4.
71. Le menzioni si ripetono nei diversi contributi citati alla n. 1:
per tutti cfr. Franchi, Le biblioteche, p.186. La pi famosa la
biblioteca fondata da Plinio il Giovane a Como, intorno al 96
d.C., nota da una lettera di Plinio stesso (Ep., 1, 8) e da una iscrizione frammentaria (CIL, V, 5262): T. K. Dix, Plinys Library at
Comum, in Libraries & Culture, 31, 1996, pp. 85-102, per altre
attestazioni cfr. ibid., p. 94; Wendel, Bibliothek, cit. (n. 1), col.
245; ricordiamo a titolo di esempio le iscrizioni di Sessa Aurunca,
che ricorda una bibliotheca Matidiana (CIL X, 4760) e quella
ritrovata reimpiegata, rovesciata, come copertura di una tomba
terragna in un cubicolo della catacomba di S. Cristina a Bolsena
(V. Fiocchi Nicolai, I cimiteri paleocristiani del Lazio. I. Etruria
meridionale, Citt del Vaticano, 1988 (Monumenti di Antichit
Cristiana, Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, II, 10), p.

Fig. 22 Pergamo, Asklepieon, pianta del settore occidentale


(da Altertmer von Pergamon 1968).

monumentalit, dellaspetto funzionale, testimoniano le due


diverse soluzioni proposte dalla biblioteca di Filippi e da
quella di Pantainos, nellagor di Atene. La prima (fig. 24),
realizzata nel II secolo, consiste in un semplice ambiente
rettangolare, situato nellangolo sud-orientale del foro, caratterizzato dalle consuete nicchie nello spessore delle pareti,
integrato verosimilmente dagli spazi degli ambienti laterali72;
la seconda (fig. 25), identificata da uniscrizione collocata
sullarchitrave dellingresso principale delledificio73, fu costruita nei primi anni del II secolo nellangolo sud-orientale
dellagor; occupa la parte centrale, interna, di un edificio,
che si affaccia con portici e retrostanti botteghe sulla via
delle Panatenee a ovest, sullestremit meridionale della
sto di Attalo a nord e a nord-est sulla via diretta allagor
166) ricorda che C. Manlius [] bibliothecam a solo [] cum
libris et statuis [] testamento dedit (CIL XI, 2704).
72. P. Collart, Philippes, ville de Macdoine, Paris, 1937, p. 338
s.; P. Weber, Le ct nord du forum de Philippes, in BCH, 110,
1986, pp. 531-581; M. Sve, in EAA, II Supplemento 1971-1994,
II, 1994, s.v. Filippi, pp. 663-665, in particolare 665.
73. R. E. Wycherly, The Athenian Agora, III. Literary And Epigraphical Testimonia, Princeton, 1957, p. 150.

40

gisella cantino wataghin

AnTard, 18, 2010

Fig. 23 Filippi, pianta del Foro (da Bulletin


de Correspondance Hellnique 1986).

Fig. 24 Atene, pianta della biblioteca di


Pantainos (da The Athenian Agora. A Guide
1976).

romana e ai quartieri orientali della citt74, e si articola su


un grande peristilio, sui cui lati settentrionale e orientale si
aprono tramite diaframmi colonnati tre vani, di cui uno, sul
lato orientale, emerge chiaramente per le sue dimensioni75. Si
tratta senza dubbio di unorganizzazione funzionale ad una
74. Per il suo ruolo urbanistico cfr. Gros, in Torelli Gros, Storia
dellurbanistica, cit. (n.55), p.388; sulla funzione economica
delle botteghe cfr. Dix, Plinys Library, cit. (n. 71), p. 96 s.
75. L.H. Shear, in Hesperia, 4, 1935, pp. 330-332, e per la conferma
della cronologia T.L. ShearJr, The Athenian Agora: Excavations
of 1973-1974, in Hesperia, 44, 1975, pp. 311-362, in particolare
343ss.; G.P. Stevens, ADoorsill from the Library of Pantainos,
in Hesperia, 18, 1949, pp. 269-274; A.W. Parsons, A Family
of Philosophers at Athens and Alexandria (Hesperia Suppl., 8),
Princeton, 1949, pp. 268-272; I. Travlos, Bildlexikon zur Topographie des Antiken Athen, Tbingen, 1971, pp. 432-435; H.A.
Thompson R.E. Wycherly, The Athenian Agora, XIV, Princeton,
1972, pp.114-116; A.Frantz, Late Antiquity, A.D. 267-700, The
Athenian Agora, XXIV, Princeton, 1988, p. 67.

biblioteca e alle diverse attivit di cui questa sede, anche


se solo le iscrizioni hanno resa possibile lidentificazione.
Non pu dunque stupire la difficolt di dare un riscontro
concreto alle biblioteche private, di cui pure noto il ruolo
svolto gi dalla tarda et repubblicana, in risposta ad un
complesso equilibrio fra interessi culturali dei proprietari,
funzioni pubbliche delle domus, valori di immagine76. Il
passo gi ricordato di Seneca stigmatizza pesantemente il
loro uso quale status symbol77 e la funzione di arredo degli
armaria di legno pregiato che accolgono le raccolte di libri;
non vi menzione esplicita di locali che, al di l della loro
funzione di contenitori, possano definirsi biblioteche nel
senso pieno del termine. Le poche indicazioni di Vitruvio
sono di ordine puramente funzionale: suggeriscono infatti
76. A. Zaccaria Ruggiu, Spazio privato e spazio pubblico nella citt
romana, Rome, 1995 (CFR, 210), p. 176 s.; per lAfrica cfr.
Vssing, Die ffentlichen Bibliotheken, cit. (n. 42), p. 169, n.3.
77. Cfr. supra, n. 12; tra le fonti antiche, la testimonianza di Vitruvio, al di fuori di ogni polemica, la pi esplicita: ibid.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

41

Fig. 25 Atene, iscrizione dedicatoria della


biblioteca di Pantainos (in alto) e iscrizione
con le norme per luso della biblioteca (da
Travlos 1971).

lorientamento della biblioteca ad oriente, per un miglior


sfruttamento della luce mattutina e a difesa dei volumi
dallumidit78. Questo criterio non in realt rispettato nella
villa dei Papiri di Ercolano, lunica evidenza sicura di biblioteca privata dellantichit79 (fig. 26, 27). Sulle implicazioni
culturali della raccolta degli oltre 1800 testi ritrovati si
sviluppato un ampio dibattito, cui si lega quello sul nome del
proprietario: identificato in un primo tempo con L. Calpurnio Piso Caesoninus, console del 58 a.C., di cui sono noti i
legami con Filodemo di Gadara, o con il figlio L. Calpurnius
Piso Pontifex, console del 15 a.C., pi recentemente, stato
proposto il nome di Appius Claudius Pulcher, cognato di

78. VI, 4, 1: Cubicula et bibliothecae ad orientem spectare debent;


usus enim matutinum postulat lumen, item in bibliothecis libri non
putrescunt: Vitruvius On Architecture, ed. F. Granger, Cambridge,
MA-London, 1985, p. 34.
79. Un quadro diverso offerto in L. Bruce, Palace and Villa
Libraries, cit : cfr n. 41 e testo corrispondente.

Lucullo80. Senza entrare nel merito della questione, non


rilevante in questa sede, ricordiamo che, impiantata nel II
secolo a.C., la villa assume nei decenni centrali del I secolo
la sua forma definitiva, quella di un grandioso impianto a
terrazze, su almeno tre livelli diversi; il settore principale,
noto dagli scavi in galleria della met del XVIII secolo, che
ne hanno ricostruito la planimetria, confermata da indagini

80. M. R. Wojcik, La Villa dei Papiri di Ercolano. Contributo alla


ricostruzione dellideologia della nobilitas tardorepubblicana,
Roma 1986; G. Sauron, Templa serena. A propos de la Villa des
Papyri dHerculanum: contribution ltude des comportements
aristocratiques romains la fin de la rpublique, in MEFRA, 92,
1980, 1, pp. 277-301 (ed. it. in La villa dei Papiri, in Cronache
Ercolanesi, 13, 1983, 2 suppl., pp. 69-82; a questi due contributi
si rinvia per lampia bibliografia relativa agli aspetti culturali e
filosofici della collezione ritrovata; in questa sede ci limitiamo a
segnalare G. Cavallo, I rotoli di Ercolano come prodotti scritti.
Quattro riflessioni, in Scrittura e civilt, 8, 1984, pp. 5-30.

42

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 26 Ercolano, pianta della villa dei Papiri (da Gros 2001).

Fig. 27 Ercolano, villa dei Papiri, particolare della pianta, sulla destra il settore della biblioteca (da Casson 2001).

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

recenti 81, formato da un gruppo di vani disposti intorno


ad un atrio e circondati su tre lati da portici, mentre sul
quarto lato, a nord-est, si trova un peristilio che tramite una
exedra costituisce la cerniera di collegamento con il grande
giardino porticato che si sviluppa verso ovest variamente
interpretato come ginnasio o come ninfeo82 e dove trovava
posto una parte importante della decorazione scultorea che
arricchiva la villa; sul lato orientale del peristilio minore si
trovano altri vani, fra i quali stata individuata la biblioteca:
una stanza di non grandi dimensioni (m 3 x 3 circa), lungo
le pareti della quale erano disposti scaffali di legno, mentre
un ulteriore scaffalatura si trovava sullasse del vano83, un
ambiente dunque che ha chiaramente la funzione di deposito
e non di sala di lettura o consultazione; parte del patrimonio
librario stato ritrovato in punti diversi della villa, in casse,
dove si ritiene fosse stato imballato, in vista del restauro
delledificio dopo il terremoto del 6284, ma anche possibile
che le capsae fossero contenitori duso dei volumina, troppo
numerosi per trovare posto soltanto negli scaffali del vano
deputato alla loro conservazione e comunque utilizzati, per
la lettura e le discussioni, al di fuori di esso. La loro presenza
nellexedra di passaggio al grande peristilio sarebbe allora
testimonianza della fulmineit della catastrofe che travolse la
villa nel 79 d.C. ugualmente modesto e privo di connotati
significativi il vano della casa del Menandro di Pompei, che

81. Dopo alcuni interventi degli anni 1996-1998, i lavori sono


ripresi nel 2003 da parte della Soprintendenza Speciale per
i Beni Archeologici di Napoli e Pompei nellambito del Progetto
integrato Pompei, Ercolano e Sistema archeologico Vesuviano
(POR Campania 2000-2006): B. Conticello U. Cioffi, Il rientro
nella Villa dei Papiri di Ercolano, in Restaurare Pompei, a cura
di L. Franchi DellOrto, Milano, 1990, pp. 173-190 (cfr. anche
C. Knight A. Jorio, Lubicazione della Villa Ercolanese dei
Papiri, in RendAccNapoli, LV, 1980, pp. 51-65; B. Conticello,
Dopo 221 anni si rientra nella Villa dei Papiri, in Cronache Ercolanesi, 17, 1987, pp. 9-13; A. De Simone, La Villa dei Papiri.
Rapporto preliminare: Gennaio 1986 Marzo 1987, in Cronache
Ercolanesi, 17, 1987, pp. 15-36 ); si hanno per ora solo notizie di
stampa sul ritrovamento, nel 2007, di un solium in legno e avorio;
sullarchitettura della villa cfr. anche G. Gullini, Larchitettura e
lurbanistica, in G. Pugliese Carratelli (ed.). Princeps Urbium.
Cultura e vita sociale dellItalia romana (Collana Antica Madre),
Milano, 1991, pp. 419-735, in particolare 521.
82. Gullini, Larchitettura e lurbanistica, cit.
83. Degli scavi del XVIII secolo danno notizia D. Comparetti G. De Petra, La villa ercolanese dei Pisoni. I suoi monumenti e
la sua biblioteca. Ricerche e notizie, Torino, 1883 (ed. an. Napoli,
1972) le vicende degli scavi sono riassunte in Wojcik, La Villa dei
Papiri, cit. (n. 80), p. 9, n. 12; cfr.anche C. Gallavotti, Nuovo contributo alla storia degli scavi borbonici di Ercolano (nella Villa
dei Papiri), in Rendiconti della Real Accademia di Archeologia,
Lettere e Belle Arti di Napoli, 20, 1939-1940, pp. 269-306.
84. Comparetti De Petra, p. 149 ss.; A. De Jorio, Officina de Papiri, Napoli 1825 (nuova ed. Napoli, 1998: cfr. Wojcik, p. 274.

43

si proposto di interpretare come biblioteca, in ragione delle


tracce di arredi ritrovate sulle pareti85.
3. LA

TARDA ANTICHIT

Il passaggio dal rotulo al codice e laffermarsi di


questultimo tra III e IV secolo86 non sembra aver implicato modifiche strutturali nelle biblioteche: gli armaria del
resto sono sufficientemente versatili e le loro dimensioni li
rendono perfettamente idonei ad ospitare i libri anche nella
nuova forma (fig. 28, 29); questi possono eventualmente
aver richiesto modifiche nellarredo senza che ci sia
verificabile a livello archeologico in ragione della diversa
maneggevolezza del rotulo e del codice, il cui peso rende
indispensabile il supporto di un tavolo o piuttosto di un
leggo, peraltro utilizzato anche per la lettura del volumen.
Meno semplice, come si accennato nella Premessa, dare
risposta allinterrogativo di quanto e come sulle biblioteche
abbiano invece inciso i fenomeni di trasformazione culturale,
sociale, economica che segnano la tarda antichit.
Intorno alla met del IV secolo i Cataloghi regionari registrano nella citt di Roma ventotto o ventinove biblioteche87,
senza tuttavia indicarne la localizzazione: una consistenza
certo rilevante, esito del progressivo incremento delle fonda85. L. Richardson Jr, The Libraries of Pompeii, in Archaeology, 30,
1977, pp. 394-402; Franchi, Le biblioteche, cit. (n. 1), p. 181.
pi recente lipotesi di identificare con una biblioteca lambiente a
lato del triclinio di una casa della regio VI di Pompei: V. Strocka,
Pompeji VI, 17, 41: Ein Haus mit Privatbibliothek, in Rm. Mitt.,
100, 1993, pp. 321-351.
86. Callmer, Antike Bibliotheken, cit. (n. 1), p. 122 ss.; pi recentemente J. van Haelst, Les origines du codex, in Les dbuts du
codex, Actes de la journe dtudes organise Paris les 3 et 4
juillet 1985, d. A. Blanchard, Turnhout, 1989, pp. 13-35; C. H.
Roberts T. C. Skeat, The Birth of the Codex, London, 1983;
G. Cavallo, Libri e pubblico alla fine del mondo antico, in Id. (a
cura di), Libri editori e pubblico nel mondo antico. Guida storica e critica, Roma-Bari, 1984, pp. 83-86; Id., Libro e cultura
scritta, in Storia di Roma, IV, Caratteri e morfologie, a cura di
A. Schiavone, Torino, 1989, pp. 693-734, in particolare 729 ss.;
Id., Testo, libro, lettura, cit. (n. 7), p. 325 ss.
87. Il numero di ventotto fornito dal Curiosum, quello di ventinove dalla Notitia: H. Jordan, Topographie der Stadt Rom in
Altertum, II, Berlin, 1871, p. 539-547; R. Valentini G. Zucchetti,
Codice topografico della citt di Roma, I, Roma, 1940, p. 63-188;
lelenco originale datato dal Jordan al 315/316, mentre le due
redazioni che ne dipenderebbero risalirebbero rispettivamente al
quarto decennio del secolo la Notitia, al sesto-settimo decennio il
Curiosum; una ricostruzione diversa, che riporta loriginale allet
dioclezianea e colloca le due versioni in sequenza, senza incidere
sostanzialmente sulla data dei testi pervenutici, in A. Nordh,
Libellus de regionibus Urbis, in Acta Instituti Romani Regni
Sueciae, 8, III, Lund 1949; cfr. da ultimo J. Arce, El inventario de
Roma: Curiosum y Notitia, in The Transformation of Urbs Roma
in Late Antquity, a cura di W. V. Harris, Porthmouth Rhode
Island, 1999, pp. 15-22.

44

GISELLA CANTINO WATAGHIN

Fig. 28 Ostia, Museo Nazionale: lettore con rotulo in posizione


di lettura, particolare di sarcofago con figura di medico-filosofo
(da Franchi 1993).

Fig. 29 Firenze, Biblioteca Laurenziana, Codex Amiatinus I, f


5: Esdra al lavoro per una nuova redazione della Bibbia
(da Nordenfalk 1995).

AnTard, 18, 2010

zioni in et imperiale, sulla cui linea, programmatica prima


ancora che strutturale, si colloca la biblioteca delle terme
di Diocleziano, non significativa dunque di una prospettiva
tardoantica, pur se cronologicamente ai suoi limiti: la fondazione pi recente, lultima di cui abbiamo conoscenza, dal
momento che mancano notizie sulla presenza di biblioteche
nei grandi complessi termali del pieno IV secolo, a Roma e
nelle capitali imperiali88. Dalla Historia Augusta sappiamo
che questa biblioteca venne costituita con libri provenienti
dalla Biblioteca Ulpia, senza che questo significhi automaticamente la chiusura di questultima, come generalmente
affermato89; in realt, verosimile che si sia trattato di un
provvedimento inteso ad allestire rapidamente la nuova istituzione, conferendole un patrimonio librario prelevato da
una biblioteca certamente assai ricca, in grado dunque di far
fronte ad un parziale depauperamento. La testimonianza di
Sidonio Apollinare, sopra ricordata, nella precisione con cui
localizza la statua di cui stato onorato90, non lascia dubbi
sul fatto che anche questa zona partecipi della continuit
monumentale e di uso del Foro, dal IV al VI secolo, che
emerge dalle menzioni ammirate di Ammiano Marcellino91
e ancora di Cassiodoro92, dalla serie di statue onorarie che
vi vengono dedicate nel IV e V secolo, fra cui numerose di
retori e poeti93, dalla evocazione di Venanzio Fortunato di
declamazioni virgiliane (Maro Traiano lectus in urbe foro)94.
Non importa tanto localizzare la sede precisa di questi
eventi allinterno del complesso forense95, quanto rilevare
88. Sul significato di queste fondazioni cfr. G. Cantino Wataghin,
La citt nellOccidente tardoantico: modelli di lettura della
documentazione archeologica, in Trentanni di studi sulla tarda
antichit: bilanci e prospettive, Atti del Convegno Internazionale,
Napoli, 21-23 Novembre 2007, a cura di U. Criscuolo L. De
Giovanni, Napoli 2009, 61-76, in particolare 66 s.
89. Cos anche R. Meneghini R. Santangeli Valenzani, Episodi di
trasformazione del paesaggio urbano nella Roma altomedievale
attraverso lanalisi di due contesti: un isolato di Piazza dei Cinquecento e larea dei Fori Imperiali, in Archeologia Medievale,
23, 1996, pp. 53-99, in particolare 77.
90. Cfr. supra, n. 12.
91. Verum cum ad Traiani forum uenisset, singulari sub omni
caelum structuram, ut opinamur, etiam numinum adsensione
mirabilem, haerebat [Costanzo] attonitus per giganteos contextus
circumferens mentem, nec relatu effabiles nec rursus mortalibus
adpetendos XVI, x, 15: Ammien, cit. (n. 3), p. 167.
92. Cassiod., Var.VII, 6, 1: Traiani forum vel sub assiduitate videre
miraculum est (d. A.J. Fridh [CCL, 96], Turnhout, 1983).
93. G. Lugli, Fontes ad topographiam veteris urbis Romae pertinentes, VI, Regio VIII, Roma, 1956, p. 43 ss.; R. Meneghini,
Il Foro e i Mercati di Traiano nel Medioevo attraverso le fonti
storiche e darchivio, in Archeologia Medievale, 20, 1993, pp.
79-120, in particolare 79 s.
94. Venant. Fortunatus, Carm. VII, 8, 26 ( d. M. Reydellet, Pomes, 2. Livres V-VIII [CUF], Paris, 1994).
95. Marrou suppose che fossero le esedre della piazza forense (H.
I. Marrou, La vie intellectuelle au forum de Trajan et au forum
dAuguste, in MFR, 49, 1932, pp. 93-110).

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

45

Fig. 30 Roma, pianta ricostruttiva del templus Pacis (da Gros 2001).

la persistenza da un lato di una non occasionale attivit intellettuale alla quale daltronde, riferendosi genericamente
a Roma, allude pi volte Ennodio96 e che evocata ancora
da Cassiodoro97 dallaltro delle strutture monumentali
del foro, dalle quali non c ragioni di escludere il nucleo
delle biblioteche. Lipotizzata provenienza delle lastre del
grande fregio reimpiegate nellarco di Costantino dal portico centrale, dove sarebbero state in opera a decorare la
parete esterna della basilica Ulpia98, non implica affatto che
tutto questo settore settentrionale del foro fosse in stato di
abbandono, o sia stato dismesso, allinizio del IV secolo99;
leventuale prelievo di parte delle lastre di rivestimento non
intacca la struttura delledificio, e le valenze ideologiche
concordemente riconosciute allintervento costantiniano in96. Ennod., Ep. V, 9, 2; V, 10, 3; VI, 15, 2; VI, 23, 1 (d. F. Vogel,
MGH, AA, Scriptores, 7, Berolini, 1885, rd. anast. 1961, p. 179;
180; 222 s.; 225 s.).
97. Cassiod., Institutiones, Praefatio: Cum studia saecularium
litterarum magno desiderio fervere cognoscerem [] (d.
R.A.B. Mynors, Oxford, 1937; 2a ed., 1967); su questo passo
cfr. infra, n. 163.
98. S. Stucchi, Tantis Viribus Larea della Colonna nella concezione generale del Foro di Traiano, in Foro Traiano Contributi
per una ricostruzione storica e architettonica, in Archeologia
Classica, 41, 1989, pp. 27-291, qui pp. 237-291, in particolare
267 s., dove viene sviluppato un suggerimento strutturale di
Amici, Foro di Traiano, cit. (n. 32), p. 15; sul problema della
provenienza dei rilievi e relative ipotesi (portici del foro? Basilica?) cfr. R. Bianchi Bandinelli, Roma. Larte romana nel centro
del potere, Milano, 1969, p. 235; Zanker, Das Trajansforum, cit.
(n. 33), p. 517.
99. R. Meneghini, Templum Divi Traiani, in Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma, 1996, pp. 47-78.

ducono ad escludere che debba essere chiamato in causa una


destrutturazione delledificio spoliato100. Questo non significa ipotizzare che il complesso abbia attraversato indenne i
secoli della tarda antichit; la prospettiva politica e culturale
teodericiana non estranea allelogio di Cassiodoro, che
del resto si inserisce in un discorso strutturato secondo i
canoni retorici della laudatio urbis101, ma sembra evidente
che un pur verosimile degrado non lo abbia intaccato se non
marginalmente, senza incidere sulle linee generali della sua
struttura monumentale. quanto stato verificato dalle pi
recenti indagini nel vicino templum / forum Pacis (fig. 30);
descritto anchesso da Ammiano102, coinvolto nel terremoto
del 408, i cui danni peraltro erano stati sollecitamente riparati, e in un successivo incendio provocato da un fulmine,
oggetto con linizio del IV secolo di trasformazioni in senso
commerciale della piazza103, forse non estranee alla deno100. Sulle vicende del foro in et tardoantica cfr. M. Milella P.
Pensabene, Introduzione storica e quadro architettonico, in Foro
Traiano, cit. (n. 98), pp. 33-54, in particolare 33 ss.
101. Cfr. Cantino Wataghin, Immagini della citt tardoantica, cit.
(n. 19), p. 161 s.
102. Amm., XVI, X, 14: cfr. supra, n. 62.
103. R. Santangeli Valenzani, I Fori Imperiali in et post-classica:
i fori di Cesare, Nerva e Pace, in S. Baiani M. Ghilardi (a c. di),
Crypta Balbi-Fori Imperiali. Archeologia urbana a Roma e interventi di restauro nellanno del Grande Giubileo, Roma, 2000,
pp. 79-82; M. Ghilardi, Trasformazioni del paesaggio urbano.
Il templum Pacis durante la guerra greco-gotica (a proposito di
Procop., Goth. IV, 21), in M. Ghilardi Chr. Goddard P. Porena,
Les cits de lItalie tardo-antique (IVe-VIe sicle). Institutions,
conomie, socit, culture et religion, Rome, 2006 (CFR, 369),
pp. 137-148, in particolare 140 ss.; per la sistemazione dellarea

46

gisella cantino wataghin

AnTard, 18, 2010

Fig. 31 Roma, settore sud-orientale del templum Pacis, pianta dellaula rettangolare della chiesa dei SS.
Cosma e Damiano e dellaula della Forma Urbis (da Castagnoli, Cozza 1956-1958).

minazione di forum che nelle fonti posteriori alla met del


IV secolo sostituisce quella originaria di templum104, dalla
narrazione di Procopio sembra sostanzialmente intatto ancora nella prima met del VI secolo105; malgrado inizino a
manifestarsi segni evidenti di destrutturazione106, questi non
incidono sostanzialmente sugli aspetti monumentali che
nemmeno la chiusura del tempio sullo scorcio del IV secolo
doveva aver messo in discussione e ancor pi sulla loro
percezione, non compromessa nemmeno dalla costruzione,
aperta centrale cfr. S.Rizzo, Il progetto Fori Imperiali, in Crypta
Balbi Fori Imperiali, p.70 s.; in relazione agli scavi recenti
cfr. anche S.Fogagnolo, Lo scavo del templum Pacis: concordanze e novit rispetto alla Forma Urbis, in Formae Urbis
Romae. Nuovi frammenti di piante marmoree dallo scavo dei
Fori Imperiali, a cura di R. Meneghini R. Santangeli Valenzani,
Roma, 2006, p. 61-74.
104. La dizione Templum Pacis identifica ancora la IVRegio nei
Cataloghi Regionari: E.La Rocca, La nuova immagine dei fori
Imperiali. Appunti in margine agli scavi, in Rm Mitt., 108, 2001,
pp. 171-213, in particolare 202.
105. Proc., Bellum Goth., 4, 21; cfr. M.Ghilardi, Trasformazioni
del paesaggio urbano. Il templum Pacis durante la guerra
greco-gotica (a proposito di Procop., Goth. IV, 21), in Ghilardi,Goddard Porena, Les cits de lItalie tardo-antique, cit.,
pp. 137-148; in questo senso gi A.Augenti, in EAA, Suppl. 2,
1971-1994, IV, !996, s.v. Roma. V) Let tardoantica. f) Fori
imperiali, pp.966-967, in particolare 967; cfr. anche LaRocca,
La nuova immagine, cit.
106. Questi sono segnalati dalluso funerario di parte della piazza,
dove stato individuato un nucleo di sepolture di VI secolo, forse
parte di una pi vasta area funeraria associata alla chiesa dei SS.
Cosma e Damiano: M. Capponi M. Ghilardi, Scoperta, nel templum Pacis, di unarea sepolcrale probabilmente contemporanea
alla fondazione dei SS. Cosma e Damiano, in Ecclesiae Urbis. Atti
del convegno internazionale di studi sulle chiese di Roma, IV-X
secolo (Roma 4-10 settembre 2000), a cura di F.Guidobaldi
A.Guiglia Guidobaldi, Citt del Vaticano, 2002, pp. 733-756;
Ghilardi, Trasformazioni del paesaggio urbano, cit., p. 142 ss.

tra 526 e 530, sotto il pontificato di Felice IV, della chiesa


dei SS. Cosma e Damiano, che viene ad occupare langolo
sud-orientale del complesso107 (fig.31). Essa reimpiega le
murature di un vano, quello sulla cui parete settentrionale
era affissa la Forma Urbis, che, in ragione della presenza di
una serie regolare di nicchie sulle pareti, molti studiosi identificano con la biblioteca108; secondo altri, questa avrebbe
invece occupato il vano principale, in analogia con quanto
avviene ad Atene, nella biblioteca di Adriano109. In effetti le
nicchie delle pareti superstiti, per la loro disposizione piuttosto distanziata e per lalternanza di due profondit diverse,
di cui una minima, non paiono corrispondere agli schemi
usuali delle biblioteche; daltro canto, non ne traccia sulle
pareti del vano principale, il cui unico tratto significativo
potrebbero essere i corridoi laterali e gli spazi sul fondo,
che creano una sorta di intercapedine. Comunque possa
risolversi la questione, molta parte delle strutture dellantico
complesso architettonico, comprese dunque quelle della
biblioteca, doveva ancora sussistere.
Mentre mancano dati precisi per le terme di Traiano e
quelle di Diocleziano, indizi e segni di continuit duso
almeno fino al VI secolo sono accertati per le terme di
Caracalla, celebrate da fonti del V secolo, quando sono
documentati lavori di restauro, e oggetto di interventi
ancora in et teodericiana110 mentre nei Dialoghi di Gre107. R. Krautheimer, Corpus Basilicarum Christianarum Romae, I,
Citt del Vaticano, 1937, pp. 137-143; da ultimo H. Brandenburg,
Le prime chiese di Roma IV-VII secolo. Linizio dellarchitettura
ecclesiastica occidentale, Milano, 2004 (ed. or. Regensburg,
2004), pp. 222-231 sinteticamente S. Episcopo, in Lexicon
Topographicum Urbis Romae, I, Roma 1993, s.v. SS. Cosma et
Damianus, basilica, pp. 324-325.
108. Fra questi, Crema, Larchitettura romana, cit. (n.62).
109. Cfr. supra, n. 58.
110. Lexicon Topographicum Urbis Romae, V, 1999, s.v. Thermae
Antoninianae (M. Piranomonte), p.43. Greg. Mag., Dial., IV,

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

47

Fig. 32 Efeso, prospetto della libreria di


Celso, al momento della scoperta (1903); in
primo piano le lastre del monumento dei Parti
(da Oberleitner 1978).

gorio magno appaiono ancora attive le Terme Taurine di


Civitavecchia.
Come nel caso dei templi, la conservazione delle strutture materiali delle biblioteche, implicita in quella dei
complessi nei quali sono inserite, un fatto indipendente
dalla persistenza delle loro funzioni duso. Rientra infatti
nella prospettiva non della fruizione del loro patrimonio
bibliografico, un problema del resto aperto anche per i primi
secoli imperiali, ma della loro valenza come componente
di quel quadro urbano monumentale, la cui conservazione
oggetto di attenzione a partire dal momento in cui si delinea la sua crisi: i precedenti dei ben noti provvedimenti
legislativi di Teoderico risalgono al IV secolo111. In questo
senso, significativa la vicenda della Biblioteca di Celso
a Efeso: danneggiata da un terremoto sullo scorcio del IV
secolo, il corpo delledificio venne abbandonato, mentre la
facciata venne restaurata, accentuandone il valore di fondale
scenografico alla via dei Cureti con lapprestamento di una
fontana, il cui prospetto era costituito da lastre recuperate dal
monumento dei Parti112 (fig. 32, 33). Anche la biblioteca di
LXVII, 3-5.
111. Una sintesi in G. Cantino Wataghin, ut haec aedes Christo
domino in ecclesiam consecretur. Il riuso cristiano di edifici antichi tra tarda antichit e alto medioevo, in Ideologie e pratiche del
reimpiego nellalto medioevo (Settimane CISAM, XLVI), Spoleto, 1999, pp. 673-749, in particolare tabelle a p. 735 ss.; cfr. anche
A. Geyer, Ne ruinis urbs deformetur. stetische Kriterien in
der sptantiken Baugestezgebung, in Boreas, 16, 1993, pp. 63-77.
112. M. Oberleitner, Katalog der Antikensammlung,, II, Funde
aus Ephesos und Samotrake, Wien, 1978, pp. 66-94, nn. 59-85,
in particolare nn. 61, 62, 65-68, 73, 81, 82; la parte principale
dei rilievi del monumento dei Parti (13 frammenti), per il quale
cfr. F. Eichler, Zum Partherdenkmal von Ephesos, in JAI, 49,
1971, 2. Beiheft, pp. 102-106; T. Ganschow, berlegungen zur
Parthermonument von Ephesos, in AA, 1986, pp. 209-221,

Sagalassos venne dismessa, a seguito di un incendio legato a


disordini interni alla citt, alla fine del IV secolo, poco dopo
essere stata oggetto di interventi di potenziamento strutturale
e decorativo113: in questo caso ledificio smantellato per il
recupero di materiali per la costruzione delle mura, tuttavia
significativo che molte iscrizioni siano state reimpiegate nel
ninfeo dellagor superiore, segno evidente del prestigio
attribuito alla fondazione di Neone.
La vicenda delle biblioteche di Atene appare pi
complessa. Una sua ricostruzione dipende in misura non
trascurabile dalle valutazioni dellimpatto che ebbe sulla
citt linvasione degli Eruli del 267: irrimediabilmente
devastante del tessuto urbano, secondo linterpretazione
tradizionale, drammatico, ma non irreversibile, secondo
opinioni pi meditate e pi attente ai dati archeologici. in
discussione, in particolare, la cronologia delle mura interne
che obliterano la biblioteca di Pantainos, reimpiegandone,
come si accennato, una parte importante dei materiali
stato ritrovato nel 1903 sul gradino inferiore della scalinata della
biblioteca di Celso; nel 1904 tre frammenti sono stati ritrovati
presso lOttagono; altri frammenti sono stati trovati dispersi: cfr.
Wilberg et al., Die Bibliothek, cit. (n. 50); del monumento dei
Parti sono stati ritrovati resti del basamento a est della biblioteca:
W. Jobst, Embolosforschungen, I in JAI, 54, 1983, pp. 149-250,
in particolare 226 ss.
113. Gli interventi (fase 3) comprendono il rinnovamento della
facciata e la realizzazione di un mosaico pavimentale, firmato
da Dioscoro, con emblema con la partenza di Achille per Troia:
M. Waelkens et al., The Late Antique to Early Byzantine City in
Southwest Anatolia. Sagalassos and its Territory: A Case Study,
in Die Stadt in der Sptantike Niedergang oder Wandel?, Akten
des internationalen Kolloquiums in Mnchen am 30. und 31. Mai
2003, J.-U. Krause Ch. Witschel (d.), Stuttgart, 2006 (Historia
Einzelschriften, 190), pp. 199-255, in particolare 219 s.; cfr. anche
M. Waelkens et al., The Sagalassos Neon Library, cit. (n. 56).

48

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 33 Vienna, Kunsthistorisches


Museum, Antikensammlung; lastra
dal monumento dei Parti di Efeso
(da Oberlaitner 1978).

architettonici e liscrizione dedicatoria. Datate variamente


in passato tra la met del III secolo e il XV secolo114, sono
state in seguito considerate una reazione allinvasione degli
Eruli115, sulla base di unevidenza archeologica di cui per
114. Sintesi in I. Baldini Lippolis, La monumentalizzazione
tardoantica di Atene, in Ostraka, 4, 1995-1, pp. 169-190, in
particolare 171 s.
115. L. H. Shear, The American Excavations in the Athenian Agora:
Fourteenth Report. The Campaign of 1937, in Hesperia, 7, 1938,
pp. 311-362, in particolare 332 s.: la cronologia precisata allultimo quarto del III secolo, sulla base di un gruzzolo di monete,
la pi recente di Probo (276-282), ritrovato sotto le fondazioni;
A. Frantz H. A. Thompson J. Travlos, Late Antiquity: A.D.
267-700 (The Athenian Agora, XXIV), Princeton, 1988, p. 5 ss.;
51 ss.; unanalisi particolareggiata delle mura in J. Travlos, The
Post-Erulian Wall, ibid., pp. 125-141. Cfr. anche P. Castrn, The
Post-Herulian Revival of Athens, in S. Walker Av. Cameron
(edd.), The Greek Renaissance in the Roman Empire. Papers
from the Tenth British Museum Classical Colloquium (Bulletin
Supplement, 55), 1989, pp. 45-49; P. Castrn, General Aspects of
Life in Post-Herulian Athens, in Post-Herulian Athens. Aspects
of Life and Culture in Athens A.D. 267-529, a cura di P. Castrn

stata dimostrata lambiguit e dunque la fragilit116. Anche


per le mura di Atene si propone il problema di molte delle
fortificazioni tardoantiche, tradizionalmente associate alle
invasioni del III secolo, la cui costruzione appare oggi un
fenomeno assai articolato, nel quale la valutazione della
cronologia dei singoli episodi deve tenere conto di diverse
variabili, non escluse quelle politiche117. Nello specifico,
(Papers and Monographs of the Finnish Institute at Athens, 1),
Helsinki, 1994, pp. 1-14.
116. Baldini Lippolis, La monumentalizzazione tardoantica, cit.
(n. 114), p. 173 s.
117. Il problema stato approfondito in maniera particolare per le
province occidentali; fra i contributi pi recenti cfr. L. Maurin,
Remparts et cits dans les trois provinces du Sud-Ouest de la
Gaule au Bas-Empire, in Villes et agglomrations urbaines antiques du Sud-Ouest de la Gaule. Deuxime colloque Aquitania,
Bordeaux 13-15 septembre 1990, Bordeaux, 1992, pp. 365-389;
M. Redd, Diocltien et les fortifications militaires de lantiquit
tardive. Quelques considrations de mthode, in AnTard, 3, 1995,
pp. 91-124; G. Cantino Wataghin, Spazio urbano tardoantico:
insediamenti e mura nellItalia Annonaria, in Albenga citt epi-

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

49

Fig. 34 Atene, pianta del settore orientale dellAgor (da The Athenian Agor 24).

pur non potendogli attribuire un peso decisivo, da rilevare


come la collocazione allesterno delle mura di un edificio
come il Palazzo dei Giganti e la posizione fortemente
esposta del tetraconco della Biblioteca di Adriano sono
argomenti forti contro la loro esistenza nel V secolo: non si
tratta infatti di una semplice persistenza dellabitato fuori
delle cinte murarie ridotte, che fatto relativamente usuale,
ma della realizzazione ex-novo di edifici di alto prestigio,
forse di committenza e di pertinenza imperiale118. In questa
situazione, il problema della biblioteca di Pantainos non
scopale. Tempi e dinamiche della critianizzazione tra Liguria di
Ponente e Provenza, Convegno Internazionale e Tavola Rotonda,
Albenga, Palazzo Vescovile: Sala degli Stemmi e Sala degli
Arazzi 21-23 settembre 2006, a cura di M. Marcenaro, GenovaAlbenga 2007, pp. 109-146, in particolare 109 ss.; M. Heijmans,
Les villes de lantiquit tardive: enceinte et tissu urbain en Gaule
mridionale, ibid., pp. 149-168, in particolare 149 ss.
118. Il complesso residenziale noto come Palazzo dei Giganti
attribuito allimperatrice Eudocia, sulla base del ritrovamento
nellarea delledificio di una iscrizione dedicatoria di una statua:
E. Sironen, An Honorary Epigram for Empress Eudocia in the
Athenian Agora, in Hesperia, 59, 1990, pp. 371-374; sintesi
in I. Baldini Lippolis, La domus tardoantica. Forme e rappresentazioni dello spazio domestico nelle citt del Mediterraneo,
Imola, 2001, p. 157 s.; per il tetraconco si supposto che sia
stato la cattedrale di Atene (cenno in D. Pallas, Le baptistre
dans lIllyricum Oriental, in Actes du XIe Congrs International
dArchologie Chrtienne. Lyon, Vienne, Grenoble, Genve et
Aoste, 2128 Septembre 1986 (CFR, 123 Studi di Antichit
Cristiana, 41), Rome, 1989, vol. 3, pp. 2486-2490), unipotesi
che si scontra con lassenza del battistero (ibid. p. 2485); per un
quadro di sintesi dellattivit costruttiva nellAgo cfr. I. Baldini Lippolis, Sistema palaziale ed edifici amministrativi in et

pu che rimanere aperto; nel primo quarto del V secolo fu


effettuato un intervento di restauro al portico lungo la via
che conduce allagor romana119; daltro canto la domus
che intorno al 420 viene costruita ad est della biblioteca,
prospiciente con botteghe e antistante portico sulla stessa
strada120 (fig. 34), rispetta larea occupata dalla biblioteca,
suggerendone la persistenza a livello strutturale: unipotesi,
di cui si auspica la verifica. Per quanto riguarda la biblioteca
di Adriano, a seguito di danni, attribuiti allinvasione erula o
allassedio di Alarico, nel 396 che si ritengono responsabili
del quadro di desolazione della citt descritto da Sinesio intorno al 400, una deduzione in qualche misura semplicistica,
a fronte della natura di questo testo121 il complesso sub un
restauro importante allinizio del V secolo, nello specifico
protobizantina: il settore settentrionale dellAgor di Atene, in
OCNUS, 11, 2003, pp. 9-23.
119. Frantz, Late Antiquity, cit. (n. 75), p. 67.
120. T. L. Shear Jr, The Athenian Agora: Excavations of 1972,
in Hesperia, 42, 1973, 359-407, in particolare 385 ss.; Id., The
Athenian Agora: Excavations of 1973-1974, in Hesperia, 44,
1975, pp. 311-362, in particolare 332 ss.; Frantz, Late Antiquity,
p. 67; Baldini Lippolis, La monumentalizzazione tardoantica,
cit. (n. 114), p. 181.
121. Una visita di Sinesio ad Atene si colloca tra 395 e 400 (A. Fitzgerald, The Letters of Synesios of Cyrene, London 1926, p 17);
la lettera va inquadrata nel suo atteggiamento verso Atene e nelle
sue motivazioni, nonch in un certa retorica anti-urbana, che
sullo scorcio del IV secolo si ritrova ad esempio in Ambrogio e
Girolamo: Cantino Wataghin, Immagini della citt, cit. (n. 19),
p. 162 s.; cfr. anche A. Frantz, From Paganism to Christianity
in the Temples of Athens, in DOP, 19, 1965, pp. 185-205, in
particolare 190.

50

GISELLA CANTINO WATAGHIN

nel secondo decennio, qualora si accetti di attribuirlo al prefetto dellIllirico Erculio (408-412), cui venne dedicata da
Plutarco, il sofista fondatore dellAccademia neo-platonica,
una statua, di cui si conserva la base, ritrovata nel portico
antistante la biblioteca122. In tutte o solo in parte delle sue
funzioni ledificio doveva dunque essere attivo quando al
centro dellarea porticata venne costruito il grande edificio quadrilobato, datato entro la prima met del V secolo
(fig. 35, 36): verosimilmente nel secondo quarto, in base
alle caratteristiche dei mosaici conservati123; insieme con
limpegno architettonico delledificio, questa datazione
ha favorito lipotesi che esso sia frutto di una iniziativa
dellimperatrice Eudocia, cui la tradizione purtroppo senza
il sostegno di alcuna evidenza attribuisce la committenza
in Atene di dodici chiese124. Malgrado in passato siano state
avanzate riserve sulla funzione cultuale delledificio, ormai certo che si tratta di una chiesa, che dal punto di vista
architettonico si inserisce in una serie ben nota, diffusa nelle
province orientali e presente con episodi di grande rilievo
anche in Occidente125; un suo ruolo di cattedrale del tutto
ipotetico, poco compatibile tanto con lassenza di battistero,
quanto con il precoce abbandono delledificio.
Quale ne sia stato il rapporto con luso dei vani sul lato
orientale del complesso, problema ancora interamente da
chiarire. Come gi sottolineato a proposito delle biblioteche
di Roma, leventuale continuit strutturale delledificio,
anche se verificata, non sarebbe prova di una analoga continuit delle sue funzioni originarie; nel caso di Atene, queste
si confrontano per con una vita intellettuale che rimane
assai vivace nella seconda met del IV secolo, nel corso del
V e ancora allinizio del VI, fino alla chiusura delle scuole
filosofiche da parte di Giustiniano nel 529, della quale la
biblioteca pu rappresentare una logica componente. Non va
peraltro sottovalutato lo spunto offerto dalla definizione data
da Armando Petrucci del libro miscellaneo, una produzione
122. IG II2 4224; per unaltra statua eretta ad Erculio cfr. Frantz,
Late Antiquity, cit. (n. 75), p. 192; Ead., From Paganism, p.
192.
123. Frantz, Late Antiquity, p. 73.
124. D. De Bernardi Ferrero, Ledificio nellinterno della cosidetta
Biblioteca di Adriano ad Atene, in corsi di Cultura sullArte
Ravennate e Bizantina, 22, 1975, pp. 171-178; A. Karivieri,
The So-Called Library of Hadrian and the Tetraconch Chruch
in Athens, in Post-Herulian Athens, cit. (n. 115), pp. 89-113, in
particolare 111 s.; J. Burman, The Athenian Empress Eudocia,
ibid., pp. 63-87, in particolare 83.
125. Per la conclusiva identificazione della funzione liturgica
delledificio cfr. J. Travlos,
, in .
60 , I, Atene 1986, p. 343
ss.; lo status quaestionis in Karivieri, The So-Called Library of
Hadrian, cit. (n. 57), p. 105 ss., dove si riprende la proposta di
attribuire la fondazione della chiesa allimperatrice Eudocia;
per il tipo architettonico cfr.W. E. Kleinbauer, The Double-Shell
Tetraconch Building at Perge in Pamphylia and the Origin of the
Architectural Genus, in DOP, 41, 1987, pp. 277-293.

AnTard, 18, 2010

Fig. 35 Atene, biblioteca di Adriano, pianta della fase di V


secolo (da Travlos 1971).

tipica della tarda antichit, di biblioteca senza biblioteca126,


che suggerisce la possibilit di modi di insegnamento, di
apprendimento, di attivit culturale diversi da quelli dei
primi secoli dellimpero.
A fronte degli interrogativi che pone il divenire delle
biblioteche pubbliche nella tarda antichit, le biblioteche
private non sembrano aver conosciuto alcuna crisi sostanziale, continuando a far parte del quadro e dello stile di vita
dellaristocrazia; le attestazioni testuali sono numerose e
ben note, dalla bibliothecula di Simmaco, nella quale
rappresentata tutta la letteratura latina127, a quelle di Pretestato, di Proba, una parente di Cassiodoro, di Cassiodoro
stesso, che si possono immaginare ugualmente ben fornite128;
altrettanto dovettero essere quelle di Ferreolo, di Lupo, di

126. A. Petrucci, Dal libro unitario al libro miscellaneo, in Societ


romana e impero tardoantico, a cura di A. Giardina, IV, Luso
dei classici, trasformazioni della cultura, Roma-Bari 1986, pp.
173-187, in particolare 179.
127. Ep. IV, XVIII (ad Protadium, a. 396): cfr. A. Marcone, Commento storico al libro IV dellepistolario di Q. Aurelio Simmaco,
Pisa, 1987.
128. Macr., Sat. 1, 6, 1: (ed. N. Marinone, Torino, 1977 [I ed. 1967],
p. 138); Cassiod., Institutiones I, 23, 1.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

51

Fig. 36 Atene, pianta e sezione ricostruttiva del triconco


della biblioteca di Adriano (da
Travlos 1971).

Consenzio, ricordate da Sidonio129, che magnificando lager


di Consenzio, la sua posizione, la sua architettura, in un
quadro emblematico di una villa aristocratica tardoantica
e della vita che vi si conduce, lo dice thesauris bibliothecalibus large refertus, cos come quella di Gerolamo,
quam [la biblioteca] mihi Romae summo studio ac labore

129. Ep. II, 9; VIII, 11; VIII, 4: (d. A. Loyen, Sidoine Apollinaire,
[CUF], 2. Lettres (Livres I-V), pp. 63-67, in particolare 64-65;
3. Lettres (Livres VI-IX), pp. 110-111 e 89.

confeceram130, quella di Agostino131. Si tratta di biblioteche


private, di pertinenza di intellettuali e esponenti del clero
cristiano, ma che sarebbe improprio definire cristiane; la
loro composizione fa certo spazio ai testi cristiani, scritturali,
teologici, catechetici, ma spazio non meno ampio lasciato
130. Hier., Ep. 22. 30: PL 22, col. xxx; dopo il suo trasferimento
in Terrasanta Gerolamo applic cura non minore alla formazione
di una biblioteca a Betlemme: Caltabiano, Litterarum lumen.
Ambienti culturali e libri tra il IV e il V secolo, Roma, 1996. p.
38 ss.; cfr. anche T.M. Tanner, A History of Early Christian Libraries from Jesus to Jerome, in The Journal of Library History
(1974-1987), 14. 4, 1979, pp. 407-435, in particolare 423 s.
131. Tanner, Private Libraries, cit., p. 423.

52

GISELLA CANTINO WATAGHIN

agli autori pagani: se Gerolamo pu temere di essere definito ciceronianus, non christianus132, le presenze classiche
negli scritti dei padri della chiesa sono pi che eloquenti
di una continuit culturale che non messa in discussione
dalle riserve di ordine religioso che essi possono esprimere
sulla produzione pagana e di un imprescindibile accesso a
questultima133.
In questa sede importa peraltro rilevare come linterpretazione delle fonti non sia univoca, in ragione della
pluralit di significati che conserva il termine bibliotheca,
esteso dalla raccolta di libri al locale in cui sono custoditi in una bivalenza che propria anche delle lingue
moderne indicando anche larmadio o la cassa che li
contengono134, quando non unopera composta di pi libri.
Quando Simmaco scrive, ad esempio, aut si impar est
desiderio tuo Livius, sume ephemeridem C. Caesaris decerptam bibliotheculae meae, ut tibi muneri mitteretur135,
appare ovvio il riferimento al suo patrimonio librario, che
sappiamo aver compreso tutta la letteratura latina, e non
al locale destinato alla sua conservazione; ma proprio in
ragione della consistenza della collezione e del ruolo che i
libri e la loro consultazione rivestono nello svolgimento della
vita di relazione dellaristocrazia fuori dubbio che nelle
grandi dimore urbane e rurali dovesse esistere uno spazio
dedicato al loro deposito: questo daltronde evidente nel
passo di Macrobio sopra ricordato, dove la bibliotheca in
questione il vano nel quale Pretestato accoglie gli ospiti:
Postero die ad aedes Vettii matutini omnes inter quos pridie
convenerat adfuerunt quibus Praetextatus in bibliothecam
receptis, in qua eos opperiebatur136; altrettanto esplicito in
questo senso il passo di Boezio, che evoca la decorazione
parietale in avorio e paste vitree della biblioteca, contrapposta allarricchimento culturale e spirituale che dei libri
portato137. Lidentificazione di questi locali rimane assai
132. Cfr. n. 130.
133. Fra i molti contributi al riguardo ci limitiamo a segnalare
G. Cavallo, Conservazione e perdita dei testi greci: fattori materiali, sociali, culturali, in Societ romana e impero tardoantico; a
cura di A. Giardina, Roma-Bari, 1986, 4. Tradizione dei classici,
trasformazioni della cultura, pp. 83-172, in particolare 105 ss.;
O. Pecere, La tradizione dei testi latini tra IV e V secolo attraverso i libri sottoscritti, ibid., pp. 19-81, in particolare 74 ss.;
M. Caltabiano, Litterarum lumen, cit. (n. 130),
134. Come precisa Festo: Bibliothecae et apus Graecos et apud nos
tam librorum magnus per se numerus, quam locus ipse, in quo
libri collocati sunt, appellantur (Sexti Pompei Festi De uerborum
significatu quae supersunt cum Pauli Epitome, ed. M. V. Lindsay,
Lipsiae, 1913, p. 31); cfr. Forcellini, Totius latinitatis lexicon, I,
p. 445; Leclerq, Bibliothques, cit. (n. 1), col. 842 ss.
135. Cfr. supra, n. 128.
136. Cfr. supra, n. 129.
137. Boeth., phil. cons. 1, 5, 6: Itaque non tam me locis huius quam
tua facies movet nec bibliothecae potius comptos ebore ac vitro
parietes quam tuae mentis sedem requiro, in qua non libros,
sed id, quod libris praetium facit, librorum quondam meorum

AnTard, 18, 2010

problematica, non solo in ragione del generale cattivo stato


di conservazione delle strutture, ma ancor pi del fatto che,
come gi nei secoli precedenti, tale spazio era verosimilmente privo di caratteristiche planimetriche e strutturali
specifiche, destinato spesso pi alla conservazione che alla
lettura138. Senza entrare nel merito di questo problema, che
oggetto di analisi in un altro contributo di questo stesso
dossier, baster rilevare, ancora una volta, come la presenza
di nicchie nelle pareti non sia un elemento significativo in
s, considerata la loro frequenza in funzione di una decorazione statuaria139 e come, daltro canto, luso generalizzato
degli armaria per la conservazione dei libri quale appare
dalliconografia li renda solo eccezionalmente visibili a
livello archeologico.
Anche pi elusive, sono le biblioteche che tra V e VI
secolo iniziano a formarsi nelle comunit monastiche, in
ragione da un lato della generale difficolt di individuazione
delle strutture materiali nelle quali si organizza e si svolge
la loro vita140, dallaltro del problema di vocabolario cui si
accennato poco sopra, dei limiti cio con cui il riferimento a
bibliothecae di alcune regole monastiche pu essere inteso
come evocatore di un vano dedicato e non piuttosto della
collezione di libri di cui il monastero dispone. Questultima,
funzionale anche alla formazione culturale di monaci e
monache, ben presente gi nelle regole pi antiche, che
ne prevedono un uso controllato da parte dei membri della
comunit e una rigorosa custodia: ma nulla suggerisce che
questa avvenga in un locale apposito, piuttosto che in armaria, collocati insieme con altri beni comuni; baster citare
la Regola di Pacomio e per lOccidente il Praeceptum di s.
Agostino (sive qui codicibus praeponuntur, sine murmure
seruiant fratribus suis. Codices certa hora singulis diebus
petantur; extra horam qui petierit non accipiat141); analogasententias collocavi. (Severino Boezio, La consolazione della
filosofia, a cura di C. Moreschini, Torino, 1994, p. 112).
138. C. Balmelle ha proposto, con molta prudenza, di riconoscere
luso come biblioteche a certi vani a pianta centrale situate in
prossimit degli ingressi, come il vestibolo ottagonale della
villa di Lalonquette o la sala ottagona della villa di Valentine:
C. Balmelle, Les demeures aristocratiques dAquitaine. Socit
et culture de lAntiquit tardive dans le Sud-Ouest de la Gaule,
Bordeaux-Paris, 2001, p. 176. Pi affermativo invece JeanPhilippe Carri nel suo contributo in questo stesso volume
139. Baldini Lippolis, La monumentalizzazione tardoantica, cit.
(nota 114), p. 176 s., in riferimento alle case tardoantiche di Atene;
per Apamea cfr. J.-Ch. Balty, Notes sur lhabitation romaine,
byzantine et arabe dApame, in Colloque Apame de Syrie (2931 mai 1980), Bruxelles, 1981, pp. 471-503.
140. P. Bonnerue, lments de topographie historique dans les
rgles monastiques occidentales, in Studia Monastica, 37, 1995,
pp. 57-77, in particolare 64 s.
141. V, 9-10 : La Rgle de Saint Augustin (ed. L. Verheijen, Paris,
1967, I, Tradition manuscrite, II Recherches historiques); la
disposizione ritorna nellOrdo monasterii, III : et ad nonam
reddant codices ; analogamente la Regola dei Santi Padri prevede
la lettura usque d horam tertiam, cos come la Regola di Cesario

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

mente, la Regola di Cesario per le monache, se impone che


omnes litteras discant, presuppone che i libri siano custoditi
da apposite incaricate142; per prima la regola di s. Benedetto
parla di bibliotheca (accipiant omnes singulos codices de
bibliotheca, quos per ordinem ex integro legant143), ma anche
in questo caso lambiguit del termine evidente. Non molti
anni prima, Cassiodoro aveva trasferito nel monastero di
Vivarium i suoi interessi di aristocratico colto, dotando la
fondazione monastica di una biblioteca, arricchita mediante
acquisti sul mercato librario, in particolare africano144, ma
nella quale conflu la sua certo cospicua collezione personale; la consistenza di questa raccolta rende pi probabile
che in altri casi essa trovasse posto in un locale apposito. In
attesa e nellauspicio che gli scavi nel sito della fondazione
cassiodorea possano individuarne le tracce, merita rilevare
che questa connessione tra biblioteca privata aristocratica e
biblioteca monastica dovette essere un fenomeno assai diffuso, in ragione dello stretto rapporto che lega laristocrazia
tardoantica alle fondazioni monastiche: la via maestra per
la trasmissione dei classici.

per i monaci, XIV, 1 (in uvres monastiques, II, uvres pour


les moines, edd. J. Courreau A. de Vog, Paris, 1994, [SC,
398], p. 214).
142. RCaes V, XXXII, 4: Quae cellario siue canauae siue vestibus
vel codicibus [] praeponantur (uvres monastiques, I, uvres
pour les moniales, ed. A. de Vog J. Courreau, Paris, 1988
[SC, 345]).
143. XLVIII, 15 (La rgle de Saint Benot, II, a cura di A. de Vog J. Neufville, Paris, 1972 [SC, 182], p. 602).
144. Cassiod., Institutiones, 1, 8 (ed. Mynor).

4. LE

53

BIBLIOTECHE ECCLESIASTICHE

Dalle biblioteche private, pur appartenenti a cristiani, si


differenziano le biblioteche ecclesiastiche, quelle collezioni
cio di pertinenza della Chiesa. Le fonti ne attestano la
precoce esistenza in centri di pi antica e strutturata cristianizzazione, quali Gerusalemme, Alessandria, Cesarea, dove
le biblioteche avrebbero raggiunto gi in et precostantiniana
dimensioni non inferiori a quelle delle grandi biblioteche
pubbliche romane145. Al di l di questi casi, apparentemente
eccezionali, della tradizione culturale che presuppongono,
di un non escluso spirito di emulazione, le biblioteche
ecclesiastiche, le bibliothecae ecclesiarum di cui parla
Gerolamo146, dovevano essere una realt diffusa, dovendo
la loro formazione alla necessit di ogni singola Chiesa di
conservare tanto i libri liturgici e catechetici che i documenti
relativi alla vita e allamministrazione delle comunit: sono
dunque archivi non meno e forse prima che biblioteche nel
senso moderno del termine.
La notizia del Liber Pontificalis, che attribuisce lorganizzazione di un archivio a papa Clemente , come altre di
questo testo, un evidente anacronismo; con un carattere di
maggiore verosimiglianza ritorna nelle vite di Antero e di
Fabiano147 e daltro canto ad archivi, evidentemente non
compromessi dalla persecuzione di Diocleziano, fa frequente

145. L. D. Bruce, A Note on Christian Libraries during the Great


Persecution 303-305 A.D., in The Journal of Library History
(1974-1987), 15, 2, 1980, pp. 127-137; sulla biblioteca di Cesarea
cfr. R Cadiou, La bibliothque de Csare et la formation des
chanes, in Revue des Sciences Religieuses, 16, 1936, pp. 476-478
e pi recentemente G. Cavallo, Scuola scriptorium biblioteca a
Cesarea, in Id. (a cura di), Le biblioteche nel mondo antico e
medievale, cit. (n. 4), pp. 67-77; Isidoro di Siviglia ricorda che
Pamphilus martyr, cuius vitam Eusebius Caesariensis conscripsit, Pisistratum in sacrae bibliothecae studio primus adaequare
contendit. Hic enim in bibliotheca sua prope triginta voluminum
milia habuit. Hieronimus quoque atque Gennadius ecclesiasticos
scriptores toto orbe quaerentes ordine persecuti sunt, eorumque
studia in uno voluminis indiculo comprehenderent (Isid. Etymologiarum libri XX, VI, 3, De bibliothecis, 2 : PL, 82, coll. 235236); la notizia risale a Gerolamo, De viris illustribus, LXXV:
Pamphilus praesbyter, Eusebii Caesariensis episcopi necessarius,
tanto bibliothecae divinae amore flagravit, ut maximam partem
Origenis voluminum sua manu descripserit, quae usque hodie
in Caesariensi bibliotheca habentur (ed. G. Herding, Lipsiae,
1879, p. 48); della ricchezza della biblioteca di Alessandria d
testimonianza anche Eusebio, Hist. Eccl., 6, 20 (Eusebius, The
Ecclesiastical History, ed. J.E.L. Oulton, London-Cambridge,
MA, 1957, p. 64).
146. Ep. 112, 19: PL, 22, col. 928.
147. Hic [Clemente] fecit VII regiones et diuidit notariis fidelibus
ecclesiae, qui gesta martyrum sollicite et curiose unusquisque
per regionem suam diligenter perquireret (L. Duchesne, Le Liber
Pontificalis: texte, introduction, commentaire, I, Paris 1884, p.
123 e 147).

54

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 37 Roma, pianta degli scavi nellarea


della Scala Santa, sotto il Sancta Sanctorum
del Laterano (da Lauer 1900).

riferimento Eusebio di Cesarea148; ancora il Liber Pontificalis a parlare di scrinium sanctum a proposito di papa
Giulio (337-352)149, mentre lattribuzione a Damaso di un
archivio che il papa avrebbe costituito presso S. Lorenzo in
Damaso nasce da una errata lettura delliscrizione riportata
dalla silloge Laureshamensis I 150; la collocazione dello
148. Leclerq, Bibliothques, cit. (n. 1), col. 853 ss.; K. Gross, in
RAChr, I, 1950, s.v. Archiv, coll. 614-633, in particolare 619 s.;
a proposito delle conseguenze della persecuzione dioclezianea
Leclerq (col. 859) parla di lun des plus irrparables dsastres
qui pussent atteindre le christianisme ; cfr. per contro Bruce, A
Note on Christian Libraries, cit., (n. 145), pp. 127-137; cfr. anche
A. Ehrard, Die griechische Patriarchal-Bibliothek von Jerusalem:
Ein Beitrag zur griechichen Palographie, in RmQ, 5, 1891,
pp. 217-265; 6, 1892, pp. 339-365.
149. Duchesne, Le Liber Pontificalis, cit., p. 205.
150. Cod. Vat. Pal. Lat. 833, f. 32r-v (I. B. De Rossi, ICVR, II,
Roma, 1888, pp. 144-153, in particolare 151; A. Ferrua, Epigrammata Damasiana, Citt del Vaticano, 1942, p. 210 ss. n. 57):
cfr. V. Peri, Gli inconsistenti archivi pontifici di San Lorenzo in

scrinium della Chiesa di Roma nel IV secolo non nota;


sembra presumibile che esso sia stato associato al complesso
del Laterano, dove peraltro non attestato prima del VII
secolo, quando papa Zaccaria (741-752) fece costruire un
portico e una torre (porticus atque turris) ante scrinium
lateranensem151. Al VI-VII secolo datato un affresco raffigurante S. Agostino, accompagnato dalliscrizione DIVERSI
DIVERSA PATRES S(ed hic) / OMNIA DIXIT ROMANO ELOQU(io) /
MYSTICA SENSA TONANS, individuato sulla parete di uno di tre
vani messi in luce da scavi condotti nel 1900 nellambito
dellepiscopium / patriarchium lateranense, sotto il Sancta
Sanctorum di Nicola III (1227-1280), in prossimit delloratorio di S. Lorenzo e di resti attribuiti alle costruzioni di

Damaso, in Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di


Archeologia, 41, 1968-1969, pp. 191-204; G. Scalia, Gli archiva
di papa Damaso e le biblioteche di papa Ilaro, in Studi medievali, s. III, 18, 1977, pp. 39-63, in particolare 42 ss.
151. Duchesne, Le Liber Pontificalis, II, p. 318.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

55

precisate le caratteristiche delle due fasi strutturali precedenti


laffresco, genericamente datate alla tarda antichit.
Nel complesso lateranense dovevano verosimilmente
trovare posto anche le bibliothecas duo, di cui il Liber Pontificalis attribuisce la fondazione a papa Ilaro (461-468)153:
una biblioteca che sarebbe dunque stata costituita da una
sezione greca e una latina, secondo la tradizione romana,
o piuttosto, intendendo biliotheca nel senso di collezione e
non di struttura, che avrebbe contenuto testi latini e greci,
disposti in armaria distinti, con unarticolazione confermata
qualche tempo dopo da Ennodio a proposito della biblioteca
di Fausto154. Gi in precedenza le ecclesiarum bibliothecae e
il loro patrimonio di testi sacri sono ricordate dalle fonti155;
alla loro costituzione e al loro sviluppo concorrono molto
meno iniziative come quella di Costantino, di far dono di
cinquanta copie della Bibbia alle chiese di Costantinopoli156,
che gli interessi dei singoli esponenti del clero, i vescovi
in particolare, secondo dinamiche che non sono prive di
implicazioni economiche157; quanto stato ricostruito sulla
circolazione dei testi di Agostino un esempio significativo
di come le raccolte librarie potessero venire incrementate di
opere contemporanee anche attraverso gli scambi158. presumibile che gli armaria che le contenevano trovassero per
lo pi posto come elementi di arredo in ambienti opportuni
nella prospettiva della conservazione e della consultazione,
privi peraltro di particolari apprestamenti, ma raccolte
importanti o intese a divenire tali, fondazioni di prestigio
potevano anche dar luogo a strutture specializzate.
Unanalisi condotta nel 1990 da Janet Smith sui due vani
laterali allabside della chiesa di S. Giovanni Evangelista

Fig. 38 Roma, affresco nell ambiente sotto il Sancta Sanctorum del Laterano: S. Agostino (da Leclerq 1925).

papa Zaccaria152 (fig. 37-38). La convergenza di questi indizi


ha portato a localizzare lo scrinium in questo vano, senza
tuttavia che siano state individuate tracce di apprestamenti
per la conservazione di documenti e/o libri, n che siano

152. Ph. Lauer, Les fouilles du Sancta Sanctorum au Latran, in


MFR, 20, 1900, pp. 251-287; H. Grisar, Le biblioteche nellantichit classica e nei tempi cristiani, in Civilt Cattolica, 1902.8,
pp. 468-477; G. Scalia, Gli archiva , cit. (n. 150), pp. 39-63,
P. Liverani, Dalle Aedes Laterani al patriarchio Lateranense,
in RAC, 1999, pp. 521-549, p. 543; cfr. anche Lexicon Topographicum Urbis Romae, s.v. Patriarchium (I. Della Giovampaola),
pp. 62-66, in particolare 62; per la datazione dellaffresco cfr.
G. Matthiae, Pittura romana del Medioevo. I secoli IV-X, 1,
Aggiornamento scientifico di M. Andaloro, Roma, 1987, p. 123
e 153.

153. Nella lezione accolta dal Duchesne le biblioteche sarebbero


collegate a S. Lorenzo fuori le mura: Hic fecit monasterium ad
sanctum Laurentium et balneum et alium sub aere et praetorium.
Fecit autem et bibliothecas II in eodem loco. Item monasterium
intra urbe Roma ad Luna: Duchesne, Le Liber Pontificalis, I,
p. 245; unaltra classe di manoscritti inserisce invece la menzione della costruzione delloratorio di S. Stefano nel battistero
lateranense, associando a questo le biblioteche: Fecit autem
oratorium sancti Stephani in baptisterio Lateranense. Fecit
autem et bibliothecas II in eodem loco: Scalia, Gli archiva
di papa Damaso, p. 56.
154. Ennod., Carm. 2, 3 (d. F. Vogel, MGH, AA, Scriptores, 7,
Berolini, 1885, p. 80).
155. Cfr. supra, n. 143; cfr. anche Hier., Ep. 48, 3; 112, 19 (PL,
22).
156. Eus. Vita Constantini, 4, 36: ber das Leben des Kaisers
Konstantin, ed. F. Winkelmann, Berlin, 1975 (Eusebius Werke
1.1.), p. 134.
157. Cl. Sotinel, Le don chrtien et ses retombes sur lconomie
dans lantiquit tardive, in AnTard, 14, 2006, pp. 105-116, in
particolare 115. Attivit di copisti, acquisto della pergamena
acquisto di libri.
158. M. Caltabiano, Libri iam in multorum manus exierunt. Agostino testimone della diffusione delle sue opere, in Tra IV e V secolo.
Studi sulla cultura latina tardoantica, a cura di I. Gualandri,
Milano, 1999 (Quaderni di Acme, 50), pp. 141-157.

56

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 39 Ravenna, S. Giovanni Evangelista,


pianta (da Smith 1990).

Fig. 40 Ravenna, S. Giovanni Evangelista, pianta dellambiente


a nord dellabside: A, nicchie; B, finestre; C, porta di accesso
dalla navata laterale; D, arco; E, tracce di tubuli (da Smith 1990).

di Ravenna, tradizionalmente indicati come pastophoria, e


sui rilievi realizzati in occasione dei restauri del 1919-1925,
precedenti dunque le distruzioni provocate dai bombardamenti del 1944, ha richiamato lattenzione sulla sequenza di
nicchie sulle pareti, corrispondenti per dimensioni e disposizione allo schema delle biblioteche romane, e sullesistenza
nello spessore delle pareti stesse di un sistema di aerazione
mediante tubuli, che sembra destinato ad assicurare condizioni opportune per la conservazione dei libri159 (fig. 39-44);
da notare inoltre che il relativo isolamento dei due vani dal
corpo principale della chiesa sembra mettere in discussione
la loro funzione liturgica, mentre la posizione corrisponde a
quella evocata da Paolino di Nola, in una lettera a Sulpicio
Severo, per il secretarium, situato circa absidam160; lulte159. J. C. Smith, The Side Chambers of San Giovanni Evangelista
in Ravenna: Church Library of the Fifth Century, in Gesta, 29,
1990, pp. 86-97.
160. Paul. Nol. Ep. 32, 16: [] In secretariis vero duobus, quae super dixi circa absidam esse hi versus indicant officia singulorum.
A dextra absidae: Hic locus est, veneranda penus qua conditur et
qua promitur alma sacra pompa ministerii. A sinistra eiusdem:
Si quem sancta tenet meditanda in lege voluntas / Hic poterit
residens sacris intendere libris (ed. G. de Hartel [CSEL, 29],
p. 291); poco sopra gli ambienti in questione sono cos localizzati:
tamen cum duabus dextra levaque conchulis intra spatiorum
sui ambitum apsis situata (ibid., p. 288); ledificio la basilica
nova, i secretaria in questione possono essere le absidi laterali
del triconco (C. Ebanista, La basilica nova di Cimitile/Nola: gli
scavi del 1931, in RAC, 76, 2000, pp. 477-539, in particolare 484),
che peraltro si presenta affiancato da due ambienti quadrangolari

riore confronto con la biblioteca della pianta di San Gallo161


suggestivo, ma la sua legittimit rimane da dimostrare. Le
assonanze non possono comunque avere il valore di prova e
rimuovere alcune riserve, quali il profilo arcuato del limite
superiore delle nicchie, la loro apertura a livello del pavimento, il totale silenzio di Cassiodoro al riguardo.
Ai limiti della tarda antichit si colloca la pi celebre
delle biblioteche ecclesiastiche, quella attribuita a papa
Agapito (535-536), sulla base di una iscrizione metrica
tramandata dallItinerario di Einsiedeln, che la localizza nel
monastero del clivus Scauri, fondato da Gregorio Magno
nel 575-581: IN BIBLIOTHECA S(AN)C(T)I GREGORII QUAE / EST
IN MONAST(ERIO) CLI(VUS) TAURI UBI IPSE / (libros) DYALOGORUM
SCRIPSIT / S(an)c(t)oru(m) ueneranda cohors sedet ordine
/ Divinae legis mystica dicta docens. Hos inter / residens
Agapetus iure sacerdos, codicibus / pulchr(or)u(m) condidit
(quello di destra sostituito in una fase successiva da un ottagono),
affrescati, di non chiara funzione, ma formalmente analoghi a
quelli di S. Giovanni Evangelista; entro quello in parte conservato
sono state individuate alcune sepolture anteriori al VI secolo:
Ebanista, p. 519 ss.; G. Vecchio, Recenti indagini archeologiche
a Cimitile, in Il complesso basilicale di Cimitile, patrimonio culturale dellumanit, Convegno internazionale di Studi, Cimitile,
23-24 ottobre 2004, a cura di M. de Matteis C. Ebanista, Napoli,
2008, pp. 73-97, in particolare 84 ss.
161. W. Horn E. Born, The Plan of St. Gall: A Study if the Architecture & Economy of, & Life in a Paradigmatic Carolingian
Monastery, Berkeley - Los Angeles - London, 1979, I, p. 145 ss.;
cfr. ora www.stgsllplan.org.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

57

Fig. 41 Ravenna, S. Giovanni Evangelista, ambiente


a nord dellabside, schizzo
dellinterno realizzato durante
i restauri degli anni 20 del
XX secolo: A, nicchie; B,
finestre; C, porta di accesso
dalla navata laterale; D, arco
(da Smith 1990).

Fig. 42 Ravenna, S. Giovanni Evangelista, ambiente


a nord dellabside, schizzo
dellinterno realizzato durante
i restauri degli anni 20 del
XX secolo: A, nicchie; B,
finestre; C, resti di tubuli; D,
quota di pavimento attuale; E,
ipotesi di livello di pavimento
antico, con ipocausto (da
Smith 1990).

58

GISELLA CANTINO WATAGHIN

AnTard, 18, 2010

Fig. 43 Ravenna, S. Giovanni Evangelista, ambiente


a nord dellabside, schizzo
dellinterno realizzato
durante i restauri degli anni
20 del XX secolo: particolare dei tubuli nella parete meridionale (da Smith
1990).

arte locum. Gratia par / cunctis s(an)c(tu)s labor omnibus.


Unus. Dissona Verba / quide(m) sed tam(en) una fides162.
La costituzione da parte di Agapito di una collezione di libri
sarebbe inquadrata nella preoccupazione di incrementare lo
studio degli studi cristiani, che il papa avrebbe condiviso con
Cassiodoro, secondo quanto questi dichiara nelle linee introduttive del suo De institutione divinarum letterarum, che si
gi avuto occasione di ricordare163. Malgrado la precisione

Fig. 44 Ravenna, S. Giovanni Evangelista, disegno ricostruttivo dellambiente a nord dellabside (da Smith 1990).

162. Einsiedeln, Bibliotheca Monasterii Ordinis Sancti Benedicti,


326 [8 Nr. 13], IV, f. 75r: ICUR II, 55; R. Valentini G. Zucchetti,
Codice topografico della citt di Roma, II, Roma, 1942, p. 168;
da ultimo S. Del Lungo, Roma in et carolingia e gli scritti
dellAnonimo Augiense, Roma, 2004 (Miscellanea della Societ
Romana di Storia Patria, 48), p. 53; per la datazione del testo alla
fine VIII sec.; per la datazione del testo alla prima met del IX
cfr. H. Geertman, More veterum. Il Liber Pontificalis e gli edifici
ecclesiastici di Roma nella tarda antichit e nellalto medioevo,
Grningen, 1975, p. 202 s.
163. Cassiod., Institutiones, Praefatio: Cum studia saecularium
litterarum magno desiderio fervore cognoscerem, ita ut multa
pars hominum per ipsa se mundi prudentiam credere adipisci,
gravissimo sum (fateor) dolore permotus, quod scripturis divinis
magistri publici deessent, cum mundani auctores celeberrima
procul dubio traditione pollerent. Nisus sum ergo cum beatissimo
Agapito papa urbis Romae, ut, sicut apud Alexandriam multo
tempore fuisse traditutm institutum, nunc etiam in Nisibi civitate Syrorum ab Hebraeis sedulo fertur exponi, collatis expensis
in urbe Romana professos doctores scholae potius acciperent

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

59

Fig. 45. Roma, aula absidata della


Biblioteca di Agapito (da Enciclopedia dellArte Medievale 1992).

Fig. 46. Roma, Biblioteca di


Agapito, planimetria (da Lexicon
Topographicum Urbis Romae 1993).

del riferimento topografico dellItinerario, la biblioteca


Christianae, unde et anima susciperet aeternam salutem, et casto
atque purissimo eloquio fidelium lingua comeretur. (d. R.A.B.
Mynors, Oxford, 1937; 2d ed., 1967).

di Agapito non localizzabile entro quanto si conosce del


monastero gregoriano164. La grande sala absidata (fig. 45-47),
164. G. Ferrari, Early Roman Monasteries. Notes for the History of
Monasteries and Convents at Rome from the Vth trough the Xth

60

gisella cantino wataghin

AnTard, 18, 2010

Fig. 47. Roma, aula absidata della Biblioteca di Agapito, prospetto (da Lexicon Topographicum Urbis Romae 1993).

con la quale stata a lungo identificata, in realt un


ambiente di rappresentanza di una domus signorile (fig.
48), forse di pertinenza della famiglia di Gregorio, che
domum suam constituit monasterium165; della domus riCentury, Citt del Vaticano, 1957 (Studi di Antichit Cristiana,
23), p. 138 ss.; L. Pani Ermini, Testimonianze archeologiche di
monasteri aRoma, nellalto medioevo, in Archivio della Socit
Romana di Storia Patria, 104, 1981.
165. Duchesne, Le Liber Pontificalis, I, p. 312; lattribuzione risale
a H.-I. Marrou, Autour de la Bibliothque du Pape Agapit, in
Mlanges dArchologie et dHistoire, 48, 1931, pp. 124-169;
riserve sono espresse in A. M. Colini, Storia e topografia del
Celio, pp. 199-213, in particolare 205ss., che propende piuttosto
per lidentificazione con una chiesa; una sintesi del problema in
Lexicon Topographicum Urbis Romae, I, 1993, s.v. Bibliotheca
Agapeti (S. Panella C. Pavolini), pp. 195-196 e per le fonti
Pani Ermini, Testimonianze archeologiche di monasteri, p.35,
n.44; per irisultati delle ultime ricerche C.Pavolini, La metamorfosi di uninsula. Il complesso della Biblioteca di Agapito
sul Clivo di Scauro, in Caelius I. Santa Maria in Domnica, San
Tommaso in Formis e il Clivus Scauri, A. Englen (d.), Roma,
2003, pp. 68-90, in particolare 76 s.; Id. Archeologia e topografia

mane imprecisata lorganizzazione, mentre di quello che


dovette esserne uno degli ambienti principali, verosimilmente usato anche come triclinio, sono oggi relativamente
ben note le caratteristiche strutturali e le vicende, dalla
costruzione nel IV secolo, con la quale si interviene su
strutture gi esistenti, come il caso di tutte le domus
tardoantiche non soltanto di Roma166, alla ristrutturazione che suddivide lo spazio interno in navate (fig. 49),
in funzione forse di una sua destinazione a uso cultuale,
allassociazione di sepolture al suo settore absidale167.
della regione II (Celio). Un aggiornamento sessantanni dopo
Colini, Roma, 2006 (Lexicon Topographicum Urbis Romae,
Supplementum II).
166. F. Guidobaldi, Ledilizia abitativa unifamiliare nella Roma
tardoantica, in Societ romana e impero tardoantico, II. Roma:
politica economia paesaggio urbano, a cura di A. Giardina,
Roma-Bari, 1986, pp. 165-237, in particolare 198 ss. e passim.
167. Pavolini, cit., p. 53; pi in dettaglio P. Palazzo, La Biblioteca
di Agapito: lo scavo archeologico, in Caelius I, cit. pp. 45-61. P.
Catalano et al., Le sepolture della Biblioteca di Agapito: evidenze
antropologiche e paleopatologiche, ibid., p. 62-67.

AnTard, 18, 2010

LE BIBLIOTECHE NELLA TARDA ANTICHIT: LAPPORTO DELLARCHEOLOGIA

61

Fig. 48. Roma, pianta della zona del clivus


Scauri secondo Colini e Gismondi (da Colini
1944).

Fig. 49. Roma, pianta ricostruttiva della zona del clivus Scauri nel IV secolo (da Pavolini 2006).

62

gisella cantino wataghin

La biblioteca di Agapito rimane unincognita, o pi


esattamente lo rimane la biblioteca di Gregorio Magno, nella
quale, nella sanctorum ueneranda cohors che ne decorava
le pareti, figurava limmagine di Agapito, accompagnata
dalliscrizione che ne giustificava la presenza in tutto
analoga per intenti e funzione a quella che individua limmagine di Agostino nello scrinum lateranense; in effetti,

AnTard, 18, 2010

non automatico che il pulchrum locum fondato da Agapito


legami familiari si identifichi con la biblioteca del monastero gregoriano: costituisce in ogni caso una significativa
conferma del moltiplicarsi delle biblioteche ecclesiastiche
e del prestigio che era loro riconosciuto.
Universit del Piemonte Orientale, Vercelli

AnTard, 18, 2010, p. 63-74

LES LIEUX DES LETTRES DANS LES VILLAE OCCIDENTALES


DE LANTIQUITE TARDIVE
JEAN-PHILIPPE CARRI

Study rooms in the western late antique villae


This paper summarizes an attempt to identify a socially crucial space of the aristocratic residence:
the study room. Many writers, like Pliny the Younger, Sidonius or Symmachus, left testimonies about
the social significance of being well read for the aristocrat. This statutory obligation implies that special
spaces should have been devoted to the practice of study in the aristocratic residence. But one must
admit that, unlike dining rooms or other reception spaces involved in the self-representation strategy,
the study rooms are not easy to isolate within the private residence, mainly because reading and
studying are, by nature, low constraint activities, which are likely to take place in a variety of spots in
the house, and the scarcity of explicit archaeological evidence doesnt help to propose identificatory
elements for the study rooms. Nevertheless such an attempt, perhaps less hazardous as it first seems,
is worth being ventured.
A first step in the identification process is to analyze the antique sources in order to make out the
ideal profile of the study room. A second one consists in comparing the ideal profile and the available archaeological structures. As a result, this experiment allows to isolate nine probable study
rooms. It doesnt allow us, for the moment, to draw out a typology. But it confirms the existence of
such structures in the late western villae and encourages carrying on the observations. [Author]

Les tmoignages de personnages comme Sidoine Apollinaire, Symmaque, Macrobe ou encore Venance Fortunat
permettent de comprendre que laristocrate qui souhaite
briller en socit se doit dtre avant tout un fin lettr,
hautement cultiv, qui matrise avec une gale facilit lart
oratoire et lexpression crite. Tout manquement, mme
le plus infime, cette rgle suffit exposer linfortun
de cuisantes humiliations publiques et, plus grave, une
remise en cause de ses titres dappartenance llite1. Dans
ces conditions, on comprend limportance de la prsence de
structures appropries la lecture et ltude dans les villae
tardives qui, au-del de leur valeur strictement fonctionnelle,
devaient prendre place dans le rpertoire des instruments
dautoreprsentation sociale du matre de maison auprs
des visiteurs de rang aristocratique. Les lignes qui vont

suivre sont tires dun travail de thse2 consacr aux formes


et aux fonctions de lhabitat aristocratique rural dans les
diocses des Gaules des Bretagnes et des Espagnes, qui a
permis disoler et de mettre en perspective toute une srie
de structures dautoreprsentation prive.
Contrairement dautres lieux de pratique de lotium
assez faciles identifier, comme les thermes ou les salles
de repas, les lieux des lettres demeurent dlicats isoler
dans les vastes ensembles architecturaux que sont les villae
tardives. La raison en est que la lecture, lcriture ou encore
ltude sont des activits apparemment assez peu contraignantes dun point de vue matriel, qui peuvent aisment
trouver place dans une multitude de cadres. En dpit de cette
caractristique fcheuse pour larchologue, il est toutefois
apparu que, grce aux tmoignages et une lecture attentive

1. J.-Ph. Carri, Sidoine Apollinaire et la pratique de lotium dans


la Gaule du Vme sicle, Mmoire de DEA de lUniversit Paris
1 Panthon-Sorbonne, 2002, p. 37 53.

2. J.-Ph. Carri, lite et rsidences rurales dans lOccident tardif.


Fonctions et volutions architecturales de lhabitat dune classe
sociale entre le IIIme et le VIIme s., Mmoire de doctorat de
lUniversit Paris 1 Panthon-Sorbonne, 2009.

64

JEAN-PHILIPPE CARRI

des structures disponibles, quelques lieux des lettres


pouvaient tre isols.
Il naura pas, en effet, chapp au lecteur que le titre de
ce travail mentionne les lieux de lettres et non pas les
bibliothques : ceci pour marquer les diffrences formelles et fonctionnelles qui existaient entre les bibliothques
publiques, telles que les prsente Pierre Gros3, et les salles
de lecture prives, rarement nommes bibliothques dans
les sources, dont laspect et le fonctionnement devaient tre
assez diffrents. Par commodit de langage, on emploiera
toutefois le terme bibliothque dans la suite du propos pour
dsigner les salles de lecture prives.
1. LES

INDICES ISSUS DES TMOIGNAGES.

Les rfrences la lecture et lactivit littraires sont


assez faciles trouver dans les tmoignages antiques. Par
contre, les indications relatives la disposition des salles de
lecture dans les maisons prives sont beaucoup plus rares.
Vitruve lui-mme4 reste tonnamment vasif ds lors quil
sagit de dcrire les bibliothques prives, se limitant dire
quelles doivent tre disposes de manire bnficier dun
bon ensoleillement, propice la lecture et la conservation
des ouvrages. Toutefois, son empressement mentionner la
bibliothque parmi les structures indispensables de la maison
noble5 laisse entendre que la prsence de ce type despace
devait tre capitale dun point de vue social.
Mme sils sont rares, les textes relatifs la disposition
des lieux de lotium litteratum existent, en particulier chez
Pline le Jeune. Lorsque celui-ci emmne son lecteur la
dcouverte de sa villa, il ne manque pas de lui dvoiler la
bibliothque. cette occasion, on apprend que cette dernire est compose de deux pices, dont lune se termine
par une abside quipe de fentres pour profiter au mieux
de la lumire du soleil, cependant que lautre, lgrement
surleve, est chauffe par le sol6.
Il est noter enfin que Pline ne nomme aucun moment
cet espace bibliotheca, mais lappelle, dune faon plus gnrale, cubiculum. Le terme de bibliotheca reste chez Pline
3. P. Gros, Larchitecture romaine du dbut du IIIme sicle av. J.-C.
la fin du Haut-Empire, 1, Paris, 2001, p. 362-375. Dans cet
ouvrage fondamental, outre un rcit des origines de la bibliothque publique, P. Gros propose une mise en parallle des divers
plans de bibliothques quon connat. On verra par la suite que
les bibliothques prives nont que trs peu voir, dun point de
vue formel, avec les difices publics quil dcrit.
4. VI, 4, 1 et VI, 7, 3.
5. VI, 5, 2.
6. Pline le Jeune, Ep. II, 17, 8-9 : Adnectitur angulo cubiculum
in hapsida curuatum, quod ambitum solis fenestris omnibus sequitur. Parieti eius in bybliothecae speciem armarium insertum
est, quod non legendos libros, sed lectitandos capit. Adhaeret
dormitorium membrum transitu interiacente, qui suspensus et
tabulatus conceptum uaporem salubri temperamento huc illuc
digerit et ministrat.

AnTard, 18, 2010

apparemment rserv la dnomination dun meuble de


rangement des ouvrages. Grce ce passage il est possible
de proposer une restitution de sa bibliothque.
Bien entendu cette restitution demeure discutable, mais
elle offre une base de rflexion pour commencer lanalyse
des formes architecturales prise par les bibliothques prives.
Au cours de sa description, Pline indique galement que
cette salle est quipe dun meuble de rangement pour les
livres, nomm armarium, insr dans un mur. On est tent
de rapprocher ce type de meuble de celui7 qui est reprsent
sur une mosaque de la tombe de Galla Placidia, la fille de
Thodose, Ravenne8. Le mme type de meuble de rangement semble galement agrmenter la salle de lecture de la
villa de Sidoine Apollinaire9.
Contrairement Pline, Sidoine dans sa lettre Consentius
nutilise pas le mot cubiculum pour dcrire sa bibliothque
ou son cabinet de travail. Il dsigne lespace dans lequel
il travaille en utilisant le terme de zothecula, diminutif de
zotheca. Il semble toutefois quil ne faille pas faire de ce
terme un synonyme de bibliotheca. En effet, H. Graillot,
grce la dfinition quil propose de la zotheca10 permet
de comprendre que Sidoine se livre certainement une
mtaphore11 ou un pastiche de Pline12. Quoi quil en soit,
la dfinition de zotheca propose par H. Graillot encourage
penser que Pline et Sidoine emploient tous deux ce mot pour
dcrire une pice de plan courbe. Aussi est- il fort possible
que le cabinet de lecture que dcrit Sidoine soit, tout comme
celui de Pline, quip dune abside.
La mosaque de Ravenne permet galement de proposer
la restitution dun systme de casiers, compos de planches
obliques entrecroises, qui aurait permis de conserver les vo7. Larmarium est llment A de la figure 2.
8. On ne sait pas si le personnage reprsent sur la mosaque est
Saint-Laurent se rendant au supplice ou le Christ portant le livre
des Hrtiques au bcher (W. Seston, Le jugement dernier au
mausole de Galla Placidia Ravenne, in Cahiers Archologiques, 1, 1945, p. 37). Les quatre livres prsents dans la bibliothque sont les Quatre vangiles sur lesquels on peut lire les
noms des vanglistes.
9. Ep. VIII, 16, 3 : Nam per armariola et zotheculas nostras non
remaserunt digna prolatu.
10. C. Daremberg E. Saglio (dir.), Dictionnaire des antiquits
grecques et romaines, Paris, 1877, s. v. Bibliothque.
11. En son sens premier, zotheca est, en effet, le terme architectural
par lequel on dsigne gnralement la niche qui abrite une statue
(CIL, VIII, 7079 ; CIL, XIV, 3543 ; CIL, 2793). Peut-on aller
jusqu prter Sidoine lintention de donner ici zothecula
un sens mtaphorique qui ferait de la bibliothque lcrin de la
culture, de la mme manire que la vritable zotheca pouvait
assurer le rle dabri pour une statue ?
12. Zotheca est en effet employ deux reprises par Pline (Ep.
V, 6, 38-39 ; Ep. II, 17, 21) pour dsigner une espce dalcve.
Sidoine, lorsquil voque la zotheca, introduit peut-tre dans sa
lettre une rfrence Pline, destine prouver la subtilit et la
culture littraire de son lecteur.

AnTard, 18, 2010

LES LIEUX DES LETTRES DANS LES VILLAE OCCIDENTALES DE LANTIQUIT TARDIVE

65

Fig. 1 Proposition de restitution de la bibliothque de Pline.

lumina dans les bibliothques13. Par ailleurs Sidoine Apollinaire, dans sa clbre description des domaines de Tonantius
et Ferreolus14, laisse entendre que les espaces rservs la
lecture pouvaient tre agrments de banquettes et diviss
13. Un tel systme de casiers est dsign par la lettre B sur la
figure 2. Ici encore, linterprtation qui est faite de la structure
visible sur la mosaque demeure ouverte la discussion et na
dautre ambition que celle dalimenter la rflexion propos de
lamnagement des salles de lecture.
14. Ep. II, 9.

entre hommes et femmes15. Aussi se pourrait-il que certaines


parmi les nombreuses structures doubles , assez caractristiques de larchitecture prive tardive, soient des espaces

15. Le passage II, 9, 4 de la lettre de Sidoine peut dailleurs tre


rapproch du chapitre VI, 1 des Saturnales de Macrobe. Dans ces
deux tmoignages, la bibliothque apparat en effet comme un
espace de rencontre entre aristocrates, utilis peut-tre avant de
faire passer les convives au triclinium lors des rceptions.

66

JEAN-PHILIPPE CARRI

AnTard, 18, 2010

Fig. 2 Restitution de lameublement dune salle de lecture.

AnTard, 18, 2010

LES LIEUX DES LETTRES DANS LES VILLAE OCCIDENTALES DE LANTIQUIT TARDIVE

spars entre hommes et femmes16, peut-tre consacrs


la pratique de lotium litteratum. Sidoine autorise encore
supposer que les salles de lecture et dcriture ntaient pas
ncessairement chauffes, contrairement ce que laissait
entendre Pline, et que les rigueurs hivernales pouvaient lui
occasionner quelques difficults techniques17.
Ce qui ressort finalement des textes en matire de description de salles de lecture ou dcriture ne permet pas
dlaborer un protocole didentification trs prcis de ces
dernires, comme on peut le faire pour les thermes ou les
salles de repas. bien y rflchir, cela nest pas trs surprenant, car les lieux de lotium litteratum nentrent pas
dans la catgorie des parties de la villa consacres une
activit ncessitant des dispositions techniques lourdes
et, par consquent, facilement identifiables. Malgr cela,
isoler les lieux de la lecture et de lcriture dans la villa
reste envisageable, si lon veut bien accepter de rechercher
une fonction plutt quune forme prcise. Dans cet esprit,
les lments collects au gr des sources, combins une
certaine logique, semblent efficaces pour tenter disoler
des structures qui correspondraient peut-tre aux lieux de
la lecture et de lcriture :
on peut supposer que les cabinets de travail et les bibliothques devaient tre proches, voire accols, pour des raisons pratiques videntes. Par consquent, il est probable
que les bibliothques et autres salles dcriture, comme
le suggre Pline, aient t regroupes dans une suite de
pices cohrente, comparable dans son fonctionnement
au studiolo des palais italiens du Quattrocento.
comme lactivit qui se droulait dans ces pices ncessitait le plus grand calme et la plus grande concentration,
on sera bien inspir de les rechercher dans les endroits
de la villa quon suppose les plus loigns de lagitation.
Autrement dit, il y a fort croire que les salles de lecture
et dcriture se trouvaient loin des entres et des endroits
les plus frquents.
on peut galement penser, daprs ce quindique Pline,
que les salles de lecture devaient bnficier dun bon
clairage, afin de faciliter la lecture. Ceci permet dcarter
les pices par trop enclaves dans le corps de la villa,
pour privilgier les salles qui semblent avoir comport
de larges baies.
il est aussi possible de supposer, toujours daprs Pline, que
ces pices taient parfois en partie chauffes, pour per-

16. La sparation entre hommes et femmes semble dailleurs tre


une rgle rcurrente dans lorganisation de la demeure de Sidoine.
En effet, ce dernier indique Domitius, sur un ton banal, que
sa maison possde un triclinium matronalis (Ep. II, 2, 9). Cette
mention de salle manger ddouble, ajoute celle dun espace
de lecture spar entre hommes et femmes permet de proposer
un dbut dexplication pour certaines structures doubles que
lon rencontre assez souvent dans les maisons tardives.
17. Ep. IX, 16, 2.

67

mettre dune part le confort lors dune activit sdentaire,


et dautre part la sauvegarde de fragiles documents.
la conservation des codices et des volumina suppose
par ailleurs que les salles de lecture taient quipes de
meubles, parfois amnags dans des renfoncements de
murs.
En additionnant ces diverses considrations, il ressort
quon doit rechercher des structures ventuellement composes de plusieurs pices, peut-tre chauffes, labri de
lagitation, gnreusement claires et peut-tre munies des
renfoncements ncessaires pour recevoir des structures de
rangement comparables nos bibliothques.
2. QUELQUES

POSSIBLES BIBLIOTHQUES PRIVES.

Dune analyse des plans de villae dtude que nous avions


runis pour constituer le corpus dtude de notre thse, neuf
sites se dtachent18, qui possdent des structures runissant
plus ou moins les critres dune salle de lecture ou dun
cabinet de travail.
Premier groupe
Parmi les structures retenues, un premier groupe semble
plus particulirement runir les caractristiques des salles
de lecture et dcriture telles que Pline et Sidoine paraissent
les concevoir.
Dans ce groupe on compte tout dabord la suite de pices
10, 11, 12, 14, 15 de la villa espagnole de La Sevillana
(193). Dans cette suite, en effet, la pice 10 semble bnficier
dun grand calme, grce aux pices 11 et 12 qui lisolent du
pristyle 18. De plus, la salle 10 possde un renfoncement
qui aurait trs bien pu accueillir un meuble de rangement
tel que Pline et Sidoine le dcrivent et dont limage orne
le tombeau de Galla Placidia. Il se peut galement que les
salles 14 et 15 aient correspondu aux pices annexes que
mentionne Pline, destines au repos, mais galement des
espaces de rangement supplmentaires pour les documents.
Lclairage de la structure de la villa de La Sevillana (193)
est dlicat valuer en raison de larasement de la maonnerie. Toutefois, comme la structure nest pas enclave dans le
btiment, il est trs possible que la salle 10 ait bnfici dun
bon clairage. Le chauffage est absent, mais, tant donn la
situation mridionale de la villa, on peut penser que celui-ci
ne devait pas relever de la ncessit la plus absolue.
La structure isole dans la villa de Flieem (139) semble
galement compatible avec la description que fait Pline. En
effet, la salle abside 61, situe au sud, parat avoir profit
18. Les sites mentionns sont accompagns dun numro entre
parenthses, qui permet de les retrouver dans la base de donnes
dont ils sont issus (Carri, lite et rsidences rurales, cit. [n.
2], vol. 2, 3, 4 et 5, ainsi que sur les planches qui illustrent le
prsent article.

68

JEAN-PHILIPPE CARRI

AnTard, 18, 2010

Fig. 3 Liste des sites qui possdent une ventuelle salle de lecture.

Nom des sites (n) localisation


Brading (62) Grande-Bretagne, le de Wight
Flieem (139) Allemagne, rgion de Coblence
Haccourt (165) Belgique, rgion de Lige
LHost-Basse-Wavre (186) Belgique, Brabant
La Sevillana (193) Espagne, rgion de Badajoz
Maillen-Al Sauvenire (227) Belgique, canton de Namur
Milton Keynes-Bancroft V (251) Grande-Bretagne, Buckshire
Montmaurin (262) France, Haute-Garonne
Orbe-Boscat (283) Suisse, Canton de Vaud
Total 9 sites

Datation de la structure
IVe sicle ap. J.-C.
IVe sicle ap. J.-C.
?
IIe sicle ap. J.-C.
IVe sicle ap. J.-C.
IIIe sicle ap. J.-C.
IIe sicle ap. J.-C.
IIIe sicle ap. J.-C.
IIe sicle ap. J.-C.

Fig. 4 Structures identifies comme des salles de lecture.

AnTard, 18, 2010

LES LIEUX DES LETTRES DANS LES VILLAE OCCIDENTALES DE LANTIQUIT TARDIVE

Fig. 5 Structure de la villa de la Sevillana (193) en Espagne.

Fig. 6 Structure de la villa de Fliessem (139) en Allemagne.

69

70

JEAN-PHILIPPE CARRI

AnTard, 18, 2010

Fig. 7 Structure de la villa de Montmaurin (262) en France.

dun bon clairage. De plus, le vestibule 57, install lest,


devait garantir le calme et la salle nord-ouest 58 correspond
assez bien la pice annexe que mentionne Pline.

triclinium20. En effet, elle se trouve autour du mme pristyle


que lespace 49/50, situ langle ouest, qui aurait trs bien
pu assumer le rle de salle manger.

La suite forme par les salles 98, 99, 100 de la villa de


Lassalles Montmaurin (262) combine, pour sa part, les
avantages dun chauffage par hypocauste canaux19 et dun
calme favorable la concentration et au travail intellectuel,
du fait quelle est situe un niveau trs peu accessible de la
maison. De plus, son emplacement la rend utilisable lors de
rceptions aristocratiques, avant le passage des convives au

La villa dHaccourt (165) semble galement avoir possd une structure propice lamnagement dune salle de
lecture et dcriture. La salle chauffe abside 22 et sa petite
pice annexe 24 paraissent en effet avoir garanti respectivement les meilleures conditions possibles de confort de
lecture et de conservation des documents. De plus, le bassin
69 devait pouvoir tenir lcart les ventuels promeneurs
susceptibles, par leurs discussions, de crer un dsagrment
fort perturbant pour les lecteurs au pied de labside de la
salle 22. Le bassin 69 dmontre galement que labside
de la salle 22 ne devait pas tre aveugle et donc assurer un
clairage naturel aussi gnreux que propice la lecture

19. On connat la caractristique principale de lhypocauste


canaux, qui peut produire une chaleur douce et constante. Or,
cette caractristique, qui diffrencie le systme canaux de celui
pilettes, capable de fournir une chaleur plus intense et soudaine,
semble trs intressante lorsquil sagit de garantir la conservation
des livres, mais aussi ce que Sidoine Apollinaire (Ep. IX, 16,
2) ne dmentirait pas le confort des lecteurs.

20. Comme le suggrent Macrobe (Saturnales, VI, 1) et Sidoine


Apollinaire (Ep. II, 9, 4).

AnTard, 18, 2010

LES LIEUX DES LETTRES DANS LES VILLAE OCCIDENTALES DE LANTIQUIT TARDIVE

71

Fig. 8 Structure de la villa de Haccourt (165) en Belgique.

dans la salle 22. En effet, outre lagrment dune perspective


certainement fort agrable, le bassin 69 permettait peut-tre
de concentrer quelques rayons de lumire naturelle, par
rverbration, dans la salle 22.
Second groupe
Le second groupe de structures susceptibles dtre des
salles de lecture ou des cabinets de travail est compos
dexemples qui scartent quelque peu des caractristiques
nonces par Pline et Sidoine. Par consquent leur identification est beaucoup moins vidente que ne lest fut celle
des structures dcrites prcdemment.
Ainsi, la salle XII de la villa anglo-saxonne de Brading
(62) pourrait entrer dans la catgorie des salles de lecture,

car le programme de son dcor de sol fait intervenir un


personnage identifi comme un astronome ou un philosophe21 (fig. 9). Or, la prsence de ce personnage permet de
souponner que la salle XII tait peut-tre consacre une
activit rudite semblable ce qui pouvait se drouler dans
une bibliothque ou dans une salle dtude.
La structure partiellement chauffe 29-31c, isole dans
la villa de Basse-Wavre (186), est peut-tre galement
classer parmi les salles dcriture ou de lecture, car un encrier
et un style y ont t retrouvs22.
21. R. Stupperich, A reconsideration of some fourth century British
mosaics. in Britannia, 11, 1980, p. 289-301, ici p. 297.
22. Ch. Dens J. Poils, LHost, villa belgo-romaine, BasseWavre, in Annales de la Socit darchologie de Bruxelles, 19,

72

JEAN-PHILIPPE CARRI

AnTard, 18, 2010

Fig. 9 Structure de la villa de Brading (62) en Grande-Bretagne.

Fig. 10 Structure de la villa de Basse-Wavre (186) en Belgique.

AnTard, 18, 2010

LES LIEUX DES LETTRES DANS LES VILLAE OCCIDENTALES DE LANTIQUIT TARDIVE

Fig. 11 Structure de la villa de Maillen-Al Sauvenire (227) en Belgique.

Fig. 12 Structure de la villa de Milton Keynes-Bancroft V (251) en Grande-Bretagne.

73

74

JEAN-PHILIPPE CARRI

AnTard, 18, 2010

Fig. 13 Structure de la villa dOrbe-Boscaz (283) en Suisse.

La pice K de la villa de Maillen Al Sauvenire (227)


aurait, elle aussi, pu correspondre une ventuelle salle de
lecture ou dcriture, ou tout au moins une salle de garde, si
lon considre les renfoncements dans ses murs qui trahissent
peut-tre la prsence de meubles de rangement.
Les deux pices abside de Milton Keynes (251) pourraient galement avoir form un ensemble de rangement et
de travail. En effet, dans lventualit o la pice 1 aurait
possd un systme de chauffage, ces deux pices auraient
fort bien pu convenir la conservation des documents et au
confort des lecteurs.
Enfin, la suite de pices absides jumelles de la villa
dOrbe (283) pourrait bien former un espace de lecture
spar entre hommes et femmes, comme le suggrait Sidoine.
Les salles de lecture et dcriture, quon les appelle
bibliothques ou cabinets de travail , devaient tre
relativement courantes dans les villae tardives si lon tient
compte du got prononc de laristocratie pour les belles
lettres et la culture ainsi que de la forte valeur sociale du
1905, p. 314. Cela dit, on peut se poser la question du rle de
la cave 31c dans une suite de pices consacres la lecture et
lcriture, qui assurment ne devait pas constituer un espace de
conservation des documents trs idal ni un espace de lecture
trs confortable.

travail intellectuel. Toutefois, on la vu, lidentification


archologique de ces structures reste assez dlicate, pour
deux raisons. Tout dabord, parce que la lecture et lcriture
constituent deux activits qui ne laissent finalement que
trs peu de traces archologiques. Mais galement parce
que ces occupations pouvaient saccommoder assez facilement de divers types de pices. Ce dernier point implique
quen dpit des quelques lments discriminants isols au
cours de cette analyse, lidentification dun espace comme
bibliothque ou salle dcriture ne doive aucunement tre
formule de manire catgorique, mais plutt rester, pour
certains espaces, une possibilit intressante dinterprtation
parmi dautres.
On retiendra de cette premire tentative didentification
des salles de lecture dans les villae de laristocratie occidentale que le nombre de structures isoles reste trs faible,
principalement cause de la lisibilit parfois difficile de
certains sites. Ce nombre peu important ne doit par consquent pas tre considr comme un reflet fidle de la ralit
antique, assurment beaucoup plus riche.
Paris 1 Panthon-Sorbonne

AnTard, 18, 2010, p. 75-113

2. LE LIVRE : PRODUCTION,
RCEPTION, TRANSMISSION
LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE:
LA TESTIMONIANZA DI ALCUNI MANOSCRITTI TARDOANTICHI
DI AGOSTINO E GIROLAMO*
ORONZO PECERE FILIPPO RONCONI

in ricordo di Gabriella Braga


Fathers works from production to reception:
a case study of Augustines and Jeromes late antique manuscripts
I.
In Late Antiquity the development of an autonomous Christian culture brought about important
changes in the methods of composition and revision of texts. In the first instance, St Augustines Retractationes clearly show that many of his works (including the De Trinitate and the De Civitate Dei) were
composed in desultory fashion over a long period. This implies textual instability, incompatible with
the idea of a static archetype. Such instability is reflected in the physical characteristics of some of the
oldest Patristic manuscripts, for example Petropol. Q.v.I.3 which contains one of the first collections of
various works by Augustine. This collection was probably initiated, between the 4th and 5th century,
by a scribe working in an African milieu connected with Augustine and then completed elsewhere in
the 6th or 7th century. Another important observation concerns the Late Antique revision of texts: subscriptiones and certain marginal notes in sixth- and seventh-century Patristic manuscripts attest to the
practice of textual correction. Study of these notes reveals the intention of stabilizing the transmission
which had often been disrupted through complexity of the composition process. [Author]
II.
The palaeographical and codicological study of the sixth-century manuscripts Paris. lat. 12214 and
Paris. lat. 2235 (respectively the two most ancient manuscripts of St Augustines De civitate Dei and of
the Tractatus in librum Psalmorum attributed to St Jerome) enables us to reconstruct the process of their
transcription and their subsequent history. Paris. lat. 12214 was probably copied from two models (one
containing the canon, the other the first part of the De civitate Dei), which may have orginated in the
milieu of Eugippius. Paris. lat. 2235 is made up of three original manuscripts probably three volumes
of one single edition which were later bound together as a book. It also derives from several models,
each containing a short section of the Tractatus. The emendationes made in both manuscripts shortly
after their transcription reveal a strong attention to the material aspects of the books. [Author]

*Il capitolo I di O. Pecere, il capitolo II di F. Ronconi. La ricerca di Pecere, finanziata con un contributo della G.K. Delmas
Foundation (New York), stata condotta nellambito del progetto
HUM2006-11240-C02-01 dellUniversit di Cantabria.
Abbreviazioni : Cavallo, I fondamenti materiali = G. Cavallo, I
fondamenti materiali della trasmissione dei testi patristici nella
tarda antichit: libri, scritture, contesti, in E. Colombo (ed.), La
trasmissione dei testi patristici latini: problemi e prospettive,

Atti del Convegno internazionale (Roma, 26-28 ottobre 2009),


Turnhout, 2011, in corso di stampa. Gorman, The Manuscript Traditions = M. M. Gorman, The Manuscript Traditions
of the Works of St Augustine, Firenze, 2001. Mutzenbecher,
Codex Leningrad = Mutzenbecher, Codex Leningrad Q.v.I.3
(Corbie). Ein Beitrag zu seiner Beschreibung, in Sacris erudiri,
18, 1967-1968, pp. 406-450. Pecere, Roma antica e il testo =
O. Pecere, Roma antica e il testo. Scritture dautore e composi-

76

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

I. PRODUZIONE,

REVISIONE E RICEZIONE

TARDOANTICA DEGLI SCRITTI DI

AGOSTINO

1. Ogni testo letterario prodotto dalla cultura latina dopo


il periodo arcaico era oggetto di due tipologie di lettura
funzionalmente distinte. La prima era quella praticata dal
lettore comune, che si procurava un libro e si accostava al
suo contenuto spinto da molteplici motivazioni: interessi
culturali coltivati con finalit letterarie; esigenze connesse
al lavoro professionale; forme diverse di piacevole intrattenimento sociale o di semplice svago individuale. La
seconda precedeva la lettura generalizzata ed era quella di
una particolare categoria di lettori che avevano il compito
di garantire sia la qualit contenutistica e stilistica, sia la
correttezza testuale di uno scritto destinato a trovare nel libro
il veicolo della sua circolazione e trasmissione. Lartefice
del meccanismo di revisione del testo ancora inedito era
lautore stesso. La tensione verso la perfezione dellopera
prodotta e licenziata sotto il controllo dellautore, o immessa
nel circuito di ricezione a suo nome (si pensi ai numerosi
testi oratori, filosofici e scientifici derivanti da esposizioni
orali messe per iscritto da ascoltatori o notarii1), percorre
lintera vicenda storica della produzione letteraria romana
fino alla tarda antichit. Fattori dinamici di questo processo
erano le diverse figure che lavoravano sul testo e sul libro,
interpretando esigenze, gusti e preferenze dellautore, del
committente, dei lettori anonimi. Fino allet augustea, alla
rilettura del testo provvisorio che lautore chiedeva a una
ristretta cerchia di amici colti, subordinando al loro giudizio la decisione di divulgarlo, si affiancava lemendatio
di esperti diorthotai reclutati tra i suoi schiavi o tra quelli
che lavoravano al servizio degli interlocutori privilegiati
della sua attivit letteraria: basti qui richiamare lesempio
di Tirone, il liberto di Cicerone, e degli scribi litterati del
suo intimo e facoltoso amico Pomponio Attico2. Questa
consuetudine si dilata parallelamente allinsorgere della
figura del copista di professione, la cui attivit si configura
gradualmente come quella di un vero e proprio imprenditore
librario, che assicurava una moltiplicazione delle copie
adeguata a soddisfare una crescente domanda di libri: lo
testimoniano le numerose botteghe librarie che popolavano
il paesaggio urbano di Roma e la vendita di libri nei mercati
e nelle strade di altre citt dellimpero, nellepoca di pi
zione letteraria, Roma-Bari, 2010. Ronconi, I manoscritti
miscellanei = F. Ronconi, I manoscritti greci miscellanei. Ricerche su esemplari greci dei secoli IX- XII, (CISAM, Testi, studi,
strumenti, 21), Spoleto, 2007. Scheele, Buch und Bibliothek
= J. Scheele, Buch und Bibliothek bei Augustinus, in Bibliothek
und Wissenschaft, 12, 1978, pp. 14-114.
1. Sul fenomeno degli ascoltatori come editori vd. M.

Korenjak, Publikum und Redner. Ihre Interaktion in der


sophistischen Rhetorik der Kaiserzeit, Mnchen, 2000, pp.
157 s.; Pecere, Roma antica e il testo, pp. 246 s.

2. Su Tirone e gli scribi di Attico vd. Pecere, ibid., pp. 116, 128 s.,
178 e p. 302 n. 358 con bibliografia.

AnTard, 18, 2010

alta diffusione sociale dellalfabetismo3. Verso la fine del


I secolo d. C. Quintiliano scelse come editore della sua
Institutio oratoria Trifone, un librarius di fiducia che aveva
seguito il lungo e tormentato iter compositivo di unopera
praticamente infinita e che, nelle attese dellautore, avrebbe
saputo compiere col massimo scrupolo la difficile impresa
di pubblicarla mettendo nelle mani dei lettori generici
libri quam emendatissimi4. Il coinvolgimento del librarius
nella revisione del testo consolida lestensione della pratica
dellemendatio dal manoscritto dautore ai libri contenenti
opere gi pubblicate. In questo panorama dominato da una
vasta circolazione di libri nuovi e vecchi, preziosi per
qualit dellesecuzione grafica e dei materiali oppure dozzinali, costosi e a buon mercato emerge e si afferma il protagonismo del grammaticus. Depositario di una indiscussa
competenza linguistica, il grammatico non solo garantisce
lautenticit e la genuinit testuale del libro che corregge,
ma esplica anche unattivit di consulente sia del libraio sia
dei suoi clienti, stabilendo con la sua riconosciuta auctoritas
il valore letterario e commerciale del prodotto librario5. Le
fonti letterarie descrivono con dovizia di particolari lattivit
di revisione condotta prima e dopo ledizione del testo letterario. Ma quella espletata da un emendator di professione
documentata, a partire dallet imperiale, anche dalle
subscriptiones dei revisori del testo che si sono conservate
nella tradizione manoscritta6. Linsieme di questi dati permette di ricostruire le dinamiche che investono ed innovano
i processi di composizione, di produzione e di ricezione del
libro/testo, delineando un quadro complesso e problematico
della situazione a monte della tradizione medievale, specialmente dei testi prodotti nellOccidente cristiano della tarda
antichit. In questepoca, infatti, lo sviluppo di una cultura
cristiana autonoma, nel segno di una nuova concezione del
3. Sul mercato librario tra tarda repubblica e prima et imperiale
vd. M. Citroni, Poesia e lettori in Roma antica, Roma-Bari,
1995, pp. 13 s. Le numerose testimonianze su librai e botteghe
librarie sono state raccolte e pi volte esaminate, ad esempio, da
T. Kleberg, Commercio librario ed editoria nel mondo antico,
in G. Cavallo (ed.), Libri, editori e pubblico nel mondo antico,
Roma-Bari, 20044, pp. 40 s.; P. Fedeli, I sistemi di produzione e
diffusione, in G. Cavallo-P. Fedeli-A. Giardina (dir.), Lo spazio
letterario di Roma antica, II, La circolazione del testo, Roma,
19932, pp. 335 s.; J. W. Iddeng, Publica aut peri! The Releasing
and Distribution of Roman Books, in Symbolae Osloenses, 81,
2006, pp. 63 sgg. Sullestensione del pubblico letterario vd. G.
Cavallo, Libro e cultura scritta, in A. Schiavone (dir.), Storia di
Roma, 4, Caratteri e morfologie, Torino, 1989, pp. 693, 715 s.;
R. Winsbury, The Roman Book, London, 2009, pp. 62 s.
4. Quint. inst. prol. 1-3.
5. Pecere, Roma antica e il testo, p. 245.
6. Un aggiornato repertorio delle subscriptiones in J. E. G. Zetzel,
Latin Textual Criticism in Antiquity, New York, 1981, pp. 211227; vd. anche O. Pecere, I meccanismi della tradizione testuale,
in G. Cavallo-P. Fedeli-A. Giardina (dir.), Lo spazio letterario
di Roma antica, III, La ricezione del testo, Roma, 19932, pp.
345, 359 s.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

testo, introduce significativi mutamenti nelle procedure di


composizione e di revisione.
Nel superstite repertorio di subscriptiones e note di revisori, quelle originali sono restituite da codici databili al
V-VII secolo che contengono, tranne rari casi, scritti di autori
cristiani attivi nello stesso arco temporale7. Questi esemplari
consentono di osservare lemendatio nel suo farsi perch gli
interventi correttivi, quale che sia la loro natura e finalit,
appartengono alla stessa mano del revisore. Ma nel corredo
di annotazioni che costellano i margini dei codici, quelle
vergate da altre mani, coeve o di poco posteriori a quella
del copista, attestano anche le diverse maniere di leggere di
coloro che hanno usato il libro nella primissima fase della
circolazione dellopera. Tali manoscritti costituiscono pertanto un terreno di indagine di particolare interesse. Innanzi
tutto, in questi esemplari si intersecano e sedimentano tracce
di lettura diversamente finalizzate, che possono far luce sugli
interessi e sul livello culturale dei lettori contemporanei.
Ma essi sono anche le prime testimonianze della stabilizzazione dellassetto testuale di opere la cui composizione,
talvolta, non risulta seguire un percorso lineare, nel senso
che il processo di elaborazione e di stesura segnato da
interruzioni e riprese che ne differiscono nel tempo il completamento e la pubblicazione: circostanza in cui il codice
sottoscritto non necessariamente discende dallesemplare
dautore recante il testo finale, ma pu riflettere modelli
contenenti soltanto parti dellopera, le quali avevano avuto
una sia pur limitata circolazione, anteriore e poi parallela
a quella della redazione definitiva. In altri casi, invece, le
annotazioni paratestuali registrano lesito di discussioni e
dibattiti polemici tra lautore dello scritto e un lettore del
suo testo, il quale concepisce e stende nei margini dello
stesso libro la sua replica allopera in esso contenuta. Nelle
Retractationes di Agostino vi sono continui riferimenti sia
allandamento desultorio della composizione, che innesca un
processo di fruizione di alcune sue opere ancora in progress,
sia allabitudine di comporre una nuova opera annotandone il
testo direttamente sui margini di un libro in lettura. Tenendo
sullo sfondo queste informazioni dellopera agostiniana,
lanalisi seguente prender in considerazione alcuni codici
recanti note di revisione originali, assunti come campione
di un sondaggio che si propone un duplice obiettivo: tracciare un profilo provvisorio del lettore/revisore tardoantico
dei testi cristiani e delle sue pratiche di lettura; definire il
rapporto del testimone tardoantico superstite con loriginale
dautore, nella fase in cui cominciavano a delinearsi le linee
della futura trasmissione del testo.
2. In Agostino si possono osservare alcune rilevanti novit nel modo di comporre e di divulgare le proprie opere.
Egli infatti consente abitualmente limmediata fruizione
7. Per un esame di questo gruppo di subscriptiones vd. Cavallo, I
fondamenti materiali, in corso di stampa; ringrazio lautore per
avermi consentito di leggere il suo lavoro.

77

sia di scritti che riproducono interventi pubblici estemporanei, sia di opere (o spezzoni di opere) ancora in fase di
elaborazione, sia di testi ricavati da annotazioni di lettura
appuntate sui margini dei libri. Ci significa che Agostino si
allontana dallantica consuetudine che prevedeva la stesura
di un brogliaccio caratterizzato da un impianto librario
variabile e da unaccentuata mobilit della sua fisionomia
testuale , nel quale prendeva lentamente forma la redazione
definitiva che poteva essere legittimamente pubblicata. Per
spiegare questo atteggiamento merita anzitutto di essere
considerata una preoccupazione che affiora ripetutamente
negli scritti dei Padri e che deriva dal gravame di impegni
che essi erano chiamati ad assolvere nella comunit che li
identificava come guida spirituale. La produzione di scritti
di carattere dottrinale, di opere esegetiche necessarie per
linterpretazione delle Scritture, di testi approntati per le pi
varie esigenze pastorali costringeva i Padri a ritmi di lavoro
intensissimi che interferivano pesantemente sui processi di
composizione e di pubblicazione8. Essi lamentano spesso
che le pressanti richieste di vescovi, confratelli, fedeli o di
altri interlocutori li induceva a scrivere velocemente e senza
tregua, ma accettano di sacrificare la qualit letteraria di ci
che scrivono ai doveri imposti dal loro ruolo di custodi e
paladini della fede: la loro priorit di costruire una nuova
cultura diffondendo e difendendo la religione cristiana, non
il prestigio personale e la gloria letteraria9.
Comporre in fretta e copiosamente, oltre che una scelta
obbligata, era tuttavia anche la conseguenza di fattori storici
che sono alla base dei radicali cambiamenti del contesto
in cui si situa lattivit compositiva in et tardoantica. La
crisi politica ed economica del III secolo aveva travolto le
strutture portanti della cultura dellimpero. Il declino di un
sistema scolastico socialmente diffuso, in grado di offrire
opportunit formative corrispondenti ai vari livelli in cui
era articolato linsegnamento, era andato di pari passo con
la dissoluzione di una vasta rete di biblioteche, pubbliche
e private, e con la rarefazione delle officine librarie in cui
maestranze specializzate, in forme pi o meno organizzate,
producevano i libri su committenza e ne alimentavano il
commercio. Ma nel generale decadimento culturale, la
diminuzione del pubblico colto aduso al consumo del libro
letterario aveva ridotto e inaridito anche lalveo che nutriva
il rituale del processo compositivo.
Laristocrazia pagana, che cercava di legittimare il suo
ruolo di erede del passato recuperando il rapporto con il
patrimonio letterario di Roma antica, ostentava con orgoglio i libri degli auctores presenti nelle sue biblioteche
private; libri in cui sono gli stessi membri della famiglia o
8. Cfr. G. Kloeters, Buch und Schrift bei Hieronymus, Mnster,
1957, pp. 34 s.; J. Scheele, Buch und Bibliothek, pp. 59 s.; M.
Caltabiano, Litterarum lumen. Ambienti culturali e libri tra il IV
e il V secolo, Roma, 1996, pp. 97 s.
9. Cfr. O. Pecere, La scrittura dei Padri della Chiesa tra autografia
e dictatio, in Segno e Testo, 5, 2007, pp. 20 s.

78

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

personaggi comunque appartenenti alllite nobiliare che


firmano la revisione del testo10, condotta talvolta secondo
modalit che implicano la collazione della copia sullantigrafo11. La cornice dellemendatio era la scuola di retorica,
un grammaticus di grido il garante delloperazione; non a
caso Servio , insieme ad esponenti di illustri casate gentilizie come Pretestato, Simmaco e Nicomaco Flaviano, il
protagonista dei Saturnali di Macrobio12. In questi milieux
di alta erudizione si erano formati anche i principali letterati
cristiani. Ma, dopo la conversione, la rottura con la societ
secolare costringeva lautore cristiano a svolgere il suo
ministero in ambienti in cui difficilmente trovava interlocutori in possesso dei requisiti culturali idonei a sostenere
il suo lavoro letterario secondo le convenzioni tradizionali.
Agostino, dopo aver composto i due libri De origine animae
e De sententia apostoli Iacobi, invi lopera ad presbyterum
Hieronimum sedentem in Bethleem. Scrive in proposito nelle
Retractationes : Ho chiesto su entrambi questi punti il suo
parere ... Nel rispondermi (Girolamo) ha espresso apprezzamento per la richiesta che gli avevo fatto di un parere, ma
dichiarando nel contempo di non avere tempo disponibile
per rispondermi. Non ho comunque voluto pubblicare questi
libri finch era in vita, sperando sempre che una volta o
laltra mi fornisse la sua risposta, che avrebbe potuto divenire parte integrante della pubblicazione. La speranza
di Agostino di definire la struttura dellopera, integrandovi
lopinione di Girolamo sulle questioni richiamate nei titoli
dei due libri, and delusa, ed egli soltanto dopo la morte
del suo corrispondente si decise a pubblicare il trattato,
giudicando comunque utile far conoscere il suo punto di

10. Sul classicismo delle lites pagane basti il rinvio a H. Bloch,


La rinascita pagana in Occidente alla fine del secolo IV, in A.
Momigliano (ed.), Il conflitto tra paganesimo e cristianesimo nel
secolo IV, Torino, 1968, pp. 201 s.; G. Cavallo, Libri e continuit
della cultura antica in et barbarica, in G. Pugliese Carratelli
(ed.), Magistra barbaritas. I barbari in Italia, Milano, 1984, pp.
605 s. Sulla cristianizzazione dellaristrocrazia romana del basso
impero vd. P. Brown, Religione e societ nellet di santAgostino, Torino, 1975, pp. 151 s. (trad. it. di Id., Religion and Society
in the Age of Saint Augustine, London, 1972).
11. La collazione dellesemplare sottoscritto con il modello di copia
una consuetudine che caratterizza lemendatio dei testi cristiani;
su questa pratica, connessa a specifiche esigenze e motivazioni
culturali, vd. O. Pecere, La tradizione dei testi latini tra IV e V
secolo attraverso i libri sottoscritti, in A. Giardina (ed.), Societ
romana e impero tardoantico, IV, Tradizione dei classici, trasformazioni della cultura, Roma-Bari, 1986, pp. 21 s. Ma la collatio
sullantigrafo affiora anche nei manoscritti tardoantichi recanti
testi pagani (ibid., pp. 46 s., 58); le ragioni di tale allineamento
delle modalit di revisione sono evidenti: sono infatti frequenti
i casi di aristocratici pagani impegnati nella revisione di testi sia
pagani che cristiani (ibid., pp. 22 s.).
12. Cfr. R. Kaster, Macrobius and Servius: verecundia and the
Grammarians Function, in Harvard Studies in Classical Philology, 84, 1980, pp. 219 s., 247 s.

AnTard, 18, 2010

vista sui problemi esposti13. Questo esempio dimostra che


lautore cristiano doveva talvolta cercare al di fuori della sua
comunit un lettore col quale poter intrecciare un dialogo,
aprire una discussione e un confronto mentre lavorava ad un
progetto compositivo. Era dunque inevitabile che la sua attivit di scrittore si adattasse a queste mutate condizioni, che
avevano un immediato riflesso sulle modalit di ricezione.
Con Agostino si diffonde infatti la pratica di divulgare il testo
di unopera ancora incompleta; diventa abitudine scrivere
senza un preciso programma di lavoro, con la conseguenza
che spesso si sovrapponevano le stesure di scritti diversi,
o che un progetto venisse abbandonato e ripreso a distanza
di tempo oppure lasciato allo stato di incompiutezza, senza
peraltro che ci impedisse la fruizione, la circolazione e la
trasmissione delle parti scritte.
Nel prologo delle Retractationes, tirando le fila di unattivit straordinariamente intensa e prolifica, Agostino osserva
con autocritico disincanto lo stato di disordine del suo lascito
di scrittore. Egli dichiara perci di volersi riappropriare di
una prerogativa autoriale alla quale aveva dovuto rinunciare
nel corso del suo lungo ministero pastorale, riprendendo
e finalmente realizzando il progetto di riconsiderare
con lo spirito di un giudice severo il complesso dei suoi
opuscula14: non a caso egli ricorre qui alla tipica metafora
giudiziaria che veniva usata dai maestri di scuola quando
insegnavano agli allievi come correggere un testo appena
abbozzato15. Tuttavia lintento di questa revisione ritardata
non tanto quello di conformare la sua produzione scritta
alle regole compositive sancite dalla tradizione, mediante
un accurato controllo volto a purgare il testo degli errori e
a perfezionarne la forma e lo stile. La rilettura di Agostino,
invece, si propone soprattutto di rimuovere dai suoi opuscula si tratti di libri, di lettere o di sermoni16 alcune
affermazioni che erano state disapprovate dai suoi lettori e
13. Aug. retr. 2, 45: [...] de utroque consulens eum [...] Rescripsit
autem laudans eamdem consultationem meam, sibi tamen ad
respondendum otium non esse respondit. Ego vero quousque esset
in corpore hos libros edere nolui, ne forte responderet aliquando,
et cum ipsa responsione eius potius ederentur. Illo tamen defuncto
ad hoc edidi priorem, ut qui legit admoneatur [...] quomodo detur
anima nascentibus, [...] posteriorem ad hoc ut quaestionis de qua
agitur etiam quae nobis visa est solutio ipsa noscatur.
14. Agostino gi in un passo di una lettera a Marcellino (epist.
143, 2) aveva annunciato con chiarezza il proposito di comporre
unopera in cui raccogliere e mostrare qualsiasi cosa che nei suoi
libri lo scontentasse: Si enim mihi deus quod volo praestiterit, ut
omnium librorum meorum quaecumque mihi rectissime displicent,
opere aliquo ad hoc ipsum instituto, colligam atque demonstrem;
vd. G. Madec, SantAgostino. Le ritrattazioni, Introduzione
generale di G. Madec, traduzione, note e indici di U. Pizzani,
Roma, 1994, p. XV.
15. Sui termini iudex e censor, usati in questo senso metaforico
a partire da Orazio, vd. Pecere, Roma antica e il testo, pp. 43
s., 51.
16. Aug. retr. prol. 1.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

sulle quali egli stesso si era ricreduto; egli vuole insomma


rettificare in alcuni punti la redazione testuale presente nelle
copie in suo possesso. Gli errata su cui Agostino interviene
sono riconducibili al suo modo disordinato e frettoloso di
comporre, che egli descrive analiticamente ricostruendo in
ordine cronologico le circostanze in cui ogni singola opera
era stata da lui concepita e realizzata. Ma dal suo bilancio
emerge anche un deficit di vigilanza sui meccanismi di
conservazione e di fruizione; spesso gli capita infatti di
constatare che il testo delle opere presente nelle copie in
suo possesso non corrispondeva pi a quello che egli aveva
scritto e inteso pubblicare, oppure di non ritrovare nei suoi
armaria alcun esemplare di qualche suo scritto.
Prima di procedere alla retractatio, Agostino traccia un
significativo discrimine nella sua vasta produzione, distinguendo il molto che ha scritto dal molto che per dirla con
le sue parole , pur se non dettato da me, stato tuttavia
messo per iscritto sulla base della mia esposizione orale17.
Appartengono a questa seconda categoria, oltre ai sermoni
e agli atti di dispute pubbliche contro gli eretici18, scritti di
esegesi scritturale come le Annotationes in Job e lExpositio epistolae Iacobi ad duodecim tribus. La paternit delle
Annotationes in Job messa in discussione dallo stesso
Agostino, secondo il quale lopera potrebbe essere ritenuta
sua oppure di coloro che, come hanno potuto e voluto,
hanno compattato quelle annotazioni in un testo unitario,
trascrivendole dai margini del manoscritto19. Anche le note
di commento allepistola di Giacomo erano state raccolte
dallopera diligente dei fratelli, che non avevano voluto
lasciarle nei margini del codice20. Ma mentre lutilit di
questultima opera era inficiata dalla cattiva traduzione in
latino del testo greco della lettera commentata, nel primo
caso Agostino mette in evidenza alcuni fattori che pregiudicavano gravemente la comprensione del testo da parte
dei lettori: ... in molti luoghi gli stessi passi commentati
non sono riportati in modo che risulti evidente loggetto del
commento. Inoltre alla concisione dei pensieri saccompagna una tale oscurit che il lettore riesce con difficolt a
17. Aug. retr. prol. 2: Multa etiam quae dictata non sunt, tamen a
me dicta conscripta sunt.
18. Acta contra Fortunatum Manichaeum; Contra Felicem Manichaeum; Ad Emeritum episcopum Donatistarum, post collationem; Gesta cum Emerito Donatistarum episcopo: vd. Aug. retr.
1, 16; 2, 8; 2, 46; 2, 51.
19. Aug. retr. 2, 13: Liber cuius est titulum Annotationes in Job,
utrum meus habendus sit, an potius eorum qui eas, sicut potuerunt
vel voluerunt, redegerunt in unum corpus descriptas de frontibus
codicis, non facile dixerim.
20. Aug. retr. 2, 32: Inter opuscula mea reperi Expositionem
epistolae Iacobi, quam retractans adverti annotationes potius
expositorum quorumdam eius locorum in librum redactas fratrum
diligentia, qui eas in frontibus codicis esse noluerunt. Adiuvant
ergo aliquid, nisi quod ipsam epistolam, quam legebamus quando
ista dictavi, non diligenter ex Graeco habebamus interpretatam:
vd. Scheele, Buch und Bibliothek, pp. 44 s.

79

sopportarla ed costretto a sorvolare sopra molte parti senza


averle comprese. Ho infine trovato il testo di questopera in
tale stato di corruzione nei codici da me posseduti che non
sono riuscito a correggerlo21. La constatazione del confuso
assetto editoriale e dello stato di corruzione testuale delle
Annotationes in Job induce Agostino a dichiarare che non
sua la responsabilit della pubblicazione; eppure tacitamente consente che lopera sopravviva e si trasmetta, dal
momento che non la sottrae al possesso dei fratres. Questa
vicenda rivela tutti i limiti dellapparato di supporto di cui
Agostino poteva disporre. Nel procedere alla trascrizione di
note di lettura rimaste nei libri di Agostino, con lintento di
trasformarle nel testo continuo di una nuova opera, i suoi
confratelli talvolta non erano capaci di allestire un codice
in cui linquadramento librario del testo, con leventuale
aggiunta di opportuni dispositivi di lettura, permettesse di
distinguere i passi interpretati e il relativo commento, senza
sfasature che ne confondessero il reciproco rapporto. Ma
spesso essi non erano nemmeno in grado di capire il testo
che trascrivevano22, con la conseguenza che tutte le copie
dellopera presenti nella comunit dellautore erano cos
infarcite di errori da frustrare i suoi tentativi di correzione.
Le annotazioni marginali sulle pagine del libro erano il
materiale di base per leventuale composizione di unopera
di polemica dottrinale contro gli eretici. Era questa la funzione delle postille apposte da Agostino sullesemplare
dellepistola di un manicheo, di cui confuta soltanto linizio,
nel libro Contra epistolam manichaei quam vocant fundamenti; gli appunti alle restanti parti dellepistola, come egli
dice, avrebbero dovuto costituire un punto davvio, qualora
avessi avuto il tempo di estendere la mia polemica allintera
lettera23. Queste postille sono andate perdute perch lautore non le riprese nella stesura di successivi interventi sulla
lettera, n furono recuperate dai suoi fratres. Ma abbiamo
21. Aug. retr. 2, 13: Nec ipsa verba quae exponuntur ita sunt
descripta in multis locis, ut appareat quid exponatur. Deinde
brevitatem sententiarum tanta secuta est obscuritas, ut eam lector
ferre vix possit, quem necesse est plurima non intellecta transire. Postremo tam mendosum comperi opus ipsum in codicibus
nostris, ut emendare non possem.
22. La difficolt di decifrare la scrittura di queste annotazioni
marginali dipendeva dal fatto che poteva trattarsi di appunti stesi
dalla mano dellautore; lautografia nei brogliacci di Agostino
testimoniata dal quaternio unus quem propria manu sanctus
episcopus Augustinus initiavit, ritrovato da Possidio (indic. p.
179) tra i materiali della biblioteca di Ippona: vd. E. Dekkers,
Les autographes des Pres latins, in B. Fischer V. Fiala (ed.),
Colligere fragmenta. Festschrift Alban Dold zum 70. Geburtstag,
Beuron in Hohenzollern, 1952, p. 127. Una lettera di Ambrogio
al vescovo Sabino (epist. 7, 37, 1 s.) testimonia le difficolt che
incontrava il lettore di fronte alla grafia informale di un testo autografo: vd. Pecere, La scrittura dei Padri, cit. (n. 9), pp. 23 s.
23. Aug. retr. 2, 2: In ceteris illius partibus annotationes ubi videbatur affixae sunt, quibus tota subvertitur et quibus commonerer,
si quando contra totam scribere vacavisset.

80

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

lopportunit di osservare questa tecnica di composizione a


puntate in una controversia analoga innescata dalla lettera di
un donatista. Dei tre libri Contra litteras Petiliani, il primo
fu composto in tutta fretta quando Agostino ebbe per le mani
soltanto la prima parte della lettera24, gli altri due dopo che
pot leggerla per intero. Il primo libro, nonostante fosse
indirizzato ai cristiani, venne nelle mani di Petiliano, che
replic violentemente, costringendo Agostino a rispondere.
La prima sezione dellopera completa conobbe quindi una
fruizione immediata e indipendente, pi ampia di quella
voluta dallautore; essa fu letta sia dai cristiani sia dai donatisti, generando unestensione della polemica che coinvolse
anche il grammatico Cresconio. Lo scritto di Cresconio apr
un nuovo terreno di scontro in cui Agostino intervenne, a
distanza di circa quattro anni, scrivendo lAd Cresconium
grammaticum partis Donati, libri quattuor. Modi e tempi
della stesura di questopera sono cos ricostruiti da Agostino:
A questa sua opera risposi con quattro libri, concentrando
in tre soltanto tutto quanto la risposta richiedeva. Mi accorsi
per che si poteva rispondere a tutto ci che aveva scritto,
prendendo unicamente lo spunto dalla questione dei Massimalisti, che i Donatisti avevano condannato come scismatici,
ma ne avevano poi reinseriti alcuni nella loro dignit senza
ripetere il battesimo ricevuto fuori della comunione con loro.
Aggiunsi allora un quarto libro nel quale confermavo tutto
questo con maggiore impegno e con la maggiore chiarezza
possibile25. Lintera vicenda offre un esempio eloquente di
come un programma compositivo, appena avviato, potesse
generare una reazione a catena che spostava su altri piani
lattivit dello scrittore26.
Questo tipo di procedimento compositivo allorigine di
numerose opere agostiniane27 (sempre che lautore non smetta di lavorare ad uno scritto dopo il primo libro, spaventato
dallimponenza e dalla fatica dellimpresa, come nel caso
della Epistolae ad Romanos inchoata expositio28). Si tratta di
24. Aug. retr. 2, 25; questo impegno improvviso fu una delle cause
che rallentarono la composizione del De trinitate.
25. Aug. retr. 2, 26: Cui operi eius libris quattuor respondi, ita sane
ut tribus peragerem quod universa responsio flagitabat. Sed cum
viderem de sola Maximianensium causa, quos suos schismaticos
damnaverunt, et eorum aliquos rursus in suis honoribus receperunt, baptismumque ab eis extra suam communionem datum
non repetiverunt, responderi posse ad cuncta quae scripsi, etiam
quartum librum addidi, in quo id ipsum, quantum potui, diligenter
atque evidenter ostendi.
26. Vd. anche il caso del De peccatorum meritis et remissione (retr.
2, 33) e del De spiritu et littera, ad Marcellinum (retr. 2. 37).
27. Per es. i tre libri De libero arbitrio (retr. 1, 8); il libro Probationum et testimoniorum contra Donatistas (retr. 2, 27); il Contra
Gaudentium, Donatistarum episcopum (retr. 2, 59); i dodici libri
De genesi ad litteram furono iniziati prima e terminati dopo la
composizione del De trinitate (retr. 2, 24, 1), protrattasi per oltre
un ventennio.
28. Aug. retr. 1, 25; anche la trattazione di questioni dei Libri dei
Re fu abbandonata per il sopraggiungere di altri impegni (retr.

AnTard, 18, 2010

un metodo di lavoro che non rispecchia una pianificazione,


ma dipende dalle circostanze in cui comincia a delinearsi il
progetto dellopera, diluendone nel tempo la realizzazione.
La genesi dellExpositio quarumdam propositionum ex epistola apostoli ad Romanos era in una esposizione orale, sotto
forma di risposte a quesiti che i fratres non avevano voluto
che andassero disperse senza un testo29. Altre questioni che
si trovavano disperse in molti fogli isolati furono da Agostino dettate, senza seguire un ordine, di volta in volta che
i fratelli, trovandomi disponibile, me ne facevano richiesta,
e disposte nel libro intitolato De diversis quaestionibus octoginta tribus, ciascuna contrassegnata da un numero, s
da permettere ad ogni lettore di trovare facilmente quella
desiderata30. Poteva accadere che una risposta andasse
perduta e che fosse riformulata prima di essere ritrovata,
come nel libro Contra Adimantum manichaei discipulum,
dove scrive Agostino ad alcune questioni ho risposto
non una, ma due volte, mentre ad altre non aveva dato
alcuna risposta solo per dimenticanza31.
La stesura mediante dictatio ai fratres era pratica abituale
degli autori cristiani; essa indica che a scrivere libri erano
... antiquarii o librarii di condizione religiosa operanti
nelle istituzioni ecclesiastiche o monastiche di cui facevano
parte32 e spiega perch nel chiuso di questi ambienti simili
a quelli in cui era immerso lautore antico prima che il ciclo
compositivo non si separasse da quello riproduttivo affidato
ad un librarius di professione si verifichi un cortocircuito
composizione-fruizione33. Poich gli scribi di cui Agostino
abitualmente si serviva erano organici al gruppo che sol2, 55, 1).
29. Aug. retr. 1, 23: Quibus (scil. fratribus) cum sicut poteram
responderem, voluerunt scribi potius quae dicebam quam sine
litteris fundi.
30. Aug. retr. 1, 26: Cum autem dispersae fuissent per chartulas
multas, [...] posteaquam in Africam venimus, sicut interrogabar
a fratribus, quando me vacantem videbant, nulla a me servata
ordinatione dictatae sunt; iussi eas [...] colligi et unum ex eis
librum fieri, adhibitis numeris, ut quod quisque legere voluerit,
facile inveniat; la stessa funzione assolve la numerazione degli
argomenti nel Breviculus collationis cum Donatistis (retr. 2,
39) e nel Contra sermonem Arianorum (retr. 2, 52). Lelenco
numerato delle questioni, aggiunto in calce ai due libri delle
Quaestiones evangeliorum (retr. 2, 12), mirava a fornire una guida
alla consultazione dellesegesi di passi del Vangelo, scaturita da
letture desultorie e disordinate, che Agostino rivedeva e integrava
quando aveva il tempo di riesaminare la materia: vd. Scheele,
Buch und Bibliothek, pp. 68 s.
31. Aug. retr. 1, 22, 1: In eo (scil. volumine) quibusdam quaestionibus non semel sed iterum respondi, quoniam quod primum
responderam perierat et tunc inventum est, cum iam iterum
respondissem. Adhuc etiam quibusdam non respondi; aliquae
remanserunt, quae rebus aliis urgentibus praetermissae sunt
cumulo quoque oblivionis adiuncto.
32. Citazione da Cavallo, I fondamenti materiali.
33. Sulla ricomposizione del processo genetico ed editoriale dei
testi cristiani nellambito di un apparato tendenzialmente o di

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

lecitava che fosse messo per iscritto, per poterlo leggere,


ci che egli esponeva oralmente, nella sua comunit le
figure del copista e del lettore si sovrappongono. Insieme
essi diventano arbitri della sorte di unopera, nel senso che
decidono, come abbiamo visto, la sistemazione libraria del
testo e provvedono a trarne delle copie per altri lettori, le
quali potevano a loro volta generare una discendenza con i
relativi incidenti. Gli esiti di questa autonome iniziative dei
fratres, per lo pi confortate dallo stesso autore, scorrono
sotto lo sguardo del vecchio Agostino delle Retractationes.
Nellaccingersi a retractare il De vita beata, egli si accorge
che nel suo codice, scritto da alcuni confratelli, mancava una
parte non esigua di testo, n gli riesce di trovare un esemplare
completo tra le copie possedute da altri34. La composizione
dei Libri disciplinarum, che si era arrestata al De grammatica, era stata avviata a Milano insieme a quella di una parte
dei sei libri del De musica, che furono completati al rientro
in Africa di Agostino35. Ma qui lautore non pi in grado
di ritrovare nel suo armarium n il De grammatica n gli
abbozzi per la trattazione in extenso delle altre cinque discipline del progetto enciclopedico; egli tuttavia ritiene che essi
fossero ancora in possesso di qualcuno: segno che perfino i
principia dei rimanenti libri, vale a dire lo schema succinto
degli argomenti che in essi avrebbe dovuto sviluppare, venivano presi e usati da coloro che avevano accesso ai suoi
materiali di lavoro36. Il De mendacio, un libro obscurus et
anfractuosus et omnino molestus, non era stato pubblicato
dallautore, il quale aveva anzi dato disposizione di toglierlo
dal novero delle sue opere; egli per se lo ritrova intatto in
ista retractatione meorum opusculorum, e perci lo corregge
e dispone che resti fra i suoi scritti37. Ci dimostra che i fratres, incoraggiati dalla tolleranza dellautore, si prendevano
la licenza di divulgare anche opere che egli aveva deciso
di non pubblicare.
Tra le opere scritte o dettate da Agostino, quelle rimaste
incompiute sono spesso il risultato di una composizione
diacronica. Il De genesi ad litteram imperfectus un libro
che Agostino cominci a scrivere, dopo aver composto
fatto autosufficiente, vd. Pecere, La tradizione dei testi latini,
cit. (n. 11), pp. 27 s.
34. Aug. retr. 1, 2: Sane istum librum in nostro codice interruptum
repperi, et non parum minus habere; et sic a fratribus quibusdam
descriptum est, nec adhuc apud aliquem integrum inveneram, ex
quo emendarem, quando haec retractavi.
35. Aug. retr. 1, 6; 11; sul sesto libro del trattato, che ebbe una
circolazione autonoma, vd. M. Caltabiano, Libri iam in multorum
manus exierunt. Agostino testimone della diffusione delle sue
opere, in I. Gualandri (ed.), Tra IV e V secolo. Studi sulla cultura
latina tardoantica, Milano, 2002, pp. 144 s.
36. Aug. retr. 1, 6: Sed earum (scil. disciplinarum) solum De grammatica librum absolvere potui, quod postea de armario nostro
perdidi [...] De aliis vero quinque disciplinis illic similiter inchoatis ... sola principia remanserunt, quae tamen ipsa perdidimus;
sed haberi ab aliquibus existimo; vd. anche epist. 101, 3.
37. Aug. retr. 1, 27.

81

il De genesi contra manichaeos, senza completarlo n


pubblicarlo, ma anzi deciso a distruggerlo perch successivamente aveva redatto unopera in dodici libri recante lo
stesso titolo38. Quando lo riprese in mano per la revisione,
Agostino aggiunse il commento a gen. 1, 26 in calce al testo
che aveva dettato, che si arrestava al paragrafo 16, 60, per
poi interrompersi nuovamente rinviando il lettore al commento completo della Genesi. Egli volle per che anche
questo libro rimanesse quale testimonianza, a mio avviso
non inutile, dei miei primi rudimenti nella spiegazione e
nellapprofondimento delle parole divine, imponendovi
il titolo tradito39.
I Soliloquia furono composti nel ritiro di Cassiciaco.
Come tutte le opere scritte durante il catecumenato, quando
Agostino aveva abbandonato le prospettive terrene, ma
si sentiva ancora inorgoglito dalla pratica della letteratura
profana40, anche la stesura autografa di questi suoi colloqui
intimi era un segno della perdurante impronta di un superbo
scolasticismo: una scelta, quella dellautografia, cui non fu
peraltro estranea lemulazione delle pratiche compositive di
Ambrogio, che era solito scrivere di suo pugno nella solitudine della notte, valorizzando lautografia rispetto alla dictatio, in sintonia con una modalit compositiva privilegiata
dai principali auctores della tradizione classica in quanto
garantiva la qualit del testo prodotto41. I Soliloquia, insieme
alla restante produzione dello stesso periodo, si erano largamente diffusi42, nonostante lautore non li avesse completati,
giacch nel secondo libro si dibatte a lungo, senza terminare il discorso, il tema dellimmortalit dellanima43; un
tema su cui peraltro Agostino, in vista del completamento
dellopera, aveva gi scritto un promemoria che, contro le
sue intenzioni, era stato ugualmente divulgato come opera
autonoma. Ebbene, Agostino legittima la diffusione sia dello
scritto incompiuto sia del commonitorium contenente gli
appunti che dovevano servire a completarlo, dichiarando che
i Soliloquia possono essere letti con profitto44 e prendendo
38. Aug. retr. 2, 24, 1.
39. Aug. retr. 1, 18; vd. M. M. Gorman, The Text of Saint Augustines De Genesi ad litteram imperfectus liber, in Recherches
Augustiniennes, 20, 1985, p. 86 (rist. in Id., The Manuscript
Traditions, p. 300).
40. Aug. retr. prol. 3: Nec illa sane praetereo quae cathecuminus
iam, licet relicta spe, quam terrenam gerebam, sed adhuc saecularium litterarum inflatus consuetudine scripsi; cfr. Madec,
SantAgostino cit. (n. 14), pp. LXXVIII s., che cita unanaloga
osservazione in un passo delle Confessioni (9, 4, 7).
41. Pecere, La scrittura dei Padri, cit. (n. 9), pp. 23 sgg. Sul
valore attribuito allautografia di composizione in primis dai
poeti e dagli scrittori antichi vd. Pecere, Roma antica e il testo,
p. 27 e passim.
42. Una copia era posseduta da Girolamo: vd. Hier. epist. 105, 5.
43. Aug. retr. 1, 4, 1: Sed imperfectum (scil. opus) remansit [...]
In secundo autem de immortalitate animae diu res agitur et non
peragitur.
44. Aug. retr. prol. 3.

82

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

atto che anche il De immortalitate animae era ormai censito


tra i suoi scritti, sebbene la concisione tipica degli abbozzi
lo rendesse a stento comprensibile45. I casi pi noti di composizione a tappe sono, infine, quelli di opere di assoluto
rilievo nella produzione agostiniana quali il De doctrina
christiana, il De trinitate e il De civitate dei.
3. La stesura del De doctrina christiana, iniziata probabilmente nel 396/397 e interrotta alla met del terzo libro (3,
25, 35), fu completata nel 426 o poco dopo, quando Agostino
riprese ed ampli il primitivo progetto dellopera, aggiungendovi il quarto libro46. In questo lungo intervallo i due libri
ultimati erano stati messi subito in circolazione. Infatti nel
Contra Faustum manichaeum (22, 91), cio nel 397-398,
Agostino parla di libri, quos de doctrina christiana praenotavi, in riferimento a Doctr. II, XL-XLII47. Limmediata
diffusione di questi libri con il titolo dautore confermata
dalla loro presenza nel codice Petropol. Q.v.I.3 (C)48, dove
sono preceduti da tre trattati, anchessi composti intorno al
396/397, nellordine in cui compaiono nelle Retractationes:
i due libri Ad Simplicianum de diversis quaestionibus, il
Contra epistulam manichaei quam vocant fundamenti e il
De agone christiano49.
La datazione e la localizzazione del codice sono molto
discusse. Realizzato su pergamena di buona fattura, il manoscritto vergato in onciale su due colonne di 28 righi da
un copista principale (A: ff. 1bis r-137r) e da uno che gli
subentra nella parte finale per completare la trascrizione
del secondo libro del De doctrina christiana (B: ff. 137v-

45. Aug. retr. 1, 5. Agostino constata, al contrario, che un commonitorium sullo stesso tema del De vivendo Deo, composto
per il vescovo di Sicca Fortunaziano e conservatosi in un codice
dellopera, non registrato n fra i libri n fra le lettere (retr.
2, 41).
46. Aug. retr. 2, 4, 1: Libros De doctrina christiana, cum imperfectos comperissem, perficere malui quam eis sic relictis ad alia
retractanda transire [...] Complevi ergo tertium [...] Addidi etiam
novissimum librum, et quattuor libris opus illud implevi.
47. M. Simonetti, SantAgostino. Listruzione cristiana, Milano,
1994, p. X n. 1, sulla scia di W. E. Green, A Fourth Century
Manuscript of Saint Augustine?, in Revue bndictine, 74, 1956,
p. 193. Simonetti (ibid. pp. X-XII) chiarisce in maniera convincente che la composizione del De doctrina christiana fu sospesa
a seguito del mancato parere del vescovo Aurelio, pi volte
sollecitato da Agostino, circa lopportunit di utilizzare il Liber
regularum del donatista Ticonio; a questo trattato Agostino far
ricorso senza remora alcuna nel riprendere, nella mutata situazione del 426, la stesura del terzo libro della sua opera e portarla
a compimento; sulla questione vd. anche Madec, SantAgostino,
cit. (n. 14), p. XL.
48. Uso la sigla delledizione di W. E. Green, Sancti Aureli Augustini opera. De doctrina chistiana libri 4, Vindobonae, 1963.
49. Sulla cronologia di queste opere vd. Madec, SantAgostino,
cit. (n. 14), p. CVIII e Pizzani, ibid., pp. 151 n. 1, 155 n. 8, 157
n. 10.

AnTard, 18, 2010

152r)50. Langular uncial of the oldest type dello scriba


A51 stata convincentemente accostata a quella di manufatti
del IV-V secolo realizzati in centri africani di alta cultura
grafica52; in proposito significativa lassenza nel codice
dellapparato paratestuale funzionale alla lettura (divisione
delle opere in paragrafi e capitoli, indice del contenuto),
di cui sono invece dotati i testimoni tardoantichi di scritti
agostiniani a partire dal VI secolo53. Ma la chiara educazione
italiana della mano B e lipotesi di datazione intorno al VII
secolo della sottoscrizione lege et ora pro me peccatore in
calce al titolo nellultimo colofone, disposta sulla pagina
secondo uno schema a parole crociate che si riscontra in
alcuni manoscritti altomedievali54, sono incompatibili con
questa ipotesi di provenienza dellintero manoscritto. Infatti
il colofone di f. 152r lunico che ricade nella parte scritta
dal secondo copista e comprendende la formula conclusiva
dellultima opera della raccolta, seguita dalla sottoscrizione
vergata in lettere di modulo pi piccolo e dalla parola Ag...
nus, interpretata addirittura come firma dellautore, ma

50. E. A. Lowe, Codices Latini Antiquiores. A Palaeographical


Guide to Latin Manuscripts prior to the Ninth Century, I-IX,
Oxford, 1934-1966 (in seguito CLA), XI 1613.
51. Si trattava di uno scriba esperto, capace di curare la mise en
page con gli accorgimenti tipici dei codici di lusso; sulle correzioni in onciale che ricorrono nella prima parte del codice, in
parte attribuibili allo stesso copista, vd. Mutzenbecher, Codex
Leningrad, p. 428.
52. Per es., il Cipriano di Torino, Bibl. Naz., F. IV. 27 (CLA IV
458); vd. Mutzenbecher, Codex Leningrad, pp. 436, 442.
53. La presentazione del testo nel manoscritto rispecchia quella
del tempo di Agostino: vd. M. M. Gorman, The Manuscript
Tradition of St. Augustines Major Works, in V. Grossi (ed.), Atti
del Congresso internazionale su S. Agostino nel XVI Centenario
della Conversione, Roma, 1987, pp. 385 s. (rist. in Id., The Manuscript Traditions, pp. 319 s.); vd. anche Id., The Diffusion of the
Manuscripts of Saint Augustines De doctrina christiana in the
Early Middle Ages, in Revue bndictine, 95, 1985, p. 23 (rist. in
Id., The Manuscript Traditions, p. 277). Unanalisi dettagliata del
codice si deve A. Mutzenbecher, Codex Leningrad, pp. 406-450;
per la descrizione del manoscritto vd., in particolare, pp. 412 s.
54. Mutzenbecher, Codex Leningrad, p. 411 n. 5 (tav. p. 416), cita
a confronto la sottoscrizione del ms. di San Lorenzo, El Escorial,
Camarn de las reliquias s.n. (CLA XI 1629, sec. VIIin.) e quella
del ms. Wrzburg, M.p.th., fol. 149r (CLA IX 1427, sec. VIII2);
ma si pu richiamare anche la nota che segue la sottoscrizione
(confectus codex in statione magistri Viliaric antiquarii) nel
codice di Orosio Laur. 65. 1 f. 114v: Ora pro me scribtore sic
dominum habeas protectorem, su cui vd. A. Petrucci, Un altro
codice della bottega di Viliaric, in Studi offerti a Roberto Ridolfi, Firenze, 1973, p. 404. Sulla controversa datazione della
subscriptio del manoscritto agostiniano rinvio alla bibliografia
discussa dalla Mutzenbecher (Codex Leningrad, pp. 438 s.), la
quale confuta le speculazioni sulla presunta autografia agostiniana
dellultima parola (ag...nus), parzialmente evanida, in cui si son
volute scorgere le tracce del nome dellautore.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

83

in realt di mano recenziore55 risulta a colpo docchio


scritto nella stessa onciale del copista B, sia pure ad un
livello calligrafico pi accurato: unonciale roundish
nella quale, accanto al contrasto tra i tratti grossi verticali e
quelli sottili orizzontali, spicca un elemento come la lettera
a a foglietta, caratteristica delle testimonianze pi tarde
di questa stilizzazione grafica56. Particolarmente indicativi
sono inoltre certi artifici (evidenti soprattutto nellesecuzione
dellonciale distintiva, a lettere di modulo ingrandito, usata
nel paratesto) tipici delle maiuscole del VI-VII secolo; le
forcellature alle estremit dei tratti orizzontali e ricurvi della
e, della c e della s (e dellasta ascendente ad andamento
ondulato della x) corrispondono esattamente agli elementi
ornamentali che completano le terminazioni degli stessi
tratti nelle medesime lettere, quali si ritrovano sia in codici
in capitale del VI secolo, vergati da scribi esperti nei modelli formali dellonciale monumentale, sia in manoscritti
in onciale romana dello stesso periodo57. Il sensibile scarto
cronologico che separa la scrittura dei due copisti impone
dunque un ripensamento delle dinamiche genetiche del
codice petropolitano, che deve necessariamente fondarsi su
una distinzione: da un lato la condivisa collocazione cronologica e territoriale della sezione del manoscritto vergata
dallo scriba A (che indicheremo con la sigla C1), dallaltra
la datazione intorno alla met del VI secolo, o pi oltre, di
quella vergata dalla mano B (C2).
Un indizio della provenienza dei testi riversati nel codice petropolitano da ambienti vicini ad Agostino stato
rintracciato nella formula conclusiva della seconda opera
della raccolta e in quelle che precedono e seguono lultimo
scritto, dove lautore presentato come episcopus ecclesiae
catholicae: un epiteto che forse gi nei modelli di copia
serviva a distinguere Agostino dal vescovo donatista di
Ippona, dove le opere avevano visto la luce58; inoltre
significativa la presenza negli stessi colofoni della denominazione dellautore nella forma Aurelius Augustinus, che
compare nei manoscritti agostiniani tardoantichi e medievali
nei quali una pi marcata impronta degli originali traluce

anche dalla migliore qualit del testo59. Linteresse a riunire


in un corpus i primi scritti composti da Agostino dopo la
nomina a vescovo postula comunque un stretto rapporto tra
lautore, il responsabile dellallestimento del manoscritto e
il committente/destinatario60. Lipotesi che la raccolta sia
stata messa insieme per la prima volta nel codice, usando
antigrafi indipendenti, sembra suffragata dalla presenza nella
titolatura di una serie di disomogeneit e di imperfezioni61:
a) lo scriba A scrive i titoli delle opere in unonciale di
modulo pi grande e li dispone in calce al testo sulla stessa
colonna o su quella accanto, in modo che lopera successiva cominci su una nuova colonna62; ma il titolo Aureli
Augustini ad interrogata Simpliciani, che occupa da solo il
fol. 1v, vergato in scrittura capitale al centro della pagina,
su due righi circondati da motivi ornamentali. Il f. 1bis r-v
contiene lepistola di dedica a Simpliciano63, seguita dalla
formula di introduzione del primo libro recante nuovamente
il titolo dellopera nella consueta onciale distintiva: Aureli
Augustini ad interrogata Simpliciani lib. I; questo titolo
non corrisponde a quello delle Retractationes (Ad Simplicianum libri duo), n a quello citato da Possidio (indic.
p. 179) e tramandato dagli altri testimoni (Ad Simplicianum
de diversis quaestionibus); b) il titolo della seconda opera,
sia nella formula introduttiva sia in quella conclusiva (Incipit
adversus epis[tolam] quae fundamenti dicitur deliramentis
plenam manichei / Adversus quae fundamenti dicitur deliramentis plena exp.), presenta sensibili differenze rispetto
a quello registrato dalle Retractationes (Contra epistolam
manichaei quam vocant fundamenti) e ripreso nella tradizione manoscritta; c) nel colofone che separa la seconda
dalla terza opera della raccolta, la formula che conclude il
Contra epistolam manichaei contiene, tra il nome dellautore
e il titolo, lindicazione lib. I, nonostante lopera consti di
un solo libro: tale formula infatti seguita da quella che
introduce il De agone christiano, nella cui formula conclusiva manca una simile, superflua aggiunta, trattandosi di un
opuscolo in un libro.

55. Green, A Fouth Century Manuscript, cit. (n. 47), p. 192 n. 1; Id.,
Sancti Aureli Augustini opera. De Doctrina Christiana cit., p. XV.
56. Vd. le osservazioni di A. Petrucci (Lonciale romana. Origini,
sviluppo e diffusione di una stilizzazione grafica altomedievale,
in Studi medievali, 3 ser., 12, 1971, pp. 109, 115) sullonciale
di alcuni manoscritti di lusso del VI e del VII secolo attribuiti
allarea romana.
57. A. Petrucci, Per la datazione del Virgilio Augusteo: osservazioni e proposte, in Miscellanea in memoria di Giorgio Cencetti,
Torino, 1973, p. 44.
58. Mutzenbecher, Codex Leningrad, p. 437. Il riferimento alla
carica episcopale (Augustini episcopi catholici etc.) si ritrova
anche negli explicit del codice di Verona, Bibl. capit. XXVIII
(26) (CLA IV 491): vd. H.-I. Marrou, La division en chapitres
des livres de La cit de Dieu, in Mlanges Joseph de Ghellinck,
I, Gembloux, 1951, p. 241 (rist. in Id., Patristique et humanisme.
Mlanges, Paris, 1976, p. 258).

59. M. M. Gorman, Aurelius Augustinus: the Testimony of the


Oldest Manuscripts of Saint Augustines Works, in The Journal
of Theological Studies, 35, 1984, pp. 476 s. (rist. in Id., The
Manuscript Traditions, pp. 260 s.).
60. Vd. Green, A Fourth Century Manuscript, cit. (n. 47), p. 195,
il quale (n. 1) rileva che non sono documentati casi analoghi
di corpora di scritti agostiniani assemblati secondo un criterio
cronologico.
61. Per lanalisi dei titoli vd. Mutzenbecher, Codex Leningrad,
pp. 437, 440 s.
62. Fa eccezione il titolo in calce al primo libro dellAd Simplicianum, che vergato a f. 29v allinizio della seconda colonna
ed seguito immediatamente dal testo del secondo libro: vd.
Mutzenbecher, Codex Leningrad, pp. 413 s.; lo scriba in questo
caso ha ricopiato il testo del modello in maniera continua per non
lasciare in bianco due terzi della colonna.
63. Aug. epist. 37.

84

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

Se luso della capitale nel titolo vergato sulla pagina


liminaris del codice64 in contrasto con la strategia graficoeditoriale adottata dallo scriba A nel testo e nel paratesto,
anche le altre disarmonie della titolatura, pi che variazioni
arbitrarie del copista, sembrano piuttosto derivare dai titoli
di modelli distinti che egli non riconduce ad un sistema
omogeneo. Quelli delle due prime opere, anzi, si presentano come intitolazioni provvisorie che saranno dallautore
successivamente modificate. Nel primo caso, infatti, il titolo
fa riferimento alle domande (interrogata) di Simpliciano,
che generarono le quaestiones richiamate nel titolo definitivo delle Retractationes, dove esse sono analiticamente
riassunte. Nel secondo caso, nel titolo savverte leco della
veemente reazione di Agostino ad una deviazione dottrinale
potenzialmente pericolosa, che andava perci subito rintuzzata: laggiunta deliramentis plena e lo scarto tra il generico
dicitur e il pi preciso vocatur segnano la distanza temporale
tra linizio della polemica contro il manicheismo, bersaglio dellopuscolo del 396/397, e le Retractationes, scritte
quando ormai il movimento ereticale era stato efficacemente
combattuto da Agostino con una serie di opere65. Nellurgenza di contrastare la diffusione del messaggio manicheo,
il neo-vescovo Agostino riusc a portare a termine soltanto
la parte tradita dellopera, che egli aveva per pensato come
primo libro cui, a tempo debito, aggiungerne altri. Non un
caso che nel pur breve capitolo delle Retractationes dedicato
allopera, Agostino si limiti sostanzialmente a ricordare le
puntuali annotazioni che, nel suo esemplare di lavoro, aveva
disseminato sullintera lettera del manicheo, nella speranza
di poterne continuare la confutazione; lindicazione lib. I
rimasta nel titolo del codice petropolitano potrebbe quindi
essere il residuo del titolo primitivo, rettificato in seguito
allabbandono del progetto iniziale dellopera66.
Lanalisi codicologica, pur condotta su un microfilm,
aiuta a chiarire il singolare assetto grafico-editoriale con
cui il manoscritto si apre ed altre anomalie connesse con
il suo allestimento diacronico. Il codice si compone di 20
fascicoli, numerati con cifre romane progressive sul margine
inferiore destro dellultima pagina: I1+6, II8, III8, IV8, V8,
64. Tav. del f. 1v in Mutzenbecher, Codex Leningrad, p. 416. Sulla
pagina liminaris vd. P. E. Arns, La tecnica del libro secondo san
Girolamo, Milano, 2005, p. 126 (trad. ital., a cura di P. Cherubini,
di Id., La technique du livre daprs Saint Jrme, Paris, 1953);
Kloeters, Buch und Schrift, cit. (n. 8), p. 216; Scheele, Buch und
Bibliothek, p. 22.
65. Aug. retr. 1, 7; 1, 10; 1, 16; 1, 22; 2, 7; 2, 8; 2, 10.
66. Aug. retr. 2, 2: in ceteris illius (scil. epistulae) partibus annotationes ubi videbatur affixae sunt, quibus tota subvertitur et
quibus commonerer, si quando contra totam scribere vacavisset.
Si noti che una parte della tradizione manoscritta presenta una
redazione pi ampia del testo di questo passo (in ultimis illius
partibus anfractus omnes, ubi videbatur, explosi sunt), nella
quale lespressione anfractus omnes riprende lo stesso concetto
dellaggiunta deliramentis plena presente nel titolo del Contra
epistulam manichaei tramandato dal manoscritto petropolitano.

AnTard, 18, 2010

VI8, VII8, VIII6, IX8, X8, XI8, XII8, XIII8, XIV8, XV8, XVI8,
XVII8, XVIII8, XIX8, XX1-2-3-4. Secondo la paginazione
francese del codice67 il primo fascicolo era un ternione,
come lottavo68; esso comincia con lepistola a Simpliciano
(f. 1bis r-v), che Agostino ovviamente scrisse dopo aver
completato lAd interrogata Simpliciani. Nellepistola, oltre
ad invitare il destinatario a rivedere e correggere il testo
dellopera, Agostino lo ringrazia per le congratulazioni per
la sua elezione a vescovo che Simpliciano gli aveva espresso
in una lettera perduta. La pertinenza di questa tipica epistola
prefatoria alla prima opera del corpus rese necessaria laggiunta in testa al codice di un foglio extrafascicolare, il cui
recto fu lasciato in bianco a guardia del testo, mentre sul
verso fu ripreso il titolo dalla formula introduttiva dellAd
interrogata Simpliciani (f. 1bis). Poich il copista aveva
assorbito nella normale fascicolazione del codice il testo
dellepistola che per volont dellautore doveva fungere
da introduzione allAd interrogata Simpliciani, e forse era
collocata davanti al primo libro dellopera gi nel modello
di trascrizione , la ripetizione del titolo sul foglio aggiunto
allinizio evitava che la lettera potesse essere riferita allintero contenuto del manoscritto69. Si tratta di unoperazione
editoriale immediatamente successiva alla trascrizione dei
fascicoli; ma una conferma potrebbe venire da una verifica
che accertasse che la pergamena la stessa usata nel resto
di C1, cos come soltanto lanalisi comparata degli inchiostri
potrebbe sciogliere i dubbi sulla mano che usa la capitale sul
primo foglio, per differenziare graficamente lanticipazione
del titolo gi vergato sulla seconda colonna di f. 2bis v: una
capitale di imitazione coeva che non sembra di mano del
copista A.
Per la ricostruzione del processo di allestimento di C
importante osservare come si articoli il lavoro di copia dei
due scribi rispetto alla struttura fascicolare del manoscritto.
La trascrizione del copista A si arresta alla fine del f. 137r,
allinterno del fascicolo 18; la seconda colonna del foglio
termina con una frase di doctr. christ. 2, 23, 36, a met di
una parola: quae non sunt divinitus ad dilec|tionem dei et
67. Mutzenbecher, Codex Leningrad, p. 412; la presenza del codice
a Corbie attestata con certezza in un catalogo del sec. XI-XII;
dopo il 1638 il manoscritto pass al monastero di Saint-Germaindes-Prs finch non giunse a S. Pietroburgo nel 1880, dove fu
nuovamente paginato (ibid. 443 s.).
68. Secondo Mutzenbecher (Codex Leningrad cit., p. 413), invece, il primo fascicolo era in origine un quinione, dal quale
sarebbero stati tolti, prima della trascrizione, i primi due fogli
e il settimo.
69. Nellepistola a Simpliciano non vi sono elementi che inducano
a ritenere che la sua funzione fosse quella di introdurre tutto il
corpus, come ha ipotizzato K. B. Steinhauser (Codex Leningradensis Q.v.I.3: Some Unresolved Problems, in D. W. H. Harnold
P. Bright (edd.), De doctrina christiana. A Classics of Western
Culture, Notre Dame, 1995, pp. 36 s.), il quale sostiene che il
titolo in capitale sul f. 1v serviva a indicare il destinatario del
libro (vd. infra p. 86).

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

proximi tamquam publice constituta. La segnatura di questo


quaternione a f. 140v, nonostante A non lo avesse completato, uguale a quelle dei fascicoli precedenti, dove le cifre
romane di numerazione sono parzialmente inquadrate da un
tratto ricurvo, che si biforca dalla linea verticale inclinata
a destra disposta davanti al numero del fascicolo. In realt,
prima di interrompersi, lo scriba A aveva vergato per intero
diciotto fascicoli. Infatti una vasta lacuna nel testo del secondo libro del De doctrina christiana presuppone la perdita
di un quaternione tra il fascicolo 17, che termina a f. 132v
con le parole Petri duabus (doctr. christ. 2, 8, 13), e lattuale
fascicolo 18, che inizia a f. 133r con le parole <inve>nimus
non enim audiendi (doctr. 2, 16, 26-17, 27). La scomparsa
delloriginario fascicolo 18 impose la successiva modifica
delle segnature del diciannovesimo e ventesimo fascicolo;
su f. 132v, infatti, si intravede che la segnatura XVIIII stata
corretta in XVIII, ricalcando le prime tre aste verticali del
numero, mentre su f. 148v, tra le due cifre delloriginaria
segnatura del fascicolo ventesimo, stata inserita unasta
che corregge XX in XIX.
Il copista B cominci a scrivere sui fogli vuoti dellultimo
fascicolo (137v-140v) di C1, il che implica che il manoscritto
era rimasto allo stadio di fascicoli disligati70 (la struttura non
statica del codice sembra peraltro il presupposto della caduta
di un intero quaternione); poi continu la trascrizione su un
nuovo quaternione e su quattro fogli singoli (o due bifogli)71,
sufficienti a contenere gli ultimi paragrafi del secondo libro
dellopera, che quindi furono aggiunti a C1 circa un secolo e
mezzo dopo il suo allestimento. Ferma restando la necessit
di unanalisi comparativa tra la pergamena usata in C1 e
quella dei fogli (141-152) occupati dal testo trascritto da B, si
pu intanto rilevare che: a) la segnatura del fascicolo 19 a f.
148v non segue lo schema regolarmente adottato in C1, ma
eseguita con la lettera q maiuscola seguita dalle cifre romane
(Q. X[I]X); b) la segnatura aggiunta in calce allultimo dei
fogli extrafascicolari, numerati come ventesimo fascicolo,
stata vergata da una mano pi tarda; formata dalle sole cifre
70. Sul codice ancora slegato furono vergati gli scoli che riempiono
i margini del Terenzio Bembino: vd. A. Pratesi, Appunti per la
datazione del Terenzio Bembino, in Palaeographica, diplomatica
et archivistica. Studi in onore di G.. Battelli, Roma, 1979, p. 83
(rist. in Id., Frustula paleographica, Firenze, 1992, p. 188); le
sottoscrizioni a fine fascicolo apposte dal revisore del Paris. lat.
2235 mostrano che il manoscritto era ancora a fascicoli sciolti
quando fu emendato e successivamente rilegato: vd. infra p. 107 s.
Sulla persistenza della pratica di lasciare disligati i fascicoli dopo
la scritturazione del manoscritto, vd. D. Frioli, Tabulae, quaterni
disligati, scartafacci, in C. Leonardi M. Morelli F. Santi (edd.),
Album. I luoghi dove si accumulano i segni (dal manoscritto alle
reti telematiche), Atti del Convegno di studio della Fondazione
Ezio Franceschini e della Fondazione IBM Italia, Certosa del
Galluzzo, 20-21 ottobre 1995, Spoleto, 1996, pp. 25-74.
71. I quattro fogli sembrano riposizionati in seguito ad un intervento
di restauro, reso necessario dal loro deterioramento, evidente
soprattutto lungo i margini.

85

romane (XX) e quindi estranea al sistema di numerazione


fascicolare sia di C1 che di C2, difficile stabilire, senza
unanalisi autoptica dei cromatismi dellinchiostro, se tale
segnatura sia sincronica alla rinumerazione degli originali
fascicoli 19 e 2072: un riordino che il terminus ante della
perdita del diciottesimo quaternione di C1. Lunico dato
certo che il copista B riteneva lattuale fascicolo 19, in
origine il ventesimo, lultimo fascicolo del codice, e che la
sua segnatura originaria (Q. XX) non registrava la caduta del
quaternione andato perduto. Ci tuttavia non assicura che C1
fosse ancora integro al momento in cui fu completato dalla
mano B; nulla infatti esclude che lo scriba si fosse limitato
a mettere in sequenza la segnatura del nuovo fascicolo con
la numerazione di quello precedente su cui aveva cominciato a scrivere, ritenendo assolto il suo compito dopo aver
completato il testo mutilo dellultima opera. La generica
formula Explicit liber de doctrina christiana a f. 152r,
priva del riferimento al secondo libro73, sembra in effetti
chiudere la trascrizione del modello da cui B trasse il testo
mancante dellopera74.
Sulla localizzazione dellintervento di B si possono
avanzare due ipotesi: a) C2 fu copiato in Africa da uno scriba
la cui onciale new style si colloca nel solco della pi tarda
stilizzazione italiana di questa scrittura; b) C1 era gi migrato
dal territorio dorigine e fu completato da B in Italia, dove
la presenza del codice petropolitano confermata da una
serie di note marginali greche e latine, in corsive attribuite
ad ambito norditaliano, databili allVIII-IX secolo75. Per la
storia del testo del De doctrina christiana sia la prima che
la seconda ipotesi, che a me sembra la pi verosimile, hanno
conseguenze rilevanti. Lo scriba B non poteva disporre, n in
Africa n tantomeno in Italia, dello stesso modello di trascrizione usato pi di un secolo prima da A. Il ruolo del codice
petropolitano nella tradizione manoscritta quindi quello
di un testimone in cui confluiscono, da antigrafi diversi,
due filoni del testo della redazione in due libri dellopera.
Di conseguenza, nel definire la posizione del codice nella
recensio bisogna che lanalisi filologica distingua le lezioni
di C1 da quelle di C2, le quali riflettono uno stadio avanzato
e probabilmente gi degradato della trasmissione autonoma
del testo del De doctrina christiana in due libri. Ma pi
importa rilevare che C lesemplare-prototipo di un corpus che, come spesso accade con le miscellanee primarie,
non genera una tradizione76. Il suo splendido isolamento
negli stemmata codicum delle moderne edizioni certifica il
72. Loperazione ipoteticamente datata al sec. XVII da Mutzenbecher, Codex Leningrad, p. 443 n. 130.
73. Laggiunta di secundus sotto la parola LIBER di una mano corsiva datata al sec. XVII: vd. Mutzenbecher, Codex Leningrad, p. 444.
74. I. Martin, Sancti Aurelii Augustini De doctrina christiana, De
vera religione, Turnholti, 1962, praef. p. XIX.
75. Mutzenbecher, Codex Leningrad, pp. 430 s.
76. Sulla sterilit congenita delle miscellanee primarie vd. F.
Ronconi, I manoscritti miscellanei, pp. 298 s.

86

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

fallimento dei tentativi di individuare relazioni di parentela


con i rimanenti testimoni del De doctrina christiana77.
La circolazione indipendente dei primi due libri del De
doctrina christiana dovette sopravvivere per pi di un secolo
allallestimento librario dellopera in quattro libri. Alcuni
frammenti del secondo e del terzo libro databili alla met
del VI secolo, che si sono conservati nei fogli di guardia
dei codici Ambros. M. 77 sup. e G 58 sup.78, confermano
il percorso parallelo (e il relativo arco cronologico) delle
due redazioni testuali dellopera. Questi frustuli, infatti,
risalgono a tomi diversi dellopera contenenti luno i libri
I-II e laltro i libri III-IV, ma non possono derivare dallo
stesso originario manoscritto. pertanto molto verosimile
che il primo frammento appartenesse ad un codice contenente solo i libri I-II nella redazione generata dalla stesura
dellopera interrotta nel 396: il suo possessore, quando
ormai si era stabilmente diffusa la versione completa del De
doctrina christiana, si fece allestire un secondo tomo con i
libri III-IV, in modo da poter disporre di un esemplare del
testo integrale, pur formato da due unit librarie geneticamente indipendenti e allestite in momenti diversi. Lipotesi
dellassemblaggio in una copia unitaria dei due manoscritti
confermata dalla presenza della mano, di poco pi tarda, di
un lettore che interviene sul testo di entrambi i frammenti79.
Questo frammentario testimone si colloca quindi ai prodromi
della tradizione medievale del De doctrina christiana, nella
quale si fondono e si contaminano inestricabilmente rivoli
testuali discendenti dall edizione parziale del 396/397 e
da quella finale del 426.
Lappartenza alla prima fase dellattivit episcopale di
Agostino del programma testuale di C1, trascritto da un unico
scriba che si interruppe quando aveva copiato circa due terzi
77. Gorman, The Diffusion of the Manuscripts, cit. (n. 53), p. 21
(rist. in Id., The Manuscript Traditions, p. 275). Una sintetica,
ma lucida diagnosi dei limiti e dei difetti delle edizioni di Martin
e di Green in Simonetti, SantAgostino. Listruzione cristiana,
cit. (n. 47), intr. pp. XL s. La fragilit dei presupposti ecdotici
particolarmente evidente nello sforzo fallimentare di Martin
(Sancti Aurelii Augustini De doctrina christiana, cit. [n. 74],
praef. pp. XXII s.) di collegare C a gruppi di testimoni medievali
sulla base di errori comuni: lasserito rapporto di parentela tra C
e alcuni codici della presunta prima classe, infatti, naufraga di
fronte a un passo come doctr. christ. 2, 41, 62 (Ita enim sentit,
quamvis de Aegypto dives exeat, tamen, nisi Pascha egerit, salvum se esse non posse. Pascha autem [...]), dove i manoscritti
medievali tramandano il testo integro, mentre in C mancano le
parole egerit...Pascha. Ma qui siamo di fronte a un caso di
omissione di C2, per evidente salto du mme au mme, e pu
quindi trattarsi o di una svista del copista B o di un errore presente
nel suo antigrafo. Incapace di trovare il bandolo della matassa,
Martin finisce con lipotizzare la presenza di varianti nel modello
di C (ibid. pp. XXV-XXVI).
78. Lowe (CLA III 356, III 343) assegna il primo frammeno al
Nord Italia e data entrambi al sec. VI2.
79. Sulla questione vd. G. Cavallo, I fondamenti materiali, cui
appartiene la citazione nel testo.

AnTard, 18, 2010

del modello della quarta opera, e il suo completamento a


lunga distanza di tempo (C2), per mano di un secondo amanuense che quasi certamente operava in un diverso contesto
geografico, legittimano alcune considerazioni conclusive:
a. C1 fu allestito in un centro africano negli anni a cavallo
tra IV e V secolo80, a ridosso della composizione dei testi,
ad opera di maestranze tecnicamente esperte nella confezione di libri di pregio, per qualit dei materiali utilizzati
e accuratezza degli aspetti grafico-editoriali. Il manoscritto, rimasto per ragioni imperscrutabili incompiuto e
lasciato allo stato di fascicoli sciolti, raggiunse lItalia,
dove verso la met (o nella seconda met) del sesto secolo fu completato da uno scriba cristiano; nella citata
sottoscrizione vergata sotto lultimo colofone, infatti, il
copista B invoca la preghiera del lettore per i suoi peccati:
una formula di autogratificazione per il lavoro di copia
che difficilmente pu risalire al modello81. Lesemplare,
prima di approdare a Corbie, continu ad essere letto
nellarea centro-settentrionale, dove fu corredato di note
che ne lemmatizzano il contenuto82; ma molto probabile
che fosse stato concepito per essere donato a uno degli
intellettuali cristiani (forse proprio a Simpliciano) che,
dallItalia, mantenevano stretti rapporti con Agostino
dopo il suo rientro in Africa e ne seguivano lattivit di
vescovo attraverso gli scritti83. Saremmo insomma di
fronte a un caso analogo a quello del manoscritto contenente il Pentatheucus contra manicheos, che Agostino
fece pervenire a Paolino da Nola per il tramite di Alipio,
affidando al vescovo di Tagaste lallestimento del corpus
in modo che allinsigne destinatario ed amico giungesse
in dono un manoscritto allestito da scribi di mestiere,
anzich copiato dai suoi fratres84.
b. Il fatto che lultimo foglio vergato dal copista A termini
con una parola tagliata a met, significa che egli
80. Mutzenbecher, Codex Leningrad, p. 442, pensa a Cartagine, ma
potrebbe trattarsi di qualsiasi altro centro limitrofo allautore: vd.
Gorman, The Manuscript Tradition, cit. (n. 39), p. 383 (rist. in
Id., The Manuscript Traditions, p. 317); Agostino ebbe rapporti
intensi con Cartagine pi tardi, durante il vescovato di Aurelio,
che fece della sede episcopale e dellannesso scriptorium un vivo
centro di produzione e di irradiazione degli scritti cristiani: vd. M.
Caltabiano, Storie di uomini, lettere e libri nella corrispondenza
di S. Agostino, in F. E. Consolino (ed.), Ladorabile vescovo
dIppona, Soveria Mannelli, 2001, pp. 80 s.
81. La presenza di amen in calce alla formula introduttiva del primo
libro del De doctrina christiana a f. 106r non indizio sufficiente
per pensare che fosse cristiano anche il copista di C1; questo tipico
elemento paratestuale si trova anche alla fine del secondo libro
(f. 152 r), dove impropriamente collocato di seguito allultima
parola dellopera. probabile che si tratti di una formula che C1
e C2 ereditano dal modello originario.
82. Mutzenbecher, Codex Leningrad, pp. 429 s.
83. Steinhauser, Codex Leningradensis, cit. (n. 69), pp. 40 s.
84. Green, A Fourth Century Manuscript, cit. (n. 47), p. 196;
Caltabiano, Libri iam in multorum manus exierunt, cit. (n. 35),
pp. 146 s.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

disponeva del testo completo sia delle prime tre opere


della raccolta sia del De doctrina christiana in due libri.
Trattandosi di scritti appena composti, in parte non ancora
ultimati e comunque di limitata circolazione oltre lentourage dellautore, i modelli di trascrizione usati da A
potevano essere copie uscite dallepiscopium ipponense.
Le corruttele di C1, spesso sanate da coevi interventi correttivi in onciale, potrebbero perci dipendere dalluso
di antigrafi in scritture informali di non agevole lettura,
giacch per la maggior parte consistono nellomissione
di lettere, parole e gruppi di parole85. Il codice presenta
inoltre numerose correzioni pi tarde in scrittura minuscola86 che testimoniano, gi nella fase tardoantica della
fruizione, limpegno profuso nellemendarne il testo.
Questa preoccupazione per la mendositas del manoscritto
affiora anche nella parola emenda, vergata a ff. 106r e
127r in una corsiva che viene datata al VI secolo87; se la
scrittura pi tarda esclude che possa trattarsi di unannotazione dautore88, la sua formula impedisce altres di
assimilarla alla normale subscriptio di un revisore. La
nota, posta in calce alle formule di snodo davanti al primo
e al secondo libro del lacunoso e incompleto De doctrina
christiana, sembra piuttosto una sorta di memorandum,
che richiama lattenzione del lettore sul precario stato del
testo dellultima opera della raccolta e ne raccomanda la
revisione.
4. La composizione dei quindici libri del De trinitate si
protrasse per molti anni; iniziata probabilmente intorno al
400, lopera fu completata dopo il 420, prima della stesura
delle Retractationes89. Lepisodio centrale di questa tormentata vicenda fu la sottrazione allautore dei primi undici libri
e dellincompleto dodicesimo libro del trattato. Dopo il furto,
unazione congiunta dei confratelli e del vescovo Aurelio
valse a frenare lindignazione di Agostino e a convincerlo a
recedere dal proposito di abbandonare il progetto compositivo: una decisione in cui fu determinante la preoccupazione
che si diffondessero libri che non erano stati ancora corretti
come avrebbero potuto e dovuto esserlo al momento in cui
85. In C2 i casi di omissione di qualche lettera, integrata sul rigo
dal copista, sono invece molto rari: la lettera h aggiunta su
propheta (f. 140v, seconda colonna, rigo 13) e su sophistiche (f.
143r, seconda colonna, rigo 9); la lettera n su sententiam (f. 145v,
prima colonna, rigo 18), la lettera a su aequalis (f. 151r, seconda
colonna, ultimo rigo). In due casi (f. 145v, prima colonna, ultimo
rigo: mortuorum; f. 148v, seconda colonna, penultimo rigo: video
posse) il testo risulta non allineato alla direttrice verticale sinistra
della colonna per la rasura di una o pi lettere.
86. Mutzenbecher, Codex Leningrad, pp. 428 s.
87. Ibid, p. 429 n. 71.
88. Lowe, CLA XI 1613.
89. Sulla cronologia del De trinitate vd. A. M. La Bonnardire,
Recherches de chronologie augustinienne, Paris, 1965, pp. 69,
165-177; Madec, SantAgostino. Le ritrattazioni, cit. (n. 14), pp.
LIII-LIV; Pizzani, ibid., p. 173 n. 35.

87

avessi deciso di pubblicarli90. La reazione irritata di Agostino nasceva dalla estrema delicatezza e complessit delle
questioni dottrinali affrontate nel trattato91, che avevano
indotto lautore non solo a subordinare le cadenze della
stesura alle sue approfondite riflessioni sul mistero trinitario, ma anche a derogare dalla prassi di divulgare il testo di
opere ancora in fieri; in questo caso, infatti, era suo fermo
intendimento non solo portare a termine lopera, ma anche
riesaminarla ed emendarla prima di pubblicare simultaneamente tutti i libri: Avevo infatti stabilito di pubblicare quei
libri non separatamente ma tutti insieme secondo il suddetto
criterio per il fatto che i seguenti sono connessi strettamente
ai precedenti attraverso il progredire dellindagine92. Nel
riprendere in mano il lavoro, Agostino ripart da alcuni
esemplari incompleti che gli erano rimasti, che provvide
a correggere ed integrare, aggiungendo la seconda parte
del libro dodicesimo e quattro o cinque proemi mancanti;
compose quindi gli ultimi tre libri e invi ad Aurelio la copia
completa dellopera, affinch fosse messa a disposizione di
quanti volessero leggerla e ricopiarla: lauspicio dellautore
era che i possessori della redazione incompleta potessero
venire a conoscenza di quella definitiva per integrare e correggere su di essa le loro copie, in modo che non ci fossero
discrepanze tra gli esemplari in circolazione dellopera93.
Agostino accompagn linvio di tale editio per lappunto con
lepistola 174 indirizzata al vescovo di Cartagine; in essa
viene esposto nei dettagli lincidente che aveva movimentato liter compositivo del De trinitate, ma si invita anche
il destinatario a voler disporre affinch lepistola, nella sua
configurazione di testo autonomo, venga associata ai libri
del trattato94. La sua collocazione in funzione di prologo
90. Aug. retr. 2, 15, 1: Sed cum eorum duodecimum nondum
perfecissem, et eos diutius tenerem quam possent sustinere qui
vehementer illos habere cupiebant, substracti sunt mihi minus
emendati quam deberent ac possent, quando eos edere voluissem. Quod posteaquam comperi, quia et alia eorum apud nos
exemplaria remanserant, statueram eos iam ipse non edere [...]
Urgentibus tamen fratribus, quibus resistere non valui, emendavi
eos, quantum emendandos putavi et complevi et edidi.
91. Aug. epist. 120, 13: Volo ut legas [...] illa etiam quae in manibus habemus et propter magnitudinem tam difficilis quaestionis
nondum possumus explicare; 143, 4: Hinc est quod periculosissimarum quaestionum libros [...] de trinitate diutius teneo.
92. Aug. epist. 174: Non enim singillatim sed omnes simul edere
ea ratione decreveram, quoniam praecedentibus consequentes
inquisitione proficiente nectuntur.
93. Vd. ibid.: Opus tam laboriosum [...] terminare curavi; eosque
emendatos non ut volui, sed ut potui, ne ab illis qui subrepti iam
in manus hominum exierant, plurimum discreparent, venerationi
tuae [...] misi, et cuicumque audiendos, describendos, legendosque permisi [...] Sunt autem qui primos quattuor vel potius
quinque etiam sine prooemiis habent, et duodecimum sine extrema
parte non parva: sed si eis haec editio potuerit innotescere, omnia
si voluerint et valuerint, emendabunt.
94. Vd. ibid.: Peto sane, ut hanc epistulam seorsum quidem sed
tamen ad caput eorundem librorum iubeas anteponi.

88

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

davanti al testo dellopera, ribadita nelle Retractationes95,


significa che lautore considerava lepistola parte integrante
delledizione definitiva: lo conferma la frase di presentazione
del De trinitate che qui precede, come di norma, lincipit
dellopera (hoc opus, excepta epistola quae postmodum ad
eius caput adiuncta est, sic incipit ...).
Nellepistola 143 a Marcellino la resistenza opposta alle
insistenti pressioni di pubblicare praecipiti festinatione
il De trinitate, motivata eccezionalmente col richiamo
allauctoritas di Orazio, uno degli esempi di cui Agostino
si serve per chiarire il senso e la funzione che egli attribuisce
alla revisione96. Premesso che tutti i suoi sforzi di scrittore
erano finalizzati a che egli fosse annoverato tra coloro qui
proficiendo scribunt et scribendo proficiunt97, Agostino ammonisce quanti insistono perch egli affretti la pubblicazione
ad esortarlo piuttosto ad diligentiorem emendationem; egli
va alla ricerca di giudici severi che possano aiutarlo a individuare nei suoi scritti ci che, nonostante lo zelo della sua
retractatio, sia suscettibile di essere criticato e ulteriormente
migliorato98. A questa categoria di iudices veri, nella quale
egli stesso si colloca, appartenevano i personaggi che nella
sua cerchia relazionale si distinguevano per lalto profilo
culturale e ai quali Agostino poteva chiedere una rilettura che
non si limitasse a giudicare gli aspetti formali, ma entrasse
nel merito delle questioni affrontate nei suoi scritti. Tra le
figure cui Agostino rivolge richieste di questo genere, o che
ringrazia per essersi assunto lonere della revisione critica, vi
sono Simpliciano, il vescovo di Milano99; il diacono romano
Celestino, al cui giudizio sottopose i libri gi pronti di un
corpus di scritti contro i Manichei non ancora ultimato100;
Ermogeniano, uno degli amici milanesi101; Fermo, il fidato
collaboratore cui invi il De civitate dei completato102; Paolino da Nola ed altri103.
Il pessimismo antropologico di Agostino teologo si estende dunque anche al suo lavoro di scrittore: la cunctatio che
lo spinge a ripensare e a rifare ci che scrive, nel tentativo
di attingere e di trasmettere ai fedeli la verit della parola
di Dio, nasce dalla coscienza della sua umana imperitia104.
Nelluso del termine emendatio come sinonimo di retrac95. Aug. retr. 2, 15, 1: [...] adiungens eis (scil. libris) a capite epistolam quam scripsi ad venerabilem episcopum Carthaginiensis
ecclesiae, quo tamquam prologo exposui et quid accidisset, et
quid facere mea cogitatione voluissem, et quid fratrum caritate
compellente fecissem.
96. Aug. epist. 143, 4; cfr. Hor. epist. 2, 3, 390.
97. Aug. epist. 143, 2.
98. Aug. epist. 143, 5.
99. Aug. epist. 37, 3.
100. Aug. epist. 18, 1.
101. Aug. epist. 1, 3.
102. Aug. epist. 1* A, 2, 1; 3, 1; 2*, 2, 1 s.
103. Aug. epist. 27, 6; su questi personaggi vd. M. Caltabiano, Litterarum lumen, cit. (n. 8), pp. 118 s.; Ead., Libri iam in multorum
manus exierunt, cit. (n. 35), pp. 141-157 passim.
104. Aug. epist. 143, 11.

AnTard, 18, 2010

tatio105 si coglie la trasformazione agostiniana della pratica


tradizionale della revisione. Agostino considerava ogni
suo libro messo in circolazione prima delle Retractationes
il veicolo di un testo aperto, e perci declassava lo scritto
in esso contenuto al rango di una redazione potenzialmente
modificabile, sulla quale egli si riservava di continuare ad
intervenire per riscrivere le parti insoddisfacenti o censurate
dai lettori. Questa concezione del testo e dellemendatio
dautore viene teorizzata nellepistola a Marcellino, scritta
probabilmente nel 412: qui egli si dichiara convinto di poter
migliorare, anche grazie allapporto dei suoi censori, i tre
libri De libero arbitrio, nonostante li avesse composti a tappe
tra il 387/388 e il 405 e circolassero in una molteplicit di
copie: se gli esemplari che ormai sono andati nelle mani di
molti non possono essere corretti, io che sono ancora vivo,
posso ancora farlo106.
5. Anche la composizione del De civitate dei tenne occupato Agostino per diversi anni, per linsorgere di innumerevoli incombenze che non poteva differire107. Lepistolario
permette di ricostruire alcuni momenti di questo impegno
intermittente. Linvio dei 22 libri dellopera a Fermo, annunciato in una lettera che viene datata al 426/27108, conclude
un iter compositivo iniziato prima del 413/414, data in cui
Agostino aveva mandato i primi tre libri a Macedonio109. In
una lettera ad Evodio, elencando le opere che era riuscito a
portare a termine allinizio dellanno 415, Agostino scrive
di aver aggiunto illis libris De civitate dei ... duos alios110.
Il libro quattordicesimo, appena ultimato, era stato messo
a disposizione di Pietro e Abramo; ma nella lettera ai due
monaci, del 418, essi vengono invitati da Agostino a trovare
le risposte ad alcune quaestiones leggendo i primi dieci
libri dellopera, che essi avevano ricevuto per il tramite del
presbitero Fermo111. La prima parte dellopera era dunque gi
105. Scheele, Buch und Bibliothek, p. 91.
106. Aug. epist. 143, 7: Si illi (scil. libri), quod iam in multorum
manus exierunt, corrigi non possunt, ego certe quoniam vivo
adhuc possum.
107. Aug. retr. 2, 43, 1; vd., da ultimo, Caltabiano, Libri iam in
multorum manibus exierunt cit. (n. 35), pp. 154 s.
108. Aug. epist. 1*/A, su cui vd. J. Divjak, Augustins erster Brief
an Firmus und die revidierte Ausgabe der Civitas Dei, in Latinitt und alte Kirche. Festschrif fr Rudolf Hanslik zum 70.
Geburtstag, Wien-Kln-Graz, 1977, pp. 56-70; sulla lettera e
lidentit dei due personaggi omonimi vd. A. Marcone, Il De
civitate dei e il suo pubblico, in F. E. Consolino (ed.), Pagani
e cristiani da Giuliano lApostata al sacco di Roma, Atti del
convegno internazionale di studi (Rende, 12/13 novembre 1993),
Soveria Mannelli, 1995 (ripubblicato in Id., Di tarda antichit.
Scritti scelti, Milano, 2008, p. 118 n. 6); Caltabiano, Libri iam
in multorum manus exierunt, cit. (n. 35), pp. 154 s. con ulteriore
bibliografia.
109. Aug. epist. 154, 2.
110. Aug. epist. 169, 1; 4; 13.
111. Aug. epist. 184A, 5 -7: Decem volumina non parva confeci
(scil. de civitate dei); [...] eosdem libros, si nondum habetis, ut

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

in circolazione nel decennio circa in cui Agostino attendeva


alla stesura della seconda parte. Proprio una lettura pubblica
del libro diciottesimo aveva indotto Fermo, un laico colto
e di alto rango, a sollecitare Agostino affinch concludesse
lopera112. Agostino scelse Fermo come destinatario del testo
completo perch sperava che la lettura del De civitate dei lo
convincesse ad aderire al cristianesimo; nel contempo, per,
egli contava anche di ottenere dal suo giudizio competente
consigli e suggerimenti da poter utilizzare nelle Retractationes, che in quegli anni stava ultimando. Ma, come attesta
la successiva epistola 2* a Fermo, il primo obiettivo fall,
mentre il secondo ebbe parzialmente successo, nel senso
che la revisione di Fermo si arrest ai primi dieci libri, n
sappiamo se il severo rimprovero di Agostino, che aveva
molto apprezzato il contributo della sua rilettura, valse a
fargliela portare a termine; certo che le rettifiche segnalate
nelle Retractationes si limitano a un passo del libro X e a
uno del XVII113.
Nella seconda lettera superstite, Agostino allude a tre
epistole precedenti, ora scomparse, che aveva ricevuto
da Fermo e si sofferma a discutere la prima, quella in cui
lamico gli aveva comunicato di essersi limitato a rivedere
e a discutere soltanto i libri I-X. Agostino si interroga sul
perch Fermo non avesse esteso ai restanti libri la sua lettura. Egli immagina che Fermo, con un gesto di generoso
altruismo, avesse ritenuto prioritario mettere a disposizione
degli altri i libri XI-XXII piuttosto che leggerli egli stesso
approfonditamente e che, senza attendere le loro reazioni,
si fosse contentato di comunicare allautore il risultato della
sua analisi parziale del testo. Il ragionamento di Agostino,
percorso da una vena di risentita ironia, si conclude con un
brusco richiamo ad assolvere il debito: de duodecim posterioribus libris redde quod debes!114. Fermo infatti, con la
sua decisione, aveva vanificato la sua fatica. Nonostante
lascolto del XVIII libro lo avesse cos entusiasmato da spingerlo a premere su Agostino per ottenere tutti i libri, Fermo,
come gli aveva comunicato in unaltra lettera perduta, non
si era battezzato, rifiutando cos il frutto di quei libri, che
non consisteva nel dilettare chi legge, n nellaccrescere il
bagaglio di conoscenze di chi non sa, ma nel persuadere ad
entrare nella citt di Dio e nellabitarla con perseveranza115.
Insomma, lamarezza per il fallito tentativo di conversione
habere possitis, per sanctum fratrem et conpresbyterum meum
Firmum [...] curavimus; vd. Scheele, Buch und Bibliothek, p.
92.
112. Aug. epist. 2*, 3, 1.
113. Aug. civ. 10, 8; 17, 5; vd. retr. 2, 43, 2.
114. Aug. epist. 2*, 2, 4.
115. Ibid. 2, 3: Neque enim ille fructus est eorum (scil. librorum),
quod delectant legentem, nec ille, quod multa faciunt scire nescientem, sed ille, quod civitatem dei persuadent vel incunctanter
intrandam vel perseveranter habitandam; vd. M. Caltabiano,
Libri e lettori nelle Lettere di Agostino recentemente scoperte,
in C. Moreschini (ed.), Esegesi, parafrasi e compilazione in
et tardoantica, Atti del Terzo Convegno dellAssociazione di

89

percorsa da un moto di irritazione per la mancata lettura


della seconda parte del De civitate dei da parte di Fermo.
Tutto ci impone un riesame della prima lettera superstite a Fermo. Lepistola si apre con le precise direttive
di Agostino sullassetto editoriale del grande opus, i cui
ventidue libri andavano pertanto ripartiti in due volumi
(I-X; XI-XXII) o, in subordine, in cinque tomi (I-V; VI-X;
XI-XIV; XV-XVIII; XIX-XXII); con queste disposizioni
Agostino lega la sua immagine di autore, nella percezione
dei futuri copisti e lettori, ad un impianto editoriale che
lascer unimpronta sulla riproduzione della sua opera nel
processo di trasmissione116. La prima proposta di articolazione libraria corrispondeva alla divisione in due parti della
materia dellopera. Agostino aveva infatti scritto la prima
parte per controbattere le bestemmie dei pagani contro il vero
Dio e respingere laccusa ai cristiani di essere responsabili
della distruzione di Roma, presa e saccheggiata da Alarico
nel 410. Ma per rintuzzare la critica di essersi limitato
allautodifesa accusando i suoi avversari, Agostino decise
di aggiungere una pars altera, in cui descrivere la nascita
delle due citt, quella di Dio e quella di questo mondo, [...]
la loro evoluzione e il loro sviluppo, [...] i dovuti fini di
ciascuna di esse117. Il confronto tra le due citt viene dunque
sviluppato prevalentemente nei libri XI-XXII. Nelle intenzioni dellautore la loro lettura, oltre a rafforzare nella fede
i cristiani, avrebbe allargato la sfera di influenza dellopera,
convincendo i simpatizzanti come Fermo ad entrare nel
popolo cristiano e facendo altri proseliti tra i pagani. Questa
funzione di tramite e di regista delloperazione viene
assegnata a Fermo nel passo dellepistola in cui Agostino,
dopo le indicazioni sullassetto librario del testo, esplicita
lobiettivo dellopera e le sue aspettative: si ut fuisti diligens
ad habendos hos libros, ita fueris in legendos, quantum
adiuvent [...] cognosces. Quos tamen nostri fratres ibi apud
Carthaginem ad hoc opus pertinentes quod est de civitate
dei nondum habent, rogo ut petentibus ad describendum
dignanter libenterque concedas. Non enim multis dabis, sed
vix uni vel duobus et ipsi iam ceteris dabunt; amicis vero tuis,
sive in populo christiano se desiderent instrui, sive qualibet
superstitione teneantur, unde videbuntur posse per hunc
laborem nostrum dei gratia liberari, quomodo impertias
ipse videris118. Secondo linterpretazione corrente Fermo
sarebbe qui invitato a dare tutti i libri del De civitate dei ai
fratres; gli esemplari trascritti da alcuni di loro dovevano
poi essere dati agli altri confratelli, mentre Fermo avrebbe
provveduto a diffonderli tra suoi amici, sia quelli che, come
lui, simpatizzavano per il cristianesimo, sia quelli di altro
orientamento religioso, per convincerli ad abbandonare le
Studi Tardoantichi, Pisa 7-9 ottobre 1993, Napoli, 1995, p. 73;
Marcone, Il De civitate dei, cit. (n. 108), p. 119.
116. Aug. epist. 1*A, 1, 1 s.; sul passo vd. Cavallo, I fondamenti
materiali.
117. Aug. retr. 2, 43, 1 s.
118. Aug. epist. 1*A, 2, 1 s.

90

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

superstizioni pagane e schierarsi con i cristiani119. Ma da


chiedersi: poteva Agostino affermare che i fratres di Cartagine non disponessero dei primi dieci libri dellopera? Da
almeno un decennio, infatti, essi circolavano, in gruppi e poi
in un blocco unitario, in ambienti sia laici che cristiani, dal
momento che i monaci Pietro ed Abramo potevano servirsene e che gi in precedenza i primi tre, dedicati al tribunus
et notarius Marcellino, erano stati rivisti da un alto funzionario come Macedonio, ed erano noti al vescovo Evodio.
Daltronde, il fatto stesso che la revisione di Fermo si fosse
arrestata ai primi dieci libri indica che essi, nellambito delle
ventidue unit testuali dellopera, venivano ormai considerati un nucleo unitario. Prima dellepistola 1*A a Fermo,
invece, la conoscenza della seconda parte del De civitate
dei risulta circoscritta a qualche libro: il quattordicesimo,
che, appena composto, era stato inviato in lettura ai monaci
Pietro e Abramo, e il diciottesimo, oggetto di una lettura pi
allargata. La diffusione integrale dei libri XI-XXII comincia dunque con la notifica a Fermo di questa lettera, dove
Agostino delinea la sequenza della loro fruizione: anzitutto
i fratres, poi gli iniziati a un percorso di conversione, infine
il pubblico pagano interessato. Erano appunto questi libri,
precipuamente attinenti alla citt di dio, quelli che i fratres
cartaginesi non avevano ancora potuto leggere, almeno nella
loro interezza. Ed soltanto a tali libri che Agostino, nel
passo citato, sembra riferirsi con la precisazione, altrimenti
superflua, quos (scil. libros) ... ad hoc opus pertinentes quod
est de civitate dei120. Del resto, lo stesso Agostino ammette
che il titolo De civitate dei, da lui scelto, non rispecchiava
adeguatamente il contenuto dellintera opera e motiva la sua
forzatura: omnes viginti et duo libri, cum sint de utraque
civitate conscripti, titulum tamen a meliore acceperunt, ut
De civitate dei potius vocarentur121.
A parte le importanti notizie che fornisce sul De civitate
dei, la prima lettera a Fermo conferma loriginalit dellatteggiamento di Agostino nellinterpretare il ruolo di autore e
le singolari modalit che adotta nel comporre e nel divulgare
le sue opere. Anche in questo caso, nel momento stesso in
cui completa lopera e disegna lassetto librario pi idoneo
alla sua circolazione e conservazione, Agostino immette il
testo in due canali di diffusione, corrispondenti a livelli di
fruizione differenziati: quello del lettore colto, capace di
partecipare attivamente allo sforzo di revisione che impegna
lautore fino alla tappa conclusiva delle Retractationes, e
quello del lettore generico e anonimo, che dalla lettura
immediata dei suoi scritti, quale che fosse il loro stato di
119. Mi limito a rinviare a Divjak, Augustins erster Brief, cit.
(n. 108), pp. 56 e 66 s., con puntuale e per il resto convincente
analisi del passo.
120. La corretta interpretazione del passo era stata intuita da H.-I.
Marrou, La technique de ldition lpoque patristique, in
Vigiliae Christianae, 3, 1949, pp. 218 s. (rist. in Id., Patristique
cit., p. 248).
121. Aug. retr. 43, 2.

AnTard, 18, 2010

elaborazione, deve essere indottrinato, in modo che sappia


orientarsi nel fuoco delle polemiche dottrinali, ed assistito
nel suo percorso di elevazione spirituale. Ma nellapplicare questa tecnica di comunicazione polivalente122,
Agostino mette in discussione lo statuto tradizionale del
testo letterario. Lopera scritta non pi il frutto concepito
dalla mente dellautore, il cui valore risiede nellunicit
della facies formale e contenutistica fissata nellesemplare
da lui licenziato e pubblicato con la sua autorizzazione.
Essa diventa il contributo dellintellettuale Agostino alla
sua missione di vescovo cristiano; con una critica implicita
alla vanagloria terrena perseguita dai letterati del passato,
Agostino, insomma, pensa le sue opere esclusivamente in
una prospettiva pastorale123.
6. Latteggiamento trasgressivo di Agostino verso i
consolidati meccanismi di composizione e di pubblicazione del testo, con la sua carica dirompente, difficilmente
poteva essere capito e condiviso. Si trattava, anzi, di una
posizione estrema, apertamente osteggiata dal letterato
cristiano cui essa viene partecipata. infatti significativo
il tono sarcastico con cui Girolamo liquida lesortazione
di Agostino a mettere mano ad una sua composizione per
riscriverla124. Nel rifiuto dellidea della palinodia, alla maniera del fluttuante Stesicoro125, affiora una sensibilit per i
valori formali del testo, che induceva Girolamo a lamentare
la mancanza della calma indispensabile ad unelaborazione
paziente, del tempo necessario per la correzione126; frutto
delleducazione letteraria ricevuta da Girolamo alla scuola
del grammatico Donato altres il richiamo dei lettori a
vigilare sul lavoro degli scribi, affinch la copia riproduca
fedelmente il modello, non sia inquinata da errori ed abbia
un assetto editoriale che agevoli la lettura, permettendo la
piena e corretta intellegibilit del testo127. Tra la reazione di
122. M. Caltabiano, Agostino e i suoi libri: dalla composizione
alla diffusione, in Augustinianum, 45, 2005, pp. 520 s., cui
rinvio per unanalisi della bibliografia sul pubblico e gli spazi
di diffusione degli scritti agostiniani e, in generale, sulla trasformazione delle tecniche della comunicazione orale e scritta nella
tarda antichit.
123. Marcone, Il De civitate dei, cit. (n. 108), p. 118; vd. anche
Caltabiano, Agostino e i suoi libri, cit. (n. prec.), p. 519.
124. Jrme et Augustin ne se sont pas aims: sulle difficili
relazioni tra i due Padri vd. C. Fry, Lettres croises de Jrme et
Augustin, Paris, 2010, pp. IX s.
125. Hier. epist. 102, 1: [...] in qua hortaris me, ut palinodian super
quodam Apostoli capitulo canam, et imiter Stesichorum inter vituperationem et laudes Helenae fluctuantem [...]; vd. anche epist.
105, 4 e Arns, La tecnica del libro, cit. (n. 64), pp. 86 s.
126. Arns, La tecnica del libro cit., pp. 50 s., 76 s.; sulle fasi della
stesura del testo in Girolamo vd. Kloeters, Buch und Schrift, cit.
(n. 8), pp. 61 s.
127. nota la sottoscrizione di Ireneo ripresa da Girolamo (vir. ill.
35): vd. Arns, La tecnica del libro cit. pp. 88 n. 194, 218; sullimportanza attribuita da Girolamo alla revisione del testo e, pi in
generale, sulla concezione cristiana dellemendatio vd. Kloeters,

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

Girolamo allinvito di Agostino e gli ammonimenti che egli


rivolge a scribi e lettori c una evidente coerenza. Girolamo
riafferma il punto di vista dellautore che vuole tutelare la
genuinit e lautenticit del testo da lui redatto e pubblicato e
salvaguardarne lintegrit dagli incidenti di trasmissione.
Al contrario, il distacco dalle pregresse esperienze di
retore, consumatosi dopo il suo ritorno in Africa da Milano,
sembra aver cancellato in Agostino ogni esigenza o preoccupazione filologica e stilistica, finalizzate a dare lustro alla
sua figura di letterato128. Lindifferenza di Agostino verso il
testo si incrina soltanto nelle circostanze in cui un lettore
colto entra in contatto con le copie trascritte dai fratres su
fascicoli sciolti, non ancora allestiti in forma libraria, come
quelli contenenti i ventidue libri del De civitate dei, che
invi a Fermo. Allora la mendositas di questi esemplari,
che egli trascurava di emendare per non sottrarre tempo alle
priorit del suo lavoro intellettuale, viene avvertita come
uninadempienza da evitare o di cui scusarsi. La sorpresa di
vedersi restituire lesemplare pieno di errori del De baptismo
parvulorum, inviato a Marcellino, sembra infatti dissimulare
la mancata emendatio del libro, cui Agostino annuncia di voler porre rimedio129. In unaltra occasione Agostino presenta
linvio di alcuni suoi libri non emendati come un cedimento
alle insistenti sollecitazioni di Memorio, che lo avevano
costretto a non mantenere la promessa di correggerli130. La
causa delle alterazioni testuali che si verificavano in simili
circostanze doveva essere intrinseca alle caratteristiche dei
supporti librari adoperati da Agostino per le prime, parziali
stesure delle sue opere o dai suoi fratres per trascriverle.
Si trattava verosimilmente di meri contenitori del testo,
formati da materiali di qualit disomogenea vergati in grafie
informali e senza cura della mise en page, che rendevano
problematica la lettura del testo131. Proprio con riguardo
alla loro fattura approssimativa, questi manufatti vengono
chiamati genericamente quaterniones132, a prescindere dalla
Buch und Schrift, cit. (n. 8), pp. 72 s.; Pecere, La tradizione dei
testi latini, cit. (n. 11), pp. 24 s.
128. Marrou, La technique de ldition, cit. (n. 120), p. 219 (rist.
in Id., Patristique, cit. [n. 58], p. 248).
129. Aug. epist. 139, 3; sul passo vd. Scheele, Buch und Bibliothek, p. 77; Caltabiano, Libri iam in multorum manus exierunt,
cit. (n. 35), p. 150.
130. Aug. epist. 101, 1. Qui Agostino adotta lo stesso atteggiamento
con cui Simmaco, con abile cortigianeria, giustificava linvio
ad Ausonio di una copia non corretta della Naturalis historia di
Plinio; era infatti costume delle classi aristocratiche non regalare
un libro che non fosse stato emendato, a costo di ritardarne linvio:
vd. Pecere, La tradizione dei testi latini, cit. (n. 11), p. 38.
131. Si pu ricordare il caso dellexemplaris liber dellopera di Ambrogio che Sabino ebbe difficolt a leggere, costringendo lautore
a rispedirgliela in un codice vergato in una scrittura pi chiara e
comprensibile (Ambr. epist. 7, 37, 1): vd. supra n. 22 .
132. Sul significato del termine vd. L. Holtz, Les mots latins dsignant le livre au temps dAugustin, in A. Blanchard (ed.), Les
dbut du codex, Actes de la journe dtude organise Paris les

91

consistenza dellunit testuale in essi contenuta, che poteva


corrispondere ad unopera intera o a uno dei libri in cui la
sua materia era divisa; questo infatti il termine usato per
indicare sia i ventidue esemplari recanti la redazione definitiva del De civitate dei inviata a Fermo, sia il manoscritto
parzialmente autografo contenente un abbozzo, che Possidio
trov tra le carte di Agostino nella biblioteca di Ippona133.
Per prevenire le imbarazzanti situazioni cui lo esponevano
i difetti delle copie esemplate sugli originali dai fratres,
Agostino talvolta affidava lallestimento del libro a un centro
di copia esterno allepiscopium ipponense, che garantiva la
consegna in tempi rapidi di un prodotto confezionato secondo un progetto grafico-editoriale elaborato da copisti di
mestiere. Una scelta di riguardo non a caso riservata a Romaniano134, lamico di vecchia data al quale Agostino annuncia
di voler far precedere la sua visita dallarrivo di una copia
del De vera religione eseguita nellofficina di Maggiolino;
Agostino spera che nella bottega non manchi la charta con
cui realizzare un libro allaltezza di un esigente intenditore
come Romaniano, ma non in grado di prevedere in quale
scrittura sar vergato, dal momento che nei laboratori di
copia operavano scribi di diversa educazione grafica: Romaniano doveva perci contentarsi della scrittura dellesemplare, quale che essa fosse135. Il racconto dellepisodio rivela
leccezionalit di tale procedura. Agostino, ovviamente,
preferiva evitare questa soluzione dispendiosa ed evadere
le richieste o fornendo i testi a chi voleva farsene copia136,
oppure ricorrendo alla mediazione degli stessi interessati o
di amici comuni. Il vescovo Evodio e la nobildonna romana
Massima vengono invitati a provvedere direttamente alla
trascrizione dei testi, inviando presso di lui dei copisti137;

3 et 4 juillet 1985 par lInstitut de Papyrologie de la Sorbonne,


Tourhout, 1989, pp. 109 s.
133. Aug. epist. 1*A, 1, 2; sul quaternio con la scrittura autografa
di Agostino vd. supra n. 22.
134. Scheele, Buch und Bibliothek, pp. 34 s.
135. Aug. epist. 15,1: Scripsi quiddam de catholica religione [...],
quod tibi volo ante adventum meum mittere, si charta interim non
desit. Tolerabis enim qualemcumque scripturam ex officina Maiorini; nello stesso passo della lettera Agostino informa lamico
di non poter esaudire la richiesta dei codici che desiderava perch
gli erano rimasti soltanto libros De oratore.
136. Anche Girolamo invita i destinatari di una sua lettera (Aug.
epist. 165, 2) a procurarsi, per trarne copia, gli esemplari di una
sua opera che aveva inviato a Marcellino: Duos itaque libros
misi sanctae [] Fabiolae, quorum exempla, si volueris, ab ipsa
poteris mutuare; pro angustia quippe temporis alios describere
non potui: vd. Scheele, Buch un Bibliothek, p. 76.
137. Aug. epist. 169, 1: Si ea quae me magis occupant, [...] sanctitas
tua nosse tanti habet, mitte aliquem qui tibi describat; 264, 3: Sed
laborum nostrorum opuscula si forte habere desideras, mitte qui
tibi describant; voluit enim deus, ut hoc facillime possis, qui tibi
dedit, unde possis. Su questo costume vd. Caltabiano, Storie di
uomini, cit. (n. 80), p. 81 n. 37.

92

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

invece, nel citato caso del corpus di suoi scritti donato a


Paolino, il libro fu fatto allestire da Alipio138.
Torniamo, in conclusione, al prologo delle Retractationes
per rileggervi il passo in cui Agostino esplicita lo scopo
dellopera; essa vuole fungere da bussola di orientamento
per i possessori dei suoi scritti, pubblicati ora incompleti
ora in redazioni parziali che erano state successivamente
modificate, e spesso senza che il testo divulgato fosse
stato da lui sottoposto a revisione: Ho deciso di scrivere
questopera, per metterla nelle mani di persone dalle quali
non posso pi riavere, in vista di una revisione, quello che
ho gi pubblicato139. Lobiettivo delle Retractationes
era dunque duplice: certificare, mediante la scheda di
aggiornamento relativa alle singole opere censite, il testo
che lautore aveva alla fine licenziato; fornire, ai lettori
in possesso di una qualsiasi delle redazioni testuali di un
suo scritto in circolazione, il modello cui uniformare lassetto testuale del proprio esemplare140. Ma il passo citato
contiene anche una ammissione di impotenza. vero che
i frammenti tardoantichi dei due codici ambrosiani del De
doctrina christiana rappresentano un caso di allineamento
alloriginale ritardato dellopera di una copia incompleta
in circolazione. Ed altres vero che il codice Paris. lat.
12214 + Petrop. Q.v.I.4 testimonia luso delle Retractationes
come guida per modellare una copia del De civitate dei su
una delle architetture editoriali descritte dallautore nella
citata prima lettera a Fermo141. Ma Agostino consapevole
che la retractatio sistematica della sua produzione scritta,
se era certamente servita a migliorarne il livello di elaborazione concettuale e formale, aveva tuttavia una scarsa
capacit di conferire la funzione di archetipi del testo agli
esemplari che avevano ricevuto lultima revisione. Di ci
egli era convinto gi prima di comporre le Retractationes.
A Consenzio, che sentiva il bisogno di discutere gli scritti
che aveva letto, Agostino consigliava di recarsi presso di lui,
in modo che il confronto si sviluppasse dalla lettura diretta
delle copie conservate nella sua biblioteca; usando i modelli
dautore, anzich angustiarsi con i mendosissimi codices in
suo possesso, Consenzio infatti avrebbe potuto trovarli pi
corretti degli altri esemplari in circolazione: illud quoque
dixeram, cum a te audissem, quod mendosissimis fatigaveris
codicibus, ut in nostris legeres, quos emendatiores posses
ceteris invenire142. Le stesse riserve, venate di scetticismo,
trapelano nel passo dellepistola-prologo del De trinitate
138. Vd. supra, p. 86.
139. Aug. retr. prol. 3: Scribere autem ista mihi placuit, ut haec
emittam in manibus hominum, a quibus ea quae iam edidi evocare
emendanda non possum.
140. Nella sostanza loperazione di Agostino ricalca quella di Galeno, che aveva usato lemendatio come sigillo di garanzia per il
riconoscimento a posteriori della paternit delle opere divulgate:
vd. Pecere, Roma antica e il testo, pp. 247 s., citaz. p. 249.
141. Aug. epist. 1* A, 1. Per lanalisi dellapparato paratestuale
del manoscritto vd. infra, pp. 96 s.
142. Aug. epist. 120, 1.

AnTard, 18, 2010

lelemento identificativo della master copy dellopera in


cui Agostino accenna alluso eventuale di questo modello
da parte di lettori/possessori di copie parziali (omnia, si voluerint et valuerint, emendabunt)143. Non sorprende perci
che Possidio, nel ribadire la superiorit dei libri recanti il
testo definitivo delle opere agostiniane che erano conservati
nella biblioteca di Ippona, ricorra ad espressioni dubitative
analoghe a quelle usate dallautore. Interprete fedele del
pensiero e della volont del suo vescovo, il segretario appronta con lIndiculum uno strumento che incoraggi e motivi
i futuri lettori a procurarsi copie degli scritti agostiniani; ma,
pur indirizzando preferibilmente la loro ricerca verso gli
esemplari depositari di una versione testuale pi sorvegliata
ed attendibile, anchegli cosciente della limitata efficacia
della sua raccomandazione: Ho deciso di aggiungere, se
Dio mi aiuta, alla fine di questopuscolo anche un elenco di
quei libri, prediche e lettere; leggendolo, chi preferisce la
verit divina alle ricchezze temporali potr scegliere a suo
piacimento quale leggere e conoscere, per poi richiederlo,
da trascrivere, alla biblioteca della chiesa dIppona, dove
forse potr trovare esemplari pi corretti (emendatiora
exemplaria forte poterunt invenire), oppure ricercarlo altrove, a suo piacimento: trovatolo, lo trascriva e lo tenga per
s e, se alcuno glielo chiede per trascriverlo, a sua volta lo
presti senza gelosia144. In seguito, altri Padri della Chiesa
dovranno fronteggiare questo tipo di problema. I passi che
testimoniano la preoccupazione di Gregorio Magno per la
corretta tradizione dei suoi scritti descrivono infatti con
identici sintagmi lo scenario incerto e mutevole che genera
la trasmissione di un testo composto secondo modalit di
stesura analoghe a quelle usate da Agostino145.
Linstabilit testuale insomma una caratteristica genetica
delle opere di Agostino che risulta incompatibile con unidea
statica di archetipo. La funzione di originali riconosciuta ex
143. Vd. supra, n. 93.
144. Possid. vita Aug. 18,10; vd. Possidii vita Augustini, testo critico a cura di A. A. R. Bastiaensen, traduzione di C. Carena, in A.
A. R. Bastiaensen (ed.), Vita di Cipriano, Vita di Ambrogio, Vita
di Agostino, Milano, 1975. Sui motivi sottesi alla pubblicazione
dellIndiculum vd. S. Mratschek, Der Briefwechsel des Paulinus
von Nola. Kommunikation und soziale Kontakte zwischen christlichen Intellektuellen, Gttingen, 2002, p. 484.
145. Le dinamiche di composizione e di trasmissione delle opere
di Agostino presentano notevoli punti di contatto con quelle di
Gregorio Magno: vd. P. Chiesa, Gregorio al lavoro. Il processo
testuale della Regula pastoralis, in Codex Trecensis. La Regola
Pastorale di Gregorio Magno in un codice del VI-VII secolo:
Troyes, Mdiathque de lAgglomration Troyenne, 504. II. Scritti
critici, a cura di A. Petrucci, Firenze, 2005, pp. 31-99; P. Fioretti,
Composizione, edizione e diffusione delle opere di Gregorio
Magno. In margine al Codex Trecensis, in Scripta, 1, 2008, pp.
61-75, che cita in particolare (p. 72 n. 1) Greg. M. in evang.
praef. (SC, 485, p. 94): Editae autem in scrinio sanctae ecclesiae
nostrae retinentur, ut si qui forte a tua fraternitate longe sunt, hic
inveniant unde in his quae emendatae sunt certiores fiant.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

post dallo stesso autore agli esemplari ritrattati delle sue


opere non poteva infatti devitalizzare le filiere difformi che
ne alimentavano il processo di riproduzione e di fruizione.
La tradizione degli scritti agostiniani si inscrive dunque in un
fenomeno specifico, e non raro, della trasmissione dei testi
latini, cos descritto con efficace sintesi: Texts may have
been released as in progress, a circumstance that finally
produces several authorial editions of the same work146.
Ne consegue che per leditore agostiniano il momento
fondamentale delle operazioni di recensio non sta nella
delineazione dello stemma, che ne solo una sintesi e uno
strumento operativo, ma nella ricostruzione storica delle
vicissitudini e delle particolarit della tradizione, del comportamento e degli usi di ogni copista147, con unattenzione
particolare alla struttura materiale, allapparato paratestuale
e ai marginalia dei superstiti manoscritti tardoantichi, per
enuclearne il progetto di allestimento e cogliervi le coeve
tracce di revisione e di lettura148. Questo accertamento
preliminare, se vero che permette solo in rare circostanze
di riannodare alcuni fili di trasmissione allesemplare ufficiale di unopera, serve tuttavia a collocare in un quadro
storicamente pi fondato la configurazione stemmatica della
tradizione medievale: il bacino collettore dei vari flussi
testuali, quasi del tutto scomparsi, che avevano segnato le
tappe della ricezione tardoantica.
Universit di Cassino

146. M. De Nonno, Transmissional History and Textual Criticism,


in A. Barchiesi-W. Scheidel (edd.), The Oxford Handbook of
Roman Studies, Oxford, 2010, p. 35.
147. C. Segre, Ecdotica e comparatistica romanze, a cura di A.
Conte, Milano-Napoli, 1998, p. 46.
148. Si tratta dei criteri metodologici di G. Pasquali (Storia della
tradizione e critica del testo, Firenze, 19522, p. IX) richiamati da
De Nonno, Transmissional History, cit. (n. 146), p. 32.

93

II. NOTE SU DUE DEI PI ANTICHI MANOSCRITTI PATRISTICI


BIBLIOTHQUE NATIONALE DE FRANCE**

DELLA

1. Presentiamo in questa sede alcuni risultati di una pi


ampia indagine dedicata ai manoscritti patristici recanti le
tracce di revisioni testuali o di letture intensive condotte nella
tarda antichit149. Lo spoglio dei Codices Latini Antiquiores
di Elias Avery Lowe ha in tal senso permesso di selezionare
dodici codici o frammenti di codici conservati presso
alcune delle pi importanti biblioteche dEuropa e della
Federazione Russa: la Bibliothque Nationale de France150,
la Biblioteca Apostolica Vaticana della Citt del Vaticano151,
la Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli152,
la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze153, il Real
Monasterio di San Lorenzo di El Escorial154, la Bibliothque Municipale di Lione155, lArchivio dellAbbazia di
Montecassino156, la sterreichische Nationalbibliothek di

** Desidero esprimere il mio ringraziamento a Guglielmo Cavallo,


che ha ispirato e seguito lo sviluppo di questo lavoro, e a Mme
Marie-Pierre Laffitte, per avermi facilitato nella consultazione
dei manoscritti che saranno esaminati in questa sede, due dei
tesori della Grande Rserve della Bibliothque Nationale de
France di Parigi.
149. La via a una siffatta ricerca stata aperta recentemente da
G. Cavallo (I fondamenti materiali), che ha rimarcato che [...]
i Padri solevano talora adnotare, vale a dire postillare, i propri
manoscritti, sicch certi marginalia nei codici tardoantichi potrebbero riverberare annotazioni dautore trasmessesi in qualche
modo [...]. Una ricerca complessiva e su singoli esemplari dei
marginalia agli scritti dei Padri reperibili nei codici tardoantichi
e magari fino al secolo VII resta uno dei grandi auspici che si
possono formulare per gli studi patristici. Unindagine sistematica [...] di questi marginalia non solo restituirebbe uno spaccato
delle variabili sociali e culturali di quelle che furono le pratiche
di lettura di testi patristici nei secoli che ne videro la prima diffusione, ma forse potrebbe dare in qualche caso anche risultati
interessanti per la costituzione critica del testo.
150. Paris. lat. 8084 (Prudenzio, CLA V 571a, Leuven Database
of Ancient Books [consultabile in linea allindirizzo http://www.
trismegistos.org/ldab, in seguito LDAB] 7951); Paris. lat. 13367
(Agostino, CLA V 658, LDAB 8076); Paris. lat. 2235 (Girolamo,
CLA V 543, LDAB 7922); Paris. lat. 8907 (Ilario, CLA V 572,
LDAB 7953); Paris. lat. 9533 (Agostino, CLA V 587, LDAB
7967); Paris. lat. 12214 [+ Petropol. Q V.I.4] (Agostino, CLA V
635+ XI**635, LDAB 8052).
151. Vat. lat. 5757 (Agostino, CLA I 34, LDAB 7378); Vat. Barb.
lat. 9916 (un foglio) [+Vindob. lat. 2160 + Sankt Florian, Stiftsbibliothek III.15.B {un foglio}] (Ilario, CLA X 1507+CLA I** [p.
19 tra 62 e 63], LDAB 1287).
152. Neapol. VI. D. 59 (Girolamo, CLA III 405, LDAB 7757).
153. Laur. plut. 65.1 (Orosio, CLA III 298, LDAB 7647).
154. San Lorenzo, El Escorial Camarn de las reliquias, s. n. (Agostino, CLA XI 1628a-b+1629, LDAB 9064-9066).
155. Lugdun. 478 (408) (fol. 10-202, Agostino, CLA VII 777,
LDAB 8200).
156. Casin. 150 (Ambrosiaster, CLA III 374a, LDAB 7723).

94

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

Vienna157, la Stiftsbibliothek di Sankt Florian158 e la Rossijskaja Nacionalnaja Biblioteka di San Pietroburgo159.


Tali manoscritti recano testi di Agostino, Girolamo, Ilario,
Ambrogio, Orosio e dellAmbrosiaster.
Sebbene lintenzione iniziale fosse quella di proporre, in
questa sede, uno studio dettagliato delle aggiunte marginali
presenti sui sei testimoni del campione conservati a Parigi,
lavanzamento della ricerca ha reso chiaro che lanalisi
degli aspetti codicologici mai condotta sulla maggior
parte dei manoscritti in questione avrebbe permesso di
ricostruire dinamiche di allestimento spesso complesse
e processi diacronici di alterazione materiale destinati a
segnare irreversibilmente la storia di ciascun libro. Questa
constatazione ha imposto di condurre prima ancora
dellanalisi dei marginalia uno studio codicologico e
filologico-paleografico di ogni manoscritto in unottica
stratigrafica, secondo i pi recenti sviluppi delle discipline
inerenti alla storia del libro160. Lapplicazione di un metodo
dindagine complesso, comportando unanalisi meticolosa,
ha per imposto di ridurre loggetto di questa esposizione
a due soli codici, il Paris. lat. 12214 e il Paris. lat. 2235: i
pi antichi testimoni, rispettivamente, del De civitate Dei
di Agostino e del trattato In librum psalmorum attribuito a
Girolamo161. Ulteriori pubblicazioni tratteranno di alcuni
157. Vindob. lat. 2160 [+Vat. Barb. lat. 9916 {un foglio} + Sankt
Florian, Stiftsbibliothek III.15.B {un foglio}] (Ilario, CLA X
1507+CLA I** [p. 19 tra 62 e 63], LDAB 1287).
158. Sankt Florian, Stiftsbibliothek III.15.B (un foglio) [+Vindob.
lat. 2160 + Vat. Barb. lat. 9916 {un foglio}] (Ilario, CLA X
1507+CLA I** [p. 19 tra 62 e 63], LDAB 1287).
159. Petropol. Q V.I.4 [+Paris. lat. 12214] (Agostino, CLA V 635+
XI**635, LDAB 8052); Petropol. Q V.I.3 (Agostino, CLA XI
1613, LDAB 9049).
160. Rimandiamo, per questaccezione di stratigrafia applicata
allo studio dei manoscritti, nonch per le finalit e i presupposti
di un tale approccio, a Ronconi, I manoscritti miscellanei, pp.
23 e s.
161. Sul valore attribuito gi dai Maurini al codice di Agostino cfr.
M. M. Gorman, The Maurists Manuscripts of Four Major Works
of St. Augustine: With Some Remarks on Their Editorial Techniques, in Revue Benedictine 91, 1981, pp. 238-279 (rist. in Id., The
Manuscript Traditions, pp. 62-103), pp. 78-79, 82, 84, 86, 88-89
(rist.). Non entriamo nel merito della complessa questione della
paternit geronimiana dellopera contenuta nel Paris. lat. 2235,
rivendicata nel 1903 da G. S. Morin, Sancti Hieroymi presbyteri
Tractatus sive homiliae in Psalmos, in Marci evangelium aliaque
varia argumenta. Editio altera aucta et emendata, Turnhout,
1958, pp. I e ss., revocata in dubbio da V. Peri, Omelie origeniane
sui Salmi. Contributo allidentificazione del testo latino, Citt
del Vaticano, 1980 e di nuovo affermata da P. Jay, Les Tractatus
in Psalmos, in Y.-M. Duval (ed.), Jrme entre lOccident et
lOrient. Actes du colloque de Chantilly, Paris, 1988, 367-380;
cfr. anche, in merito, G. Coppa, Origene - Gerolamo. 74 omelie
sul libro dei salmi, Milano, 1993, pp. 13-32 e L. Perrone, Four
Gospels, Four Councils - One Lord Jesus Christ. The Patristic
Developments of Christology within the Church of Palestine, in
Liber Annuus, 49, 1999, pp. 357-396: 378 e n. 47.

AnTard, 18, 2010

almeno degli altri dieci codici che costituiscono il resto del


campione selezionato nella fase iniziale della ricerca162. Ma
prima di dedicarci allo studio puntuale dei due manoscritti,
necessaria una precisazione inerente alla natura delle
annotazioni che essi recano.
2. Riferibili entrambi al VI secolo, il Paris. lat. 12214 e il
Paris. lat. 2235 sono tra i pi antichi manoscritti pervenuti
dei Padri della Chiesa occidentale e rimontano a unepoca
di poco successiva alla morte degli autori di cui contengono
le opere. Sebbene ridotto, tale scarto cronologico esclude
la possibilit di reperirvi tracce autografe dei Padri (eventualit erroneamente ipotizzata per un altro manoscritto del
campione, il Petropol. Q.v.I.3163). Rimane tuttavia da verificare unaltra ipotesi, formulata recentemente da Guglielmo
Cavallo, per cui certi marginalia nei codici tardoantichi
potrebbero riverberare annotazioni dautore trasmessesi in
qualche modo164. A questo proposito, bene rilevare che
possono costituire trascrizioni di annotazioni dautore solo
i marginalia che racchiudano interventi volti ad alterare
il testo preesistente in unottica certamente migliorativa
(e appunto autoriale) e non semplici notabilia, varianti
di tradizione o correzioni165. Sul versante paleografico,
daltronde necessario, onde poter ipotizzare che tali interventi risalgano agli autori, che essi siano apposti sul codice
dalla stessa mano che ha vergato il testo principale o da
uno scrivente coevo, che si deve presupporre abbia avuto
accesso al medesimo antigrafo del copista: antigrafo che
doveva essere un autografo o un idiografo, visto che solo
in tal caso esso avrebbe potuto serbare traccia di annotazioni marginali dautore (le quali tendono a perdersi dopo
la prima trascrizione166). E viceversa escluso o almeno
molto improbabile che possano risalire agli autori marginalia dovuti a mani posteriori, oppure annotazioni (anche
contemporanee alla copia) consistenti in mere correzioni di

162. E gi in corso di stampa un contributo dedicato a un altro


dei manoscritti del campione: F. Ronconi, Note sulla genesi del
Paris. BNF lat. 8907, in Storie di cultura scritta. Studi offerti a
Francesco Magistrale, Spoleto, 2011.
163. Vd. supra, p. 82.
164. Cavallo, I fondamenti materiali.
165. Interventi che possono consistere in sostituzioni o aggiunte.
Cfr. il contributo - dedicato in parte allanalisi di manoscritti
che sono copie dirette del codice autografo di Moerbeke, ma
metodologicamente utile - di C. Luna, Lutilizzazione di una
traduzione greco-latina medievale per la costituzione del testo
greco: la traduzione di Guglielmo di Moerbeke del commento
di Proclo In Parmenidem, in Documenti e studi sulla tradizione
filosofica medievale, 20, 2009, pp. 449-546: 462-505 e 516-518.
La circostanza che vi si tratti di una traduzione non , nella nostra
ottica, inficiante.
166. Cfr., in merito, Luna, ibid., pp. 518-526, che dimostra come
le annotazioni marginali di Moerbeke si siano conservate come
tali solo nelle copie dirette del manoscritto autografo.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

sviste di trascrizione o in semplici aggiunte atte a colmare


salti du mme au mme.
Le annotazioni rilevate sui due manoscritti esaminati
rientrano generalmente in questultima categoria. Molto
numerose, esse (bench dovute in diversi casi a emendatores allincirca coevi rispetto ai copisti e che hanno avuto
talora accesso al medesimo modello) non consistono che
nellinserzione di varianti o porzioni testuali tralasciate dagli
scribi. Nessuno dei marginalia che compaiono nel Paris. lat.
12214 e nel Paris. lat. 2235 sembra insomma rimontare ad
Agostino o a Girolamo167.
3. Nella prima epistola a Fermo, scritta a Ippona probabilmente intorno al 426, Agostino forniva al suo destinatario,
come s detto168, una serie di indicazioni concernenti le
modalit di trascrizione (e diffusione) del De civitate Dei:
Quaterniones sunt XXII quos in unum corpus redigere
multum est; et si duos vis codices fieri, ita dividendi
sunt, ut decem libros habeat unus, alius duodecim [...].
Si autem corpora malueris esse plura quam duo, iam
quinque oportet codices facias, quorum primus contineat
quinque libros [...]; secundus sequentes alios quinque
[...]; iam tres alii codices qui sequuntur quaternos libros
habere debebunt [...]169.
I ventidue quaterniones dautore potevano dunque essere trascritti in due (I-X + XI-XXII) o cinque tomi (lib.
I-V + VI-X + XI-XIV + XV-XVIII + XIX-XXII)170. Non
dato sapere quale delle due soluzioni Fermo abbia deciso
di adottare, ma potrebbe non essere casuale la circostanza

167. Ci non stupisce alla luce di quanto stato detto nella prima
parte di questo contributo: i materiali su cui i Padri elaboravano le
proprie opere consistevano spesso in schedae, fascicoli disligati,
libelli, dossier. Caratterizzati da strutture instabili, essi erano
difficili da maneggiare e da leggere, contenendo spesso interventi
diacronici che rimontavano talora a percorsi di elaborazione
pluridecennali. Le prime tappe della diffusione coincidevano
dunque spesso con tentativi di normalizzazione del testo, mirati
a cristallizzarne la fluidit: annotazioni e correzioni dautore venivano, in questa fase, riassorbite nei limiti del possibile, e talora
indebitamente, nel testo. Lesempio delle Quaestiones in Heptateuchum di Agostino rilevato da Cavallo (I fondamenti materiali)
in questo senso illuminante: i manoscritti pervenuti racchiudono
unannotazione apposta probabilmente dallautore sul margine
del suo esemplare (sed considerandum est quemadmodum hoc
dicat A. Gellius et diligenter inserendum), e inglobata nel testo da
editori poco accorti, in una fase antichissima della trasmissione:
per lo scivolamento nel testo di annotazioni marginali-interlineari
dautore(-traduttore) con conseguente conservazione da parte
della tradizione posteriore, cfr. Luna, Lutilizzazione di una
traduzione, cit. (n. 165), p. 517.
168. Cfr. supra, p. 89.
169. Aug. epist., 1* A, 1.
170. Sul significato del termine quaterniones in questo contesto
cfr. supra, p. 91.

95

che il Paris. BNF lat. 12214171 comprenda solo i primi


dieci libri dellopera, rispecchiando proprio una delle due
possibilit individuate dallIpponense172. Il codice di Parigi
costituisce la parte maggiore di un libro originariamente pi
corposo, la cui sezione finale consisteva nei 43 fogli oggi
conservati nella Rossijkaja Nacionalnaja Biblioteka di San
Pietroburgo, sotto la segnatura Petropol. Q.I.4,43 : tali fogli
contengono il libro X del De civitate Dei. Lunit originaria
delle due parti resa certa da fattori paleografici, ma soprattutto codicologici: identiche risultano infatti la tipologia e
la posizione delle segnature173; perfetta la corrispondenza
tra il titolo iniziale apposto sul f. 15 del Parigino e lexplicit
del X libro, sul f. 43 del Petropolitano174; coerente perfino
la foliazione, che si dipana, continua, sui fogli delle due
parti: una circostanza, questultima, che permette di asserire
che lo smembramento ebbe probabilmente luogo intorno al
XVII secolo175.
La struttura fascicolare della sezione oggi conservata a
Parigi la seguente:
1x4 (1-4); 1x2 (5-6); 16x8 (7-132 + 63b, 64b); 1x7 (133139 quat. privo del primo foglio senza lacuna test.); 17x8
(140-274 + 164b); 1x4 (275-278).
Nello schema che riportiamo di seguito, indichiamo per
ciascun fascicolo il numero dordine corrispondente alla
posizione che esso occupa nel codice attuale, lestensione
e la segnatura di cui (o era) dotato176:

171. CLA V 635; LDAB 8052. Una parte dello stesso codice conservato a San Pietroburgo con la segnatura Petropol.
Q.v.I.4,43 (CLA XI**635): cfr. infra. Sul manoscritto cfr. almeno
M. M. Gorman, A Survey of the Oldest Manuscripts of St. Augustines De civitate Dei, in Journal of Theological Studies,
33, 1982, pp. 398-410 (rist. in Id., The Manuscript Traditions,
pp. 178-190), p. 401.
172. Cfr. supra e Cavallo, I fondamenti materiali.
173. Sul Petropolitano sono ancora visibili, in perfetta continuit
rispetto ai fascicoli del Parigino, le segnature XXXV-XXXVIII:
cfr. CLA XI**635.
174. Cfr., in merito, Gorman, Aurelius Augustinus, cit. (n. 59),
p. 478.
175. I fogli del Petropolitano che sembrano costituire un blocco
materialmente autonomo (ci ripromettiamo di condurre in merito
unanalisi autoptica in futuro) - presentano una doppia foliazione:
la prima, coerente con quella del Parigino, va da 279 a 319, la
seconda, posteriore, da 1 a 41 (con due fogli non numerati): cfr.
CLA XI**635.
176. Le segnature assenti sono ricostruibili grazie alle sei sopravvissute sui fascicoli 23-26 e 36-37.

96

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

AnTard, 18, 2010

ff.

Segn.

ff.

Segn.

ff.

Segn.

ff.

Segn.

1-4

11

69-76

[VIII]

21

148-155

[XVIII]

31

227-234

[XXVIII]

5-6

12

77-84

[VIIII]

22

156-163

[XVIIII]

32

235-242

[XXVIIII]

7-14

13

85-92

[X]

23

164-170

XX

33

243-250

[XXX]

15-22

[I]

14

93-100

[XI]

24

171-178

XXI

34

251-258

[XXXI]

23-30

[II]

15

101-108

[XII]

25

179-186

XXII

35

259-266

[XXXII]

31-38*

[III]

16

109-116

[XIII]

26

187-194

XXIII

36

267-274

XXXIII

39-46

[IIII]

17

117-124

[XIIII]

27

195-202

[XXIV]

37

275-278

XXXIIII

47-54

[V]

18

125-132

[XV]

28

203-210

[XXV]

55-62

[VI]

19

133-139

[XVI]

29

211-218

[XXVI]

10

63-68

[VII]

20

140-147

[XVII]

30

219-226

[XXVII]

+ 43 ff. del Petropol. Q.v.I.4,43

*. La successione dei fogli risulta perturbata nel modo seguente: ff. 31, 32, 35, 33, 36, 34, 37, 38.
Il codice stato vergato, in semionciale, da almeno due
copisti che hanno verosimilmente operato nel VI secolo in
Italia settentrionale, forse a Verona177, quasi certamente collaborando: luno (A) ha trascritto i ff. 1-32v + 117r-278v178,
laltro (B) i ff. 35r-116v179.
Nel codice, linizio del De civitate Dei preceduto da un
canon, che occupa gli attuali ff. 1r-12v (fig. 1). Tra il canon
e lIncipit dellopera, ovvero sui ff. 13v-14v (il f. 13r resta
bianco), probabilmente lo stesso copista A ha vergato il
passaggio delle Retractationes (2.43) inerente al De civitate
Dei. Esso introdotto dal titolo EX LIBRO RETRACTATIONUM
SANCTI AUGUSTINI SECUNDO titulo LXVIIII (fig. 2). La pratica
di premettere allopera agostiniana il relativo passo delle
Retractationes attestata sporadicamente solo in manoscritti posteriori al IX secolo: il caso del Parigino dunque,
a questaltezza cronologica, del tutto isolato180.
Sebbene gli editori moderni stampino il passo delle
Retractationes a mo di introduzione al De civitate Dei181,
evidente che tale assetto non risale ad Agostino, ma a
un editore posteriore. E possibile, partendo dallanalisi
177. Cfr. infra.
178. Per la descrizione dei caratteri delle due mani cfr. CLA
XI**635. Un dubbio sussiste in merito allidentificazione con
il copista A di colui che copia il passo delle Retractationes e
aggiunge la nota redazionale: cfr. infra.
179. Il quaternione allinterno del quale avviene il cambio di
mano affetto da una perturbazione nella successione dei fogli:
cfr. supra.
180. M. M. Gorman, Harvards Oldest Latin Manuscript (Houghton
Library, MS TYP 495): A Patristic Miscellany from the Predestinarian Controversy of the Ninth Century, in Scriptorium,
39, 1985, pp. 185-196 (rist. in Id., The Manuscript Traditions,
pp. 301-314), pp. 189-190 e n. 12, con bibliografia; Id., The
Manuscript Traditions of st. Augustines Major Works, in Atti del
Congresso internazionale su S. Agostino nel XVI Centenario della
Conversione (Studia Ephemeridis Augustinianum, 24), ed. Vittorino Grossi, 1, Rome, 1987, pp. 381-412, spec. pp. 385 e 386.
181. Cfr., pi diffusamente, infra.

del codice attuale, stabilirne lidentit? Egli ha giocato un


ruolo diretto nellallestimento del nostro codice? E, pi
precisamente, laggiunta del passo delle Retractationes ha
avuto luogo per la prima volta nel Parigino o questultimo
riproduce lassetto testuale del suo modello?
Per rispondere a queste domande si deve tenere conto di
alcuni fattori testuali e codicologici.
Tra il passo delle Retractationes e linizio del De civitate
Dei si trova una breve nota, scritta a quanto sembra dallo
stesso copista A, in onciale. Essa, ignorata dagli editori, svela
la logica e la natura della giustapposizione (fig. 3):
hoc capitulum ideo de libris Retractationum in hoc [sic]
codicem posui ut lector cognoscat quid de hoc co<r>pus
[sic] auctor exponens sive retractans dixit
Per ragioni che saranno chiare nel prosieguo della nostra
indagine, necessario rilevare la scorrettezza sintatticogrammaticale dellannotazione, soprattutto in merito alla
funzione dei casi (in hoc codicem posui, de hoc co<r>pus).
Lanalisi codicologica dimostra che la sezione parigina del
codice costituita da due blocchi materialmente indipendenti, i quali sono separati da uno snodo. Il passaggio dalla
nota redazionale di cui abbiamo riportato il testo (che si
colloca sulla prima colonna del f. 14v, la seconda restando
vuota: fig. 3) e linizio del De civitate Dei (che si trova sul
f. 15v: fig. 4) coincide infatti con un cambio di fascicolo:
Blocco I

Blocco II

canon + Retr.
+ nota redaz.

De civitate Dei I-IX

ff. 1-14

ff. 15-fine

Il primo blocco comprende dunque solo 14 fogli, ripartiti


ab origine in un binione, un bifoglio e un quaternione. Tale
blocco stato preposto al secondo (comprendente il testo del
De civitate Dei) quando questultimo era stato gi trascritto

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

Fig. 1 Parisinus latinus 12214, f. 1r.

Fig. 2 Parisinus latinus 12214, f. 13v.

97

98

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

Fig. 3 Parisinus latinus 12214, f. 14v.

Fig. 4 Parisinus latinus 12214, f. 15v.

AnTard, 18, 2010

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

99

Fig. 5 Parisinus latinus 12214, f. 12v.

integralmente: la numerazione progressiva dei fascicoli non


tiene infatti in alcun conto i primi 14 fogli, iniziando sullattuale fascicolo 4182, che si apre appunto, al f. 15, sullinizio
del De civitate Dei.
La maggior parte dei fogli del primo blocco occupata,
come s detto, dal canon (ff. 1r-12v). Lanalisi degli inchiostri dimostra che, bench dovuti probabilmente alla
stessa mano, il passo delle Retractationes e la nota che lo
segue (ff. 13v-14v) costituiscono un riempimento apposto
diacronicamente in coda al canon, in uno spazio che era
rimasto originariamente vuoto:
fascicoli 1-3
1

9 10

11 12 13 14

semplice di quanto si potrebbe pensare, articolata in tre fasi:


nella prima, i due copisti A e B si alternarono nella trascrizione del testo del De civitate Dei, riempiendo e numerando
da I a XXXVIIII i fascicoli conservati a Parigi e i 43
fogli pietroburghesi. In una seconda fase, il copista A verg il
canon, preponendolo al testo dellopera: si noti che egli non
produsse, in questa fase, dei quaternioni (come quasi sempre
per la parte contenente il De civitate Dei), ma cominci con
un binione, proseguendo poi con un bifolio e solo alla fine
aggiungendo un quaternione. Il canon termina sul f. 12v, che
il sesto del quaternione (fig. 5): dopo la scritturazione di
tale foglio restavano dunque vuote quattro facciate. Fu probabilmente solo in un momento successivo che, constatato lo
spazio restante, fu presa la decisione di trascrivere il passo
delle Retractationes, corredandolo della breve nota che
spiega la logica delloperazione. La genesi del manoscritto
sembra insomma scandita in tre fasi distinte, la cui successione ha marcato la struttura codicologica del supporto:
Fase B

canon

Retr. + annot.

Sulla base di queste circostanze dunque possibile ricostruire per il Parigino una dinamica di assemblaggio meno
182. La segnatura di tale fascicolo ([I]) ricostruibile con certezza:
cfr. supra.

Fase C

canon

Fase A

Retr. +
annotat.

ff. 1r-12v

De civitate Dei I-X

ff. 13v-14v
ff. 1-14

ff. 15-fine

Blocco I

Blocco II

100

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

Una simile dinamica di costituzione, complessa e non


progressiva ma anzi, per cos dire multidirezionale
costituisce di per s una risposta esaustiva a una delle
domande che ci siamo posti, ovvero se lassetto testuale del
Parigino sia ereditato dal modello o sia nato piuttosto col
nostro codice183: qualora i copisti avessero avuto a disposizione un antigrafo comprendente in sequenza il canon, il
passo delle Retractationes e il De civitate Dei, li avrebbero
con ogni probabilit riprodotti su un unico blocco. Una
soluzione, questa, meno dispendiosa di quella prescelta,
giacch scevra delle difficolt legate allallestimento di un
codice pluriblocco: lallestimento di un manoscritto del
genere comporta infatti una serie di calcoli finalizzati a far
corrispondere lo spazio scrivibile e il testo da riversarvi per
ciascun blocco, onde evitare ogni spreco di pergamena184.
Soprattutto non si spiegherebbe perch, qualora avessero
avuto a disposizione le tre unit testuali disposte in sequenza
su un modello unitario, essi avrebbero copiato il canon e
il passo delle Retractationes con la relativa nota redazionale a posteriori, per di pi in due fasi, trascrivendo i testi
contenuti nel primo blocco dopo il secondo blocco.
Lanalisi stratigrafica del manoscritto induce insomma
a credere che il modello da cui i copisti A e B copiarono
il De civitate Dei non fosse dotato del canon e del passo
liminare delle Retractationes. Ci non implica tuttavia
di per s che il canon sia stato creato dal copista A (o eventualmente da un concepteur, che sopravvedesse al lavoro di
183. Casi analoghi sono sovente attestati in epoche successive:
pertinente allarea culturale bizantina per esempio quello del
Vat. gr. 504. Nel manoscritto (finito di essere copiato il 6 Luglio
1105 da un monaco di nome Giovanni), i primi dieci fogli il cui
ordine sequenziale oggi alterato facevano parte di un fascicolo
anteposto, forse insieme ad altri, al blocco maggiore, contenente
una miscellanea di testi patristici. Su questo blocco aggiunto
allinizio, il copista verg dapprima un indice generale e, rimanendo bianche otto facciate, vi scrisse in diacronia, traendoli da un
diverso modello, il sermone De inventione s. Crucis di Alessandro
Monaco, il De immaculato corpore di Giovanni Damasceno, un
commento allorazione 43 del Nazianzeno, lExpositio Missae
attribuita a Basilio e lIn indumentum sacerdotis dello pseudoCrisostomo. A questo punto restavano ancora tre facciate, su cui lo
stesso Giovanni trascrisse il prologo e lepistola praevia allopera
di Massimo Confessore (epistola che si trova nel secondo blocco
del manoscritto, copiato in precedenza). Anche in questo caso,
i fascicoli del blocco iniziale sono privi di segnatura, risultando
dunque esclusi dalla numerazione progressiva che inizia col primo
fascicolo del secondo blocco: per una ricostruzione approfondita
dellintera vicenda cfr. Ronconi, I manoscritti miscellanei, pp.
219-238. Un ulteriore esempio, questa volta occidentale, quello
del Ven. Marc. lat. II 46 (2400), su cui cfr. F. Ronconi, Il codice
Ven. Marc. lat. II 46 (2400): note paleografiche, filologiche, codicologiche, in A. Bellettini - P. Errani - M. Palma - F. Ronconi,
Biografia di un manoscritto. LIsidoro Malatestiano S.XXI.5,
Roma, 2009, pp. 63-74.
184. Cfr. in merito Ronconi, I manoscritti miscellanei, pp. 2530.

AnTard, 18, 2010

questultimo): infatti possibile che esso preesistesse e che


A lo abbia trascritto da un altro supporto. A favore di questa
seconda ipotesi militano alcune circostanze su cui vale la
pena soffermarsi.
Alla fine dellepistola pi volte citata di Agostino a
Fermo, si legge il passo seguente:
Quantum autem collegerit viginti duorum librorum
conscriptio missus breviculus indicabit.
Questa frase, gi allindomani della scoperta relativamente recente della lettera185, ha sollevato un ampio dibattito che investe anche il problema della divisione in capitula
dei libri del De civitate Dei, cos come essa rispecchiata dagli item del canon186. Henri-Irne Marrou, mentre escludeva
la paternit agostiniana della divisione in capitoli, attribuiva
allautore la redazione del canon, identificandolo con il breviculus citato nellepistola a Fermo187. Egli si distaccava cos,
almeno parzialmente, dalla ricostruzione di Cyrille Lambot,
che, pubblicando lepistola, aveva s identificato breviculus
e canon, ma aveva ritenuto che questultimo non risalisse ad
Agostino stesso, bens al suo entourage188. Sulla stessa linea
di Marrou si pose ledizione del De civitate Dei di Alphonse
Kalb (basata su quella, precedente, di Bernhard Dombart)
nella quale contro lattestazione del Parigino189 al testo
del canon, stampato in apertura dellopera come elemento
autoriale, preposto il titolo di breviculus190.
Contro lidentificazione tra canon e breviculus 191 depongono tuttavia alcuni fatti: nel passo delle Retractationes in
cui delinea la struttura libraria del De civitate Dei, Agostino
non menziona alcun indice. Eppure si tratta di uno strumento
assai utile per la consultazione, sul quale difficilmente egli
avrebbe taciuto192: non si dimentichi che lopus appariva a lui
185. C. Lambot, Lettre indite de S. Augustin relative au De civitate
Dei, in Revue Bndictine, 51, 1939, pp. 109-121.
186. Cfr., per luso di termini quali capitulum, titulus, breviculus,
il contributo di P. Petitmengin, Capitula paens et chrtiens,
in J.-C. Fredouille - M.-O. Goulet-Caz - Ph. Hoffmann - P. Petitmengin (ed.), Titres et articulations du texte dans les oeuvres
antiques. Actes du Colloque International de Chantilly 13-15
dcembre 1994, Paris, 1997, pp. 491-507, p. 492.
187. Marrou, La division en chapitres, cit. (n. 58), pp. 238-239,
247-249.
188. Lambot, Lettre indite, cit. (n. 185), pp. 117 e 118 n. 3.
189. Cfr. in merito gi Gorman, A Survey of the Oldest, cit. (n. 171),
p. 408.
190. Sancti Aurelii Augustini espiscopi De civitate Dei, Ex recensione B. Dombart quartum recognovit A. Kalb, I, Libri I-XIII,
Leipzig, 1928. Sulle edizioni dellopera cfr. Gorman, A Survey of
the Oldest, cit. (n. 171), p. 178 (rist.), cui va aggiunta la revisione
di J. Divjak alledizione precedente (Stuttgart-Leipzig, 19935).
191. Vd. le argomentazioni di Gorman, ibid., p. 408 e n. 2, secondo
il quale i capitula potrebbero essere attribuiti ad Eugippio (p.
408-409). Su questo aspetto torneremo.
192. Per quanto concerne lassenza di un apparato paratestuale
funzionale alla lettura (consistente per lappunto nella divisione
delle opere in paragrafi e capitoli, oltre che nellindice del con-

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

stesso cos complesso da suggerire una partizione strutturale


del supporto coincidente con le diverse sezioni tematiche193.
Saggiunga che, come emerso dallanalisi della struttura
del Parigino, il canon (con il passo delle Retractationes e
la relativa nota redazionale) non si trovava nel modello da
cui fu tratto il De civitate Dei: per riferirne la paternit ad
Agostino, si dovrebbe pertanto presupporre che esso, trascritto ab origine in Africa su un supporto indipendente, sia
stato trasmesso isolatamente fino ad almeno cento anni pi
tardi, quando le due entit testuali furono riunite, in Italia,
nel nostro manoscritto. Unipotesi poco probabile194. Daltronde, qualora si ritenga che il canon sia stato concepito dai
copisti del Parigino, si dovrebbe attribuire loro pure la giustapposizione del passo delle Retractationes: unoperazione,
questultima, che presupponendo la lettura incrociata di
almeno due opere agostiniane, nonch la capacit di creare
un intertesto195 non sembra compatibile con le competenze
di professionisti della scrittura, che difficilmente potevano
essere dei dotti. Certo, non si pu escludere, come s accennato, che gli scribi agissero sotto la guida di un concepteur.
Ma come conciliare, in tal caso, la sua presunta dottrina con
la rozzezza del latino della nota redazionale apposta dopo
il passo delle Retractationes, su cui abbiamo concentrato la
nostra attenzione? A ci deve aggiungersi il fatto che nella
frase che introduce il canon (fig. 1) (Inc. lib. primus praelato canone quo{d} indecatur quid lib. quisq. contineat) si
rimarcano degli errori simili a quelli che compaiono nella
tenuto) nei manoscritti agostiniani pi antichi, in particolare nel
Petropol. Q.v.I.3, cfr. supra, p. 82.
193. Riportiamo per esteso il passo dellepistola che abbiamo trascritto parzialmente supra (Aug. epist., 1* A, 1): Quaterniones
sunt XXII quos in unum corpus redigere multum est; et si duos
vis codices fieri, ita dividendi sunt, ut decem libros habeat unus,
alius duodecim. Decem quippe illis vanitates refutatae sunt
impiorum, reliquis autem demonstrata atque defensa est nostra
religio, quamvis et in illis hoc factum sit ubi opportunius fuit, et
in istis illud. Si autem corpora malueris esse plura quam duo, iam
quinque oportet codices facias, quorum primus contineat quinque
libros priores quibus adversus eos est disputatum qui felicitati
vitae huius non plane deorum sed daemoniorum cultum prodesse
contendunt, secundus sequentes alios quinque qui vel tales vel
qualescumque plurimos deos propter vitam quae post mortem
futura est per sacra et sacrificia colendos putant. Iam tres alii
codices qui sequuntur quaternos libros habere debebunt; sic enim
a nobis pars eadem distributa est, ut quattuor ostenderent exortum illius civitatis totidemque procursum, sive dicere malumus,
excursum, quattuor vero ultimi debitos fines.
194. La creazione di strumenti volti a facilitare la consultazione
delle opere non pratica rara in epoca tardoantica: si pensi solo
al citato Petropol. Q.v.I.3 (cfr. supra, p. 86), in cui una mano posteriore ha lemmatizzato il contenuto del libro con note in latino
e in greco vergate negli spazi marginali e nellintercolunnio.
195. Si noti che Gorman, Harvards Oldest Latin Manuscript,
cit. (n. 171), p. 190, rilevando una simile giustapposizione in
un manoscritto del IX secolo, lo considerava uno scholarly
volume.

101

nota suddetta: si pensi in particolare alla confusione dei


casi nella forma canone quod indecatur196. Dal punto di
vista filologico, inoltre, il canon del Parigino reca una serie
di errori che non sono giustificabili se non come sviste di
trascrizione: si tratta pertanto di una copia.
La situazione insomma intricata: i dati codicologici
indicano che il canon, il passo delle Retractationes e la breve
nota redazionale non si trovavano nel modello da cui fu tratto
il testo del De civitate Dei, ma una serie di fattori testuali
rende inammissibile lipotesi secondo cui il canon sarebbe
stato concepito dai copisti stessi, cos come improponibile
appare lattribuzione di questo apparato paratestuale a un
eventuale concepteur del codice di Parigi. Daltronde, inverosimile appare pure lidea che il canon sia identificabile
col misterioso breviculus che Agostino indirizz a Fermo.
Questo articolato dilemma pu forse trovare una soluzione
se si tiene conto di una circostanza specifica: come rilev
Marrou, Eugippio negli Excerpta de operibus Sancti
Augustini si avvalse di un testo del De civitate Dei suddiviso in capitoletti corrispondenti in generale alla partizione
indicata dal canon e rispecchiata dal manoscritto parigino197.
Ci conferma che detto canon o almeno i chapter headings di cui esso composto preesisteva al nostro manoscritto, e che il copista A non fece altro che trascriverlo
su un blocco che giustappose a quello su cui aveva copiato
(con il copista B) il testo del De civitate Dei attinto da un
altro modello. Ora, secondo unipotesi avanzata prudentemente da Michael M. Gorman, Eugippio non sarebbe solo
uno dei fruitori del canon, ma il suo creatore198. In effetti,
numerose circostanze sembrano suffragare questa ricostruzione: in primo luogo va ricordato che Eugippio allest
una recensione del De Genesi ad litteram agostiniano nella
quale il testo era suddiviso in capitoletti numerati, che egli
stesso corred di titoli tipologicamente analoghi a quelli che
compongono il nostro canon 199; egli fu inoltre, a quel che
sembra, il primo lettore agostiniano a creare degli intertesti
tra talune opere dellIpponense e i passi delle Retractationes
in cui esse sono prese in esame; per il gi citato De Genesi
ad litteram, Eugippio ide inoltre uno strumento di consul-

196. Sebbene sia probabile che lo stesso copista abbia eraso la d di


quod, la circostanza che egli, in una prima fase, la abbia scritta
sembra implicare una scarsa padronanza dei casi per come essi
erano usati nel latino classico.
197. Marrou, La division en chapitres, cit. (n. 58), pp. 236-237.
198. Gorman, A Survey of the Oldest, cit. (n. 171), pp. 188-189
(rist.) : Eugippius will then have prepared a recension of not one
[il De genesi ad litteram: cfr. infra] but two of st. Augustines
major works and the monastery of St. Severin in Naples will
take on added significance in the history of the diffusion of the
works of st. Augustine.
199. Si consultino i titoli dei 24 capitoli del I libro in M. M. Gorman,
Chapter Headings for St. Augustines De Genesi ad litteram, in
RAug, 26, 1980, pp. 88-104, (rist. in Id., The Manuscript Traditions, pp. 44-60), pp. 45-46 (rist.).

102

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

tazione tipologicamente simile al canon200. Ma c di pi.


Come egli stesso dice nella lettera a Proba, che costituisce
una sorta di praefatio agli Excerpta, Eugippio si preoccup
di corredare ciascun estratto di un titolo composto da un
breve riassunto del contenuto e dallindicazione dettagliata
del libro agostiniano da cui esso tratto:
A singulis sane capitulis diversae res vel etiam quaestiones atque sententiae de quo opere vel libro sint indicatur, ut, si quis ignorat ubi eas plene possit invenire,
cognoscat201.
Non sembra possa essere ascritta al caso, in questa prospettiva, la circostanza finora ignorata202 che, in almeno
due casi, il modo in cui Eugippio introduce negli Excerpta i
passi del De civitate Dei coincide perfettamente con quello
impiegato nel codice di Parigi per indicare lexcerptum delle
Retractationes (fig. 2):
EUGIPPIO
Exc. CCCXXI: Ex libro de civitate dei XVIII, ti(tulo) XLII
Exc. CCCXXIII: Ex libro de civi-

PARIS. LAT. 12214


Ex libro retractationum s(an)c(t)i
Augustini secundo titulo LXVIIII

tate dei XVIII, ti(tulo) XLIIII*


* Eugippii excerpta, cit. (n. 201), pp. 1018 et 1023.

Alla luce di questi indizi e circostanze, pur con la cautela


necessaria in tal genere di ricostruzioni, non sembra illegittimo tracciare uno scenario articolato: abile nel maneggiare
testi agostiniani, Eugippio cre, allinizio del VI secolo,
gli Excerpta ex operibus sancti Augustini, unoperazione,
questa, resa possibile dalla consultazione di ben trecentoquarantotto opere dellIpponense, verosimilmente raccolte
nella biblioteca del Monastero di San Severino al Castello
Lucullano, vicino Napoli203. Il Parigino risale ad alcuni
decenni pi tardi e fu forse vergato a Verona, o comunque
nel nord-Italia204. I copisti che lo allestirono utilizzarono
almeno due modelli: luno contenente il canon, laltro una
200. Gorman, Chapter Headings, cit. (n. prec.), p. 98.
201. Eugippii excerpta ex operibus S. Augustini. Recensuit et
commentario critico instruxit P. Knoell, Vindobonae, 1885, p. 3.
Cfr. in merito P.-I. Fransen, DEugippius Bde le Vnrable.
A propos de leurs florilges augustiniens, in Revue Bndictine,
92, 1982, pp. 187-194.
202. Non lo rimarca ad es. Marrou, La division en chapitres, cit.
(n. 58), p. 237.
203. Gorman, Chapter Headings, cit. (n. 199); Id., The Manuscript
Tradition of Eugippius Excerpta ex Operibus Sancti Augustini,
I-II, in Revue Bndictine, 92, 1982, pp. 7-32 e 229-265, (rist.
in Id., The Manuscript Traditions, pp. 105-167); Id., A Survey of
the Oldest, cit. (n. 171), p. 188 (rist.).
204. CLA V 635; Gorman, The Manuscript Tradition, cit. (n. 53),
pp. 388 e 398 (rist.). Da notare il parere di B. Bishoff, comunicato
per litteras a Gorman e da questi riportato ibid., p. 411: es ist
immer noch ein Unterschied zwischen diesem codex [...] und
der Veroneser Gruppe, aber sie steht ihm von allem Bekannten
am nchsten.

AnTard, 18, 2010

parte del De civitate Dei, il cui testo si presenta suddiviso in


capitoli coerenti con le indicazioni del canon stesso205. Tale
ripartizione della materia doveva trovarsi pertanto gi nel
modello del De civitate Dei, che era probabilmente uno dei
manoscritti del Castrum Lucullanum, giacch, prima che nel
nostro codice, essa attestata solo nellopera di Eugippio.
Lipotesi della provenienza dalla biblioteca del Castrum
Lucullanum dei materiali confluiti da supporti diversi nel
Parigino tuttaltro che remota se si considerano i contatti di
Eugippio con dotti e centri di cultura in aree anche lontane:
Pascasio, Dionisio Minimo, Ferrando di Cartagine furono ad
esempio suoi corrispondenti, ed nota la mobilit dei suoi
libri, concessi in prestito ad esempio a Fulgenzio di Ruspe
quando questi risiedeva ancora in Africa206.
Questa ricostruzione permette di dare ragione, in un sol
colpo, di tutte le questioni sollevate fin qui: in primo luogo
dellincongruenza tra il livello linguistico del canon (elevato) e quello (modestissimo) delle formule che introducono
rispettivamente il canon stesso e la nota redazionale apposta
dopo le Retractationes. Secondo la nostra ipotesi, fu infatti
il copista A che, nellintento di armonizzare tutte le parti
trascritte da modelli diversi in unedizione coerente, aggiunse nel suo latino corrivo una nota prima del canon
e una alla fine dellescerto delle Retractationes. Del resto,
lalterazione di in e che si trova nella formula che introduce
il canon (indecatur) ricorre in pi occasioni proprio nella
parte del testo del De civitate Dei copiata da A207.
Se ci vero (e, bene ribadirlo, si tratta della sola ipotesi
formulata finora che dia ragione di tutti gli elementi dellintricata vicenda), le radici di questo manoscritto nord-italiano
affonderebbero in Campania, nellambiente eugippiano: un
ambiente che confermerebbe la sua funzione di promotore
del riassetto e della trasmissione delle opere agostiniane
nella primissima fase della loro storia.
Le vicende posteriori dellAgostino di Parigi non sono
meno interessanti della sua genesi. I margini del libro ospitano infatti numerose annotazioni, dovute a lettori di diverse
epoche. In questa sede, prenderemo in esame solo alcune
note riferibili alla tarda antichit, in particolare quelle che
testimoniano la minuziosa emendatio, al contempo testuale
e codicologica, di un anonimo lettore-revisore208. La fatica
maggiore di questultimo, che impiega una scrittura in quarto-donciale, consistita nellindividuare le lezioni giudicate
erronee e nel vergare nelle interlinee le relative correzioni,
205. Gorman, The Manuscript Tradition, cit. (n. 53), p. 385
(rist.).
206. C. P. Hammond Bammel, Products of Fifth-Century Scriptoria Preserving Conventions used by Rufinus of Aquileia, II,
in Journal of Theological Studies, n. s., 30, 1979, pp. 430-462,
pp. 447 e ss.
207. CLA V 635.
208. Restano dunque escluse dalla nostra analisi le note (dovute
a diverse mani che impiegano una scrittura di glossa affine
allonciale BR e una quarto-donciale) che consistono nella mera
aggiunta di titoli correnti o esclamazioni.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

espungendo o grattando le lezioni precedenti. Egli ha inoltre


aggiunto decine di passi omessi dai copisti, vergandoli nei
margini superiori o inferiori, avvalendosi del metodo di
rimando ben diffuso allepoca per cui ad un hd (forse
abbreviazione per hic deest) intercalato tra le righe nel luogo
della presunta omissione, corrisponde nel margine un hs (=
hic supple) o hp (= hic pone), che introduce la pericope da
integrare. Fu inoltre, probabilmente, questo stesso revisore
a scrivere, in corrispondenza dellexplicit di ogni libro,
la parola contuli e, alla fine del decimo libro (nella parte
conservata a San Pietroburgo), la formula ex exemplar [sic]
contuli209. Ma a quale exemplar faceva riferimento? Lipotesi
che egli abbia collazionato lo stesso modello impiegato dai
copisti non da escludere, visto che non sembra sussistere
un divario cronologico rilevante tra le scritture dei copisti
e quella del revisore. Va tuttavia notato che la tipologia di
alcuni interventi potrebbe rinviare a una linea di tradizione
diversa rispetto a quella cui appartiene il Parigino. Da un
punto di vista metodologico, la prassi seguita in ogni
caso quella delle emendationes tradizionali, compiute per
lo pi su testi pagani nelle scuole dei grammatici a partire
dal modello stesso di trascrizione: si tratta insomma di una
collazione condotta parola per parola su un altro codice,
certificata da una o pi formule specifiche.
Preme per rilevare che la revisione del manoscritto s
spinta ben al di l della verifica testuale. Come s detto,
il blocco principale del codice composto in generale da
quaternioni regolari. Nella sezione conservata a Parigi,
formata da trentaquattro fascicoli, due soli hanno strutture
aberranti: il 19 (ff. 133-139, con segnatura originaria, oggi
perduta, [XVI]), che un quaternione privo dallorigine del
primo foglio, e lultimo (ff. 275-278, segnato XXXIIII), un
binione. Il nostro revisore210 ha aggiunto, in corrispondenza
della segnatura di questultimo fascicolo, lannotazione hic
binio est. Non possiamo escludere che egli abbia apposto
unanaloga annotazione in corrispondenza con la segnatura del fascicolo 19, giacch la rifilatura assai profonda
potrebbe averla asportata completamente. Come che sia, la
circostanza che loperazione di revisione investa il supporto
nella sua materialit concentrandosi sulloggetto-libro e
sulle sue componenti fisiche, oltre che su quelle testuali
svela unattitudine che rimanda mutatis mutandis alla sensibilit dello stesso Agostino : lattenzione dellautore per la
struttura materiale dei supporti, quale emerge nellambito
delle riflessioni inerenti al destino editoriale dei suoi scritti

209. Cfr. in merito laccenno in P. Petitmengin, Que signifie la souscription contuli?, in Les Lettres de Saint-Augustin dcouvertes
par Johannes Divjak: communications prsentes au colloque
des 20 et 21 Septembre 1982, Paris, 1983, pp. 365-374, p. 374, il
quale illustra luso di questa e altre parole indicanti una revisione
nellambito dei testi cristiani.
210. Sembra infatti si tratti della stessa mano cui si debbono le
correzioni e la sottoscrizione contuli alla fine di ciascun libro.

103

nelle Retractationes e in alcune epistole211, dimostra che


la fisicit del libro giocava ormai un ruolo imprescindibile
nella coscienza dei processi di trasmissione. Chi trascriveva
il testo, ma anche chi lo emendava, si sforzava insomma,
attraverso operazioni accurate quali il rilevamento della
struttura materiale dei fascicoli, di perpetuarne il messaggio
attraverso la cura dei supporti, concepiti evidentemente non
pi come meri media, ma come testimonianze tangibili della
volont dellautore, rispecchiata nellimpianto della copia.
Su questo aspetto della questione torneremo.
4. Il Paris. lat. 2235212 un codice in onciale new style
del VI secolo213, di formato214 e qualit medi. Per questo
testimone fondamentale eppure tardivamente collazionato215 del Tractatus in librum Psalmorum attribuito a
san Girolamo, lanalisi codicologico-paleografica si rivela
assolutamente imprescindibile: alcune caratteristiche materiali, finora ignorate o sottovalutate, consentono infatti di
risalire, attraverso la ricostruzione del processo genetico,
alla struttura dei modelli, e dunque a fasi della tradizione
dellopera assai prossime allepoca di composizione.
Il manoscritto ha la seguente struttura fascicolare216:
1x6 (ff. 1-6); 4x8 (ff. 6bis-37); 1x1 (f. 38); 1x8 (ff. 3946); 1x6 (ff. 47-52); 3x8 (ff. 53-76); 1x7 (ff. 77-83) 1x8
(ff. 84-90 + un foglio non numerato tra 84 e 85); 2x8
(ff. 91-106); 1x6 (ff. 107-112); 3x8 (ff. 113-136); 1x2
(ff. 137-138).

211. Cfr. supra.


212. CLA V 543; LDAB 7922.
213. E. A. Lowe (Palaeographical Papers, 1907-1965 [ed. by
Ludwig Bieler], II, Oxford, 1972, p. 362) lo data allinizio del
VI secolo (cfr. anche CLA V 543).
214. Mm 267/270x228.
215. G. Morin (Sancti Hieronymi Presbyteri qui deperditi hactenus
putabantur Commentarioli in Psalmos, III.1, Maredsoli, 1897),
pur essendo a conoscenza dellesistenza e dellimportanza potenziale del codice (che datava comunque allVIII secolo), non
pot consultarlo a causa dell indignissimus patriae [...] status,
limitandosi a elencarlo tra i codici quos aliquando examinare
proderit (p. XV). Le lezioni del codice sono state recuperate
e stampate in apparato nella editio altera aucta et emendata
(Turnhout, 1958), dovuta a curatori posteriori, ove tra laltro
correttamente datato al VI secolo (cfr. p. XXIV).
216. I fogli del primo fascicolo, che sono in pessimo stato di conservazione, sono resi coerenti per mezzo di braghette. Sussiste
una lacuna prima del f. 1 e dopo il f. 6. Il secondo fascicolo ha
struttura irregolare: il f. 6bis incollato al f. 7 per mezzo di una
braghetta e il f. 13 isolato. Il f. 38, lunico sopravvissuto di un
intero fascicolo, in pessime condizioni, come lo sono i ff. 39-52
(cfr., in merito, infra). Il fascicolo dei ff. 47-52 un quaternione
mutilo delle ultime due carte con lacuna testuale. Il f. 77 privo
di riscontro, pur in assenza di lacuna testuale. Il f. 83 in pessime
condizioni. Le carte 137 e 138 sono indipendenti e risultano cucite
rozzamente con uno spago.

104

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

AnTard, 18, 2010

Per questo codice, come per il precedente, riportiamo


in una tabella, per ciascun fascicolo, il numero dordine
corrispondente alla sua posizione attuale, la sua estensione
e la segnatura (o le segnature) di cui eventualmente dotato217:
n

F.

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20

1-6
6bis-13
14-21
22-29
30-37
38
39-46
47-52
53-60
61-68
69-76
77-83
84-90
91-98
99-106
107-112
113-120
121-128
129-136
137-138

SEGN.

C
E
F
-

V
VII
VIII
VIIII
X
XI
XII
XIII
XIIII
XVI
-

q III
q IIII
Q VI
-

xVII
[xVIII]
-

La coesistenza di segnature diverse su alcuni fascicoli


mostra gi a un primo sguardo che il codice ha subito una
serie di rimaneggiamenti218. Una prima tipologia di segnatura, che sopravvive sui soli ff. 13v, 29v e 37v, costituita
dalle lettere dellalfabeto vergate (con un inchiostro, oggi
fortemente sbiadito, senza dubbio diverso da quello impiegato per il testo) al centro del margine inferiore (fig. 6a-c)219.
I ff. 13v e 21v ne ospitano, allestremit destra dello stesso
margine, un ulteriore tipo, costituito da un numero romano
preceduto da una q minuscola barrata (il tutto, in inchiostro
nero, inquadrato da quattro triangoli formati da lineette di
217. Tutte le segnature sono apposte sul margine inferiore del verso
dellultimo foglio, al centro, allinterno o allesterno.
218. Lowe (CLA V 543) si limitava a rilevare due delle quattro
serie di segnature che compaiono nel codice, notando solo che
both signatures [are] probably later additions. La posizione e
la tipologia delle segnature, essendo il frutto di rimaneggiamenti
e stratificazioni diacroniche, non possono essere prese in considerazione nellambito di uno studio generale su tale elemento
codicologico, considerato come indicatore delle attitudini dei
copisti nellepoca in cui il codice fu vergato (come sembra fare
J. Vezin, La ralisation matrielle des manuscrits latins pendant
le haut Moyen ge, in A. Gruys [ed.], Codicologica: lments
pour une codicologie compare, II, pp. 15-51, p. 35).
219. Cfr. E. A. Lowe, More Facts about Our Oldest Latin Manuscripts, in The Classical Quarterly, 22, 1928, pp. 43-62, pp.
50-51 e H. Vanderhoven - F. Masai, La Rgle du Matre: dition
diplomatique des manuscrits latins 12205 et 12634 de Paris,
Bruxelles - Paris, 1953, p. 28 n. 2.

lunghezza decrescente: fig. 6a)220. Nella stessa posizione, il


f. 37v ne ospita un tipo simile, ma non identico, visto che la
Q che precede il numerale maiuscola e non inquadrata
dai quattro triangoli (fig. 6c). Queste due tipologie di segnatura, nei casi in cui convivono su uno stesso margine, sono
coerenti tra loro: il f. 13v reca infatti le segnature C e q III;
il f. 37v reca F e Q VI.
Un terzo tipo di segnatura, costituita dal semplice numero romano, si trova sui ff. 29v, 60v, 68v, 76v, 83v, 90v,
98v, 106v, 112v, 128v. Mentre per il numerale V, apposto
sul f. 29v (appartenente allattuale fascicolo 4: fig. 6b),
concorda con la lettera che vi convive (E), quelle del medesimo tipo apposte sui fascicoli 9-16 e 18 risultano sfasate
di tre unit rispetto ai fascicoli precedenti: il fascicolo 9
non cio segnato, come ci si aspetterebbe, X, bens VII, il
10 segnato VIII anzich XI e cos via. Queste segnature
non tengono insomma conto dei fascicoli 6-8 e si pongono
invece in continuit col fascicolo 5.
Il f. 38v, lunico superstite dellattuale fascicolo 6,
ospita un ulteriore tipo di segnatura, diverso da tutte quelle
in precedenza esaminate e che pone alcune questioni complementari. Costituita dal solo numero romano (xVII), tale
segnatura non rispecchia in alcun modo la posizione attuale
del fascicolo. Unanalisi approfondita permette tuttavia di
rilevare che la x che precede il numerale VII stata aggiunta
con calamo e inchiostro diversi. La segnatura originaria
consisteva pertanto solo della cifra VII: una circostanza tra
laltro confermata dal fatto che, sullestremo lembo inferiore dellultimo foglio del fascicolo successivo (il 7), in
posizione perfettamente corrispondente alla segnatura del
f. 38v, si intravedono scarse vestigia della parte superiore
del numerale romano [xVIII] o [VIII]. Le caratteristiche
strutturali delle lettere che compongono (o componevano)
queste due segnature, e linchiostro impiegato per vergarle
dimostrano che si tratta di una tipologia ancora diversa da
quella pur apparentemente analoga vergata sul f. 29v
(attuale fascicolo 4: V [fig. 6b]).
Se si incrociano questi dati con lanalisi materiale, paleografica e testuale, possibile ricomporre in un quadro
coerente le tracce di distinti assetti codicologici, stratificatisi,
nel corso di vari secoli, fino a dare origine al codice attuale.
Una prima considerazione concerne, appunto, un aspetto
materiale; i ff. 38-52 (corrispondenti ai fascicoli 6-8, il
primo dei tre ridotto attualmente a una sola carta) sono molto
deteriorati rispetto a quelli precedenti e seguenti: scuriti e
assai danneggiati nei margini, essi hanno un aspetto assai
difforme dagli altri (fig. 7). Lanalisi paleografica dimostra
inoltre che essi sono stati vergati da un copista diverso dal
principale (chiameremo questultimo A, quello responsabile
dei ff. 38-52, B). Il manoscritto attuale insomma opera di
due mani, che nulla impone di credere abbiano collaborato,
non intercorrendo alcun passaggio di calamo o incrocio
220. Le segnature del tipo q+numerale romano sono apposte
tutte su rasura.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

Fig. 6 a. Parisinus latinus 2235, f. 13v. b. Parisinus latinus 2235, f. 29v.


c. Parisinus latinus 2235, f. 37v. d. Parisinus latinus 2235, f. 131v.

105

106

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

AnTard, 18, 2010

Fig. 7 Parisinus latinus 2235, f. 38r.

fra le diverse scritturazioni. Ad A si debbono i ff. 1-37 +


53-138, a B i ff. 38-52: il passaggio tra le due mani coincide
ogni volta con un cambiamento di fascicolo, cui corrisponde
una variazione sia nel calamo che nellinchiostro. Lanalisi
dei testi chiarisce ulteriormente il quadro: tra i f. 37v e 38r
(in coincidenza con lo snodo tra il fascicolo 5, vergato da
A, e il 6, vergato da B) si rileva una grave discontinuit
testuale: il f. 37v (lultimo del fascicolo 5) si chiude infatti
con un passo del commento al salmo 83 (troncato alle parole
proficit et ascendit in [sublimiora] = ed. Morin, p. 99 l. 110),
mentre il f. 38r si apre con linizio del commento al salmo
135221. Ma unulteriore discontinuit testuale si constata
al passaggio dal f. 52v al f. 53r (ovvero dal fascicolo 8 al
9), laddove la mano A subentra alla mano B: questultima
completa infatti la trascrizione del f. 52v con un passo del
commento al salmo 148222, laddove linizio del f. 53r, dovuto
alla mano A, riprende dal commento al salmo 83, precisamente dal punto in cui si era interrotto sul f. 37v (sublimiora
221. un inizio privo di incipit e la prima linea pressoch
totalmente sbiadita.
222. Il foglio in condizioni pessime ed difficile indicare con
precisione il locus in cui sinterrompe il testo.

= ed. Morin, p. 99 l. 110)223. Ci implica senza possibilit


di dubbio che lattuale f. 53r era originariamente affrontato
al f. 37v e che dunque i fascicoli 6-8, dovuti alla mano B,
sono stati inseriti indebitamente nel corpo di un manoscritto
integralmente vergato dalla mano A:
ff. 38-52
(fasc. 6-8)
Mano B
ff. 1-37

ff. 53-138

fasc. 1-5

(fasc. 9-20)

Mano A

Mano A

223. Della circostanza si erano naturalmente accorti gli editori e


gli studiosi del testo, senza tuttavia mai tentare di darne, a nostra
conoscenza, una spiegazione: cfr. almeno lormai classico B.
Lambert, Bibliotheca Hieronymiana manuscripta. La tradition
manuscrite des oeuvres de saint Jrme, in abbatia S. Petri,
1972, pp. 303, 305.

AnTard, 18, 2010

La ricostruzione delineata spiega le perturbazioni nelle


segnature, per cui i tre fascicoli 6-8 risultano esclusi dalla
numerazione di quelli trascritti dalla mano A: il codice
attuale insomma il risultato della conflazione di manoscritti originariamente indipendenti. Quello vergato da A
si apriva con un fascicolo oggi perduto e comprendeva, in
una successione coerente e ininterrotta, 17 fascicoli, ossia
gli attuali 1-5 e 9-20. Di quello vergato dalla mano B
restano solo gli attuali fascicoli 6-8. La presenza, in essi,
delle vestigia di un sistema di segnature che designa i primi
due di questi tre fascicoli come [x]VII e forse [x]VIII si potrebbe spiegare ipotizzando che esse siano state apposte al
momento della loro confluenza nel codice vergato da A, in
un tentativo maldestro di armonizzazione: ma, in tal caso,
perch lartefice di questa operazione non si sarebbe preoccupato di armonizzare anche i fascicoli seguenti (9-20),
correggendone le segnature originarie? Sembra in effetti pi
plausibile unaltra ipotesi: le segnature che compaiono sui
fascicoli 6 e 7 ([x]VII e forse [x]VIII) sono probabilmente
quelle del manoscritto originario, nel quale detti quaternioni
occupavano dunque la settima e lottava posizione. Proprio
per questa ragione un rilegatore distratto, che disponeva dei
manoscritti originari sotto forma di fascicoli disligati224,
inser fuori posto la sezione scritta da B. I fascicoli superstiti
(6, 7 e 8 del codice attuale) erano dunque il VII, lVIII
e il [VIIII] del manoscritto vergato da B, che con essi si
chiudeva, visto che lultimo foglio del [VIIII] (f. 52) reca il
commentario al salmo 149, lultimo dellopera. Una prima
ancora provvisoria ricostruzione della struttura dei manoscritti originari dunque la seguente:
Manoscritto

Manoscritto

ff. 1-37 + 53-138


Fasc. 0 fasc. 1-5 + 9-20
(perduto)

Mano A

107

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

ff. 38-52
Fasc. [1]-[6]
del cod. orig.
(perduti)

fasc. 6-8 cod. attuale


=
fasc. VII-VIIII del cod.
origin.
Mano B

Questa ipotesi di ricostruzione pone per alcune questioni. La prima concerne il rapporto tra i due manoscritti
nella fase precedente la loro confluenza nel codice parigino:
si trattava dei due tomi di una stessa edizione, o piuttosto
di ci che restava di due edizioni indipendenti? I copisti A
e B sono stati sempre considerati coevi, ed in effetti diversi
fattori sembrano suggerire una stretta contiguit tra le loro
trascrizioni: essi vergano iniziali simili, del tipo che caratterizza certa produzione libraria romano-gota225; impiegano
lo stesso tipo di rigatura (seppure assai comune e dincerto
rilevamento nella parte vergata da B, viste le condizioni di
conservazione), con lo stesso numero di righe per pagina
(36). Ma contro lipotesi che le parti vergate da A e da B
224. Sulla circolazione o almeno sulla conservazione di altri manoscritti tardoantichi in forma di fascicoli disligati cfr. supra, p. 85.
225. Cfr. infra.

abbiano costituito i tomi di una stessa edizione pare militare


la marcata differenza tra la corposit dei due manoscritti:
secondo la ricostruzione proposta, il primo comprendeva
infatti 18 fascicoli, il secondo probabilmente non pi di 9.
Saggiungano alcune discrepanze nella presentazione dei
testi, quali ad esempio quelle concernenti gli incipit e gli
explicit, che sono vergati con lo stesso inchiostro del testo
e in capitale rustica nella parte superstite del manoscritto
, laddove risultano alquanto pi complessi nel manoscritto . Una circostanza, questultima, su cui necessario
soffermarsi.
Nel manoscritto si osservano due tipi diversi di explicit:
fino al f. 83, essi sono vergati con lo stesso inchiostro del
testo in una capitale monumentale. A partire dal f. 84 sono
invece bicromi (allinchiostro del testo viene alternato il
rosso), e sono scritti talora in onciale, talora in rustica, talora
ancora in una capitale monumentale. Si noti inoltre che al
passaggio dal f. 83 al f. 84 non si registra solo una cesura
testuale (dal commentario al salmo 96 a quello al salmo 97),
ma anche codicologica, ovvero un cambiamento di fascicolo
e dunque uno snodo intratestuale (fig. 8)226:
Manoscritto
Fasc. 0
(perduto)

ff. 1-37 + 53-83

84-138

fasc. 1-5 + 9-12

13-20

Mano A

Ai nostri fini importante rilevare che lo snodo che divide


in due parti il manoscritto cade tra i fascicoli numerati X
e XI (corrispondenti ai fascicoli 12 e 13 del manoscritto
attuale), ossia circa a met del codice originario che abbiamo
ricostruito come vergato dalla mano A. Ci permette di
ipotizzare che il testo oggi trdito dal Parigino non fosse
ripartito in due, ma in tre tomi, rispettivamente di 10, 8 e
9 fascicoli:
Manoscritto [1]
Tomo 1

Manoscritto [2]
Tomo 2

Manoscritto
Tomo 3

10 fascicoli

8 fascicoli

9 fascicoli

Fasc. XI-[XVIII]

Fasc. [I]-VIIII

fasc. [I]-X

Mano A

Mano B

Tale ricostruzione in effetti suffragata da alcune circostanze materiali. In primo luogo i ff. 83v e 84r presentano
chiari segni di esposizione. Lultimo fascicolo del manoscritto designato come [1] (ff. 77-83, 12 del libro attuale)
inoltre un quaternione privo dellultimo foglio: dato che non
sussiste alcuna lacuna tesuale (dopo lexplicit monumentale
del commento al salmo 122, che si trova sul f. 83v [fig. 8],
inizia regolarmente quello al salmo 123) chiaro che si
tratta di un quaternione mutilo ab origine. La regolarit
226. Sui concetti di cesura testuale, snodo intra- ed intertestuale
cfr. Ronconi, I manoscritti miscellanei, pp. 22-23.

108

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

Fig. 8 Parisinus latinus 2235, f. 83v.

Fig. 9 Parisinus latinus 2235, f. 138v.

AnTard, 18, 2010

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

degli altri fascicoli rende improbabile che tale anomalia


sia dovuta a un difetto materiale227: pi verosimile che il
copista abbia creato deliberatamente uno snodo intratestuale
in coincidenza con la fine di un tomo, lasciando bianco (o
asportando tout court) lultimo foglio del fascicolo.
Ma tale ricostruzione non giustifica la discontinuit della
numerazione dei fascicoli del manoscritto (che ricominciava da [I]) in relazione a quella, continua, dei primi due tomi
([1] e [2]). Il fatto che il terzo tomo risalga a un copista
diverso da quello dei due precedenti pu certo giustificare
almeno in parte tale discontinuit, ma resta possibile che
i copisti A e B abbiano operato in ambienti distinti e che
luno (A), rinvenuto un codice che costituiva il tomo di
una collezione pi ampia i cui tomi precedenti erano andati
perduti abbia vergato due manoscritti ([1] e [2]) al fine
di ripristinare lopera nella sua interezza.
Comunque si vogliano interpretare i dati fin qui esposti,
la convivenza dei manoscritti [1], [2] e in un medesimo
ambiente pu essere datata sulla base di un terminus ante
inoppugnabile, costituito dalla revisione testuale cui essi
sono stati sottoposti, tutti, da parte di un anonimo emendator: questultimo ha lasciato una subscriptio sullattuale f.
131v, su cui torneremo. Qualche tempo dopo lemendatio,
il codice sub una pesante menomazione, che determin
la perdita dei primi sei fascicoli. I tre fascicoli superstiti
furono dunque fusi con unentit codicologica pi ampia:
in questoccasione ne vennero modificate le segnature, per
mezzo dellaggiunta del numerale romano x davanti alle
cifre originarie (procedimento visibile nella segnatura del
fascicolo 6, che da VII divenne, come s detto, xVII). Un
dato materiale oggettivo certifica che tale unit codicologica
pi ampia era lo stesso manoscritto [1-2]: i fogli vergati
dal copista B sono infatti, come s detto, gravemente danneggiati da unampia mutilazione che ne interessa i margini
esterno, superiore e inferiore (fig. 7). Ma una mutilazione
analoga, quasi perfettamente sovrapponibile nella forma e
nellestensione a quella che deturpa i fogli copiati da B, si
riscontra sullultimo dei fogli vergati da A, il f. 138 (fig. 9).
Ci implica, senza alcun dubbio, che la sezione copiata da
B (ovvero il mutilo manoscritto ) si trovava, allorch si
produsse questultimo danno, in coda alla parte vergata da
A (manoscritto [1-2]). Fu proprio questa giustapposizione
a determinarne la modifica delle segnature: se infatti vero
che il manoscritto [1-2] constava, nel suo insieme, di 18
fascicoli (e che dunque lalterazione delle segnature VII in
xVII, VIII in xVIII e VIIII in xVIIII non sarebbe risultata
comunque idonea a rendere coerente il manoscritto col
manoscritto [1-2]), pur certo che i due fascicoli finali
di [1-2] non sono numerati e probabilmente non lo sono
mai stati. Lultima segnatura che compariva sui fogli della

227. Ossia, nel caso specifico, a un difetto della pergamena nella


parte destra del bifolio la cui parte sinistra consisteva nellattuale
f. 77.

109

parte vergata da A era dunque proprio XVI: sembr pertanto


naturale che il fascicolo seguente fosse numerato xVII.
La storia complessa del nostro manoscritto non si arresta
tuttavia qui: un ulteriore, definitivo rimaneggiamento ne
cambi infatti la facies, conferendogli la sua forma attuale.
Ci che restava del manoscritto fu infatti inserito (fuori
posto) allinterno del manoscritto [1-2], a seguito di una
banale svista indotta dal fatto che il primo dei fascicoli
superstiti del manoscritto vergato da B era appunto numerato [x]VII: esso fu infatti collocato in settima posizione
(ignorando laggiunta della x rimontante alla manomissione precedente). legittimo ipotizzare che lartefice di
questa erronea operazione sia stato un distratto rilegatore:
dimostreremo infatti che, allepoca dellemendatio cui s
fatto cenno, i fascicoli delle diverse unit modulari erano
ancora disligati.
Il codice attuale si pone insomma a valle di una storia
complessa, che inizia con il probabile allestimento di tre manoscritti ([1-2] e ), continua con unemendatio e termina
dopo una serie di perdite testuali causate dalla caduta di
diversi fascicoli con la rilegatura di quanto ne restava.
Prima di soffermarci sullemendatio che abbiamo pi
volte evocato, vale tuttavia la pena di concentrarsi su alcune
ulteriori caratteristiche materiali del manoscritto [1-2],
visto che esse permettono forse di ricostruire uno stadio di
tradizione del testo che si rivela antichissimo.
Il passaggio dal commentario al salmo 96 a quello successivo coincide, come s detto, con uno snodo: tra i ff. 83
e 84 intercorre infatti un cambio di fascicolo (dallattuale
12 al 13). La fine del commentario al salmo 96, sullultima
facciata del primo blocco, marcata da un explicit che non
occupa come di consueto una o due righe, ma mezza pagina, ed vergato in una capitale monumentale. Al di sotto
dellexplicit si legge inoltre, ad opera della stessa mano e
con gli stessi caratteri, FELICITER (fig. 8). Tale insieme di
fattori (snodo intratestuale, explicit monumentale, formula
beneaugurante) costituiva il passaggio dal manoscritto [1]
al manoscritto [2]. Ma un assetto simile non caratterizzato
per da uno snodo si ritrova anche allinterno del manoscritto [1], ossia sul f. 32v, al passaggio tra i commentari
ai salmi 81 e 82. Anche qui ad un colofone monumentale
che occupa ampia parte del foglio si accompagna una
formula beneaugurante, pi complessa della precedente,
ossia LEGE FELIX IN XPO IHV (= lege felix in Christo Iesu:
fig. 10)228. Come dimostra unormai ampia casistica, simili
formule marcavano di solito la fine di un supporto librario e
tendevano a perpetuarsi, a seguito della riproduzione fedele
dellantigrafo da parte del copista, allinterno di codici pi
ampi, come fossili229. Sembra insomma che, a monte del ma228. La presenza di tali due formule fu rilevata gi da Lowe, in
CLA V 543.
229. Cfr. F. Ronconi, La miscellanea che non divenne mai silloge:
il caso del Bodl. Barocci 50, in R. M. Piccione - M. Perkamps
(hrsg. von), Selecta colligere, II, Alessandria, 2005, pp. 295-353,

110

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

AnTard, 18, 2010

noscritto [1-2] si debbano presupporre tre modelli: il primo


doveva contenere la porzione testuale che, nel codice attuale,
termina al f. 32v (commenti ai salmi 1-82), il secondo la
porzione contenuta nei ff. 33r-37v+53r-83v (commenti ai
salmi 83-96), il terzo la sezione che occupa le carte 84r-138v
(commenti ai salmi 97-133). Tale ricostruzione pare suffragata dal fatto che le tre sezioni del manoscritto [1-2] cos
individuate, prima che lacune materiali e rimaneggiamenti
ne alterassero la struttura, erano allincirca equipollenti,
presentando corposit non troppo difformi:

48 fogli*

ff. 33r-37v+53r-83v

ff. 84-138

FELICITER

Fasc. 0
(perduto)

LEGE FELIX IN XPO IHV

ff. 1r-32v

36 fogli

54 fogli

*. Il calcolo dei fogli tiene conto del fatto che la struttura standard
dei fascicoli , nel codice, quella del quaternione.

Se quanto scritto fin qui corretto, lanalisi stratigrafica


delle diverse componenti del codice parigino permette di
risalire non solo alla struttura originaria delle sue diverse
componenti materiali, ma forse anche a quella dei loro modelli. Un simile approccio230 assume un valore centrale, ove
si consideri che la datazione delle diverse parti del Parigino
al VI secolo (come si vedr, probabilmente alla prima met)
rimanda a un torno di tempo che posteriore alla morte
di Girolamo di non pi di un centinaio danni: i relativi
modelli appartenevano pertanto a unepoca assai vicina al
concepimento e alla prima diffusione del testo.
Una fortunata circostanza rende possibile individuare
lambiente nel quale ha avuto luogo lallestimento di alcune
almeno delle parti costitutive del nostro codice (quanto meno
di ): il copista A stato infatti identificato da Armando Petrucci con il responsabile della trascrizione di un manoscritto
conservato a Firenze, il Laur. Plut. 65.1231. Questultimo, che
contiene lHistoria adversus paganos di Orosio, reca al f.
114v la nota dovuta allo stesso copista confectus codex
in statione Viliaric antiquarii. Jan-Olof Tjder ha proposto
(riprendendo unipotesi avanzata dubitativamente da Berpp. 315-316. Tale ricostruzione presuppone dunque che le due
formule non siano state ideate dal copista, ma rimontino ai modelli. Petrucci, Un altro codice, cit. (n. 54), p. 404, le cita, insieme
a numerosi altri fattori, a sostegno della prossimit con lOrosio
laurenziano che, dopo la nota confectus codex in statione magistri
Viliaric antiquarii (su cui cfr. infra), reca la diffusa formula Ora
pro me scribtore sic Dominum habeas protectorem.
230. Per una teorizzazione di tale approccio cfr. Ronconi, I manoscritti miscellanei, pp. 26-30.
231. Petrucci, Un altro codice, cit. (n. 54), p. 405.

nard Bischoff232) di identificare tale Viliaric con il bokareis


e spodeus233 Wiljarith, che sottoscrisse in lingua e scrittura
gote un papiro dorigine ravennate del 551234. Tale ipotesi
stata messa in dubbio da Augusto Campana e Armando
Petrucci235. In ogni caso, i caratteri ornamentali che accomunano i due manoscritti236 ncorano il loro allestimento a
Ravenna: tale operazione ebbe luogo, probabilmente, nella
statio del goto Viliaric, che si defin bokareis nel documento e antiquarius nel codice. Le parti costitutive del
Parigino furono insomma vergate nella prima met o verso
la met del VI secolo237 e risalgono allambito di produzione
romano-goto.
Come abbiamo accennato, i tomi di cui composto il
Parigino sono stati sottoposti, in un periodo non troppo
posteriore alla loro trascrizione, a una minuziosa emendatio: alla fine del commento a ciascun libro dei salmi, una
mano certamente diversa da quella di entrambi i copisti,
ma riferibile in generale al medesimo secolo238, ha apposto
con inchiostro sbiadito e calamo sottilissimo una piccola
croce seguita da una R barrata (probabile abbreviazione di
recognovi : fig. 9)239. Lemendator, oltre ad operare aggiunte
232. B. Bischoff, Palographie, in W. Stammler (ed.), Deutsche
Philologie im Aufriss, I, Berlin, 19521 col. 394; Berlin-BielefeldMunich, 1957 col. 16 e (pi prudentemente), Id., Scriptoria e
manoscritti mediatori di civilt dal sesto secolo alla riforma
di Carlo Magno, in Centri e vie di irradiazione della civilt
nellAlto medioevo, Spoleto, 1964, pp. 479-504 (rist. in Bernhard
Bischoff, Mittelalterliche Studien. Ausgewhlte Aufstze zur
Schriftkunde und Literaturgeschichte, II, Stuttgart, 1967, pp.
312-327), p. 486.
233. Ossia trascrittore di libri e, probabilmente, clericus legato
allecclesia gothorum sanctae Anastasiae : cfr. la nota seguente.
234. Cfr. J.-O. Tjder, Der Codex Argenteus in Uppsala und der
Buchmeister Vilaric in Ravenna, in E. Hagberg (ed.), Studia
Gotica. Die eisenzeitlichen Verbindungen zwischen Schweden
und Sdosteuropa, Stockholm, 1972, pp. 144-164. Il papiro (una
carta di cessione in solutum e di vendita) conservato nella Biblioteca Nazionale di Napoli, senza numero (reperibile in Chartae
Latinae Antiquiores XX, n. 704, pp. [20]-[37]: la sottoscrizione
di Wiljarith alla l. 136). Cfr. anche R. Powell, The Compleat
Binder Liber Amicorum, ed. by J. L. Sharpe, Tournhout, 1996,
p. 147; M.B. Parkes, Their Hands Before Our Eyes: A Closer
Look at Scribes. The Lyell Lectures Delivered in the University
of Oxford, 1999, Aldershot - Burlington, 2008, p. 5.
235. A. Campana, Il codice ravennate di s. Ambrogio, in Italia
medioevale e umanistica, 1, 1958, pp. 15-58, p. 36 n. 1; Petrucci,
Un altro codice, cit. (n. 54), p. 400.
236. Analogie rilevate da Petrucci, Un altro codice, cit. (n. 54),
pp. 404-406 e C. Nordenfalk, Die Sptantiken Zierbuchstaben,
Stockholm, 1970, p. 167 e tav. 66 a-b; cfr. anche B. Bischoff,
Palographie des rmischen Altertums und des abendlndischen
Mittelalters, Berlin, 1979, p. 231 e n. 31.
237. Cfr. Petrucci, Un altro codice, cit. (n. 54), p. 404.
238. Cfr. CLA V 543.
239. Cfr. Petitmengin, Que signifie la souscription contuli?,
cit. (n. 209), p. 404. In merito alluso di questa abbreviazione,

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

111

Fig. 10 Parisinus latinus 2235, f. 32v.

e correzioni interlineari, ha vergato, nei margini superiore o


inferiore, per mezzo del metodo dei richiami hd/hs, alcuni
passi omessi dai copisti, impiegando a tal fine unonciale di
glossa affine allonciale BR240. Al di sotto della segnatura fascicolare XIII, sul f. 106v, probabilmente lo stesso scrivente
ha inoltre vergato la parola emendavi241. Non improbabile
che analoghe annotazioni, apposte in corrispondenza delle
segnature degli altri fascicoli, siano state rifilate. Si noti
che, se la posizione di tale emendavi (in prossimit della
segnatura fascicolare) analoga a quella dellannotazione
che abbiamo rilevato in corrispondenza della segnatura
dellultimo fascicolo del Paris. lat. 12214 (hic binio est), la
finalit delle due note affatto diversa. Lemendavi in questione non rivela infatti unattenzione specifica nei confronti
della struttura materiale del manoscritto, ma costituisce
in particolare nelle sottoscrizioni, cfr. Pecere, La tradizione dei
testi latini, cit. (n. 11), p. 71 e n. 288 (alla p. 238). La croce e la
R sono visibili ai ff. 4r, 5r, 8r, 11v, 12r, 14v, 19r, 24r, 25r, 28v,
32v, 35r, 38v, 40r, 40v, 41r, 44r, 46r, 49r, 51r, 54v, 58r, 62v, 66v,
74r, 81r, 85r, 89r, 90r, 91r, 92r, 95r, 96v, 98r, 101r, 104v, 112v,
114r, 117v, 118v, 125r, 128v, 130r, 131v, 134r, 138v.
240. Ad esempio ai ff. 10v e 15v.
241. Circostanza rilevata da Lowe in CLA V 543. Per alcuni altri
casi in cui formule attestanti una revisione sono apposti in prossimit delle segnature fascicolari, cfr. Petitmengin, Que signifie la
souscription contuli? cit. (n. 209), pp. 370-371 e nn. 25 e 26.

probabilmente solo un promemoria: allepoca in cui la revisione fu operata, il Parigino era evidentemente disligatus,
sicch il revisore decise di marcarne i fascicoli man mano
che procedeva alla revisione, onde evitare di confondersi e
ripetere lemendatio della stessa porzione di testo. Il nostro
emendator non mostra dunque nei confronti degli aspetti
materiali del codice la sensibilit che abbiamo riscontrato
nel revisore del manoscritto di Agostino. Non forse inutile
dal punto di vista delle discrepanze metodologiche fra le
due operazioni rilevare che, a differenza di quanto avviene
nel codice agostiniano, in cui il revisore resta anonimo (ex
exemplar [sic] contuli si legge alla fine del X libro del De
civitate Dei), lemendator del Girolamo rivela la sua carica
in una formula oggi appena leggibile sul f. 131v (fig. 6d): in
co(n) - s(ulatu) rec(ognovi) atq(ue) emend(avi). Una formula
che richiama le sottoscrizioni vergate, nello stesso periodo,
in calce ai testi dellantichit pagana. Secondo uninteressante ipotesi di Paolo Radiciotti cui si deve la segnalazione
della nota242 il revisore sarebbe identificabile con Anicius
Faustus Albinus Basilius Junior243, nominato console senza
collega nel 541 da Giustiniano. Anicius fu lultimo aristo242. P. Radiciotti, Un codice ravennate testimone di un modello di
integrazione fallito, in Scrittura e Civilt, 16, 1992, pp. 305-311.
243. J. R. Martindale - J. Morris - A. H. Martin Jones, The Prosopography of the Later Roman Empire, PLRE, III, Cambridge,
1971, pp. 174-175. Cfr. anche A. Cameron - D. Schauer, The

112

ORONZO PECERE, FILIPPO RONCONI

cratico occidentale a rivestire questa carica e il 17 dicembre


del 546, mentre Totila occupava Roma, dovette abbandonare
lUrbs. Al di l di questa identificazione, la circostanza
che un esponente dellaristocrazia romana abbia emendato
un codice di san Girolamo, confezionato nella statio di un
bokareis o antiquarius goto a Ravenna, restituisce un episodio di integrazione tra due realt apparentemente estranee,
se non contrapposte: da un lato, i gruppi dellaristocrazia
tradizionale, che vedevano nelle strutture istituzionali e nei
rseaux familiari una garanzia di sopravvivenza e continuit;
dallaltra appunto i Goti, portatori di una cultura percepita
come sostanzialmente estranea dalle lites romane244. Se le
tensioni interetniche risultarono incomponibili sul versante
politico-istituzionale, su quello culturale lelevata qualit del
manoscritto parigino e del codice laurenziano245 dimostra la
capacit di adattamento e la ricettivit intellettuale di quanti,
come Viliaric, riuscirono ad integrarsi in tempi tutto sommato brevi in un settore altamente specializzato, quale quello
librario. Ignoriamo per quali vie il cimelio giunse nelle mani
del consul che lha emendato, ma certo vanno presupposti
dei canali di comunicazione ad alto livello, tra gruppi che,
al di l delle diversit etniche, condividevano linteresse
per i libri246: una trasversalit che forse uno degli aspetti
pi affascinanti del periodo complesso che fu la tarda antichit. Osservata da una diversa prospettiva, lemendatio del
nostro consul testimonia lormai avvenuta sovrapposizione
tra i processi di trasmissione dei testi pagani e cristiani: la
revisione in cui essa consiste si colloca formalmente nel
solco delle consuetudini coltivate dai ceti aristocratici, tese
al recupero e alla conservazione del patrimonio testuale
pagano, percepito come base identitaria di un blocco sociale
minacciato dalla crescente pervasivit del Cristianesimo247.
Lapplicazione a testi di Agostino o Girolamo di pratiche
di solito riservate a Virgilio o Apuleio non deve in questo
senso stupire : infatti nelle medesime scuole di retorica
che si formavano, negli stessi secoli, i rampolli delle casate

Last Consul: Basilius and His Diptych, in JRS, 72, 1982, pp.
126-145.
244. O. Pecere, La cultura greco-romana in et gota tra adattamento e trasformazione, in Teodorico il Grande e i Goti dItalia,
Atti del XIII Convegno internazionale di studi sullAlto Medioevo (Milano 2-6 novembre 1992), Spoleto, 1993, pp. 335-394,
passim.
245. Cfr. in merito Nordenfalk, Die sptantiken, cit. (n. 236), tav.
LXVI a-b; F. Avril - Y. Zauska, Manuscrits enlumins dorigine
italienne, I, VIe-XIIe sicles, Paris, 1980, p. 2 notizia 4 e tav. II.
246. Radiciotti, Un codice ravennate, cit. (n. 242), p. 310 n.
18 ipotizza che Basilio, entrato in possesso del manoscritto a
Ravenna nel 540 (donde si sarebbe recato a Costantinopoli con
Belisario onde annunciare la vittoria sui Goti), avrebbe proceduto
allemendatio nella capitale bizantina.
247. Pecere, La tradizione dei testi latini, cit. (n. 11), pp. 19-81 e
210-246: 77 e s.

AnTard, 18, 2010

aristocratiche pagane e i futuri intellettuali cristiani248. Testimonianze di queste dinamiche di integrazione sono offerte
dai libri appartenuti ad altre figure eminenti dellaristocrazia
tardoantica: Flavius Turcius Rufius Apronianus Asterius, ad
esempio, console nel 494249, oltre ad emendare Virgilio, pubblic le diverse sezioni del Carmen paschale di Sedulio250
e Vettius Agorius Basilius Mavortius251, console nel 527,
che aveva corretto un manoscritto recante opere di Orazio,
fece forse allestire non senza postillarlo il codice di
Prudenzio Par. lat. 8084252. Ma tra tante analogie, si rilevano
pure alcune differenze fondamentali: se per la declinante
aristocrazia pagana lemendatio dei testi rappresentava una
pratica di consolidamento culturale e una professione di
appartenenza a un gruppo sociale definito, le emendationes
testimoniate da entrambi i codici parigini esaminati, pur
con le loro peculiarit e nella loro somiglianza esteriore a
quelle praticate su numerosi altri libri dellepoca, sottendono
finalit e dinamiche culturali precipue: lassenza dei nomi
degli emendatores elemento viceversa quasi sempre presente nei paralleli pagani sembra porre al centro non pi
lindividuo che compie loperazione nellalveo di un cursus
honorum definito, bens il testo in quanto tale. Lanonimato
del revisore diventa pertanto la manifestazione di un mutato
atteggiamento proprio nei confronti del testo e del libro, che,
248. Da un punto di vista storico-sociale, del resto, la vittoria di
Teodosio sul fiume Frigido, nel 394, annichilendo le velleit
passatistiche delloligarchia senatoria, aveva contribuito, con la
conversione di illustri esponenti del fronte pagano al Cristianesimo, alla confluenza anche ideologica dellaristocrazia tradizionale
nellalveo della comune identit cristiano-romana (S. Mazzarino,
Il Basso impero. Antico, tardoantico ed ra costantiniana, I, Bari,
2003 [= Bari, 1974], pp. 378 e ss.). Unidentit rinsaldata, nel
corso del V secolo, dalla pressione barbarica (cfr. F. Paschoud,
Roma Aeterna. tudes sur le patriotisme romain dans loccident
latin lpoque des grandes invasions, Neuchtel, 1967, pp. 13 e
ss.). In questo panorama di cambiamento socioculturale, fu dunque naturale trasferire le pratiche di revisione testuale, applicate
fin l ai testi pagani e percepite come fattore identitario di un
gruppo minoritario, ai flussi testuali maggioritari, rappresentati
dalle opere cristiane dei Padri: cfr. in merito, da una diversa
angolazione, Pecere, I meccanismi della tradizione testuale, cit.
(n. 6), pp. 362-363.
249. A. H. M. Jones - J. R. Martindale - J. Morris, PLRE, II, pp.
173-174.
250. Pecere, La cultura greco-romana in et gota, cit. (n. 244),
p. 366.
251. J. R. Martindale, PLRE, III, pp. 736-737.
252. O. Pecere, Esemplari con subscriptiones e tradizione dei
testi latini: lApuleio Laur. 68.2, in C. Questa - R. Raffaelli (a
cura di), Il libro e il testo, Atti del Convegno internazionale di
Urbino, 20-23 settembre 1982, Urbino, 1984, pp. 111-137 : 127128 (rist. in O. Pecere - A. Stramaglia, Studi apuleiani. Note di
aggiornamento di L. Graverini, Cassino, 2003, pp. 5-35 : 2223). Lidentificazione del postillatore col console stata tuttavia
messa in dubbio da A. Cameron, Basilius, Mavortius, Asterius,
in AETOS. Studies in Honour of Cyril Mango, d. I. Sevcenko
et I. Hutter, Stuttgart - Leipzig, 1998, pp. 28-39.

AnTard, 18, 2010

LE OPERE DEI PADRI DELLA CHIESA TRA PRODUZIONE E RICEZIONE

da strumenti identitari marcati dai membri di un gruppo


sociale in procinto di estinguersi, diventano oggetti di una
cura finalizzata alla loro migliore fruibilit nei pi vasti
circuiti della propaganda religiosa253. Lacquisita centralit
funzionale delloggetto-libro spiega tra laltro la maggiore
attenzione che alla sua materialit riservano talora gli stessi
emendatores. Del resto il supporto, nella sua fisicit e negli
atti che ne caratterizzano lallestimento, aveva assunto in

253. Cfr. supra.

113

quei secoli piena cittadinanza nelle strategie editoriali degli


autori stessi, complice forse pure la riduzione, tutta cristiana,
dei pregiudizi che avevano declassato, nella sensibilit
classica, al rango di opera servilia tutte le attivit manuali
e dunque anche la scrittura e lallestimento dei libri254.
cole des Hautes tudes en Sciences Sociales, Paris

254. Cfr. Pecere, La scrittura dei Padri, cit. (n. 9), e, in merito
allautografia dautore e alle sue pratiche nellantichit romana,
Id., Roma antica e il testo.

AnTard, 18, 2010, p. 115-137

LE JUVNAL DES CAROLINGIENS LA LUMIRE


DU MS CAMBRIDGE KINGS COLLEGE 52*
VERONIKA

VON

BREN

The Carolingian contribution to Juvenals commentary


in the light of Ms Cambridge Kings College 52
Since the nineteenth century, Heiric of Auxerre, as he is usually called, has been credited with a
commentary on Juvenals Satires attributed in some late manuscripts to a Cornutus. No earlier manuscript evidence has ever been found for Heirics authorship. The manuscript that is now Cambridge
Kings College 52, privately owned until 1954 and ignored by all editors of Juvenal, furnishes the oldest
testimony for the Nicaean subscription and contains one of the richest sets of glosses in the ninth-century
manuscripts. On paleographical grounds it can be considered a product of the scriptorium of Hincmar
of Rheims, and its text belongs to Knoches lambda family, held to go back to Antiquity. Its marginal
commentary, copied along with the text, contains, in condensed form, most of the information found in
the vulgate Cornutus commentary. Some of the glosses, added later, can be attributed to the hand of
Heiric. Most of this material also appears in the vulgate commentary. The Kings manuscript makes it
possible to recognize the Carolingian contribution to what is mostly a late-antique commentary. Thus,
it advances our understanding of the Carolingian approach to Roman satire, which in fact seems quite
limited and largely concerned with prosody. [Author]

De Juvnal (Decimus Iunius Iuuenalis) nous possdons


aujourdhui seize Satires arranges en cinq livres quil aurait
crites entre 90 et 127 de notre re. La critique textuelle
met en doute depuis quelques sicles lauthenticit dune
partie des Satires1. Elles ont t oublies pendant prs de
trois sicles. Le grammairien Servius (deuxime moiti du
IVe sicle) semble le premier les connatre et les utiliser,
mais luvre tait devenue difficile comprendre cause de
son style et surtout de ses nombreuses allusions et mentions
de personnages contemporains de lauteur. Un apparat expli

Je remercie Stefano Grazzini et Marie-Hlne Jullien pour leur


relecture attentive, M. D. Reeve pour ses vrifications sur le
manuscrit du Kings College de Cambridge. Jai pu examiner ce
manuscrit pendant trois jours au mois de mai 2009 la University
Library de Cambridge o le bibliothcaire du Kings College,
ferm lpoque, a eu lobligeance de le faire transfrer mon
usage
1. La critique la plus radicale, mais riche darguments, revient
O. Ribbeck, Der Echte und der unechte Iuvenal: eine kritische
Untersuchung, Berlin, 1865.

catif tait devenu indispensable. Ainsi les Satires nous sont


transmises par de nombreux manuscrits richement gloss.
Pierre Pithou (1539-1596) publia en 1585 les Satires avec
un choix de gloses explicatives quil jugea anciennes, transmises dans son manuscrit Montpellier BIUM 125, devenu le
tmoin P (Pithoeanus) des diteurs de Juvnal (fig. 1)2.
Pithou a distingu deux strates principales de gloses dont
il estima la deuxime postrieure celle quil choisit de
publier. Il est fort probable quil ait dispos dun manuscrit
glos de la Vulgate lui permettant deffectuer ce tri, car il ne
semble pas avoir connu le deuxime tmoin de ces mmes
gloses anciennes, le ms. St. Gallen 870 (S) qui contient ces
gloses en rdaction continue. Th. Mommsen avait dduit des
faits historiques mentionns par le scholiaste que celui-ci
2. A. Persij satyrarum liber I. D. Iunij Iuuenalis satyrarum lib. V.
Supliciae satyra I : cum veteribus commentarijs nunc primum
editis : ex bibliotheca P. Pithoei I C. cuius etiam notae quaedam
adiectae sunt, Antuerpiae : Ex officina Christophori Plantini,
1565.

116

VERONIKA VON BREN

AnTard, 18, 2010

Fig. 1 BIUM 125, le ms P (Pithoeanus) des diteurs de Juvnal. (Photo Bibliothque Inter-Universitaire de Montpellier).

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

a d travailler vers la fin du ive sicle, donc lpoque de


Servius3.
Les deux tmoins contiennent la mme version dun
commentaire fragmentaire (selon P. Wessner ils seraient
des mss. frres4) qui accompagne un texte des Satires jug
par les diteurs plus proche de lauteur, car moins interpol
que la version vulgate qui a domin le moyen ge. Cette
Vulgate a t mise en relation avec une souscription qui na
t connue jusqualors que par deux manuscrits du xiesicle,
Leiden BPL 82 (L) et Firenze BL Plut. 34.42 (K).
Du ixe sicle, seuls sept manuscrits des Satires nous sont
parvenus: les deux tmoins dj mentionns de la premire
famille,
le Pithoeanus Montpellier BIUM 125 (P) qui contient
dans sa premire partie les Satires de Perse ;
S. Gallen SB 870 (S) crit labbaye dans la deuxime
moiti du sicle, qui ne contient des Satires quune slection mais le commentaire en entier et en texte continu.
De la deuxime famille appele la Vulgate:
London BL. Addit. 15600 (Z) de la mme poque que
P; il contient les Satires seules, qui sont gloses partiellement;
Paris BNF lat. 7900 A (G) de la deuxime moiti du sicle,
une riche collection de textes classiques dont la troisime
partie (f. 57-111) contient les Satires avec un choix de
gloses interlinaires sans les gloses marginales;
Paris BNF lat. 8071 (F) du milieu du sicle, le fameux
Thuaneus de lAnthologia latina qui contient les Satires
sans gloses;
Cambridge Kings College 52 contient les Satires seules, richement gloses, suivies du petit trait Quid sit
ceroma.
Ce dernier tmoin a appartenu un possesseur priv
jusquen 19545, date laquelle il a t donne au Kings
College de Cambridge. En 1862 Libri lavait vendu au collectionneur Thomas Phillipps qui lui donna le n163956. En
recherchant le Juvnal dHeiric dAuxerre, lequel a t actif
dans la deuxime moiti du ixe sicle, afin de comprendre sa
participation aux gloses des Satires, jai port mon attention
sur ce manuscrit (Ch par la suite pour Cheltenhamensis).
Il est tonnant que ce tmoin datant du ixesicle nait pas
suscit lintrt des diteurs. Il a pourtant t prsent en
1914 par S. G. Owen dans un article consacr aux deux
mss. de la collection Phillipps contenant Juvnal7. Attirant
3. Th. Mommsen, Gesammelte Schriften, VII, Philologische
Schriften, Berlin, 1909, p.509-511.
4. P. Wessner, Scholia in Iuuenalem uetustiora, Leipzig, 1931,
p.XLIII.
5. Voir N.R.Ker, Medieval Manuscripts in British Libraries, 2,
Oxford, 1977, p. 231s.
6. Schoenberg Database of Manuscripts, n34519 http://dla.library.
upenn.edu/dla/schoenberg.
7. S.G.Owen, The Phillipps Manuscripts of Juvenal, in Journal
of Philology, 33, 1914, p.238- 264.

117

lattention sur les gloses de Ch et tentant de localiser son


texte dans la tradition juvnalienne, il conclut que les deux
tmoins present many readings of great interest; and that
from a careful study of them some advance may be made
towards elucidating the serious difficulties which the text of
Juvenal still presents8, suggestion reste sans cho jusqu
aujourdhui. Knoche sest content, dans sa grande tude de
la transmission des Satires (1940), de reproduire brivement
les conclusions dOwen propos du texte de Ch ainsi que sa
datation (xe s.) et sa supposition dune provenance possible
de lItalie du Nord9. Depuis, ce sont surtout les germanistes
qui se sont intresss Ch cause de ses neuf gloses en
vieil allemand10.
Il semble en effet que Ch soit pass par les mains dHeiric
et quil permette de prciser sa participation lexplication
de luvre juvnalienne. Depuis la fin du xviie sicle, on
connat la citation de la Vita s.Germani dHeiric dans les
gloses de Juvnal11. Le mot praetextatus du vers
i, 78 Quem sponsae turpes et praetextatus adulter?
est glos : praetexta erat genus togae qua utebantur pueri
adhuc sub disciplina usque ad quintum decimum annum,
deinde togam virilem accipiebant , et dans quelques manuscrits on lit en plus: Unde in vita Sancti Germani legitur
cessit praetexta togae . Otto Jahn, lditeur de Perse et de
Juvnal au xixe sicle12, a rapproch cette citation dune autre
glose juvnalienne: le vers
ix,

37 Sollicitent, ,

transmis dfectueusement par toute la tradition13, est glos :

8. Ibid., p. 264.
9. U. Knoche, Handschriftliche Grundlagen des Juvenaltextes
(Philologus Suppl. 33.1), Leipzig, 1940, p.205.
10. R. Bergmann, Verzeichnis der althochdeutschen und altschsischen Glossenhandschriften, Berlin-New York, 1973, p. 12, Nr.
87: H. Mayer, Althochdeutsche Glossen: Nachtrge, Toronto/
Buffalo o.J., 1975, p. 20, voir plus loin p. 134.
11. Johann Jacob Hofmann, Lexicon Universale, Leiden, 1698:
Pura Toga communis olim Romae hominum privatorum fuit:
sic dicta quod tota alba esset, nihil purpurae admixtum habens;
hinc a)po/rfuros2 Graecis. Eadem Virilis appellata est: quod
qui eam sumerent, pofit Praetext, ex Ephebis transcriberentur
in Viros. Dabatur enim illa pueris virilem aetatem ingredientibus,
exitu anni 15. ut de M. Ciceronis filio legimus, Rosin. l. 5. Antiq.
Rom. c. 32. Sub initium anni 15. habet Ferrarius. Ita enim Interpres uetus Iuvenalis non dum editus Bibliothecae Ambrosianae,
Praetexta genus erat Togae, qu utebantur pueri adhuc sub disciplina, usque ad 15. annum: deinde Togam virilem accipiebant,
unde in vita S. Germani legitur, cessit praetexta Togae: Scripta
est autem versibus ea vita ab Erico, qui sub Carolo Calvo floruit,
Cedebat Praetexta Togae.
12. O.Jahn, Aulii Persii Flacci Satirarum liber cum scholiis antiquis, Leipzig, 1843, p. CXXVIs.
13. // P
Ch et BNF 8070;
L

118

veronika von bren

AnTard, 18, 2010

Fig.2 Cambridge Kings College


fol.2v.

proverbium erat proprie de catamitis dictum. Dulces sunt mores id est faciles et flexibiles viri mollis. Unus pes deest versui
graeco quem magister Heiricus scire non potuit.

Jahn a identifi ce magister Heiricus avec le magister


Hircus cit dans une glose de Perse dans un manuscrit de
Berne du xve sicle (Bern BB 223) qui, par ailleurs, attribue son commentaire un Cornutus, et a conclu que ce
magister Heiricus appel Cornutus serait le monachum
celeberrimum, qui Hericus vel Heiricus vocatur et Caroli
Calvi temporibus vixit, cui carmen suum de vita s.Germani
Autissiodorensis, magnis laudibus celebratum inscripsit14.
14. Jahn, Aulii Persii Flacci Satirarum liber, cit. (n.12),

p. CXXVIII.

partir de cette identification Heiric se trouve crdit dun


commentaire de Juvnal et de Perse, les plus prudents parlant
de lcole dHeiric pour le localiser15. Aucun tmoignage
manuscrit susceptible de confirmer cette attribution na
jusquici t trouv. Le manuscrit de Cambridge devrait
enfin permettre de combler cette lacune.
15. Voir le rsum de la question par J.E.G. Zetzel, Marginal
Scholarship and Textual Deviance. The Commentum Cornuti
and the Early Scholia on Persius, London, 2005, p. 137-143,
qui conclut: Cornutus, in fact, is a red herring; and although
we may be able to locate the compiler fairly closely in space and
time, we are unlikely to be able to give him a name. Nor does it
matter very much.

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

1. Le Ms. Cambridge Kings College 52 (Ch)16


Cest un manuscrit abondamment glos qui contient
aujourdhui les seize Satires de Juvnal, prcdes de la Vita
du pote dans une version pour laquelle il fournit le tmoin
le plus ancien17. Les Satires sont suivies du petit trait anonyme Quid sit Ceroma quon avait pris lhabitude, depuis
une remarque de Traube, de situer dans le cercle de Loup de
Ferrire, voire de le lui attribuer18. Sa tradition tant au ixe
sicle entirement rmoise et situe dans lentourage dHeiric dAuxerre, je propose ce dernier comme son auteur19.
Dans les marges de gauche et de droite de Ch se trouvent
les gloses plus tendues, identifies par des lettres majuscules qui renvoient aux mots gloss dans le texte. Elles ont t
copies en mme temps que le texte, par les mmes mains.
Par exemple au folio 2v, sur le mot Lugdunensem (v, 144),
est inscrite la lettre H qui renvoie dans la marge de gauche
la glose introduite par H (fig.2):
Lugdunum metropolis civitas est Gallie ubi erat antiquitus
consistorium sapientiae unde rethores et sapientes Galliae illic
probabantur et probati Romam deducebantur. Dicitur autem
Lugdunum quasi lucidum dunum id est lucidus mons.

Wessner, lditeur des scholies anciennes de Juvnal du


manuscrit de Montpellier, avait remarqu cette glose dans
le ms. Leiden BPL 82 (xe/xies, le tmoin L des diteurs). et
sa correspondance dans la Vita s. Germani20 dHeiric , o
on lit (iv, 297s):
Lugduno celebrant Gallorum famine nomen Impositum quondam, quod sit mons lucidus idem21.

Il semble que ce soient les deux seules occurrences de


cette tymologie du nom de Lyon. On peut y ajouter un
passage des Miracula s. Germani dHeiric qui reprend la
localisation du consistorium sapientiae Lyon:
offensa namque sapientia, quae propter seipsam tantum appetenda est, quorumdam lucris turpibus, multorum indisciplinata
vita, omnium postremo tepide se appetentium inhonesta desidia,
16. Dcrit par N.R. Ker, Medieval Manuscripts, cit. (n.5), B.Munk
Olsen, Ltude des auteurs classiques latins aux XIe et XIIe sicles,
I, Paris, 1982, p.563, et par B.Bischoff, Katalog der festlndischen Handschriften des neunten Jahrhunderts (mit Ausnahme
der wisigotischen). Teil I: Aachen - Lambach, ed. Ebersperger,
B. Wiesbaden, 1998, n826.
17. J. Drr, Das Leben Juvenals (Beil. z. Progr. d. kgl. Gymnasiums zu Ulm), Ulm, 1888, Vita IIb d., p. 23s. Drr ne connat
pas Ch.
18. Voir G.Orlandi, Lupo di Ferrires, in P. ChiesaL.Castaldi
(dir.), La Trasmissione dei testi latini del medioevo. Mediaeval
Latin Texts and their Transmission (TE.TRA 3), Florence, 2008,
p. 444.
19. Voir V. von Bren, Heiric dAuxerre, in M-H. Jullien, Clavis
des auteurs latins du Moyen ge, territoire franais, t.3, 735987, Turnhout, 2010.
20. P. Wessner, Scholia in Iuuenalem uetustiora, Stuttgart,
1931/1967, p. XXXIX.
21. d. L. Traube, MGH, Poetae, 3, 2, 1892/1978, p. 482.

119

praeceptorum inopia intercedente, priorumque studiis pene


collapsis, huius nostrae exitialiter perosa regionis, Lugduni
sibi aliquandiu familiare consistorium collocavit22.

Dans les manuscrits de la Vulgate de Juvnal, tous


postrieurs Ch, ces mmes gloses se prsentent sous une
forme diffrente23:
apud Lugdunum Galliae urbem. Antiquitus oratores huius
ciuitatis in conspectu Caesaris ante aram Dianae contionando
decertabant et qui uicissent certo tempore per alias ciuitates
docebant Lugdunum dicitur quasi lucis dunum id est lucis
mons. UTXE
Oratores autem ibi ante aram Dianae dicendo certabant et
qui uicissent certo tempore docebant ubique. UXE

La glose emprunte la Vita S. Germani propos du mot


praetextatus du vers i, 77 se prsente de la mme manire
dans la marge du fol 3r : La lettre I est place au-dessus du
mot, renvoyant la glose crite dans la marge de gauche
et introduite par la mme lettre. Cette glose ne se retrouve
que dans une partie des manuscrits de la Vulgate et Ch en
fournit le tmoin le plus ancien. Mais la glose est intgre
dans les gloses marginales, il ne sagit donc pas dun ajout
d Heiric dans Ch. Lautre mention dHeiric dans la Satire ix,37, propos du vers grec, est absente de Ch (fig.3).
Par contre on trouve ct du grec un R pour require par
lequel Heiric, suivant son matre Lupus, avait lhabitude de
marquer les passages textuels posant problme. La premire
citation provenant dHeiric, glosant le mot praetextatus, sest
donc trouve dj dans le modle de Ch et la deuxime fut
introduite dans la tradition aprs la copie de Ch.
Par son excution et sa prsentation, Ch est clairement
un produit du scriptorium dHincmar de Reims (archvque
de Reims de 845 882) de la deuxime moiti du ixes.,
reconnaissable par le ductus trs rgulier de lcriture
sinscrivant dans un paralllogramme, par la raret des
abrviations ainsi que par la forte prsence des N onciales
au dbut et lintrieur des mots. On trouve dans les marges
des N pour nota de la forme pratique par Heiric (il y en a
plusieurs sur cette page). Ch est copi par plusieurs mains.
La main dHeiric lui-mme prsente ces caractristiques du
scriptorium dHincmar. Heiric aurait donc appris crire
Reims, ce qui pourrait confirmer que Lupus, son matre,
aurait t responsable de ce scriptorium et aurait enseign
dans cet environnement.
Les mots extraits du texte des Satires, nots en majuscules
dans les marges pour leur quantit mtrique, se retrouvent
souvent dans le florilge du manuscrit Saint-Gall 870 (S pour
Juvnal) et/ou dans le florilge dit de Micon de S.Riquier,

22. d. Migne, PL, CXXIV, col, 1209C s.


23. Les leons de la Vulgate sont empruntes ldition de Stefano
Grazzini qui a eu la gnrosit de la mettre ma disposition
avant sa parution: S.Grazzini, Scholia in Iuvenalem recentiora,
Pisa, 2011.

120

AnTard, 18, 2010

veronika von bren

Fig.3 Cambridge Kings Coll. 52


9.37 fol.36r.

qui note par exemple pour ametistina le vers. vii, 13624


et pour myrrina le vii, 13325, mais aussi dans le florilge
quHeiric a ajout de sa main la fin de son epitom du
Liber glossarum, London Harl. 2735: par exemple, Myrrina y est illustr par deux pigrammes de Martial dont la
premire est curieusement attribue par Heiric Tite Live
et la deuxime Juvnal. Le mot ametistina est galement
repris dans les marges de Ch fol 29r avec lindication des
quantits mtriques de mme que myrrina sur le mme folio
dans le vers vii, 133, mais aucun des deux ne se retrouve dans
le florilge dHeiric. Par contre le mot camino (xiv, 118),
dont la prosodie est note dans Ch (fol 54v), est repris par
Heiric dans sa Vita S. Germani (iii, 483).
24. d. L. Traube, Carmina Centulensia (MGH, Poetae, III
1.18).
25. Ibid., i,154.

Il est bien hasardeux de vouloir identifier une main pratiquant la capitale comme dans ces mots extraits du texte
dans les marges, en revanche la main dHeiric me semble
reconnaissable dans le mot temetum quil retient pour la
mtrique accompagn dun Nota dans la marge du vers xv,
25 (fol 58r), et qui se retrouve encore dans le florilge de
Micon (fig.4)26.
En dessous, on rencontre encore la main crivant en
capitales qui retient le mot Simultas pour sa prosodie et,
plus loin, un N Nota dHeiric. Sa main se reconnat dans les
notes interlinaires de la page. Il note la variante iunco pour
iunio, introduite par son aliter typique. En haut gauche, la
note DM (probablement pour dignum memoriae) est galement typique dHeiric qui en parsme ses manuscrits pour
26. Ibid., i, 395.

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

121

Fig. 4 Cambridge Kings College 52


fol.58r.

indiquer des passages retenir. En outre on trouve dans Ch


plusieurs N Nota dHincmar souvent placs aux endroits o
il est question de luxuria (fig.5).
On a donc suffisamment de raisons pour mettre Ch en
relation avec Heiric et pour placer son origine Reims o
Heiric aurait enseign lpoque dHincmar, et trs probablement encore aprs la mort de ce dernier (881). Ch est
copi sur un modle qui contenait des gloses et quHeiric
avait dj d annoter et complter, comme le prouve la
citation de la Vita s. Germani. Selon ses propres notes dans
le manuscrit Melk 412, Heiric a achev cette uvre dans sa
32me anne, donc en 87327, date post quem pour lajout de
la glose dans le modle de Ch et donc aussi pour la copie
de Ch lui-mme. Ce modle a compt 32 vers/lignes par
27. Voir Jullien, Clavis des auteurs, cit. (n. 19).

page, comme nous le montre lomission des vers 75-106 de


la quatrime Satire dans Ch (fol 13v) (fig.6).
Le copiste y a ajout dans la marge de gauche les vers
omis en y intgrant les gloses, comme dans la copie principale. Il est tonnant quun copiste saute une page: lerreur
habituelle consiste omettre un feuillet. Nous possdons en
effet un autre tmoin de Juvnal du ixe sicle, le tmoin Z,
London BL Add. 15600, un petit manuscrit carr, qui compte
16 vers par page. La partie omise dans Ch ne correspond pas
un folio exact de Z mais le texte de Ch montre de grandes
affinits avec celui de Z. Dans son tude dtaille de la
transmission manuscrite de Juvnal, Knoche (qui ignorait
Ch) a regroup Z avec le Thouaneus F, Paris BNF lat. 8071,
galement du ixe sicle, et Leiden BPL 82 (L) du xe/xie s. dans
une famille lambda dont il a bien souvent prfr les leons

122

veronika von bren

AnTard, 18, 2010

Fig.5 Cambridge Kings College


fol.25r N nota de Hincmar.

pour son dition28, les jugeant plus proches de lauteur29. Par


ailleurs Wessner, qui ne connaissait pas davantage Ch, avait
remarqu que les gloses de L taient proches de celles que
Valla attribua un Probus, les considrant anciennes30.
Wessner a introduit une partie des gloses de Valla et de L
dans lapparat de son dition des gloses anciennes. Housman,
qui ne connaissait pas non plus Ch, a intgr L parmi les
sept manuscrits choisis pour son dition31, car il supposait
28. U. Knoche (d.), Saturae mit kritischem Apparat, D. Iunius
Juvenalis, Mnchen, 1950.
29. Id., Handschriftliche Grundlagen, cit. (n. 9), p.213-229.
30. Wessner, cit. (n.20), Praef., p.XXXI s.
31. D. Iunii Iuvenalis Saturae : Editorum in usum edidit A. E.
Housman, repr. with corr. (and add.), Cambridge, 1931.

que le substratum de L, not definitely known, contenait


des traces dune dition ancienne et authentique32.
La grande notorit dont L bnficie dans la littrature
juvnalienne nest pas tant lie la qualit de son texte qu
la prsence dune souscription suppose ancienne. L, plus
rcent dun sicle que Ch, prsente un grand nombre de
particularits en commun avec ce dernier, au point quon est
tent de le considrer comme sa copie directe: par exemple
il reproduit fidlement, sans tenir compte de sa propre pagination, les repres des gloses de Ch qui y sont organiss
32. A.E. Housman, The text of Juvenal, in Class. Rev, 40, 1926,
p.170s. (compte rendu de U.Knoche. Die berlieferung Juvenals, 1926).

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

123

Fig.6 Cambridge Kings College


52 fol.13v.

par page, dbutant chaque page par la lettre A. En ii, 187,


il atteste la leon juste mais rare Libis, dont Housman avait
suppos quil sagissait dun substratum ancien33, mais qui
se trouve comme correction dans Ch2 et rapparat chez
Valla (libris PCh1Z). Pour ii, 210 la bonne leon frusta ne
se trouve par contre que dans P2ZCh ; L partage frustra
avec P1HDEAZ2. En vi, 430, ChL crivent avec la Vulgate
aut lata et Ch ajoute la bonne leon aurata (PSD2) dans
la marge, introduite par un al pour alter ou aliter typique
dHeiric . En x, 153, Ch crit avec P diducit-rumpit et L
partage avec P2G diduxit-rupit. L reproduit galement les
gloses de Ch, jusque dans les moindres dtails et erreurs,
33. Ibid.

mais elles sont quelques exceptions prs souvent moins


compltes que dans Ch. La relation ChL nest donc pas
sans poser problme. Il se peut que le modle principal de
L ait t fourni par le modle de Ch qui semble avoir migr vers lAllemagne du Sud comme le suggre la parent
entre les gloses interlinaires de L et celles des tmoins de
lAllemagne du Sud. De plus, le copiste de L a dispos au
moins dun autre modle qui lui a permis de corriger le
texte des Satires.

124

veronika von bren

AnTard, 18, 2010

Fig.7 Leiden, BRU BPL 82 fol.45v


souscription.

2. La Souscription
Dans la marge de L, on lit au dbut de la septime Satire
(fol 45r marge de gauche) qui correspond au dbut du troisime livre (fig. 7):
Legi ego Niceus Rome apud Servium magistrum et emendavi

La mme souscription se trouve dans Ch au mme


emplacement (fol 27r) (fig.8). Ce Nicaeus a t mis dans
la bibliographie en rapport avec le grammairien Servius,
tout en reconnaissant que par ailleurs on ne sait rien de ce
personnage34.
34. Voir J.R. Tarrant, Iuvenal in Texts and Transmission: A Survey of the Latin Classics, cur. L. D. Reynolds, Oxford, 1983,
p.200-203.

On connat actuellement trois souscriptions juges anciennes galement ajoutes dans des marges de manuscrits:
Dans sa copie du manuscrit ancien des Discours de
Cicron quil avait trouv en 1417 en Allemagne, Poggio mentionne une souscription marginale au dbut du
deuxime Discours contre les lois agraires de Rullus:
in exemplari uetustissimo hoc erat in margine35 et une
autre dans le texte: In exemplo sic fuit 36.
Un arrangement similaire de deux souscriptions se trouve
dans le Perse de Montpellier BIUM 212 (ixe s.), lune
35. Emendaui ad tyrone(m) et laecanianu(m) / acta ipso cicero
togam uirilem ne et antonio coss. oratio XXIIII.
36. Statili(us) / maximus rursum em(en)daui ad tyrone(m) et
laecanianu(m) et dom & alios ueteres. III. / oratio exi / mia.

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

Fig.8 Cambridge, Kings College 52 fol.27r souscription.

125

126

veronika von bren

AnTard, 18, 2010

Fig.9 Montpellier BUM 212 fol.66.

ajoute dans la marge prs du dbut de la premire Satire,


lautre dans le corps du texte aprs le prologue dplac
la fin du texte (fig.9-10).
Il est bien possible que la situation ait t analogue dans
larchtype de Ch, car la fin du premier livre des Satires,
cest--dire la fin de la troisime Satire, Ch prsente une
anomalie : il y a une ligne vierge entre les vers 316-317
cependant que le dbut de la quatrime Satire suit sans
intervalle ni titre six vers plus loin (fig.11).
La mme anomalie se rencontre dans Z (fig.12).
Le fameux Thouaneus BNF lat 8071 (F) contient dans sa
collection de posie classique les Satires de Juvnal, mais
seulement partir de 3.317, avec le titre DECIMI IUNI
IUVENALIS SATYRARUM LIBER PRIMUS EXPLICIT,

cest--dire le faux dbut de la quatrime Satire, qui dans


le modle aurait t compris comme dbut dun deuxime
livre. Z et F nont pas de souscription. Il est possible que
larchtype de Ch ait contenu des souscriptions aprs chacun
des cinq livres et que lespace vierge la fin du premier livre
soit une survivance dune souscription errone disparue (ou
au moins dun dbut erron du deuxime livre qui se trouve
en ralit au dbut de la sixime Satire). La souscription
aurait t ajoute au dbut du troisime livre dans le modle de Ch qui a gard la disposition marginale de lajout,
disposition encore reproduite par L.
Lhypothse de la prsence de souscriptions au dbut de
chaque livre se trouve renforce par la prsence de la mme
souscription de Nicaeus au dbut du deuxime livre dans

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

127

Fig.10 Montpellier BUM 212 fol.79r.

un tmoin du xie sicle dont persone na tent de dceler


lorigine, Florence Mediceus 34.42, le tmoin K des diteurs
modernes (fig.13). Mes sondages de collation des gloses le
font apparatre bien souvent en compagnie de Ch. Il contient
galement quelques gloses en vieil allemand. Ltude ultrieure permettra de vrifier la validit de mon soupon que
K a eu accs au modle de Ch do il aurait emprunt sa
souscription. Les circonstances actuellement connues de K
pointent vers une origine au nord des Alpes.
Dans ce mme Mediceus on lit au dbut du deuxime
livre le titre de la Satire 6: INCIPIT LIB. II L. F. URSEDIO
POSTUMO et en dessous: LEGI EGO NICEUS APUD M.
SERVIUS (!) ROME ET EMENDAVI. Wessner dit ne pas
pouvoir sexpliquer la migration de cette souscription dans ce

tmoin qui selon lui na pas daffinits prononces avec la tradition ancienne, mais il ignorait Ch37. Dans le ms. Paris BNF
Lat. 9345 (H des diteurs) se trouve au dbut du deuxime
livre une souscription fortement corrompue: LEGENTE AEPICARPIO SCRINBENTIS (!) EXUPERANTIO SERUO.
Ces tmoignages permettent, me semble-t-il de conclure que
les souscriptions taient prsentes chaque dbut de livre
des Satires dans larchtype, peut-tre de toute la tradition
juvnalienne. cette mme strate ancienne remonteraient
37.Wessner, d. Scholia, cit. (n.20), Praef., p. XXXII. Ex eodem
vero codice vetustiore subscriptio simillima libri satirarum primi
nescio qua via in Laurentianum K migrasse videtur, in quo antiqui
commenti quantum scio excerpta propria non leguntur.

128

AnTard, 18, 2010

veronika von bren

Fig.11 Cambridge Kings College


52 fol.12r dbut 4e Satire.

aussi les titres tendus au dbut des Satires, qui se retrouvent en partie encore dans Ch et Z dont nous avons dj
cit celui de la sixime Satire. Le dbut du cinquime livre
(Satire 13) est intitul: Decimi Iunii Iuvenalis saturarum
lib iiii explicit/feliciter incipit eiusdem lib v de fraudibus
ad Calvinum cuius amicus abnegaverat depositum Ch(L om)
ZF. Iunii Iuvenalis Saturarum Lib iiii explicit/ incipit liber
quintus Saturarum P +de fraudibus G. Une partie de ces
titres tendus parat ajoute dans les deux mss.38

38. Par exemple, les Satires 2 et 3.

3. Les

gloses dans

CH

Jai eu la chance de pouvoir profiter de ldition sous


presse des Scholia in Iuvenalem recentiora que leur diteur,
Stefano Grazzini, ma gracieusement communique avant
sa parution39. Son dition concerne les Scholia caractrises
par Wessner de Recentiora et que ce dernier a regroupes
en deux familles textuelles et , en cartant un troisime
groupe de tmoins contenant un texte mixte 40. Elles se
retrouvent dans des manuscrits datant des xe et xie sicles.
Dans L, ne connaissant pas Ch, Wessner a distingu quatre
genres de scholies: celles qui sont apparentes son , celles
39. Voir note 23.
40.Wessner, Scholia, cit. (n.20), Praef,. stemma p.XLIII.

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

129

Fig.12 London BL Additional 15600 fol.23v dbut 4e Satire.

qui correspondent son , celles qui sont lies aux gloses


du Pithoeanus et du Probus de Valla et une dernire partie
dont il ne pouvait dceler lorigine41.
La connaissance de Ch et ldition des scholies par
Grazzini permettent de prciser ces relations. Voici quelques
exemples des diffrences entre les scholies de Ch et celles
de . Ch a tendance une formulation plus dense:
glosent 6.23-4 Saecula per metalla distincta sunt :
primum aureum sub Saturno, secundum argenteum sub
Iove, quando crimina primo orta sunt, deinde aereum sub
herois id est fortibus viris, ultimum ferreum quod adhuc est
et pessimum.
Ch crit : Saeculorum quattuor dicuntur esse species:
primum aureum sub Saturno, sequens sub Iove argenteum,
tertium ereum, quartum ferreum.

On remarque la tendance moralisatrice de , absente


de Ch.
41.Ibid., Praef. p. XXXIII: Scholiorum quattuor genera discerni
possunt: nonnulla cum recensione consentiunt, plura cum ,
alia necessitudine quadam coniunguntur cum Pithoeanis scholiis
et Vallae Probo, alia denique aliunde mihi cognita non sunt.

8.234 : Gallia trifariam dividitur, in togatam, bracatam


et comatam. Galli togati sunt Eduenses, Galli bracati sunt
Senones qui urbem tenent quae metropolis est Galliae. Galli
comati sunt maritimi Galli et cis Rhenum positi. Nam Galli
Senones, duce Brennone, cum Romam captam vellent incendere, restitit eis Manlius anseris voce excitatus.
Ch: Galliarum populi tres sunt: togata, bracata, comata.
Ergo capitolium Bracati incenderunt, id est Senones Galli
duce Brenno.

Ch omet les rares allusions la morale chrtienne qui se


trouvent dans :
4.9 Incestus dicitur quasi non castus. Est autem proprie
incestus qui cum cognata sua vel sanctimoniali se miscet.
(VWD) Incestum dicebant illud stuprum quod in puella
deo sacrata vel in propinqua perpetrabatur. (UHTE)

ou les rduit considrablement:


14.59 supra dixit: quia magna reverentia debetur puero
ne quid foedum vel inhonestum ante eum fiat, quod comprobat exemplo utillimo et Christianis usitatissimo dicens quia,
cum quis amicum ad convivium vocat removet ab eius obtutu
quicquid eum posset offendere, ita ergo, inquit, si filium vis
esse sanctum nihil videat umquam nisi quod bonum est.

130

AnTard, 18, 2010

veronika von bren

Fig.13 Firenze BL Plut. 34.42 Souscription.

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

Ch se contente de:
exemplum utillimum Christianis etiam doctoribus frequentatum.

Les deux seules mentions explicites de Jrme par


sont absentes de Ch.
14.309 : Cynici dicti sunt quidam philosophi a parcissima
vita quasi canini. Nam cynos graece dicitur canis. Canis autem
parcissimum est animal. Diogenes primum dictus est cynicus
qui, ut beatus Hieronymus dicit, totum suum vendidit patrimonium et aurum inde acceptum proiecit in mare et deinceps aliud
non habuit nisi dolium quo manebat et vasculum quo bibebat.
Dolii autem ostium hieme vertebat ad austrum ut austrino calore
frigus hiemis temperaretur. Rursus aestate vertebat illud ad
aquilonem ut aliquod haberet refrigerium.

Heiric note de sa main dans Ch:


Diogenes cynicus in dolio manebat. Le dveloppement de
la notice sur Diogne serait donc un produit des successeurs
dHeiric .
14.117: Nam et beatus Hieronymus dicit quia omnis dives
aut iniquus est aut heres iniqui.

Par contre la seule rfrence explicite Isidore se trouve


dj dans Ch:
1.70 : Rubeta vocatur rana maior a rubis in quibus moratur,
quae venenifera est. Tria autem sunt genera ranarum: rubeta,
fluvialis (et fluviale est Ch) et calamitum quod est mutum et
parvum, quod, ut Isidorus dicit, si proiciatur in os latrantis canis
(+statim ChL) facit eum tacere .

Ch en fournit donc le tmoin le plus ancien. Il est trs


probable que cette seule citation fut introduite dans un
anctre de Ch.
On aura compris que les rfrences chrtiennes sont absentes de Ch, mais aussi quelles sont bien rares dans .
Cela me semble fournir un argument de poids pour sinterroger sur lorigine carolingienne de ces scholies quon a
pris lhabitude dappeler Commentum Cornuti et dont on
a voulu crditer Heiric, ou son cole, quon a localise
Auxerre cause de ce dernier. Jai pu montrer par ailleurs
que les manuscrits travaills et utiliss par Heiric sont le plus
souvent produits ou lis Reims42. Comme on la vu, cest
encore le cas de Ch qui est annot, donc utilis par Heiric,
et aussi par Hincmar dont on trouve les Nota.
Les passages cits par Sanford comme preuve en faveur
de lattribution du commentaire Heiric-Remi sont absent
de Ch43:
xvi, 57 A propos de Pulchro labori quatre manuscrits
(VDAT) contiennent une citation dAlcuin:
Ita enim Alcuinus militiam diffinit:quid est militia? Ingenua
et pulchra servitus.
42. V. von Bren, Auxerre, lieu de production de manuscrits ?, in
tudes dExgse carolingienne: Autour dHaymon dAuxerre.
Atelier de recherches, Centre dtudes mdivales dAuxerre, 25
26 avril 2005 (Haut Moyen ge, 4), Turnhout, 2007, p. 167-186.
43. E.M. Sanford, Juvenalis, Decimus Junius (CTC, 1), Washington, 1960, p.175-238, p. 176s.

131

Ch se contente de milicie furem compensat pulchro


labori.
Pour la glose i, 141 propos de Ponit apros (qui se trouve
aussi dans ChL) :
cum reliqua animalia plures habeant utilitates, aper ad nihil
aliud valet nisi ut conviviis intersit. Nam ovis quinque utilitates
habet: (ChL h.u.) siquidem caro eius immolatur et pascit, lana
uestit, pellis quoque varium usum praebet et lac tribuit. (3)
Bos vero quattuor habet utilitates, scilicet arandi, carnes eius
immolantur et pascunt, corium in uariis usibus habemus. Vnde
in lege praecipitur ut ovis adempta quincuplo restituatur, bos
vero quadruplo.

Sanford cite comme source un capitulaire de Charlemagne dans ldition de Baluze, Paris, 178044. Il sagit en fait
dun topos remontant Jrme et qui se trouve notamment
dvelopp dans la Collectio canonum Hibernensis45 quon
date des alentours de 700. Il pourrait donc encore sagir dun
ajout dans un anctre de Ch.
Par leur contenu, les scholies de Ch et sont trs proches ; cette parent fut dj bien remarque par Wessner
qui, rptons-le, ne connaissait pas Ch mais seulement L. La
formulation plus sobre des gloses de Ch, leurs dtails historiques souvent plus riches et la prsence de la souscription
me font voir dans Ch un tmoin dune strate plus ancienne
des gloses qui furent reprises et reformules, et quelquefois
enrichies, par .
Ch permet de dceler la contribution des Carolingiens
lexplication de luvre juvnalienne. Elle me semble bien
mince, se rduisant la reformulation dans un latin plus
comprhensible de linformation trouve dans la source
tardoantique, en y ajoutant quelques rflexions morales et
des mentions ou citations empruntes Cicron ou aux
Disticha Catonis, toutes absentes de Ch, par exemple:
2.1 Cicero dicit quod philosophia comes sit virtutum et
expultrix vitiorum46. Inde primum malos reprehendit philosophos qui turpiter viventes atque philosophiam pervertentes
veri philosophi videri volebant ne se trouve que dans
HTY.
2.25 Quis caelum terris non misceat est glos dans : Quis
non credat omnia perturbanda si malus malo displiceat, adulterum adulter accuset? Nam Verres latro fuit et depraedator
patriae quem ex persona Siculorum Cicero declamando accusat. Unde et Verrinae dictae sunt eius orationes. (4) Similiter
Milo homicida qui Clodium occidit et in campo Martio, cum
suis superveniens, sex legiones Romanorum occidit.
6.11 Antiqui ferino more vivebant ut refert Cicero. (4) Fabula locum invenit ut dicerentur homines ex arboribus nasci
44. Ibid., p. 177, n.1.
45. Vel potest dici, secundum glossam, quod bos habet quinque
utilitates, quia immolatur, arat, pascit carnibus, lactat, et corium
etiam diversis usibus ministrat, et ideo pro uno bove quinque
boves reddebantur. Ovis autem habet quatuor utilitates, quia
immolatur, pascit, lac dat, et lanam ministrat. (recensio A - L&S
B612, p. 99, quon peut trouver dans Archive of Celtic-Latin
Literature sur www. Brepolis.net).
46. Ce qui devrait provenir de Priscien, II, 371.11.

132

AnTard, 18, 2010

veronika von bren

quia in cavernis arborum carie putrefactis noctibus intrabant,


mane vero egrediebantur et inde dictum est quod rupto cortice
homines nascerentur. se retrouve dans UHTE

Cette activit peut tre date aprs la copie de Ch et donc


trs probablement parmi les successeurs dHeiric, donc Rmi
(841-908) qui, comme on le sait, a enseign Reims. Une
des preuves tangibles de la participation de Rmi serait la
glose de 16.60 o Phalerae est expliqu:
Phalerae sunt proprie equorum ornamenta quae graece efipia
dicuntur.

Chez Rmi on trouve:


phaleras id est ornamenta fabulosa. Cui parat? parvo libello
meo. Phalerae proprie sunt ornamenta equorum, Grece ephipia.
Ponuntur abusive pro superfluo ornatu verborum47.

Que peut-on dire de la transmission du modle de Ch?


Z et F, le manuscrit de Londres et le Thuaneus se ressemblent beaucoup par leur orthographe, souvent qualifie de
sauvage dans la littrature. On en trouve des traces plus
ou moins prsentes dans toute la tradition juvnalienne48. Il
sagit de lorthographe des manuscrits de la deuxime moiti
du viiie sicle provenant le plus souvent du nord de lItalie,
de la rgion situe entre Pavie et Vrone, o ont rsid la
cour lombarde, puis la cour carolingienne. Dans cette rgion,
jai pu localiser le cercle dintellectuels occups la constitution du grand Liber glossarum49. Ces intellectuels venus
des deux cts des Alpes et de la Septimanie ont travaill
runir les textes de lantiquit accessibles en Italie et les
ont par la suite transmis au monde carolingien au nord des
Alpes. Un des principaux acteurs de cette transmission a t
le wisigoth Thodulf ( 821), proche de Leidrad de Lyon qui
a mis son scriptorium sa disposition avant que Thodulf ait
pu crer ses propres ateliers comme vque dOrlans. Un
demi sicle plus tard Hincmar, la grande minence grise des
Carolingiens pendant prs de cinquante ans, a cr son tour
un puissant scriptorium, mon avis avec laide de Loup de
Ferrires dont les manuscrits montrent les signes distinctifs
de ce scriptorium (les piccoli quadrati de Marco Palma50).
47. Remigii Autissiodorensis, Commentum in Martianum Capellam Libri III-IX, ed. C. E. Lutz, Leiden, 1965, p.1, ad lib. III.
80.14.
48. Par exemple, vii, 235 Cohercet KMALH, quohercet V ;
iii, 184 Cossum VLreld.; Quossum ChZ. Frquentes
sont les confusions entre c-g,: par ex. xiv, 190 (3) Post finem
Autumni: tunc enim, crescentibus noctibus, lucubrare incipiunt
( incresc- lugubr- ChV). Il y a des u suscrits la manire
wisigothique dans Ch et dans F.
49. V. von Bren, La place du manuscrit Ambr. L99 sup. dans la
transmission des tymologies dIsidore de Sville, in Mirella
Ferrari Marco Navoni (a cura di), Nuove ricerche su codici in
scrittura latina dellAmbrosiana: Atti del Convegno Milano, 6-7
ottobre 2005 (Bibliotheca erudita), Milano, 2007, p. 25-44.
50. M.Palma, Classico, piccolo e quadrato. Dati per unindagine
su una tipologia libraria nellEuropa carolingia, in A.Ferrari

Loup, la recherche de bons modles de textes antiques,


bien rares lpoque, a d tre bien conscient de limportance
de lhritage de Thodulf. Jai pu localiser plusieurs modles
thodulfiens utiliss Reims (par ex. Isidore, les tymologies, Ambroise, De officiis, Solin, Vgce) et je pense quil
y en a encore beaucoup dautres identifier. La transmission
juvnalienne doit se situer dans ce contexte. Le Thuaneus a
dtroites relations textuelles avec Mannon de S.Oyan (mort
dans les annes 890 selon Anne-Marie Turcan51). On y trouve
aussi ses signes de lecture, les P la hampe traverse par un
rond (par ex. fol 5v). Mannon a tudi Reims avec Heiric
avant daller Lyon (je souponne en lui des origines dans
la colonie wisigothique de Lyon). Il a fait voyager plusieurs
manuscrits entre Reims et Lyon52. Z pourrait trs bien tre un
manuscrit de lentourage de Thodulf. Il doit y avoir entre
FZ et Ch des rapports textuels, de collations, que je nai pas
encore pu dceler. Je suppose que les trois manuscrits ont
sjourn ensemble Reims o Heiric les a utiliss, avec
leur modle qui contenait les gloses. Heiric a nettoy le
texte de Juvnal de ses irrgularits orthographiques, il a
d galement intervenir sur le texte. Il a ajout une strate
de gloses, le plus souvent droite, entre le texte de Juvnal
et les gloses dans les marges. Une partie de ses gloses se
retrouve dans le tmoin V.
Concluons cet expos par un
4. Aperu

de lintervention dHeiric et des relations


entre les diffrents manuscrits

Les gloses du folio 10r de Ch nous fourniront un aperu


de lintervention dHeiric et des relations entre celles des
diffrents tmoins, en attente de leur tude plus dtaille
que je compte entreprendre avec Stefano Grazzini. Il sagit
des vers 174-205 de la troisime Satire (fig.14).
Dans les marges de gauche et de droite se trouvent les
gloses copies sur le modle de Ch par le copiste, en mme
temps que le texte. Elles sont introduites par des lettres
majuscules. Les gloses A et B sont places dans la marge
du haut, celles de C L dans la marge de gauche et celles
de M T dans la marge de droite. Le mme copiste introduit
aussi les gloses interlinaires qui proviennent galement de
son modle. Dans lespace situ entre les vers et les gloses
de la marge de droite se trouvent dautres gloses introduites
par des signes de renvoi diffrents, des sortes de signes diacritiques comme on les trouve dans V. La glose marginale
(a cura di), Filologia classica e filologia romanza: esperienze
ecdotiche a confronto. Atti del Convegno (Roma, 25-27 maggio
1995), Spoleto, 1999, p.399-408.
51. A.-M.Turcan-Verkerk, Mannon de Saint-Oyen dans lhistoire
de la transmission des textes, inRHT, 29, 1999, p. 169-243, p.
214 ; P. F. Alberto, Eugenius Toletanus, Opera omnia (CCSL,
114), Turnhout, 2005, p.75-78.
52. Par ex. le Vat Reg. Lat 2078; voir Alberto, Opera omnia, cit.
(n.51), p.72-75.

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

133

Fig.14 Cambridge Kings College


52 fol.10r.

dExodium (iii, 175) introduite par A est est identique dans


Ch et V. Dans Ch on lit ct du vers iii, 174, mon avis
introduite par la main du copiste de la glose A:
Apud veteres nisi in fine ludorum non intrabat quod ridiculum
foret ,

phrase qui se retrouve dans le commentaire ancien du


Pithoeanus53. Personae pallentis est glos sur la ligne larvae, comme dans PV, et Ch ajoute ct du texte: Larvam
dicit qua induebantur comici . Cette glose ne se retrouve dans
aucun autre tmoin ce mme endroit mais p glose Thaida
du vers iii, 93 meretricem larvas dicit quas habebat ut indutas,
glose reprise par htye. Sur le mot aedilibus du vers iii, 179,
53. Wessner, Scholia, cit. (n.20), p. 41.

Ch place trois points qui renvoient la glose magistratibus


vel potestatibus crite droite du vers. L replace cette glose
en interligne sur le mot (vel magistratibus vel potestatibus)
et dans la Vulgate (vwdbuHte) on lit en interligne potestatibus. Albae tunicae du mme vers est glos dans ChL
Tunicas dicit subarmales latum clavum non habentes . Heiric
note ct du vers: id est ultra virium nitorum ducuntur illae
tunicae . Dans V on lit: Albas tunicas dicit subarmales id est latum clauum non habentes et tantum istae tunicae albae ultra uirium
nitorem dicuntur et plerumque aut ex domo aliena sumptae aut pretio emptae. La deuxime partie de cette glose se trouve dans
Ch propos du mot aliena du vers iii, 181, place ct du
texte: aut ex aliena domo sumitur aut ex alieno pretio emitur .
vwdt mettent un ex sur ce mme mot; correspond-t-il

134

veronika von bren

l ex quils ont omis dans la copie de la glose? Dans le


vers suivant, Ch glose ambitiosa ct du texte deliciosa
tumida, glose qui se retrouve dans vdy en interligne sur le
mot mais qui est absente de pl. Ambitiosa paupertate (iii,
182-183) est glos dans Ch ct du texte: Verba umbrici
etiam pauperes Romae ambiciosi sunt , glose quon retrouve
dans vwd: pauperes Romae ambiciosi sunt. Sur le nom
Cossus (orthographi Quossum par ZCh!) Ch place la glose
senatorem qui se retrouve dans vwd. Ch ajoute ct du
texte: Proprium est nobilis et superbi qui ut salutaret munus
accipiebat, ce qui devient dans la Vulgate (VWDUHTyE):
Pauperes enim munuscula ministris dabant ut eos permitterent
nobiles et potentes salutare. Dans le vers iii, 187, Ch partage

avec toute la tradition ancienne la leon errone libris pour


libis, mais la glose transmise par la Vulgate, qui se trouve
aussi dans ChL, dit: Libros venales vocat panes illos quos pueri

in barbitondio patronis suis dant vel in tonsura crinium. Quos panes


vocat beatus Augustinus cubitos (VWDEChL): ce qui prouve

que le glossateur a connu la bonne leon qui devrait remonter


lAntiquit tardive. Le rviseur de Ch, que je suppose tre
Heiric, sest aperu de ce non-sens et a russi restituer la
bonne leon libis, exponctuant le r qui, de plus, a t ras.
L, W et Valla ont adopt la leon54. Heiric a ajout ct du
vers la paraphrase: Id est panes qui offeruntur pro barbitondio
aut come demptione . Elle na t reprise par aucun autre
tmoin. O Heiric a-t-il trouv la bonne leon? Sa source
peut tre simplement son Liber Glossarum qui indique :
Libum: genus dulciamenti , ou encore le De orthographia
de Caper quil avait revu dans son manuscrit Bern BB 338
et qui dit: mustacius panis recte dicimus et mustacium libum .
Le dbut du vers iii, 189 Fermentum tibi habe est glos
dans Ch ct du texte: materiam indignandi de quo scribas
poculum stoma<chi>bilis indignans ferveat; dans la Vulgate
(pvwduye) on trouve en interligne la premire partie de
la glose. Sur le mot augere du vers suivant Ch place trois
points qui renvoient la glose ct du texte accumulare.
La glose, une simple synonymie, ne se trouve ailleurs; par
contre celle du mot suivant, peculia-pecunias, est reprise
par la famillle de la Vulgate (vwdh) en interligne; lautre
famille (uhatye) crit avec p substantiam domus. Pour
le vers iii, 190, Ch partage la glose ancienne reprise par
et met ct du texte une paraphrase de cette glose, traduisant montibus par alpibus ( Civitas est in alpibus
sita. Tempore Iuvenalis et incendia in urbe et ruine nimie
fuerunt ). La premire partie de la glose se retrouve en
interligne dans puhye, cest--dire dans . Simplicibus est
glos dans Ch ct du texte: parvo sumptu edificatis , glose
qui se retrouve en interligne dans vwd. Ces deux dernires
gloses sont absentes de L. Villicus (iii, 195) est glos dans Ch
ct du texte: domuum urbicarum custodes vilici dicuntur ,
glose qui se retrouve dans UH (=). La glose de Trepidatur
54. A.E.Housman, The text of Juvenal, cit. (n.32), le cite comme
older substratum pour L!

AnTard, 18, 2010

ab imis (III 200), flamma ardendo , place dans Ch ct


du texte, se trouve en interligne dans vdu.
On peut donc constater que la plupart des gloses ajoutes
dans Ch se retrouvent intgres dans la Vulgate. V, Leiden
Voss. Lat. Q 18, le reprsentant le plus ancien de la famille
de Wessner pour cette Vulgate, est dat dans la bibliographie
du xesicle55 et, cause de ses gloses, mises en rapport avec
Heiric, suppos dorigine auxerroise. Lcriture du texte
et des gloses de V prsentent encore les caractristiques
du scriptorium de Reims: le module en paralllogramme,
la raret dabrviations, la forte prsence de N onciales
lintrieur et la fin des mots, souvent en liaison avec T. On
trouve dans V les DM de lcole dHeiric, souvent placs
aux mmes passages quen Ch, par exemple la fin de la
Satire 14 (357) : Mortis terrore carentem est glos dans
Ch et V exactement de la mme manire: descriptio fortis
animi, accompagn dans les deux tmoins de DM (dignum
memoriae?) et plac ct du vers (fig. 15-16)
Dans Ch, ces notes ne sont pas de la main dHeiric.
La mme concidence de la prsence de DM se reproduit
ailleurs dans le texte, par exemple ix, 122. Il me semble que
ces faits permettent de conclure que Ch et V ont sjourn
un moment en un mme endroit o ils ont servi au mme
enseignement. Cet endroit est mon avis Reims, lpoque
de Rmi, o V et son jumeau B (Leiden Voss lat F 64) ont
aussi vu le jour et o on a labor la Vulgate de Juvnal en
disposant de Z, du modle de Ch, de Ch et de F. Quen est-il
du Pithoeanus P?
On a suppos que P tait originaire de Lorsch cause dun
ex-libris de ce lieu datant du xe/xie sicle (fol 80v, Codex
sancti Nazarii Martiris Christi)56. En 1465 Mathias Widman,
chapelain du palatin Frdric Ier, inscrit son nom en haut
du fol 1r: Mathias 1465. Au xviesicle P a appartenu
Pierre Pithou (1539-1596) qui sen est servi pour son dition.
On a vu que Ch semble avoir connu le commentaire ancien
marginal de ce tmoin, qui ne se retrouve que dans un autre
manuscrit de Saint-Gall (S). Les gloses interlinaires furent
ajoutes dansP ultrieurement, au xe /xie sicle. Elles concident avec la Vulgate, plus spcialement avec les tmoins de
la rgion du lac de Constance ( =, avant tout e, London BL,
Addit. 30861, xie s.), avec lequel il glose par ex. Segmenta
(i, 123) monilia en y ajoutant le mot en vieil allemand
umaruang. Il glose Flammea du mme vers operimentum
capitis vel orarium en y ajoutant le rare mot vieil allemand
vuinfilun57 pour lequel p fournit la premire occurrence.
55. B.Munk Olsen, Ltude des auteurs classiques latins aux XIe
et XIIesicles, I, Paris, 1982, p. 571.
56. Ibid, .p. 575.
57. E. Steinmeyer E. Sievers, Die althochdeutschen Glossen
Adespota. Nachtrge zu Bd. I-III. Handschriftenverzeichnis,
1898. Hs 295 gl. DCCXVIII, reproduit dans Lommatsch et Beer.
Le mot est discut par Fr. Kluge, Beitrge zur Geschichte der
deutschen Sprache und Literatur (PBB, 43), 1918, p.148-149,
propos de Wimpel. Plus rcemment L.Okken B.D. Haage,

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

135

Fig.15 Cambridge Kings College


fol.43r.

Kluge avait prcis que les trois gloses en allemand de p ne


permettent pas den dceler lorigine gographique: ce qui
na pas empch les germanistes de dduire de lorigine suppose de p (Lorsch) que la Rhnanie tait la rgion dorigine
des gloses allemandes. Ch son tour a neuf gloses en vieil
allemand58, introduites dans le texte peu aprs sa copie.
Dans p, ces gloses sont copies par la main qui a introduit
les autres gloses interlinaires ; dans Ch la situation est
moins vidente du fait que le copiste remplace les voyelles
Kommentar zur Artusepik Hartmanns von Aue, Amsterdam,
1993, p. 442.
58. G. Kbler, Sammlung aller Glossen des altschsischen, Giessen, 1987, p. 61, accessible sur www.koeblergerhard.de.

par des points. Les g typs des gloses en allemand plaident


pourtant en faveur dune identit avec la main du copiste
des gloses interlinaires. Les gloses latines de Ch, souvent
reprises par L, se retrouvent leur tour dans les manuscrits
du lac de Constance, cest--dire le domaine dinfluence de
Saint-Gall59. Rappellons que Saint-Gall a aussi possd le
59. Par exemple, vi, 150 Canusinum oppidum situm est (e.s.
ChL) in locis uberrimis pascuarum. Unde oves illic (i.o. ChLH)
cum lana optima (o.l. ChL) et candida (e.c. om ChL) inveniuntur
(quae-mutari om ChL) quae facile in quemlibet colorem potest
mutari. Hinc et Canusinam lanam dicimus. Petit, inquit, a marito
(a. m. om ChL) possessionem in locis pascuosis. (ChL + Canusinam id est possessionem in Canusio ubi optima lana nascitur
facile in quem vis mutanda colorem). Ulmos autem (om ChLE)

136

veronika von bren

AnTard, 18, 2010

Fig.16 V Leiden Voss. Lat. Q 18


fol.48v.

seul autre tmoin des gloses anciennes (S). La question se


pose donc de savoir si un moment PChL nont pas leur
tour sjourn Saint-Gall60. La relation des gloses de L est
si troite avec E que je suppose que L est originaire de la
rgion du lac de Constance. En ce qui concerne Ch, il est
videmment possible que le modle de Ch sy soit trouv.
Saint-Gall, situ sur la route du Sud vers le Nord, a eu au
viiie-ixe sicle des rapports trs troits avec lItalie du Nord.
Falernas (-nos ChL) vites dicit (v.d. ChL) quae in monte Falerno
ulmis aliisque sustinentur arboribus. Non enim in Italia vites
ad terram (in terra ChL) iacent sed arboribus super extenduntur
unde Virgilius non eadem arboribus pendet vindemia nostris
(UHTEChL)
60. Question que O. Seel sest pose propos du texte de Perse
contenu dans P: voir Zum Persius- Titel des Codex Pithoeanus,
in Hermes, 88, 1960, p.82-98, p. 93.

Egino (c.730-802), de lentourage de Charlemagne et vque de Vrone, sest retir labbaye sur de Reichenau61.
Waldo, un autre moine de Saint-Gall-Reichenau et protg
de Charlemagne, devint vque de Pavie (791/792-801/802)
et de Ble, aprs avoir t pendant un court moment abb de
Saint-Gall, puis de Reichenau. Ces relations se sont traduites
par un change de personnes et de livres dont nous conservons actuellement encore de nombreuses traces. SaintGall, bon nombre de ces manuscrits du viiie sicle arrivs
de lItalie du Nord ont t victimes du purisme de Notker
Balbulus (deuxime moiti ixe sicle), dont on peut lire les
61. A.Zettler, Die karolingischen Bischfe von Verona I. Studien
zu Bischof Egino (802), inS.Brather D.Geunich Ch.Hut
(ds), Historia archaeologica. Festschrift f. Heiko Steuer z. 70.
Geburtstag, Berlin, 2009, p.363-388.

AnTard, 18, 2010

le juvnal des carolingiens la lumire du ms cambridge kings college 52

apprciations ngatives dans le catalogue de la bibliothque


de Saint-Gall du ixe sicle62. Ses jugements, comme totum
mendacium et inutile, semblent souvent concerner ces manuscrits du viiie sicle crits en prcaroline, dune excution
pauvre et difficilement lisible, qui se sont donc souvent
perdus. Cela semble avoir t le cas du modle de P et de
S et du modle de Ch, sil avait t Saint-Gall. lpoque
de Notker, les changes de manuscrits entre Saint-Gall et le
scriptorium de Hincmar de Reims ont t trs frquents63.
Les gloses en allemand contenues dans Ch et P ne doivent
pas forcment nous orienter vers Saint-Gall, elles peuvent
aussi bien provenir de Reims o a exist une bonne culture
germanique grce aux Scots et Godescalc dOrbais. Ils ont
eu accs par exemple au Tatian, la traduction de lharmonie
des vangiles faite Fulda, dont le manuscrit principal a
abouti Saint-Gall (S.Gallen SB 56) et dont Hincmar de
Reims a fait raliser une copie dans son scriptorium (Reims
BM 46)64.
De ltat actuel de la recherche, il me semble quon peut
conclure que ltude de Ch nous permet de mieux saisir la rception carolingienne de luvre juvnalienne, de connatre
le matriel explicatif ancien que les Carolingiens ont hrit
de lantiquit tardive, matriel qui consistait en un corpus de

62. d. P. Lehmann, Mittelalterliche Bibliothekskataloge Deutschlands und der Schweiz 1. Die Bistmer Konstanz und Chur,
Mnchen, 1918, n 16, p 66-82, accessible sur www.e-codices.
St. Gallen ms. 728.
63. Fait que jai pu constater par ex. pour luvre de Solin, de
Vgce et de Publilius Syrus.
64. Pour les manuscrits du Tatian, voir J.Rathofer, Die St.Galler
Handschrift und der Victor-Codex, in Zeiten und Formen in
Sprache und Dichtung ; Festschrift fr Fritz Tschirch z. 70.
Geburtstag, Koln/ Wien, 1972, p.337-356.

137

gloses marginales. Ch transmet ce corpus dans un tat plus


ancien, celui qui a aussi servi G.Valla pour son dition
de 1486 et quil attribua un certain Probus. Ce matriel
est arriv dans un manuscrit du viiie sicle Reims o il a
t retravaill sous lgide dHeiric qui en a fait raliser une
copie, lactuel Ch, laquelle il a particip, peut-tre mme
en tant que copiste, mais en tout cas en y introduisant des
notes marginales et interlinaires. Cette copie fut retravaille
Reims laide de deux autres tmoins, Z et F, et peut-treP,
trs probablement sous lgide du successeur dHeiric, Rmi
dAuxerre. Ce travail ddition a abouti au texte de la Vulgate
et du texte de Juvnal et de ses gloses dans les tmoins V
et B. Le modle de Ch, ou Ch lui-mme, et P ont migr
Saint-Gall o ils ont donn naissance la famille de Wessner. Ce processus nous permet aussi de poser la question
de la comprhension des textes de lantiquit classique par
les Carolingiens. Daprs le tmoignage de la traditon juvnalienne, elle semble bien pauvre. Les textes potiques
antiques auraient surtout servi apprendre la mtrique latine
et enrichir les connaissances de la mythologie antique.
Paris, vvburen@gmail.com

AnTard, 18, 2010, p. 139-150

3. PRATIQUES DE LECTURE

PORTRAITS DE LECTEURS
ATHNE DE NAUCRATIS ET AULU GELLE
CHRISTIAN JACOB

Readers Portraits. Athenaeus of Naucratis and Aulus Gellius


Athenaeus and Aulus Gellius are key authors in order to understand the role of libraries and books
in the writing of scholarly texts : extracts and quotations play a central part in their works. Reading
practices are also displayed through various characters or through self-reflection. This paper is a
first step towards a comparison between these two writers, in order to shed light upon their specific
use of books, in its technical, social and intellectual dimensions. Beyond the information they provide
us with, Deipnosophists and Attic Nights are essential sources in order to understand a particular
idea of culture (paideia), where the knowledge drawn from books inspires various scholarly practices,
between memory and performance. [Author]

Il est peu dauteurs anciens qui ninvitent rflchir sur


lusage quils ont fait des livres et des bibliothques, sur la
manire dont la lecture a pu nourrir leur projet dcriture.
Cette rflexion peut sappuyer sur des indices indirects,
comme les traces dautres textes affleurant sous la surface
de leurs uvres : allusions, paraphrases, emprunts, citations.
Ces figures de la seconde main posent de multiples
problmes dinterprtation, car une citation ou une allusion
peuvent provenir dune source intermdiaire et ne sont pas
ncessairement lindice dune lecture du texte lui-mme1.
Les indices directs, en revanche, tmoignent dun effort de
rflexivit sur les pratiques de la lecture, sur la frquentation
des bibliothques et le maniement des livres : ils peuvent
avoir une valeur documentaire, en nous apportant des informations factuelles sur des lieux, des pratiques, des acteurs
particuliers. Ils nous introduisent aussi dans une stratgie
dautoreprsentation qui dessine la figure sociale de lauteur,
mis en scne dans son propre texte et dans son rapport la
culture et la tradition. Autant que les informations factuelles, cette intention doit alors tre interprte.
Les indices directs et indirects se croisent et se compltent, se contredisent parfois, et permettent dans certains
cas privilgis lobservation quasiment ethnographique
1. Sur cette problmatique, voir le livre classique dAntoine
Compagnon, La Seconde main ou le travail de la citation, Paris,
1979.

dun milieu lettr et de ses pratiques. Il sagit cependant


dune ethnographie au second degr, portant autant sur les
ralits dcrites que sur les filtres culturels et discursifs de
la description, avec les angles morts, les silences, les dplacements, la part de fiction propres aux conventions dun
genre littraire comme aux stratgies de distinction dun
milieu social particulier.
Cest dans cette perspective que je voudrais esquisser une
comparaison entre deux grands lettrs de lpoque impriale,
Aulu-Gelle et Athne de Naucratis, en interrogeant leurs
tmoignages respectifs, ce quils nous apprennent sur les
pratiques et les communauts lettres de leur temps, mais
aussi les modalits de leur auto-reprsentation. Langle
choisi est le maniement des livres. Jentends par l un ensemble de pratiques dont la lecture est lune des composantes
majeure, mais non exclusive. On peut manier les livres sans
les lire ou sans savoir les lire : telles sont les pratiques de
certains collectionneurs de livres, qui ne reconnaissent
leurs bibliothques quune valeur de distinction sociale et
culturelle2. Le maniement des livres implique tout dabord
une gamme de gestes o les rouleaux sont manipuls, rangs, entretenus, mais aussi tenus en main dans le temps de
la lecture. Lergonomie de la lecture dun livre en rouleau
suppose des techniques du corps particulires, au sens
2. Voir Lucien, Contre le collectionneur de livres ignorant, et le
dveloppement de Snque, Sur la tranquillit de lme, 9, 5.

140

CHRISTIAN JACOB

de Marcel Mauss3, mobilisant les gestes et les postures, les


mains, le regard et la voix : il sagit de drouler dune main
et denrouler de lautre un long ruban de fibres vgtales
colles, en faisant dfiler sous les yeux de gauche droite
une succession de colonnes dcriture. Le processus de la
lecture implique ensuite de multiples oprations : dchiffrement visuel des signes inscrits, dcoupage lexical et
syntaxique de la chane continue des caractres, reprage
de laccentuation et de la ponctuation, oralisation, normes
dinterprtation orale propres tel ou tel genre potique ou
discursif4. Pour des lettrs comme Aulu-Gelle et Athne,
le maniement des livres conduit au maniement des textes,
un ensemble doprations matrielles, graphiques, intellectuelles qui impliquent par exemple lextraction de mots ou
dnoncs, leur inscription sur des supports provisoires,
leur mmorisation parfois, leur recontextualisation dans un
nouveau texte. De multiples oprations savantes sont ainsi
rendues possibles, telles que le commentaire, la traduction,
la critique, la paraphrase, la comparaison, linterprtation,
ou simplement lutilisation de tel ou tel passage titre de
tmoignage sur une question donne. Le maniement des
livres pose enfin des questions de porte plus gnrale, tenant
la valeur particulire accorde aux livres dans un milieu
social et culturel particulier : quel type de savoir est ainsi
constitu ? Quel espace intellectuel est dploy ? quelle
conception de la culture est affiche ?
1.

ATHNE, AULU-GELLE ET LEURS MILIEUX


: DEUX COMMUNAUTS SAVANTES

INTELLECTUELS

Mes deux tmoins sont un grec originaire dEgypte, Athne de Naucratis, tabli Rome, et Aulu-Gelle, un romain
qui a tudi en Grce, mais qui crit en latin, et qui lit aussi
bien des livres grecs que latins.
La priode dactivit dAthne est communment situe
dans la seconde moiti du IIe sicle5. Dans le texte lui-mme,
Commode (180-192) est le seul empereur nomm aprs
Hadrien. Luvre dAthne, les Deipnosophistes, aurait
t crite sous le rgne de Septime-Svre (193-211). La
personne relle dAthne nest gure plus pour nous
quune silhouette. Nous navons pas dautres informations que les rares donnes prsentes dans son uvre. Son
nom, Athne, lAthnien , est li la mention de sa
cit dorigine, Naucratis en Egypte, qui ne peut manquer
3. M. Mauss, Les techniques du corps, in Journal de psychologie,
32, 3-4, 1936.
4. Ces diffrentes oprations sont dfinies dans le trait grammatical
de Denys le Thrace (IIe-Ier s. av. J.-C).
5. Le point de dpart du renouveau actuel des tudes sur Athne
est louvage de D. Braund J. Wilkins (eds.), Athenaeus and his
World. Reading Greek Culture in the Roman Empire, University
of Exeter Press, 2000. Je me permets aussi de renvoyer mon
essai : Ateneo, o il Dedalo delle parole, in Ateneo, I Deipnosofisti.
I dotti a banchetto, Roma, 2001, vol. 1, p. XI-CXVI.

AnTard, 18, 2010

dvoquer une fondation grecque voisine, Alexandrie.


Athne est venu stablir Rome. Notre auteur voque
ainsi un parcours entre trois mondes, parcours qui fut aussi
celui du patrimoine livresque et des bibliothques antiques,
dAthnes Alexandrie, puis des royaumes hellnistiques
vers Rome. Athne est reprsentatif de ces rudits venus
stablir Rome au IIe sicle. Naucratis tait alors un foyer
de la culture sophistique. Pollux de Naucratis, auteur dun
Lexique, a fait lui aussi le voyage de Rome o il fut lun
des matres du jeune Commode. Grce la protection de
ce dernier, il put ensuite enseigner la rhtorique Athnes.
Athne appartient au mme milieu intellectuel et partage
avec son compatriote un intrt vident pour le sens et la
forme des mots grecs. Appien dAlexandrie offre un autre
exemple de la trajectoire dun lettr dEgypte qui se rendit
Rome pour y faire carrire. Il fallait pour cela se placer sous
la protection de Romains riches et puissants, et si possible
cultivs. Appien bnficia de lamiti de Fronton, qui lui
obtint une procuratle honorifique de lempereur Antonin le
Pieux6. Dans sa lettre de recommandation, Fronton prsente
Appien comme un ami de longue date et un compagnon
dtudes. Ils partagent en effet un mme intrt tant pour
la rhtorique latine que pour les antiquits romaines, quil
sagisse du lexique ou des valeurs morales. Athne ne
semble pas avoir approch la famille impriale, mais il est
entr dans le cercle dun riche romain aussi gnreux que
cultiv, appartenant lordre questre, Larensis, lhte des
festins et banquets prsents dans les Deipnosophistes.
Athne lui ddie son uvre.
Comme Athne, Aulu-Gelle est une silhouette. Tout
ce que nous savons sur lui, nous le trouvons dans luvre
elle-mme, les Nuits Attiques7. Il y a mme un doute sur son
nom exact. Aulus Gellius ? Gellius ? Agellius ? Il est tabli
Rome sans que lon puisse se prononcer sur une ventuelle
origine provinciale. Il voque de nombreuses reprises un
voyage dtude en Grce lors de sa jeunesse, pendant une
anne au moins. Il ne se prsente pas comme un professionnel du savoir un professeur, un philosophe ou un rhteur.
6. Sur le cercle lettr de Fronton, voir E. Champlin, Fronto and
Antonine Rome, Harvard University Press, 1980. Sur la lettre en
faveur dAppien : Ad Antoninum Pium, 9 (Naber, p. 170).
7. Quelques points de dpart pour aborder luvre dAulu-Gelle :
la riche introduction de Ren Marache au premier volume des
Nuits Attiques (livre I-IV), Paris (CUF), 1967, p. VII-XLI et son
ouvrage plus ancien : La critique littraire de langue latine et
le dveloppement du got archasant au IIe sicle de notre re,
Rennes, 1952 ; Graham Anderson, Aulus Gellius : A Miscellanist
and his World, in ANRW, II/34-2, p. 1834-1862 ; M. L. Astarita, La cultura nelle Noctes Atticae , Universit di Catania,
1993 ; Leofranc Holford-Strevens, Aulus Gellius. An Antonine
Scholar and his Achievement, Oxford, 2003 (revised edition) ;
L. Holford-Strevens A. Vardi (ed.), Aulus Gellius and his
Worlds, Oxford, 2005 ; W. Keulen, Gellius the Satirist. Roman
Cultural Authority in Attic Nights, Leiden, 2009 (Mnemosyne
Supplements, vol. 297).

AnTard, 18, 2010

PORTRAITS DE LECTEURS ATHNE DE NAUCRATIS ET AULU GELLE

Il donne de lui limage dun homme fortun qui partage


son temps entre la gestion de ses affaires et lducation de
ses enfants. Il participe aussi aux affaire publiques il
voque ses fonctions de juge. Il apparat comme un amateur
clair des choses de lesprit, quil sagisse de grammaire,
de philosophie, dantiquits romaines, qui continue lire et
crire dans ses moments de loisir (otium).
Il est difficile de dater les Nuits Attiques, dont la rdaction
a pu schelonner sur une certaine dure. Si lon accepte
de suivre Ren Marache, lApologie dApule contiendrait
une allusion explicite aux Nuits Attiques (Apol. 9). Cellesci auraient donc t crites avant 158. Nous trouvons aussi
une allusion une rencontre avec le grammairien Sulpicius
Apollinaire en 1468. Aulu-Gelle a donc prcd Athne,
et la rdaction des Nuits Attiques se situerait sous le rgne
dAntonin le Pieux.
On trouve chez lun et lautre une certaine forme de
nostalgie. Nostalgie dAthne pour lEgypte et Naucratis,
quil semble avoir dfinitivement quitts. Il y a un horizon
gyptien dans les Deipnosophistes, fait de souvenirs personnels et de notations rudites9, et on pourrait dire que luvre
tmoigne de la prennit dun rve alexandrin, celui dune
bibliothque inpuisable la disposition dun cercle lettr
entretenu par un gnreux mcne. Aulu-Gelle, lui, tmoigne
de la nostalgie dun adulte pour ses annes dtudes et son
sjour en Grce, la nostalgie dun ancien tudiant pour les
matres qui lui ont tant appris. Les Nuits Attiques runissent
les notes de lecture et les souvenirs mmorables dun homme
qui, revenu Rome, na pas cess de frquenter ses matres
et les livres.
Athne et Aulu-Gelle se dfinissent ainsi par un certain
positionnement par rapport au temps et au pass. Ils sintressent principalement aux auteurs, aux usages et aux realia,
la langue du pass, lun dans le champ de lhellnisme,
lautre dans celui de la latinit. Ce rapport au pass revt
de multiples formes : qute dune exemplarit des valeurs
et des comportements dautrefois; qute dun tat pass de
la langue, des critres du purisme, de la correction, du sens
des mots, du bon usage. Malgr la diffrence des contextes
et des enjeux, la question atticiste chez Athne trouve
un quivalent chez Aulu-Gelle avec sa qute de la latinit
ancienne. On trouve aussi chez lun et lautre larchologie
dun univers de pratiques, dobjets, dusages, de rites et
dinstitutions menacs par loubli, ncessitant le recours
ltiologie, ltymologie, linterprtation des mots et des
textes. Il y a enfin un rapport particulier aux livres et aux
bibliothques qui sont les sources et les instruments de ces
questionnements archologiques, de cette exploration de
la mmoire indissociable de la construction dune identit
culturelle.

8. Nuits attiques, XVIII, 4, 1.


9. Voir D. Thompson, Athenaeus in his Egyptian Context, in :
D. Braund J. Wilkins, Athenaeus and his World,

141

Nos deux auteurs offrent des tableaux complmentaires


de la vie intellectuelle Rome lpoque Antonine, dans
un cas, selon un point de vue romain, dans lautre, selon un
point de vue grec. Malgr ces diffrences de focalisation,
les milieux dcrits sont homognes bien des gards. Chez
Athne, comme chez Aulu-Gelle, on croise des Grecs et
des Romains. Si chez Athne, tout le monde parle grec,
chez Aulu-Gelle, il y a une prdominance du latin, mais
aussi un bilinguisme de fait : les intellectuels grecs ou hellniss, comme Hrodes Atticus ou Favorinus, sont bien
prsents. Etudiants grecs et romains se croisent Athnes,
lorsquAulu-Gelle voque le temps de ses tudes.
Entre les deux auteurs, la diffrence essentielle rside
dans les formes de sociabilit dcrites, qui dterminent le
principe de composition de luvre entire: il ny a pas de
contradiction, mais plutt une diffrence de champ. Athne
met en scne un milieu dlimit et cohrent, les membres
dun salon littraire, runi dans la domus de Larensis un
riche patron romain. Ces runions sont rgies par un code
social prcis, car elles prennent la forme dun deipnon suivi
dun symposion. Le rituel du banquet grec constitue ainsi
le principe de composition du texte dAthne dans un jeu
de mise en abyme complexe: les conversations se droulent en effet durant le banquet, mais portent galement sur
chacun de ses moments, sur les objets, les mets, les gestes
qui leur sont associs. Elles miment aussi dautres banquets
littraires, tel le Banquet de Platon. Ce principe directeur
rgule le droulement de la runion, la disposition et linstallation des participants (allongs sur des lits, avec des
coussins), les modalits de la prise de parole (accorde par
un symposiarque qui est aussi un meneur de jeu), le ton de
la conversation, entre srieux et plaisanterie. On sent entre
les convives de Larensis une grande complicit, due sans
doute une longue frquentation.
Chez Aulu Gelle, nous trouvons un milieu intellectuel
ouvert et diversifi. Il ne dcrit pas un salon, mais un rseau
de sociabilit savante compos dune pluralit de figures,
de lieux et de circonstances. Il ny a pas dunit de temps
ni dunit de lieu. La mise en scne de ce rseau nest pas
le principe structurant du texte dAulu-Gelle, qui se prsente comme une suite de dveloppements discontinus, de
longueur variable et de contenu vari. Certains font lobjet
dune mise en scne narrative, la plupart non. On peut ainsi
passer dun banquet donn par Hrode Atticus dans sa maison de Cphisia (I, 2) un cours chez le rhteur Julianus
(I, 4), dune conversation avec le philosophe platonicien
Taurus aprs sa leon (I, 26) au souvenir dune traverse de
nuit entre Egine et le Pire (II, 21). Ces pisodes mettent en
scne des professeurs et leurs tudiants, des magistrats et des
libraires, de vrais rudits et de faux savants, des philosophes
ou de simples amateurs de savoir. Nous passons dAthnes
Rome, de lespace public lespace priv, de la rue la cour,
des tribunaux une salle de confrence. La correspondance
de Fronton rvle le mme rseau, les mmes pratiques

142

CHRISTIAN JACOB

intellectuelles : ces dernires ont aussi pour cadre un lieu


de villgiature, une rception mondaine, une librairie ou
une bibliothque, le forum ou le vestibule dun palais, une
maison prive ou la rue, le temps dune promenade ou dans
lattente dun rendez-vous.
La diversit de lieux et de circonstances, dans les Nuits
Attiques, participe dune esthtique de la discontinuit, rgie
par le dsordre apparent de lenchanement des souvenirs,
des rflexions et des notes de lecture. La cohrence et la
temporalit du cadre symposiaque chez Athne permet en
revanche la continuit du dialogue des deipnosophistes sur
les quinze livres de louvrage. Mais les htes de Larensis
voluent dans le mme espace urbain que les personnages
voqus par Aulu-Gelle. Athne nous indique par exemple
quUlpien, le chasseur de mots, se livre son activit favorite
en tout lieu, dans les rues, les thermes et les boutiques de
libraires (I, 1 d-e) ; ses interlocuteurs sont aussi des habitus
des librairies et des bibliothques (XIV, 648c). Cynulque
dpeint avec humour Myrtilus avec sa bibliothque pornographique sous le bras, cumant tavernes et auberges en
galante compagnie (XIII, 567a).
Lune des diffrences principales entre les deux auteurs
rside dans la manire dont ils se mettent en scne dans
leurs propres textes. Dans les Deipnosophistes, Athne
est le pre du livre, le narrateur du banquet, et lun des
personnages mis en scne dans ce banquet. Il ny tient pas
un rle de premier plan. Mais il coute et mmorise ce qui
se dit, afin de pouvoir raconter oralement Timocrate, un
interlocuteur extrieur, puis dcrire le droulement de cette
runion. Dans les Nuits Attiques, en revanche, Aulu Gelle est
omniprsent. Il est lauteur du texte, dont il explique, dans
une prface, le projet, le contenu, lintention. Il est aussi un
personnage mis en scne dans les diffrentes situations dinteraction sociale, dcrites et racontes de son point de vue. Il
est enfin le lecteur et lhomme cultiv dont le cheminement
intellectuel, la curiosit, les dcouvertes bibliographiques,
et les multiples questions fournissent la matire des Nuits
Attiques. Ce texte apparat ainsi comme une forme de journal de lectures et de rflexions, o laccent est mis sur des
contenus intellectuels varis, avec dans certains cas une
mise en scne narrative permettant de faire intervenir des
tiers ou de rapporter des conversations. Dans un cas, nous
trouvons donc une mise en scne littraire labore et un jeu
de mimsis par rapport un ensemble de modles littraires,
dont le Banquet de Platon10. Dans lautre, un effet de rel
li des souvenirs personnels, des rencontres, aux diffrentes facettes de la sociabilit lettre Rome. Cet effet de
rel, toutefois, est produit par une mise en scne tout aussi
artificielle et labore que celle dAthne.
Un dernier point reste souligner : la nature paradoxale
des personnages mis en scne par Athne. Les deipnosophistes sont au nombre de 24. Comme les 24 lettres de
10. Voir L. Romeri, Philosophes entre mots et mets. Plutarque, Lucien et Athne autour de la table de Platon, Grenoble, 2002.

AnTard, 18, 2010

lalphabet grec ou les 24 chants de lIliade et de lOdysse.


On trouve parmi eux des personnages historiques, comme
Larensis et Galien. Dautres posent des problmes multiples
didentification: comme Ulpien de Tyr : sagit-il du grand
jurisconsulte, actif sous Caracalla (212-217), exil sous
Hliogabale, puis prfet du prtoire sous Alexandre Svre
avant dtre assassin par la garde prtorienne ?11 Dautres
encore veillent dtranges chos le grammairien Arrien,
Philadelphe de Ptolmas, Plutarque dAlexandrie, Varrus,
qui peut dissimuler Varron. Personnages rels qui seraient
les homonymes de figures clbres ? Ou masques et noms
cl ? Il est tentant de reconnatre un cercle rudit rel dans
cette runion de grammairiens, de musiciens, de harpistes
et de chanteurs, de philosophes de mdecins, de juristes,
de lexicographes, dautant plus que Larensis, lhte des
banquets, auquel Athne rend un hommage appuy, est un
personnage bien identifi : membre de lordre questre, il
est un spcialiste des rituels religieux (un pontifex minor)
et fut charg par Marc Aurle de superviser les temples et
les sacrifices. Il sest intress en particulier aux crmonies
sacrificielles au temps de Romulus et de Numa Pompilius.
Juriste et lgiste, il a aussi travaill sur les dcrets de lassemble et du Snat. Il se rclame de la tradition de Varron.
Il a runi une collection exceptionnelle de livres grecs
anciens, et connait les pomes homriques sur le bout des
doigts. Parfaitement bilingue, il participe aux jeux rudits
de ses invits, tout en introduisant parfois le monde romain
dans la conversation.
La figure de Larensis inscrit ainsi les deipnosophistes
dans la vie sociale des lites cultives de lEmpire. Hte
dun salon lettr et savant, il se distingue toutefois dun
Fronton, dont la position sociale est renforce par lautorit
de son statut professoral. Larensis napparat pas comme
un matre parmi ses tudiants. La dissymtrie sociale et
conomique entre le patronus et ses protgs est cependant
attnue par le rituel galitaire du banquet, o la parole
circule sous le contrle dun symposiarque, qui nest pas
le matre de maison.
2. GESTES

ET PRATIQUES DU MANIEMENT DES LIVRES

Les livres et les bibliothques tiennent une place importante pour nos deux auteurs. Dans la partie du prologue
rsume dans lpitom, Athne met laccent sur la collection de livres grecs de Larensis, un patron bibliophile
qui a les moyens conomiques et intellectuels de sa passion (I, 3a-b). Rien nest dit sur une bibliothque de textes
latins, mais on peut en supposer la prsence, car il tait
habituel de distribuer les livres selon ce critre linguistique
(Philodme Herculanum, les bibliothques impriales). Il
11. Voir D. Braund, Learning, Luxury and Empire. Athenaeus
Roman Patron, in D. Braund J. Wilkins, cit. (n. 5), p. 17-18,
qui avance lhypothse que le personnage dAthne serait le
pre du juriste.

AnTard, 18, 2010

PORTRAITS DE LECTEURS ATHNE DE NAUCRATIS ET AULU GELLE

nous est prcis que Larensis collectionne aussi les textes


juridiques et les lois. Cette bibliothque constitue lhorizon
intellectuel des conversations des deipnosophistes. Elle est
mise en abyme dans le texte dAthne, sous la forme de
centaines de citations accompagnes de leurs rfrences
bibliographiques .
Les Nuits Attiques dAulu-Gelle sont galement dune
certaine faon une bibliothque portable , cest--dire
une uvre construite progressivement, au fil dune vie de
lecteur, avec des notes de lecture et les rflexions quelles
inspirent lauteur. Aulu-Gelle et les personnages quil met
en scne sont aussi conduits manier les livres, dans toute
une gamme de situations et dans diffrents lieux, comme les
bibliothques prives ou publiques, les librairies, les lieux
denseignement.
Les deux textes posent en dfinitive la mme question:
comment produire du savoir et du mmorable partir dune
bibliothque ?
De toute vidence, la bibliothque est une cl de luvre
et du projet dAthne. On ne peut que formuler des hypothses sur le rapport personnel de lauteur aux livres de son
patron romain. Athne est-il le bibliothcaire de Larensis,
charg de lentretien matriel des rouleaux, des acquisitions
et de linventaire ? Rien ne permet de laffirmer. Mais les
Deipnosophistes traduisent un rve et un vertige bibliophilique. la possession matrielle des livres, comme objets
de collection, luvre substitue la matrise symbolique
et intellectuelle dune bibliothque. Il nous invite ainsi
ouvrir une rflexion fondamentale sur les pouvoirs dune
telle collection pour des lettrs, au IIe sicle de notre re.
Pouvoirs intellectuels, puisquil sagit de concentrer, faire
masse et nombre, de constituer un champ et un corpus non
rductibles la somme des objets singuliers qui la composent. Pouvoir social et politique, galement, selon que lon
dcide douvrir laccs cette collection ou de le restreindre,
daccueillir dautres lecteurs, voire de prter des livres. Une
bibliothque peut tre le nud dun conflit dintrts entre
ceux qui ont le pouvoir conomique dacheter des livres en
grande quantit, avec des ditions rares, et ceux qui ont le
dsir personnel ou la ncessit professionnelle de les lire.
Le dveloppement des bibliothques publiques dans les
gymnases des cits hellnistiques ou dans la Rome impriale
tmoigne dune politique culturelle autant que des stratgies
sociales et politiques de distinction et de prestige, sous la
forme dun vergtisme dtat ou priv.
Athne construit le monument littraire de la bibliothque de Larensis. Il crit en grec, sur une bibliothque
grecque, appartenant un patron romain. Il cite prs de 800
auteurs et 2500 uvres (selon Charles Burton Gulick, diteur
et traducteur dAthne dans la Loeb Classical Library).
Selon lOxford Classical Dictionary, Athne cite 1250
auteurs, donne les titres de plus de 1000 pices de thtre
et cite 10.000 vers. Il avait indniablement une bibliothque
considrable sa disposition, mme si un certain nombre

143

de ces extraits proviennent de sources intermdiaires (lexiques et autres compilations). La bibliothque de Larensis
tait peut-tre comparable ces grandes collections prives
attestes Rome pendant la priode impriale. Epaphroditos, laffranchi de Nron et le matre dEpictte, avait runi
30.000 rouleaux12. Serenus Sammonicus lgua lempereur
Gordien une bibliothque de 62.000 rouleaux, hrite de son
pre qui vivait sous Septime Svre, cest--dire lpoque
dAthne13. A titre de comparaison, on rappellera les chiffres
donns par la tradition sur les bibliothques dAlexandrie :
42.800 pour la bibliothque du Srapeum, 490.000 rouleaux
pour la bibliothque du Muse, selon Tzetzs14.
Ces chiffres portent sur le nombre de rouleaux conservs
dans les collections et non sur le nombre des uvres : une
uvre donne, en effet, pouvait stendre sur plusieurs rouleaux. Dans le fonds de la bibliothque du Muse dAlexandrie, Tzetzs distinguait ainsi 90.000 rouleaux amigeis et
400.000 rouleaux summigeis. Nous suivons Luciano Canfora
qui reconnat dans les premiers des rouleaux contenant un
texte entier ou plusieurs textes brefs, et dans les seconds
des rouleaux qui doivent tre additionns pour composer
une uvre complte, cest dire des volumes au sens
moderne du terme15.
Si lon admet un lien entre les textes cits par Athne et
la bibliothque de Larensis, cette dernire devait atteindre
plusieurs dizaines de milliers de rouleaux. Mais nombre
des citations peuvent aussi venir de textes intermdiaires,
compilations ou lexiques. La lecture dAthne suggre
en tout la cas la matrise intellectuelle dune bibliothque
considrable, quil sagisse des livres disposition ou des
textes connus de seconde main. La bibliothque de Larensis apparat comme larche de No de la culture et de la
littrature grecques anciennes. Dans la brve squence de
lhistoire des bibliothques antiques esquisse par Athne
pour clbrer son patron (I, 3 a-b), aprs Athnes, lcole
dAristote, Alexandrie et Pergame, Rome apparat comme
ltape ultime de la transmission des livres. Athne ne
clbre pas les bibliothques publiques impriales, mais la
bibliothque prive dun membre de lordre questre.
Les Deipnosophistes dAthne marquent ainsi le lieu et
le moment o deux bibliothques en viennent concider :
une collection de livres matrielle (la bibliothque de Larensis) et un espace intellectuel, un horizon. Parmi ce qui
sest dit et pens dans la langue grecque, cette bibliothque
12. Souda, sv. Epaphroditos.
13. Hist. Aug., Gordianus, XVIII, 2.
14. Tzetzes, Prolegomena de comoedia, p. 32 (Koster).
15. Voir L. Canfora, La vritable histoire de la bibliothque
dAlexandrie, Paris, 1986, p. 202-204, qui retrace lhistorique de
la question et introduit linterprtation que nous reprenons ici; voir
aussi L. Canfora, Le Biblioteche Ellenistiche. in: Le biblioteche
nel mondo antico e medievale, a cura di G. Cavallo, Roma-Bari,
1988, p. 11-13; L. Canfora, La Bibliotheca e il Museo, in Lo
spazio letterario della Grecia antica, a cura di G. Cambiano
L. Canfora D. Lanza, I, 2, Roma,1993, p. 24-25.

144

CHRISTIAN JACOB

runit tout ce qui, un jour a t confi lcrit et est entr


dans le moule dun genre discursif ou littraire, dun champ
disciplinaire. Cet horizon est un espace authentifi, autoris
et partag, grce une double expertise bibliographique :
celle dAthne lui-mme, larchilecteur, le cartographe de
la bibliothque, qui sait o trouver tel texte ou tel auteur ;
celle des personnages quil met en scne dans le dialogue,
de grands lecteurs qui viennent au banquet avec des sacs
de livres, pour partager leurs dernires acquisitions et faire
des livres lobjet de leurs conversations. La bibliothque
qui constitue la toile de fond des Deipnosophistes est en
effet un espace social, plac sous le contrle dun savoir
partag, rgi par des normes, des usages, un ordre. Le
substantif grec pinax dsigne la tablette , la planche ,
et semploie aussi bien propos dune carte gographique,
dun catalogue, ou dun plateau. Cette polysmie sous-tend
lemploi du terme chez Athne, puisque les mets apports
sur les plateaux appellent les squences de citations et leurs
rfrences bibliographiques, qui les inscrivent dans un lieu
donn de la bibliothque et de la littrature grecques16.
Parmi les auteurs grecs que nous avons conservs, Athne
est sans doute lun de ceux qui manifestent la plus grande
expertise bibliographique. On pourrait le rapprocher de
Galien, qui figure dailleurs au nombre des convives de
Larensis. Athne nous apparat comme un connaisseur, qui
sait identifier, attribuer, classer les livres et accorde la plus
grande importance aux problmes dauthenticit17.
Dans la seconde moiti du IIe sicle de notre re, collectionner les vieux livres grecs est une affaire damateur
averti. Lironie de Lucien de Samosate lgard dun
bibliophile riche, mais ignorant, nous le rappelle18. Nous
connaissons lexistence de manuels spcialiss pour ceux
qui dsirent se constituer une bibliothque, donnant des
conseils sur les livres acheter19. Possder une bibliothque
personnelle est un signe extrieur de culture et dfinit un
statut social, qui peut ventuellement tre li lexercice
dun mtier particulier (professeur, philosophe, mdecin).
Chez Athne, tous les textes provenant de la Grce
classique ou hellnistique sont accompagns de rfrences
bibliographiques, selon les normes des catalogues des grandes bibliothques royales Alexandrie, au premier chef,
16. Le verbe paratithesthai chez Athne dsigne aussi bien la
prsentation des plats que la citation des textes.
17. Voir Chr. Jacob, Athenaeus the librarian, in Braund Wilkins,
cit. (n. 5), p. 85-110.
18. Voir le prcieux commentaire de ce texte par Maria Rita Pierro
et Luciano Canfora, Luciano. Contro un bibliomane ignorante,
Palermo, 1994.
19. Athne cite La Collection de livres dArtmon de Cassandreia
(XII, 515d-e ; XV, 694a). Nous connaissons les titres douvrages
analogues : Sur lacquisition et le choix des livres dHerennius Philon (un contemporain dHadrien) et La connaissance
des livres de Tlphe de Pergame. Les trs rares testimonia
sont cits dans RE, XV, col. 653-654 (Gudeman) et RE, XIX,
col. 369-371 (Wendel).

AnTard, 18, 2010

puis Pergame : ces dernires ont permis llaboration dun


savoir expert de linventaire, de lidentification, de lattribution. Tout texte grec est suppos avoir sa place, dans une
subdivision de lespace littraire, dans un corpus, comme
un lieu sur la carte.
Les mtadonnes bibliographiques comprennent le
nom de lauteur, son origine gographique, sa spcialit
ventuelle (appartenance une cole philosophique, genre
littraire ou discursif), dautres informations biographiques (datation, mention du matre). Viennent ensuite les
prcisions sur le texte lui-mme : titre, incipit du texte
(utile pour les textes ayant des titres ambigus), nombre de
lignes du texte, nombre total de livres / rouleaux, numro
du rouleau cit. Toutes ces donnes ne sont pas ncessairement runies pour chaque citation, mais elles offrent un
choix doutils de vrification dans le cas didentifications
ambigus. Athne sappuie ainsi la fois sur les donnes
attaches un exemplaire particulier (son pigraph,
inscrite frquemment la fin du rouleau, ou son sillubos,
ltiquette extrieure), et sur un savoir constitu: la carte
gnrale des savoirs et des genres littraires, drivant des
Pinakes de Callimaque. Ce savoir permet dans certains
cas de corriger ou de complter les donnes attaches un
exemplaire particulier. Ce dispositif de vrification permet
de sassurer que bibliothcaires, libraires, lettrs, parlent
bien des mmes livres20.
Ces mtadonnes permettent dinventorier les livres et
de les classer, de les mettre en liste, de manier des citations,
des mots, des fragments sans quils soient dconnects de
leur origine. Le Muse dAlexandrie est le lieu o la carte
et le territoire, la bibliothque et son catalogue ont concid
pour un temps, travers les Pinakes de Callimaque. Puis,
la carte sest dtache du territoire, sous leffet du temps,
des pertes et des destructions comme de lapparition de
nouveaux textes : il fallut alors corriger, complter le catalogue, ce furent la tche dAristophane de Byzance, puis
des bibliothcaires de Pergame.
Les mtadonnes bibliographiques peuvent sappliquer luvre entire ou lun de ses extraits. Elles permettent de renvoyer un texte connu de tous, par exemple dans
une discussion critique ou pour accompagner une citation.
Dans les conversations mises en scne par Athne, elles
tiennent lieu de signes de reconnaissance et de connivence,
qui certifient que tous les interlocuteurs appartiennent au
mme monde savant. Les convives de Larensis possdent
en effet la mme matrise de la bibliothque : ils savent
comment citer les livres et comment traiter les accidents de
la tradition des textes, par exemple quand ils sont confronts
plusieurs titres ou plusieurs auteurs pour un mme livre.
Ils connaissent les problmes qui affectent des livres soumis
une circulation incontrle et centrifuge, quil sagisse
de copies faites entre particuliers, de faux avrs rsultant
20. Pour une description plus fine de ces procdures, nous renvoyons notre tude Athenaeus the librarian, cit. (n. 17).

AnTard, 18, 2010

PORTRAITS DE LECTEURS ATHNE DE NAUCRATIS ET AULU GELLE

de la politique dachat des bibliothque hellnistiques, de


la confusion entre des auteurs ou des uvres homonymes.
Dans les runions de ce cercle de bibliophiles, on partage
les dcouvertes que lon a faites, on se montre les livres
rares et on se les prte, on les rsume, on les paraphrase, on
en lit des extraits21.
Chez Athne, la bibliothque est donc la fois un dispositif centripte et centrifuge. La collection de Larensis
est en effet prsente comme le point daboutissement de la
tradition des bibliothques antiques. Les invits apportent au
banquet des sacs remplis de livres (I, 4b). Et enfin, luvre
dAthne est elle-mme un texte-bibliothque, rassemblant une grande quantit de fragments de livres. Mais ce
rassemblement est aussi travers par une force centrifuge :
la bibliothque est fragmente en mots, en citations, en
rfrences bibliographiques.
Aulu-Gelle nous offre un tableau diffrent. Nous ne
trouvons pas chez lui de trs grande bibliothque ni un
cercle de lettrs nigmatiques, mais des lieux et des situations diversifis, qui schelonnent sur la dure dune
vie. A certains gards, les Nuits Attiques peuvent tre lues
comme le journal dun lettr, mettant en scne son rapport
aux livres et au savoir. Si lintention dAthne et le sens
de son entreprise restent certains gards nigmatiques,
le projet dAulu-Gelle et le genre littraire dans lequel il
sinscrit sont mieux dfinis et explicits, dans la prface
de son ouvrage. Aulu-Gelle se prsente comme un romain
cultiv qui, au temps de ses tudes Athnes, a commenc
prendre des notes de lectures, pendant les longues nuits
dhiver, une activit qualifie damusement. Il a poursuivi
cette activit lge adulte, lorsque le temps se partage entre
negotium et otium :
Nous avons suivi lordre du hasard, celui de nos notes
de lecture. Selon que javais eu en mains un livre, grec
ou latin, ou que javais entendu un propos digne de
mmoire, je notais ce quil me plaisait, de quelle sorte
que ce ft, indistinctement et sans ordre, et je le mettais de ct pour soutenir ma mmoire, comme en des
provisions littraires, afin que, le besoin se prsentant
dun fait ou dun mot que je me trouverais soudain avoir
oubli, sans que les livres do je lavais tir fussent
ma disposition, je pusse facilement ly trouver et ly
prendre (Praef., 2).
Aulu-Gelle dcrit ici une pratique lettre particulire :
celle des extraits, des fragments prlevs dans un texte lu et
recopis sur un autre support. Cette pratique permet de garder
trace dune slection de passages, den disposer sans avoir

21. Voir IV, 124d : un convive voque un Dner attique de Matron


et en raison de sa raret en cite 120 lignes ; voir aussi IV, 128a-c,
o, dans le rcit-cadre, Athne parcourt le contenu des Lettres
de banquet dHippolochus.

145

se reporter aux diffrents rouleaux do ils proviennent22. On


se constitue ce faisant une bibliothque portable. La lecture
et lactivit lettre sapparentent un travail de collecte, qui
ne prsente pas un caractre systmatique, mais procde des
hasards dune curiosit personnelle. Nous sommes loin de
la compilation dAthne, passant la littrature grecque au
crible du banquet. Aulu-Gelle revendique lclectisme et la
diversit, non seulement dans ses choix de lecteur, mais aussi
dans sa pratique dcriture. Cette dernire revt diffrentes
formes, de la citation la paraphrase, selon que lintrt porte
sur les mots ou les choses, les verba ou les res. Ces notes sont
laide-mmoire dun lecteur qui pourra retrouver dans leur
succession alatoire des passages qui ont veill sa curiosit
ou lui ont fourni une matire rflexion et discussion. Si
lordre alatoire, ou revendiqu tel, de la composition des
Nuits Attiques est cens reflter lenchanement des notes
de lecture et des autres memorabilia qui ont maill le quotidien de lauteur, une table des matires en tte de chaque
livre permet linventaire des sujets traits et se prte une
ergonomie de la consultation : chaque chapitre fait lobjet
dun bref rsum, suffisant pour en indiquer le contenu. Cette
table des matires permet de se dplacer lintrieur dun
livre de mme quun catalogue bibliographique permet de
se dplacer dans une bibliothque.
Jusqu un certain point, Athne et Aulu-Gelle partagent les mmes mthodes de travail : ils prennent des notes
au fil dune lecture (ou ils sont assists par un secrtaire,
alors quun autre serviteur lit haute voix un texte, selon
le dispositif dcrit par Pline le Jeune propos de son oncle,
lauteur de lHistoire naturelle : Lettres, III, 5). Ces notes
sont inscrites sur un support intermdiaire, tablette de cire ou
rouleau. Si ces notes sont prises au fil dune lecture continue,
elles suivent lordre du texte. Ces extraits peuvent prendre
la forme du rsum. Si le projet du lettr est de constituer
une documentation sur diffrents thmes, il faut ensuite
redistribuer ces notes de lecture sur diffrents rouleaux ou
diffrents emplacements dun mme rouleau. Cest ainsi
quAthne a vraisemblablement procd pour regrouper
partir de sources multiples les matriaux thmatiques de
son encyclopdie symposiaque. Dans une dernire tape,
ces matriaux sont intgrs dans la trame dun nouveau
texte, le dialogue des deipnosophistes, o ils sont prsents
comme des citations changes de mmoire au cours de la
conversation. Il y aurait ainsi, dans le cas dAthne, trois
tapes de copie, trois transferts successifs des matriaux,
mots ou fragments, prlevs dans les textes. Aujourdhui, un
fichier permet de rorganiser commodment des matriaux
selon diffrents principes dordre, alphabtique, thmatique
ou bibliographique. Le papyrus se prsentant sous la forme
dun rouleau dj fabriqu, il fallait dcouper les feuilles
pour disposer dun dispositif comparable. Rien ne permet
daffirmer quAthne ait procd ainsi, mme sil nous
22. Sur ces oprations, voir T. Dorandi, Le stylet et la tablette.
Dans le secret des auteurs antiques, Paris, 2000.

146

CHRISTIAN JACOB

faut imaginer la squence des oprations et des supports


intermdiaires qui ont permis de composer la mosaque
complexe des Deipnosophistes. Aulu-Gelle na pas rorganis les matriaux prlevs dans une trame discursive
continue et ordonne, mais il conserve la forme discontinue
de ses notes et de ses souvenirs, assembls selon un ordo
fortuitus. Les Nuits Attiques, cependant, rsultent aussi de
la rcriture de ces matriaux bruts, auxquels elles apportent la valeur ajoute dune discussion savante et parfois
dune mise en scne. Cest ainsi, pensons-nous, quil faut
comprendre la transition des annotationes aux commentarii
voque dans la prface (3). Cette dernire a t crite alors
que luvre comprenait dj 20 rouleaux, mais Aulu-Gelle
prvoit de continuer crire jusqu la fin de ses jours. Le
texte conserv ne va pas au-del de ces 20 livres. Sagit-il
dun premier tat de luvre que lauteur aurait mis en
circulation ? Est-ce que les livres postrieurs nont jamais
t crits ou mis en circulation ? Nous en sommes rduits
des conjectures.
Nous pouvons cependant formuler une question de porte
plus gnrale. Comment et pourquoi passe-t-on dun recueil
de notes de lecture usage personnel ou familial (Aulu-Gelle
affirme destiner le sien ses fils) un texte offert une circulation plus large ? Quelle est la part des matriaux bruts
(notes de lectures, memorabilia), quelle est la part de la mise
en forme littraire ? Les extraits prlevs au fil de multiples
lectures constituent au sens propre un readers digest, une
bibliothque portable, car rsume, condense et filtre. Un
tel recueil peut se substituer aux textes compils, en offrant
un montage de citations, de rsums, de paraphrases. Il ouvre
la voie la transmission indirecte des textes, puisque ces
fragments peuvent tre leur tour extraits et rutiliss par un
nouveau lecteur. A cette collection dextraits, un tel recueil
apporte aussi la valeur ajoute dun point de vue particulier,
celui du lettr qui a lu, slectionn et dcid dextraire. Ce
qui fonde en effet la valeur de tels recueils, cest autant
la raret et le nombre des livres compils que lrudition,
voire la notorit du compilateur. Au-del de celui-ci, ils
peuvent intresser dautres lettrs, tant par lattrait dun
exemplaire unique pouvant sduire un bibliophile que par
les usages possibles dune collection de matriaux savants
slectionns, mis en ordre et discuts. Une telle bibliothque
dextraits peut sduire le lecteur curieux comme le savant
dsireux de disposer dune vaste collection de matriaux
quil pourra, le cas chant, remployer dans ses crits ou
dans ses conversations.
Aulu-Gelle lui-mme tmoigne de la circulation sociale
de ce type de recueils, qui pouvaient tre offerts ou prts
entre lettrs. Une de ses connaissances lui donne un immense
rouleau empli de notes de lectures sur des ouvrages aussi
rares que varis, o il pourrait librement puiser les matriaux
quil jugerait intressants23 : Je le prends avec avidit et
joie comme si javais trouv la Corne dabondance, et je me
23. Aulu-Gelle, XIV, 6, 1.

AnTard, 18, 2010

retire tout lcart pour le lire sans tmoin . Il numre un


certain nombre des sujets traits dans ce recueil, introduits
par des questions typiques du genre des zeteseis que lon
pratiquait dans les conversations de banquets, comme en
tmoignent Plutarque et Athne. Au fil de ses lectures, en
particulier homriques, ce lettr a collect les curiosits, les
obscurits, les questions les plus rudites. Cette polymathie
vertigineuse, toutefois, nest pas du got dAulu-Gelle qui
restitue le rouleau en estimant ne pas pouvoir en faire usage.
Cet pisode lui permet de dfinir nouveau son projet littraire, mme sil ne rsiste pas au plaisir de citer les questions
traites dans le rouleau de son ami : une rudition mise en
miroir, en quelque sorte, un anti-modle, qui offre cependant
la matire dun chapitre des Nuits Attiques.
Pour certains lettrs, cependant, de telles collections
constituaient une aubaine. Pline lAncien stait vu proposer
la somme de 400.000 sesterces pour les 160 rouleaux de ses
notes de lecture24 : ce montant considrable sexpliquait par
la notorit de lrudit comme par lampleur de la documentation runie. Le nombre de rouleaux utiliss par Pline donne
un point de comparaison pour valuer la documentation dun
Athne. Dans certains cas, le compilateur peut mettre en
circulation sa collection dextraits. Au IVe sicle, le sophiste
Sopatros dApame, un lve de Jamblique, a ainsi runi en
douze livres tous les extraits quil a prlevs au fil de ses
lectures. Dans le premier livre, il avait notamment consign
les notes tires des Deipnosophistes dAthne. Les livres
suivants attestent de lusage dautres collections semblables:
les Epitomai de Pamphil, lHistoire varie de Favorinus, les
Mmoires mlangs dAristoxne, les Vies des Philosophes
de Diogne Larce etc.25 Sopatros pratique une forme de
compilation au second degr, portant non sur les uvres
littraires du pass, mais sur des recueils dextraits. Les
matriaux prlevs dans ces derniers ne sont pas redistribus
selon de nouveaux principes dorganisation, mais restent
groups selon leur origine bibliographique. Le degr de
rduction et de filtrage est impressionnant : les quinze livres
des Deipnosophistes dAthne fournissent la matire dun
seul livre de la collection de Sopatros. Chaque tape dune
telle tradition indirecte des textes antiques implique des
pertes considrables.
Aulu-Gelle na pas donn ses Nuits Attiques un caractre
aussi systmatique. Il partage nanmoins avec les lettrs de
son temps la pratique de lextrait et des notes de lecture :
mais ces notes ne sont pas une fin en soi, elles sont le plus
souvent associes une question drudition et sa discussion, dans la forme discontinue quil a choisie.

24. Pline le Jeune, Lettres, III, 5, 17.


25. Photius nous a conserv le sommaire dtaill du recueil de
Sopatros: Bibliothque, cod. 161.

AnTard, 18, 2010

3. LIVRES

PORTRAITS DE LECTEURS ATHNE DE NAUCRATIS ET AULU GELLE

MATRIELS, BIBLIOTHQUES VIVANTES

Pour Athne comme pour Aulu-Gelle, la bibliothque


est la fois un cadre matriel et un champ intellectuel. Ce
champ permet au lecteur savant de formuler des questions
et de parcourir des livres pour trouver la rponse ou une
dclinaison de rponses possibles entre lesquelles il pourra
ou non trancher. La nature de ces questions varie dun lettr
lautre, selon la grille de ses intrts et sa spcialisation
professionnelle. Mais la bibliothque est le lieu o trouver les
rponses des questions grammaticales ou historiques, ainsi
quun espace de discussion critique, permettant dvaluer
ces informations, ces arguments ainsi que la crdibilit de
leurs auteurs. Ds lors quune question donne peut recevoir
une pluralit de rponses contradictoires ou simplement
diffrentes, le travail dans la bibliothque suscite parfois
une forme de scepticisme, o le lettr suspend son jugement
faute de pouvoir dcider entre diffrentes autorits, ou au
contraire des oprations critiques o il fera jouer les textes
les uns par rapport aux autres : le lecteur aura dans ce cas
le dernier mot, provisoirement, sur les auteurs utiliss. Il
est en mesure dtablir de nouveaux liens entre des textes,
entre des informations et des matriaux savants, quelles que
soient leurs origines. Ces diffrentes stratgies partagent un
point commun : elles relvent de savoirs o la littralit des
noncs et leur attribution une autorit identifiable sont
essentielles.
Athne et Aulu-Gelle invitent, chacun dans son registre
propre, rflchir la position particulire du lecteur cultiv
ou rudit. Quel pouvoir confre le fait de lire un livre, un
texte du pass ? Comment passe-t-on de la lecture des
formes dcriture qui sarrtent sur des lieux, des phrases,
des problmes reprs dans les textes lus ? Nos deux auteurs
dploient un espace intellectuel o diffrents textes, diffrents rgimes dautorit sont convoqus, pour expliquer,
approfondir, dployer des problmes rudits. Ils ouvrent
ainsi un espace dialectique o ils font interagir des auteurs
qui ne se sont jamais rencontrs, comme des potes et leurs
commentateurs, ou des philosophes dcoles et dpoques
diffrentes, ouvrant ainsi le champ de la comparaison doxographique. Certains textes, par exemple les lexiques et les
commentaires, sont utiliss comme des outils, des leviers
cognitifs pour agir sur dautres textes, sur leur intelligibilit,
sur leur littralit et sur leur sens.
Tout en appartenant au mme monde lettr , Athne
et Aulu-Gelle diffrent sur un certain nombre de points.
La bibliothque dAulu-Gelle est beaucoup moins tendue
que celle de lauteur des Deipnosophistes : on est loin des
centaines dauteurs grecs cits par Athne. Ce dernier
pratique avant tout une lecture extensive, filtrant un grand
nombre de textes en qute dinformations, danecdotes, de
donnes lexicales sur lunivers social et matriel du banquet
grec, mme sil peut sattarder sur tel ou tel passage posant
des difficults particulires dinterprtation. En revanche,

147

Aulu-Gelle pratique plutt une lecture intensive et lente,


prenant le temps de sarrter longuement sur des textes
particuliers et doffrir un commentaire approfondi de faits
linguistiques ou culturels. Les milieux lettrs quil met en
scne dans certains chapitres des Nuits Attiques pratiquent
le mme type de lecture : ainsi, le client dun libraire spcialis dans les livres anciens demande-t-il conseil un
grammairien clbre pour juger de lauthenticit et de la
qualit ditoriale dun exemplaire des Annales de Fabius
(V, 4). On rencontre de vrais et de faux savants assis dans
une librairie, lisant haute voix et discutant de ltablissement et de linterprtation de passages difficiles (XVIII, 4).
Ailleurs, Tibur, au cur de la canicule, on emprunte un
trait dAristote dans la bibliothque du temple dHercule
pour lire un passage particulier (XIX, 4). Aulu-Gelle se met
lui-mme en scne dans cet pisode, et on le retrouve dans
dautres bibliothques, entour de ses amis, bibliothques
romaines comme celles du forum de Trajan (XI, 17), de la
domus Tiberiana (XIII, 20), du templum Pacis (V, 21), ou
encore Patras, o il dcouvre une trs ancienne dition de
lOdysse de Livius Andronicus (XVIII, 9).
Les convives des banquets de Larensis sont tous des rudits de haut vol, de grands connaisseurs de la bibliothque
grecque dautrefois. Leur mulation et leurs dfis dans le
texte dAthne ne sauraient occulter la symtrie de leurs
changes : nous sommes dans un espace de jeux et de joutes, non denseignement. Chez Aulu-Gelle, en revanche, le
livre peut tre mis en scne dans une relation dissymtrique,
par exemple dans la relation dun matre avec ses lves.
Une scne en particulier rsume bien cet usage des livres.
Hrode Atticus reoit ses tudiants romains, dont AuluGelle lui-mme, dans sa villa de Cphisia (I, 2). Durant le
banquet, un jeune homme prtentieux, qui se vante dtre
philosophe, importune lassistance par ses discours tisss
de mots obscurs. Hrode Atticus va lui rpondre, mais par
le biais dune lecture, par un passage du premier livre des
Entretiens dEpictte, runis par Arrien. Un serviteur va
chercher le rouleau dans la bibliothque de la maison et on
lit le passage : Epictte critique les jeunes gens qui se prtendent stociens, non sur la base dune pratique srieuse de
ce genre de vie philosophique, mais en recourant seulement
des sophismes et des discours scolaires. Le passage est
lu, Aulu-Gelle le reproduit en grec. Ayant entendu cela,
ce jeune homme plein dinsolence sest tu, comme si tout
cela navait pas t dit par Epictte lintention dautres
personnes, mais par Hrodes lui-mme son gard . Cet
pisode est-il un souvenir authentique ? Ou une fiction
destine encadrer la citation dun extrait dEpictte ? Il
est difficile de trancher. Mais la mise en scne suggre un
usage spectaculaire et ironique du livre, o Epictte parle
pour Hrode Atticus, o lautorit du philosophe sajoute
lautorit du professeur, o la lecture haute voix donne
plus de force encore la leon publiquement adresse au

148

CHRISTIAN JACOB

jeune homme arrogant. Ce dernier reste sans voix et ne peut


rpondre Epictte.
On trouve un scnario comparable dans une autre scne
des Nuits Attiques. Aulu-Gelle voque un souvenir de jeunesse : avec des camarades dtudes, au plus fort de lt, il
sest retir dans le domaine dun riche ami Tibur (XIX, 5).
La chaleur est telle que pour se rafrachir, les jeunes gens
boivent de leau de neige fondue. Un homme de bien, bon
connaisseur dAristote et des pripatticiens, les met en
garde contre les mfaits de cette boisson pour la sant, en
invoquant lautorit des meilleurs mdecins et dAristote
lui-mme. Rien ny fait, Aulu-Gelle et ses compagnons
continuent boire leau frache. Leur interlocuteur, cependant, ne renonce pas les dissuader et va chercher dans la
bibliothque du temple dHercule un livre dAristote (dont
le titre nest pas indiqu): Croyez au moins ce que dit cet
homme si savant et cessez de dtruire votre sant ! . Le
livre vient apporter un surcrot dautorit et de persuasion
aux conseils du personnage, en expliquant pourquoi la neige
fondue donne une eau malsaine. Aulu-Gelle rapporte dabord
la paraphrase en latin du raisonnement dAristote, puis ajoute
une citation partielle, mais littrale du texte grec lui-mme.
Aprs cette lecture, les jeunes gens rendent hommage la
science dAristote, mais seul Aulu-Gelle renonce boire de
la neige fondue. Cette mise en scne nest peut-tre quune
fiction destine encadrer un extrait dAristote et un dveloppement curieux sur la nature de leau rsultant de la fonte
de la glace. Il est nanmoins intressant de souligner le rle
du livre, qui vient apporter un surcrot dautorit aux mises
en garde du personnage anonyme. Mentionnant les thories
dAristote et des meilleurs mdecins, celui-ci ne parvient
pas convaincre. Lautorit des personnages cits nest pas
suffisante. Ce nest quen mettant le livre dAristote entre
les mains des jeunes gens et en les invitant lire le texte par
eux-mmes quil sera entendu. Cest Aristote lui-mme qui
parle par la voix de son lecteur.
Un livre peut donc tre investi dune autorit suprieure
celle dun matre ou dun savant, et produire un effet
difiant ou persuasif particulier, tenant son auteur comme
au pouvoir de la littralit et de la lecture haute voix, au
statut particulier de cette parole qui permet de prsentifier
labsent et de rinsrer son discours dans une situation
dinterlocution vivante, avec sa pragmatique propre. Dans
dautres situations, en revanche, le texte crit nest pas suffisant et demande, pour rvler pleinement sa signification
et son intention, lintervention dun lecteur expert. Un pisode nous parat ici particulirement intressant (I, 4) : Le
rhteur Antonius Julianus avait vraiment un talent distingu
et agrable. Il avait aussi cette science si utile et charmante,
la trs grande curiosit et connaissance des raffinements
de la littrature ancienne; en outre, il tudiait avec tant de
pntration tous les crits un peu antiques et en pesait les
vertus ou en dcelait les dfauts quon et dit son jugement
fait comme une pure. Aulu-Gelle donne un exemple de ce

AnTard, 18, 2010

jugement : le commentaire dun passage du de Plancio de


Cicron, o Julianus analyse les effets dun changement de
mot sur ladhsion du lecteur lide exprime. Aulu-Gelle
cite le texte de Cicron et rapporte les propos de Julianus,
quil considre comme reprsentatifs de sa mthode dexplication des auteurs anciens lintention des adulescentes qui
lisaient leurs textes chez lui. On peut lire le texte de Cicron
sans vraiment le comprendre, sans pleinement apprcier sa
construction, la subtilit du choix des mots, son intention.
Ce qui diffrencie le matre et ses tudiants, cest un sens
intuitif de la langue latine et du style de ses grands auteurs,
acquis par une longue frquentation des textes. Julianus se
distingue ici par la sret de son jugement critique, par sa
comprhension profonde du texte cicronien, jusque dans
le choix des mots.
Cest le mme type dexpertise lettre que lon trouve
dans un autre chapitre des Nuits Attiques, consacr un
extrait du 5e discours de Cicron contre Verrs (I, 7). La
discussion porte sur un manuscrit particulirement soign,
prsentant un texte jug trs fidle. Certains lecteurs cependant croient relever un solcisme qui mriterait correction :
... hanc sibi rem praesidio sperant futurum. Il faudrait selon
eux lire futuram et corriger le manuscrit en consquence. Un
ami dAulu-Gelle entre alors dans la conversation, homme
qui stait employ dabondantes lectures, qui avait fait
recherches, tudes et veilles sur presque tout ce qui concerne
la littrature ancienne . Il dfend la leon du manuscrit,
futurum, et soppose au jugement htif et superficiel de
lecteurs peu attentifs. Il identifie en effet dans futurum non
un participe qui devrait saccorder rem, mais une forme
verbale indfinie et invariable, laparemphaton des Grecs.
Il appuie son interprtation sur une srie de cas analogues,
chez Caius Gracchus, Claudius Quadrigarius, Valerius Antias, Plaute, Laberius, et il donne chaque fois une citation
quAulu-Gelle reproduit dans son chapitre.
Comme Antonius Julianus, ce lettr anonyme apporte la
lecture des textes une grande sret de jugement et son expertise grammaticale, mais aussi une tonnante mmoire qui,
en labsence, semble-t-il, des livres eux-mmes, lui permet
de mobiliser une srie de cas analogues pour appuyer son
argumentation. Lun et lautre mriteraient les qualificatifs
quEunape accorde au sophiste Longin (213-273 apr. J.-C) :
ils sont une sorte de bibliothque vivante (bibliothk
tis empsuchos) et de muse ambulant (peripaton
mouseon)26. Longin fut le matre de Porphyre et lui permit daccder au sommet de la paideia, au sommet de la
grammaire et de la rhtorique. Auteur prolifique, Longin
sillustra en particulier dans la critique des anciens et son
jugement littraire tait souverain pour infirmer ou valider
ceux de ses contemporains. Bibliothque vivante et
muse ambulant , Longin runissait dans sa personne les
deux grandes institutions culturelles dAlexandrie, le lieu de
savoir qutait le Muse, avec son cnacle de savants et de
26. Eunape, Vies des Sophistes, 455-456.

AnTard, 18, 2010

PORTRAITS DE LECTEURS ATHNE DE NAUCRATIS ET AULU GELLE

lettrs, et la collection de livres qui lui tait attache. Selon


cet loge paradoxal, pour tre cultiv et savant, il ne suffit
pas de frquenter ces lieux de savoir que sont les bibliothques et les muses, comme le fit Longin Alexandrie, lors
de ses annes dtudes. Il faut devenir soi-mme ces lieux
de savoir, sidentifier eux, les incorporer de manire
les transporter toujours avec soi. Bibliothque vivante, le
lettr emporte avec lui la mmoire des livres quil a lus, sa
connaissance intime des textes, un immense rpertoire de
citations prtes tre mobilises, dans les leons professorales comme dans les conversations de banquet. Muse
ambulant, il incarne lui seul le sens critique, la polymathie,
le talent hermneutique des grammairiens et philologues
alexandrins, rien ne lui est tranger dans le domaine des
Muses. Athne et Aulu-Gelle, comme les personnages
quils mettent en scne, nous laissent penser que la formule
frappante dEunape, au-del de Longin, peut sappliquer
plus largement aux milieux lettrs et savants de lEmpire.
O rside, comment se manifeste la paideia, la culture, quel
est son plus haut degr ? Les convives de Larensis comme
les savants clbres ou anonymes croiss par Aulu-Gelle
suggrent une rponse: on a atteint le plus haut degr de la
paideia, quand on a intrioris, incorpor la bibliothque de
ses lectures et mis cette mmoire au service dun savoir critique qui peut prendre les formes du dbat, du commentaire,
de lenseignement ou de la conversation. Cette comptence
lettre se manifeste dans diffrents types de performances,
quil sagisse de la virtuosit bibliographique et lexicographique des personnages dAthne, de lacuit de jugement
et de lexpertise linguistique de ceux dAulu-Gelle. Il peut
sagir de jeux virtuoses, dans le cadre dun banquet, dune
intervention informelle dans une conversation de lettrs, ou
encore dune technique denseignement, o lon apprend
lire les textes selon des exigences particulires, pour dgager
toutes les subtilits de la forme et du sens. Il faut tre la
fois la bibliothque et le muse, car lune nest rien sans
lautre, et inversement. La bibliothque ne prend vie que
par les dbats, le travail critique, les recherches rudites,
llgance et le style des membres du Muse. Ces derniers
dploient leur art et leur talent partir des matriaux quils
ont prlevs dans les livres, matriaux qui dterminent leur
langage et leur style comme lhorizon intellectuel de leurs
activits. Etre la fois la bibliothque et le muse, cest
associer la mmoire et la performance, lcrit et la parole, la
tradition et le temps prsent, en permettant de multiples liens
entre les uns et les autres. La caractrisation de Longin par
Eunape suggre ainsi un style intellectuel, dans le rpertoire
de ses oprations comme dans la globalit de son thos.
Les pratiques savantes sont indissociables dune manire
dtre, la culture et lrudition dfinissent un bios particulier,
comme en tmoignent particulirement bien Aulu-Gelle et
les personnages quil met en scne.
La formalit de ces pratiques et de ce style de vie estelle la porte de lhistorien moderne ? Ce dernier aspire

149

dployer une anthropologie des manires de penser, de dire


et de faire, dans leur ritualit, dans leur dimension sociale,
dans la dynamique des interactions qui pouvaient se dployer
dans un cercle lettr comme celui de Larensis, ou dans le
rseau plus large dun romain cultiv, comme Aulu-Gelle,
dont la culture et les savoirs noccupent quune partie de la
vie, celle dvolue lotium. Ces pratiques, cette sociabilit se
laissent entrevoir dans la rgularit des gestes, des schmes
de pense et de discours, dans la rcurrence des scnarios,
dans la rflexivit sur les normes, les codes, les valeurs et
les significations. Nos deux auteurs nous introduisent dans
des mondes lettrs o lon manie les livres et les textes,
o lon discute de la forme et du sens des mots, o lon
instrumentalise des textes pour rpondre de multiples
questions, comme pour les faire agir les uns sur les autres,
selon les schmes de lexplicitation, de la contradiction, de
la prsupposition. Entre les codes sociaux de linteraction
savante et les gestes matriels du maniement des livres, on
a lespoir daccder au plus prs des formes de pense, des
mcanismes intellectuels, des techniques de mmoire.
Mais entre ces pratiques, leurs acteurs et nous se dploie
la mdiation des textes et des discours. Les Deipnosophistes
comme les Nuits Attiques dploient lcran de leur construction discursive, de diffrentes conventions gnriques et
stylistiques, de stratgies nonciatives particulires, o les
voix de lauteur et de ses personnages se confondent en de
multiples jeux de masques et dchos. Si les personnages
dAthne rivalisent de virtuosit mnmotechnique pour
mobiliser les centaines de citations changes dans leurs
conversations, le lecteur des Deipnosophistes se trouve face
un texte qui occulte sous le voile dune fiction symposiaque
les tapes probables de sa gense, les diffrentes tapes dextraction, de rorganisation et de rcriture dinnombrables
notes de lecture. Quant Aulu-Gelle, les notes de lecture
comme les souvenirs sinscrivent dans un projet global,
o les stratgies de prsentation de soi et diffrents codes
littraires tiennent une place importante : la discontinuit
des chapitres et le dsordre apparent des sujets traits ne
doivent pas occulter la part du travail dlaboration et de
rcriture des matriaux prlevs dans les livres ou restitus
par la mmoire.
Cet cran discursif doit tre considr pour lui-mme :
dfaut dun accs immdiat la ralit de ce qui sy trouve
projet, on peut sattacher la technique et la matrialit
de la projection, au rle de lcran dans la construction de
limage. Les Deipnosophistes et les Nuits Attiques, en effet,
sont des constructions complexes, filtres par un lexique, des
conventions et des modles littraires, des codes culturels et
des normes sociales. Les mondes lettrs ainsi mis en scne
nous offrent moins limage dune ralit objective que les
filtres de lautoreprsentation et de la rflexivit de certains
de leurs acteurs sur leurs pratiques, leurs valeurs, leurs formes de pense et leurs rfrences culturelles. Dans ces deux
uvres foisonnantes drudition, le fil conducteur et partag

150

CHRISTIAN JACOB

est celui dun regard rflexif sur les codes et les rgles, sur
le sens et les formes, sur les mots et leur bon emploi, sur
les traditions et leur bon usage. Cet effort de rflexivit
nous rvle le tramage de la grille des traits pertinents,
larmature sous-jacente des normes et des codes, les angles
morts comme ce qui chappe lexplicitation, les valeurs
constitutives dune distinction sociale et culturelle. Dans
cette construction, le maniement des livres, leur slection,
leur instrumentalisation occupent une place centrale : ils

AnTard, 18, 2010

dfinissent un standing culturel comme ils conditionnent


les manires de dire et de penser, les interactions sociales,
lintriorisation et la reconnaissance des normes culturelles. A cet gard, Aulu-Gelle et Athne sont deux jalons
incontournables pour commencer lexploration des mondes
lettrs de lpoque impriale, au croisement des langues et
des traditions.
CNRS-EHESS, ANHIMA (UMR 8210)

AnTard, 18, 2010, p. 151-161

LETTURA E LETTORI IN AGOSTINO


MATILDE CALTABIANO

Reading and Readers in Augustine


Book reading had a crucial role in St Augustines life and guided his long and troubled path to
conversion. This paper considers various elements present in his works related to reading Holy Scripture
and letters in the Monastery of Ippona; however, the focus here is not on Augustine as a reader but
on Augustine as promoter of book reading among men who were variously active in political and
religious life, but who were all highly cultivated. [Author]

Agostino spesso rappresentato nelle splendide miniature dei codici, nelle incisioni, nei dipinti, negli affreschi,
nelle sculture e persino nei mosaici, seduto nel suo studio
mentre scrive e legge o in piedi con un libro tra le mani.
Cos lhanno immaginato, per fare solo qualche esempio, i
miniatori di alcuni codici conservati alla Biblioteca Nazionale di Parigi1, alla British Library di Londra2, alla Biblioteca
Laurenziana di Firenze3 e alla Vaticana di Roma4; pittori
famosi come Botticelli, Guercino, Benozzo Gozzoli, Pinturicchio, Raffaello Sanzio, Murillo, rinomati scultori come
i Maestri Campionesi nei bassorilievi della Basilica di san
Pietro in Ciel doro di Pavia, dove riposano oggi le spoglie
del vescovo, infine, gli autori di un mosaico della Cappella
Palatina di Palermo.

Abbreviazioni : Les Lettres de Saint Augustin = C. Lepelley (d.)


Les Lettres de Saint Augustin dcouvertes par Johannes Divjak,
Paris, 1983 (Coll. des tudes Augustiniennes, srie Antiquit, 98).
NDPAC = Nuovo dizionario patristico e di antichit cristiane,
diretto da Angelo Di Berardino, 3 vol., Genova-Milano, Marietti,
2 ed., 2006- 2008.
1. Fr. 18, f. A; Ms. lat. 17249, f. 557v.; Ms. lat. 2058, f. 1; Ms. lat.
10484, f. 310v.; Ms. 2119, f. 4; Ms. 2154, f. 65 v.
2. Add. Ms. 22557, f. 18; Harley Ms. 5370, f. 165; Add. Ms.
11866, f. 173v.
3. Med. Pal. 143, c 101v.; Ms. Plut. 12.21; Ms. Plut. 12.22; Ms.
Plut. 12. 23 c.2.
4. Ms. Vat. Lat. 841, fol. 75,3-4; Ms. Lat. 451 (I parte) fol. 1 r. ;
(II parte) fol. 1 r.

La scelta di questi temi iconografici si spiega facilmente


se si pensa al ruolo che lettura, scrittura e libri ebbero non
solo nella formazione culturale dellIpponense, ma in generale in tutta la sua vita, prima come studente, poi come
insegnante ed oratore, quindi come sacerdote e infine come
vescovo5.
La lettura di alcuni libri particolari, daltra parte, segn
il lungo e travagliato itinerario della sua conversione6. Nel
373, infatti, al tempo dei suoi studi deloquenza, unesortazione alla filosofia contenuta nellOrtensio di Cicerone fu
per lui una vocazione intellettuale7, che lo indusse a mu5. Sulliconografia del libro sacro ved. A. Petrucci, La concezione
cristiana del libro fra VI e VII secolo, in G. Cavallo (ed.) Libri
e lettori nel Medioevo. Guida storica critica, Roma- Bari, 1977,
pp. 9-16.
6. Fabio Gasti, leggendo la conversione di Ponticiano come anticipazione di quella di Agostino, mette in evidenza come in essa
ebbero un ruolo fondamentale alcuni libri, in particolare, un codex
paolino e la Vita di Antonio, osservando opportunamente che A
proposito di tradizione non bisogna sottovalutare un ulteriore dato
testuale nei racconti di conversione... la presenza del libro come
oggetto scatenante . F. Gasti e M. Neri (ed.), Parturitio novae
vitae: raccontare la conversione (Aug. Conf. VIII e due lettere),
in Agostino a scuola: letteratura e didattica. Atti della Giornata
di studio di Pavia (13 novembre 2008), Pisa, 2009, pp. 86-87.
7. H. I. Marrou, S. Agostino e la fine della cultura antica, Milano,
1987, p. 149, n.1, trad. di Saint Augustin et la fin de la culture
antique, Paris, 1971; E. L. Fortin, Agostino e lermeneutica
dellamore: alcune considerazioni preliminari, in R. J. Neuhaus

152

MATILDE CALTABIANO

tare radicalmente modo di sentire, spingendolo alla ricerca


della Sapienza, e cio del Cristo Sapienza di Dio, cui cerc
di accostarsi attraverso la lettura del Vecchio e del Nuovo
Testamento8. La rozzezza di questi testi, tuttavia, deluse
profondamente la sua raffinata sensibilit letteraria e lo
indusse a trovare nelladesione al manicheismo le risposte
che aveva fino a quel momento cercato invano. Nel 386 a
Milano, fu invece la lettura dei testi neoplatonici e in particolare di quelli di Plotino, nella traduzione latina di Mario
Vittorino, a condurlo, per usare le parole del Brown, a una
conversione decisiva e definitiva da una carriera letteraria a
una vita dedicata alla Filosofia9 e, infine, negli ultimi giorni
di agosto di quello stesso anno, fu la lettura di un passo della
lettera di Paolo ai Romani, durante un sofferto colloquio con
se stesso nel giardino di Alipio, a fargli scegliere in modo
definitivo la fede cristiana10.
La lettura, dopo la conversione, non solo continu ad
essere per Agostino strumento privilegiato per la ricerca
della verit, ma divenne prima con il sacerdozio e poi con
lepiscopato, attraverso lo scambio di lettere e di libri, anche
mezzo indispensabile per coltivare rapporti con quanti si
rivolgevano a lui, non soltanto amici, fedeli o cristiani in
generale, ma anche pagani, eretici, o semplicemente persone
tormentate dal dubbio. Naturalmente essa rimase anche al
centro della vita del monastero, delle funzioni liturgiche
e paraliturgiche e dei pubblici dibattiti con gli eretici; il
vescovo, infatti, utilizz la lettura di lettere, di Atti pubblici
e di documenti di vario genere, per contrastare le eresie e
nello stesso tempo per informare i fedeli del pericolo che
correvano aderendo ad esse11.
Riferisce Possidio, che Agostino, durante la malattia che
precedette la morte, sibi iusserat psalmos Daviticos, qui sunt
paucissimi, de poenitentia scribi, ipsosque quaterniones
iacens in lecto contra parietem positos diebus suae infir(ed.) Agostino oggi, Milano, 2000, p. 35, trad. di Augustine
Today, Grand Rapids (Mich.), 1993, nota come la passione per
la verit, di solito associata allattivit intellettuale di Agostino,
sia stata primariamente stimolata non dalla Bibbia, ma proprio
dallOrtensio ciceroniano.
8. Aug., Conf. 3, 4, 7, 8, 7, 17 (CSEL, 33, pp. 48-49; 184-185); ved.
P. Brown, Agostino dIppona. Nuova edizione ampliata, Torino,
pp. 27-31, trad. di Augustine of Hippo, London, 1967, 20002.
9. Brown, Agostino dIppona, p. 89; ved. anche N. Cipriani,
Agostino lettore dei commentari paolini di Manlio Vittorino, in
Augustinianum 38,1998, pp. 413-428.
10. Rm 13. 13 s., ved. Aug. Conf. 8, 12, 29-30, CSEL 33, p. 195;
Gasti, Parturitio novae vitae, cit. (n. 6), pp. 86-87. L. F. Pizzolato,
Litinerario spirituale di Agostino a Milano, in AA.VV., Agostino
a Milano. Il battesimo. Agostino nelle terre di Ambrogio, Atti
della seconda sessione del Congresso Internazionale (22-24 aprile
1987), Palermo 1998 (Augustiniana-Testi e studi 3), pp. 23-41, ora
in Id., Plura sacra et mundi alia. Studi classici e cristiani (Studia
patristica mediolanensia 28), Milano 2009, pp. 241-277.
11. M. Caltabiano, Agostino dIppona e la comunicazione scritta
con gli eretici, in Acme, 59, 2006, pp. 55-73.

AnTard, 18, 2010

mitatis intuebatur et legebat, et ubertim ac iugiter flebat12,


trasmettendoci cos lultima sua immagine di commosso
lettore della parola di Dio.
Egli, per, oltre che lettore appassionato, fu promotore
di letture e, di conseguenza, anche di lettori.
In questo contributo, attingendo alle numerose testimonianze presenti nelle opere agostiniane, non mi occuper
tanto di Agostino lettore, quanto piuttosto di Agostino promotore di letture, accennando alla pratica della lettura della
Sacra Scrittura, delle lettere e dei documenti nel monastero
dIppona e in ambito ecclesiale e, soprattutto, ricostruendo
i rapporti che il vescovo intrattenne con alcuni lettori dei
suoi libri, uomini accomunati da una matrice culturale assai elevata, ma diversamente impegnati dal punto di vista
politico e religioso; toccher, invece, solo marginalmente
gli aspetti tecnici della lettura e della comunicazione, gi
approfonditi con grande dottrina da Guglielmo Cavallo13,
da Harry Gamble14, e in modo specifico per quanto riguarda
Agostino, dagli studi di Michel Banniard15.
1. AGOSTINO

PROMOTORE DI LETTURE

Scrive Agostino nel proemio del terzo libro del De


Trinitate, dedicato ad Aurelio, vescovo di Cartagine16, che
avrebbe preferito affaticarsi a leggere, piuttosto che a dettare
testi destinati allaltrui lettura, mettendo, cos, in evidenza lo
stretto legame che per lui e, in generale, per gli uomini del
12. Poss. V. Aug. 31, 2.
13. G. Cavallo, Tra volumen e codex. La lettura nel mondo
romano, in G. Cavallo e R. Chartier (ed.) Storia della lettura nel
mondo occidentale, Roma- Bari, 1995, pp. 37-69; Id., Laltra lettura, tra nuovi libri e nuovi testi, in AnTard, 9, 2001, pp. 131-138;
Id., Testo, libro, lettura, in G. Cavallo, P. Fedeli, A. Giardina (ed.),
Lo spazio letterario di Roma antica. La circolazione del testo,
Roma, 1989, 2, pp. 307-341; Id., Il lettore comune nel mondo
greco- romano, tra contesto sociale, livello di istruzione e produzione letteraria, in J. A. Fernndez Delgado, F. Pordomingo,
A. Stramaglia (eds.), Escuela y literatura en Grecia Antigua.
Actas del simposio internacional, Universidad de Salamanca,
17-19 noviembre de 2004, Cassino, 2007, pp. 557-576.
14. H. Y Gamble, Libri e lettori nella chiesa antica, Brescia 2006,
trad. di Books and Readers in the Early Church: A History of
Early Christian Texts, New Haven and London, 1995.
15. M. Banniard, Viva voce. Communication crite et communication orale du IVe au IXe sicle en Occident latin, Paris, 1992;
Id., Variations langagires et communication dans la prdication
dAugustin, in G. Madec (d.), Augustin prdicateur (395-411),
Actes du Colloque International de Chantilly (5-7 septembre
1996), Paris 1998, pp. 73-93; Id., Action et raction de la parole
latinophone : dmocratisation et unification (IIIe-Ve sicles), in
AnTard, 9, 2001, pp. 115-129; Id., La cit de la parole : saint
Augustin entre la thorie et la pratique de la communication
latinophone, in Journal des Savants, 1995, pp. 283-306 .
16. Su Aurelio di Cartagine ved. PCBE, s.v. Aurelius 1, 1, pp.
105-127; M. G. Mara, Aurelio di Cartagine, in NDPAC, 1, coll.
658- 660.

AnTard, 18, 2010

suo tempo, avevano le azioni del leggere e dello scrivere17.


Entrambe, infatti, si compivano attraverso la voce, perch
a quei tempi, raramente si leggeva mentalmente, come si
fa oggi, e come faceva il vescovo Ambrogio18, il quale,
daltra parte, considerato dagli studiosi uneccezione, ma
si leggeva, come notato da Guglielmo Cavallo, con varie
tonalit di voce, correlate al tipo di lettura19.
Una lettera, indirizzata da Agostino al vescovo Memorio20, che gli aveva chiesto di mandargli i libri del De
Musica, mostra limportanza di una corretta lettura per la
comprensione del testo. Scrive, infatti, lIpponense: Quod
sane opusculum si potuero mittere, non quidem me tibi obtemperasse, verumtamen te hoc a me tantopere flagitasse
poenitebit. Difficillime quippe intelleguntur in eo quinque
libri, si non adsit qui non solum disputantium possit separare
personas, verum etiam pronuntiando ita sonare morulas
syllabarum, ut eis exprimantur sensumque aurium feriant
genera numerorum: maxime quia in quibusdam etiam silentiorum dimensa intervalla miscentur, quae omnino sentiri
nequeunt, nisi auditorem pronuntiator informet21.
17. Credant qui volunt malle me legendo quam legenda dictando
laborare. Qui autem hoc nolunt credere, experiri vero et possunt
et volunt, dent quae legendo vel meis inquisitionibus respondeantur, vel interrogationibus aliorum quas pro mea persona quam
in servitio Christi gero et pro studio quo fidem nostram adversus
errorem carnalium et animalium hominum muniri inardesco
necesse est me pati, et videant quam facile ab isto labore me
temperem et quanto etiam gaudio stilum possim habere feriatum.
Aug., Trin., proem. 3,1 (CC 50, p. 127).
18. G. Cavallo, Diffusione e ricezione dello scritto nellantichit
cristiana: strumenti, maniere, mediazioni, in Comunicazione e
ricezione del documento cristiano in epoca tardoantica, XXXII
Incontro i studiosi dellantichit cristiana, Roma 8-10 maggio
2003, Roma, 2004, p. 19; Id., Libri e comunicazione scritta
nellet di Ambrogio e Agostino, in 387 d. C.: Ambrogio e Agostino le sorgenti dellEuropa, Milano, 2003, pp. 195-198; sulle
diverse modalit di lettura ved. Id., Tra volumen e codex,
cit. (n.13), pp. 45-52; C. Pasini, Ambrogio di Milano. Azione e
pensiero di un vescovo, Milano, 1996, pp. 33-34, rileva come
Agostino pensasse che Ambrogio preferisse la lettura silenziosa
per evitare di perdere il poco tempo che aveva da dedicare alla
lettura a causa delle interruzioni degli ascoltatori interessati
allargomento o anche per risparmiare la voce che si indeboliva
facilmente. Sulla lettura silenziosa ved. anche M. Parkes, Leggere, scrivere, interpretare il testo: pratiche monastiche nellAlto
Medioevo, in Storia della lettura nel mondo occidentale, cit. (n.
13), pp. 74-75.
19. G. Cavallo, Laltra lettura, cit. (n.13), p. 135; sullo status quaestionis del dibattito degli studiosi sulla lettura mentale o silenziosa
ved. T. Dorandi, Nellofficina dei classici. Come lavoravano gli
autori antichi, Roma, 2007, pp. 57-58.
20. Memorio era padre del pi famoso Giuliano di Eclano ved.
PCBE, s.v. Memor 1, 2, 2, pp. 1493-1494.
21. Aug., Ep. 101, 3 (CSEL, 34), p. 542; S. Lancel, Saint Augustin,
Paris, 1999, p. 577, ha rilevato limportanza di questa lettera,
proprio per i riferimenti alla tecnica della lettura. Sullinvio
a Memorio del De Musica ved. M. Caltabiano, Libri iam in

LETTURA E LETTORI IN AGOSTINO

153

Allo stesso modo non si scrivevano quasi mai testi di


propria mano, ma si dettavano; Agostino, tuttavia, come
ha dimostrato Oronzo Pecere, in uno stimolante contributo
recente, seguendo lesempio del vescovo Ambrogio, pur
continuando nella maggior parte dei casi a dettare i suoi
scritti, nel comporre opere che richiedevano maggiore
riflessione, come ad esempio i Soliloquia, abbandon la
dictatio per lautografia22.
Agostino, in ogni modo, bench dichiarasse di preferire
dedicarsi alla lettura, e spesso a causa dei molteplici impegni
affermasse di non avere avuto abbastanza tempo o di non
averne per farlo, fu costretto dal servitium Christi, dallinsistenza dei fratelli e dallimpulso della carit a porre non solo
la lingua ma anche il suo stilo al servizio della chiesa23. Si
impegn in questa attivit senza risparmio, scrivendo un gran
numero di lettere e di libri per chiarire i dubbi e le oscurit di
quanti lo consultavano da ogni parte dellimpero24, e cercando di indurre proprio quelli che si rivolgevano a lui per aver
consiglio anche a leggerli, impresa che non fu sempre facile.
Egli esort i suoi corrispondenti e i suoi fedeli in primo
luogo a leggere la sacra Scrittura, la cui autorit era fondata
sulla parola di Dio25, e solo dopo i libri, che scriveva per
risolvere i loro dubbi, talvolta persino su loro commissione;
fece questo quando se ne present loccasione o ritenne
che ci fosse utile sia nellambito dei rapporti di amicizia e
anche di relazioni sporadiche e meno strette, sia, soprattutto,
nellesercizio della direzione spirituale26, raccomandando
ai futuri lettori di tenere sempre ben presente la differenza
esistente tra luna e gli altri.
Auspicava, infatti, di avere in omnibus litteris meis non
solum pium lectorem sed etiam liberum correctorem ... multo
maxime in his ubi ipsa magnitudo quaestionis utinam tam
multos inventores habere posset quam multos contradicmultorum manus exierunt: Agostino testimone della diffusione
delle sue opere, in I. Gualandri (ed.), Tra IV e V secolo. Studi
sulla cultura latina tardoantica (Quaderni di Acme, 50), Milano,
2002, pp. 143-145.
22 O. Pecere, La scrittura dei Padri della Chiesa tra autografia e
dictatio, in Segno e testo, 5, 2007, pp. 26-29.
23. Fratribus autem non valeam resistere iure quo eis servum
factum sum flagitantibus ut eorum in Christo laudabilibus studiis lingua ac stilo meo quas bigas in me caritas agitat maxime
serviam. Aug., Trin. proem. 3, 1 (CCL, 50, p. 127).
24. Ved. M. Caltabiano, Agostino e i suoi libri: dalla composizione
alla diffusione, in Augustinianum, 45, 2005, pp. 519-537; Ead.,
Libri iam in multorum manus exierunt, cit. (n. 21), pp. 141-157;
Ead., Litterarum lumen. Ambienti culturali e libri tra l IV e il V
secolo (Studia Ephemeridis Augustinianum, 55), Roma, 1996,
pp. 44-48.
25. Ved. Aug., De civ. Dei 11, 3 (CSEL 40, 1, pp. 513-514).
26. J. J. Allen, La via interiore. La direzione spirituale del cristianesimo orientale, Milano,1996, pp. 168-169, trad. di Inner
Way: Eastern christian spiritual direction, 1994, individua nella
lettera 266, indirizzata a Florentina lenunciazione dei principi
metodologici che Agostino segu nellesercizio della direzione
spirituale.

154

MATILDE CALTABIANO

tores habet. Verumtamen sicut lectorem meum nolo esse


mihi deditum, ita correctorem nolo sibi. Ille me non amet
amplius quam catholicam fidem; ille se non amet amplius
quam catholicam veritatem. Sicut illi dico: Noli meis litteris
quasi scripturis canonicis inservire, sed in illis et quod non
credebas cum inveneris incunctanter crede, in istis autem
quod certum non habebas nisi certum intellexeris noli firme
retinere; ita illi dico: Noli meas litteras ex tua opinione vel
contentione, sed ex divina lectione vel inconcussa ratione
corrigere; si quid in eis veri comprehenderis, exsistendo non
est meum at intellegendo et amando et tuum sit et meum; si
quid autem falsi conviceris, errando fuerit meum sed iam
cavendo nec tuum sit nec meum27.
I cristiani, dunque, non solo avrebbero dovuto leggere e
credere fermamente nella Sacra Scrittura, ma anche servirsene
come metro per misurare lattivit e gli scritti del vescovo,
che, a sua volta, avrebbe dovuto cercare di conformare ad
essa la sua vita e ogni atto del suo ministero.
Nel sermo de capitulo evangeli ubi denuntiatur adventus
domini in novissimo die, uno dei sermoni Dolbeau recentemente scoperti, commentando il passo del Vangelo di Luca,
in cui si parla del ritorno del Signore alla fine dei tempi28,
Agostino sollecita in questo modo un fedele alla conversione
attraverso la lettura dei sacri testi: Nolite sperare tempora,
nisi qualia leguntur in evangelio; non dico talia vel talia:
cottidie codices dominici venales sunt, legit lector: eme tibi
et tu lege quando vacat, immo age ut vacet: melius enim
ad hoc vacat quam ad nugas. Lege qualia praedicta sunt
usque ad finem saeculi, et crede tibi, noli tibi blandiri29. Il
fedele, dunque, aveva a disposizione due diverse possibilit: ascoltare quotidianamente la lettura dei testi sacri dalla
voce del lettore, in chiesa o in monastero, oppure acquistare
una copia delle Scritture per leggerne e meditarne i testi in
modo autonomo.
Il cristiano, per avere la speranza di diventare divinarum
Scripturarum solertissimus indagator, avrebbe dovuto leggere i sacri testi per intero, cos da acquisirne una prima sommaria conoscenza, pur sapendo, che ci non sarebbe bastato
per penetrarne il significato profondo con lintelligenza30,
risultato che avrebbe potuto ottenere soltanto attraverso
ripetute letture e con laiuto dei chiarimenti di una persona
competente. Agostino non si sottrasse mai a questo dovere;
spesso riun intorno a s ecclesiastici e laici per cercare di

27. Aug., De Trin. proem. 3, 2 (CCL, 50, p. 128).


28. Lc 17, 20-37.
29. Aug., serm. 5, 14, 7, 338-341 in F. Dolbeau (d.) Augustin
dHippone, Vingt-six Sermons au peuple dAfrique (Coll. des
tudes Augustiniennes, srie Antiquit, 147), Paris, 1996, p. 85.
Agostino definisce codices, i libri fatti di fogli di pergamena, e
in particolare i manoscritti della Bibbia, ved. P. Petitmengin, s.v.
codex in C. Mayer (ed.), Augustinus-Lexikon, 1, Basel 1986-

1994, coll. 1023-1024.

30. Aug., De doctr. Christ. 2, 8, 12 (CSEL 80, pp. 39-40).

AnTard, 18, 2010

chiarire, attraverso la lettura, la rilettura e la discussione, i


passi della Scrittura che apparivano oscuri31.
Da questi incontri, nacquero persino alcuni libri, che pur
circolando con il nome di Agostino, furono in realt scritti
dalle diverse persone con cui egli aveva letto e commentato
il testo. Esse, infatti, dopo aver stenografato, talvolta in modo
parziale e disordinato, i commenti del vescovo alle comuni
letture li pubblicarono senza autorizzazione32.
Nel prologo delle Questioni sui Vangeli, lIpponense
descrive lo svolgimento di riunioni di questo tipo e limpossibilit di leggere in modo ordinato un testo a causa dellimpazienza di chi lo consultava: Hoc opus non ita scriptum
est, ac si evangelium exponendum ex ordine susceptum esset
a nobis, sed pro arbitrio et tempore consulentis cum quo
legebatur, si quid ei videbatur obscurum. Ideoque multa et
fortassis obscuriora praetermissa sunt, quia iam ea noverat,
qui ea quae nondum noverat inquirebat, nec teneri volebat
festinationem suam in his quae ante iam sic acceperat, ut
etiam assiduitate audiendi atque tractandi memoriae stabiliter firmeque mandaret. Nonnulla etiam hic non eodem
ordine inveniuntur exposita, quo in evangelio narrata sunt,
quoniam quaedam festinatione dilata, cum tempus daretur,
retractabantur et eo loco scribebantur, qui vacuus in ordine
iam expositarum rerum subsequebatur 33.
La Regola agostiniana prevedeva la lettura quotidiana
delle Sacra Scrittura e di altri libri edificanti sia nel monastero maschile che in quello femminile; in particolare
raccomandava che durante la mensa si ascoltasse la lettura
di alcuni passi rimanendo seduti, sine tumultu et contentionibus... nec solae fauces sumant cibum, sed et aures esuriant
Dei verbum34, disponeva, inoltre, che si chiedessero i libri
ogni giorno a unora stabilita35.
Agostino Trap si chiesto se questa prescrizione, che
presupponeva lesistenza allinterno di ciascun monastero
31. I. Gualandri, Leredit tardo-antica, in Lo spazio letterario
del Medioevo. Il Medievo Latino in G. Cavallo, C. Leopardi, E.
Menest (ed.), La produzione del testo, Roma, 1992, 1, 1, pp.
18-19, descrive in modo efficace il metodo seguito da Ambrogio
e da Agostino nel leggere e nel commentare la Scrittura: Il testo
biblico viene enunciato, versetto per versetto, e commentato; e
pi e pi volte ripetuto man mano che, nellanalizzarlo, vi si
scorgono spunti di natura diversa, con un allargamento continuo
di significati, dalla lettera allallegoria; e le parole chiave sono
incessantemente riprese, con un gioco che si traduce in cadenze
di grande efficacia sonora (quasi il Leitmotiv di una musica) e al
tempo stesso aiuta a fissare nella memoria singoli versetti, piccoli
brani, citazioni introdotte da altri passi delle Scritture.
32. Ved. Caltabiano, Agostino e i suoi libri, cit. (n. 24), pp. 524526.
33. Aug., Quaest. evangel. prol. (CCL, 44B, p. 1).
34. Aug., Regul. 3, 2. Anche Possidio, V. Aug. 22. 6, fa riferimento
a questa consuetudine, ricordando che Agostino durante il pranzo
aveva pi cara la lettura o la discussione che non il mangiare e
il bere.
35. Codices certa hora singulis diebus petantur; extra horam qui
petierit, non accipiat. Aug., Regul. 5, 10.

AnTard, 18, 2010

di una biblioteca, si riferisse alla lettura o allo studio e,


notando che i monasteri agostiniani erano aperti a persone
appartenenti anche alle classi sociali pi umili, e dunque
prive di unadeguata cultura, conclude che, bench tutte
potessero teoricamente dedicarsi a entrambe le attivit e
fossero in grado, se non di leggere personalmente, almeno
di ascoltare la lectio divina, solo alcune disponessero degli
strumenti culturali necessari per poter studiare, discutere e
approfondire questioni esegetico-teologiche36.
La prescrizione della lettura quotidiana provoc anche
degli abusi allinterno del monastero, infatti, alcuni monaci,
per giustificare la loro volont di sottrarsi al dovere del lavoro manuale addussero la necessit di dedicarsi allimpegno
della preghiera, della salmodia, della lettura e della parola
di Dio, costringendo il vescovo a richiamarli con severit
a non trascurare le regole che avrebbero dovuto conoscere
bene se avessero letto attentamente i testi paolini37.
Agostino da sacerdote e poi da vescovo promosse anche
la lettura di lettere ricevute da membri di altre comunit
ecclesiali, quando riteneva che questo fosse utile per la
crescita spirituale dei sacerdoti e dei laici del suo monastero,
dei fedeli di Ippona o di quelli di altre chiese africane38.
Cos poco dopo lordinazione sacerdotale, scrivendo al
vescovo donatista Massimino, che sperava di ricondurre
alla comunione con la chiesa cattolica39, lo avvert di avere
intenzione, se gli avesse risposto, di leggere pubblicamente
in chiesa la loro corrispondenza40, assicurandogli, per,
di non voler fare questo alla presenza dei soldati ne quis
vestrum arbitretur tumultuosius me agere voluisse, quam
ratio pacis desiderat; sed post abscessum militis, ut omnes
qui nos audiunt intellegant non hoc esse propositi mei ut
inviti homines ad cuiusquam communionem cogantur, sed
ut quietissime quaerentibus veritas innotescat41.
In questo stesso periodo permise ai fratres del suo monastero di leggere una lettera di Paolino da Nola, fluentes

36. A. Trap, La Rgle de saint Augustin commente, Begrolle-enMauge (Maine-et-Loire), 1993, pp. 231-237.
37. Qui autem se dicunt vacare lectioni, nonne illic inveniunt quod
praecipit Apostolus? Quae est ista ergo perversitas, lectioni nolle
obtemperare, dum vult ei vacare; et ut quod bonum est diutius
legatur, ideo facere nolle quod legitur? Quis enim nesciat tanto
citius quemque proficere cum bona legit, quanto citius facit quod
legit? Aug., De op. monach. 17, 20 (CSEL, 41, p. 565).
38. M. Caltabiano, Storie di uomini, lettere e libri nella corrispondenza di S. Agostino, in F. E. Consolino (ed.), Ladorabile
vescovo dIppona, Atti del Convegno di Paola (24-25 maggio
2000), Soveria Mannelli, 2001, pp. 73-96.
39. Su Massimino ved. PCBE s.v. Maximinus 2, 1, p. 728, A. Di
Berardino, Massimino di Siniti, in NDPAC, 2, coll. 3114-3115.
Sul rapporto epistolare di Agostino con questo vescovo donatista
ved. Caltabiano, Agostino dIppona e la comunicazione scritta
con gli eretici, cit. (n. 11), pp. 64-65.
40. Aug., Ep. 23, 3; 6 (CSEL, 34, 1 pp. 66; 71).
41. Aug., Ep. 23, 7 (CSEL 34, 1, p. 71).

LETTURA E LETTORI IN AGOSTINO

155

lac et mel42, perch ne traessero edificazione43, mentre


alcuni anni pi tardi fece copiare e divulgare ampiamente
le lettere, indirizzate rispettivamente a lui e ad Aurelio di
Cartagine, dal sacerdote Sisto, futuro pontefice44, che in
esse prendeva posizione contro la pericolosissima dottrina
pelagiana, affinch chi leggesse quei testi fosse scoraggiato
dalladerire ad essa45.
Anche le lettere di Agostino, daltra parte, circolavano
in tutto limpero, e venivano lette pubblicamente46. In particolare nel 411, il tribuno Marcellino inform il vescovo
dIppona che il senatore Volusiano, rifugiatosi a Cartagine
come altri aristocratici romani a causa del sacco di Roma, gli
aveva letto una sua lettera, quindi, sollecitato da lui, laveva
fatta leggere a sua volta, anche a molti altri47.
Si potrebbero ricordare moltissime altre occasioni di pubbliche letture di atti pubblici o conciliari, soprattutto durante
le dispute con gli eretici o le celebrazioni paraliturgiche; mi
limito qui a ricordare soltanto la lettura dei Gesta Collationis
e di un libro de ipsis gestis, che Agostino, dopo la conferenza
di Cartagine del 411 e la definitiva condanna del donatismo,
dispose si svolgesse in alcune chiese africane, ogni anno, nel
tempo quaresimale, quando ieiunantibus vacat audire48.
La lettera 28* Divjak attesta che egli chiese anche a Novato, vescovo di Sitifi, di fare leggere questi testi nella sua
chiesa, sicut facit Carthaginiensis Ecclesia nostra et aliquae

42. Aug., Ep. 27, 2 (CSEL 34, 1, p. 97).


43. Aug., Ep. 27, 2-3 (CSEL 34, 1, pp. 97-99).
44. Su Sisto ved. A. Di Berardino, Sisto III papa, in NDPAC, 3,
coll. 5033-5034.
45. Aug., Ep. 191,1 (CSEL, 57, p. 163-164).
46. M. P. Ciccarese, La tipologia delle lettere di s. Agostino, in
Augustinianum, 11, 1971, p. 473, sottolinea come le epistole cristiane fossero redatte con arte e cura di particolari, in quanto gli
autori, prevedendo la loro diffusione, si sforzavano costantemente
di risvegliare linteresse del pubblico.
47. Aug., Ep. 136, 1 (CSEL, 44, pp. 93-94); su Volusiano ved.
PLRE 2, s.v. Rufius Antonius Agrypnius Volusianus 6, pp. 11841185; PCBE, s.v. Rufius Antonius Agrypnius Volusianus 1, 2, 2,
pp. 2340-2341; A. Di Berardino, Volusiano, in NDPAC, 3, col.
5690. P. Brown, Aspetti della cristianizzazione dellaristocrazia
romana, in Religione e societ nellet di S. Agostino, Torino,
1975, pp. 160-161, trad. di Religion and Society in the Age of
Saint Augustine London 1972; A. Chastagnol, Le snateur Volusien et la conversion dune famille de laristocratie romaine au
Bas-Empire, in RA, 58, 1956, pp. 241-253.
48. Aug., Ep. 28*, 2 (CSEL, 88, p. 134). Sulla lettura pubblica di
questi documenti ved. G. Madec, Introduzione generale, in G.
Madec (ed.), SantAgostino, Le ritrattazioni (Nuova Biblioteca
Agostiniana, 2), Roma, 1994, p. LXIV; Caltabiano, Libri iam in
multorum manus exierunt, cit. (n. 21), pp. pp. 151-152; Ead.,
Ambrogio, Agostino e gli scritti sui martiri, in Nec timeo mori.
Atti del Congresso internazionale di studi ambrosiani nel XVI
centenario della morte di santAmbrogio, Milano 4-11 aprile
1997, Milano, 1998, p. 592.

156

MATILDE CALTABIANO

diligenter Ecclesiae49, fornendogli anche precise indicazioni


circa i tempi e le modalit della lettura: Non autem ista apud
nos de gradu lectoris leguntur sicut scripturae canonicae,
quoniam oportet, sed sic ea legunt lectores, ut nec casulis se
expolient et cum volunt sedeant, ubi a sedentibus qui sedere
voluerint possint commode audiri, tamquam si privatim in
domo legerentur. Sed ideo fit in Ecclesia, quia multitudinem
capit et uterque sexus non prohibetur audire, donec veniat
hora qua divinae lectiones audiantur et sacramenta ex more
celebrentur50.
2. AGOSTINO

E I LETTORI DEI SUOI LIBRI

Un lettore, o piuttosto un incostante lettore di opere


agostiniane fu certamente Fermo, corrispondente di Agostino
noto per essere stato considerato dagli studiosi il suo agente
letterario51 e per essere il destinatario della lettera 2*, che
fa parte del corpus delle epistole agostiniane, scoperte dal
Divjak nel 198152.
Fermo, secondo gli studi recenti, sarebbe stato un catecumeno della classe agiata di Cartagine53, che, dopo aver
49. Aug. Ep. 28*, 2 (CSEL, 88, p. 134); su Novato ved. PCBE, s.v.
Novatus, 1, pp. 783-784.
50. Aug. Ep. 28*, 3 (CSEL, 88, pp. 134-135).
51. H. I. Marrou, La technique de ldition lpoque patristique,
in Vigiliae christianae, 1949, 3, p. 218; E. Dekkers, Saint Augustin
diteur, in AA.VV. Troisime Centenaire de ldition Mauriste
de Saint Augustin, communications prsentes au Colloque des
19 et 20 avril 1990, Paris, 1990, p. 237.
52. J. Divjak (ed.) Sancti Aurelii Augustini Opera, Epistulae ex
duobus codicibus nuper in lucem prolatae, Vindobonae, 1981
(CSEL, 88). Alcuni anni pi tardi lo stesso J. Divjak ha curato
la nuova edizione del testo critico delle lettere, che sono state
tradotte in francese e ampiamente commentate da diversi illustri
studiosi: Oeuvres de Saint Augustin, Lettres 1*-29*. Nouvelle
dition du texte critique et introduction par J. Divjak, traduction
et commentaire par divers auteurs (tudes Augustiniennes, 46B),
Paris, 1987. E apparsa, infine, anche unedizione con traduzione
in italiano ampiamente commentata: L. Carrozzi (ed.) Opere di
SantAgostino, Le Lettere (Nuova Biblioteca Agostiniana, 23/A),
Roma, 1992.
53. Gamble, Libri e lettori, cit. (n. 14), p. 181; M. Caltabiano Libri e
lettori nelle lettere di Agostino recentemente scoperte, in C. Moreschini (ed.) Esegesi, parafrasi e compilazione in et tardoantica:
Atti del III Convegno dellAssociazione di Studi Tardoantichi a
cura di, Napoli 1995, p. 75; A. Marcone, Il De Civitate Dei e il suo
pubblico, in F. E. Consolino (ed.) Pagani e cristiani da Giuliano
lApostata al sacco di Roma, Atti del Convegno Internazionale di
Studi (Rende 12-13 novembre 1993), Soveria Mannelli-Messina,
1995, pp. 268-269; J. van Oort, Jerusalem and Babylon: a study
into Augustines City of God and the sources of his doctrine of
the two cities (Vigiliae christianae, suppl. 14), Leiden, 1991, p.
173; PCBE s.v. Firmus 4, 2, 1, p. 460; G. Madec in Oeuvres de
Saint Augustin, Lettres 1*-29*, pp. 424-425; J. Divjak, Augustinus
erster Brief an Firmus und die revidierte Ausgabe der Civitas
Dei in Latinitt und Alte Kirche, Festschrift fr Rudolf Hanslik,
Wien, 1977, pp. 56-70

AnTard, 18, 2010

assistito durante tre pomeriggi alla lettura pubblica del diciottesimo libro del De civitate Dei, studio flagrantissimo
accensus, aveva chiesto con insistenza ad Agostino di poter
avere da lui anche tutti gli altri libri dellopera54. Il vescovo,
esaudendo il suo desiderio, gli invi lopera completa, scritta
su quaternioni, non ancora rilegata, con precise indicazioni
sul modo di suddividerne il contenuto in diversi codici e
sulle precauzioni da prendere nel caso avesse dovuto darla
ad altri da copiare, ma, soprattutto, e questo particolarmente rilevante per il nostro discorso, gli raccomand di
avere nel leggerla, lo stesso zelo che aveva dimostrato per
ottenerla55. Solo attraverso lesperienza personale della lettura, infatti, e non in ragione delle sue promesse, avrebbe
potuto comprendere quanto questi libri avrebbero potuto
recargli giovamento.
Avvert inoltre Fermo, che gli avrebbe scritto spesso per
informarsi sui suoi progressi nella lettura, sicuro che, in
quanto eruditus vir, egli avrebbe compreso da solo quantum
adiuvet ad cognoscendum quod legitur repetitio lectionis,
aut enim nulla aut certe minima est intellegendi difficultas
ubi est legendi facilitas, quae tanto maior fit quanto magis
iteratur 56.
Agostino rivolgeva spesso ai suoi lettori linvito a leggere
ripetutamente i testi perch conosceva perfettamente le difficolt tecniche della lettura, derivanti dalluso della scriptio
continua o, allopposto, da quello della punteggiatura57, e
persino dallignoranza del significato delle parole; che talvolta impediva agli imperiti di comprendere il senso di ci
che leggevano58. Per questo motivo, nello stesso periodo in
cui scrisse a Fermo, raccomand anche a Valentino, abate
del monastero di Adrumeto e ai suoi monaci, avvicinatisi
54. Aug., Ep. 2*, 3 (CSEL 88, pp. 10-11). Linsistenza di Fermo
nel chiedere di ricevere i libri del De civitate Dei viene pi volte
ribadita nella corrispondenza tra i due ved. Aug. ep., 1/A*, 1
(CSEL, 88, p. 7): quos a me studiosissime flagitasti; ep. 1/A*,
2 (CSEL, 88, p. 8): Si ut fuisti diligens ad habendos hos libros,
ita fueris ad legendos, quantum adiuvent experimento potius tuo
quam mea promissione cognosces.
55. Aug., Ep. 1/A, 2 (CSEL 88, p. 8).
56. Aug., Ep. 1/A*, 3 (CSEL 88, p. 8-9).
57. Aug., doctr. christ. 3, 2, 3 (CSEL, 80, p. 79); ved. G. Cavallo,
Tra volumen e codex, cit. (n. 13), pp. 49-50; Id., Testo, libro
lettura, cit. (n. 13), pp. 329 ss.; P. Saenger, Physiologie de la
lecture et sparation des mots, in Annales ESC, 44, 1989, pp. 939952. Girolamo, proprio per facilitare ai frati poco istruiti la lettura
dei testi sacri, stabil un sistema di punteggiatura particolarmente
accurato, riprendendo, come scrive in un celebre luogo della sua
prefazione al testo di Isaia, luso seguito da Demostene e Cicerone che scrivevano entrambi in prosa e non in versi, di trascrivere
i loro testi per cola et commata per la comodit dei lettori.
Lespressione per cola et commata probabilmente alludeva alla
divisione del testo in frasi brevi che offrissero un senso completo
e potessero essere afferrate facilmente a colpo docchio. Ved. H.
J. Martin, Storia e potere della scrittura, Roma-Bari, 1990, p. 62,
trad. di Histoire et pouvoirs de lcrit, Paris 1988.
58. Aug., doctr. christ. 2, 14, 21 (CSEL, 80, pp. 47-48).

AnTard, 18, 2010

alleresia pelagiana, proprio a causa del fraintendimento di


una lettera da lui indirizzata al futuro papa Sisto da parte
di alcuni imperiti fratres dello stesso monastero59, di non
limitarsi a leggere una sola volta il De correptione et gratia,
che aveva loro dedicato, aggiungendo: si ergo eum fructuosissimum habere vultis, non vos pigeat relegendo habere
notissimum, ut diligentissime sciatis quibus et qualibus
quaestionibus solvendis atque sanandis, non ibi humana,
sed divina occurrat auctoritas, a qua recedere non debemus,
si volumus pervenire quo tendimus60.
Se linvito ai monaci a leggere ripetutamente il De correptione et gratia mirava ad evitare che essi per ignoranza,
come in passato, cadessero in errate interpretazioni, quello
rivolto alleruditus Fermo, invece, era destinato a indurlo a
meditare il contenuto del De civitate Dei e a trarre da questa
approfondita riflessione la forza di prendere una decisione
definitiva a lungo rinviata.
Il ritrovamento dellepistola 2* Divjak, infatti, ha permesso di scoprire che il vero motivo per cui Agostino aveva
inviato lopera a Fermo, invitandolo a leggerla attentamente,
non era soltanto quello di affidargli il compito di curarne la
pubblicazione e di promuoverne la diffusione, ma soprattutto
di convincerlo a ricevere il battesimo.
Fermo deluse le attese del vescovo: si limit, infatti, a
leggere dieci, dei ventidue libri ricevuti, e ad inviargli unicamente su questi unesaustiva relazione scritta61, comunicandogli, invece, con unaltra lettera, non pervenuta, ma di
cui il vescovo cita letteralmente i passi pi significativi, la
decisione di non ricevere il sacramentum regenerationis62.
Agostino non si arrese a causa di questo rifiuto, ma
continu a reclamare che Fermo, dopo aver completato la
lettura dei restanti dodici libri, gli mandasse un giudizio
scritto e motivato su di essi, come aveva fatto per i primi
dieci, manifestando, inoltre apertamente la sua delusione
per non aver ottenuto il risultato sperato.
Nella lettera, infatti, rimprovera il suo corrispondente
di aver respinto insieme al battesimo il frutto dei libri che
amava, e aggiunge per chiarire il suo pensiero: neque enim
ille fructus est eorum, quod delectant legentem, nec ille, quod
multa faciunt scire nescientem, sed ille, quod civitatem Dei
persuadent vel incunctanter intrandam vel perseveranter
habitandam; quorum duorum primum regeneratione, secundum iustitiae dilectione confertur. Haec in eis a quibus
leguntur atque laudantur si non agunt, quid agunt? Horum
igitur quantum ad te ipsum attinet, quando nec illud quod
59. Si tratta dellepistola 194 indirizzata da Agostino a Sisto (CSEL,
57, pp. 176-214); su queste vicende cfr. V. GROSSI, La crisi antropologica nel monastero di Adrumeto, in Augustinianum, 19,
1979, pp. 103-133; M. Caltabiano, I latori della corrispondenza
di Agostino: tra idealizzazione e realt, in Augustinianum, 41,
2001, p. 137.
60. Aug., De corrept. et gratia, 1,1 (PL 44, col. 917).
61. Aug., Ep. 2*, 2 (CSEL, 88, p. 10).
62. Aug., Ep. 2*, 3 (CSEL, 88, p. 10-11).

LETTURA E LETTORI IN AGOSTINO

157

prius est in te agere potuerunt, quantumlibet eos praedices,


nihil adhuc egerunt 63.
E probabile che Fermo, prima di diventare catecumeno
fosse pagano e proprio per questo motivo, per prepararlo
al battesimo, Agostino gli avesse consigliato la lettura del
De civitate Dei, opera concepita per rispondere alle accuse
mosse dai pagani ai cristiani di essere responsabili della
collera degli dei spodestati dalla loro religione, del mancato
finanziamento e dellabbandono dei culti tradizionali e, in
conseguenza di ci, della la caduta dellUrbe nelle mani
di Alarico nel 410. Questo pu essere confermato anche
dal fatto che Agostino affid proprio a Fermo il compito
di promuovere la diffusione dellopera tra i suoi amici,
appartenenti a due categorie perfettamente individuabili: i
catecumeni, come lui, (sive in populo christiano se desiderent instrui), e i pagani (sive qualibet superstitione teneantur,
unde videbuntur posse per hunc laborem nostrum Dei gratia
liberari)64. Era, daltra parte, questo il modo seguito di solito
dal vescovo per introdurre e far circolare le sue opere di
confutazione tra gli eretici o negli ambienti a loro favorevoli:
ogni volta che se ne presentava loccasione, infatti, inviava
a una persona che sapeva simpatizzare per una determinata
eresia o che aveva rapporti con coloro che la professavano,
lettere o libri con linvito a leggerli personalmente e a farli
leggere agli amici, sperando in questo modo di ottenere il
ravvedimento e la conversione delluna e degli altri65.
I motivi dellinterruzione della lettura del De civitate Dei
da parte di Fermo furono certamente correlati al suo rifiuto
di ricevere il battesimo ed erano argomentati con molta precisione in una lettera perduta da lui inviata ad Agostino.
Egli aveva in primo luogo obbiettato di non avere forze
sufficienti per sopportare tanti ponderis sarcinam66, quindi
che il suo indugio nel ricevere il battesimo andava a vantaggio della religiosit, perch chi si accosta con esitazione
ai sacri misteri dimostra maggiore rispetto per la fede67,
infine, che per fare questo tipo di scelta occorreva attendere
la manifestazione della volont di Dio, che d impulso ai
desideri umani68.
Agostino rispose a queste obiezioni, le stesse che indussero altri uomini contemporanei ad accettare di ricevere il
battesimo solo in punto di morte, con una stringente confutazione.69 Esort Fermo a seguire, eliminando ogni indugio,
63. Aug. Ibid. In questo modo per Agostino i libri diventano strumenti di conversione, ved. Caltabiano, Libri e lettori nelle lettere
di Agostino, cit. (n. 53), p. 73.
64. Aug., Ep. 1*/A, 2 (CSEL, 88, p. 8).
65. Ved. M. Caltabiano, Agostino e i suoi libri, cit. (n. 24), pp.
533-537.
66. Aug., Ep. 2*, 4 (CSEL, 88, pp. 11-12); ved. M. Jourjon, Sarcina.
Un mot cher lvque dHippone, in Recherches de science
religieuse, 43, 1955, pp. 247-253.
67. Aug., Ep. 2*, 6 (CSEL, 88, p. 12).
68. Aug., Ep. 2*, 7 (CSEL, 88, pp. 14-15).
69. F. M. Catarinella, Confutazioni epistolari: il caso Firmus. (Aug.
Ep. 2*) o della conversione differita, in M. Marin, C. Moreschini

158

MATILDE CALTABIANO

lesempio di sua moglie, che aveva gi ricevuto il battesimo,


perch, dopo essersi spogliato delle cupidigie umane, soltanto dallinterno del cristianesimo avrebbe potuto progredire
nella conoscenza religiosa70; lo invit quindi ad affidarsi
a Dio mediante il sacramento della rigenerazione, perch
non avrebbe potuto fare la sua volont senza osservarne i
comandamenti. Intraprendendo questa via Fermo avrebbe
potuto contare su due aiuti: il primo interiore e potente gli
sarebbe venuto direttamente da Dio, il secondo esterno, dallo
stesso Agostino, che, in quanto ministro di Dio, gli avrebbe
messo a disposizione la sua parola e i suoi scritti, pur essendo
consapevole di agire nei limiti della finitezza di un uomo, che
per lo pi non riesce nemmeno a convincere, mentre Dio, in
quanto tale, ha il potere di farlo, qualora lo voglia71.
Non si sa se queste argomentazioni abbiano convinto
Fermo a farsi battezzare e neppure se lo abbiano indotto a
portare a termine la lettura del De civitate Dei; esse, tuttavia, testimoniano la dedizione di Agostino al suo ministero
e insieme limportanza che egli attribu alla lettura, come
mezzo di formazione cristiana.
Prima di Fermo, anche il vicarius Africae Macedonio72,
cristiano noto soprattutto per un carteggio con il vescovo
di Ippona su problemi connessi allapplicazione dell intercessio episcopalis73, aveva avuto lopportunit di leggere
alcuni libri del De civitate Dei.
Agostino, durante la lunga elaborazione di questopera,
che lo tenne impegnato dal 413 al 427, man mano che terminava la composizione di gruppi di due o tre libri, ebbe la
consuetudine di mandarne copie ad amici e conoscenti per
ottenere da loro giudizi e suggerimenti al fine di migliorarne
il testo e, nel contempo, di guidare coloro a cui li aveva
mandati nel cammino della fede.
Nel 413/414, invi, appunto, i primi tre libri a Macedonio,
il quale, con una lettera gli comunic, dopo averli letti con
grande attenzione, di essere rimasto coinvolto a tal punto
dalla loro lettura, da non saper se ammirare di pi in essi
sacerdotii perfectionem, philosophiae dogmata, historiae
plenam notitiam, an facundiae iucunditatem, quae ita impe-

(ed.), Africa cristiana: storia, religione, letteratura, Brescia,


2002, pp. 221- 239.
70. Aug., Ep. 2*, 4 (CSEL, 88, pp. 11-12).
71. Aug., Ep. 2*, 7 (CSEL, 88, pp. 14-15).
72. Su Macedonio ved. A. Di Berardino, Macedonio, in NDPAC
2, col. 2962; PCBE, s.v. Macedonius 2, 1, pp. 659-661; PLRE,
s. v. Macedonius 3, 2, p. 637.
73. P. I. Kaufman, Augustine, Macedonius, and the Courts, in
Augustinian Studies, 34, 2003, pp. 67-82; K. K. Raikas, The
State Juridical Dimension of a Bishop and the Letter 153 of
St. Augustine to Vicarius Africae Macedonius, in Vescovi e pastori
in epoca teodosiana (Studia Ephemeridis Augustinianum, 58),
Roma, 1997, pp. 683-694; M. Moreau, Le magistrat et lvque.
Pour une lecture de la correspondance Macedonius- Augustin, in
B. Clombat et P. Mattei (d.), Hommage S. Lancel, Grenoble,
1998, pp. 105-117.

AnTard, 18, 2010

ritos etiam illicere potest, ut donec explicent non desistant,


et cum explicaverint, adhuc requirant74.
Macedonio, al di l degli elogi rivolti ad Agostino, che
possono apparire eccessivi per la sensibilit attuale, mostra
di aver valutato, in tutte le sue sfaccettature lopera, che il
vescovo, dal canto suo, aveva saputo perfettamente adattare
alla mentalit di quella parte dellaristocrazia occidentale,
ancora legata ai valori dellantichit. Proprio per questo
motivo non nascose ad Agostino che avrebbe preferito che
in quei libri avesse passato sotto silenzio la recente calamit
che aveva funestato limpero, pur comprendendo le ragioni
che avevano obbligato questi a parlarne. Come ha giustamente notato Peter Brown, del tutto naturale che, un funzionario leale, come Macedonio, rifiutasse che nellopera di
Agostino fosse ricordato il sacco di Roma, di quella Roma
a cui, secondo i cultori della litterata vetustas, la divinit
aveva garantito leternit75.
Un altro corrispondente, che ebbe un singolare rapporto
con Agostino e con la lettura dei suoi libri, certamente
Consenzio.
Si tratta di un personaggio originale, non si sa se laico,
sacerdote o monaco 76, stabilitosi nelle isole Baleari dove
svolse attivit letteraria e per molti anni coltiv relazioni
epistolari con lIpponense. Curioso di questioni teologiche77,
fu anche autore di opere sulla Trinit, di confutazioni di
priscillanisti, pelagiani e giudei, che non ci sono pervenute,
ma di cui abbiamo notizia dalla lettera e dai due commonitoria da lui indirizzati ad Agostino78 e dalle risposte del
74. Aug., Ep. 154, 2 (CSEL 44, p. 429).
75. Brown, Agostino dIppona, cit. (n. 8), p. 305.
76. Ved. E. Romero Pose, Consenzio, in NDPAC 1, coll. 11651166. K. Uhalde, Expectations of justice in the age of Augustine,
Philadelphia, 2007, p. 112; ritengono che fosse un laico: M.
Veronese, Antichi lettori delle Confessioni: maldicenti, subdoli,
critici, in Le Confessioni di Agostino (402-2002). Incontro di
studiosi dellAntichit cristiana, Roma, 2-3 maggio 2002, Roma
2003, pp. 578-579; G. Madec, Pour lamour de lintelligence
(Augustin, Lettre 120 Consentius). Foi Raison Intelligence,
in P. Y. Fux, J.-M. Roessli, O. Wermelinger (ds.), Saint Augustin,
africanit et universalit. Augustinus Afer Actes du colloque
international Alger-Annaba, 1-7 avril 2001 (Paradosis 45, 1),
Fribourg, 2003, p. 237; G. Cantino Wataghin, Topografia della
civitas Christiana tra IV e VI secolo, in G.P. Brogiolo (ed.) Early
medieval Towns in the Western Mediterranean, Ravello 22- 24
Semptember 1994, Mantova 1996, p. 26, ritiene che Consenzio
fosse vescovo di Minorca.
77. R. Van Dam, Leadership and Community in late antique Gaul,
Berkeley-Los Angeles 1992, p. 111, definisce Consenzio budding theologian living in Balearic Island; V. Burrus, The Making
of a Heretic: Gender, Authority and the priscillianist Controversy,
Berkeley, Los Angeles, London, 1995 pp. 115: an ascetic living
in Balearic Island.
78. Aug., Epp. 119 (CSEL, 34, pp. 698-704); 11*, 12* (CSEL,
88, pp. 51-70; 70-80). J. Wankenne, La correspondance de
Consentius avec saint Augustin, in Les Lettres de Saint Augustin,
pp. 225-227, ritengono che autore di queste tre le lettere fosse

AnTard, 18, 2010

vescovo79, parte di una corrispondenza perduta, riguardante


prevalentemente questioni teologiche e dottrinali, che fu
certamente pi assidua.
La documentazione disponibile, comunque, da un lato
offre preziose informazioni sul modo di Agostino di utilizzare la lettura come strumento dinsegnamento, dallaltro
permette di cogliere alcuni aspetti della personalit di
Consenzio come lettore.
Consenzio, che gi in precedenza aveva inviato e dedicato
ad Agostino alcuni suoi libri80, nel 410 si rec ad Ippona
per sottoporre personalmente al vescovo alcune questioni
sulla Trinit, in particolare sulle due nature in Cristo e sulla
relatione tra le tre persone divine, ma non lo trov perch
si era recato in villa per trascorrervi la convalescenza dopo
una malattia81. Pens allora di affidare al vescovo Alipio il
compito di affidare le sue istanze al collega, ma in seguito
gli sembr pi opportuno litteris precem inserere, quam
expectationem animi fluctuare82. Scrisse allora una lettera83,
nella quale oltre ad esporre il suo pensiero e i suoi dubbi, su
quelli che definisce altissima mysteria84, rivolgendo ad Agostino espressioni di grande venerazione e rispetto, gli chiese
di correggere prima in lui, poi nei suoi libri, la soluzione
sbagliata che era convinto di aver dato ad alcune quaestiunculae85. Agostino rispose con una lunga e circostanziata
epistola86, che si apre con linvito a Consenzio a venire
presso di lui quoniam in libris tuis valde sum tuo delectatus

un unico Consenzio, mentre scettico su questa identificazione


R. Van Dam, Sheep in Wolves Clothing: the Letters of Consentius to Augustine, in Journal of Ecclesiastical History, 37, 1986,
pp. 532-535.
79 Aug., Epp. 120; 205 (CSEL, 34, pp. 704-722; CSEL 57, 4, pp.
323-339).
80 Aug., Ep. 119, 6 (CSEL, 34, pp. 703-704).
81 Aug., Ep. 119, 1 (CSEL, 34), p. 698.
82 Aug., Ibid.
83 Aug., Ep. 119 (CSEL, 34, pp. 698-704).
84 Aug., Ep. 119, 1 (CSEL, 34, p. 698).
85 Tamen tu, vir admirabilis, si tibi ille pater noster, solus conscius
secretorum, qui habet clavem David, serenissimo cordis obtutu
coelorum machinam penetrare concessit, et revelata, ut scriptum
est, facie gloriam domini speculari, in quantum tibi ille qui huius
modi cogitationem dedit, promendi dederit facultatem, enuntia
nobis aliquam ineffabilis substantiae portionem, et imaginem
similitudinis eius ipso adiuvante exprimere, in quantum potes,
verbis enitere; quoniam nisi tu tantae rei dux ac magister adfueris,
velut lippientibus oculis prospicere in eam tanti luminis repercussa fulgore cogitatio nostra formidat. Intra ergo in illam, quae
nostros arcet intuitus, mysteriorum dei obscurissimam nubem
et quaestiunculas in quibus absolvendis me errare cognosco,
qui auctoritatem sanctitatis tuae fide magis sequi volo quam
rationis corde conceptae falsa imagine depravari, primum in
memet ipso, dehinc in libris corrige. Aug., Ep. 119, 2 (CSEL,
34, pp. 699-700).
86 Aug., Ep. 120 (CSEL, 34, pp. 704-722).

LETTURA E LETTORI IN AGOSTINO

159

ingenio87. Come appare chiaramente da quanto scrive subito


dopo, il vescovo desiderava che il suo corrispondente lo
raggiungesse ad Ippona, non solo perch ne apprezzava le
doti intellettuali, ma soprattutto perch desiderava correggere gli errori presenti nei suoi libri e, per potere fare ci,
riteneva che Consenzio dovesse leggere quaedam opuscula,
non procul a nobis positus, ma potius apud nos. In questo
modo avrebbe potuto rivolgergli personalmente domande
sui punti che non aveva ben compreso, e cos attraverso il
reciproco scambio di idee durante questi colloqui, avrebbe
potuto conoscere e correggere quanto il Signore avrebbe
concesso a lui stesso di spiegare e a Consenzio di comprendere. Questi, infatti, dotato a suo giudizio della capacit di
esprimere adeguatamente i propri pensieri, per rettitudine
ed umilt meritava vera sentire88.
Agostino aggiunge che gi in passato aveva esortato
Consenzio a fare dei segni sui passi dei suoi scritti, che non
aveva capito leggendo da solo, in modo da poter chiedere
chiarimenti su ciascuno di essi quando fosse venuto ad Ippona, ma lui non aveva seguito il consiglio, forse vergognandosi, nonostante gli avesse assicurato la sua disponibilit.
Ricorda, inoltre, di avergli rivolto lo stesso invito gi
al tempo in cui aveva appreso che si stava arrovellando su
mendosissimi codices, evidentemente copie non corrette dei
suoi libri, sfuggite al suo controllo, e di avergli suggerito di
leggere i suoi manoscritti, che erano certamente pi corretti
di quelle89.
Gli opuscula, che Agostino aveva invitato Consenzio a
leggere, come si deduce da quanto afferma pi avanti, potrebbero essere libri e appunti, cui stava lavorando in quel
momento, in vista della pubblicazione del De Trinitate, opera
che, propter magnitudinem tam difficilis quaestionis90, riusc
a terminare soltanto dieci anni dopo91.
Le osservazioni fatte sin qui illuminano lo scrupoloso
metodo dinsegnamento dellIpponense, che potremmo
definire con un termine attuale, una sorta dinsegnamento
a distanza, consistente in primo luogo nel consigliare a
chi gli sottoponeva dei problemi specifiche letture da fare in
modo autonomo nel luogo di residenza, quindi nellinvitare
87 Ego propterea ut ad nos venires, rogavi, quoniam in libris tuis
valde sum tuo delectatus ingenio. Proinde volui, ut quaedam
nostra opuscula, quae arbitratus sum tibi esse necessaria, non
procul a nobis positus sed potius apud nos legeres, ut ea, quae
forte minus intellexisses, non difficulter praesens interrogares,
atque ex nostra sermocinatione mutuoque conloquio, quantum
dominus et nobis promere, et tibi capere tribuisset, quid in libris
tuis emendandum esset, ipse cognosceres, ipse emendares. eius
quippe es facultatis, ut possis quae senseris explicare; eius porro
probitatis et humilitatis, ut merearis vera sentire Aug., Ep. 120,
1 (CSEL, 34, pp. 704-705).
88 Aug., ibid.
89 Aug., Ep. 120, 1 (CSEL, 34, p. 705).
90 Aug., Ep. 120, 3, 13 (CSEL, 34, p. 715).
91 Ved. Marrou, S. Agostino e la fine della cultura antica, cit. (n. 3),
p. 80 n. 115; Caltabiano, Litterarum lumen, cit. (n. 24) p. 105.

160

MATILDE CALTABIANO

la persona presso di s per verificare, attraverso colloqui e


discussioni, fino a che punto avesse compreso quanto aveva
letto. Il suggerimento di segnare preventivamente i passi pi
oscuri, serviva a rendere pi rapida questa verifica e nello
stesso tempo a obbligare il lettore a una meditazione scrupolosa e approfondita che gli consentisse di familiarizzare
con il testo.
Consenzio, tuttavia, come gi segnalato da Agostino,
anche in seguito, pur sforzandosi, non riusc a seguire questi
consigli.
Scrivendo, infatti, quasi dieci anni dopo, nel 419, un
commonitorium dal contenuto abbastanza contraddittorio92,
caratterizzato da un tono oscillante tra lironico e il provocatorio e da un continuo sforzo dintrospezione, manifesta al
vescovo quello che considerava un suo limite, a cui peraltro
non riusciva a trovare rimedio, e cio la sua avversione per
la lettura, o piuttosto la sua pigrizia di fronte alla fatica che
essa richiedeva, e allopposto, la sua inclinazione addirittura
temeraria per la scrittura, e dunque, per la composizione
di libri. In particolare, riferisce di essersi procurato, circa
dodici anni prima, i libri delle Confessioni, insieme a molti
altri, e di averli tenuti quasi obsignatos incredibili oppressus
stupore93, di avere poi letto pi o meno quattro anni prima,
soltanto due o tre pagine del primo libro, pensando di recarsi
presso Agostino, ma di averne interrotto subito la lettura,
che aveva ripreso da pochissimo tempo, meravigliandosi di
trovare in essi concetti nella ricerca dei quali sera in passato
invano arrovellato94.
Consenzio confessa, peraltro, di aver provato lo stesso
fastidium non solo per le opere di Agostino, ma per qualsiasi altro tipo di lettura, soprattutto per quella degli scritti
esegetici, mentre sia pure con la consueta svogliatezza, dopo
aver dato una scorsa una o due volte alle Scritture, attratto
dalla loro rinomanza, aveva apprezzato, propter planum
atque compositum dicendi genus, i libri di Lattanzio, che
tuttavia aveva gettato via con altri, dopo averli letti una
sola volta95.
Jules Wankenne osserva acutamente che questo commonitorium potrebbe essere intitolato loge de la paresse,
precisando che non si tratta dellelogio di una qualsiasi pigrizia, bens di quella che impediva a Consenzio di leggere
gli scritti altrui, contrapposta curiosamente allo zelo della
92 Aug., Ep. 12* (CSEL, 88, pp. 51-70). Sullapporto che la scoperta di questo commonitorium ha dato al dibattito sullautenticit
della lettera di Severo e sulla conversione degli Ebrei di Minorca
ved. C. Ginzburg, Il filo e le tracce: vero, falso, finto, Milano,
2006, pp. 39-44.
93 Aug., Ep. 12*, 1 (CSEL, 88, p. 70).
94 Ved. Caltabiano, Libri e lettori nelle lettere di Agostino, cit. (n.
53), pp. 77-78; C. E. Quillen, Consentius as reader of Augustines
Confessions, cit. (n. 78), pp. 87-109. Ead., Rereading the Renaissance: Petrarch, Augustin, and the Language of Humanism, Ann
Arbor (Mich.), 1998, pp. 40-41.
95 Aug., Ep. 12*, 2 (CSEL, 88, p. 71).

AnTard, 18, 2010

sua feconda attivit di scrittore96. Io intendo richiamare,


invece, lattenzione su alcune affermazioni di Consenzio,
che aiutano a gettare qualche luce, ma non certo a chiarire
quanto vorremmo, i motivi dellevidente distacco del Nostro
dal vescovo, sia perch non possediamo la documentazione
completa delle relazioni epistolari intercorse negli anni tra
i due, sia perch la natura stessa del commonitorium, paragonabile pi a una raccolta di appunti che a una lettera,
impedisce una soddisfacente ricostruzione dei fatti97.
Consenzio, pur mettendo a nudo, persino con una sorta
di compiacimento, le proprie debolezze, al punto da riconoscere che non gli era mancato il maestro, bens era stato lui
a sottrarsi ai suoi insegnamenti98, e pur continuando, anche
se in modo pi tiepido che in passato, ad elogiare Agostino,
riferendosi a lui con una fine ironia, sottolineata da citazioni
di Terenzio99, mostra di non accettare i suoi consigli, e giunge
al punto persino di mettere in dubbio la possibilit che le
sue opere gli possano sopravvivere100.
Risultano significativi anche altri spunti suggeriti dalla
lettura di questa epistola.
Consenzio, giustificandosi per essersi lasciato trascinare a scrivere contro il prete Leonzio, ormai defunto, non
dallamore del sapere bens dalla giustizia naturale, dallammirazione per Agostino e dal desiderio di conoscere la verit,
riconosce che alcune pagine dei suoi scritti, avevano riscosso
pi condanne che elogi, concludendo che, a suo parere, tutti
quei fatti erano avvenuti per volont di Dio, affinch egli non
solo scrivesse, ma scrivesse reprehensibiliter101.
Purtroppo non si sa nulla della questione in cui fu implicato Leonzio, ricordata solo in questo commonitorium,
eccetto che fu risolta dal vescovo di Ippona, anche se in base
a quanto scrive Consenzio si pu ipotizzare che riguardasse
problemi dottrinali.

96 J. Wankenne, Introduction la Lettre 12*, in Oeuvres de saint


Augustin (Bibliothque augustinienne, 46B), Paris, 1987, p. 490.
Sullinquadramento dal punto di vista storico di alcuni episodi
a cui si fa riferimento in questo commonitorium e per lanalisi
linguistica del testo, ved. J. Wankenne, s.v. Consentius, in Augustinus-Lexikon, cit., (n. 29) 1, coll. 1236-1239; Id., La correspondance de Consentius avec saint Augustin, in Les Lettres de Saint
Augustin, pp. 225-242; Sullapporto che la scoperta di questo testo
ha dato al dibattito sullautenticit della lettera di Severo sulla
conversione degli Ebrei di Minorca ved. C. Ginzburg, Il filo e le
tracce: vero, falso, finto, Milano, 2006, pp. 39-44.
97 Sui commonitoria cfr. R. Lizzi Testa, Unepistola speciale: il
commonitorium, in F. E. Consolino (a cura di) Forme letterarie
nella produzione latina di IV-V secolo, Roma, 2003, pp. 53-89.
98 ... non doctorem mihi, sed me deesse doctori. Aug., Ep. 12*,
12 (CSEL, 88, p. 70).
99 H. Marti, Citations de Trence. Problmes et signification des
exemples de la Lettre* 12 de Consentius saint Augustin, in Les
lettres de saint Augustin, pp. 243- 249
100 Aug., Ep. 12*, 12 (CSEL, 88, pp. 77).
101 Aug., Ep. 12*, 3 (CSEL, 88, pp. 71-72).

AnTard, 18, 2010

Nel paragrafo seguente, Consenzio continua la sua giustificazione, affermando di essere stato spinto a scrivere contro
il sacerdote non amore doctrinae quam laboriosissimam esse
cognoscens penitus respuebam, sed catholicae fidei quam
ignorare mortiferum est, poich desiderava arrivare alla
conoscenza semplice e profonda della verit, senza doversi
applicare assiduamente alla lettura n fare opera critica,
lamentando altres di non aver potuto trovare nelle Baleari
cristiani sufficientemente dotti e credenti cui sottoporre i
suoi dubbi.
Aggiunge, inoltre, che avrebbe potuto realizzare il suo
desiderio, cio quello di chiarire i suoi dubbi senza fatica,
se avesse potuto ascoltare persone sapienti e discutere con
loro le questioni che lo assillavano, o almeno se avesse
incontrato qualcuno che avesse a sua volta potuto ascoltare
questi sapienti; infine dichiara che avrebbe forse anche accettato di affaticarsi un poco nella lettura, se gli fossero stati
forniti libri adatti a risolvere le difficolt in cui si sentiva
invischiato, facendo pensare, a questo punto, di considerare
poco adatti anche i libri che Agostino gli aveva inviato102.
Quanto scrive Consenzio mi induce ad ipotizzare che
egli, sia pure in buona fede, possa essere entrato in conflitto
con lIpponenese; prendendo, infatti, in modo autonomo
liniziativa di contestare con i suoi libri le posizioni di
Leonzio, forse perch le riteneva poco ortodosse, aveva
dimostrato di non rispettare il vescovo, il solo responsabile
dellortodossia dei suoi fedeli e soprattutto lunico in grado
di giudicare il comportamento di un sacerdote. Questo
potrebbe essere confermato dal fatto che Agostino, quando
intervenne, non lo fece unicamente per risolvere la questione
di Leonzio, ma anche per condannare alcune affermazioni
sbagliate contenute nei libri che Consenzio aveva scritto
contro questultimo103. Unulteriore conferma di ci si pu
forse trovare nel fatto che Consenzio ag anche in altre occasioni in modo sconsiderato, spinto dal desiderio ardente
di combattere gli eretici.
E sufficiente ricordare che, nellaltro suo commonitorium104, databile intorno al 420, egli stesso riferisce di aver
scritto falsi libri priscillanisti e di averli poi fatti introdurre
tra i seguaci di questa eresia dal monaco Frontone, mandando
ad Agostino, soltanto a cose fatte, multa legenda, per documentare i risultati della missione. La reazione del vescovo si
fece attendere un anno e non fu affatto tenera; nella dedica
del Contra mendacium, infatti, dopo aver elogiato la forma
letteraria degli scritti di Consenzio, la sua conoscenza delle
102 Aug., Ep. 12*, 4 (CSEL, 88, p.72).
103 Scrive Consenzio a questo proposito: ... pugnacissime decertarem moxque eius aemulatione succensus et famam tuae
Sanctitatis admirans et amore agnoscendae aestuans veritatis illa
conscriberem, in quibus multa damnata, pauca laudata sunt
Aug. Ep. 12*, 3 (CSEL, 88, p. 72). .
104 Aug., Ep. 11* (CSEL, 88, pp. 51-70). Per una esauriente ricostruzione della vicenda ved. Burrus, The Making of a Heretic,
pp.115-125

LETTURA E LETTORI IN AGOSTINO

161

Scritture, lacume della sua intelligenza, la solerzia che lo


spingeva ad attaccare certi cattolici negligenti e anche lo
zelo con cui inveiva contro gli eretici, compresi quelli che
si tenevano nascosti, gli comunic di non approvare lidea
che per scovarli dai loro nascondigli si ricorresse alla menzogna105. Recensendo questopera nelle Retractationes, dopo
aver ricordato che loccasione per comporla gli era stata
offerta dallo stratagemma escogitato da alcuni cattolici che,
per scovare gli eretici Priscillianisti, si erano finti essi stessi
Priscillianisti ut eorum latebras penetrare, aggiunge Quod
ego fieri prohibens, hunc librum condidi106.
Laffermazione di Consenzio di essere stato spinto a scrivere dallamore per la fede cattolica, perfettamente coerente
con quanto aveva affermato dieci anni prima nellepistola
119, e cio di essere convinto che la verit riguardante la
natura di Dio deve essere raggiunta pi con la fede che con
la ragione, spiega il motivo per cui egli considerava inutile
il faticoso lavoro di ricerca e di lettura, che il vescovo di
Ippona non aveva mai cessato di proporgli.
Consenzio, uomo di vasta cultura sia pagana che cristiana,
era convinto di aver gi trovato in modo autonomo la via
della Verit e di conseguenza agiva in modo indipendente.
Inviando i suoi libri e sollecitando il giudizio di Agostino,
presumeva, probabilmente, di ottenere lapprovazione del
vescovo, utile anche per favorire la diffusione dei suoi
scritti, mentre Agostino, fermo custode dellortodossia e
soprattutto maestro, pur apprezzando alcune doti del suo
corrispondente, non si stanc, con paterna benevolenza, di
correggere, ancora una volta, i suoi errori e di suggerirgli
sempre nuove letture per superarli.
Laspetto pi singolare del comportamento di Consenzio
che, mentre impegn parte della sua vita a combattere gli
errores altrui per amore della fede, e talvolta anche in modo
sbagliato, rifiut invece laiuto che Agostino gli offr per
correggere i suoi.
Universit degli studi di Milano,
Facolt di Lettere e Filosofia

105 Aug., C. Mend. 1, 1 (CSEL, 41, pp. 469-471). Sulla relazione


tra la composizione del Contra Mendacium e lep. 11*, ved. A. M
La Bonnadire, Du nouveau sur le priscillianisme (Ep. 11*), in
Les Lettres de Saint Augustin, pp. 205-222.
106 Aug., Retract. II 86 (CSEL, 36., p. 199).

AnTard, 18, 2010, p. 163-180

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE


DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDOANTICO*
GIANFRANCO AGOSTI

Saxa loquuntur ? Epigraphic Greek Epigrams


and the Diffusion of Paideia in Late Antiquity
This paper deals with the reading and the reception of Greek epigraphic epigrams in Late Antiquity.
Inner features of the texts repeated allusions to the voices of the poems, frequency of dialogic structures , as well as aspects of the mise en page, combined with literary testimonies, lead to conclude
that in Late period also epigraphic epigrams were read aloud, through an oralised reading. The high
literary language and style of many late epigrams were obviously not accessible to a wider audience:
from the point of view of reception, we should distinguish between the cultivated lite, able to properly
understand the literary content of the epigrams, and a semiliterate audience, which probably read
the texts through the intermediation of a lector. The greatest part of the readers, nevertheless, was
aware of the cultural prestige of an inscribed literary poem, even when they could not well grasp all
the subtleties of the text. In the last part of the paper, after examining the possible reception of some
epigrams in Christian context, I suggest that epigrams on stones played a significant role in assuring
the social importance of classical paideia in the Christian world [Author].

In questo lavoro mi occuper degli epigrammi epigrafici


considerati parte integrante della poesia greca dei secoli
IV-VI d.C.1. Questa stata oggetto negli ultimi anni di una
* Le idee presentate nel lavoro, hanno beneficiato, oltre che della

discussione durante il convegno parigino (fra gli altri con Guglielmo Cavallo e Denis Feissel), anche della dottrina e delle
osservazioni di Giovanni Alberto Cecconi, Lucio Cristante,
Marco Fernandelli, Valentina Garulli, Augusto Guida, Paolo
Liverani, Enrico Magnelli, Francesco Valerio, e, in occasione di
un seminario veneziano, di Ettore Cingano, Filippomaria Pontani,
Luca Mondin. Ribadisco la mia gratitudine e il fatto che resta
solamente mia la responsabilit delle affermazioni.
1. Gi trentanni fa Averil Cameron aveva lucidamente affermato
questo principio: they [scil. Agathias and his friends] were not
writing in a vacuum. There was a lively background of contemporary inscriptional epigram against which their poems must be
judged (Agathias, Oxford, 1970, 18); un primo approccio in G.
Agosti Literariness and Levels of Style in Epigraphical Poetry of
Late Antiquity, in Ramus, 37.1-2, 2008 (= Signs of Life? Studies
in Later Greek Poetry edited by K. Carvounis and R. Hunter),
pp. 191-213: p. 191-192. Allorigine della rivalutazione dei rap-

decisa rivalutazione2, che ha comportato un riassetto del


quadro storico-letterario.
a) dalla fine del III sec. fino ai primi decenni del VII la poesia
greca recupera terreno nei confronti della prosa e dei generi ad
essa tradizionalmente riservati;
porti fra epigrafia e letteratura tarde c naturalmente la lezione
di Louis Robert.
2. Per quadri aggiornati di questa produzione si veda: D. Gigli,
Nonno di Panopoli. Le Dionisiache. Canti I-XII, Milano, 2003,
pp. 8-13; Al. Cameron, Poetry and Literary Culture in Late Antiquity, in S. Swain-M. Edwards (edd.), Approaching Late Antiquity. The Transformation from Early to Late Empire, Oxford, 2004,
pp. 327-354; G. Agosti, La voce dei libri: dimensioni performative
dellepica greca tardoantica, in E. Amato-A. Roduit-M. Steinrck
(edd.), Approches de la Troisime Sophistique. Hommage J. Schamp, Bruxelles, 2006, pp. 33-62; e Niveaux de style, littrarit,
potiques: pour une histoire du systme de la posie classicisante
au VIe sicle, in P. Odorico-P.A. Agapitos-M. Hinterberger (edd.),
Doux remde... Posie et potique Byzance, Paris, 2009,
pp. 99-119; L. Migulez Cavero, Poems in Context : Greek Poetry
in the Egyptian Thebaid 200-600 AD, Berlin-New York 2008.

164

GIANFRANCO AGOSTI

b) una parte importante del cursus studiorum era costituita da


esercizi di composizione poetica (c, a noi noti dai
papiri), che erano parte essenziale della paideia classica, intesa
come repertorio linguistico, di immagini e di strutture retoriche
utili per ogni aspetto della vita civile e politica3;
c) ci comporta, a partire dalla fine del III sec., una equivalenza
di retorica e poesia, la quale fa s che si ritrovino gli stessi temi
e lo stesso linguaggio, poniamo, nei Panegirici latini, nelle
orazioni politiche di Temistio e nei poemi epico-encomiastici
del IV e V sec. composti per i governatori e i duchi della Tebaide4; un fenomeno che si riflette anche nelle aree provinciali,
come mostrano gli epigrammi epigrafici per i governatori e i
notabili municipali5 o nel VI secolo la poesia documentaria di
Dioscoro di Afrodito;
d) sul piano sociale appare caratteristica del tardoantico la figura
del poeta-pubblicista itinerante, il wandering poet6; letterato
di professione spesso un c7 che esercitava la
propria perizia sia nella poesia doccasione (encomi, epitalami),
sia in pi impegnativi poemi mitologici; la circolazione di
questi professionisti contribu in modo notevole alla diffusione

3. P. Brown, Potere e cristianesimo nella tarda antichit, ed. it.


Roma-Bari, 1995, pp. 51-102; D. Slootjes, The Governor and
his Subjects in the Later Roman Empire, Leiden-Boston, 2006,
pp. 129-153. Per leducazione: R. Cribiore, Gymnastics of the
Mind. Greek Education in Hellenistic and Roman Egypt, Princeton, 2001, pp. 239-244; G. Agosti, Letopea nella poesia greca
tardoantica, in E. Amato-J. Schamp (edd.), . La
reprsentation des caractres dans la littrature de lAntiquit
Tardive, Fribourg-Salerno, 2005, pp. 33-60; J.A. Fernndez
Delgado, Influencia literaria de los progymnasmata, in Id.-F.
Pordomingo-A. Stramaglia (edd.), Escuela y literatura en Grecia
antigua, Cassino, 2007, pp. 273-306; R. Cribiore, The School of
Libanius in Late Antique Antioch, Princeton-Oxford, 2007, pp.
159-165; L. Migulez Cavero, Poems in Context, cit. (n. 2), pp.
264-366.
4. La maggior parte editi in E. Heitsch, Die griechischen Dichterfragmente der rmischen Kaiserzeit I2-II, Gttingen, 1963-64.
Sullequivalenza di retorica e poesia vd. J.-L. Fournet, Lenseignement des Belles-Lettres dans lAlexandrie antique tardive,
in T. Derda-T. Markiewicz-E. Wipszycka (edd.), Alexandria.
Auditoria of Kom el-Dikka and Late Antique Education, Warsaw,
2007, pp. 99-112.
5. Fenomeno riassunto in una vigorosa formula da C. Mango:
rhetoric, whether in word or in stone (cfr. Al. Cameron, Porphyrius the Charioteer, Oxford, 1973, 58); cfr. anche L. Robert,
Hellenica IV, Paris, 1948, pp. 110.
6. Definizione entrata nelluso a seguito di Al. Cameron, Wandering
Poets. A Literary Movement in Byzantine Egypt, in Historia, 14,
1965, 470-509. Sul fenomeno in et classica ed ellenistica si
veda adesso R. Hunter-I. Rutherford (edd.), Wandering Poets in
Ancient Greek Culture, Cambridge, 2008, e per let imperiale
A. Gangloff, Rhapsodes et potes piques lpoque impriale,
in REG, 123, 2010, pp. 51-70.
7. R.A. Kaster, Guardians of Language. The Grammarians and
Society in Late Antiquity, Berkeley-Los Angeles-London, 1988;
E. Szabat, Teachers in the Eastern Roman Empire (Fifth-Seventh
Centuries). A Historical Study and Prosopography, in T. Derda-T.
Markiewicz-E. Wipszycka, Alexandria, cit. (n. 4), pp. 177-345.

AnTard, 18, 2010

della paideia classica e al rinnovato prestigio del linguaggio


poetico;
e) la confessione religiosa non ha conseguenze significative
sulla produzione letteraria dal punto di vista formale: la poesia
cristiana e quella pagana usano lo stesso linguaggio e lo stesso
apparato erudito8;
f) al pari della letteratura oratoria, ma anche dellomiletica
cristiana9, la poesia era destinata a una fruizione anche, se non
soprattutto, orale: anzi, proprio per la performance essa ha
elaborato un linguaggio e soluzioni ritmiche che tengono conto
delle mutate condizioni linguistiche10.

La cospicua produzione poetica nellOriente tardoantico,


anche quella pi raffinata, era profondamente immersa nella
societ. Limmagine vulgata di un bellettrismo libresco va
sostituita con quella di una poesia che faceva pienamente
parte della vita sociale e culturale delle citt del Mediterraneo romano.
appunto tale dimensione sociale che spiega la ricchissima produzione di poesia epigrafica: a partire dallinizio
del IV secolo parallelamente alla citata diffusione dei
poemi encomiastici si diffonde ed aumenta in modo esponenziale la pratica di elogiare loperato dei governanti e
dei notabili cittadini tramite iscrizioni metriche, spesso di
elevata qualit, come tante volte Louis Robert ha mostrato11.
Per quanto poco considerati dai filologi12 ma grazie allap8. S. Averincev, Lanima e lo specchio. Luniverso della poetica
bizantina, ed. it. Bologna, 1988, pp. 329-330; Al. Cameron, Poets
and Pagans in Byzantine Egypt, in R. Bagnall (ed.), Egypt in
the Byzantine World 300700, Cambridge, 2007, pp. 21-46; G.
Agosti, Cristianizzazione della poesia greca e dialogo interculturale, in Cristianesimo nella Storia, 31, 2009, pp. 59-81, con
ulteriore bibliografia.
9. B. Flusin, La culture crite, in C. Morrisson (ed.), Le monde
byzantin, Paris, 2004, pp. 255-276: p. 257; G. Cavallo, Leggere
a Bisanzio, Roma, 2007; C. Rouech, Written display in Late
Antique and Byzantine City, in E. Jeffreys (ed.), Proceedings
of the 21st International Congress of Byzantine Studies, London, 2006, pp. 235-254. Per lOccidente si veda I. Gualandri,
Leredit tardoantica, in G. Cavallo-C. Leonardi-E. Menest
(edd.), Lo spazio letterario del Medioevo. Il Medioevo latino,
I 1, Roma, 1992, pp. 15-44: pp. 15-24; e per il carattere aurale
della civilt tardomedievale, in relazione alla lettura epigrafica,
V. Debiais, Messages de pierre. La lecture des inscriptions dans
la communication mdivale (XIII-XIVe sicles), Turnhout, 2009,
pp. 18-20.
10. Mi riferisco alla metrica e allo stile della poesia di Nonno e
dei suoi seguaci.
11. L. Robert, Hellenica IV, cit. (n. 5), p. 109. Dal III sec. in avanti
aumenta anche il numero di iscrizioni in esametri stichici: lo
rimarc per primo A. Wifstrand, Von Kallimachos zu Nonnos,
Lund, 1933, p. 155 ss.
12. The thousand of inscriptional epigrams, many of great interest
and high quality [] seldom consulted by literary scholars (Al.
Cameron, Poetry and Literary Culture, cit. [n. 2], p. 331). Si
confronti quanto scriveva G. Sanders nel 1968: la posie pigraphique latine est sous-estime en tant que phnomne littraire et
htivement juge en tant que documentation historico-culturelle,

AnTard, 18, 2010

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDO ANTICO

parizione degli Steinepigramme di Merkelbach-Stauber


questo atteggiamento va cambiando 13 gli epigrammi
epigrafici tardoantichi pongono questioni storico-letterarie
non eludibili, soprattutto dal punto di vista delle modalit
di fruizione da parte dei destinatari, delle aspettative dei
committenti e della funzione sociale di testi spesso redatti
in un linguaggio barocco e lontano dalla massa degli illitterati. Nelle pagine che seguono verranno dunque analizzati
alcuni aspetti della performance epigrafica; per passare poi
ad alcune considerazioni sul rapporto del lettore/fruitore
nel caso di testi impegnativi dal punto di vista linguistico e
letterario (sia pure a livelli stilistici differenti).
La voce delle pietre
La frequenza delle immagini e delle allusioni alla voce nei
poemi epigrafici un fenomeno ben conosciuto e studiato,
soprattutto per il periodo pi antico fino allet ellenistica14.
sauf sans doute par le cercle restreint des carministes (Affinit
et divergences dans les Carmina Epigraphica latins paens et
chrtiens, in G. Sanders, Lapides memores. Paens et chrtiens
face la mort: le tmoignage de lpigraphie funraire latine,
Faenza, 1990, pp. 61-85: pp. 61-62): ma richiami in tal senso Sanders ha espresso pi volte nel corso della sua pionieristica ricerca
(vd. ad es. G. Sanders, Lapides memores, cit., pp. 130, 137).
13. R. Merkelbach-J. Stauber, Steinepigramme aus dem griechischen Osten, I-V, Stuttgart-Leipzig, 1998 [I], Mnchen-Leipzig,
2001 [II-III], 2002 [IV], 2004 [V]. Mie precedenti ricerche sui
rapporti fra letteratura ed epigrafia nel mondo tardoantico si
trovano in G. Agosti, Miscellanea epigrafica I. Note letterarie a
carmi epigrafici tardoantichi, in Medioevo Greco, 5, 2005, pp.
1-30; Note a epigrafi tardoantiche (Miscellanea epigrafica II),
in ZPE, 160, 2007, pp. 41-49; Literariness, cit. (n. 1); si veda
inoltre: E. Magnelli, Su un epigramma greco tardoantico da
Scitopoli, in ZPE, 152, 2005, pp. 57-60. Per let ellenistica e
imperiale nuove prospettive sono aperte dagli studi di Valentina
Garulli sulla poesia epigrafica funeraria (vd. almeno Lepigramma
longum nella tradizione epigrafica sepolcrale greca, in A.M. Morelli [ed.], Epigramma longum. Da Marziale alla tarda antichit.
From Martial to late Antiquity, Cassino, 2008, pp. 623-662; e il
volume Byblos lainee. Epigrafia, letteratura, epitafio, di prossima
pubblicazione). Per i Carmina Latina Epigraphica vd. G. Sanders, Lapides Memores, cit. (n. 12), P. Cugusi (Aspetti letterari
dei Carmina Latina Epigraphica, Bologna 19962; Ricezione del
codice epigrafico e interazione tra carmi epigrafici e letteratura
latina nelle et repubblicana e augustea, in P. Kruschwitz (ed.),
Die metrische Inschriften der rmischen Republik, Berlin-New
York, 2007, pp. 1-61; Id., Per un nuovo corpus dei Carmina Latina
Epigraphica. Materiali e discussioni, con unappendice a cura
di M.T. Sblendorio Cugusi, in Mem. Mor. Acc. Lincei s. 9, 22.1,
2007, pp. 1-267: pp. 147-187.
14. La bibliografia, che ha assunto dimensioni ormai cospicue, si
pu ricavare da alcuni lavori fondamentali: M. Fantuzzi, Lepigramma, in Id.-R. Hunter, Muse e Modelli. La poesia ellenistica
da Alessandro Magno ad Augusto, Roma-Bari, 2002, pp. 413-448;
E. Casey, Binding Speeches: Giving Voice to Deadly Thoughts in
Greek Epitaphs, in I. Sluiter-R.M. Rosen, Free Speech in Classical Antiquity, Leiden-Boston, 2004, pp. 63-90; A. Chaniotis,

165

Ma anche nel tardoantico le pietre continuano a far sentire


la loro voce. il caso di I. Mtr. 60 Bernand, un interessante
epigramma proveniente dalla necropoli di Hermonthis (IV/V
sec. d.C.):
c , , c c ,
c c c
c c c,
c c c c
,
c c c cc.

Un locutore esterno (il passante) legge quanto rivendicato


dalliscrizione: la tomba stavolta sar prevenuta dal grido
dellepigrafe stessa16, che rivela a tutti i passanti lidentit
del defunto. Lopposizione fra c e c mette in atto,
infatti, una distinzione fra i due momenti dellapproccio al
sepolcro da parte del passante: lappercezione visiva del monumento funebre17 preceduta dalla lettura dellepigramma,
il che equivale a dire che latto locutorio, mediato attraverso
la voce del lettore, ha pi impatto dellatto visivo. Se
forse eccessivo affermare che chi ha redatto lepigramma
voleva stabilire una gerarchia fra i due momenti, comunque

Listening to Stones. Orality and Emotions in Ancient Inscriptions,


in J.K. Davies-J.J. Wilkes (edd.), Proceedings of the 13th International Congress of Greek and Latin Epigraphy, Oxford, in c.s.
(di cui ho potuto leggere il testo grazie alla cortesia dellautore);
D. Meyer, The Act of Reading and the Act of Writing in Hellenistic Epigram, in P. Bing-J.S. Bruss (edd.), Brills Companion
to Hellenistic Epigram, Leiden-Boston, 2007, pp. 187-210; J.
Ma, Hellenistic Honorific Statues and Their Inscriptions, in Z.
Newby-R. Leader Newby (edd.), Art and Inscriptions in the
Ancient World, Cambridge, 2007, pp. 203-220; Th.A. Schmitz,
Speaker and Addresse in Early Greek Epigram and Lyric, in
M. Baumbach-A. Petrovic-I. Petrovic, Archaic and Classical
Greek Epigram, Cambridge, 2010, pp. 25-41; Id., Epigrammatic
Communication in Callimachus Epigrams, in GRBS, 50, 2010,
pp. 370-390.
15. Prima che tu dica, tomba, chi o da chi nacque chi qui giace,
lepigrafe lo grida a tutti i passanti. Giace qui il corpo dellindimenticata Macaria, che ha gustato la morte come accade ai
pii: ma lei ha un posto in cielo nella citt dei santi, avendo come
ricompensa per le sue sofferenze la corona celeste. Lautore
ha frammisto alle formule di genere dellepigramma funerario
espressioni testamentarie, come c (Mc. 9, 1;
Io. 8, 52) e (vd. E. Bernand, Inscriptions
mtriques de lgypte grco-romaine, Paris, 1969, p. 244-245, cui
rimando anche per la questione dellidentit della defunta).
16. sovente metaforizzato nella lingua tarda (vd. Lampe
s.v.) e dunque possibile che anche qui significhi semplicemente
proclamare; in alcuni poeti, tuttavia, la frequenza del verbo
rimanda senzaltro alla concezione orale della poesia, com il
caso di Nonno nella Parafrasi (vd. infra n. 38).
17. Unimmagine che rivela i tratti del defunto, o come mi
fa notare Enrico Magnelli , un titulus informativo in prosa, ci
che farebbe intendere il v. 1 in riferimento a un testo che si
pronuncia ma non si recita.

166

GIANFRANCO AGOSTI

evidente lintenzione di rimarcare limportanza del testo


in versi18.
Sovente laccento posto sul paradosso epigrafico. In
un epigramma da Halai (Locride orientale), risalente allet
imperiale o tardoantica19, IG IX, 1 256 = epigr. 374 Geffcken
= GVI 1298, il viator invitato a fermarsi e ad ascoltare
prima la voce che viene da una pietra muta (vv. 1-2):
<>c c , [],
ccc c []c20.

Lappello al viandante, la struttura dialogica21, lidea che


la voce venga dalla pietra sono temi comuni dellepigrafia
funeraria22; n si pu attribuire una particolare originalit
allossimoro iniziale della pietra muta (c) da cui si leva
18. Lordine consueto si trova invece nelle stele di Menofila (SGO
04/02/11, Sardi, II a.C.) cc c c.
c / c (una donna
raffinata la pietra aggraziata mostra. Chi ? Lo rivela lo scritto in
versi, Menofila): su questo epigramma vd. M. Fantuzzi, Lepigramma, cit. (n. 14), pp. 446-447). Allinizio dellet imperiale,
un epigramma funerario da Leontopoli, I. Mtr. 43 Bernand =
GVI 1861 (I d.C.) si apre con la sorprendente espressione nominale c , intesa credo a ragione da B. Boyaval,
Dix notes gyptiennes, in Kentron, 17, 2001, pp. 53-81: p. 79,
come la stele dichiara, cio una indicazione per il lettore che
subito avvertito che ci sar un dialogo con la stele e che sar
questultima a fornire le risposte (cfr. anche IG XII, 3 220 e I.
Mtr. 63 segnalatimi da Luca Mondin).
19. II Jh. n. Chr. oder spter W. Peek, GVI; sehr spt J.
Geffcken, Griechische Epigramme, Heidelberg, 1916, p. 152,
criticato per (sehr mit Unrecht) da A. Wilhelm, Zu einem
Beschluss von Thiasiten aus Kallatis, in Hermes, 63, 1928, pp.
225-231: p. 226.
20. Accetta un discorso vivo da una pietra muta, passante, fermando per un po il passo del tuo cammino. Segue un dibattito sulla
felicit della vita umana fra un interlocutore diatribico (c, v.
5) e il defunto, che a partire dal v. 7 assume decisamente il ruolo
di locutore, per rivendicare la felicit di una vita breve e perci
non funestata dai mali della vecchiezza; per linterpretazione vd.
J. Geffcken, Griechische Epigramme, cit. (n. 19), p. 152.
21. Per le questioni inerenti il dialogo e la pluralit di voci parlanti
e di destinatari, alla luce dei rapporti fra epigramma epigrafico ed
epigramma letterario si veda la bibliografia citata alla n. 14.
22. cc lattacco del famoso CEG 429 (Alicarnasso, V sec. a.C.: vd. M. Fantuzzi, Lepigramma, cit. [n. 14], p.
415; M.A. Tueler, The Passer-by in Archaic and Classical Greek
Epigram, in M. Baumbach-A. Petrovic-I. Petrovic, Archaic and
Classical Greek Epigram, cit. (n. 14), pp. 42-60: p. 55; J.W.
Day, Archaic Greek Epigram, cit. (n. 27), p. 94; A. Chaniotis,
Listening to Stones, cit. (n. 14); vd. inoltre R. Lattimore, Themes in Greek and Latin Epitaphs, Urbana 1962, pp. 230-234;
per Roma E. Valette-Cagnac, La lecture Rome, Paris, 1997,
pp. 75-101 (mi inaccessibile H. Belloc, Mater tua rogat te ut
me ad te recipias: une nouvelle approche de lnonciation des
carmina Latina epigraphica, in F. Toulze-Morisset (ed.), Formes
de lcriture, figures de la pense dans la culture grco-romaine,
Lille, 2009, pp. 87-100).

AnTard, 18, 2010

un c c, che instaura il dialogo col passante23.


Detto in altri termini, la performance della lettura perpetua
la vita del defunto24. Unidea caratterizzante lepigrafia
funeraria per i lettori antichi. Anche Possidio ricorre a un
distico funerario per illustrare la forza evocatrice della lettura
degli scritti di Agostino (Vita Aug. 31.8)25:
Ecclesiae dimisit, una cum bibliothecis, libros et tractatus vel
suos vel aliorum sanctorum habentibus, in quibus dono Dei
qualis quantusque in Ecclesia fuerit noscitur, et in his semper
vivere a fidelibus invenitur. Iuxta quod etiam saecularium
quidam poeta, suis iubens quo sibi tumulum mortuo in aggere
publico collocarent, programmate finxit, dicens
Vivere post obitum vatem vis nosse, viator?
Quod legis, ecce loquor; vox tua nempe mea est26.

Naturalmente non si pu immaginare che un epigramma


restituisca la voce del poeta defunto se non attraverso
una lettura ad alta voce, tanto pi tenuto conto della dimensione pubblica dellepigrafia funeraria metrica27. Si
23. Ad es. AP 6.269 = FGE 672 (la pietra) c c ,
o SGO 05/01/42 (III a.C.) ... /
c, con M. Fantuzzi, Lepigramma, cit. (n. 14),
p. 416 e 418; esempi romani sono discussi da E. Valette-Cagnac,
La lecture, cit. (n. 22), pp. 101-102.
24. Cfr. J. Balogh, Voces paginarum. Beitrge zur Geschichte
des lauten Lesens und Schreibens, in Philologus, 82, 1927, pp.
84-109, 202-240: p. 202, il quale cita lepigramma da Eumeneia
(III d.C.), GVI 1905.20-21 ,
- / c c, .
25. Su questo passo vd. ora P. Cugusi, Per un nuovo corpus, cit. (n.
13), p. 128 e P. Liverani, Chi parla a chi? Epigrafia monumentale
e immagine pubblica in et tardoantica, in Using Images in Late
Antiquity: Identity, Commemoration and Response (Roma, Accademia di Danimarca 13-15 gennaio 2010), in c.s. p. 25.
26. I rapporti del distico citato da Possidio con CLE 1450 (CIL XIV
356, Ostia) [ -----------] scire viator / [------------] nempe mea est,
sono discussi: vd. da ultimo P. Cugusi, Per un nuovo corpus, cit.
(n. 13), p. 128 che suggerisce che Possidio citi a memoria proprio
il distico di Ostia. Si veda inoltre CLE 1278 Quodque meam /
retinet vocem data litte/ra saxo, || vo[ce] tua vivet, / quisque lege[s
titu]los (cfr. G. Sanders, Les pitaphes latines palochrtiennes
et leurs lecteurs, in Lapides Memores, cit. [n. 12], pp. 33 con
altri paralleli); e anche CLE 670 = ICVR 1440 = epigr. Dam. 51
Ferrua v. 1 quid? Loquar aut sileam.
27. Gi J. Balogh, Voces paginarum, cit. (n. 24), p. 202 n. osservava
che la pietra parla se lautore dellepigramma presuppone una
lettura ad alta voce. Gli studi che successivamente hanno rimesso in questione la tesi di Balogh, sottolineando la coesistenza
nellantichit di lettura ad alta voce e silenziosa (vd. infra nn.
28-29), non si occupano delle epigrafi. Recentemente P. Bing, The
Un-Read Muse? Inscribed Epigram and Its Readers in Antiquity,
in The Scroll and the Marble. Studies in Reading and Reception
in Hellenistic Poetry, Ann Arbor, 2009, pp. 116-146 (revisione
di un articolo apparso con lo stesso titolo in M. A. Harder-R.
F. Regtuit-G. C. Wakker (edd.), Hellenistic Epigrams, Leuven,
2002, pp. 39-66), ha sottolineato come il porre e il dedicare
un monumento fosse pi importante che la sua lettura e deci-

AnTard, 18, 2010

saxa loquuntur ? epigrammi epigrafici e diffusione della paideia nelloriente tardo antico

molto discusso in anni recenti sulla polarit lettura ad alta


voce / lettura silenziosa per la letteratura greca e latina,
specie dopo che Bernard Knox ha dimostrato che i lettori
antichi conoscevano e utilizzavano la lettura fra s e s28; e
William Johnson ha opportunamente rilevato che non tanto
di contrapposizione fra modalit di lettura si deve di volta in
volta parlare, quanto dei contesti di lettura e delle occasioni
socioculturali in cui un testo era letto29. Questo dibattito ha
toccato solo marginalmente i testi epigrafici30, per i quali la
lettura ad alta voce considerata la norma: e recentemente
Angelos Chaniotis ha illustrato lemozionalit e il rapporto
testo/lettore che si instaura nella comunicazione epigrafica
in una grande variet di tipologie testuali, caratterizzate da
una lettura oralizzata31. Tuttavia per quel che riguarda in
particolare la lettura degli epigrammi epigrafici tardoantichi, alcune questioni rimangono ancora aperte32. I poemi
su pietra partecipano sia della natura di documento sia di
quella di testo letterario: per la loro collocazione prevedono
un numero di lettori potenzialmente elevato e distribuito nel
frazione, esprimendo forti riserve sulla reale fruizione dei testi
poetici esposti, almeno per let preellenistica. A questa visione
si contrappongono studi che rimarcano invece la decisa attenzione del lettore degli epigrammi: per let arcaica vd. J.W. Day,
Archaic Greek Epigram and Dedication: Representation and
Reperformance, Cambridge, 2010, pp. 27-84; per quella imperiale
B. Burrell, Reading, Hearing, and Looking at Ephesos, in W.A.
Johnson-H.N. Parker (edd.), Ancient Literacies: the Culture of
Reading in Greece and Rome, Oxford, 2009, pp. 69-95: p. 70 n.
10 I believe that epigram inscriptions were occasionally read
despite the dearth of descriptions of this process in classical
literature. Ancient inscriptions effects may have been largely
subliminal, like modern billboards; this does not stop advertisers
from putting up billboards. Quanto alla dimensione pubblica
dellepigrafia funeraria vd. per Roma E. Valette-Cagnac, La
lecture Rome, cit. (n. 22), e per let moderna A. Petrucci, Le
scritture ultime, Torino, 2000.
28. B.M.W. Knox, Silent reading in Antiquity, in GRBS, 9, 1968, pp.
421-435; A. Gavrilov, Reading Techniques in Classical Antiquity,
in CQ, 47, 1997, pp. 56-63.
29. W.A. Johnson, Toward a Sociology of Reading in Classical
Antiquity, in American Journal of Philology, 121, 2000, pp.
593-627. Naturalmente nessuno mette in dubbio che la letteratura
fosse letta ad alta voce in un contesto performativo: per let
ellenistica si vedano le pagine di L. Del Corso, La lettura nel
mondo ellenistico, Roma-Bari, 2002, pp. 63-83.
30. A parte i lavori di Giancarlo Susini per lepigrafia romana: si
veda almeno G. Susini, Compitare per via. Antropologia del lettore antico: meglio, del lettore romano, in Alma mater studiorum,
1, 1988, pp. 105-124 = Epigraphica dilapidata. Scritti scelti,
Faenza, 1997, pp. 157-184 (e cfr. infra nn. 100, 117).
31. A. Chaniotis, Listening to Stones, cit. (n. 14).
32. Gi G. Sanders, Les pitaphes latines palochrtiennes et leurs
lecteurs, in Lapides Memores, cit. (n. 12), pp. 27-60 (traduzione di
un articolo del 1968): p. 59 poneva la questione chiave: pourquoi
ne se pas demander dans quelle mesure les inscriptions taient
lues ou pouvaient, pratiquement, tre lues?.

167

tempo33, ma sono di decrittazione spesso non facile, scritti


in una lingua tuttaltro che alla portata di tutti. Chiunque
abbia un po di esperienza con gli epigrammi epigrafici dei
secoli IV-VI d.C. sa che certi testi richiedono pi che una
lettura oralizzata, una lettura riflessiva e meditata, del tipo di
quella ricordata da Tolemeo per i testi scientifici: una lettura
che cerca di comprendere il testo e se del caso non esita a
rileggerlo34. Ma, va da s, la nostra reazione non necessariamente quella dei lettori antichi. Considerata dunque
la natura degli epigrammi esposti, lecito chiedersi come
leggessero materialmente i cittadini di una citt dellOriente
romano quando si imbattevano in un poema funerario, o nella
dedica in versi di una statua a un cittadino illustre, o in un
epigramma musivo che celebrava la generosit e la fede di
un vescovo. E quanti fra coloro che si fermavano a leggere
erano in grado di comprendere e apprezzare il contenuto di
un epigramma?
La prima domanda pu essere anche formulata in modo
diverso, alla luce di quanto abbiamo visto sopra. Quando
troviamo accenni alla voce negli epigrammi tardoantichi
il problema capire se siamo di fronte alla ripetizione meccanica di schemi ormai topici, oppure allespressione delle
modalit di comunicazione letteraria correnti allepoca. Non
si tratta, cio, di stabilire semplicemente se un epigramma
era letto ad alta voce o con una lettura silenziosa, ma di
chiedersi anche in che misura un epigramma fosse percepito
come unopera letteraria, e dunque quali fossero il contesto
di lettura e la cultura dei potenziali lettori.
Sulla modalit di fruizione della letteratura nel tardoantico sussistono ormai pochi dubbi, dopo gli studi di
Guglielmo Cavallo35, che hanno chiarito la persistenza della
dimensione performativa, e non solo per i generi epidittici
come loratoria o lomiletica, ma anche per lepistolografia
e per la poesia. La dimensione aurale, e i suoi riflessi sul
piano linguistico, metrico e delle immagini, sono stati fattori decisivi nella costituzione del nuovo stile dellepica
greca36. Nella poesia elevata del V e VI sec. d.C. le lettere
sono costantemente associate alla voce. Nonno di Panopoli,
ad es., quando parla dellinvenzione dellalfabeto, designa
le lettere come , facendo derivare
etimologicamente il nome delle lettere fenicie,
33. Ci vale sia per gli epigrammi funerari che per quelli epidittici:
entrambi presumono di essere letti da futuri lettori.
34. 5.12, p. 8.13-21 Lammert,
valorizzato da F. Burnyeat, Postscript on Silent Reading, in CQ,
47, 1997, pp. 74-76 (passo su cui ha richiamato la mia attenzione
Augusto Guida).
35. Fondamentali G. Cavallo, Laltra lettura. Tra nuovi libri e
nuovi testi, in AnTard, 9, 2001, pp. 131-138: p. 135; e Leggere
a Bisanzio, cit. (n. 9).
36. Un aspetto di cui mi sono occupato a pi riprese negli ultimi
anni: G. Agosti, La voce dei libri, cit. (n. 2); Literariness, cit.
(n. 1); Niveaux de style, cit. (n. 2) (lavori cui rimando anche per
ulteriori indicazioni bibliografiche).

168

GIANFRANCO AGOSTI

, da ; limmagine del libro, assai frequente


in questo poeta, sempre associata alla voce38. Un secolo pi
tardi, Giuliano Egizio epigrammista del Ciclo di Agazia
definisce linchiostro la voce eterna di coloro che non ci sono
pi, AP 6.68.5-6 (dedica degli strumenti scrittori a Hermes
da parte di un copista): c c c ,
c cc / ccc .
Le voci implicano spesso un dialogo, che lo abbiamo
visto tradizionalmente rimette in vita la parola del defunto. La persistenza dei moduli antichi era tale che Paolo
Silenziario ne fa una sconsolata parodia (AP 7.307 = 11
Viansino):
... - -c ... -c
c. - cc c . - c . - c c40

AnTard, 18, 2010

monumentale41. Le domande, di cui Paolo mette in discussione il senso, si ritrovano, ad es., in uno degli epigrammi
per il celebre auriga Porfirio (APl 344)42:
c c, , c cc , c. -c c - . c c c - c. c c - c . c c c

ccc c , 43.
Oppure in APl 267, di Sinesio Scolastico, iscrizione che
accompagnava una immagine di Ippocrate eretta in onore
di Eusebio di Bisanzio, autore di commentari agli scritti
ippocratici44:
ccc - c. - c cc. - C c - c c. c - c
c c. c - 5
c cc .

Paolo Silenziario non aveva davanti agli occhi solo epigrammi letterari. Uno degli aspetti che caratterizza pi decisamente lepigrafia in versi dei secc. IV-VI lampliamento
delle possibilit offerte dal dialogo fra un enunciatore ed un
enunciatario e soprattutto lestensione di tale dialogo alla
sfera degli epigrammi celebrativi e a quella dellepigrafia

Caso singolare di dialogo non direttamente con il laudandus, ma con limmagine di Ippocrate45, loggetto degli
studi di Eusebio, il quale riceve il suo c attraverso una
statua eretta in onore del suo autore46.

37. Nonn. Dion. 4.259-263 c /


/ ccc ,
cc / c c c c /
c c cc (Lui invece arricch
tutta lEllade con doni spirituali e sonori, / approntando strumenti
corrispondenti ai suoni del linguaggio, / mescolando vocali e consonanti in una successione armonica e coerente, / forgi il segno
della scrittura, silenzioso oratore, trad. Gigli Piccardi). Su questo
passo vd. D. Gigli Piccardi, Le Dionisiache. Canti I-XII, cit.
(n. 2), p. 354-357; G. Agosti, La voce dei libri, cit. (n. 2), p. 58.
38. Ad es. Par. 5.156-159 cc /
c / c
cc /
(quei libri per iscritto /gridano testimonianza di me con
parola profetica / di tromba immortale. E voi, pur conoscendo
/ quelle lettere parlanti, non vi affrettate desiderosi di venire da
me); cfr. G. Agosti, La voce dei libri, cit.. (n. 2), p. 57.
39. Insieme con le penne il calamaio, grazie a cui il tempo serba
ai posteri la parola dei morti (trad. M. Marzi). Cfr. ancora Iul.
Aeg. AP 6.67.5-6 c c c , c c
/ c (e per la tipologia Phan. AP 6.295, con Gow-Page,
HE II pp. 467-469).
40. Il mio nome Che importa? La mia patria... A che importa? Sono dillustre stirpe. E se anche fossi della pi oscura?
Morii dopo una vita onorata. E se fosse stata disonorevole?
Ora qui giaccio. Chi sei e a chi lo dici?(trad. M. Marzi).
Cfr. G. Rasche De Anthologiae Graecae epigrammatis quae
colloquii formam habent, Diss. Monasterii Guestfalorum, 1910,
pp. 28 e 31; G. Viansino, Paolo Silenziario. Epigrammi, Torino,
1963, pp. 23-24; M. Fantuzzi, Lepigramma, cit. (n. 14), p. 418.
Altri esempi fra i poeti del Ciclo: Agazia, AP 7.522; Giuliano,
AP 7.576, 590, 603 (trad. Marzi).

41. Non mancano naturalmente sporadici precedenti arcaici ed


ellenistici: G. Rasche, De Anthologiae Graecae epigrammatis,
cit. (n. 40), pp. 34-42. Per quanto riguarda gli inni cultuali si veda
ora V. Garulli, Inni epigrafici greci di provenienza microasiatica,
in Paideia, 65, 2010, pp. 49-99: pp. 64-65.
42. Cfr. Al. Cameron, Porphyrius the Charioteer, Oxford, 1973,
pp. 151-152.
43. Chi sei, caro ragazzo, con la barba appena accennata?
Porfirio, straniero Qual la tua patria? La Libia. Chi ti ha
adesso onorato? Limperatore, per le corse dei cavalli. Chi
il garante? Il demo dei Blu. Avresti dovuto avere Lisippo,
sapiente scultore, come garante di tanta vittoria.
44. Da dove viene chi ti ha dedicato? Da Bisanzio Qual il suo
nome? Eusebio E tu chi sei? Ippocrate di Cos E Per quale
ragione ha fatto rappresentare te? La citt, a lui riconoscente
per le opere che ha composto su di me, gli ha reso il privilegio di
unimmagine. E perch non ha fatto fare il suo ritratto? Perch
onorando me al suo posto riceve una gloria ancora maggiore. Il
lemma del codice marciano parla di ed difficile stabilire se
fosse una dipinto su tavola o unimmagine musiva; Sinesio Scolastico attribuito al Ciclo di Agazia da Av. e Al. Cameron, The
Cycle of Agathias, in JHS, 86, 1966, pp. 6-25: p. 12. Il modello
risale al posidippeo APl 275 = XIX GP = 142 Austin-Bastianini.
Cfr. ancora APl 313 (epigramma su una statua eretta ad Antiochia
in onore di un certo Tolemeo di Creta, retore).
45. Diversa la tradizione del dialogo con le statue divine, vd. R.
Kassel, Dialoge mit Statuen, in ZPE, 51, 1983, pp. 1-12.
46. Un caso simile di onori riservati a un filologo (nel senso ampio
del termine) quello della statua eretta da Atene nel 416-417 al
grammatico Filtatio, che aveva insegnato
(Olympiod. F32 Blockley), qualunque cosa ci esattamente
significhi (colometria dei testi in prosa per A. Frantz, Honors to
a Librarian, in Hesperia, 35, 1966, pp. 377-380; colometria di

AnTard, 18, 2010

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDO ANTICO

Il dialogo pu anche originarsi da una citazione letteraria.


Un bellesempio offerto da un testo del V-VI sec. d.C., scoperto nella sala di preghiera della grande moschea di Hama in
Siria: lepigramma accompagnava su una colonna il ritratto
del benefattore Elia47, che aveva ampliato i bagni della citt
(IGLS V (1959) 1999 = SGO 20/06/10, Epiphaneia)48.
, c | c cc |
, | c c |
c c | cc |
c, c | c, |
c c [c] | , |
cc | c cc c. |

Come nel precedente testo, lepigramma si apre con un


enunciatore esterno (il lettore) e un enunciatario parimenti
esterno, il c cui viene chiesto di spiegare a chi appartenga il ritratto, con una variazione dellinizio dellOdissea50. Non peraltro del tutto chiaro chi sia questo c,
se un fanciullo rappresentato nellimmagine o un fittizio
cc cui si chiedono spiegazioni51. Dal secondo
verso invece lenunciatario, sempre esterno, chiaramente
un visitatore, , che invitato a riconoscere i meriti di
Elia verso lintera comunit.
Dialoghi di questo tipo sono molto frequenti nei carmi
cristiani. Per lOccidente, Paolo Liverani, studiando le iscrizioni della Basilica di San Pietro, ha dimostrato che nellepigrafia cristiana monumentale il dialogo pu assumere forme
e funzioni diverse a seconda della posizione di enunciatore
testi poetici per R. Kaster, Guardians of Language, cit. (n. 7),
pp. 338-339).
47. Un busto, un rilievo o pi probabilmente una pittura, come ha
mostrato C. Mango, pigrammes honorifiques, statues et portraits
Byzance, in c C, Rhetymno, 1986,
I pp. 23-35 (= Id., Studies on Constantinople, London, 1993, n
IX): pp. 28-29.
48. Cfr. C. Mango, pigrammes honorifiques, cit. (n. 47), pp. 28-29;
L. Robert, Hellenica IV, cit. (n. 5), p. 47; S. Busch, Versus Balnearum. Die antike Dichtung ber Bder und Baden im rmischen
Reich, Stuttgart-Leipzig, 1999, pp. 210-211.
49. Narrami, o fanciullo, questuomo: chi fu questo illustre?
Mio caro straniero, Elia, che gli imperatori hanno degnamente
onorato. Questo bagno angusto lo ha reso, a sue spese, un ampio
bagno dinverno, e ha avuto compassione dei bisognosi della
citt, che lavorano con le loro competenze; e coi suoi averi ha
pagato il loro compenso.
50. Per uno studio delle allusioni/imitazioni dellOd. nella poesia
epigrafica classica ed ellenistica vd. P. Bing, Allusion from the
Broad, Well-Trodden Street. The Odyssey in Inscribed and Literary Epigram, in The Scroll and the Marble, cit. (n. 27), pp.
147-174.
51. Per questa seconda ipotesi si pronuncia S. Busch, Versus
Balnearum, cit. (n. 48), p. 211: Der Leser fhrt einen Dialog,
indem er (laut lesend) die Frage stellt und dann eine Antwort
erhlt. Es sieht so aus, als kme diese nicht von der Statue selber,
sondern von dem angesprochenen Knaben, der aber kaum mehr
is als eine Hilfskonstruktion, um das Homerzitat dem Zweck
anzupassen.

169

ed enunciatario, configurandosi in situazioni didattiche,


parenetiche, didascaliche52. Queste situazioni enunciative
sono esperite anche negli epigrammi in Oriente, soprattutto
in quelli che celebrano le costruzioni di edifici pubblici o di
chiese, oppure che illustrano statue e immagini onorifiche o
sacre. La pi diffusa la situazione didascalica, che si trova
spesso nella forma semplice dellinvito a guardare e a gioire
della meraviglia di quel che si descrive53, come nel caso dei
due epigrammi che celebrano la ricostruzione del teatro di
Efeso ad opera del proconsole Messalino (del IV/V d.C.),
nei quali un enunciatore esterno si rivolge a un enunciatario esterno (situazione didascalica) esortandolo a guardare
() e ad ammirare (, , c) la
costruzione54.
Un epigramma da Smirne (SGO 05/01/10 = APlan 43)
elogia il proconsole Damocaride e la sua opera di rinnovamento della citt dopo un terremoto (forse quello del 551
secondo lipotesi dei Cameron),
, c, c c,
C cc
ccc c ccc
2 Pl: inscriptio

Qui il dialogo fra la citt e la statua del dedicatario


(enunciatore esterno ed enunciatario interno: situazione
della lode) stato restituito dal recente ritrovamento di una
52. Se infatti lenunciatore interno si rivolge a un enunciatario fuori
campo si ha una situazione parenetica e didattica; se lenunciatore
esterno e si rivolge a un enunciatario interno si ha la preghiera o
la lode; se enunciatore ed enunciatario sono esterni si verifica una
situazione didascalica; se entrambi interni si verifica un dialogo
fra attori della figurazione. Si veda limportante e innovatore lavoro di P. Liverani, Chi parla a chi?, cit. (n. 25), del quale adotto
senzaltro la proposta di utilizzare le categorie enunciative per
definire gli attori della comunicazione epigrafica.
53. Gi Louis Robert aveva rimarcato la popolarit del tema della
meraviglia negli epigrammi relativi alle costruzioni: Robert,
Hellenica IV, cit. (n. 5), pp. 66-70.
54. SGO 03/02/15 ,
/ c / c c
c / cc c cc
; SGO 03/02/16 cc |c
/ cc c |c c / c
c cc, / c
c./ c (su questultimo epigramma vd. le
precisazioni di L. Robert, Hellenica IV, cit. [n. 5], p. 89). Cfr.
ancora SGO 01/12/11 = SEG 44.886 (Alicarnasso, V d.C.), in cui
lepigramma, che accompagna un mosaico, chiede lapprovazione
del visitatore (vv. 1-2: []
c / c).
55. Damocaride, inclito genio, governatore, a te questa gloria,
poich me, Smirne, dopo lesiziale danno del sisma, col tuo
slancio hai di nuovo restituito al rango di citt. Per la lezione
al v. 3 vd. D. Feissel, Gouverneurs et difices dans des
pigrammes de Smyrne au Bas-Empire, in REG, 111, 1998, pp.
125-144: p. 135 n. 44.

170

GIANFRANCO AGOSTI

pietra, che ha corretto lanodina lezione della tradizione


manoscritta.
Nellepigrafia cristiana fortemente accentuata, ovviamente, la dimensione parenetica56. Prendiamo il caso, piuttosto semplice, dellepigramma dalla chiesa di SS Pietro
e Paolo a Gerasa, dedicato al ritratto musivo del vescovo,
che si trovava su una estremit orientale del muro N (SGO
21/23/06; ca. 540 d.C.)57: lenunciatore esterno si rivolge
prima allimmagine, che anche enunciatario, nel suo
complesso, poi identifica espressamente la figura con un
; nel terzo verso lenunciatore proclama lidentit del
dedicatario e il suo vero vanto, che il Salvatore, ampliando
dunque la destinatazione a tutta la comunit dei fedeli.
c, c c - ccc
- c c c c
- ccc, [] c, []c c.

Un esempio analogo, seppure di datazione pi tarda,


costituito dallepigramma musivo della Chiesa della Vergine
a Madaba, nel quale il fedele che entra nella chiesa invitato
a guardare limmagine della Vergine e a serbare la purezza
nel cuore (SGO 22/56/01 = M7 Rhoby)59:

(c) c
c
.
4 : Sjourn, vel Gatier,
Piccirillo, () Rhoby : edd. plures, <>
<c> Kaibel, Rhoby

Questo epigramma non concepibile disgiunto dallimmagine, alla cui visione predispone il fedele (enunciatario
esterno, cos come lenunciatore, secondo la tipica situazione
didascalica). Ed proprio linterrelazione fra testo poetico
e immagine che offre unampia casistica di dialoghi con i
destinatari61, a cominciare dalla categoria pi diffusa, quella
56. Ci che ha osservato a pi riprese nei suoi fondamentali scritti
G. Sanders, Lapides Memores, cit. (n. 12).
57. Vd. C. Mango, pigrammes honorifiques, cit. (n. 47), pp.
29-30.
58. Mosaico, chi ti ha messo in posa? Colui che ha fatto costruire
questa chiesa. Chi il pastore raffigurato? Per chi proclama le
sue opere? Il nome Anastasio, la citt Petra, la gloria il
Salvatore
59. Per la datazione di questo epigramma al 767 d.C. vd. L. Di
Segni, in Liber Annuus, 42, 1992, pp. 251-257; 44, 1994, pp.
531-532.
60. Volgendo lo sguardo a Maria Vergine, madre di Dio e a suo
figlio, Cristo sovrano universale, unico figlio dellunico Dio,
purifica il tuo cuore, la tua carne, le tue azioni, perch con pure
preghiere tu possa trovare anche Dio benigno (ma al v. 4 il testo
incerto: qui traduco per comodit quello stampato da Rhoby).
61. Molte questioni da questo punto di vista sono poste da G.
Sanders, Les lments figuratifs, cit. (n. 12); Texte et monument:
larbitrage du Muse pigraphique, in A. Donati (ed.), Il museo
epigrafico. Colloquio AIEGL-Borghesi 83, Faenza, 1984, pp.

AnTard, 18, 2010

degli epigrammi ecfrastici. Le situazioni locutorie possono


essere semplici, come nei sedici esametri, pubblicati nel
198762, che magnificano una chiesa edificata del vescovo
Cassio Epiodoro, SGO 22/35/02 (Nabatea, Kanatha, V
d.C). Il fedele invitato dapprima da un locutore esterno a
pregare e poi a rivolgere il suo stupore alla bellezza della
costruzione: lallocuzione confinata nei primi due versi e
poi lepigramma diviene una vera e propria cc63. Ma
la situazione enunciativa pu anche divenire pi complessa,
soprattutto se considerata alla luce del contesto materiale
del poema epigrafico. tale il caso di SGO 21/23/03, epigramma longum di tredici esametri della fine del V sec. d.C.,
inciso sullarchitrave della chiesa di S. Teodoro a Gerasa
(Palestina):
c c
cc c, c
c c c .
| c
{} .
c c c
c [] | c .
c c
c cc ,
c [c c] c. |
c () , c,
c c c
cc c c c64.

10

2 l. c

85-118 = Lapides Memores, cit. (n. 12), pp. 393-426: p. 414; S.


Mazzarino, Un nuovo epigramma di Gallus e lantica lettura
epigrafica (Un problema di datazione), in Quad. Catanesi di
Studi Classici e Medievali, 2-3, 1980, pp. 7-50: pp. 36-50; M.
Corbier, Donner voir, donner lire. Mmoire et communication
dans la Rome ancienne, Paris, 2006.
62. R. Donceel, Lvque piodore et les basiliques de Kanatha
daprs une inscription grecque indite, in Le Muson, 100,
1987, pp. 67-88
63. SGO 22/35/02 vv. 1-4: c c
<> [rest. Magnelli, <> ed. pr.] / c
/ c c
c / ccc c cc c c / c
cc cc /
.
64. Io sono meraviglia e ammirazione per i passanti. Si dissipata,
infatti, ogni nube di disordine, e invece della sozzura la grazia
di Dio mi avvolge da ogni parte. Un tempo gli animali uccisi fra
le sofferenze erano qui gettati e il lezzo infetto riempiva laria.
Spesso passando di qui ci si turava il naso, trattenendo il respiro
per evitare il cattivo odore. Ma ora i passanti che traversano questo
luogo dambrosia portano la mano destra alla fronte, realizzando il
sigillo della croce onorata. Se vuoi sapere anche questo, per aver
piena contezza, Enea che mi ha donato questa amabile bellezza,
sacerdote sapiente che ha a cuore la fede. Cfr. M. Piccirillo, I
Mosaici di Giordania, Roma, 1986, pp. 80-81. Al v. 7 Francesco
Valerio propone la seducente congettura [].

AnTard, 18, 2010

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDO ANTICO

Lenunciatore (la chiesa stessa) proclama di essere


meraviglia e ammirazione per i passanti: ma nei versi
successivi non si trova la descrizione delledificio, come
nellepigramma di Kanatha, bens il contrasto fra il passato
pagano, quando il viandante (c) fuggiva disgustato dal
lezzo dei sacrifici (la chiesa stata edificata accanto alle
rovine di un tempio di Afrodite), e il presente cristiano
in cui gli sono confortati dal profumo dambrosia
e si fanno il segno della croce. Negli ultimi tre versi65 un
enunciatario colui che si ferma a leggere lepigramma ,
apprende anche il nome del committente. In s la contrapposizione fra un passato di abbandono e rovina e un presente
di splendore tipica degli epigrammi ecfrastici66, ma qui
viene risemantizzata ed esprime la conquista cristiana di un
luogo di culto politeista nellambito di una strategia di appropriazione del passato classico. Le epigrafi cristiane della
chiesa di san Teodoro, accompagnate da spolia di epigrafi
classiche, greche e latine, sono state disposte in modo tale
da ricordare alla comunit la conquista del passato pagano,
che sconfitto e umiliato (nel caso di spolia epigrafici integrati nei pavimenti)67. Daltra parte, la scelta di celebrare
questa vittoria con unepigrafe in versi sottende la volont
di proclamare la sconfitta del politeismo ellenico proprio
attraverso il suo prestigioso linguaggio: un procedimento
che appare in molti carmi epigrafici e che alla base della
poesia cristiana greca dei secoli IV e V. Ci confermato
dallepigramma che era posto sopra larchitrave allinterno
della chiesa, SGO 21/23/04 (535/36 d.C.):
[c] c |
c c, c |
() c . |
c , c , |
c c c. |
c [] |
c c ccc c|.

65. Che anche nellimpaginazione sono stati distinti andando a


capo (= rr. 4-5).
66. Specie di quelli che celebrano restauri o rinnovamenti: vd. ad
es. i due carmi per le rinnovate terme di Phazemon sul Ponto
(S. Busch, Versus Balnearum, cit. [n. 48], pp. 194-199); o i due
epigrammi per la chiesa di S. Giorgio a Zorava, SGO 22/14/03
e 04 (515 d.C.). Il topos continua in et bizantina: A. Rhoby,
The Structure of Inscriptional Dedicatory Epigrams in Byzantium, in C. Burini De Lorenzi-M. De Gaetano (edd.), La poesia
tardoantica e medievale. IV convegno internazionale di studi,
Perugia 15-17 novembre 2007, Alessandria, 2010, pp. 309-332:
pp. 326-327.
67. Seguo la brillante dimostrazione di J. Moralee, The Stone of
St. Theodore: Disfiguring the Pagan Past in Christian Gerasa, in
Journal of Early Christian Studies, 14, 2006, pp. 183-215.
68. Io sono la casa senza macchia del vittorioso Teodoro, martire
immortale, divino, la cui gloria volata nel mondo, sul mare e
ai confini dellOceano. Il corpo giace nella terra, ma lanima
nellampio cielo dopo la morte partecipa in eterno al coro degli
angeli. Ed riparo contro il male e sempiterna difesa per la citt,
gli abitanti e i cittadini che verranno.

171

I due testi si rispondono, venendo di fatto a costituire un


doppio epigramma: allingresso il fedele leggeva la storia
della purificazione del luogo, allinterno aveva la conferma
che grazie a tale purificazione la chiesa era c e
che san Teodoro aveva la funzione di c ed della
citt, assumendo cos la qualifica e funzioni dei governatori
laici70. In questo caso, dunque, il dialogo col passante parte
integrante della pi ampia cristianizzazione del paesaggio
urbano e la fruizione del carme acquista statuto di vero e
proprio atto cultuale.
Tale aspetto si ritrova anche in testi allapparenza meno
impegnativi, come quelli che celebrano il rinnovamento di
edifici o di bagni termali. Prendiamo, ad es., lepigramma
per il restauro delle terme di Smirne, ad opera di Teodoro
(AP 9.615, V/VI sec. d.C.)71:
c, c c
c c
c
ccc
c c c c, c

c c c
c c.
c , cc c,
c c .

10

Il locutore nei primi 4 versi si rivolge direttamente al


bagno termale, chiedendo (c 1 e 3) chi lo abbia rinnovato; i
successivi 4 versi assolvono al compito di celebrare il benefattore e lultimo distico lenunciatario cambia e diviene il
Cristo stesso, cui viene chiesta la protezione per Teodoro.
Sono in effetti proprio gli ultimi due versi a esplicitare
dal punto di vista religioso il testo, che fino al v. 8 appare
neutro73: ma in realt anche nei versi precedenti il lessico
69. Lagg. fa anche riferimento al fatto che le pietre di riuso sono
state purificate, vd. J. Moralee, The Stone of St. Theodore, cit..
(n. 67), p. 196 e 214.
70. Per esempi contemporanei vd. vd. SEG 21.768 (Atene, V d.C.,
c); per un funzionario civile: cfr. IG II2 3818 (Attica, V d.C.,
) e TAM III 127 (Pisidia, ).
71. S. Busch, Versus Balnearum, cit. (n. 48), p. 213; L. Robert, Hellenica IV, cit. (n. 5), p. 132 proponeva di attribuirlo ad Agazia.
72. Luogo, chi dei mortali, ti ha reso ricco di luce per i bagnanti,
mentre prima ne eri cos privo? Chi ha cancellato un posto macchiato di fumosa sozzura rendendolo uno splendido edificio? La
saggia mente di Teodoro che, come in ogni sua attivit, anche
in questa ha veramente mostrato la purezza del suo cuore: amministratore delle finanze e pater civitatis non ha macchiato le
sue mani con il lucro. Dio possente, Cristo immortale, con la tua
mano salva dai mali il benefattore della patria!. Lepigramma
era con tutta probabilit una vera iscrizione, appartenente alla
silloge degli epigrammi epigrafici smirnioti (sulla quale vd. D.
Feissel, Gouverneurs et difices, cit. [n. 55], pp. 127-128). Per
il v. 7 cfr. Agath. AP 9.662.5 con Av. Cameron, Agathias, cit.
(n. 1), pp. 2-3.
73. S. Busch, Versus Balnearum, cit. (n. 48), p. 215.

172

GIANFRANCO AGOSTI

passibile di una lettura pi ideologica74. Come nellepigramma di Gerasa, opera anche qui la contrapposizione
fra il passato di squallore pagano e il presente cristiano,
illuminato dalla fede e dalla mano di Cristo che guida quella
benefica di Teodoro.
La funzione parenetica si trova anche nei sedici versi
dellecfrasi composta dallimperatrice Eudocia per le
terme di Gadara, SGO 21/22/0175. Su una tavola di marmo
lepigramma distribuito su due colonne, come un solenne
libro76 aperto allammirazione degli spettatori, con il nome
dellimperatrice che campeggia isolato. Eudocia nei primi
versi esprime la meraviglia per la costruzione (vv. 1-3) e si
rivolge direttamente al clibanus, che nel seguito viene paragonato alloceano e a una fonte guaritrice77. Dopo lelenco
delle fontane termali, negli ultimi due versi la situazione
enunciativa trapassa nella lode di Dio (vv. 15-16), che solo
ha reso possibile che il clibanus possa compiere i
magnificati allinizio78. Nella lettura la situazione analoga
a quella degli epitimbi: con la sua recitazione il lettore resti74. c un poetismo assai raro, che a parte un paio di occorrenze tecniche (in senso medico e astronomico) riferito al
Tartaro in H. Orph. 18.2, e nella Parafrasi di Nonno usato in
senso metaforico, per il mondo oscurato dal peccato (8.3 c
c) e per i ciechi che riacquistano la vista spirituale della
fede (9.180); in Paul Sil. Descr. S. Soph. 747 indica dei simulacri in argento di ceri. Lespressione del v. 3 formalmente varia
lepico , forse attraverso Antip. AP 11.158.3
: ma c indica nel lessico cristiano anche la sozzura del peccato (cfr. Lampe s.v.; e cfr. al
v. 2 dellepigr. di Kanatha). Linizio, per quanto topico in questo
genere di descrizioni (cfr. ad es. Agath. AP 9.662), passibile
cos anche di una lettura simbolica, del tipo di quella esplicitata
in Paul. Sil. AP 9.658, che celebra Giustino II e Domnino che
aveva restaurato il Grande Pretorio, c cc cc
c / c c c / cc
c, , / c ,
c . (Limperatore Giustino, purificato dalle
sozzure il mondo, diede lustro anche al grandissimo tempio di
Giustizia; e tu, Domnino, con le fatiche scacci la fosca notte dalla
dimora di Temide, dalla vita dei mortali, trad. Marzi). Cfr. Al. &
Av. Cameron, The Cycle of Agathias, cit. (n. 44), p. 21 ss.
75. Analisi dettagliata in S. Busch, Versus Balnearum, cit. (n. 48),
pp. 84-98, e in B. Sowers, Eudocia: The Making of a Homeric
Christian, diss. Univ. of Cincinnati, 2008, pp. 26-40.
76. Per casi di mise en page epigrafica che imita quella libraria vd.
L. Robert, Hellenica XI-XII, Paris, 1960, p. 588 e n. 4 (con altra
bibliografia); V. Garulli, Stones as Books, the Layout of Hellenistic Inscribed Poems, in corso di stampa (contributo importante,
che lautrice mi ha permesso di leggere in anteprima); G. Agosti,
Eisthesis, divisione dei versi, percezione dei cola negli epigrammi
epigrafici in et tardoantica, in Segno&Testo, 8, 2010, pp. 67-98,
per altri esempi.
77. , / c
, c c, c / c c, c
c c
78. c[, c c ] / c
c [.

AnTard, 18, 2010

tuisce la voce allammirato stupore dellimperatrice in visita


alle terme (il primo verso si chiude significativamente con
), riportando in vita la situazione originaria. Laspetto
del reenactment dei poemi epigrafici continua anche in et
bizantina: su di esso ha scritto pagine convincenti Amy
Papalexandrou, occupandosi delle iscrizioni altomedievali
della chiesa di Skiprou (IX sec.)79. La disposizione fisica
delle iscrizioni nelle chiese bizantine implicava la lettura
ad alta voce e il movimento (nel caso di iscrizioni collocate
allinterno), dato che questi testi erano recitati in occasioni
particolari (celebrazioni del donatore, ricorrenze festive
etc.). Il difetto di documentazione non abbiamo fonti che
ci informino sulle modalit di lettura delle iscrizioni80 in
parte compensato dagli aspetti formali, che suggeriscono la
fruizione orale: oltre alla struttura dialogica, che abbiamo fin
qui esaminato, Papalexandrou menziona anche la ripetizione
formulare, le strutture dacclamazione, e la disposizione e
le caratteristiche grafiche delle epigrafi81. Caratteristiche
che inducono a postulare una recitazione performativa per
le iscrizioni di Skiprou, fra le quali inciso sulla facciata
ovest si trova un epigramma in stile omerizzante, che celebra il patrono della chiesa, Leone protospatario. I primi
versi indirizzano piuttosto esplicitamente verso una lettura
oralizzata:
c c c
c , c, c,
c c.

Anche per let tardoantica non abbiamo testimonianze


esplicite di come un lettore si comportasse dinanzi a una
scrittura esposta. Lunico luogo che ci permette di intravvederlo una fonte letteraria: si tratta di due passi delle Dionisiache di Nonno, un unicum nella poesia epica greca,
come ha sottolineato Peter Bing cui spetta il merito di aver
richiamato lattenzione su questi versi83. Nel primo di essi
79. A. Papalexandrou, Text in Context: Eloquent Monuments and
the Byzantine Beholder, in Word&Image, 17, 2001, pp. 259283; Ead., Echoes of Orality in the Monumental Inscriptions of
Byzantium, in E. James (ed.), Art and Text in Byzantine Culture,
Cambridge, 2007, pp. 161-187; per let arcaica si veda ora J.W.
Day Archaic Greek Epigram, cit. (n. 27).
80. Lestrema rarit di fonti che testimonino la lettura pubblica delle
epigrafi per il periodo altomedievale sottolineata anche da V.
Debiais, Messages de pierre, cit. (n. 9), p. 21 e 58 ss.
81. La scriptio continua, la difficolt a distinguere le parole, per
cui una lettura compitante aiutava il lettore: A. Papalexandrou,
Text in Context, cit. (n. 79), pp. 260-262.
82. Testo in A. Papalexandrou, Text in Context, cit. (n. 79), pp. 279.
N linvidia, n il tempo infinito occulteranno lopera delle tue
fatiche, o eccellente, nellabisso senza fine delloblio, giacch le
opere gridano anche se non hanno voce.
83. P. Bing, The Silent Muse, cit. (n. 27), pp. 143-146. Tale atto
raro anche nelle rappresentazioni figurate: in un affresco dalla
domus Iuliae Felicis si vedono dei personaggi in atto di leggere
unepigrafe, vd. V. Sampaolo, Regio II. Ins. 4, in Pompei. Pitture e mosaici, III, Roma, 1991, p. 256 fig. 12 (una lunga tabula

AnTard, 18, 2010

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDO ANTICO

le Stagioni si recano a consultare le tavole di Armonia,


depositate presso il palazzo del Sole e in cui custodito
il futuro del mondo84; lAutunno incoraggiato a leggere
sulle tavole85 affisse su di un muro le profezie di Phanes
che riguardano la nascita della vite (Dion. 12.29-35);
nelle tavole le profezie sono accompagnate da un segno
zodiacale e da disegni (come chiaro dai versi 45-63, in
cui lAutunno veloci oculo87 ripercorre la storia primeva
del mondo, la nascita dellumanit e il diluvio). I testi veri
e propri, che lAutunno si ferma a leggere sono vergati in
lettere purpuree (vv. 64-69)
c,
cc c c ,
c c c c,
cc, c ,
c c c ,
c, cc .

65

Anche gli avvenimenti descritti nella terza tavola vengono


comunque letti in modo rapido dallAutunno (v. 90
c cc ), finch non si
albata secondo ad A. Sartori, Tituli da raccontare, in ACME,
58, 2005, pp. 89-98: pp. 89-91; cfr. anche M. Corbier, Donner
voir, cit. [n. 61], p. 86).
84. LAutunno chiede a quale stagione spetter lonore di avere
la nascita della vite e il Sole lo invita a leggere le tavole che lo
riguardano, dove si annuncia la metamorfosi in vite di c,
giovane amato da Dioniso e morto inopinatamente: la nascita del
vino esplicitamente collegata alla funzione consolatoria dagli
affanni della bevanda. Per una lucida e persuasiva analisi dei canti
11-12 si veda F. Vian, Nonnos de Panopolis. Les Dionysiaques.
Chants XI-XII, Paris 1195, 3-29, 51-89; D. Gigli Piccardi, Le
Dionisiache. Canti I-XII, cit. (n. 2), pp. 732-747.
85. Definite c e c (come nella prima parte dellepigramma di s. Polieucto, vd. infra), ma anche c (cfr. Agath.
AP 4.4.1 c c c).
86. ccc c / c c,
/ cc
/ c c c, c /
c , c / c
c , /
c (ma il Sole incoraggia la nutrice della vite a venire
e puntando il dito sulla parete di fronte, indica alla fanciulla che
passa e sempre ritorna le tavole di Armonia disposte a coppie, in
cui si trovano riuniti insieme tutti gli oracoli destinati al mondo,
scritti dalla mano profetica di Phanes primo nato, che disegn
su ciascuna tavola la casa adatta, trad. D. Gigli Piccardi, Le
Dionisiache. Canti I-XII, cit. (n. 2), pp. 815-817).
87. 12.41-42 / c, 54 c ...
, 64 .
88. Accelerando il passo, giunge alla terza tavoletta, la fanciulla
ciclica, sacerdotessa dellAnno e si ferma a guardare i vari oracoli
che riguardano il destino del cosmo in lettere di porpora, vergate
col colore rosso dei testi sacri, tutto ci che aveva scritto una
versatile Mente primordiale in forma di vaticinio. Ecco quello
che legge nelle tavole (trad. Gigli Piccardi, Le Dionisiache.
Canti I-XII, cit. (n. 2), pp. 821-823).

173

giunge alla parte che veramente interessa (vv. 97-113). La


fine della descrizione costituita dalla raffigurazione di
Ganimede nellatto di servire una coppa di vino: il poeta
precisa che quel che segue in esametri (107-113)89.
cc c
c c,
c cc
c c ,
cc ,
c,
cc , c c.

110

La scena duplicata secondo modalit compositive


proprie dello stile di Nonno nel canto 41, in cui vengono
descritte le sette tavole di Ofione, appese a un muro del
palazzo di Armonia (vv. 339-399)91. Anche qui si tratta di
immagini accompagnate dal testo, che sempre in versi:
nella tavola del Sole Afrodite legge un elogio di Roma, in
esametri greci (vv. 387-388), c c
c / c c c
c92.
Nonno non specifica esplicitamente il modo in cui
lAutunno legge i versi, ma com sua abitudine impiega
un lessico che permette di intuirlo. In 12.107 il tetrastico
oracolare definito , cos come in 41.399 il contenuto
di tutte le tavole di Ofione: propriamente la voce
ispirata dalla divinit ed uno dei sinonimi pi correnti di
c, che il poeta impiega per designare gli oracoli93.
89. Nonno ama inserire epigrammi nella sua opera: vd. P. Collart,
Nonnos pigrammatiste, in RPh, 37, 1913, pp. 133-142, e ora J.G.
Montes Cala, Poesa epigrfica en las Dionisacas de Nono de
Panpolis, in A. Martinez Fernndez (ed.), Estudios de Epigrafia
Griega, La Laguna, 2009, pp. 227-238.
90. L cera scritto un oracolo in quattro versi. il momento del
tripudio per la dea amante delle viti, ch trova queste profezie
riservate a Lieo, portatore dedera: Zeus concesse a Febo lalloro
profetico e alla rosea Afrodite la rosa rossa, ad Atena dagli occhi
glauchi il glauco ramoscello dolivo, a Demetra le spighe e le
viti a Dioniso (trad. D. Gigli Piccardi, Le Dionisiache. Canti
I-XII, cit. (n. 2), p. 829).
91. Vd. le analisi di D. Accorinti, Nonno di Panopoli. Le Dionisiache. Canti XL-XLVIII, Milano, 2004, 162-163, 221; e di P.
Chuvin, Nonnos de Panopolis. Les Dionysiaques. Chants XLIXLIII, Paris, 2006, pp. 169-170.
92. E sulla tavola scritta, posta al centro dellorbita del mondo,
scopre queste sapienti parole, disposte su pi linee in versi greci
(trad. D. Accorinti, Le Dionisiache. Canti XL-XLVIII, cit. (n. 91),
p. 221). Lespressione di 41.399 non perspicua e cc potrebbe indicare sia la molteplicit di versi, sia la loro disposizione
su pi linee, senza per che ci dica come esattamente Nonno
immaginava la mise en page degli esametri oracolari.
93. 12.66 c, 12.103 c , 41.351
... c, 41.368 c ... ; del resto
esplicitamente detto al v. 68 c c
c . Cfr. A. Rotondo, La voce () divina nella
Parafrasi di Nonno di Panopoli, in Adamantius, 14, 2008, 287310 (con ulteriore bibl.).

174

GIANFRANCO AGOSTI

Nella sensibilit di Nonno i testi sacri sono sempre legati


alla voce e alla recitazione94: non c motivo di pensare che
gli oracoli che contengono la storia sacra del mondo siano
concepiti in modo differente. Naturalmente non possiamo
sapere con certezza se il poeta estenda alla lettura epigrafica la modalit di lettura adottata nelle performances
recitative95, oppure se le scene da lui descritte rispecchino
quel che accadeva nella realt del suo tempo. Certo che
il particolare delle tavole oracolari affisse al muro non
frutto della fantasia di Nonno. A partire dal III sec. d.C.,
infatti, conobbero una intensa diffusione e manipolazione,
sia negli autori pagani che in quelli cristiani, i cosiddetti
oracles thologiques, testi dedicati alla natura del vero Dio,
in genere di tradizione letteraria, ma in qualche caso utilizzati
anche come scritture esposte96. Lesempio pi noto quello
dei sei versi di un oracolo sul Dio c (databile fra
il II e il III sec. d.C., SEG 27.933), incisi su una pietra a
forma daltare che si trova in alto sul lato est della mura di
Enoanda, accanto a una porta, probabilmente in un luogo
dedicato al dio Hypsistos97. Presentando dunque delle tavole
oracolari affisse a un muro Nonno riproduce una situazione
della vita quotidiana di una qualsiasi citt tardoantica, in cui
il visual display era usuale, ad es., per le epigrafi giuridiche,
religiose, o per le acclamazioni; testi che venivano letti ad
alta voce, come mostra un graffito da Abydos (641 P.-L.,
del 353 d.C.), in cui il giuramento in prima persona,

94. G. Agosti, La voce dei libri, cit. (n. 2), pp. 55-57.
95. Cfr. supra nn. 9, 35.
96. Sulla religious intertextuality epigrafica vd. A. Chaniotis,
Megatheism: the Search for the Almighty God and the Competition of Cults, in S. Mitchell-P. van Nuffelen (edd.), One God.
Pagan Monotheism in the Roman Empire, Cambridge, 2010,
pp. 112-140: pp. 115-121. Un interessante esempio stato di
recente rinvenuto in una serie di blocchi provenienti da una chiesa
dellisola di Icaria, in cui stato inserito nel muro (IG XII, 6, 2,
1265): si tratta di un oracolo sulla fondazione di un tempio della
Vergine, che nella finzione risale allimpresa degli Argonauti (ne
ho trattato pi estesamente in Reliquie argonautiche a Cizico.
Unipotesi sulle Argonautiche orfiche, in L. Cristante I. Filip
(edd.), Incontri Triestini di Filologia Classica 7, 2007-2008,
Trieste, 2008, pp. 17-36, con bibl.).
97. Iscrizione oggetto di un famoso articolo di L. Robert, Un oracle
grav Oinoanda, in CRAI, 1971, pp. 597-619; per la funzione
dellepigrafe come legata a un momento rituale di un santuario
(il saluto al Sole nascente) piuttosto che a funzione di protezione
della citt vd. S. Mitchell, The Cult of Theos Hypsistos between Pagans, Jews and Christians, in P. Athanassiadi-M. Frede
(edd.), Pagan Monotheism in Late Antiquity, Oxford, 1999, pp.
81-148: pp. 81-92; A. Chaniotis, Megatheism, cit. (n. 96), pp.
116-117. La vicenda letteraria del testo ricostruita da E. Livrea,
Sulliscrizione teosofica di Enoanda, in ZPE, 122, 1998, pp. 9096 (con bibliografia); sui problemi legati allorigine (o meno)
nel santuario di Claro vd. la discussione in A. Busine, Paroles
dApollon. Pratiques et traditions oraculaires dans lAntiquit
Tardive (IIe-VIe sicles), Leiden-Boston, 2005, pp. 35-40.

AnTard, 18, 2010

, implica la lettura oralizzata e la ripetizione di


esso da parte dei lettori futuri98.
Una conferma della lettura oralizzata dei carmi epigrafici
tardoantichi si trova, credo, nella disposizione dei versi sul
supporto epigrafico. Nella mise en page, infatti, si nota la
tendenza a spezzare i versi quando sia necessario andare
a capo preferibilmente alle cesure, specialmente a quella
principale: il sistema compare sporadicamente nella tarda et
ellenistica, diviene relativamente pi frequente nella prima
et imperiale e si intensifica in et tardoantica, quando
adottato in molti casi con consequenzialit99. Ad esempio,
in un epigramma da Sinope (SGO 10/06/07, Paflagonia, 520
ca.), per la statua di un alto funzionario imperiale, la cura
nella disposizione grafica100 ha fatto rientrare maggiormente
i secondi emistichi (e il secondo emistichio dellesametro
indentato rispetto al primo del pentametro), di modo che
ogni distico sia chiaramente identificabile101:
c c | |
c | c |
c , | c cc |
cc | cc. |
, c, | |
c cc c | c. |

98. Secondo la persuasiva interpretazione di I. Rutherford, The


Readers Voice in a Horoscope from Abydos (Perdrizet and
Lefevbre n. 641), in ZPE, 130, 2000, pp. 149-150.
99. Eisthesis, divisione dei versi, cit. (n. 76). Per let arcaica si
veda J.W. Day, Archaic Greek Epigram, cit. (n. 27), pp. 80-84
(tabella con esempi in cui la line division marks metrical units).
Sullutilit di tali ricerche ai fini della definizione dei metodi
antichi di lettura delle epigrafi si veda G. Susini, Compitare per
via, cit. (n. 30), p. 169 un capitolo tutto da esplorare costituito dal rapporto tra il parlato dellesegeta ... e limpaginazione
delliscrizione, con i suoi capoversi e le sue interpunzioni, con
righe in caratteri maggiori visibili da lontano ed altre in caratteri
piccoli visibili solo ad occhio ravvicinato. Cfr. anche, sempre
per lepigrafia latina, A. Sartori, Limpaginazione delle iscrizioni,
in Acta colloquii epigraphici latini Helsingiae 3.-6. spet. 1991
habiti, Helsinki, 1995, pp. 183-200.
100. La mise en page aveva gi colpito D.M. Robinson, Greek
and Latin Inscriptions from Sinope and Environs, in AJA, 9,
1905, pp. 294-333: p. 311 (this inscription shows probably the
Alexandrian method of writing elegiac verse). Al v. 3 lesametro
risulta diviso al mezzo nella disposizione grafica. Ogni volta andrebbe affrontata la questione se la disposizione vada fatta risalire
allautore o eventualmente allordinator (sulla cui figura si veda
almeno: J. Mallon, Lordinatio des inscriptions, in CRAI, 1955,
pp. 126-137; G. Susini, Il lapicida romano, Roma 1967, rist. in
Epigraphica dilapidata, cit. (n. 30), pp. 7-69; S. Panciera, Dalla
minuta allincisione. Una nuova iscrizione metrica dallagro
pontino, in Rend. Acc. Lincei ser. 8, 22, 1967, 100-108 = Id.,
Epigrafi, epigrafia, epigrafisti. Scritti vari editi ed inediti (19562005) con con note complementari e indici, Roma, 2006, II, pp.
1808-1815 e p. 1825).
101. Solamente nel primo distico il primo emistichio del pentametro
allineato allesametro.

AnTard, 18, 2010

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDO ANTICO

Una tale mise en page ha la funzione di richiamare lattenzione del lettore102 non solo sul fatto che sta leggendo dei
versi, ma anche sulla articolazione di tali versi, sottolineando
tramite la spezzatura limportanza della pausa centrale. Ci
che trova riscontro nella metrica della poesia letteraria: il
verso epico e quello elegiaco, infatti, tendono in et tarda ad
assumere una rigida struttura a due cola. Tale la struttura
dellesametro di Nonno di Panopoli, un verso allapparenza
ripetitivo e bloccato, ma in realt concepito con tali caratteristiche per la recitazione orale, durante la quale laudience
ne riconosceva la natura proprio da alcune strutture fisse, fra
le quali la pi importante la bipartizione in due cola con una
forte caratterizzazione della cesura centrale. Quando dunque
lordinatio degli epigrammi su pietra pone fine di parola e a
capo dinanzi a questa cesura103, chiaro che intende fornire
al lettore un indizio che, assieme ad altri, aiuta a riconoscere
la natura metrica del testo. Indizio che acquista pieno senso
solo con una lettura (o compitazione) declamata, come era
del resto usuale per la poesia.
Naturalmente allorigine di tale modalit di lettura c
linsegnamento scolastico. Nel 2008 sono stati pubblicati
degli epigrammi provenienti dalla sala di una domus del IV
secolo nelloasi di Dakleh, scavata dalla missione americana
diretta da Roger Bagnall104. Si trattava con tutta evidenza di
una parte della domus adibita allinsegnamento, adornata con
pitture mitologiche (purtroppo non ben leggibili e pubblicate
solo parzialmente) e con degli epigrammi che il c
(o ) ha fatto dipingere sulle pareti. Riproduco uno
degli epigrammi meglio conservati:
col. I
]cc [
[
[ ] | ||
c c c | [[...]] ||
[]c c | ||
c c cc | c
102. Funzione per cui valgano le considerazioni di G. Susini, Le
scritture esposte, in G. Cavallo-P. Fedeli-A. Giardina, Lo spazio
letterario di Roma antica. II. La circolazione del testo, Roma,
1989, pp. 271-305: p. 299 un ruolo determinante nella lettura,
o meglio nella comprensione o percezione e quindi nellaspetto
del ricordo, di una scrittura esposta viene svolto dalla sua impaginazione: cio dallevidenza maggiore di certe righe e di certi
caratteri, visibili anche dal passante pi frettoloso, dallimpiego
di capoversi, dalle interpunzioni....
103. In misura pi o meno coerente, a seconda del tipo di testo,
delle caratteristiche fisiche del supporto etc.: G. Agosti, Eisthesis,
divisione dei versi, cit. (n. 76).
104. R. Cribiore-P. Davoli-D.M. Ratzan, A Teachers Dipinto from
Trimithis (Dakhleh Oasis), in JRA, 21, 2008, pp. 171-191 (di cui
riproduco il testo con i segni di quantit e gli accenti); ... presso
le fonti delle sacre fronde; il dio acconsenta ai miei voti ... che
tutti voi apprendiate le opere dolci delle Muse, avendo colto il
colmo della dottrina retorica con laiuto le Cariti e Hermes figlio
di Maia; fanciulli, coraggio! Il grande dio vi conceder di avere
la bella corona della variegata virt.

175

c cc [c] |
c c c c | cc||
c c | c

interessante esaminare la situazione enunciativa:


allinizio il docente si rivolge al dio, pregandolo di esaudire
i suoi desideri in merito alla formazione degli studenti; poi
lenunciatario cambia, in quanto il professore si rivolge direttamente agli studenti presenti, esortandoli ad aver fiducia
nel loro impegno. Questi carmi erano una sorta di manifesto
programmatico della scuola e un continuo monito allimpegno per gli studenti. I segni di quantit, del resto, servivano al
maestro che recitava i testi per evidenziarne le caratteristiche
prosodiche. Non c motivo di supporre che la modalit di
lettura appresa a scuola non venisse riprodotta quando si leggevano dei versi su pietra. La mise en page degli epigrammi
che rispetta le cesure ha una funzione analoga a quella dei
segni di quantit negli epigrammi di Dakhleh.
Leggere e comprendere?
Dunque la lettura orale e performativa appare quella che
meglio corrisponde a quanto dichiarano i testi. Essa naturalmente presuppone un lettore/ascoltatore che si ferma davanti ad una iscrizione metrica, cio uno stadio consapevole
della comunicazione epigrafica: ma questo non esaurisce
certo i problemi legati alla fruizione dei carmi esposti. Per
riprendere le parole di Paolo Silenziario, se il chi parla
assume varie identit in funzione della situazione enunciativa, ci comporta non solo la variazione della chi, cio
dellenunciatario: ma apre anche la questione fondamentale
della comprensione di ci che si legge (e della voce che
fisicamente legge i testi)105. Vale a dire, la questione dei
contesti di lettura e della competenza dei lettori.
Gli epigrammi epigrafici tardi conoscono una grande
variet di stili106, dalla composizione semplice, che riutilizza
stilemi di bottega collaudati, a quella pretenziosa che imita
testi letterari, o inserisce tesserae lessicali preziose, fino a
quella assai elaborata. di per s ovvio che la proporzione di
potenziali lettori consapevoli inversamente proporzionale
alla scala stilistica dei testi. I fattori sociopolitici avevano
un ruolo determinante: gli epigrammi per i governatori e i
notabili locali, ad es., sono quasi tutti di buono, talora ottimo,
livello stilistico e presuppongono fruitori colti. Gli epitafi
presentano una gamma assai ampia di sfumature, legate alle
possibilit economiche e al rango sociale dei defunti e dei
dedicatari; anche gli epigrammi epidittici variano molto il
loro statuto letterario a seconda dellimportanza del dedicatario e delloccasione. Un discorso generale diventa, dunque,
105. Per una analisi della tipologia dei lettori di epigrammi funerari
latini vd. Sanders, Les pitaphes latines palochrtiennes, in Lapides Memores, cit. (n. 12), pp. 27-60, che studia le modalit con cui
gli epigrammi attirano i lettori, e la specificit degli epigrammi
pagani e di quelli cristiani (ma anche le mutue influenze).
106. G. Agosti, Literariness, cit. (n. 1), con bibl.

176

AnTard, 18, 2010

Gianfranco agosti

assai arduo da fare: sono state proposte analisi quantitative


del lessico di epigrammi provenienti da zone omogenee107,
che in genere portano a conclusioni attese, vale a dire il
perdurare del prestigio della paideia classica e il ruolo di
status symbol delliscrizione in versi108. Ma questo tipo di
analisi non dice quasi nulla sul grado di comprensione che
i lettori potevano avere di un testo.
Composti in un vocabolario ricercato, con parole rare,
omerismi pi o meno palesi, e (a partire dalla fine del V
secolo) echi dello stile moderno di Nonno di Panopoli, le
iscrizioni metriche dellOriente tardogreco non erano testi
alla portata di tutti. Qualche anno fa Linda Safran ha cercato
di dimostrare che gli epigrammi della base dellobelisco
di Teodosio fossero leggibili anche a una grande distanza,
ma ha eluso il problema che qui ci interessa: coloro che si
sforzavano di leggerli erano in grado di decrittare testi cos
difficili?109
evidente che chi aveva ricevuto uneducazione di alto
livello possedeva la preparazione per comprendere tali testi.
Gli epigrammi che si trovano sulle basi di statue onorifiche
di governatori, alti funzionari, o di filosofi presuppongono
un notevole grado di cultura per essere compresi110. Ma
visto che lepigramma onorifico, e limmagine che esso di
frequente accompagnava111, assolvevano a funzioni di prestigio sociale e di rapporto fra un notabile e la cittadinanza, il
contenuto doveva in qualche modo essere accessibile (con
una recitazione solenne al momento della dedica del monumento, ad es.), anche se non va dimenticato che il prestigio
e lautorit sociale conferiti da un testo poetico esposto
sono immanenti alla sua stessa esistenza, indipendente107. Ad es. A. Sartre-Fauriat, Culture et socit dans les Hauran
(Syrie du Sud) daprs les pigrammes funraires (IIIeVe sicles
ap. J.-C.), in Syria, 75, 1998, pp. 213-224.
108. L. Robert, Hellenica IV, cit. (n. 5), p. 109.
109. Vd. L. Safran, Points of View: the Theodosian Obelisk Base
in Context, in GRBS, 34, 1993, pp. 409-435, con lannotazione
di D. Feissel: il parat plus difficile dmontrer que les textes
grec et latin [scil. les pigrammes de lobelisque de Thodose]
correspondaient respectivement des spectateurs capables de les
comprendre (D. Feissel, BE 1996.605 = Chroniques dpigraphie byzantine 1987-2004, Paris 2006, n 177).
110. Ch. Rouch ha rilevato che gli onori cercati da questa classe
emphasize that all the persons concerned are members of an
educated class. It is the culture of such men who must be cultivated simply to understand the praised applied to them which
is emphasized, laddove le realizzazioni e i benefici verso la
comunit are very vaguely described (Benefactors in the Late
Roman Period: the Eastern Empire, in M. Christol-O. Masson
[edd.], Actes du Xe Congrs International dpigraphie Grecque et Latine, Paris, 1997, pp. 352-368: p. 363); sul problema
dellindeterminatezza delle cariche onorifiche, spesso risultato del
linguaggio colto degli epigrammi, vd. D. Slootjes, The Governor
and his Subjects, cit. (n. 3), pp. 131-140.
111. D. Slootjes, The Governor and his Subjects, cit. (n. 3), p. 153
sulla funzione sociale degli onori resi ai governatori attraverso
le statue e le iscrizioni.

mente dai possibili lettori. Un lettore semicolto o incolto,


cio, non arrivava probabilmente a decifrare il contenuto
dellepigramma sulla base di una statua di un governatore,
ma senzaltro percepiva il peso e il prestigio trasmesso da
questa dedica, anche aiutato alloccorrenza dalle caratterische di impaginazione, come abbiamo visto sopra.
Il problema della comprensione da parte dei lettori
posto con particolare urgenza dagli epigrammi che illustrano
luoghi di culto. Prendiamo, ad es., quello che celebra la costruzione di una chiesa in onore di San Mena (SGO 19/17/05
= I.K. Anazarbos I 58; Anazarbo, Cilicia, 516 ca.)112:
c |, []|
c []| c [] | |
c cc[]| c | c
c| c |cc |c|
|c
2 [] Delatte: [] Gough

Limmagine di Mena (un quadro, una pittura murale o


un mosaico) adornava una chiesa; limperatore, di cui si
ricorda la generosit, forse Anastasio I. Il vocabolario
dellepigramma piuttosto elevato, soprattutto nel primo
verso (c ). Segue limmagine
, in cui una parola poetica che significa
c c ; lassociazione con la metafora tradizionale della collina comme c nuova; e anche al v. 2,
il sintagma un unicum nonniano, Dion.
5.587 (lagg. risale alla poesia classica, ma col significato
che ha una bella fanciulla tipica dellepoca tarda, appare
con Trifiodoro e poi con Nonno, dove peraltro abitualmente
riferito a delle citt)115. E ancora il modo di indicare la conca
dellabside (o la volta della chiesa), c c
appartiene al linguaggio poetico elevato. Lautore ha inteso
fare un pezzo di bravura, arricchendo il suo vocabolario di
espressioni ricercate116 e terminando con un tetracolos, un
112. F. Halkin, Linscription mtrique dAnazarbe en honneur de
Saint Mnas, in Byzantion, 23, 1953, pp. 239-43; M.H. Sayar, Die
Inschriften von Anazarbos und Umgebung. I, Bonn, 2000, p. 50;
Mena che cammini in alto salva la tua mammella ricca di fonti,
accordando ai suoi abitanti la giovinezza di belle vergini; grazie
alla generosit imperiale hai qui la tua immagine protetta nella
conca dellabside, per le cure di Philagrios illustris.
113. Lagg. impiegato una volta da Gregorio di Nazianzo e viene
poi utilizzato da Nonno e i suoi seguaci; la poesia tarda ama i
composti in -, come c, c.
114. Cfr.. ex. gr. Pind. P. 4.8, Call. Del. 48 (luoghi in cui c un
gioco fra il significato di collina e quello di seno).
115. Carlo Franco, per litt., mi suggerisce acutamente che si possa
trattare di unallusione a un convento di monache; pi improbabili
le ipotesi turistiche suggerite da Halkin (cfr. n. 96).
116. L. Robert, Hellenica IV, cit. (n. 5), p. 110 osserva (a proposito degli epp. per i governatori): le nombre des mots rares ou
trs rares y est lev, tmoignage de prciosit. Cet sprit peut
emmener lobscurit. Cependant il faut penser que lobscurit
existe plus souvent pour nous que pour le lecteur contemporain;
G. Susini, Epigraphica dilapidata, cit. (n. 30), p. 117, richiaman-

AnTard, 18, 2010

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDO ANTICO

verso di quattro parole (assai alla moda in epoca tarda).


Ci si potrebbe chiedere come reagivano i visitatori, che si
fermavano per leggere, o per farsi leggere, questo testo.
Certo, chi aveva un po di dimestichezza con Omero riconosceva immediatamente laggettivo che qualifica il monte
Ida. Semplice epiteto ornante, o marca di una allusivit pi
articolata, che sottintende che la collina ricca di acque del
santuario di Mena era migliore del monte Ida, e cio che
era una vera montagna divina? Nella poesia cristiana del IV
e V secolo questo fenomeno ben conosciuto e prende il
nome di Usurpation, cio lattribuzione a Dio, al Cristo (o
a un santo) di attributi della divinit pagane; lo si trova in
un carme centonario del IV/V d.C. conservato al museo di
Kastamonu (SGO 19/21/02 = SEG 51.1735), in cui lepitafio di un vescovo cristiano (almeno 9 esametri) costruito
attraverso la risemantizzazione di emistici e sintagmi omerici, alla maniera degli Homerocentones attributi a Patricio
e allimperatrice Eudocia117. Una tecnica letteraria che per
essere apprezzata presuppone un certo grado di cultura
nel destinatario; difficile credere che molti dei fedeli che
visitavano la tomba del vescovo, o di quelli che frequentavano il santuario fossero capaci di percepire limitazione
contrastiva o lUsurpation. Nel caso dellepigramma su
San Mena la presenza di parole rare e di poetismi serviva a
conferire un tono prezioso al testo. Una lingua elevata e
desueta certo colpiva anche coloro che non erano in grado
di comprenderla appieno.
Analoghe difficolt pongono gli epigrammi che accompagnano le immagini, e che aiutano a decrittarne il senso
completo. Un esempio assai noto quello dellepigramma
di Domezio nella basilica A di Nicopoli (SEG 55.630):
c
cc cc c c
c c
c118.
dosi allinsegnamento di Sanders, invita a non sopravvalutare
il ruolo dei formulari, ma ad apprezzare la funzione della poesia
rispetto ai lettori e allambiente in cui il monumento epigrafico
era destinato.
117. L. Jonnes, An Inscription of a Homeric Cento, in EA, 33, 2001,
pp. 49-50; D. Feissel, Chroniques dpigraphie byzantine 19872004, Paris, 2006, p. 442; G. Agosti, Note a epigrafi tardoantiche,
cit. (n. 13), pp. 41-44; . Prieto Dominguez, El centn SEG 51,
1735: una propuesta de lectura, in Antike und Christentum, 52,
2009, pp. 44-60; M. Stein, Zum Christlichen Homerzento SGO
19/21/02, in ZPE, 174, 2010, pp. 57-64.
118. Qui vedi lOceano, visibile tuttintorno e infinito, che circonda la terra la quale nelle sapienti immagini dellarte abbraccia
tutti gli esseri che respirano e si muovono. La fondazione di
Domezio, magnanimo arcivescovo. Vd. E. Kitzinger, Studies in
Late Antique and Early Byantine Floor Mosaics. I, Mosaics at
Nikopolis, in DOP, 6, 1954, pp. 100-103; G. Agosti, Immagini e
poesia nella tarda antichit. Per uno studio dellestetica visuale
della poesia greca fra III e VI sec. d.C., in L. Cristante (ed.),
Incontri Triestini di Filologia Classica 4, 2004-2005, Trieste,

177

Forse si pu fare a meno di riconoscere le citazioni omeriche, tuttavia leggere lepigramma aiuta a comprendere il
senso generale di tutto il programma figurativo, dato che
invita a interpretare le raffigurazioni come segni e lintero
mosaico come una rappresentazione del cosmo (il quadro
principale del mosaico rappresenta la terra, mentre la bordura
rappresenta lOceano che secondo la concezione gi omerica, poi fissata da Eratostene e rimasta corrente ancora in
questepoca119, circonda come una fascia la terra).
possibile che ci fossero nelle chiese delle guide (i
?) che leggevano e spiegavano il senso di questi
testi ai visitatori, come alcuni studiosi hanno sostenuto per
lOccidente120; per lOriente avevo pensato a questa possibilit studiando i due trimetri che illustrano il senso anagogico

2006, pp. 351-374: pp. 359-360; E. Chrysos (ed.), c .


c Cc ,
Preveza, 1987, pp. 295-310; R.E. Kolarik, Sixth-Century Bishops
as Patrons of Floor Mosaics in the Balkan Peninsula, in H.
Morlier (ed.), La mosaque grco-romaine IX, Roma, 2005, pp.
1255-1261. Nel secondo emistichio del v. 3 si cita Il. 17.447,
Od. 18.131.
119. Cfr. Hom. Il. 18.607-608 c
/ c e Dion.
Per. Descr. orb. 3-4 c
/ c , cc c, c (e assai
pi tardi Max. Plan. In Ptolem. 22, ed. F. Pontani, The World on a
Fingernail: An Unknown Byzantine Map, Planudes and Ptolemy,
in Traditio, 65, 2010, pp. 177-200: p. 197).
120. L. Pietri, Pagina in pariete reserata: pigraphie et architecture
religieuse, in A. Donati (ed.), La terza et dellepigrafia. Colloquio AIEGL-Borghesi 86, Faenza, 1988, pp. 137-157. In CLE 982
(II, o I, d.C.) la pietra invita il viator, dopo averlo ben letto (perlege), a memorizzare il poema per raccontarlo (rr. 10 sgg. queas
dicere / saepe tuis finibus Ita/liae monumentum / vidi Voberna,
in quo / est Atini conditum): lanalisi di questo documento ha dato
lo spunto ad A. Sartori, Tituli da raccontare, cit. (n. 83), per
esprimere alcune considerazioni sulla comunicazione epigrafica
e in particolare sul ruolo dellintermediario (pp. 92-93: intermediario, che decrittando lo scritto, trasponendolo in forma orale, e
partecipandone i vicini oltre che assimilandolo meglio da s e per
s; p. 94: ben venga dunque la figura non istituzionale, ma
piuttosto volontaristica e volenterosa o sollecitata magari ben
venga la figura dellinterprete; p. 96: la collaborazione vocale
del lettore, prima, e poi la persistenza mnemonica e magari una
rinnovata reviviscenza vocale degli ascoltatori, in un processo
anche ripetitivo a cascata o centrifugo, contribuisce a quella pi
larga divulgazione certamente auspicabile, ma quale nessuna pietra da s sola sarebbe in grado di garantirsi mai). Un precedente
illustre per questo modulo comunque Theocr. AP 9.599 = XV
GP, come mi ricorda Luca Mondin. Si veda anche A. Sartori, Tra
opinione pubblica e comunicazione: quale prima e quale dopo?,
in M.G. Angeli Bertinelli-A.Donati (edd.), Opinione pubblica e
forme di comunicazione a Roma: il linguaggio dellepigrafia.
Atti del Colloquio AIEGL-Borghesi 2007, Faenza 2010, pp. 7-14.
Sulla figura del lector a Roma vd. R.J. Starr, Reading Aloud:
Lectores and Roman Reading, in CJ, 86-1991, 337-343.

178

GIANFRANCO AGOSTI

della figurazione della cattedrale di Apamea121. La lettura,


anche mediata, dei testi poetici sicuramente assicurava la
diffusione e la persistenza del prestigio della paideia: questi
carmi costituivano in qualche modo delle biblioteche di poesia alla portata di tutti, una bibliothque des petites gens,
espressione che Gabriel Sanders ha coniato sia pure con
un senso differente per le iscrizioni cristiane122.
I carmi epigrafici sono indice di unattenzione per la poesia che noi, con un giudizio falsato dalla nostra prospettiva,
tendiamo a sottovalutare: limmagine vulgata della letteratura tardoantica, dominata per molto tempo dallo stereotipo
della poesia libresca, non ha certo giovato allapprezzamento
della poesia epigrafica. Eppure il gran successo dei poeti
itineranti e le testimonianze sui concorsi di pubblico alle recitazioni poetiche dovrebbero far riflettere. A Roma nel 544
un poema difficile come lHistoria Apostolica (una parafrasi
esametrica degli Atti degli Apostoli) di Aratore, dopo la pubblica presentazione a papa Vigilio, fu recitato in San Pietro
in Vincoli, dinanzi a un pubblico composito, in ben quattro
performances di gran successo. E si avuto buon gioco a
ricordare che the appreciation of literature did not necessarily depend on literacy and recondite learning123. Una considerazione che si pu applicare anche ai poemi epigrafici124.
121. G. Agosti, The poikilia of Paul the Bishop, in ZPE, 116, 1997,
pp. 31-38: p. 38.
122. La formulazione si trova in G. Sanders, Les pitaphes latines palocrhtiennes, in Lapides Memores, cit. (n. 12), p. 60
a proposito delle iscrizioni cristiane, che se sont acquitts, en
leur temps et aux yeux de leurs lecteurs, dune mission unique
en son genre: ils taient en quelque sorte un catchisme dit
sur pierre, la bibliothque des petites gens, ou, pour le dire avec
moins de lyrisme, la synthse efficace et la trace vcue de ce que
lon enseignait, aux croyants ailleurs, et dune manire autrement
prolixe. Sanders ricorda un passo di Agostino, Sermo 319.8 PL
38.1442 (per la consacrazione di una cappella in cui aveva fatto
incidere un tetrastico) propterea enim eos (versus) ibi scribere
voluimus, ut, qui vult, legat, quando vult, legat. Ut omnes teneant, ideo pauci sunt; ut omnes legant, ideo publice scripti sunt.
Non opus est ut quaeratur codex: camera illa codex vester sit
(vd. anche P. Testini, Archeologia cristiana, Bari, 19802, 467 e
su Agostino epigrafista P. Cugusi, Per un nuovo corpus, cit. [n.
13], pp. 184-185).
123. C. Rapp, The Literary Culture in the Age of Justinian, in
M. Maas, The Cambridge Companion to the Age of Justinian,
Cambridge, 2005, p. 379. Tutto ci, beninteso, tenuto conto della
possibile esagerazione delle fonti, come mi fa notare Guglielmo
Cavallo.
124. Sul ruolo delle iscrizioni nella formazione culturale degli uomini antichi ha molto insistito G. Susini, Il lapicida, cit. (n. 100),
p. 58 (e vd. p. 63 lepigrafista non esplora un canone stilistico,
ma si limita a cercare di cogliere la cultura e le idee per le quali
un certo testo stato ritenuto compatibile, o necessariamente
unito, con un certo apparato monumentale, concetto pi volte
ribadito anche da Louis Robert); Compitare per via, cit. (n. 30),
pp. 157-184: p. 169 la ripetizione memorizzante aiutata spesso
dalla lettura pubblica: davanti alla tomba insignita di un carme,
un pubblico lettore, che era al tempo stesso rtore ed esegeta,

AnTard, 18, 2010

I casi pi difficili, e che pi ci colpiscono, sono naturalmente quelli di scritture esposte, spesso a notevole altezza
e comunque di non immediata decrittazione (almeno per
la gran parte dei lettori tardoantichi125). Unepigrafe come
quella che celebra il completamento delle fortificazioni di
Tessalonica ad opera di Hormisdas, incisa su una torre del
lato est delle mura, disposta su ununica linea di 9 metri di
lunghezza (tanto che i primi editori non ne riconobbero la
natura metrica), rivela un distico di buona fattura poetica,
ma certo di non agevole leggibilit, e lo stesso pu dirsi
per i summenzionati epigrammi sulla base dellobelisco di
Teodosio. Questi sono testi di uno o due distici: ben altra
lestensione delliscrizione di Anicia Giuliana, 76 esametri
in stile nonniano che adornavano la chiesa di San Polieucto
eretta verso negli anni 20 del VI sec. d.C., e che sono stati
tramandati anche per via manoscritta (AP 1.10)126. La disposizione fisica dellepigramma doveva essere diversa, e
opposta, rispetto a quanto leggiamo nellAP: prima, in un
blocco a destra dellingresso, i vv. 66-76, che fungevano da
introduzione; poi nel nartece i vv. 42-65, che descrivendone
le meraviglie preparavano lo spettatore alla visione dellinterno; tutta questa parte del poema, secondo i lemmi nel ms.
palatino, era iscritta su c, ossia su placche (come i
c su cui sono iscritte le profezie nel passo nonniano
esaminato sopra). La visita dellinterno era accompagnata,
quasi in contrappunto, dai vv. 1-41, che correvano intorno
(lemma: ) sul fregio
della navata, posto peraltro a 6-7 metri da terra (secondo le
ricostruzioni), visibili per chi entrava a partire dallangolo
ovest della chiesa (e terminanti dalla parte opposta), inizio
che per corrisponde ai vv. 20-21 laddove lattacco del
poema secondo lAP si trova nellangolo est della navata
sud, accanto allabside127. Lo stile dellepigramma assai
elevato e chiaramente solo i lettori della upper class educata
possedevano la formazione necessaria ad intenderlo (ed del
resto a loro in prima istanza che si rivolge la celebrazione di
Anicia Giuliana): ma gli altri? Liz James si dichiarata assai
scettica sulla possibilit che liscrizione fosse realmente
ripeteva notizie destinate ad appagare lascoltatore. Meglio se
la metrica, nella poesia di paese, aiutava la recitazione, e se gli
acrostici favorivano riscontri tra quanto veniva recitato e quanto
si compitava sulla pietra.
125. In funzione del grado di literacy di tali lettori e della loro
capacit non solo di decrittare le lettere e di ricostruire le parole,
ama anche e soprattutto di analizzare globalmente il testo e di
riconoscere il lessico e di associare le forme alla realt semantica.
Per let medievale si veda lanalisi di V. Debiais, Messages de
pierre, cit.(n. 9), pp. 244-245.
126. A mia conoscenza, solo esempi occidentali sono in qualche
modo paragonabili, come i 24 esametri della dedica dellobelisco
di Costanzo II al circo Massimo: P. Liverani, Chi parla a chi?,
cit. (n. 25).
127. Incongruenza fatta rilevare da L. James, And Shall these
Mute Stones Speak?. Text as Art, in Ead. (ed.), Art and Text in
Byzantine Culture, cit. (n. 79), pp. 188-206: pp. 189-190.

AnTard, 18, 2010

SAXA LOQUUNTUR ? EPIGRAMMI EPIGRAFICI E DIFFUSIONE DELLA PAIDEIA NELLORIENTE TARDO ANTICO

letta, o recitata128: i fedeli piuttosto guardavano le lettere,


come succedeva per altre iscrizioni in et bizantina129. In una
societ a basso tasso di alfabetizzazione il segno grafico e le
lettere acquistano un prestigio, e un potere magico e rituale,
indipendentemente dal testo130. E dunque per la gran parte
dei fedeli liscrizione era piuttosto un documento visuale, e
anche un ornamento della chiesa. Le argomentazioni della
James appaiono condivisibili per la parte dellepigramma
allinterno della chiesa (i vv. 1-41): lasciano invece qualche
dubbio per la parte esposta nel nartece, che era sicuramente
pi accessibile e visibile ed di fatto un poema differente
anche sul piano della metrica. La parte allesterno combina
le lodi di Anicia Giuliana come fondatrice con una cc
della chiesa, e dunque assolve la medesima funzione degli
epigrammi di Gerasa o di Kanatha cui abbiamo accennato
sopra, mentre quella allinterno si articola piuttosto come
un cc c. Inoltre il testo costellato di anafore,
domande enfatiche e ripetizioni secondo lo stile patetico
tipico della poesia tarda, che acquistano la loro esatta funzione espressiva in una lettura drammatica ad alta voce.
Io credo che lepigramma di San Polieucto fosse recitato
in occasioni celebrative, per esaltare la gloria e la piet di
Anicia Giuliana. Una recitazione non dissimile nelle modalit (non certo nella lunghezza) da quella dellekphrasis
di Santa Sofia di Paolo Silenziario. In ogni caso, presso
llite colta lepigramma di San Polieucto ha avuto subito
un notevole successo, visto che la sua influenza si coglie in
altri epigrammi ecfrastici come quello per la chiesa dei SS.

128. L. James, And Shall these Mute Stones Speak?, cit. (n. 127),
pp. 188-206.
129. Addirittura nei Patria c.politani i filosofi considerano le
iscrizioni sulle statue come messaggi esoterici che rivelano il
futuro e ne desumevano indicazioni, indipendentemente dal
testo: cfr. G. Dagron, Constantinople imaginaire, Paris, 1980,
pp. 143-156.
130. Il fenomeno, di per s indubitabile e ben presente nel Medioevo, analizzato da A. Petrucci, La concezione cristiana del libro
fra VI e VII secolo, in Studi Medievali, 14, 1973 = Id., Scrivere e
leggere nellItalia medievale, Milano, 2007, pp. 43-63); si veda
anche V. Debiais, Messages de pierre, cit. (n. 9), p. 63: en tant
que figuration du mot, linscription est porteuse dun message
dans le simple fait dexister dans lespace mdival, e p. 212: au
cur de la literacy mdivale, apercevoir une inscription grave
la vote dun btiment cultuel est en soi un acte signifiant. Le
dchiffrement du message par la lecture ne vient que dans un
deuxime temps. Il suppose que le percepteur de linscription soit
en mesure de mettre en place un tel processus et que linscription
offre des caractres externes de lisibilit satisfaisants. un aspetto che per Bisanzio stato sottolineato anche da M. Lauxtermann,
Byzantine Poetry from Pisides to Geometres: Texts and Contexts,
I, Wien, 2003, p. 273; sui livelli di alfabetizzazione a bisanzio
si veda M. E. Mullet, Writing in Early Mediaeval Byzantium, in
R. McKitterick (ed.), The Uses of Literacy in Early Mediaeval
Europe, Cambridge, 1990, pp. 156-185.

179

Sergio e Bacco e la Descriptio di Paolo131: ci che assicura


la diffusione e la risonanza di una copia manoscritta.
Ma certo un testo cos eccezionale (e di cos elevata caratura stilistica) non pu costituire una pietra di paragone
per tutto il resto della produzione epigrafica. Prendo allora
un esempio opposto, sia geograficamente, sia sul piano tipologico. Due epigrammi della met del VI secolo, uno in
esametri (precedeuto da un trimetro) e uno in giambi, che
celebrano la costruzione della casa di una famiglia di un
villaggio a nord-est di Apamea132. Lepigramma esametrico
mostra una gamma di letture sorprendente: oltre alla poesia
omerica evidente che chi lha composto conosceva i poeti
contemporanei, come Nonno e lautore della Metafrasi dei
Salmi tra gli altri. Gli autori sono i componenti stessi della
famiglia, come testimonia un altro epigramma in giambi133. Il
testo, composto in un linguaggio difficile e astruso, esprime
lorgoglio di una formazione culturale che doveva essere
fuori dal comune in un piccolo villaggio del limes siriano. I
nomi dei familiari sono esposti nellepigramma giambico,
non casualmente, visto che questo doveva essere di pi immediato accesso134. Una simile ostentazione di cultura non
dissimile da quella che riscontriamo nelle suntuose dimore
delle ricche famiglie borghesi di provincia con i mosaici a
tema mitologico135.
Una decrittazione attenta richiesta dallepigramma che
magnifica il restauro di un acquedotto a Stratonicea (Caria,
VI d.C.), I. Stratonikeia 1529:
c
c c c
c c
, c c.
cc c c Cc

131. M. Whitby, The St Polyeuktos Epigram (AP 1.10): A Literary Perspective, in S.F. Johnson (ed.), Greek Literature in Late
Antiquity. Dynamism, Didacticism, Classicism, Aldershot, 2006,
pp. 159-187.
132. D. Feissel, Deux pigrammes dApamne et lloge de lendogamie dans une famille syrienne du VIe sicle, in I. Sevcenko-I.
Hutter (edd.), C: Studies in Honour of Cyril Mango,
Stuttgart-Leipzig, 1998, pp. 116-136; cf. G. Agosti, Miscellanea
epigrafica I, cit. (n. 13), p. 19-23; SGO 20/05/06-07.
133. SGO 20/05/07.1-5 c
c. / c c /
c [c] c. / c cc [c]
c / , []c, ,
134. La presenza stessa di due metri differenti di per s significativa e trova altri riscontri: ad es. nelle petizioni versificate di
Dioscoro i carmi esametrici sono rivolti ai duchi, quelli in giambi
ai funzionari minori: J.-L. Fournet, Hellnisme dans lgypte du
VIe sicle. La bibliothque et luvre de Dioscore dAphrodit,
Le Caire, 1999, pp. 285-286.
135. Cfr. le considerazioni svolte da R. Leader-Newby, Personifications and Paideia in Late Antique Mosaics from the Greek East, in
E. Stafford-J. Herrin (edd.), Personifications in the Greek Wolrd:
From Antiquity to Byzantium, Aldershot, 2005, pp. 231-246.

180

GIANFRANCO AGOSTI

c c c.

Non tanto la citazione dalla I Olimpica che colpisce (la


frase era ormai proverbiale), quanto linterpretazione che ne
viene data, con lallusione ai quattro elementi, testimoniata
negli scoli pindarici137: sia lautore che il committente fanno
sfoggio di cultura, e sicuramente llite di Stratonicea avr
apprezzato loriginale modo di utilizzare la frase pindarica (cos come le risonanze cristiane del sintagma
138). Ma altri eventuali lettori? Forse il nome di
Pindaro, ben distinguibile nella tabula ansata che racchiude
lepigramma, sar stato sufficiente a suggerire rispetto e
considerazione per la paideia del c c che
aveva restaurato le condutture.
Gli epigrammi di Costantinopoli, di Anazarbo, di Igaz, di
Stratonicea sono portatori, sia pure con sfumature differenti,
di una highbrow culture (o che pretendeva di essere tale139).
Ma, come detto sopra, gli epigrammi mostrano una ampia
variet di tipi. Spesso una citazione, una parola preziosa
che costituisce il punto chiave del testo (ma quasi sempre
con citazioni riconoscibili, almeno da chi avesse una cultura
media). Una patente detorsio omerica apre lepigramma
per Elia (attacco frequente anche in epigrammi funerari);
altre volte si individuano sporadiche citazioni o echi
dello stile di Nonno140. Ci sono infine epigrammi di stile
incerto, spesso scorretti sul piano prosodico, che mostrano

136. Suonando sulla sua dolce cetra Pindaro disse che della
terra dagli ampi pascoli, dellaria divina, del fuoco infaticabile
migliore solo lacqua dalla bella corrente, che anche i beati
desiderano. Convinto di ci, Apolinario pater di Stratonicea
ricostru una nuova conduttura fornendo lacqua, sommo rimedio
dei mali, alla citt e ai suoi abitanti: ed. pr. M.. Sahin, Recent
Excavations at Stratonikeia and New Inscriptions from Stratonikeia and its Territory, in EA, 41, 2008, pp. 66-67; e ora M..
Sahin, The Inscriptions of Stratonikeia. Part III, Bonn 2010 (IK
68), pp. 65-66.
137. G. Staab, Zu zwei neuen Epigrammen aus Stratonikeia in
Karien, in ZPE, 170, 2009, pp. 35-42; C.P. Jones, New Late antique Epigrams from Stratonicea in Caria, in EA, 42, 2009, pp.
145-151; cfr. Schol. ad Ol. 11b, o. 17 Drachmann.
138. G. Staab, Zu zwei neuen Epigrammen, cit. (n. 136), p. 42.
139. Per la diffusione della cultura latina, mediata attraverso
lepigrafia metrica, nelle province occidentali vd. P. Cugusi,
Carmina Latina Epigraphica e novellismo. Cultura di centro
e cultura di provincia: contenuti e metodologia di ricerca, in
Materiali&Discussioni, 53, 2004, pp. 125-172.
140. Che ho studiato in G. Agosti, Miscellanea epigrafica I, e Note
a epigrafi tardoantiche, cit. (n. 13). Questi testi erano evidentemente opera di poeti che avevano avuto in qualche modo contatto
con la letteratura contemporanea: difficile dire se i committenti
avessero richiesto simili citazioni o se esse fossero riconoscibili
come quelle omeriche. Certo che la poesia di Nonno ebbe una
diffusione anche a livello scolastico come mostrano i carmi di
Dioscoro di Afrodito o lepigramma di Igaz.

AnTard, 18, 2010

inserzioni di tesserae preziose; addirittura epigrafi in prosa


che rivelano inserzioni poetiche (singoli termini o movenze
esametriche)141. Il prestigio della poesia e la sua marcata funzione sociale si riflette nelle pratiche dellepigrafia tardoantica con sfaccettature diverse, ma il comune denominatore
limportanza della paideia classica che, sia negli epigrammi
di elevata fattura, sia nelle singole citazioni, sia persino nelle
iscrizioni scorrette, assume la funzione di innalzare il tono
della scrittura esposta142. Il frequente impianto dialogico e le
interazioni col lettore inducono a pensare che, almeno nelle
intenzioni dei committenti, gli epigrammi non solo dovessero essere recitati (come suggerisce anche il pi generale
contesto di performance orale della societ tardoantica), ma
che fosse recepita anche la trasmissione del loro contenuto
(o quantomeno il prestigio rappresentato dalliscrizione in
versi). I livelli di comprensione dei carmi dovevano essere
variabili e talora assai differenti (dipendendo anche dal
grado di alfabetizzazione delle singole zone durante singoli
momenti), ci che rende ogni generalizzazione rischiosa.
Tuttavia la diffusione dellepigrafia celebrativa in versi
contribuiva a diffondere se non la conoscenza, almeno il
senso della poesia, venendo di fatto ad essere uno dei modi
con cui viene preservata e trasmessa lidentit culturale nella
tarda antichit.

141. Un bellesempio in SGO 22/14/03 (Zorava/Azra, Arabia;


515/6; iscrizione che celebra la trasformazione di un tempio pagano): a una parte in versi accentuativi (= Maas, Fruhbyz. Kirchenp.
11 n2) segue la parte in prosa aperta per da un esametro col
nome del dedicatario ( c c c
c , c c, .).
142. Luso della citazione palese corrisponde a quanto accade nella
produzione letteraria, basata su unestetica della parola preziosa,
del dettaglio e del recupero della tradizione per trasformarla
in qualcosa di completamente nuovo, che appare anche nella
tecnica di decorazione monumentale col riuso degli spolia: cfr.
G. Agosti, Immagini e poesia nella tarda antichit, cit. (n. 118),
pp. 365-366.

AnTard, 18, 2010, p. 181-190

Conclusion

LE LIVRE COMME OBJET DUSAGE,


LE LIVRE COMME Valeur SYMBOLIQUE
J.-M. Carri

The book as article for use, and as symbolic stock


Rather than trying to draw artificially unifying conclusions from such a mutif-faceted conference,
it has been choosed to come back to the personal experience of some privileged witnesses, mainly
Libanios, but also the Gallic arstocrats of the fifth century and, as an earlier couterpoint, Galienus.
Through their different ways of leading a life with books, it has been tempted to consider from their
rational or affective view-point and handling such problems as obtaining books, paying for books,
sharing books, living among books or doing without books. The guiding hypothesis was that in the late
classic world book was a costly non necessary item with a high subjective and symbolic value, which
explains how it economically behaved differently from other artifacts or valuables. [Author]

1. Libanios

ou le livre vcu

Les textes de Libanios, mais tout particulirement son


Autobiographie (Discours, 1) fournissent sur le rapport au
livre une information particulirement vivante et directe
dont les commentaires existants me paraissent loin davoir
puis lexceptionnelle richesse1.
lire Libanios, on pourrait penser quil est en permanence plong dans les livres et quil est fascin par la
possession de livres en mme temps que par la rdaction
de ses propres uvres : cest en tout cas limpression quil
cherche dlibrment nous donner. Ainsi, les pripties
les plus tragiques de son existence le surprennent au milieu
des livres :
Abrviations: Bagnall, Early Christian Books =R.S. Bagnall,
Early Christian Books in Egypt, Princeton Oxford, 2009.
Gamble, Books and Readers = H.Y. Gamble, Books and
Readers in the Early Church. A History of Early Christian Texts,
New Haven London, 1995. Trad. ital. Libri e lettori nella chiesa
antica, Brescia 2006. Santella, Storie di libri =St. Santella, Storie di libri nella Gallia del V secolo: testimonianze a confronto,
in Romanobarbarica, 18, 2003-2005, p.1-29.
1. Caltabiano (M.), Storie di uomini, lettere e libri nella corrispondenza di S. Agostino, in F.E. Consolino (ed.), Ladorabile
vescovo dIppona, Atti del Convegno di Paola (24-25 maggio
2000), Soveria Mannelli, 2001, p.73-96.

Et un soir, comme jtais au milieu de mes livres,


un vieux mdecin, assis auprs de moi, je demandai,
connaissant la rponse, si mon frre tait devenu aveugle.
Je perdis conscience, ne sachant plus rien de ce que je
savais jusquici, ni o jtais, ni ce que javais dit, ni ce
quil fallait faire ou ne pas faire. Le vieillard tenta de me
faire revenir moi et mon tat normal et minvita me
remettre au discours que jtais en train de composer. Je
repris ma tablette et voulus crire, mais javais perdu le
fil de mon sujet, sans pouvoir retrouver, en lisant ce que
javais crit, ce que mon discours pouvait ben vouloir
dire. [...]2.
Du reste, il ne peut rien lui arriver de pire que de perdre le
got des livres, ce qui est leffet le plus pernicieux de sa
maladie dpressive:
Leffet ne tarda pas se faire sentir, avec ces angoisses
dont jai parl, et un seul dsir, celui de mourir. Jen
parlais chacun de mes visiteurs et dans mes prires
2. Or.I (Autobiographie), 202-204. En 202, plutt que connaissant la rponse, il faut comprendre bien que je connusse parfaitement la rponse: Perdant la mmoire, Libanios demande au
mdecin, comme sil ne le savait pas, si son frre a ou non perdu
la vue, alors que la ccit de son frre est un des vnements les
plus tragiques quil ait eu vivre.

182

jean-michel carri

aux dieux. Je dtestais celui qui me parlait de manger, je


me dtournai des livres qui ont recueilli les travaux des
anciens, je cessai dcrire et de composer mes discours, je
cessai de parler et pourtant les lves me le demandaient
grands cris3.
Le Pre Festugire la mme prsent comme un bibliophile. Naturellement, il fondait cette caractrisation sur un
passage fameux de lAutobiographie, celui du Thucydide
vol4. Peut-tre convient-il de voir le texte de plus prs:
Javais lhistoire (sungraph) de Thucydide, crite
en caractres fins et plaisants, et le volume entier (to
d sunpan) tait si lger que je le portais moi-mme,
lesclave me suivant, et ce fardeau avait son charme5.
Jy lisais le rcit de la guerre entre les Ploponnsiens
et les Athniens, en ressentant ce que dautres que moi
ont sans doute ressenti: un autre exemplaire (ex heteras
biblou) ne maurait pas procur le mme plaisir. force
de tant vanter mon bien beaucoup de gens [...] je finis
par attirer les voleurs. Jen surpris quelques-uns, mais le
dernier consomma le sinistre en ne se faisant pas prendre,
et l sarrta ma recherche, mais non mon chagrin. Et
lenrichissement que Thucydide aurait d me procurer
samenuisa du fait que je le lisais sans agrment, en
dautres caractres. [...]. Je ne cessais den parler avec
douleur dans mes lettres mes amis, dcrivant la taille
de louvrage, son aspect intrieur et extrieur, demandant :
O est-il donc maintenant et entre quelles mains?.
La diffusion de ce signalement nest pas vaine, puisque
le livre a t achet par un de ses lves qui vent en faire
lecture auprs de son didaskalos, lequel le reconnat
immdiatement et fait authentifier sa dcouverte par
Libanios. Et celui-ci de conclure : Que lon rie, si
lon veut, de me voir faire tant dhistoire dune petite
chose. Mais il ny a que linculte (apaideuts)6 pour en
rire, et il ny a rien redouter, nest-ce pas?, du rire de
linculte.
La mtaphore file durant lessentiel de ce rcit est celui
de lesclave vol, relaye sur la fin par celle du retour du
fils prodigue. Comme un matre rendu fou par la beaut de
son esclave de quelque sexe quil soit dont il ne cesse de
3. Or.I (Autobiographie), 246:
,
.
4. Or. 1 (Autobiographie), 148-150. Cf. A.J. Festugire, Antioche
paenne et chrtienne. Libanius, Chrysostome et les moines de
Syrie, Paris, 1959, p.216, n.2.
5. Une comparaison inattendue se propose avec la typologie des
copies dcritures saintes commandes par Constantin au scriptorium de Csare, qui devront tre crites sur du beau parchemin
par des copistes confirms dans lart de lcriture belle et exacte
et, par ailleurs, trs lisibles et aisment transportables: Eusbe,
De vita Const. 4, 36. (Sur ce texte, voir assi infra, n.34.
6. Plutt que lignorant, comme traduit par Paul Petit.

AnTard, 18, 2010

vanter les qualits, il sexpose par son imprudence se faire


voler lobjet de sa passion:thme classique de la comdie
et de la littrature satirique. Inutile de rechercher par ses
propres moyens lesclave vol (mme chose sil tait fugitif).
Les mthodes employes pour se donner une chance de le
retrouver passent par linformation la plus ample donne
par le matre son rseau de connaissances, avec diffusion
du signalement7.
Libanios exprime avec une sensualit quasi rotique
jusquau plaisir de porter lui-mme lobjet de son dsir le
plaisir du bibliophile pour qui la qualit dune dition ici,
le dessin des lettres et la lgret du volume, anctre du livre
de poche, mais dun livre de poche de luxe rejoint lordre
du fantasme. Bravant le risque de passer pour ridicule aux
yeux dun botien, il ne doute pas que toute personne ayant
prouv le mme plaisir saura parfaitement le comprendre.
Or, ce livre est prsent par le sophiste comme la pice rare
de sa bibliothque, o il fait manifestement figure dexception. Il ne nous dit pas par quelle voie ce livre si prcieux est
parvenu en sa possession. Il nest toutefois pas exclu quil
lait achet, ce qui ferait comprendre sa rflexion : Que
lon rie, si lon veut, de me voir faire tant dhistoire dune
petite chose, phrase par laquelle, prcisment, il semble
sexcuser de commettre une infraction son thos habituel
qui exige quon accorde aux biens matriels leur juste prix,
sans plus8. Et telle tait donc, ordinairement, sa faon de se
comporter: ne pas cder aux tentations dune mentalit de
consommation ostentatoire de mauvais got, propre aux
parvenus, aussi rigoureusement condamne par la morale
aristocratique suivie sur ce point par la morale chrtienne
quon pense aux lois somptuaires et aux sermons des vques quimpudemment tale par les riches, nouveaux et
anciens confondus, cette poque de concentration accrue
de la fortune aux mains dune minorit.
La question des livres que Libanios avait sa disposition
a t pose successivement par le Pre Festugire et par
Franck Norman9, cependant que Paul Petit stait intress
la publication des propres uvres de Libanios10. Lintertexte
le plus prsent dans sa propre uvre est Dmosthne, suivi
de Platon: non pas Platon philosophe, mais Platon crivain,
7. En dernier lieu, sur les avis de recherche desclaves, voir Yann
Rivire, Le cachot et les fers. Dtention et coercition Rome,
Paris, 2004, p.295-317.
8. Autre manifestation de cet thos en 62, o Libanios commente le
vol commissionn de 1500 solidi (soit 22 livres dor, un somme
considrable) commis ses dpens par son propre esclave: Mais
assez sur cette perte financire, cest une chose que doit mpriser
un homme bien n ( ).
9. F. Norman, The Library of Libanius, in RhM, 107, 1964,
p.158-175, rapidement synthtis par A.J.Festugire, Antioche
paenne et chrtienne, cit. (n. 4), p.216-217 et n. 2, compltes
par lAddendum p. 509 sur les lectures prconises par Dion
Chrysostome.
10. Recherches sur la publication et la diffusion des discours de
Libanius, in Historia, 5-4, 1956, p.479-509.

AnTard, 18, 2010 le livre comme objet dusage, le livre comme valeur symbolique

si tant est quon puisse dissocier les deux11. On est frapp


par le caractre allusif de ses renvois aux crivains passs et
par labsence de citations directes. Cela peut tre en grande
partie explicable par les conventions de la rhtorique de
son poque, sous influence de la deuxime sophistique12.
Mais on a souvent limpression que sa familiarit avec de
nombreux auteurs ne passe pas par les uvres originales,
mais par une littrature de deuxime main, anthologique,
encyclopdique, voire populaire, du type collections de
proverbes, de sentences, de lgendes et de mythes, excerpta,
lexiques, florilges, littrature gnomique et parmiologique
(parmigraphoi) dont le succs ditorial nous est bien
attest par ailleurs13.
De ltude de Norman, il ressort que Libanios ne devait
pas possder une bibliothque considrable. Ainsi cet auteur
concluait-il propos de la Nouvelle Comdie: It may be
seriously doubted whether he had any complete text directly
available. Et encore : the argument that Libanius did not
use the text of Menander can be maintained with consistency
and plausibility14. Pourtant, la Nouvelle Comdie constitue
pour lui une importante source lexicale et grammaticale.
Quant sa familiarit avec lAncienne Comdie, limite
Aristophane, elle se concentre sur Les Acharniens, dont nous
savons que ctait un des textes classiques quil avait tudis
lcole du grammatistes. Libanios pouvait donc fort bien,
pour une large part, puiser la culture littraire quil exhibait
dans sa propre uvre trois sources diffrents : tout dabord,
ses souvenirs scolaires lointains mais prcis, rsultats dun
systme denseignement et dun mode de lecture sollicitant
fortement la mmoire15 ; ensuite, sur la littrature relais
dont nous connaissons bien la place importante, essentielle,
11. Norman, The Library, cit. (n. 9), veut dire que Libanios ne
sintressait pas la pense philosophique de Platon, mais
sa crativit littraire, ce qui peut, dans une certaine mesure,
correspondre une slection de certaines uvres en particulier,
plus accessibles Libanios et plus proches de ses proccupations
quotidiennes.
12. Norman, ibid., p.160. Sur les modalits spcifiques de la citation dans la civilisation classique, voir La citation dans lAntiquit :
Actes du colloque du PARSA, Lyon, ENS LSH, 6-8 novembre
2002, sous la dir. de Catherine Darbo-Peschanski (Coll.Horos),
Grenoble, 2005.
13. O.Pecere O.Stramaglia, ed., La letteratura di consumo nel
mondo greco-latino, Atti del convegno internazionale, Cassino,
14-17 settembre 1994, Cassino: Universit degli studi di Cassino,
1996; C.Salles, Lire Rome, p.237-239 et passim. On consultera
avec profit M.van Rossum-Steenbeeck, Greek Readers Digest?
Studies on a Selection of Subliterary Papyri, Leyde, 1998.
14. Citations, respectivement, aux p.166 et 167.
15. Or. 1, 8: japprenais par cur les uvres des anciens, mattachant un matre dune extraordinaire mmoire et capable
de familiariser ses lves avec leurs beauts . Sur le rle de
la mmoire dans la lecture et tout particulirement la relecture
visnt, entre autre, la mmorisation, cf. Em. Valette-Cagnac, La
lecture Rome, p.39 etc.

183

quelle occupait dans le march ditorial de lpoque16 ;


enfin, sur les auteurs classiques quil travaillait en cours avec
ses tudiants: essentiellement les orateurs attiques dans leur
texte et dans les commentaires. Plus gnralement, Norman
soutient que Libanios pratiquait dans ses lectures et dans ses
citations une slectivit dj byzantine: ce quil illustre,
tout particulirement, dans le cas des Tragiques. Dramatic
fragments cited by him may be classed, almost entirely, in
two categories: (i)quotations found in authors basic to his
course, or in commentaries upon them;(ii)quotations from
the normal collections of saws and maxims, cest--dire
la littrature gnomique. Norman attribue ltroitesse du
rpertoire littraire retenu par Libanios aux choix restrictifs
du programme de lenseignement rhtorique. Son jugement
final est svre: [...] if the cultural standard of his school
and the town be measured by the extent of his awareness of
Hellenic litterature, it seems to have been surprisingly low.
It was indeed far lower than that of contemporary Egypt.
There is nothing in Antioch to compare with the Alexandrian
revival of philosophy, and Libanius provides little of the
interest in drama which papyri reveal in certain sections
of the 4th century Egyptian society. In addition, account of
his complete lack of interest in the Hellenistic and Roman
background, for in this he was as provincial as his syriac
speaking fellows.
Jajouterai un argument allant dans le sens de Norman.
Divers passages de lAutobiographie me portent croire
que Libanios manque de moyens ou gestion stricte de
ses ressources ? ne disposait pas dune riche bibliothque
personnelle. Certes, cela se comprend aisment lorsquil
tait encore simple tudiant Athnes: Et voici quarrive
cet homme dHracle dont jai parl, convoyant sur un
chariot des monceaux de livres et mapportant une richesse
qui rpondait mes dsirs. Sil mavait donn des terres,
des navires et des immeubles, je crois que je laurais remerci en le priant de les garder17. Semblable profusion
dpasse manifestement lentendement de Libanios parce
quelle dpasse les capacits dachat libraire du milieu socioculturel pourtant privilgi auquel Libanios appartient.
Plus dcisif en ce sens est un pisode survenu sept ans plus
tard, Constantinople en 350, quand Aristnte sengage
lui donner de beaux livres bien crits, ornements de sa
bibliothque de famille. Au soir de sa vie, quarante ans plus
tard, la dception procure Libanios par cette promesse non
tenue rsonne encore de toute son amertume, motive par le
fait que seul un don aurait pu faire entrer un tel trsor dans
sa maison18. Mais on ne peut exclure, de la part de Libanios,

16. M. Formisano, Le letterature tecnico-scientifiche nello spazio


letterario tardolatino, Rome, 2001.
17. Libanios, Or.I (Autobiographie), 54. Cet hraclote est Crispinos, son ancien condisciple : cf. ibid.,27-28.
18. Voir de mme lEp. 580.

184

AnTard, 18, 2010

jean-michel carri

quil se comporte ainsi moins par ltat de ses ressources19


que par le choix thique de ne pas dpenser inconsidrment
pour des biens jugs superflus, quelle que soit lminence
de leur valeur immatrielle.
Nous pouvons du reste nous demander si les crivains
taient ceux qui avaient le plus besoin de recourir une
bibliothque, personnelle ou prive. Sil ne fait aucun doute
que pour eux lintertexte prexiste leur propre texte, on a
limpression que la culture littraire quils portent dans leur
mmoire suffit amplement leurs besoins, et quune bonne
part de cette culture ne passe pas par les uvres originales.
Ainsi, Laurent Angliviel de la Beaumelle stonne de ce que
le fragment du De Republica de Cicron cit en 30, 4, 9 ne
nous soit connu que par Ammien, sans que cela constitue
aucunement une exception puisque la majorit des citations prtendues littrales de Cicron ne se retrouvent pas
dans ses uvre conserves, ce qui est troublant, voire
suspect20. Plutt que la premire hypothse avance (Figuraient-elles dans des uvres perdues?), lalternative
propose par Laurent Angliviel de la Beaumelle parat plus
probable : Ammien les a-t-il puises dans un recueil tardif
qui utilisait trop systmatiquement le patronage prestigieux
de lArpinate. On peut en effet supposer que le secteur
ditorial des compendia de citations anthologiques tait
aux mains de libraires peu scrupuleux noffrant pas plus
de garanties que bien des notices pseudo-savantes consultables sur notre moderne Internet. Le fait que la formation
littraire maternelle dAmmien soit grecque plutt que
latine pourrait-elle expliquer labsence de vrification de
ces citations mmorises dautant plus soigneusement que
le contact avec les uvres originales y tait daccs moins
facile quen Occident21, sans compter que les programmes
denseignement y taient exclusivement tourns vers les u19. La famille de Libanios avait subi la confiscation de son patrimoine, Or.I (Autobiographie), 3 : Notre maison fut ainsi
dpouille dune grande fortune.[..]; 125 : je ne voulus rien
recouvrer des biens, et ils taient considrables, de mon grandpre, qui taient devenus domaines impriaux. len croire,
Libanios avait repouss la proposition de Julien de lui restituer
ce patrimoine. Mais faut-il croire cette dclaration qui veut
surtout prouver quil navait pas tir avantage de la faveur o
lavait tenu lApostat ? Les revenus tirs de son enseignement
ntaient pas non plus ngligeables et en tout cas sa fortune tait
juge suffisante pour que la boul dAntioche revendique son fils
comme bouleute au moment o la loi a accord le droit dhriter
aux enfants ns dune mre esclave.(Or.1, 257, cf. 195). Voir
aussi le commentaire de Paul Petit ad Or.1, p.220, chap.58,
ainsi que p.214 ad chap.27, qui montre combien Libanios cultive
limprcision concernant la fortune de sa mre). Ajoutons que
Libanios apparat clairement comme propritaire foncier dans
lOr. xlvii (Sur les Patronages).
20. Ammien Marcellin, Histoires Livres xxix-xxxi, CUF, p.220,
note complmentaire256.
21. Ce qui nest pas sous-estimer le nombre de textes latins retrouvs en gypte pour la ptriode qui nous intresse, y compris dans
la bibliothque de Nag Hammadi.

vres crites en grec ? Sans vouloir prsenter Ammien, Grec


dOrient crivant en latin, comme une sorte dautodidacte
en matire de littrature latinophone22 son uvre tmoigne
abondamment de son rapport direct aux classiques latins
(Virgile et Lucain, pour ne citer queux) demandons-nous
si luvre immense dun Cicron ne lui tait pas connue
essentiellement travers des anthologies adaptes lusage
des orientaux hellnophones tendant leur curiosit jusqu
la production littraire de leurs domini, tout particulirement
en ce ive sicle qui a vu culminer leffort imprial pour diffuser dans la pars Orientis lusage du latin comme langue
officielle, juridique et de gouvernement. Inversement, on
devrait sattendre ce que ce type de fausse citation ait t
moins courant en Orient pour les textes grecs, du moins
pour les textes de base mmoriss par cur et mme pour
les citations dauteurs non enseigns mais prsents dans
des florilges et dont, de toute faon, les uvres taient
consultables dans les bibliothques publiques. Cependant,
le souci daller vrifier ses citations en bibliothque ne parat pas avoir t une proccupation de lcrivain antique,
qui cite ce quil a retenu ou cru retenir de mmoire, en
rapport troit avec ce que ses tudes lui ont donn loccasion
de rencontrer, que ce soit sous forme de textes originaux
ou de recueils de dits clbres. De ce point de vue encore,
la christianisation de la culture peut avoir introduit un
changement, en multipliant le recours la citation de textes
scripturaires quil aurait t sacrilge de citer incorrectement
ou approximativement. cet gard, un prcdent existait:
dans le domaine du droit, o lautorit du texte invoqu
dpendait non seulement de sa pertinence, mais encore de
son exactitude23: raison pour laquelle tout avocat ou juriste
organis ne manquait pas de se constituer des recueils de
textes juridiques soigneusement recopis24.
2. Les

procdures ditoriales

Ds les annes 1950, puis Henri-Irne Marrou et le Pre


Evaristo Arns ont fix la doctrine invariablement rpte
depuis, sur les modalits les plus courantes de publication
22. Cf. J.Matthews, The Roman Empire of Ammianus, London,
1989.
23. Sans oublier, toutefois, la difficult quavait le juge de vrifier
lauthenticit des textes invoqus, en particulier dans le cas des
rescrits: un inconvnient bien connu du lgislateur imprial, qui
a cherch dans la codification une parade ces abus.
24. Telle est linterprtation traditionnellement donne par les
historiens du droit certaine des recueils textuels mineurs
qui nous sont parvenus: ainsi, la Mosaicarum et Romanarum
legum collatio, que Stphane Ratti a rcemment propos dattribuer Jrme effectuant une recherche de textes ncessite
par la rdaction dun ouvrage comparatif sur les usages juifs et
chrtiens: St. Ratti, Antiquus error . Les ultimes feux de la
rsistance paenne, Scripta varia augments de cinq tudes indites, Turnhout, 2010, p.149-154: Saint Jrme est-il lauteur
de la Mosaicarum et Romanarum legum collatio?

AnTard, 18, 2010 le livre comme objet dusage, le livre comme valeur symbolique

des ouvrages, cest dire la diffusion prive plutt que par


lentremise des libraires (librarii ou bibliopolae)25. Lusage
le plus diffus reste que lauteur dpose auprs dun personnage important dont la position dpasse de beaucoup celle
dun ddicataire un exemplaire de rfrence (exemplar), un
master en quelque sorte, partir duquel seront effectues
les copies demandes en nombre dautant plus grand que le
prestige du dpositaire et son rseau de relations sociales
sont importants. Cest en ce don que consiste lekdsis
(editio) dun nouvel crit, sans aucun rapport avec ce que
nous dsignons sous le mme vocable26.
Tout en notant que cette situation na pas t fondamentalement modifie par la christianisation du monde
antique, Harry Gamble la rsume de la faon suivante: En
principe, luvre devenait proprit publique: des copies
taient dissmines sans rgle prcise travers un rseau
informel compos de personnes qui taient connaissance
de louvrage, taient suffisamment intresses pour sen
faire faire une copie, et connaissaient quelquun qui possdait le texte et permettrait de le copier. Cest ainsi quun
texte accdait graduellement sa circulation largie, dune
faon fortuite pour lessentiel, selon un modle de tangentes
rayonnant partir des points, de plus en plus nombreux, o
le texte tait disponible pour tre copi27.
Comme observe Stphane Ratti, les uvres chappaient
leurs auteurs qui ne matrisaient rellement, ds lors quun
exemplaire avait quitt leurs mains, ni leur diffusion, ni le
nombre dexemplaires ni daucune manire le calendrier de
lopration28. A fortiori ne dcidaient-ils jamais eux-mmes ni des corrections ni des rditions. Tout au moins les
crivains pouvaient-ils dcider de mettre un terme cette
circulation sauvage de textes o ils ne se reconnaissaient
pas, parfois diffuss avant mme lachvement de luvre,
en lui opposant une version autorise injecte sur le
march dune faon aussi massive que le permettaient les
moyens dont disposait le mcne diteur. Tel est le cas
dAugustin pour ses Retractationes.
Du piratage de copie au plagiat, le passage tait ais. En
tmoigne une msaventure relate par Libanios29. Stratgios,
prfet du prtoire dOrient, lui a demand de composer pour
25. H.-I. Marrou, La technique de ldition lpoque patristique,
in Vigiliae christianae, 1949, 3, rd. dans Patristique et Humanisme, Paris, 1976, p. 239-252 ; Evaristo Arns, La technique
du livre daprs s. Jrme, Paris, 1953. Augustin est un cas
particulirement document et instructif : voir plus rcemment E.
Dekkers, Saint Augustin diteur, in AA.VV., Troisime Centenaire de ldition Mauriste de Saint Augustin, communications
prsentes au Colloque des 19 et 20 avril 1990, Paris, 1990, p.
237, et M.Caltabiano, Agostino e i suoi libri: dalla composizione
alla diffusione, in Augustinianum, 45, 2005, p. 519- 537.
26. Santelia, Storie di libri, p. 10-11, donne des exemples prcis
pour la Gaule des ive-vesicles.
27. Gamble, Books and readers, p.85.
28. Antiquus error , cit. (n.24), p.76.
29. Or.I (Autobiographie), 113.

185

lui un discours dloge quil accepte de venir couter, trois


sances de suite, au bouleutrion dAntioche. Dsireux
de voir le discours parvenir aux plus grandes villes et, par
l en effet les toucher toutes, il mit ce travail dix copistes.
prix dor, le sophiste gagna lun des copistes et, ruinant
grce lui le proverbe, il mit tout en commun entre ennemis.
Aprs avoir modifi la disposition relative de nombre de
mes phrases et insr de menues interpolations (
,
), il invite le prfet qui avait t relev de sa
charge venir au mme endroit dans lespoir den retirer
le mme honneur. La chose parut contre nature, de voir la
tortue aller la vitesse du cheval, quelquun dnonce lachat
du discours, celui qui avait touch lor avoue la vue des
fouets et implore son pardon: il avait succomb devant limportance de la somme. Ce type de corruption dun copiste
pour se procurer un indit et prendre de vitesse la diffusion
contrle par lauteur tait si rpandue quelle alimentait un
rpertoire de plaisanteries topiques.
Tych la desse de la Fortune fait valoir sa gnrosit
lgard de Libanios manifeste par son succs comme sophiste: ainsi, le fait que tu as compos nombre de discours
et que tes compositions ont t juges excellentes, au point
que de ton vivant ce qui ncessairement suscite la jalousie
, la foule des amateurs reproche tes copistes, pourtant
nombreux, linsuffisance de leurs effectif. Aussi voit-on dans
toutes les salles de cours tes uvres entre les mains aussi
bien des enseigns que des enseignants30.. Contrairement
ce que pourrait faire penser la traduction, il ne sagit pas
de copistes employs par Libanios lui-mme, mais des
copistes employs te traduire (
, sans possessif). Nous savons par ailleurs
que dans le meilleur des cas Libanios navait son service,
tout au plus, que quatre copistes (bibliographoi), dont le plus
ancien, un Crtois, excellent homme qui laccompagnait
dj aux temps du sjour athnien, dut subir Antioche les
pires tortures du tribunal qui cherchait lui faire dire que son
matre pratiquait la magie selon laccus